Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Il dialetto vastese - Indicazioni generali
Pronuncia - come leggere lu Uaštaréule
Duro, aspro, ricco, almeno originariamente, di dittonghi, il Vastese occupa un posto particolare nella classificazione dei dialetti abruzzesi, risentendo chiaramente dell'influsso delle parlature delle popolazioni confinanti, in primis quelli molisani e pugliesi.
La difficoltà maggiore nella scrittura del dialetto vastese consiste nel definire il suono delle vocali, suono che spesso non ha riscontro nella lingua italiana.
Esso è mutevole spesso anche da zona a zona della stessa città (inflessioni diverse: in Città, nelle Zone agricole, alla Marina).
Qualche consiglio veloce e pratico su come leggere il dialetto vastese:
La à con accento grave si pronuncia aperta: la tràmbe, la tromba.
.... â con accento circonflesso si pronuncia chiusa: trâmbe, persona instabile/non tanto a posto
.... ä con la dieresi si pronuncia molto aperta tendente alla e: lu puäne, il pane.

La e si legge soltanto se ha un accento, altrimenti è atona o si pronuncia tra la "e" e la "i" e si fa
...........appena appena sentire, sia in finale di parola che dentro la parola: vàttene, vai via;
štattene,
...........stai lì; štalle, stella;.mèdeche, medico.
.... é con l'accento acuto prende il suono di una "e" stretta e si legge come l'italiano tre od il
...........francese été:.arivé, torna; méne,.mani; scupunére, suonatori di flauto.
..... è con l'accento grave prende il suono di una "e" larga: aècche, qui o qua; pèchere
,.pecora;
...........trènde, trenta (numero).
.....ë con la dieresi prende il suono di una "e" molto aperta: la vëgne, la vigna; la fëchere, il fico;
...........la..fëjje,.la.figlia; vënde, venti (numero).
...  ê con accento circonflesso prende il suono
di una "e" molto chiusa: lu luêbbre, la lepre;
...........la lêbbre, la lebbra.(malattia); cênde, cento (numero).
La î con l'accento circonflesso ha un suono a metà tra la i e la u: caminatîure, andatura; bîusce,
...........buco; baffîute, baffuto.
La o come in italiano.
La u normalmente al plurale assume il suono come la î: sing. assùtte, pl. assîtte, asciutti; sing. lu
... ........prisùtte
, pl. li prisîtte, i prosciutti.


La g viene normalmente pronunciata come fosse aspirata, sostituita dalla h: huardijàne,
...guardiano; Hujjièrme, Guglielmo; la hàtte, il gatto; nuhòzie, negozio; pahà', pagare.
La
š, con l'accento circonflesso rovesciato, si pronunzia con il suono sibilante sc, come il ch del
...francese: lu Ua
šte, Vasto; quašte, questo; Crëšte, Cristo; šcuppuä, scoppiare.
La
ž, con l'accento circonflesso rovesciato, si pronunzia con il suono dolce: cažžaune,
...calzone/pantalone; 'nga
žžäte, incalzato.



verbi
Nel vernacolo vastese ci sono quattro verbi che si comportano da veri e propri ausiliari:
avá=avere; èsse=essere; štá=stare; tiná=tenere
infinito pres.: avá=avere - participio passato: avîute=avuto - gerundio pres.: avènne=avendo
pron. pers. sog. indicativo presente indicativo imperfetto congiuntivo imperfetto
Jë  àjje aváive  (avé) avásse
haé o é avëive  (avi) avësse
Cullí (Hasse) haá, á (té) aváive  (avé) avásse
aváime (avéme) avaváme avassáme
aváite (avéte) avaváte avássate
Chelle (Hässe) ànne avávene   avássere
 
infinito pres.: èsse=essere - participio passato: štàte=stato - gerundio pres.: sènde=essendo
  ére fîsse
si hire fîsse
Cullí (Hasse) é ére fîsse
sáime (séme) eravàme fîsseme
sáite (séte) eraváte fussáte
Chelle (Hässe) sònne érene fîssere
 
infinito pres.: š=stare - participio passato: štàte=stato - gerundio pres.: štànne=stando
  štínghe štáive  táve  štásse  o štattásse
šti  štëive  o štattëivetive)   štësse  o štattësse
Cullí (Hasse) šta štáive  o štattáivetáve)   štásse  o štattásse
štáime o štattáime téme)  štaváme o štattaváme štassáme  o štattassáme
štáite o štattáite  štaváte o štattaváte  štassáte  o štattassáte
Chelle (Hässe) štànne štávene o štattávene    štassere  o štattássere
 
infinito pr.: tiná=tenere - participio passato: tinîute=tenuto - gerundio pr.: tinènne=tenendo
  tinghe tináive tinásse
ti tinëive tinësse
Cullí (Hasse) tináive tinásse
tináime tinaváme tinassáme
tináite tinaváte tinassáte
Chelle (Hässe) tènne tinávene tinássere
 
