Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Vocabolario italiano-vastese
: V
 
A
B
C
D
E
F
G
H
I
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
Z

vacca: vácche, (la), s.f., pl. li vácche
vacca di mare o cefalóttera chiamato anche diavolo di mare, varietà di pesce: cihuàtte, (la), s.f.
vacca (il piccolo della), pecora o capra; si usa anche nell'accezione di cornuto: ciavàrre, (lu), s.m. / di agnello giovane: ciavàrre, agg.
vaccina
(riferito a carne): vaccëine
vaccinare, innestare: anništá, v. / vaccinare nuovamente: arništá, v.
vagabondaggio proprio dei gatti: 'n gattázze, loc. avv.
vagabondo; scansafatiche;
giramondo: vagabbìnde, (lu), s.m.; caminamànne, (lu), s.m. vagina: cîcce, ciucce, (la), s.f. / per dire di persona di bassa statura: n'arrive a vascià la ciuccie all'asene / organo sessuale femminile anche come agg. per dire scandalosa, indecente: ciònne, (la), s.f. / vulva, organo sessuale femminile: fàsse, gibbèrne, (la), s.f. / organo sessuale femminile anche di cosa, evento o persona gradevole, buona, soddisfacente: fràgne, (la), s.f. / la parte intima della donna: ciònne, (la), s.f.
vagina, parte intima femminile: ciavòtte, (la), s.f.
vagina, parte intima femminile; ciocia, zampitto, chiochiera, calzatura tradizionale dell'Italia centro meridionale: còcche, (la), s.f.
vagliare i cereali, setacciare: cungiá, v. / vagliare grano o altro, crivellare: cruvullá, v.
vaglio, crivello, staio, strumento per mondare graminacee e legumi: crivèlle,
cascatáure, (lu), s.m.
vai a farti fondere per poi essere colato di nuovo! (ad Agnone dalla famosa fonderia): ma vatt' a fa' riculuä... a Ddagnàne!
vai via di là!: sbascèsce foràlbe!, loc.
vaiolo
: mascarìlle, (lu), s.m.
vale molta roba, una gran quantità, numero: fréche, avv.
Valentino
: Valendëine, n.p.p.
valere
(non) anche moneta falsa: pàtacche, (la), s.f. / non vale niente: ni' vvale manghe 'na pàtacche
valere (non) nulla: fare schifo "a la paséule" / cappio anche nodo sfilabile fatto con spago: paséule, (la), s.f., pl. li paséle / nodo scorsoio fatto con stelo d'erba per catturare le lucertole: paséule, (la), s.f. / cappio, nodo scorsoio: cchiàppe, (lu), s.m.
Valeria: Valerie, n.p.p.
valico piuttosto difficoltoso: valicatîure, (lu), s.m.
valigia: balèisce, (la), s.f.
valigia
(piccola): balisciòtte, (la), s.f.
vallone
, corso d'acqua o senza: vualláune, (lu), s.m., pl. li valliune
valore di una cosa, qualità: qualetà, (la), s.f.
valutare un bene, una merce, un comportamento: apprizzá, v.
valva, conchiglia delle vongole: cùcchie, (la), s.f. / cornetto, conchiglia marina: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, fasolaro, noce,lamellibranco,tartufo, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze
/ varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
vampa di fuoco: làmbe, (la), s.f.
vampata
, fiamma improvvisa: vambànne, vambàte, (la), s.f. / vampata di calore; caldana; calore improvviso: fucáure, (lu), s.m., pl. li fuchîre
vanaglorioso, bravaccio, bugiardo, fanfarone, millantatore, spaccone, vantone: arcimbámbele, baggiàne, ggiannèzzere, pallunàre, sbrafànde o sbravànde, vandasciàre, agg./(lu), s.m. / frottolone o fanfarone: favucchiàre, papucchiàre, (lu), s.m. / raccontatore di frottole, menzognero: fafucchiàre, (lu), s.m.
Vangelo
: Vvangéle, (lu), s.m.
vanità, boria, millanteria, spacconeria: baggianarë, sbrafandarèjje, (la), s.f.
vanno, voce del verbo andare, anche luogo, posto, parte, zona, sito: vânne, v./(la), s.f. / da questa parte: da sta vânne / con quel maiale dove vanno? - lo vanno a vendere! - dove lo vanno a vendere? - lo vanno a vendere in un posto: nghi cchilu puôrche a ndo' vânne? - li vann' a vvanne! - a ndo' li vann' a vvanne? - li vann' a vvénn' a na vânne
vantone,
bravaccio, bugiardo, fanfarone, millantatore, spaccone, vanaglorioso: arcimbámbele, baggiàne, ggiannèzzere, pallunàre, sbrafànde o sbravànde, vandasciàre, agg./(lu), s.m. / frottolone o fanfarone: favucchiàre, papucchiàre, (lu), s.m. / raccontatore di frottole, menzognero: fafucchiàre, (lu), s.m.
