Tradizioni, Superstizioni e Credenze popolari
Brevi e semplici versi in dialetto vastese dedicati a Li Mise dill’ânne (I Mesi dell’anno)
 
La Fattihure Li Štrangajjîne Li Štaggiune
Punde di Štalle Amuleti, talismani e superstiz.  
Lu Mazzemarelle Varie Trad. popolari ed usanze-cenni
Lu Malucchie Li Jurne de la Sittimmäne Li timbe de na vodde
 
 
del poeta dialettale vastese Fernando D’Annunzio
Personaggi: F. D'Annunzio
Poesie
Coro Pol. Histonium
Macchiette vastesi
Gruppo Cantastorie
Parodie
Le Štorie di Carnivàle
 
Lu pajjàre
I giochi di una volta
Lunarie de lu Uašte
Il Dialetto...

L'Anne vicchie ('21) é štate n'anne trëšte, pi' lu nuéve prihàme Ggisù Crëšte!

L'Anne néuve šta 'rruhué'
,
pozza rèsse sènza hué'!

L'anno vecchio ('21) è stato un anno triste
per il nuovo preghiamo Gesù Cristo
!

L'anno nuovo sta arrivando
,
possa essere senza guai
!
Jinnäre, Jennäre:
Arrëive e pringipiàje lnne, speriäme ca nin porte tanda dânne.

L'augurie che vi fâcce pi' cchiš
t'ânne ('22):
che si pozza squajjä' chištu “mmual
ânne”!

Štä a lu muèzze di la ‘mmèrne, lu fràdde ti fa ‘rricinì li chèrne. Ti pôrte Capidânne e la Pasquàtte e Sand’Andunie nghi mmazze e purcàtte.

Pringipiàje tutte l'ènne, e le saggècce da le
lâmie pènne
.

Pasquàtte, Sand'Andùnie e Bbaštijäne.
Se va candânne pe' mmond' e piäne.


Dôrme 'ca jé 'ngòre prešte môrte di fradde
e štracche di fèšte.

Lu prime màse, frédd' e lônghe jé'. Štém'a la mmèrne, jé lu tèmbe sé.

Accumuènze l'anne néve, fa lu fradde, nàngh'e ppiéve.

A lu muése di Jinnäre: o vrascìre o fuchiläre.
Gennaio:
Arriva e principia l'anno, speriamo non
porti tanti danni
.


L'augurio che vi faccio per quest'anno
('22):
che possa sparire questo malanno
!

Sta nel mezzo dell’inverno, il freddo ti fa arricciare la pelle. Ti porta Capodanno e l’Epifania e Sant’Antonio Abate col bastone e
il maialino
.

Da inizio ad ogni anno, e le salsicce dal
soffitto
pendono.

La Pasquetta, il Sant'Antonio e il S.
Sebastiano
. Si cantano per i monti e il piano.


Dorme perché ancora è presto morto di
freddo e stanco di feste
.

Il primo mese, freddo e lungo è. Stiamo in inverno, è tempo suo.

Incomincia l'anno nuovo, fa freddo, nevica
e piove
.


Nel mese di gennaio: braciere o focolare.
Frubbuäre:
Cacche jurne té' mangânde e a
Carniväle, si ride e si cânde.

Li sâcce, so' nu muése curtuarèlle, ma vi facci' abballà la tarandèlle.

Mese corte e ttuštarèlle, štatte cupuèrte e pùrtete lu ‘mbrèlle.

É ccorte e ggéle acche e vvèine, ma porte pure Sande Valandèine.

Jé corte carte e jé mmalecaväte. Lu muése
cchiù trimènde de l'annäte.


Fa 'ca si vo' 'risvijjé ma niscìune 'i pôrte
lu cuafé.

Mése càrte, vindôtte o vindinéve, se 'ngôcce
ti pò fa minì la fréve.


O vindôtte o vindinéve, štatt'a lu cuâlle e nin
di méve.

A lu muése di Frubbuäre, Carniväle si pripäre.

Angore nin' è tèmbe d'ascì féure.
Febbraio:
Ha qualche giorno mancante e a Carnevale,
si ride e si canta.

Lo so
, sono un mese corto, ma vi faccio
ballare la tarantella
.

Mese corto e duro
, stai coperto e
porta con te l’ombrello
.

È corto e gela acqua e vino, ma porta
anche San Valentino
.

E'' corto corto e mal considerato. Il mese
più tremendo dell'annata
.


Vorrebbe svegliarsi ma nessuno gli porta
il caffè
.

Mese corto, di 28 o 29, se s'impegna
può farti venire la febbre
.


O ventotto o ventinove, stai al caldo e non
ti muovere
.


Nel mese di febbraio, si organizza il Carnevale.

Non è ancora tempo di uscire.
Mârze:
Li jurne si cumenz' a llunguä',
di Primavére cumenz' a 'dduruä.

Tutti mi l'ome dèice pazzarèlle...
perciò ni' vvi scurduàte ma' lu 'mbrèlle.

Jé mmâtte, li sa tuttiquènde, nin gi pu’ fä’ nisciùn’ affidamènde.

Je ppazze e cche putéme fa',
štatte cupèrte,
nen t'adà smand
ä.

Se pure la jurnäte pare bbèlle. S'aìsce é
mej' a n' di scurdà lu 'mbrèlle.


S'ahâžže e va 'risvijjènne la jèrve e l'älbere che
šta puppuènne.

Mo fa fradde, mo câlle e mo friscàtte. Nin zi sa mä' che ppènne t'adà matte.

Chištu muàs' é pazzarèlle, tìtte 'n ghäpe lu cuappèlle.

Nin ti fa fricà da Mârze, 'ca lu fradde
n'à scumbuârze.

Cumuenz' a risbijjèrse la natîure.
Marzo:
I giorni iniziano ad allungarsi, comincia a profumare di Primavera.

