Poeti e Scrittori scomparsi di Vasto
Peppino Canci
Poeta, paroliere e cultore di storia e costume locale
(Vasto, ? - Vasto, 2011)
Giuseppe (Peppino) Canci, fratello del pittore Vincenzo ed artista
sui generis anche lui, è scomparso, lasciando un'ampia produzione
di poesie in lingua ed in vernacolo, testi di canzoni, e studi di storia
e di costume locale.
Profondamente innamorato della Città e delle tradizioni locali,
ha fatto parte di quella ristretta cerchia di intellettuali che hanno animato (ed elevato) la vita culturale della Città intorno agli anni '50
e '60. Notissima la canzone scritta in collaborazione con il maestro
Aniello Polsi
, dalla quale si ricava una semplice quanto
significativa lezione di saggezza popolare:
Na vote corre lu lebbre (Luciè)
.(Ogni node arrive a lu pettine)

(versi di G. Canci - musica di Aniello Polsi)


'Na vote pi' vidèrte, n' ci durmive,
passave e ripassave suspiranne ...
e tu da la finestre mi guardive
e 'na risata mi facive andanne.

Rit.: Ogne node arrive a lu pettine...
ah, ah, ah,
Ogne dente trove lu pane...
ah, ah, ah,
Se 'na vodde corre lu lebbre
e ... l' addre lu cane...
pi' sta vodde attocche a te,
Luciè, Luciè.

Massère tutte ggire a lu cuntrarie,
massère mi va lisce come l'ujje...
Tu cirche di vulerme pi' nu svarie,
ma i' ci facce passe nin ti vujje!

Rit.: Ogne node arrive a lu pettine,
ecc. ecc.

A fatte l'anne e ti facè la corte...
Lu core m'è guarite pi' furtune!
Billezza mè, chila passione è morte:
massère ride e cante pi' la lune!

Rit.: Ogne node arrive a lu pettine, ecc. ecc.
...stralcio da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2012