Tradizioni:
Carnevale in Poesia e prosa
 
Il poeta vastese Nicola Bottari
(Cupello, 1921 - Roma, 11/06/2017)
non ci presenta il Carnevale con lazzi e burla,
ma con una satira che impegna a riflettere
Passa e Va

Va Carnevale
per le vie del mondo
,
si trascina smarrito
,
barcolla
.
Passa e va senza meta
.

Che pena
il suo dramma
!

Impegnato a gran festa
non sente
il lameno del cuore
,
Ne' vede la luce
.
Passa e va senza pace
.


dall'Autore alla Redazione - 3 febbraio 2010
Maschere

Non fa più specie
Carnevale
,
ormai di casa
.
Il viso aperto muore
e abbondano le maschere
.
Ci sono tutte
:
Vagano senza meta
,
intrecciano
salti e balli
.
Il pubblico assiste
muto e lo spettacolo
impazza
.
Il cuore sogna
orizzonti di quiete
,
di speranza
.

dall'Autore alla Redazione - 3 febbraio 2010
 
Carnevale
del gissano Arturo Porreca (1909 - 1960) - Gissi, 28 gennaio 1948
(sul motivo di «È arrivato l'ambasciatore»)

Carnevale ecco qui in mezzo a noi
Egli viene da molto lontano
Su venite, gioite anche voi
Ché di gioia egli è solo sovrano.
Nel regno è soltanto baldoria
Buon umor, allegria e perciò
Non amiamo né grinta né gloria
Perché la sua gloria è sol nel gioir...


Rit.: Carnevale burlone e giocondo
Oggi regni sovrano nel mondo
Ma domani il destin ci riafferra
E chissà, sarà pace o guerra?
Animati noi siam dal desire
Di godere e di far divertire
Non c'importa che il porco mondo
Non tiene gran conto
Che siamo mortal.

II giocondo Sovrano è venuto
A trovare il buon popolo di Gissi
Su gioite, chè al tempo perduto
Non si chiedon ritorni né bissi
Per pensare alle grane del mondo
Rimandate ogni cosa a doman
Questo Re vi comanda col core
La gioia e l'amore E poi nulla più...


Rit.: Carnevale burlone e giocondo, ecc.

 
La Canzáune di Carnivále
E' una vecchia filastrocca vastese che
una volta si cantava ai bambini proprio a Carnevale
Carnivále ni stéve bbéune, si magnàve nu páre d'éuve
- Chi l'ha fitàte?
- Chi l'ha ciuppucàte
?
- Addó stá lu hardijáne
?
- Addó stá li láine
?
- Addó stá lu féuche
?
- Addó stá l'àcche
?
- Addó stá la vacche
?
....La hallina ciuppucàte.
....Lu hardijáne di la selve
.
....E jiùte a ffá li láine
.
....L'àjje màsse a lu féuche
.
....L'ha stutéte l'àcche
.
....Si l'ha vávete la vacche
.

....E jiùte a la mundàgne
:
Nuce, nucèlle, cumbitt'e castagne.
....E' jìute a la marëine:
Nuce, nucèlle, cumbitt'e quatrëine.
stralcio da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2007
 
La Ciciricchiàte del vastese Adriano Ciccotosto

'Nu sapore
de na' vote
,
'nu recorde
de sciore
lu tembe n'a passate pi niènde
.
Ere bbardasce
lu ciele
ere sempre azzurre
e la speranze vive forte
,
la felicità era pure dentra
, a lu piacere
de la vocche
,
e dendra a l'aneme
.
Oggi stu sapore
remane
e tande ié la nustalgie
.

dolce tipico vastese e abruzzese
del periodo di Carnevale
Carnevale
del vastese Fernando D'Annunzio

Carnevale ecco viene,
di pensieri non ne tiene
,
viene e porta l’allegria
dappertutto
, in ogni via;
coi coriandoli e le stelle
,
con le maschere più belle
:
Colombina ed Arlecchino
,
Pulcinella e Meneghino
;
poi Gianduia e Pantalone
,
Stenterello e Balanzone
.
E la gente sembra matta
,
chi si trucca e chi s’imbratta
e per piani
, monti e valli,
tutti in festa
: canti e balli!

dall'Autore alla Redazione - 11 feb. 2011 - un semplice e
facile componimento per i bambini delle scuole primarie

Lu Carnivàle di li Uaštarùle
del vastese Fernando D'Annunzio

Lu Carnivàle di li Uaštarùle
è pranze
, cene e ddugge prilibbàte,
sopr’a la tàvele li gravijùle
e nu taralle di ciciricchiàte
.

Di tanda cosa bbille c’é rimašte
la bbona usanze di lu magnatòrie
.
E di li tradiziune di Lu Uašte
,
šta risištènne
, fin’ a mmo, “La Štorie”.

Scumparse Bballe mute e Cucciulùne”,
si vešte’ da
misùre li bbardèsce,
s’abballe solamènde a li vijjùne
,
li carre mascheràte cchiù n’aèsce
.