Tutti mi dicono pazzerello
...
perciò non dimenticate mai l'ombrello
.


È
matto
, lo sanno tutti, non puoi farci
alcun affidamento
.

È pazzo e cosa possiamo farci, copriti,
cerca di non scoprirti
.


Se pure la giornata sembra bella
. Se esci è meglio non scordare l'ombrello.

Si desta e va svegliando l'erba e gli alberi
che stanno germogliando
.

Ora è caldo, ora freddo o freschetto. Non
si sa mai cosa indossare
.


Questo mese è pazzerello, tieniti in testa il cappello.

Non farti ingannare da marzo, perché il
freddo non è scomparso
.


Comincia a risvegliarsi la natura.
Abbrëile, Abbrële:
Aifiurèsce munt' e vvâlle e l'ârie piane piäne s'ariscâlle.

Ci facce sèmpre 'na bella fihîre nghi chišta
hônna vèrde tutt' a ffjîre.

Pôrte quase sempre Pâsche, fa rinvirdè’ e arifiurì’ li frâsche.


La natìure s'arisbâ
je, l'âria ggindèile t'ariddicrijâje.

La Pâsche pe' tu muase sempre pâsse, a
méne che nin é 'na Pasca vâsse.


Fa sbucciä' tutti li fijìure l'ârie si 'mbièsce di ddìure e chilìure.

Mèntre l'ëlbere cacce li fijîre, fa' fèšte
li cunträde e li quartîre.

S'arillônghe li jurnuäte, bbèll a fa'
li passiggiäte.

Finalmènd' arriv' Abbrële, l'ârie si fa cchiù ggindële.

Nghi jèrv e fjîre ammânde sôccia sôcce.
Aprile:
Rifioriscono monti e valli e l'aria piano piano
si scalda
.

Ci faccio sempre una bella figura con questa gonna verde tutta a fiori
.

Porta quasi sempre Pasqua
, fa rinverdire e rifiorir le frasche.

La nalura si risveglia, l'aria più dolce
ti fa rinascere
.


La Pasqua in questo mese sempre passa
, a meno che non sia una Pasqua bassa.

Fa sbocciare tutti i fiori l'aria si riempie di profumi e colori
.

Mentre gli alberi sono in fiore, si fa festa
nelle contrade e nei rioni
.


Si allungano le giornate, è bello fare
passeggiate
.


Finalmente arriva aprile, l'aria si fa più
gentile
.


Con erba e fiori ammanta dappertutto.
Mâje, Mâgge:
Ogne dumuàneche 'na fešte, di fiure e di
chilîure s'arivèšte.

Li réuse qua e llä vaje cujjuènne e lu prufuîme vaje spalijènne.

Adduggìsce l’ârie e lu suônne e pôrte tanda
rose a la Madônne.


Di fiure e 'ddure s'arivèšte, pe' le cuntrade è ttutte 'na fèšte.

Nghi li ciréce e fiure a li ciardèine. Štu muàse
jé tra tütte la riggèine.


Aripôrte ciréce e rréuse e fiure d'arânge pi'
chi si spéuse.

E' ttèmbe di ciréce e di ciappîne. Li fijîre va sbucciânn' a un' a îne.

La cambâgne s'arivèšte, li cunträd' è ttutte
'n fèšte.

Bbèlle bbèlle, arrive Mâgge, s'aricchiàppe
lu curuâgge.

Si métte 'n fešte tutte li cunträde.
Maggio:
Ogni domenica una festa, di fiori e di colori
si riveste
.

Le rose qua e là vado cogliendo ed il profumo vado spargendo.

Addolcisce l’aria e il sonno e porta tante rose alla Madonna
.

Di fiori e profumi si riveste
, le contrade sono tulle in festa.

Con le ciliege e i fiori nei giardini
. Questo mese
è tra tutti la regina
.


Riporta ciliege e rose e fiori d'arancio per chi
si sposa
.

E' tempo di ciliege e di nespole. I fiori van sbocciando ad uno a uno.

La campagna si riveste, le contrade sono
tutte in festa
.

Bello bello, arriva maggio e riprendiamo coraggio.


Si mettono in festa tutte le contrade.
Ggîgne:
Di grane e frîtte jé 'bbundânze e a li š
tudìnde porte li vacânze.

Jë l'ârie v'ariscâlle e l'adduggiuësce, e l'èlbere
di frîtte v'arimbiësce.

Pènne li frütte da li räme, pe’ li cambâgne si
méte lu gräne.


Arrapìte porte e finèštre, 'ca l'arie è ccalle e addore de jinèšre.

Nghi la bbella štaggiàne ch'arièsce. Chiude
li schéule, é fešte di bbardèsce.


Di frîtte arimbjìsce li ciaštre. Li ggiuvunètte
si méttene 'mmaštre.

Lu tuèmb' é bbèlle, li schéle finèsce.
La spiâgge e la scujjìre s'arimbièsce.

Nghe la 'Štäte che šta 'ndrânne se n'è jjìte ggià mezz'ânne.

'Ngrazi' a Ddë', arrive Ggîgne e la 'štäte
'i cunzuagne.

Tègne d'éure li spiche di lu gräne.

Giugno:
Di grano e frutti c'è abbondanza e agli studenti porta le vacanze.

Io l'aria vi riscaldo e la addolcisco, e riempio
gli alberi di frutti
.

Pendono i frutti dai rami, nelle campagne
si miete il grano
.

Spalancale porte e finestre, l'aria è calda e profuma di ginestre.

Con la bella stagione che torna
. Chiudono
le scuole e i bambini sono in festa
.


Di frutti riempie i cesti. Le giovinette si
mettono in mostra
.

Il tempo è bello, le scuole chiudono.
Spiaggia e scogliera si popolano
.


Con l'estate che sta entrando è passato già metà anno.

