Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Vocabolario italiano-vastese
: T
 
A
B
C
D
E
F
G
H
I
L
M
N
O
P
Q
R
S
U
V
Z
tabaccaio anche persona stupida: tabbaccàre, (lu), s.m.
tabacco:
tabbàcche, (lu), s.m.
tabella:
tabbèlle, (la), s.f. / tabella della Settimana Santa, cioè la bàttola di legno da percuotere (tavoletta di legno con maniglia mobile di ferro che, agitata, annunzia le funzioni nelle chiese nei giorni della settimana santa in cui è proibito l'uso delle campane): tròccele, (la), s.f.
tabula rasa, specie dopo i danni provocati dalle intemperie: ràsela sòcce, avv.
tacca
: 'ndàcche
, (la), s.f.
taccagno: rusciucáune, (lu), s.m.
taccagno, avaro, cacastecchi, spilorcio, tirchio, restio nello spendere: pichéne, carlùcchie, carrucchiàre, agg./micragnáuse, cacasànghe, cacasëcche, cachitòšte, magnapidùcchie, quarrucchiàre, (lu), s.m. / anche zoticone: cudicáune, (lu), s.m. / anche individuo dalla figura meschina: cacazicchèine, (lu), s.m. / anche
individuo allampanato: magnaruscìrte, (lu), s.m.

tacchino: hallinàcce, gallinàcce, (lu), s.m. / fig., per dire che parla poco: fà lu hallinàcce
tacco: tàcche, (lu), s.m.
tacconelle, quadratoni, triangolini, di pasta fatta a mano, per lo più di forma quadrata o rettangolare per minestre: taccunèlle,
taccung
ìlle, (la), s.f., pl. li taccunèlle

taciturno anche persona dai riflessi lenti: tòme, agg.
Taddeo
: Taddè, n.p.p.
tafano, mosca cavallina o bovina: tafàne, (lu), s.m.
tagliare: j, v. / tagliare, fare a fette, ferire: fillijé, v. / ferire, sfregiare: lazzarïjá, v. /
tagliare, mozzare: muzzá, v. / al gatto ha mozzato la coda: a la hàtte já muzzáte la càude
tagliere: tajîre, (lu), s.m. / tagliere per pestare, triturare il lardo: taccialàrde, (lu), s.m., pl. li taccialërde, ddaccialàrde
taglio della lama, del coltello: tàjje, fèile, (lu), s.m.
tagliola, trappola: tagghiéule, tajjéule, tajéule, (la), s.f. / tagliola anche trappola per uccelli: scaricarélle, (la), s.f.
tagliolini, linguine: taijulëine, pl. li
talco, cipria: cèprie, ciprie, (la), s.f., non ha plurale
tale e quale: tel'e ccquàle, loc.
talea
per l'innesto: bbuzzèlle, (la), s.f.
talento
, capacità: ttalènde, (lu), s.m.
tallone, calcagno: talláune, (lu), s.m. /
c
alcagno: calecàgne, calicuàgne, (lu), s.m.
talpa: tàupe, (la), s.f.; tupanàre, (lu), s.m. / talpa, grosso topo: tupuane (lu), s.m., pl. li tupuëne
tambarello, pesce della famiglia dei tonni: tamburrèlle o tennáne, (lu), s.m.
tamburello o cembalo per danze tradizionali di origine popolare: tamburrèlle o zìmbe, (lu), s.m.
tamburo: tammûre, (lu), s.m.
tamerice, piccolo albero con portamento arbustaceo anche  pianta ornamentale dalle dimensioni piuttosto ridotte: tamaráice, (la), s.f.
tamponare, tappare, turare: atturé, v. / turare di nuovo, tappare: aritturé, v. / tamponare una fessura: cibbé, v.
tamponare, turare, tappare: tappá, v.
tampone, tappo, zaffo: tàppe, teuràcce, (lu), s.m. / tappo, zaffo, cavicchio: zuaffe, zàffe, (lu), s.m. / tappo dell'alleggio: zappèlle, (lu), s.m. / attrezzo o cavicchio per la messa a dimora o trapiantare piante ortofrutticole e ortaggi: përe, (lu), s.m. / cavicchio, asse di legno per agganciare il timone del carro alle ritortole: cavécchie, (la), s.f.
tana, cavità, naturale o scavata, rifugio, di numerosi animali selvatici dai predatori: tane, (la), s.f., pl. li tane
tanfo, puzza,
cattivo odore, odore nauseabondo: támbe, (la), s.f. / tanfo, puzzo: àfe, (l'), s.f. / puzzo: pìzze, (la), s.f.
tanghero, persona grossolana, epiteto offensivo: tamàrre, agg.
tanta, tanto: tànda-e, agg. e avv.
tante
, cento cose: cend'
tantino (un): mejechèlle, (la), s.f.
tantino (un), un poco: 'ntácchie ('na), (la), s.f.
tanto, tanta: tànde-a, agg. e avv.
tanuda, pesce càntaro, pesce della famiglia dei girellidi: canarèlle, sàraca bbastàrde, (la), s.f.,
scándene, (lu), s.m.