Com’ à cagnàte e šta cagnànne angòre
lu sane gušte di divirtimènde
.
Cchiù jam’ annènde e sempre cchiù si mòre
la ggioie di šta ‘mmežž’ all’addra ggènde
.

dall'Autore alla Redazione - Carnevale 2011 - 26 febbr. 2011

febbraio 2016
Le "Štorie" di Carnivàle a Vasto
scritte dal poeta dialettale
vastese
Fernando D'Annunzio
cantate dal Gruppo dei Cantastorie di Vasto
La mariunétte
del salvanése, Michele Molino - 4 marzo 2011

Na squille di tròmbe,
le mariunétte ‘n piazze
!
Currète
! La ruèlle rimbòmbe.
Uaiòne cundénde gné pazze
.
Lu quartière subbite s’animàve
,
céce ascàte
, pezze di fradòne,
arrète a zi Gualberte zi jàve
.
Pure zi Rocche làsse lu pendòne
.
L’arie càlle
, fére lu favònie,
già preparàte lu telòne
,
ere nu mezze pandemònie
,
s’attaccave pure na canzòne
.
Zi Gualbérte dave lu segnàle
,
subbite cumbarìve Arlecchine
,
Giandùie che tinève nu vicàle
,
Pugginélle che iettàve li quatrìne.
..............................................................................................segue
seguito Ecche lu diàvèle tentatòre
‘nghì ddu corne abberritàte
,
strette a li màne nu turtòre
e ffa scruccà li custàte
.
Ride la ggende pe la cundendezze
Èmmò c’aspette lu Carnivàle
!
Pè vvidè sti mariunétte
,
nu spettacole che ‘nté uàle
.
Mò li tembe s’è cagnàte
nni ffa feste li burattine
.
La ggende si l’è scurdàte
nno và ‘nsonne a li bambìne
.
Stanne appese a la candìne
affilàte gné suldàte
.
Come ride Arlecchine
Sotte li baffe spilacchiate
.
Statte sicùre ch’à lu cchiù bbelle
sa ripresénde Pugginélle
,
e
, nghì la fruste di vacchette
ti fa sbàtte li hanghétte
.
 
La Storia del Gabbiano
del vastese prof. Mario Sacchetti
 
Carnevale
del vastese Osvaldo Santoro

Sune, chènte e magna magne.
Cicerchiate
, tammurrille,
tra coriandele e trumbatte,
la sfelate de le chèrre
,
mascarate de cartèlle
,
bbërre
, vëine e pizza calle,
'nce štà
, hìune che sse lagne.

Lu bballà nen ne parlame
,
sonne titte prufussure
da le schéule depluméte
,
balle 'n gruppe gne' le pasce
,
tutte sìrie e cungiundréte
ca n 'zia ma sbèjje lu passe
,
t'ome squàccene nu péte
e t'acchiàppene pe fasse
.

Doppe vanne a lu vujjàune
schine a la matëine apprèsse
.
'Ngecanëite
, štracche e trèšte
vannne lu štuasse a fateié
,
ma la cocce annacquanëite
n 'arijèsce a rraggiunà
.

da "Il Vastese", mensile d'info. - n. 2 - febbr. 2007
 
Sciàmbiddàtte Carnivàle
di Anna Stivaletta Artese - 2002


Lu puajèse mé
,
pe Carnivàle
,

s' è parat' a fe
šte
e pìure asse
s' á masse la màschere
.
Pare na mbrijàche
!
Abbálle
, rèid' e cánde,
parle
, ariccánde
e senza ritágne
e virivágne
storia brítte
há purtàte 'm piázze
e rèid' e cánde
come na pázze
.
Ujje sta ggènde
finalimènde sende
cand' è bbèlle la libbirtè
.
Sciàmbiddàtte Carnivàle
ch' ógne máscher' a luvuàte
,
pìure s' ogné fácce vàle
pe na bbèlla mascaràte
!

stralcio dal libro "Vit'e Mmare" - Ed . Cannarsa - Vasto - 2009

Traduzione: ........................................
Sia benedetto Carnevale

Il mio paese,
per Carnevale
,
si è parato a festa
e pure esso
si è messo la maschera
.
Pare una ubriaca
!
Balla
, ride e canta,
parla
, racconta
e senza ritegno
e vergogna
storie brutte
ha portato in piazza
e ride e canta
come una pazza
.
Oggi questa gente
finalmente sente
quanto è bella la libertà
.
Sia benedetto Carnevale
che ogni maschera ha levato
,
pure se ogni faccia vale
per una bella mascherata
!

 
 
 
Carneval
La stagion del carneval
tutto il mondo fa cambiar
.
Chi sta bene e chi sta male
carneval fa rallegrar
.

Chi ha denari se li spende
,
chi non ne ha ne vuol trovar;
e s 'impegna
, e poi si vende,
per andarsi a sollazzar
.

Quà la moglie e là il marito,
ognuno va dove gli par
;
ognun corre a qualche invito
,
chi a giocare e chi a ballar
.

Carlo Goldoni