varare
, mettere in mare la paranza, la barca: vará, v.
varco delle barche / luogo da dove si esce: ascitáure, ahiscitáure, (l'), s.f.
varechina
, candeggina: varechëine, (la), s.f.
varietà di piante, cucitolo o coda cavallina o erba rugna; mortaio per i fuochi artificiali: cudátte, (la), s.f.
varietà di uva che dà del buon vino: bammëine, (la), s.f.
varo (di uno scafo): vàre, (lu), s.m.
vasaio, pentolaio, fabbricante di terraglie: pignatàre, pugnatàre, vasàre, (lu), s.m.
vasca di metallo
per fare il bagno /
bacinella: bagnaréule, (la), s.f.
vasellame di qualità: faënze, (la), s.f.
vasetto di terracotta invetriata per tenervi l'olio, utello: ciucinèlle
, (lu), s.m. / orciolo: ciucinèlle, (lu), s.m.
vaso (piccolo) di terracotta per riporvi l'oliopaioletto: cucumìlle, (lu), s.m.
vaso da notte
, càntaro, pitale, orinale:
pisciatáure, zí peppe, (lu), s.m., pl. li pisciatîure / recipiente per raccogliere le feci: cacatáure, (lu), s.m., pl. li cacatîure
vaso di legno
adoperato soprattutto nella vendemmia, bigoncio: bbahànze, (lu), s.m., pl. li bbahînze / bigoncio (da legare al basto dell'asino): bahànze, buahanz, (lu), s.m., pl. li bahinze
vaso di rame
per allestire confetti: ciammìlle, (lu), s.m.
vasca di raccolta acqua sorgiva per irrigazione dei campi e altri utilizzi,
peschiera: pischîre, (la), s.f.
vaso di terracotta: cummutìlle
, (lu), s.m.
vassoietto: grimbetèlle, (la), s.f. / vassoio, catino, scodella molto larga: grìmbe, (la), s.f. /
vassoio: uandìre, (la), s.f. / vassoio ovale, guantiera, recipiente di terracotta smaltato per minestra: sbrellònghe, späse, (la), s.f., pl. li spàse
vassoio: uandìre, (la), s.f. / vassoio, catino, scodella molto larga: grìmbe, (la), s.f. / vassoietto: grimbetèlle, (la), s.f.
/
vassoio ovale, guantiera, recipiente di terracotta smaltato per minestra: sbrellònghe, späse, (la), s.f., pl. li spàse
vassoio ovale, guantiera,
recipiente di terracotta smaltato per minestra: sbrellònghe, späse, (la), s.f., pl. li spàse / vassoio: uandìre, (la), s.f. / vassoio, catino, scodella molto larga: grìmbe, (la), s.f. / vassoietto: grimbetèlle, (la), s.f.
vastese
, cittadino di Vasto: uaštaréle, (lu), s.m., pl. li uastarùle / uaštaréule, (lu), s.m., pl. li uastarùle / uaštarùle, (lu), s.m., pl. li uaštarùli / vastese (lu), s.m., pl. li vastesi / vastarole, (lu), s.m., pl. li vastaroli / huaštaréule, (lu), s.m., pl. li huaštarùle
Vasto
: Uašte, Huàšte, (Lu)
vattene!, vattene via!: vattìnne!, loc.
vattene via!
, vattene!: vattìnne!, loc.
ve
, vi: vî, a vvî, di vî, pr. pers. compl. m.f. pl.
vecchio
: vìcchije, (lu), s.m.; vìcchije, (la), s.f.; pl. li vìcchije
vecchio
(un) anche espressione per designare, anche in modo scherzoso, chi sta più in là che in qua: tandummèrghe, (lu), s.m.
veccia, pianta delle leguminose: vècce, (la), s.f.
vedere
, rendersi conto: avvidá, v. /
vedere, far luce, scorgere, discernere: allusscé, v. / ci vede poco: pòche ci allîssce
vedetta
: badàtte, (la), s.f.
vedova: védeve, (la), s.f.
vedovanza: viduhànze, (la), s.f.
veduta, vista: viditîure, vidîute, (la), s.f.
veggente
, santone, mago: mahàre, macàre, (lu), s.m.
veicolo
(vecchio) fuori uso: scangiàrre, (lu), s.m.
vela: vàle, (la), s.f.
vela di poppa: maggiáure, (la), s.f.
vela di randa: ràndele, (la), s.f.
vela grande: palaccáune, (lu), s.m.
vela piccola di poppa
: mangiamá, (la), s.f.
vela quadra: väìle latäine, (la), s.f.
vela triangolare anche fiocco, nappa, ciocca di capelli: fiócche, (lu), s.m.
