Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Vocabolario italiano-vastese
: U
 
A
B
C
D
E
F
G
H
I
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
V
Z
u, (la): u
Ubaldo
: Ubbualde, n.p.p.
ubriacare
: 'mbrijacá, ingiuci
á, v.

ubriacarsi, prendere una sbornia: 'mbaccárse, 'ngelmárse, 'nciucené, v.
ubriacatura (forte): ceppacindràlle
ubriaco
: 'mbrijáche,
'mbriàche,
ingiuciàte, 'ngiuciàte, agg./(lu), s.m., pl. li 'mbrijéche / ubriaco, beone: ciälme, ciullandònie, agg./(lu), s.m. / ubriaco, persona in preda a delle passioni amorose: 'nciucianëite, agg.
uccellaccio, uccellone, uccello di grosse dimensioni: cillacchie, (lu), s.m.
uccelletto; baco dei legumi secchi; specie di cimice; insetto dannoso all'agricoltura; parte della serratura; pene infantile: cillátte, (lu), s.m., pl. li cillètte
uccelli che si nutrono di mosche; pigliamosche: 'cchiappamàschele, (lu), s.m.
uccellino
: ciullatte, (lu), s.m.:
uccello anche membro virile: célle, (lu), s.m /
membro virile: célle, (la), s.f. / membro virile anche coltello del macellaio anche scandaglio: scanàjje, (lu), s.m.
uccello dei rapaci: falcunàtte, (lu), s.m., pl. li falichinètte / falco: fáleche, (lu), s.m. / falco: ŝtol' e ŝtole, (lu), s.m., pl. li ŝtul' e ŝtule
uccello, piccolo, rapace: falichinàtte, (lu), s.m., pl. li falichinètte / frèca vênte, (lu), s.m., pl. li freca vinte
uccello di passo: ciaccià, (lu), s.m.; cráule, (la), s.f.
uccello notturno, assiolo: cchiéule, (lu), s.m.
uccello (piccolo), culbianco: cotabiànche, (la), s.f.
specie di uccello, averla, passeraceo: cràšte, (la), s.f. / l'hanno massacrato di botte: l'ànne abbuttáte 'gne 'na cràšte, fig.
uccello simile alla cornacchia; maciulla; gramola: ciàvele, (la), s.f.
uccello simile al picchio: cundugnáuse, (la), s.f. / vergognoso: cundugnáuse, agg.
uccellone, uccellaccio, uccello di grosse dimensioni: cillacchie, (lu), s.m.
uccidere, ammazzare: accëite, v., ind. pres. pers. sing. accëise, 3 per. pl. accid'n, p.p. accëise, ammazzá, v. / nel senso di sentirsi stanco: mi sénd accëise / imprecazione: chi sci 'ccëise /
uccidere colpendo la fronte, alla stregua dei buoi nel mattatoio: annuqquá, v.
uccisione (l') dei maiali, mattatoio: scannájje, (lu), s.m. /
scannatoio, ripiano di legno dove si uccidono i maiali, mattatoio: scannatáure, (lu), s.m.
udienza in senso giuridico, ascolto: diînze, (la), s.f.
ufo (a), gratis, senza pagare, a sbafo, gratis: îffe, hîffe (a), uffe (a), loc. avv.
uggia, tedio: rìjje, (la), s.f.
uggia (in); odio (in), avv.: 'mbùzze
uggiolare, guaire, dolorare, soffrire per traslato: vramá, v.
uggioso; noioso
: calignáuse, agg.
Ugo: Ùghe, n.p.p.
ugola; tonsille: garzamìlle, (li), pl.
uguale: uhuàle, agg. /
uguale, simile, agg.: precìse, spiccichete
/ è uguale a me: é precìse a mmà
ulcera gastrica: írgine, (l'), s.m.
ulcera venosa nella zampa del cavallo di solito cicatrizzata, giarda: jàrde, (la), s.f.
ulivo: uléive, 'léive, (l'), (la), s.f.
ultimo (fare) ultimo: ciacciachèule, îtime, lîtime, (lu), (l'), s.m./agg.
ultimo della fila degli mietitori o zappatori: cudacchiîre, (lu), s.m. 
ultimo della fila degli zappatori o mietitori: cudacchiîre, (lu), s.m.