Ringraziando Dio, arriva giugno e l'estate
ci consegna.


Dipinge d'oro le spighe di grano.

Lîjje:
Li jurne s'all
ônghe e calle fa, lu suàle cchiù
tàrde si va a culucuä'.

Mé' la
štäte é 'rruhuéte, jé sichìure, hai višt'
a ripassà li mititìure.

Fa câlle, la ggènde si spüje e va pascènne
pe’ spiagge e pe’ scuje.

É la '
štäte, lu tuèmbe jè bbèlle, la spiagge e
li scuje t'aspètt' aèlle.

Jurnàte lunghe e sole calle câlle.
Jam' a lu muère e mittémij' a mmôlle.


Nu' che lu bbuèlle märe tinàme o spiâgge
o scuje, 'i li huduàme.

Di jurn' é ccâlle e di nôtte pîre. Ognîne va truhuânne la frischîre.

Chi ppatèsce a šta' 'n suluâgne, va a ffa'
li bbâgne, 'lu mre.

Scibbindàtte, ècche Lîjje, tande che me
n'ariprîjje.

Lu cuâlle si divènde patimènde.
Luglio:
I giorni si allungano e caldo fa, il sole più
tardi si va a coricare
.

Ora lestate è arrivata, è sicuro, ho visto ripassare i mietitori.

Fa caldo, la gente si spoglia e invade
la spiaggia e le scogliere
.

È l'estate
, il tempo è bello, spiaggia e
scogliera ti aspettano lì
.

Giornate lunghe e sole caldo caldo.
Andiamo al mare e mettiamoci a mollo
.

Noi che abbiamo il bel mare o spiaggia
o scogliera
, ce li godiamo
.


Di giorno fa caldo e di notte pure. Ognuno
va in cerca di frescura
.

Chi soffre esposto al sole
, va a fare
i bagni
, al mare.


Sia benedetto, ecco luglio, me ne
rallegro tanto
.


Il caldo diventa sofferenza.
Ahàšte:
Arrëive nghi lu suol lijàne, mitt' a ddinfràsche
nu bbuèlle citràne.

Jàteven' a lu mu
äre o a la mundâgne,
svagâteve, lu curie ci huadâgne!

P
ôrte li citrùn’ a ffèlle e Sande Rocche
nghi li cambanèlle.

Arrèive parìnde e turuèšte, chi jè cunduènde
e chi n'ariséšte.

Lu Uâšte, sôccia sôcce li fraštìre. S'arimbièsce
la spiâgge e la scujjìre.


Tutti jurne, sagre e fèšte, lu Uašte nôštre jé
di li turuèšte.

Dungh' a ndo' vi', truve piéne di ggènde. Šta
chi huadâgne e chi si lamènde.

Tuttequènde va' in vacânze e l'albìrghe
'n te' cchù štânze.

È 'rruhuéte pur' Ahàšte, tèmbe di risciùl'
arrašte.

Mare o mundâgne, ognîune vo' lu frasche.

Agosto:
Arriva con il solleone, metti in fresco
una bella anguria
.

Andatevene al mare o in montagna,
divertitevi, il fisico ne gguadagna
.

Porta i cocomeri a fette e San Rocco
con le campanelle
.

Arrivano parenti e turisti
, c'è chi è contento
e chi è insofferente
.

Vasto, dappertutto turisti. Si riempiono spiaggia e scogliera.

Ogni giorno, sagre e feste, la nostra Vasto è
dei turisti
.

Ovunque vai, trovi tanta gente. C'è chi guadagna e chi si lamenta.


Tutti vanno in vacanza e gli alberghi
non hanno più stanze
.


È giunto anche agosto, tempo di triglie arrostite.

Mare o monti, ognuno cerca l'ombra.

Sittèmbre:
D'uv' e fëchere è 'bbinnnènze, la schéle e

la fatèje aricumuènze.

Purtr
ôppe li vacânze s'é finìute, ch'à dat' a
däte e ch'à 'vut à 'vìute!

All’Autünne si cunzuàgne, ‘n cambâgne s’accumuènže la vinnàgne.

Nghi risciùle e siccitèlle e ci šta pure
Sa' Miccbele bbèlle.

Nghi ùve e fèchere pe' li cambâgne. 'Ddo'
ti truve, pâsse, cuje e mâgne.

L'
Ângele ve' da lu ciuéle lu prutittòre nôštre,
Sa' Mmicchéle!

Se cci' accâsche la 'štàte sittimbrène, ti hùde
sole dagge e ària fène.

Chi a la schél' adà rindrä', chi cumenz' a
vvilignä'.

A lu muése di Sittèmbre, uv' e fëcre ci štä sèmbre.

L'îuve s'è ffâtte, s'adà vilignä.

Settembre:
D'uva e fichi c'è abbondanza, la scuola e
il lavoro ricominciano
.

Purtroppo le vacanze sono finite
, chi ha
dato ha dato e chi ha avuto ha avuto
!

All’Autunno si consegna
, in campagna
comincia la vendemmia
.

Con triglie e seppioline e c'è anche
la bella festa di S. Michele
.

Con uva e fichi nelle campagne. Ovunque
sei
, passa, cogli e mangia.


Arriva l'Angelo dal cielo
, il nostro
protettore
, San Michele!

Se capita l'estate settembrina, ti godi sole
dolce e aria buona
.

Chi deve rientrare a scuola, chi comincia
a vendemmiare
.


Nel mese di settembre, uva e fichi ci sono sempre.

L'uva è matura, c'è da vendemmiare.
Uttuàbbre:
La vinnagne si finèsce, a li trappèite l'uja
néve aèsce.

J
ë vi facce hudué la rifriscäte, ma vî
ammand
âteve, ni' vv'ammaläte!

P
ôrte l’aria friscarèlle, ci’accumuènž’
a ssirvì’ lu fucarèlle.