velatura della barca
: vilatîure, (la), s.f.
veleno: uláïme, vuláïme, (lu), s.m. /
veleno anche tossico: tòsseche, (lu), s.m.
velenoso
,
persona di carattere asociale: vilináuse, 'ntussucáuse, agg.
vellicare, solleticare, fare solletico: ciliché, diliché, dilichijé, techelejé, v. / causare, provocare prurito: dilicàre, v. / solleticare, pizzicare: pizzicá, v.
vellicazione: dilicamìnde, (lu), s.m.
velluto
: villîute, (lu), s.m.
veloce veloce; faccenda da sbrigare in men che non si dica; alla svelta; subito: frijènne e magnànne, loc.
vena d'acqua; gugliata di seta; inizio; merce: cápe, (la), s.f.
vena d'acqua: cápe d'àcche, (lu), s.m.
Venanzio
: Venanzie, 'Mminànze, n.p.p.
vendemmia: villégne, vennàgne, vinnàgne, (la), s.f.
vendemmiare: viligná, v.
vendere: vannë, v., p.p. vinnîute / vendere, ammettere: ammátte, v. / vendere a credito, fare credenza: accridinzá, v. / vendere a prezzi ridotti per necessità:  abbarrucché, v. / vendere con scarso guadagno: abbarattá, v.
vendita all'incanto: a la 'ngandáte, loc. avv.
venditore: vennitáure, vinnitáure, (lu), s.m.
venditore o lavoratore di canapa anche canepaia, campo coltivato a canapa: canavàre, (lu), s.m.
venditore di arance
:
purtihallàre, (lu), s.m.
venditore di castagne, castagnàre, (lu), s.m.
venditore di immagini sacre o di oggetti di devozione: sandarillàre, (lu), s.m.
venditore di oggetti di devozione o di immagini sacre: sandarillàre, (lu), s.m.
venditore di panni poco pregiati: pannaréule, (lu), s.m. / principio della tela tessuta: pannaréule, (la), s.f.
venditore di prosciutti anche operaio di prosciuttificio: prisuttàre, (lu), s.m.
venditore di scamorze anche persona inetta: scamurzàre, (lu), s.m. / scamorza, bocconcino anche persona inetta: scamârze, (la), s.f.
venditore di stringhe: crijuláre, (lu), s.m.
venditore di teglie
: tijllàre, (lu), s.m.
venditore di vino; taverniere: candinìre, (lu), s.m.
venditrice di tarallucci: taralluccère, (la), s.f.
vene: väne, (li), pl.
venerdì: vennardè, vinnardè, (lu), s.m. / sabato: sàbbete, (lu), s.m. / domenica: dumuàniche, dumuàneche, (la), s.f. / lunedì: luneddë, lunuddë, (lu), s.m. / martedì: marteddè, (lu), s.m. / mercoledì: merculleddè, mercluddè, (lu), s.m. / giovedì: giuvuddé, ggiuvuddé, (lu), s.m.
venir meno, mancare: ammangá, mangá, v. /
venir meno ad un impegno, tornare a mangiare, rimangiarsi una promessa: arimagná, v. / venir meno ai propri interessi, trascurare, ritardare: attrassá, v. / il venir meno della fragranza nei liquori, far uscire aria: sbafá, v.
venire: minë, v., ind. pres. 1a s. vinghe, p.p. menîùte /
ritornare, tornare, tornare di nuovo, tornare indietro: ariminë, ariváttene, arivé, remené, 'rmené, v. / venire a capo, raccogliere, separare i buoni dai cattivi: aricapä, v. / selezionare, scegliere proprio dei legumi: aricapá, v. /  raccogliere, restringere, accoppiare, accoccare, mettere insieme, rimediare qualche cosa: accucchié, arištrágne, v. / raccogliere: ariccòje, ariccòjjë, raccójjë, v. /
venire a diverbio, appiccicare: appicciché, v. /
venire a lite, crescita dei polloni sulla pianta: 'ncacchiá, v.
ventaglio: vindàjje, vendàje, vendàjje, vundaie, (lu), s.m., pl. li vindêie / si fa vento con il ventaglio: si méne lu vènde nghe lu vendàje / ventaglio della forma simile al pettine: caništralle, (lu), s.m. / ventaglio, pettine: còppa sànde, papasònne o papasànde, (la), s.f.
ventaglio della forma simile al pettine: caništralle, (lu), s.m. / ventaglio, pettine: còppa sànde, papasònne o papasànde, (la), s.f. / ventaglio: vindàjje, vendàje, vendàjje, vundaie, (lu), s.m., pl. li vindêie / si fa vento con il ventaglio: si méne lu vènde nghe lu vendàje
venti
: vënde, agg. num., card.