Umberto: Umbuèrte, n.p.p.
umido: imide, agg.
umile dimora, bicocca: bachîcche, (la), s.f.
un
, uno: n', 'nu, art. ind.
un po' alla volta, cioè: a préte a préte, loc. avv.
un pochino, un tantino; minuscola briciola: mijjecàlle, mejechèlle, (la), s.f. 
un poco: ccáune, ccóne, 'nu ccóne, 'nu qquáune, avv. / pochino pochino: ccóne, loc. avv.
un poco di buono, mascalzone: bonapézze, galuppëine, (lu), s.m.
un poco di buono; pirata: cignótte, (lu), s.m., usato perlopiù al pl. li cignùtte per indicare i pirati provenienti da Dulcigno
un pochetto: 'nzàgne, (la), s.f.
un tantino, un pochino; minuscola briciola: mijjecàlle, mejechèlle, (la), s.f.
una
, un': 'na, art. ind.
una donna truccata
: 'na fémmen 'arepeccàte
una mamma ed una figlia riescono ad entrare in una bottiglia: 'na mamme e 'na fëje cape déntr' a 'na bbuttëje
una ventina: vindène, (la), s.f.
una volta; allora; l'anno scorso: andànne, avv.
uncino, gancio: hànge, angìne, ungëine, (lu), (l'), s.m. / gancio della catena del camino a cui si si appende il paiolo: quatinàre, (lu), s.m. / gancio della catena anche gancio dell'estremità dell'anello dell'ancora: cóccele, (la), s.f. / uncino per raccogliere il secchio nel pozzo: ruácchie, ruàppe, (lu), s.m.
uncino per raccogliere il secchio nel pozzo: ruácchie, ruàppe, (lu), s.m. /
uncino, gancio: hànge, angìne, ungëine, (lu), (l'), s.m. / gancio della catena del camino a cui si si appende il paiolo: quatinàre, (lu), s.m. / gancio della catena anche gancio dell'estremità dell'anello dell'ancora: cóccele, (la), s.f.
undici: înice, agg.
ungere: àgnë, v., p.p. ànde /
ungere con sego, insegare: 'nzivá, v.
unghia: ìgne, àgne, (l'), s.f. / unghia incarnita: 'ncarnéte, agg. /
unghia di animale, artiglio: 'ràmbe, (lu), s.m. / artiglio di rapace: gràmbe, (la), s.f. / unghie del gatto: carfîlle, (li) pl.
unguento: 'nguènde, (lu), s.m.
unico
: íniche, agg.
uniforme, di persona tarchiata e grassa, spianato: chiátte, agg. / uniforme, dappertutto: sócce, sócce sócce, sóccia sócce, avv. / è caduta la neve dappertutto nella stessa misura: ha ninghîute sóccia sócce
unire
, congiungere: ahuné, aunë, v.
/ unire: arignagnë, v. / unire, arruffare, avvolgere: 'ncatricchiá, v. / unire le viti (a due a due) tra di loro: fá a cambrêtte, v. /congiungere due pezzi di legno: ammiccé, v. / congiungere, assestare: cugnágnë, v.
unità di misura monetaria, grana (due tornesi): 'rràne, (la), s.f.

unità di peso, chilo: chëile, (lu), s.m. / chilata: chilanne; una chilata di maccheroni ciascuno: 'na chilanne di maccarîune pidîune
uno, un: n', 'nu, art. ind.
uno: hîune, agg./pron.
uno che fa tutto facile: faciláune, (lu), s.m.

unto, sporco: '
nzacchiliëte, agg. / unto: ànde, agg./(l'), s.m. / pane unto e pomodoro: pane ánde e pammadéure
uomini in generale
: ummunèine, (li), s.m., pl.
uomo
: éume, òmnene, óme, hòmmene, (l'), s.m., pl. (l'), (lu), ùmmene, hùmmene / si dice, dicono, lòme dëice; l'hanno detto: l'òme ditte / l'hanno cacciato: l'òme cacciàte / uomo; persona o tipo di cui si parla con astuta allusione: bèrre, bbèrre, bersàbbele, (lu), s.m.
uomo addetto al trappeto
o frantoio, frantoiano: trappetàre, (lu), s.m.
uomo basso: ummunàlle, (l'), s.m.
uomo che sfoggia abiti ridicoli, anche amante del vino: zichécche, (lu), s.m.
uomo che ha assidua pratica con le donne: cillëine,
(lu), s.m. / furbo, sveglio, intelligente: cillëine, agg. / furbo, astuto, scaltro: fìrbe, agg. / furbacchione, persona vivace: rócile, (lu), s.m. / tipo furbo e vivace: rottaluquîule, (lu), s.m. / scaltro (paraculo): paraquîule, (lu), s.m. / scaltro, accorto, anche esperto, istruito, saccente: saputìlle, (lu), s.m.
uomo crivellato di ferite: catùcchie, (lu), s.m. / a pezzi: a catùcchie , loc. avv.
uomo da nulla; dappoco; poverso in arnese; miserabile; nomignolo: cattàvëine, ccattàvëine (lu), s.m.
uomo dappoco; da nulla; poverso in arnese; miserabile; nomignolo: cattàvëine, ccattàvëine (lu), s.m.
uomo di chiesa, che assiste il prete ed ha spesso voce stridula: petràcchie, (lu), s.m.
uomo di minuta conformazione
: bizutàlle, (lu), s.m.
uomo di poco valore, babbeo, sciocco: chiachiìlle, agg./(lu), s.m.