E' tèmbe de caštagne arràšte e le camb
âgne addore di mmàšte.

Trumuìnde si finìsce a vilignà,
la lèive da riccôje é prond' aggià.


Accumuènze a 'rinfriscä' pi' la mmèrne
'i 'adéma priparä'.

Oramäje la lëve s'é 'nnirëte. Li trappitére
arrépe li trappëte.

Aricacce la ggiaccatte 'ca cumuènz' a ffa'
friscatte.

A lu muése di Uttuàbbre nin gi sèrv' a
truhuà l'ambre.

Cumuenz' a macinä ogne trappëte.
Ottobre:
La vendemmia termina, nei frantoi sgorga
l'olio nuovo
.

Io vi faccio godere la rifrescata, ma voi copritevi, non vi ammalate!

Porta l’aria più fresca, comincia
ad essere necessario il fuocherello
.

Tempo di castagne arrostite e le campagne profumano di mosto
.

Mentre si finisce di vendemmiare,
comincia la raccolta delle olive
.


Comincia a fare più fresco, è ora per
l'inverno
di prepararsi.


Oramai le olive sono mature. I frantoiani aprono i frantoi.

Tira fuori la giacca perché comincia ad
essere freschetto
.


Nel mese di ottobre non serve più
cercare ombra
.


Comincia a macinare ogni frantoio
.

Nuvuèmbre:
Lu pînzìre trëšte v
ä a chi sopr' a 'štä
tèrre cchiù ni' štä.

Vi pôrte, doppe cacche jurne trèšte,
lu uìne néuve e li caštagn' arràšte.

Nghi li “Sènde” e nghi li “Murte”, da lu
truappète l’ùje t’aripurte.

Amm
ândete 'ch' é friscarèlle, šta l'ùje néuve
e lu vuìne nuvuèlle.

E' nu muàse che a vvôdde arintrištèsce. E li jurnäte s'ariccurtunuèsce.

Nu' 'i avéma rassignä lu tuèmbe bbèlle
ti l'adà sunnuä'.

Cumuènz' aricurduânne Sènde e Murte.
Li jurn' é cchîrte, lu fradd' é cchiù furte.

Nu fiàre, nu lumuëne e 'na prihìre... a chi
nin gi šta cchjî va lu pînzìre.

Bbinidàtte sia Nuvuèmbre, ujj' e vvèine
porte sèmbre.

Di lén' e cciappe è méj' a fa pruvvuèšte.

Novembre:
Il pensiero triste va a chi su questa
terra non c'è più
.

Vi porto, dopo qualche giorno triste,
il vino nuovo e le castagne arrostite.

Col
Giorno dei Santi edei Morti”, dal
frantoio l’olio ti riporti
.

Copriti perché fa fresco
, c'è l'olio nuovo e
il vino novello
.

È un mese che a volte rende tristi. E le
giornate sono sempre più corte
.


Ci dobbiamo rassegnare il tempo bello
te lo devi sognare
.

Comincia ricordando Santi e Morti. I
giorni sono corti e il freddo è più forte
.

Un fiore, un lumino e una preghiera... a
chi non c'è più va il pensiero
.


Benedetto sia novembre, olio e vino porta sempre.

Di legna e ceppame meglio far provvista.
Dicèmbre:
Vé' Nat
äle e l'ânn' è scôrte, speriäme ca n'è
jjìute tande tôrte.

jë pôrte lu Nuatàle di Ggsî.... Ci pôzza pinzà
Àsse a ttutti nî!

Nghi la sciârpe e nghi li hhuânde, tutt’
aspittâme la Natàla Sânde!

Vé' Nat
äle e San Zilvèštre, jettäme l'anne
vìcchie a la finèštre.

Finìsce l'ânne nghi li bbille fèšte, e arrèive
l'Anne Néuve lè
šte lèšte.

Pôrte la Natàla Sânde e a li trendìune n'addr'
ânne si lânde.

Natàla Sânde é bbèll' a fištiggiä'. L'ânn'
à finîte e lèšte si ni vä'.

Priparânne e urguanizzânne... vé' Natalë
e scôrte l'ânne.

Già Dicèmbre é 'riminîte e n'addr' ânne si n'è
jjîte.

Cumunzàm'a ppinzä a lu pressèpie.

Dicembre:
Arriva Natale e l'anno è finito, speriamo non
sia andato tanto male
.

Io porto il Natale di Gesù.... Possa pensare Lui
a tutti no
i!

Con la sciarpa e con i guanti, tutti
aspettiamo il Santo Natale
!

Arriva Natale e San Silvestre
, buttiamo
l'anno vecchio dalla finestra
.

Finisce l'anno con le belle feste, e subito
arriva l'Anno Nuovo
.


Porta il Santo Natale e al trentuno un
altro anno si saluta
.

E' bello festeggiare il Santo Natale. L'anno
è finito e presto se ne va
.

Preparando e organizzando... arriva Natale
e finisce l'anno
.

Già dicembre è tornato e un atro anno se n'è andato.