venticello
, refolo: filippëine, (la), s.f.
ventilare
, spulare: vindilijé, v.
ventina
(una): vindène, (la), s.f.
ventinove
: vindinéve, agg. num., card.
vento
: vènde, vuènde, (lu), s.m., pl. li vinde / vento forte, turbine: nu cëfere di vènde
vento a raffiche
: vènd' a pizze, (lu), s.m.
vento (alito di): bbàfe di vènde, (la), s..f. 
vento caldo di ponente
, favonio: faùnïe, fahàgne, (lu), s.m.
vento da maestro, maestrale: maištràle, majáštre, (lu), s.m.
vento di meridione: oštre, (l'), s.m.
vento di terra anche brezza dai monti: turräne, (lu), s.m.
vento di tramontana: vènde tramundàne, putendàzze, (lu), s.m.; vòrije, (la), s.f.
vento forte, turbine: cëfere (lu), s.m. / nu cëfere di vènde
vento freddo
apportatore di neve o di burrasche: viendàre, (lu), s.m. / vento freddo, glaciale: filippëine, (la), s.f.
vento freddo proveniente dalla Majella
: majelláise, (lu), s.m.
vento furioso, di tempesta: vindilatùrie, (lu), s.m.
vento in faccia: vènde 'n bbàcce, (lu), s.m.
vento in filo: vènd' a ffile, (lu), s.m.
vento solo al largo: vènde fazze, (lu), s.m.
ventotto
: vind'ôtte, agg. num., card.
ventre, trippa anche pietanza fatta con lo stomaco dei bovini: trèppe, (la), s.f.

ventresca
o lardo di maiale: vindràsche, vintràsche, (la), s.f. / lardo: làrde, (lu), s.m.
ventricolo
degli uomini o anche dei ruminanti: cende vìrze
, (lu), s.m.
ventricolo
dei ruminanti, o anche degli uomini: cende vìrze
, (lu), s.m.
ventriglio
: frucëine, fruscëine, vruscëine, (lu), s.m.
ventun'ora
: vindunuàre (la); nell'orario canonico, che iniziava all'imbrunire, alle 18 d'inverno ed alle 19 in estate, il calcolo della giornata è funzionale al corso del sole. La vindinuàre, oltre a segnare il termine del lavoro, indicava anche la cena del lavoratore
ventura
, pronostico, predizione: vindîure, (la), s.f. / predizione, oroscopo: pianäte, (la), s.f.
verace
, autentico, ma anche arrogantedispettoso, di individuo burbero: šcattàte, agg.

veramente
, davvero: luvuàre, luvuáire, addibbéune, addavàire, daváire, de bbòne, avv.
verde: virde, vèrde, agg.
verdesca o squalo azzurro: pandadènde, (lu), s.m. / verdesca: virdàšche, (la), s.f. / palombo: paláumme, (lu), s.m. / palombo, gattuccio di mare: caccinèlle di mare, (lu), s.m.
verdona, pesce del genere mora: verdona, virdáune, (lu), s.m.
verdone, uccello del genere cardellino
: pettevèrde, (lu), s.m.
verdura, erbe, ortaggi: virdìre, virdîre, virdïure, a la uaštarele, (la), s.f. / il mercato, la piazza delle erbe: la piazze de la virdïure / bieta, bietola, verdura coltivata: bïàte, bbiàte, bbiéte, (la), s.f. / bietola spontanea, verdura: bietàlle, (la), s.f. / cappuccia, cavolo cappuccio, verza, verzotta: cappîcce, verzètte, verzotte, virzòtte, (la), s.f., pl. li cappîcce, li verzotte / cappuccio: quappìcce, (lu), s.m. / cavolo verzotto: bulugnáise, (la), s.f. / carciofo: scarciófene, (la), s.f., pl. li scarciófene / cardo: quàrde, (lu), s.m. / cardone, pianta di carciofo e non cardo: cardàne, (lu), s.m., pl. li cardìne / cavolfiore: capefiàre, caffijàre, (lu), s.m., pl. li caffijüre; bianchi e neri: bienche e nnèire / cetriolo: melànghele, (la), s.f. / fava: fáfe, (la), s.f. / finocchio: finùcchie, (lu), s.m. / insalata, lattuga: 'nzálate, nzaläte, (la), s.f. / insalata mista: fujj'ammèsche, (la), s.f., pl. li fujj'ammèsche, detta anche "misticanze", insalata nella quale si mischiano, condite con aceto, olio extra vergine d'oliva e sale: indivia, lattuga, cicoria, finocchi, rucola, aglio e carote con qualche fogliolina di mentuccia / melanzana: milignàme, (la), s.f., pl. li milignàme / patata: patáne, (la), s.f. / pomodoro: pammadére, pammadéure, (la), s.f., pl. li pammadére; bottiglie di solo pelati: bbuttèje di pammadéure; di sola salsa: bbuttèje di sâzze / sedano: làcce, (lu), s.m. / zucca: chicàcce, (la), s.f., pl. li chicàcce / zucchina: chicucciàlle, (la), s.f.