/ salacca, cheppia o sarda, pesce azzurro, conservate sotto sale o affumicate: saràche, cchiáppe, (la), s.f.
tappare, tamponare, turare: atturé, v. / tappare, turare di nuovo: aritturé, v. / tamponare una fessura: cibbé, v.
tappare, tamponare, turare: tappá, v.
tappeto: tappéte, (lu), s.m., pl. li tappìte
tappo, tampone, zaffo: tàppe, teuràcce, (lu), s.m. / tappo, zaffo, cavicchio: zuaffe, zàffe, (lu), s.m. / tappo dell'alleggio: zappèlle, (lu), s.m. / attrezzo o cavicchio per la messa a dimora o trapiantare piante ortofrutticole e ortaggi: përe, (lu), s.m. / cavicchio, asse di legno per agganciare il timone del carro alle ritortole: cavécchie, (la), s.f.
tara: tàre, (la), s.f.
tarachîute, pacchîute, agg.: grosso, spesso, nocchieruto
tarallo, dolce farcito di mostarda: taràlle, (lu), s.m.
tarantella: tarantèlle, (la), s.f.
tardi: ttàrde, avv. /
al tardi: a la tarde, loc. avv.
tardo nel comprendere, ottuso, stupido, poco intelligente, fesso, sciocco: mafráune, scilète, (lu ), s.m.
tarlare: tarlá, v.
tarlato: tarlàte, agg.
tarlo, insetto, ossessione, fissazione: tàrle, (lu ), s.m.
tartaruga; testuggine: cištìnje o cištîneje, (la), s.f., pl. li cištìnje
tartufo, conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, fasolaro, noce,lamellibranco, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze / conchiglia marina, cornetto: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
tartufo di mare, mollusco bivalve rigato: taratìffe, (lu ), s.m.
tasca, saccoccia: saccòcce, (la), s.f., pl. li saccòcce / per dire di persona avara: te' lu rëcce 'n zaccòcce / modo di dire volgare, vai a quel paese: vattel' a pijà n' saccòcce / taschino: saccucciàlle, (la), s.f.
tasca interna della giacca: mariole, (la), s.f., pl. li mariole
taschino: saccucciàlle, (la), s.f. / saccòcce, (la), s.f., pl. li saccòcce: saccoccia, tasca / te' lu rëcce 'n zaccòcce: per dire di persona avara / vattel' a pijà n' saccòcce: modo di dire volgare, vai a quel paese
tassa: tâsse, (la), s.f., pl. li tâsse / tassa di famiglia, focatico: fucàte, (lu), s.m. / tassa fondiaria: fundijàrije, (la), s.f.
tasso: tasciole, (lu), s.m., pl. li tasciule
tastare, toccare, palpare: tindilijé, taštijé, attindá, v. / tastare il polso: attindá lu pàlse o pàzze /
misurare: attindá, v. / misurare la febbre: pruvá la fréve o févre, v. / palpare, perquisire: arimascigné, v.
taverna: tavérne, (la), s.f.
tavernaio: tavirnàre, (lu), s.m.
taverniere; venditore di vino: candinìre, (lu), s.m.
tavolaccio: tavulàcce, (lu), s.m.
tavolino: tavuléine, (lu), s.m.
tavola: tàvele, (la), s.f. / piccolo legno o asse di legno multiuso: tavélàlle, (la), s.f.
tavola da pranzo per i contadini: bànghe, (la), s.f.
tavola di legno per lavare il bucato; paletta (piccola) per pulire la zappa durante il lavoro; beccastrino; ferro per pulire le carpe: šdirràzze, (la), s.f., pl. li šdirràzze
tavola pitagorica:
tabbellèine, (la), s.f.
tavolato (il) mobile sul fondo della barca, pagliolo: pajéule, (lu), s.m.
tavoletta di legno con maniglia mobile di ferro che, agitata, annunzia le funzioni nelle chiese nei giorni della settimana santa in cui è proibito l'uso delle campane)
o tabella della Settimana Santa, cioè la bàttola di legno da percuotere: tròccele, (la), s.f.
tavoletta infittita di sottili chiodi
per cardare la lana
: scardatîure, (lu), s.m.
