Tradizioni: Rimedi e consigli
Il consiglio del nonno: la scelta della moglie
 
I consigli dei nonni sono sempre preziosi e pieni di verità
Lo ha capito bene il nostro personaggio, che non ha seguito i consigli del nonno ed alla fine maledice dote, donne e matrimonio. Dopo la disavventura matrimoniale, in testa non girerà neanche più il cappello, qualcosa che gli è spuntato sul capo glielo impedisce, qualcosa che al toro gli fa esclamare: “Buongiorno, caro torosiamo diventati amici!”.
Non resta che soffermarci e gustarci questa poesia di Fulvio D’Ercole, nato a Vasto il 18 novembre 1914 e caduto in Tunisia il 31 marzo 1943, tratto dal quindicinale “Histonium” del 22 aprile 1948. 
 

Avè rraggione nonne 

Avè rraggione nonne chi dicè: Canda t’à d’à spusà, care guaglione, nin guardà
si la spose dodde tè
, e si è cchiù u mene bbelle, ma s’è bbone: cà la ricchezze
vole e si finisce
, e la bellezze preste si sfiurisce!

Spùsite na quatrara di salute, uneste bbone e femmine di case, chi ti sa fa ddu
sagne tarzillute e sì sicure ca da tè n’ci trase né la discordie e la miserie mà
, e
tranquille e felice pù campà
!” 

Ah nonne nonne, cande avì rragione! Sò spusate na donne tante bbelle, chi m’à purtate
cchiù di nu milione
, ma a forze di pellicce e di giujelle, li solde so’ finite, so’ vulate; e i’ mi
sente tante disgraziate
! E malidiche dodde e donne bbelle, e lu mumente chi mi so spusate!

... N’cape cchiù nin mi ggire lu cappelleSi vede ca caccose m’bronte è nate,
caccose ch’a lu tore mi fa dice
: “Buongiorno, care toreseme amice!”

stralcio, da art., a firma Lino Spadaccini, apparso sul Blog "www.noivastesi.blogspot.com" - 9 luglio 2022