verdura coltivata, bieta, bietola: bïàte, bbiàte, bbiéte, (la), s.f.
verdura spontanea
,
cicoria matta o di campagna, grespigno, tipo di cicoria che nasce spontanea nei campi, usata come insalata che cotta: cicurelle, casciàgne, cascigne, cascëgne, cascègne, (la), s.f. / di persona sgarbata: cascègne, (la), s.f.

verdura spontanea
, bietola: bietàlle, (la), s.f.
verdure, radicchio; cicoria: cichéure
(la), s.f., s.f., pl. li cichère
verdura in generale
, foglia: fòjje, (la), s.f., pl. li fùjje
vergine: vèrgene, agg.
verginella, giovinetta: virginèlle, (la), s.f.

vergogna
, anche di cosa o circostanza che suscita scandalo o riprovazione: vruvugnarëje, (la), s.f. / vergogna anche nel senso di sesso: vrivàgne, (la), s.f. / vergogna!: facciasalve, int.
vergognarsi: abbruvurgnárese, bruvurgnàrese, verhugniérese, v.
vergognoso
, timido: abbruvugnáuse, agg.
vergognoso: cundugnáuse, agg. / uccello simile al picchio: cundugnáuse, (la), s.f.
verificare
(le intenzioni di una persona): attindá, v.
verità
: veretà, (la), s.f.
verme: vèrme, vuèrme, uèrme, (lu), s.m. / verme, bruco: vèrve, (lu), s.m.
vermena verde (ramoscello giovane, sottile e flessibile) per legare fascine e altro: tórtele, (la), s.f.
vermifugo, specie per i bambini: condravîrme, (lu), s.m.
verminara
, disturbi intestinali, patologia ricorrente nei bambini per la presenza di vermi nell'intestino: virminàre, (la), s.f.
verminoso
: virmináuse, agg.
vernacolo, parlata, dialetto: parlatîure, (la), s.f.
vernice: virnèice, (la), s.f.
verniciare: virniciá, v.
vero: uàire, luvuàre, agg. / uàre, (lu), s.m. / è vero: è llu uàre
Veronica
: Veròniche, n.p.p.
verro, maschio della scrofa, cinghiale: vèrre, (lu), s.m.
verricello sotto il carro per tenere tese le funi del carico: verracäne, (lu), s.m.
versare facendo rovesciare il liquido: aritrammuccá
, v. / versare un liquido, inchinare, restare al verde: ammuccá, v.
verso
della gallina dopo aver deposto l'uovo: cacarïjé
, v. / verso disdicevole da parte di un uomo nel vedere una bella donna, nitrire: annicchiá, v. / verso su, su per: ammànde, avv.
verza
, verzotta, cappuccia, cavolo cappuccio, verdura, cavolo
a forma di cappuccio o di palla: verzètte, verzotte, virzòtte, cappîcce, (la), s.f., pl. li cappîcce, li verzotte
verzotta
, verza, cappuccia, cavolo cappuccio, verdura, cavolo
a forma di cappuccio o di palla: verzètte, verzotte, virzòtte, cappîcce, (la), s.f., pl. li cappîcce, li verzotte
vescica
: viscéche, (la), s.f. / vescica; bolla: 'mbàlle, (la), s.f.
vescovo
: vàscheve, vuàscheve, ccusumatáure, (lu), s.m.
vespa, ape: vèšpa,
ápe, làpe, (la), s.f., pl. li läpe
vespillone, becchino, addetto al servizio funebre, beccamorto: beccamùrte, carijamùrte, cariamùrte, (lu), s.m. / custode di cimitero anche becchino: cambesandàre, quambisantàre, (lu), s.m., pl. li cambisantàre /varietà di conchiglia: cariamùrte, (lu), s.m.
vespone
: lapáune, (lu), s.m.
vespro
(buon): bommèspere, (lu), s.m.
vestaglia: vištàje, (la), s.f.
veste (di chi) con eleganza frivola e disinvolta: ammartináte, agg.
veste femminile (antica): candîssce, (la), s.f.
vestirsi di tutto punto, mettersi in mostra: arimbuzzá , v.
vestito anche l'insieme dell'abbigliamento: vìštitîure, (la), s.f.
veterinario
: vitirinàrie, (lu), s.m.
vetraio
: vetràre, vutràre, (lu), s.m.
vetro: vrëite, vrëte, grëite, grëte, (lu), s.m.
vetta, cima; capo di una canapa, di una gomena: cëime, ciàime, (la), s.f.