tavoletta per rifinitura di intonaco, attrezzo del muratore, frattazzo: fracasse, (lu), s.m., pl. li frachêsse / frattazzo: frattàzze, (lu), s.m.
tazza o coppa: t
àzze, (la), s.f., pl. li tàzze
tazzina: tazzitêlle, (la), s.f., pl. li tazzitêlle
te, ti: tî, a tá, di tá, pron. pers. sing. compl.
te (a): a ttà, pron.
teatro: tuhàtre, (lu), s.m.
tecnica di cucito per rendere stretto: ammangatîure, (l'), s.f. / tecnica di cucito: 'ndrillànde, (la), s.f.
tecnica sartoriale per rendere aggraziato l'abito femminile: fimminàlle, (li), pl. / effeminato, atteggiamenti femminili: fimminàlle, (la), s.f.
tedesco: tudàšche, ggermanàise, agg.
tedio, uggia: rìjje, (la), s.f.
tegame, tegame in ferro smaltato o in terracotta, teglia: tehàme, (lu), s.m.; tièlle, tjèlle, tijèlle, (la), s.f., pl. li tijèlle
tegame con coperchio per cuocere sotto la brace del camino la focaccia di granoturco o altro; coppa, padella: còppe, (la), s.f.; le patate sotto la coppa: le patàne a la còppe
tegame da cucina, paiolo grande - piccolo: lapì, lapìe, lapìjje, quallàre, (lu), s.m. / caldaia per bollire il mosto: calläre, callàre, (la), s.f., pl. li callare
tegamino per lo più di terracotta: tujanèlle, (lu), s.m.
teglia, tegame, tegame in ferro smaltato o in terracotta: tehàme, (lu), s.m.; tièlle, tjèlle, tijèlle, (la), s.f., pl. li tijèlle
tegola
, coppo: pänge, pènge, (lu), s.m.
tegole: cupputìlle, (li), pl.
tela: tàile, (la), s.f.
tela a tessitura rada anche specie di gioco: camëisce di sárge, (la), s.f.
tela di sacco fra il basto e la schiena dell'asino: uardèlle, (lu), s.m.
tela (specie di): cambrëcchie, (la), s.f.
tela tessuta (principio della): pannaréule, (la), s.f.
tela
(ultimo tratto della) tessuta: 'ngetòrie
, (lu), s.m.
telaio a mano: tuluàre, teluàre, (lu), s.m., pl. li tilére
telefono: telèfene, (lu), s.m.
televisione: tilivisiáune, (la), s.f.
tellina
: zzìri e zzère, zzirre zzeirre, tillëine, (la), s.f., (li), pl.
telo (grosso) per stendere il grano da asciugare al sole: lunzuláune, (lu), s.m.
temenza anche timore per insubordinazione: timènze, (la), s.f.
temperamento, carattere: timberamènde, (lu), s.m.
temperato, riferito al tempo: tumbráte, agg.
temperino: curtullìcce, (lu), s.m.
tempesta: timbèšte, (la), s.f.
tempesta di mare anche fortunale: šcavinèlle
, (la), s.f.
tempesta violenta, mare grosso: furtune gginiràle, furtîune, fertîune gginiràle, (la), s.f.
tempi cattivi: maletìmbe, (li), s.m. pl.
tempo
(di) afoso e bigio: mataccáune
, agg.
tempo
(di) bigio e afoso: mataccáune
, agg.
tempo (di ) perturbato, di persona corrucciata: arnuvuléte, agg.
tempo (di) ventoso: firáuse, agg. / non ho potuto stendere i panni a causa di questo tempo ventoso: 'nàjje putûte spànne li pènne pi' 'ssu tèmbe firáuse
tempo (un), una volta; allora; l'anno scorso, l'altro anno: andànne, alláure, avv. / volta: vòdde, vote / i tempi di una volta: li timbe de na vòdde; i bei tempi di una volta: li bille timbe de na vodde 
tempo minaccioso; piovasco di breve durata e con poca pioggia: matëzze, matézze, (la), s.f. /
piovasco: aggàzze, (l'), s.m.
temporeggiare: cambanijë, v.
temprare: tembrá, v.
tenaglia: tenàjje, (la), s.f. / tenaglia anche molle in ferro per il fuoco: tinaje, tinaie, (la), s.f., pl. li tinaie / tenaglia per tirare la tomaia sulla forma di legno: tinaie da tère, (la), s.f., pl. li tinaie da tère
tenda: tànde, (la), s.f.
tenda di protezione alla porta di casa per impedire l'entrata di mosche o di altri insetti: rézze, räte, (la), s.f.