Desinenze del gerundio dei verbi: in generale: ànne ed ènne.
Desinenze del participio passato dei verbi: in generale: áte ed éte. Ci sono molte varianti:
accëite (uccidere), .accëise (ucciso);
accòjjë (accogliere), accòdde (accolto);
àgnë (ungere), ànde (unto);
càrrë .(correre), currîute (corso);
chéucë (cuocere), còtte (cotto);
còjjë
(cogliere), còdde (colto);
di
štríjje (distruggere), distrìtte (distrutto);
fréjjë (friggere), frétte (fritto);
'mbié (riempire), 'mbiéte (riempito);
'mbànnë (bagnare), 'mbísse...(bagnato);
màttë
(mettere), màsse (messo);
nànghë (nevicare), ninghîute (nevicato);
'ndènnë (intendere), 'ndàise (inteso);
piàgnë (piangere), piànte (pianto);
rènnë (rendere), rinnîute (reso);
redë (ridere), rése .(riso);
sbáttë (sbattere), sbattîute (sbattuto);
sciòjjë (sciogliere), sciòdde .(sciolto);
scrèvë .(scrivere), scrétte (scritto);
sgummuévë
(muovere), sgummósse (mosso);
spànnë .(spandere), .späse (spaso);
stràgnë (stringere), strátte (stretto);
stríjjë (struggere), strítte .(strutto);
tòjjë (togliere), tòdde .(tolto);
uffènnë (offendere), uffáuse (offeso);
vànnë
(vendere), .vinnîute (venduto).
Passato prossimo, nel parlato, assai frequente, sostituisce il passato remoto:
àjje còdde (colsi); àjje magnáte
(mangiai), e così via.
Futuro semplice, spesso usato il presente rafforzato da avverbi di tempo:
dumàne vìnghe (verrò)
Condizionale e congiuntivo, poco sentiti e usati. L'Imperativo, più avvertito: Jème! (Andiamo!); Strùzzete! (Strozzati!)
Tempi composti. Molto spesso e soprattutto nei verbi di movimento, si usa avere al posto di essere: àjje štáte (sono stato); àjje îute anche so' îute (sono andato); si capáte (hai scelto); ànne îute (sono andati); séme véšte o vidîute (abbiamo visto); ecc.
Sul parlato dipende da circostanze spesso personali o abituali.

Abbreviazioni
agg.
aggettivo
n.p.p.
nome proprio persona
ant.
antico
pl.
plurale
art.
articolo
p.p.
participio passato
avv.
avverbio
prep.
preposizione
cong.
congiunzione
pron.
pronome
fig.
figurato
pron.pers.sog.
pronome personale soggetto
ge.
gerundio
s.
sostantivo
imp.
imperativo
s.m.
sostantivo maschile
inf.
infinito
s.f.
sostantivo femminile
loc.
locuzione
s.m. e f.
sostantivo maschile e femminile
loc. avv.
locuzione avverbiale
s. sing., pl.
sostantivo singolare, plurale
mod.
moderno
v.
verbi

Bibliografia

Lessico del Dialetto Vastese di Tito Spinelli - Edizioni Cannarsa - Vasto - 2008

Lunarie de lu Uašte
ovvero l'Almanacco dei Vastesi - a cura di Giuseppe Taliente -
...Paolo Calvano, Giovanni Di Rosso e Fernando D'Annunzio - Vasto - Ed. varie dal
...2001 al 2021


Gli Ortolani di Vasto tra storia e antropologia di Nicolangelo D'Adamo e Nicola
...D'Adamo
- Ed. Il Torcoliere - Vasto - 2011

Sott' a la Porte de la Terre di Leone Balduzzi (San Salvo) - Antologia delle nostre
...tradizioni culturali - Editore Cannarsa - Vasto - 2005

II nostro calendario (vastese) di Espedito Ferrara. Testi dialettali raccolti o composti
...negli mni '80 contenenti detti, proverbi, versi - CD editato dai figli di Espedito nel 2002 - Vasto

Vocabolario Vastese di Luigi Anelli - Renato Cannarsa Editore - Vasto - 1980

Dizionario Dialettale dell'Alto Vastese di Emilio di Paolo - Castelguidone e le parlate
...del Trigno abruzzese - Ed. Il Torcoliere - Vasto - 2000


Altre Fonti (Varie)