vetturetta, autobus di pochi posti, macchinetta, anche, attrezzi di vario genere; attrezzo del calzolaio per lucidare il cuoio: machinátte, (la), s.f.
vezzo
; ornamento di perle: cungérte
, (lu), s.m.
vezzo; cerimonia; omaggio: cirimònie, cirimòneje, (la), s.f.
vezzo di gioielli
, ornamento; ciondolo: brellòcche, (lu), s.m.
vi, ci: ci, ccí, ggì, avv. e pron. / spesso con valore pleonastico: ci vai al mare?, ci vì a li muàre?; ci sono andato, i cijàjje îute / con funzione di riciprocità ci, vi: , i, avv. - ci vediamo stasera: i vidàme massáre
vi, ve: vî, a vvî, di vî, pr. pers. compl. m.f. pl.
via, strada: vëjje, vèjje (la), s.f., dim. vijarélle / strada statale, in genere, asfaltata: la vëjje néuve, vianéuve, (la), s.f. / via per dove si scende: calatáure, (la), s.f.
via
(il)-vai: hìintre e hìsce, truàsce e jisce, (lu), s.m.
via lattea: vi di ráume, (la), s.f.
via! su! finiscila!: mèine!
viaggio
: viàjje, (lu), s.m.
viaticale
, commerciante ambulante, conduttore di carri, viaticaro vetturale: viaticàre, (lu), s.m.
viaticaro vetturale, conduttore di carri, viaticale, commerciante ambulante: viaticàre, (lu), s.m.
vicinato: vicinàte, (lu), s.m.
vicino, accanto, rasente: aèsse, accànde, rènde, avv. / vicino, nei pressi: davicëine, avv. / vicino: vicëine, rènde, agg. / strettamente vicino: rènde rènde, loc. avv. / rasente rasente: rènde rènde, lònghe lònghe, loc. avv.
vicino, appresso: apprèsse, prep.
vicino vicino: a murr' mmurr, loc. avv.
vicolo
: vëiche, (lu), s.m.; rùve, (la), s.f.
vieni qui!: annécche!
vigile urbano
: huàrdie, (la), s.f.
vigilia: viggèjje, (la), s.f.
vigna
, vigneto: vëgne, vègne (la), s.f., pl. li vègne
vigna a pergolato: capannäte, (lu), s.m.
vigneto
, vigna: vëgne, vègne, (la,), s.f., pl. li vègne
vigneto aereo
per uva da tavola:
pruvulate, (la), s.f., pl. li pruvulate
vile
, pauroso: vèile, agg. / pauroso: mirdàse, agg. / pauroso, cacone: cacaráune, (lu), s.m.
villa
, casino di campagna, giardini pubblici: vèlle, (la), s.f.
villeggiante: casinànde, (lu), s.m.
villetta di campagna: casalëine, (lu), s.m.
vilucchio di fiori bianchi
, propri delle siepi o delle fratte: crijulàune, (lu), s.m.
viluppo, scaracchio, tuorlo d'uovo: vilòccë, (lu), s.m. /scaracchio, sputo, espettorato: gràsce, (lu), s.m. anche abbondanza in genere di cibo: gràsce, (la), s.f. / viluppo di erbe: crijòle, (lu), s.m.
vinacce
: munacce, (lu), s.m., non ha plurale
Vincenzo
: Vincènze, n.p.p., dim. Vincinzëine, Cenzìne
vincere, sopraffare: avvánge, vàngë, v.
vincita: véngite, (la), s.f.
vincolare: pirlihá, v.
vincolato: pirliháte, agg.
vinello
: acquàte, (l'), s.f. / vino alquanto debole: acquatìlle, (l'), s.f. / riferito a vino leggero: calarèlle, agg. / vino: vëine, (lu), s.m.
vino
: vëine, (lu), s.m. / vinello: acquàte, (l'), s.f. / vino alquanto debole: acquatìlle, (l'), s.f. / riferito a vino leggero: calarèlle, agg. / vino adulterato con acqua: '
nnaqquanëite, agg. / vino di mediocre qualità, pervenuto dalla cottura dell'uva: cuttácce, (lu), s.m. / vino o roba scadenti: ciafé, (lu), s.m. / vino dal sapore acidoso: citálle, agg. / vino di colore rosato: cirascéule, (lu), s.m. / vino ottenuto con mosto filtrato nella calza: vin' a ccappìcce, (lu), s.m. / varietà di vino ottenuto con addizione e sottrazione: caccemmëtte, (lu), s.m. / brillantezza del vino, chiarenza: chiarènze, (la), s.f. / acerbo, riferito al vino o alla frutta: aritirágne, agg.;  acerbo: àchere, cèreve, cièreve, agg. 
vinta (averla): vingitòrie, (la), s.f.
vinto, disfatto: annichiléte, agg.
viola: viéule, (la), s.f. / viola (colore): vejulàte, agg.
violino: viïléine, (lu), s.m.
viottolo, sentiero: viarèlle, (la), s.f. / sentiero, straducola, stradina, strada di campagna, stradella (piccolo passaggio): ruàlle, (la), s.f., pl. li ruàlle / piccolo sentiero: ruvarèlle, (la), s.f.
vipera: vépere, (la), s.f. / vipera dal potente veleno: guardapàsse, (lu), s.m.
