Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Vocabolario italiano-vastese
: Z
 
A
B
C
D
E
F
G
H
I
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
zabaione, uovo sbattuto: éuve sbattîute, (l'), s.m.
Zaccaria
: Zaccarëje, Zaccarë, n.p.p.
zaffata
, fetore, improvvisa ondata di odore acre e sgradevole: bafànne, bafàgne, sbafàgne, (la), s.f.
zafferano
: zuffràne, (lu), s.m.
zaffo, tappo, tampone: tàppe, teuràcce, (lu), s.m. / tappo, zaffo, cavicchio: zuaffe, zàffe, (lu), s.m. / tappo dell'alleggio: zappèlle, (lu), s.m. / attrezzo o cavicchio per la messa a dimora o trapiantare piante ortofrutticole e ortaggi: përe, (lu), s.m. / cavicchio, asse di legno per agganciare il timone del carro alle ritortole: cavécchie, (la), s.f.
zaino
: záine, (lu), s.m.
zampa, chela del granchio: zàmbe, (la), s.f.
zampata, calcio, colpo dato con la zampa: zambáune, (la), s.f. / ti do una zampata, un calcio: ti dìnghe 'na zambànne
zampetta: zambitelle, (la), s.f.; dim. di zàmbe, zampa
zampettare, saltellare: zumbilijé, zumbujá, zampié, v.
zampitto, ciocia, chiochiera, calzatura tradizionale dell'Italia centro meridionale anche parte intima femminile, vagina: còcche, (la), s.f. /
elegante calzatura anche camminata lunga e faticosa: scarpèine, (la), s.f. / scarpa: scarpe, (la), s.f., pl. li scarpe / scarpe: ciarabùtte, (li), pl. / scarpa piuttosto larga per camminarci: calasciáune, (lu), s.m. / scarpa (parte superiore): accrullatîure, (l'), s.f. / scarpa (parte della) anche spioncino, borchia della serratura: buccátte, (la), s.f. / scarpa da lavoro del contadino: scarpe di gruuàme, (la), s.f. /scarpaccia e anche scarpetta: ciambillátte, (la), s.f. / scarpetta per bambini: scarpitèlle, (la), s.f., pl. li scarpitèlle
zampogna
: zambàgne, (la), s.f.
zampognaro
anche suonatore di cornamusa e persona rozza: zambugnáre, zampugnáre, scupinàre, scupinére, scupunuáre, (lu), s.m., pl. li zambugnére, scupinére
zannuto: zannîute, agg.
zanzara
: zanzàre, (la), s.f., pl. li zanzère
zappa: záppe, (la), s.f.
zappa oltre la normale misura e usata per svellere le radici degli alberi: cavatëcchie, (lu), s.m./tàcchie
, (la), s.f.
zappa a due punte: bidènde, (lu), s.m.
zappare: zappá, v. / zappare con zappe leggere sulla superficie del terreno, sarchiare: zapparijé, v. / sarchiare: arizappilijé, arrannä, v., p.p. arrannäte / sarchiare, ripulire il seminato dalle erbacce: sarchiá
zappatori o mietitori
(ultimo della fila degli): cudacchiîre, (lu), s.m.
zappatura: zappatîure, (la), s.f.
zappone, anche l'attrezzo per rimescolare la malta: zappáune, (lu), s.m., pl. li zappihune, zzappùne
zattera di canne per la pesca sottocosta specialmente delle seppie: cannézze, cannízze, (la), s.f.
zavorra, riempimento murario: zzauárre, (la), s.f.
zazzera: zázzere, (la), s.f.
zecca, persona fastidiosa: zäcche, (la), s.f.
zecchinetta, gioco d'azzardo un tempo molto praticato nelle osterie e nelle cantine: zicchinátte, (la), s.f. /
nel gioco della zecchinetta, modo di chi paga tutti gli altri partecipanti: tòppe, (lu), s.m.
zeppa di legno; chiavi: chîgne, (lu), s.m.
zerro, pesce del genere spicara: maràteche, maràtele, marìtele, (la), s.f.
zeta: z, zzé
zia: zá, zià (davanti al nome), zijána, zìje, (la), s.f., dim. zizà, pl. li zijéne / mia zia: ziáneme; tua zia: zijánete
zingara: zanghere, (la), s.f.
zingaro: zuànghere, zángre, (lu), s.m. / capo di una comunità di nomadi: zungaráune, (lu), s.m.
zio
: zì (davanti al nome), ziáne, zijàne, zèje, (lu), s.m., dim. zizì, pl. li zijéne / mio zio: ziáneme; tuo zio: ziánete
zitella
: zzetèlle, (la), s.f.
zitto, muto: zëtte, zétte, agg. / muto: mîute, agg.