Cominciamo a pensare al presepe.

 
del poeta dialettale vastese Espedito Ferrara (Vasto, 1908 - Vasto, 1992)
Jennare: Ecche Jennare, mo' se fa 'vande,
la 'rroste a lu foche
e lu truffale accande:
sét'ammetate cafone e ssegnure,
canda ne
sete de dentre e dde fure.
Gennaio: Ecco gennaio che avanti si fa, l'arrosto sul fuoco ed il fiasco di vicino:
siete invitati
, contadini e signori,
quanti ne siate di qui e di fuori
.
Furbare: Furbare, Furbarotte tutte tè
trènde e jì vendotte: se le jurna mì fusse titte,
ggelàsse lu huèine dèndr'a le vitte.
Febbraio: Febbraio, Febbraiotto tutti ne
han trenta ed io ventotto
: se i miei giorni fossero tutti, gelerebbe il vino dentro i botti.
Marze: Ecche Marze, pazze pazze, mò lu sole
e mmo' la guazze, mò lu sole e mmo 'lu 'mbrèlle:
marze, marze é ppazzarèlle, e ttè' sèmbre preparate cacche bbèlla 'mbruvvusate.
Marzo: Ecco marzo, pazzo pazzo, ora il sole, ora il fango, ora il sole, ora l'ombrello:
marzo
, marzo è pazzerello, ed ha sempre
pronta qualche bella improvvisata
.
Abbrèle: Jì so' Abbrèle, mese ggentèle, àrbere
e ffiure facce fiurèje, li cille facce candà,
ggiùvene e vvicchie annamurà.
Aprile: Io sono aprile, mese gentile, alberi
e fiori faccio fiorire
, gli uccelli faccio cantare,
giovani e vecchi innamorare
.
Maje: Ecche Maje, vestute da spose, càreche
de fiure e ccupèrte de rose: ascìte da fore vù canda ne séte, ascìte da fore, se nen ge credéte.
Maggio: Ecco Maggio, vestito da sposo,
carico di fiori e coperto di rose
:
uscite fuori
tutti quanti, uscite fuori, se non ci credete.
Gginie: E sse méte, se méte lu hrane, e sse
méte pe monde e pe ppiane; tra cecale, tra
hrìlle e ttra quajje, tutte la jjerve devènde na pajje.
Giugno: E si miete, si miete il grano, e si
miete per colli e per piani
; tra cicale, tra
grilli e tra quaglie, mentre l'erba diventa
paglia
.
Lije: E mmète e mmète la faggìje, lu
patrone m' ha prumesse la fije; me l'ha
prumèsse e nen mme le vò daje: tutte le
hrane je vojje sceppaje.
Luglio: E miete e miete la falce, il
padrone m'ha promesso la figlia
, me l'ha promesso e non me la vuol dare: tutto il
grano
voglio strappare
.
Ahoste: Jì so l'Ahoste e facce lu bbuttare
e ccanda ce ne sta de vicchie e nnuve tutte le
vutte lunghe addò le truve jì te l'aggiuste e jjì te le prepare pe ccanda allongh'allonghe pe sse vegne se sende sune e ccande de vennegne.
Agosto: Sono l'Agosto e faccio il bottaio
e di vecchie e di nuove tutte le botti che
trovo io aggiusto e preparo
per quando in queste vigne
s'udiranno suoni e canti di vendemmia
.
Ssettembre: Se dëice a stu muàise pe cchi se
ne 'ndenne ca l'uve è ffatte e le fichere pènne.
Tu pinze a nen mbènne, ma pinzece tì,
ca se tte ne chesche n' d'arehèzze cchiù cchjì.
Settembre: Si dice in questo mese per chi se n'intende che l'uva è matura ed i fichi
pendono
. Tu pensa a non pendere, ma
pensaci bene, perche se cadi non ti rialzi più
.
Uttàbbre: Uttàbbre é di fatejje, Uttàbbre é dd'allehrejje. A llonghe pe sse vegne,
jè ttutt'arie de vennegne: se prepare moste
e vvine pe la feste a San Martine, vine vine
e vveretàsse San Mbasquale de l'Atasse.
Ottobre: Ottobre è fatica, Ottobre è
allegria
. Lungo le vigne
è tutt'aria di vendemmia
: si prepara mosto
e vino
, per la festa di San Martino, viva il
vino
, in vino veritas San Pasquale dell'Atessa.
Nnuvembre: Je so nnuvembre, e pporte,
porte sèmbre murte e ssènde, e pporte la sumende de lu hrane pe ddà titte nu
muòcceche de pane. Se doppe sumundate ne
vu' le spine, N'za'ha da jì scazze canda se
camine.
Novembre: Io sono novembre, e porto,
porto morti e santi
,
e porto il
seme del grano
per dare a tutti un
pezzo di pane
.
Se dopo la semina non vuoi
le spine
,
non andar scalzo quando
cammini
.
Ddicembre: Scorte l'anne e scorte le
quatrine, t'ambére ca pe ttà n' ge sta nescìune.
Dicembre: Finito l'anno e pure il
quattrino
, impari che per te non c'è nessuno.
 