Virgilio: Virgëlie, n.p.p.
Virginia: Virginie, n.p.p.
virtù: virtùta, (la), s.f.
viscido di sego, sudicio: 'nzilláuse, agg.
visciola, varietà di ciliegia: visciéule, véscele, (la), s.f., (li), pl.
visiera, tesa del cappello, della coppola: visïre, (la), s.f.
visita: vèsete, (la), s.f.
visita di leva: a la misîure, s.f.
visita inaspettata; improvvisata: imbruvvusáte, 'mbruvisáte, (la), s.f.
viso, volto, faccia: fàcce, (la), s.f., pl. li fàcce /
viso pieno di segni dell’acne, anche del vaiolo: pinticchiáte, agg. /
butterato: carpécate, agg.
vista; facoltà fisica di vedere, uno dei cinque sensi: vìšte, vèšte, vëste, (la), s.f. / vista, veduta: viditîure, vidîute, (la), s.f.
visto e considerato / stando così le cose: ggià ch'é quàsse
vita, pelle, corpo, cuoio: cùrie, (lu), s.m. / vita: vëite, vëte, (la), s.f.
vita; eliminare qualcuno, fargli la festa: gióbbe, (la), s.f. / adesso ti levo la vita: mo' ti facce la gióbbe
vita (a): a 'm mìte, loc. avv.
Vitale
: Vitale, n.p.p., dim. Vitalëine, Vitalicce, Vitalucce
Vitaliano: Vitaliane, n.p.p.
vitalismo fisiologico, vivacità: rizzèlle, (la), s.f.
vite, attrezzo di commessura: vèïte, (la), s.f.
vite (ceppaia di): vitécce, (la), s.f.
vite (varietà di): vetègne, (lu), s.m.
vitella: vetélla, (la), s.f.
vitello anche tinello anche contenitore per olio: vótene, (lu), s.m. / vitello: vutêlle, vutélle, (lu), s.m. pl. li vitille
viti ad arco (modo di unire le): a cambrátte, loc. avv.
Vito: Vito, n.p.p., dim. Vitarille, Viticce, Vitucce
Vittore: Vittàure, n.p.p.
Vittoria: Vittorie, n.p.p.
Vittorio: Vittorie, n.p.p.
vituperio
: vitupèrie, (lu), s.m.
vivace, arzillo: rizzillîute, agg. / arzillo: arzèlle, (l'), s.m.
vivacità anche forfora: rìsce, rîusce, (la), s.f. /
vivacità, vitalismo fisiologico: rizzèlle, (la), s.f.
vivanda che prende d'acido: fuštägne, agg.
vivanda con pan grattato e origano: arracanáte, agg.
vivo: véive, agg.
viziare
: vizjé, v.
viziato
: vezïàte, agg.
vizio: vézie, (lu), s.m. / vizio; malattia oscura: mahágne, (la), s.f.
vizzo, appassito: ammusciulëite, agg.
vocabolario
: vucabbulàrie, (lu), s.m.
voce
: vâuce, (la), s.f., pl. li vùce
voce infantile per indicare i dolci: bobbò, (lu), s.m. / bubbone di origine venerea: bobbò, (lu), s.m.
voce di richiamo del montone: chèzze chèzze, loc.
voce o parere unanime: dicènde, loc.
voce per allontanare il cane
: murciallá, loc.
voce per chiamare il cane: zuzú, (lu), s.m. / appellativo infantile rivolto al cane: ciuciù
, (lu), s.m. / cane: zuzú, (lu), s.m. / cane: cáne, quàne, (lu), s.m., pl. li chéne / cani e cani non si mordono: chéne' e chéne 'n 'zi máccechene, (fig.)
voci per scacciare i maiali
: purciallà!, cisse!, loc. / maiale: porce, porche, carufátte, (lu), s.m., pl. li purce, purche / maiale piccolo, porcellino: purchátte, purchittàlle, (lu), s.m., pl. li pirchètte / porchetto: zighinìlle, (lu), s.m. / maialini, porcellini: priccellicce, s.m., (li) / fig. famiglia numerosa, gruppetto di maialini, (è tornato un cafone da San Lorenzo con tutti i suoi figli (tanti): è riminìute 'nu cuafàune da Sande Llurénze nghe 'na màrre di...) / maiale di grossa mole ma con poco grasso: cavallágne, (lu), s.m. / maialino al forno, porchetta: purcátte, (la), s.f.