zitto zitto: zittènne zittènne, loc. avv. / mîupe mîupe, loc. avv.
zoccolo del cavallo
; zoccolo di uno spigolo; zoccolo di un muro; ciocco da ardere; tòppo; basamento di legno (in generale): zócchele, (lu), s.m.
zoccolo di un muro
; zoccolo di uno spigolo; zoccolo del cavallo; ciocco da ardere; tòppo; basamento di legno (in generale): zócchele, (lu), s.m.
zoccolo di uno spigolo
; zoccolo del cavallo; zoccolo di un muro; ciocco da ardere; tòppo; basamento di legno (in generale): zócchele, (lu), s.m.
zolfo
: zòlfe, (lu), s.m.
zolla di terra (grossa): turrupáune, murrecáune, (lu), s.m. / zolla di terra mista ad argilla: tirripáune, (lu), s.m.
zona, luogo, posto, parte, zona, sito anche vanno, voce del verbo andare: vânne, (la), s.f./v. / da questa parte: da sta vânne
zona di pesca
al largo della costa vastese: Ašpre, (l'), s.f.
zoppi (modo di procedere degli) o degli sciancati: ciángula ciànghele, loc. avv.
zoppicare: ciuppucá, v.
zoppo
: ciòppe, (lu), s.m./agg.
zotico, anche contadino, cafone: quafáune o cafáune, pl. li cafihune, zappatèrre, pl. li zappatèrre / bracciante a giornata, operaio giornaliero: jurnatàre, pl. li jurnatire, ajîute, (lu), s.m., pl. l'ajîute / contadino: bèrre di sàbbie, (lu), s.m. / contadino: cambaréule, (lu), s.m.
zoticone: cudicáune, (lu), s.m. / anche avaro, cacastecchi, spilorcio, taccagno, tirchio, restio nello spendere: pichéne, carlùcchie, carrucchiàre, agg./micragnáuse, cacasànghe, cacasëcche, cachitòšte, magnapidùcchie, quarrucchiàre, (lu), s.m. / anche individuo dalla figura meschina: cacazicchèine, (lu), s.m. / anche individuo allampanato: magnaruscìrte, (lu), s.m.
zucca, zucchina: chicàcce, (la), s.f., pl. li chicàcce; chicucciálle, (la), s.f., pl. li chicucciálle
zuccheriera: zuccarïre, (la), s.f.
zucchero: zícchere, (lu), s.m. / zucchero e albume mescolati per la preparazione di dolci: chiátre, (lu), s.m.
zucchina, zucca: chicucciálle, (la), s.f., pl. li chicucciálle; chicàcce, (la), s.f., pl. li chicàcce
zucchine cotte: chicucciáte, (la), s.f.
zuccone; ignorante: cócce di chicàcce
, (la), s.f.
zufolo, strumento a fiato di contadini o pastori, costituito di un cilindro cavo di bosso (o di canna), con alcuni fori per tasteggiare e un taglio trasversale, simile al flauto: ciuffèlle, (lu), s.m.
zuppa: zíppe, (la), s.f. / zuppa; minestra: minèštre, (la), s.f.
zuppa di pane con sale, origano, e olio e anche aglio: accasàle, acquasàle, (l'), s.f.
zuppa di minutaglia di pesce, generalmente in bianco: a lu uazzátte, loc. avv.
zuppa di pane, acqua, aceto, sale e aglio: capunàte, (la), s.f.
zuppa di pane e cipolla anche con peperone a fette, cipollata: cipulláte, (la), s.f.
zuppa di pesce (brodetto di pesce) costituita da varie specie, cotte in un tegame di coccio con pomodoro, prezzemolo, olio, aglio, listarelle di peperone: vrudátte, (lu), s.m.
zuppa di pesce dei contadini con modalità tradizionale ma con preponderanza di pesce azzurro: sgombri, aguglie, alici, cheppie, spesso piccoli muggini, seppie e cicale di mare; il tutto rinforzato con peperoncino piccante: vrudátte di li cafîune, (lu), s.m.
zuppa di pesce dei pescatori
(brodetto di bordo o della barca) con modalità diverse da quelle più comuni, con l'uso di varietà di pesci dalla carne dura (palombo, lucerna, scorfano, tràcina, razza, ecc.) con la cottura in un catino di rame zincato con aglio, cipolla, peperoni spesso piccanti e con l'aggiunta, talvolte di cozze: vrudátte di bbòrde o di la vàriche, (lu), s.m.
zuppiera
: zuppîre, (la), s.f.
zuppo, sudato: zzìppe, agg.