uomo grosso e robusto: marcandònie, (lu), s.m.
uomo poco serio anche pulcinella: pugginèlle, (lu), s.m.
uova al tegamino: ùcchie di véuve, (l'), pl.
uova di pesce
: ehue, (l'), s.f.
uova di pidocchi o di pulci nel capo, lendine: lìnere, jènnile, (lu), s.m., pl. li jènnili
uova di pulci o di pidocchi nel capo, lendine: lìnere, jènnile, (lu), s.m., pl. li jènnili
uova gallate dal gallo: gallàte, agg.
uovo
: óve, éuve, (l'), s.m.
uovo (denominazione infantile dell'): coccò
, (lu), s.m.
uovo cotto con aggiunta di ingredienti vari: éuve a sciuscèlle, (l'), s.m.
uovo sbattuto, zabaione: éuve sbattîute, (l'), s.m.
upupa
: babbalùcche, (lu), s.m., hallicce di San Pitre, (lu), s.m., pl. li hallicci
Urbano: Urbane, n.p.p.
urlo
, grido: lócche, (lu), s.m.
urtare: 'ndrungá, v. / urtare, incespicare anche scontrarsi: 'ndruppucá, 'ndruppichié, v. / urtare, cozzare, incontrare: cuzzé,
truzzé, v. / urtare anche barcollare: 'ndrittiché, v. / inciampare: 'ngiambicá, v. / inciampare, cadere a terra, sciancare, far male: šdulluffá, v. / inciampare, incespicare: 'ncipullá, v.
urto, scontro: scàndrë, (lu), s.m.
urto del capo contro qualcosa: cucciànne, (la), s.f.
usanza, uso: usànze, ausànze,
(la), s.f.
usanza
(a l') di: a l'usànze, loc. avv.
usare: ausé, usá, v.
usciere, famiglio, domestico, servo, messo del comune: crijáte, (lu), s.m.
uscio con qualche pretesa di eleganza che dà l'accesso ai piani alti: purtungëine, (lu), s.m. / portone di un edificio: purtáune, (lu), s.m.
uscire: ašcë, asscë,
ascé, scë, v. / uscire di uovo: arisscë, v.
uscire (l'atto di) o uscita: scèite o scîute, (la), s.f.
uscita o l'atto di uscire: scèite o scîute, (la), s.f.
uscita della sposa dopo otto giorni anche dei parenti del defunto: rrfacciàte, (lu), s.m.
uscita dei parenti del defunto dopo otto giorni anche della sposa: rrfacciàte, (lu), s.m.
uso, usanza: usànze, ausànze,
(la), s.f.
usura
del filo delle zappe, delle falci: auzzé, v.
usuraio: usuràre, (l'), s.m.
utello, recipiente di zinco per conservare l'olio: vòtinèlle, (lu), s.m. / utello, vasetto di terracotta invetriata per tenervi l'olio: ciucinèlle
, (lu), s.m. / orciolo: ciucinèlle, (lu), s.m.
utensile
: còmete, (lu), s.m., pl. li cùmete
utensile (di) o di abito rimesso a nuovo: nuvuàgne, agg.
utensile (qualsiasi) utile; coso: fattappòste, (lu), s.m.
utensili di casa; corredo; arredamento di legno: ardàgne, (l'), s.f.
utensili (di) per cibo, profondo, cavo, fondo: cuppîute, funnîute, agg.
utero
: ìtere, (l'), s.m.
utile
: ìtile, agg.
utilizzato non bene; bene infruttifero: ammurtilizzáte, agg.
uva
: îve, ïve, hîuve, îuve, ûve, agrèste, (l'), (la), s.f.; uva seccata: uva pàsse; uva fragola: uva fràhule; uva cimice: uva cémice
uva da tavola di pergolato: préule, (la), s.f. /
grappoli residui di uva di un pergolone: prévele, (la), s.f.
/ uva pergolone da tavola dai grossi acini anche provolone: pruvuláune, (lu), s.m.
uva dal grappolo fitto ma di incerta maturazione: ciapparáune, (lu), s.m.
uva (grappoli residui di) di un pergolone: prévele, (la), s.f. / uva da tavola di pergolato: préule, (la), s.f.
/ uva pergolone da tavola dai grossi acini anche provolone: pruvuláune, (lu), s.m.
uva pergolone da tavola dai grossi acini anche provolone: pruvuláune, (lu), s.m. / uva da tavola di pergolato: préule, (la), s.f. / grappoli residui di uva di un pergolone: prévele, (la), s.f.
uva (di varietà d'): muscardèlle, agg.
uva (specie di) apprezzata dai cani: caccinelle, (la), s.f.
uva (varietà d') che dà del buon vino: bammëine, (la), s.f.
uva (varietà d'); corniola:
curnujéule, (la), s.f.
uva moscato: miscardèlle, (la), s.f.