da "Lunarie de lu Uaste" - edizioni varie
Primo dell'anno nuovo e Gennaio
Primo dell'anno nuovo, Gennaio è il mese nel quale si assomma forse il maggior
numero di credenze popolari. Tutte ovviamente basate sulla comune presunzione che
quelle che sse fa 'n Cape d'anne se fa tutte l'anne
(ciò che si fa ad inizio d'anno si fa tutto l'anno).
Gennaio è insomma il mese dal quale si traggono previsioni ed auspici che la saggezza contadina
ha tradotto in proverbi e modi di dire ancora assai diffusi.
Se jennare métte la jjérve: lu hrane che ttì, tìttele 'n serbe
(se gennaio mette l'erba metti in serbo il grano che già hai),
è uno dei più diffusi, non meno d'altri altri d'uguale tenore come, ad esempio:
Se jennare sta 'n gamìsce, Marze se fa tanda rìse
(se gennaio sta in camicia, marzo si fa tante risate,)
oppure
Chi ppòte a la mancanze de jennare cojje l'uve a stare a stare
(chi pota alla mancanza di gennaio coglierà uva in abbondanza).
Numerosi i rituali benauguranti che si svolgono in occasione del Capodanno, dell'Epifania
(la Pasquette), delle ricorrenze di Sant'Antonio (Lu Sand'Andùnie), e di San Sebastiano
(Sande Bbastiejàne).
A Sant'Antonio Abate e a San Sebastiano si rivolgono anche invocazioni per la guarigione
dall'erpes zoster (lu foche de Sand'Andùnie) e dalla polmonite (la pundùre).
Un rito ormai quasi scomparso, che si celebra alla vigilia dell'Epifania, è quello della foglia
dell'ulivo, una variante locale dell'antichissima usanza per la quale si usa invece la foglia d'alloro:
si buttano sul fuoco foglie d'ulivo e dallo scoppiettìo che ne deriva si traggono buoni o cattivi
presagi.
Febbraio
La particolarità di Febbraio, essere il mese più corto e essere anche quello che nell'antico
calendario solare segnava la fine dell'inverno ha dato spazio alla fantasia popolare originando
una serie di riti con i quali si auspica la fine del brutto tempo e si esorcizzano i mali di stagione.
La Candelora, che ricorre il 2 del mese, viene salutata come un passaggio alla bella stagione:
La Candelore
, u ce nénghe u ce piove da lu vérne séme fore
(alla Candelora con la neve o con la pioggia dall'inverno siamo fuori).
Il giorno successivo, dedicato a San Biagio, Sande Biasce, viene praticata l'unzione della gola ai fedeli nel corso della celebrazione liturgica, al fine di debellare il mal di gola, lu strangajùne.
Il 5, festa di Sant'Agata, è il giorno dedicato alle donne che allattano, soprattutto a quelle affette
da agalassia, e la preghiera rivolta alla Santa è la seguente:
Sand'Achete benedàtte, famme arevenà lu latte pé stu cétele mé
e je puzz' avanzà che le puzza dà a tutte lu vicinate
.
E' usanza ancora, di far bere alla puerpera un decotto ricavato dall'ebollizione di cavallucci marini. Un'ultima consuetudine praticata è quella di compiere abluzioni del petto con la rugiada delle
siepi per scongiurare mali al seno e per renderlo più bello.
Altra ricorrenza importante è quella dedicata a Santa Apollonia (Sanda 'Bbellonie), che viene invocata per la cura del mal di denti.
Marzo
E' il mese nel quale fa il suo ingresso la primavera e le giornate tendono ad allungarsi
Lu sole de Marze fa male a la cocce
(il sole di marzo fa male alla testa),
dice un vecchio adagio, al quale fa eco un altro che dice:
canda fiorisce lu prèzzemele, tande la notte e tande lu dì
(quando fiorisce il prezzemolo, tanto dura il giorno e tanto la notte).
E' anche il mese del Carnevale, che celebra appunto il passaggio alla bella stagione con tanti riti propiziatori ed abbuffate pantagrueliche a base di ravioli di ricotta e di ciciricchiate.

Una credenza popolare impone che nel primo venerdì del mese si "spuntano" i capelli per
scongiurare malocchi e dolori di testa.
Durante il mese si “rapano” i ragazzi: in giro, quindi, tante teste pelate, esposte
alle beffe di altri ragazzi:
Coccia peläte senza capille,
tutte la notte ce cande le hrìlle;
e li hrìlle c-i-ha candate,
bbona notte, coccia peläte.