vogare
: vucá, v.
vogata: vucáte, (la), s.f.
vogatore: vucatáure, (lu), s.m.
voglia, desiderio: vulèjje, vulije, vòjje, vòje, (la), s.f.
voglia
(di mala): condrachéure, avv.
voi
: vî, pr. 2a pers. sog. m.f. pl. / voi (a): 'vvì (a), pron.
volare, volere: vulá, v.
volere, volare: vulá, v. / volere: vulé, v.; ind. pres. 1a s., vùjje
volesse Iddio!, magari!: fusse' lu Dduè!, fusse chilu Dduè!
volontà
: vulundà, (la), s.f.
volpe
: hálepe, (la), s.f., pl. li hilpe, alupue, (la), s.f., pl. hilupue / fig. cioè è fatta: non c'è più niente da fare: é fricàte la hálepe
volpe; carbonella; parassita del grano e dell'orzo: carivunèlle, (la), s.f. / carbonella: carvunèlle, (la), s.f.
volpeggiare, raggirare: vulupié, v. / raggirare, abbindolare: zingariá, v. / raggirare, abboccare: abbuccá, v. / raggirare, ingannare: gnucchélé, v. / acchiappare, afferrare, cogliere, ingannare, prendere, prendere alla sprovvista: acchiappá, 'cchiappá, còjjë, p.p. còdde, inganná, 'nganná, pijjá, v. / prendere il sonno: 'nganná lu sonne, v. /
imbrogliare, intorbidare: arindruvutá, v. / imbrogliare, ingannare: nganné, buzzarrá, v. / abbindolare, picchiare, dare: attarruná, v.
volpino (chi ha carattere e aspetto): vulpàgne, agg.
volta, soffitto: làmmie, (la), s.f.
volta (una), un tempo; allora; l'anno scorso, l'altro anno: andànne, alláure, avv. / volta: vòdde, vote / i tempi di una volta: li timbe de na vòdde / i bei tempi di una volta: li bille timbe de na vodde  
voltafaccia
: voddàfacce, ggiravòdde, (lu), s.m.
voltare, vuotare, girare: vuddá, v. / voltare di nuovo: arivuddá, v.
volto
, faccia, viso: fàcce, (la), s.f., pl. li fàcce
vomitare, récere, scaricare, rigettare: arrijettá,
arijittá, rijttá, vummacá, v. / vomitare di nuovo, tornare a sparlare: arivummacá, v.
vomitevole, vomitoso: vummaccáuse, agg.
vomito: vòmeche, (lu), s.m.
vomitoso
, vomitevole: vummaccáuse, agg.
vongola, conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, fasolaro, noce,lamellibranco, tartufo, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze / conchiglia marina, cornetto: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
vopa, boga, pesce della famiglia degli sparidi: hépe, éupe, vòpe, bbàbbe, (la), s.f.
vortice d'acqua: mulinèlle, (lu), s.m.
vortice di vento: rrvuddîure, (la), s.f.
vossignoria, vocativo rivolto al padre, usato in ambiente contadino: siggnurë, signuré / signore, anche persona rispettabile: siggnàure, signáure, signá, (lu), s.m. / signora, anche persona rispettabile: siggnàura, signá, (la), s.f.
vostra
, vostro: vòštre, agg./pron. poss.
vostre
, vostri: vustre, agg./pron. poss.
vostri
, vostre vustre, agg./pron. poss.
vostro
, vostra: vòstre, agg./pron. poss.
votare
: vutá, v.
votazione: vutaziáune, (la), s.f., pl li vutazjîne
vrànghele
: pesce marino, (lu), s.m.
vrudàtte
: brodetto di pesce, (lu), s.m.
vulva, organo sessuale femminile: fàsse, gibbèrne, (la), s.f. / organo sessuale femm.: ciònne (la), s.f., anche come agg. per dire scandalosa, indecente / vagina: cîcce, ciucce, (la), s.f. / per dire di persona di bassa statura: n'arrive a vascià la ciuccie all'asene / organo sessuale femminile anche di cosa, evento o persona gradevole, buona, soddisfacente: fràgne, (la), s.f. / la parte intima della donna: ciònne, (la), s.f.
vuotare, voltare, girare: vuddá / vuotare l'acqua da un recipiente, da un luogo, asciugare: assiccá, v. / asciugare: assuqué, v. / asciugare la legna accosto al fuoco: abbidicá, v. / vuotare, travasare, defecare: divacá, , v., ant.
vuoto, mancante: vùdde, vacànde, agg. / mancante: mangànde, agg.
vuoto dell'imbottitura del basto: còppe, (lu), s.m.