Il malocchio, inteso come una influenza maligna che scaturisce da uno sguardo invidioso
(n' ucchie malamente) e che provoca mal di testa, malinconia, stanchezza, si esorcizza di solito
con la pronuncia di uno scongiuro accompagnata da alcuni gesti rituali. Si fanno cadere tre gocce d'olio su un piatto con appena un po' d'acqua: se la goccia si allarga è malocchio e le persone che l'hanno fatto sono tante quante le gocce che si formano. Se la goccia si allarga a forma di rosa a
fare il malocchio è stata una donna, se la goccia assume la forma di una bottiglia, allora è stato un uomo. Quindi si recita la formula:
Malucchie, malucchiatte, tand'ucchie t'ha 'dducchiàte, tre Sande t'ha jutate,
nnòme de lu Padre
, de lu Féje e de lu Spirde Sande, 'stu malucchie n'ha dà jjè
chiù avande
.
Da ultimo si traccia segno della croce con il dito bagnato nell'acqua e nell'olio.
Aprile
Marze tégne, abbreile depégne (marzo tinge, aprile dipinge)
Il detto antico sintetizza il passaggio al mese dai colori più vivi, dai contorni più nitidi, dal clima ormai primaverile.
E' il mese della Santa Pasqua e dei riti liturgici che l'accompagnano, che a Vasto iniziano con la celebrazione e la processione della Santa Spina organizzata dalla Confraternita della Spina e del
Gonfalone.
E' anche il mese delle prime feste rurali: a Pagliarelli, dedicata a San Vincenzo Ferreri, che si
svolge nel lunedì dell'Angelo (lu Ppascònè), ed all'Incoronata nell'ultima domenica.
Tradizionalmente, soprattutto in coincidenza della Pasqua, si confezionano pani lievitati o dolci a forma d'agnello, di bambole, di cavalli o di serpenti addirittura, che assumono un evidente significato sacrale, ricorrente anche in altre occasioni, come ad esempio a Natale, a San
Sebastiano, a San Biagio e a Santa Lucia.
Il pane è dono di Dio (grazie de Ddè) ed è diffusa la credenza che in esso dimori addirittura la Divinità, al punto che se un pezzo di pane cade a terra viene subito raccolto e baciato.
Usanza analoga è quella di non calpestare neanche le briciole cadute a terra, che vanno invece immediatamente raccolte, per non essere costretti a farlo all'altro mondo nghe le pénnezze
dell'ucchie
(con le ciglia degli occhi).
Maggio
Mese dell'amore e della Madonna
a màje va 'n ammore pure l'èsene
(a maggio vanno in amore anche gli asini),
maggio, che prende il nome da Maya invocata dai pagani per la fertilità dei campi e delle donne,
è caratterizzato dal bel tempo, dagli alberi in fiore, dai primi frutti, è tembe de cerésce (è tempo
di ciliege), dai profumi intensi e dai riti e dalle feste ancora molto diffusi nelle campagne.
La festività religiosa più importante è quella del Santo Legno della Croce, che si celebra il giorno
tre con una solenne processione, ma non meno sentite sono quelle dedicate alla Madonna della Penna, a San Nicola della Méta, a Sant'Antonio Abate.
Le belle serate si riempiono di lùcene 'ccappelle (lucciole) che si confondono con le stelle in cielo,
ma attenzione a non contare gli astri con le dita perché potrebbero nascervi porri sulle mani.
Insomma è il mese dell'incanto e dell'incantesimo, dello charme, come dicono i francesi, da cui sembra derivare il termine dialettale lu 'ngiarmatàre, che sta ad indicare appunto
l'incantatore ed in particolare un curatore di cristiani o d'animali dotato di poteri magici.
A Vasto veniva riconosciuto come 'ngiarmatàre o 'ngiarmatréce il settimo di sette figli maschi
o l'ultima di sette figlie femmine.
Giugno
Se maggio è lu muèse de la Madonne (il mese della Madonna),
giugno viene definito come quello de lu Core de Ggisì (del Cuore di Gesù
Un mese solare, nel quale arrivano a maturazione il grano e gli altri frutti della terra e che reca celebrazioni importanti.
La ricorrenza più importante è quella del 24, dedicata a San Giovanni, che coincide, San Ggiuhuànne sparte l'anne (San Giovanni divide l'anno), con il solstizio d'estate, un appuntamento che richiama antiche credenze e paure mai sopite di presenze magiche e soprannaturali.
La notte de San Ggiuhuànne le stràiche s'arestrégne a lu cummuànne
(la notte di San Giovanni le streghe si riuniscono a comando).
Questo giorno è anche considerato punde de stàlle (punto di stella) infausto per uscire in mare. Concludiamo con una nota più gentile: s'usa in questa festa suggellare comparanze offrendo, con
un ramoscello o un mazzetto di fiori (la ramajétte), doni che saranno ricambiati il 29, festa dei
Santi Pietro e Paolo.
Luglio
lu muése assutte
Battuto dal sole, luglio, muése assutte (mese asciutto), porta i colori del giallo intenso del grano maturo pronto per la mietitura e dell'erba che avvizzisce.
Per il mal di testa dovuto all'eccessiva esposizione ai raggi solari si invoca San Silvestro.
Contro la grandine, che secondo la credenza popolare sarebbe provocata da spiriti maligni, da bambini morti senza battesimo, da streghe o da diavoli, si fanno scongiuri invocando San
Giovanni Battista:
Sande Ggiuhuànne Battéste, battìzze 'sta nivéla tréste
(San Giovanni Battista, battezza 'sta nuvola trista).
Contro lu scijjòne, la tromba marina che spesso si forma all'improvviso d'estate, i pescatori
mimano con un coltello dal manico nero il gesto di tagliare la nuvola minacciosa, mentre pronunciano uno scongiuro all'indirizzo di Sande Libbòrie (San Liborio), la cui festa è prevista
in calendario al giorno 23. Anche Santa Barbara viene invocata nelle stesse circostanze:
Sanda Barbre benedàtte, 'n fa calà né filméne né sajàtte
(Santa Barbara benedetta, non far scendere né fulmini né saette).
Nella credenza popolare esistono poi giorni in cui è pericoloso uscire o bagnarsi in mare. Sono i giorni di punto di stella, che ricadono l'11, il 24 e 29 giugno, il 2 e 16 luglio, il 4 ed 15 agosto.
Agosto
Lu càlle d'Ahàste! Giornate lunghe, piene di luce di calore
Lu càlle d'Ahàste! Giornate lunghe, piene di luce di calore e di mare, di ore festose sino a notte tarda. Mese pieno di ricorrenze che ripropongono rituali antichi. C'è, ad esempio, quella di offrire
la "corallina", la quarajène, consigliata per "la vermenàre dei bambini, la tenia intestinale che,
una volta soprattutto, addolorava i bambini. Il decotto di corallina, ma anche l'aglio e la ruta, è il rimedio ritenuto più efficace contro questo malanno. Anticamente, alla somministrazione del decotto faceva seguito la pronunzia di una formula accompagnata da una carezza sulla pancia del bambino:
vìrmi nìre, vìrme bbiànche e vìrmi turchìne, in nome
de la Santissima Trinità
, tutte li dulùre ti pòzza passà.
Altre ricorrenze sono quella di S. Osvaldo, invocato contro i terremoti e quella di S. Donato, al
quale ci si rivolge per guarire dall' epilessia. Lu muàle San Dunàte, è appunto chiamata questa malattia, la cui origine viene, secondo la credenza, attribuita all'esser nati nella notte di Natale oppure al morso di una ranocchia o di un rospo. Per scongiurarlo s'usa la seguente formula
Puzza jetta' lu sanghe a tìne a tìne e mmàne a sande Dunate sbuffe lu viléne.
Tra le altre usanze praticate si ricordano quelle di assaggiare le noci nel giorno di S. Lorenzo e
quella di donare le campanelle ai bambini e le ciotoline alle bambine nel giorno della fiera di S. Rocco.
Settembre
L'autunno incalza e le giornate si accorciano
A ssettèmbre e a fùrbàre notte e jjùrne pare pare.
L'autunno incalza e le giornate si accorciano. Anche questo mese, in coincidenza con alcune ricorrenze religiose, presenta i suoi rituali e le sue usanze. L'intervento di S. Matteo, che si
festeggia il 21, s' invoca per guarire dalla sciatica mentre ai santi martiri Cosma e Damiano, protettori dei medici, s'intercede per ottenere la guarigione da tutti i malanni possibili.
Soprattutto per i bambini. La preoccupazione di proteggere la salute e la crescita dei bambini ha dato origine anche ad alcuni rimedi e comportamenti, oggidì poco praticati o meccanicanicamente ripetuti senza cognizione di causa. Uno di questi, ad esempio, è l'usanza di non baciare il neonato non battezzato, perché considerato ancora pagano; così come appuntargli alla camicia o sulla culla oggettini scaramantici a forma di corno, di cuore o di àncora.
Diffusa rimane la credenza, inoltre, di non far passare il bambino sotto la tavola imbandita,
perché ciò ne impedirebbe la crescita, e di non dirgli mai che è bello, ma sempre che Dde l'abbendìche, che Dio lo benedica.
Delicata, con un tratto di poesia, è poi la pratica di non mettere il lutto quando muore un bambino
al di sotto dei dodici anni, perché è considerato come un angelo tornato dal cielo.
Ottobre
Mese del vino, della vendemmia e della semina
Ottobre, mese del vino, della vendemmia e della semina. In campagna è tutto un gran daffare prima dell'inverno. Ricorrenze religiose importanti sono San Luca Evangelista, patrono dei pittori, Sant'Orsola, patrona delle maestre, i Santi Crispino e Crispiniano, patroni dei calzolai, per i quali
è ancora diffuso il detto
Sande Crespine e Ccrispeniàne: l'àsene, lu porche e lu scarpàre.
Anche se non strettamente legata al mese, c'è una credenza ancora molto diffusa che val la pena
di richiamare, legata alla presenza sulla pelle delle cosiddette voglie, le vojje. La tradizione
popolare attribuisce queste macchie sulla pelle ad un desiderio insoddisfatto delle partorienti.
Per questo ogni desiderio della donna incinta diventa un ordine per le persone a lei vicine, a cominciare dal padre. Altrimenti le macchie testimonieranno il desiderio non appagato e l'egoismo
di chi non ha provveduto a soddisfare la richiesta.
Novembre
Festa di Ognissanti e commemorazione dei defunti
Inizia con la festa di Ognissanti, che anticamente rappresentava una sorta di festa della Befana
con la distribuzione di doni ai bambini che la sera prima avevano appeso le calze al camino.
Il giorno successivo ricorre l'Alme de li murte, la Commemorazione dei morti, durante la quale vengono ripetuti rituali antichissimi, come quello di tenere la tavola imbandita durante la notte della vigilia con i piatti pieni di cibo oppure di offrire in memoria pizzelle al forno e fave arreccète.
Derètte u turte, rèqui' a, li murte
(dritti o cattivi requiem ai morti)
afferma un antico proverbio per sottolineare il rispetto che si deve ai defunti.
Novembre è però anche il mese dell'estate di San Martino e della prima spillatura del vino nuovo, tant'è il detto
Sande Martine se spìnele lu huìne.
San Martino viene anche invocato per la cura del mal di pancia,  
nghe lu nome de lu Patre, de lu Fijje e de lu Spirde Sande,
stu dolore de panze n'puzz j'cchiù nnanze
Dicembre
Natale nghe li tù e Ppasche nghe cchi vù
L'anno volge al termine e ci si prepara a lu Sande Natale. Ancor prima si festegga a dicembre
Santa Barbara, che viene invocata dai marinai e dalle loro famiglie contro la tromba marina, lu scijàne; San Nicola, invocato dalle mamme per il dono della parola ai figli, Sanda Nichèle, la bbèlla parèle, ma anche contro la grandine e gli incendi; quindi l'Immacolata Concezione e Santa Lucia. Quest'ultima ricorrenza è tradizionalmente sentita forse per la coincidenza nel calendario antico
con il giorno più corto dell'anno.
A Sanda Lucìje ci si rivolge per la cura dalle affezioni degli occhi in genere ed in particolare dell'orzaiolo, l'ujaròle. Sino a qualche anno fa si praticava ancora il rituale della distribuzione de l'ùcchie de Sanda Lucije, pasticcini di pane azzimo a forma di occhio.
L'arrivo del Natale ripropone infine usanze che affondano l'origine nella notte dei tempi e che vengono vissute per lo più in famiglia, nella condivisa convinzione che sia assolutamente
necessario trascorrere.
 
La nàve di Jennäre è fòrte come l’acciàre
di Paola Tosti

Il primo mese dell’anno deve il suo nome al dio latino Giano bifronte, divinità raffigurata con due facce una rivolta al passato e una al futuro.
Gennaio è indissolubilmente legato a leggi antiche e immutabili che seguono una cadenza uniforme
e remota.
Nell’immaginario collettivo, questo mese, evoca soprattutto freddo e neve: senza queste condizioni, non è considerato normale.
Un vecchio proverbio contadino afferma che a gennaio tanta pioggia e poca neve fa male agli alberi; ciò vuol dire che la neve serve. In altri termini, in questa condizione apparentemente infelice, la
vita mette radici.
C’era un tempo in cui le abbondanti nevicate di gennaio, oltre a rendere fertile la terra, erano di supporto per numerosi rimedi terapeutici. Patologie quali malaria, peste, colera, tifo e febbre venivano curati con l’ausilio della neve. E, nelle zone paludose, l’uso medicamentoso della neve e
del ghiaccio per contrastare la malaria rimase fino alla metà del secolo scorso, allorquando furono soppiantati dalla diffusione e dalla somministrazione del chinino, farmaco efficace ma altamente tossico e non privo di molteplici effetti collaterali.
La neve è dunque parte integrale di un ciclo incatenato ad antichi meccanismi che hanno
consentito all’uomo di sopravvivere nel tempo. Sarebbe opportuno, quindi, fermarsi un attimo e godere del miracolo donato da questo cristallo bianco che tutto copre e protegge prima che la
natura riprenda a fruttificare.

stralcio da articolo apparso sul periodico "San Salvo" - anno 4 - n. 1 - febbraio 2017