tendina, pezzuola umida che si pone tra ferro da stiro e stoffa di un vestito: bandunèlle, (la), s.f. / pezzuola umida (in genere): pizzitëlle
tenente
: tunuênte, (lu), s.m., pl. li tininte
tenere
: tiná, v., ind. pres. 1a s.: tinghe / tenere a mente, ritenere, origliare in maniera furbesca: usulijé, v. /
tenere il broncio: ammussé, v. /
tenere a mente: ammènde, avv.
tenero
: tènere, agg.
tenerume, cartilagine: tunuràme, (lu), s.m.
tenesmo
anale per paura: quacacciàlle, (lu), s.m.
tentacoli del polpo o della seppia: cìrre, (li), pl.
tentare di rifarsi fisicamente, ricolare: arculá, v.
tentennare anche dimenarsi: trezzecá, v. /
scoprire con lentezza la carta da gioco anche di ragazza che si muove in modo disinvolto: trizzicchijé, v.
Teodoro
: Tucudéure, Tugudère, Dichidère, Dichidéure, n.p.p.
Terenzio: Terrenzie, n.p.p.
Teresa
: Terese, Trisène, n.p.p., dim. Tìne, Trése, Trisà, Trisìcce

termine, pietra di confine: tuérmine, (lu), s.m. /
termine della cova: sbruccá, v. / termine di una strada: fînitáure, (la), s.f.; al termine di una strada, di un discorso: a fînitáure, loc. avv. /
termine nel gioco delle carte: frûsce
terno: tèrne, (lu), s.m.
terra
: sábbie, tèrre, bèrre, (la), s.f.
terra (per): 'ndèrre, avv. e loc. avv. / ha nevicato un pò: ha ngascijàte 'ndèrre
terra seminata con varietà di foraggi
: ferrànïe, (lu), s.m.
terraglia
: critàjje, (la), s.f. / terraglia; coccio: cuòcce, (lu), s.m.
terrazzino, balcone: lógge, (la), s.f., pl. li lógge; balcone: balicáune, (lu), s.m., pl. li balichiune
terremoto:
tirraméute, traméute, (lu), s.m.
terreno: tirrëine, (lu), s.m. / terreno argilloso: rinázze, (lu), s.m. / di terreno argilloso, argilla: critáune, cutráune, (lu), s.m. / argilla; creta: cràte, (la), s.f. /
terreno coltivato: teretòrie, (lu), s.m. / terreno facile da essere dissodato e lavorato: cavarèlle, (lu), s.m. / terreno inadatto alla semina per scarsità di acqua o di precipitazioni: virdisàcchë, (la), s.f. / terreno isterilito anche pane indurito: aringucchiuláte, agg. / terreno incolto, grillaia: nicchiàre, (la), s.f., pl. li nicchiere / terreno poco adatto a vigneto anche indole: clëime, (lu), s.m. / terreno seminativo lasciato a riposo: majjàse, (la), s.f.
terribile, spaventoso: terrèbbile, agg.
territorio (esteso), spesso latifondo: tinimènde, (lu), s.m.
terzarolo, parte della vela ripiegata: terzaréule, (lu), s.m.
terzo: tèrze, agg. num. ord.
tesa del cappello, della coppola, visiera: visïre, (la), s.f.
teso anche rigido: täse, agg. / teso anche indurito: tisàte, agg.
tesoro: trasère, (lu), s.m.
tesoro vagheggiato in una grotta; Carneria; contrada nella zona di Punta penna; località di macellai: Carnarëjje, n.p.
tessere: ssë, v.
tessuto di cotone: langhèje, (la), s.f.
tessuto (varietà di): barracà, (lu), s.m.
testa, capo, cranio:
càpa, cápe, còcce, (la), s.f., pl. li còcce, cciudàjje, (lu) s.m. / testa gloriosa, genio, in modo ironico: còccia glurujáuse, (la), s.f. / di testa grossa: cucciulàune, agg. / di testa sua: a còccia sé, loc. avv. / a testa in giù: a còccia capabbàlle, loc. avv. / testa di spillo, glande, capocchia: capòcce, (la), s.f.
testa o croce: tîšte u cráuce
testamento: tîštamènde, (lu), s.m.
testardaggine, ostinazione: 'mbuntatîne, (la), s.f.
testata del letto anche ringhiera: ringhjìre, (la), s.f. / ringhiera del balcone: passamàne, (lu), s.m.
testicolo, coglione, epiteto rivolto a persona stupida: chijjáune, cujáune, (lu), s.m., pl. li chijîne
testiera, spalliera, del letto: lettîre, teštire,
(la), s.f.
testimonio: ti
štimònije, (lu), s.m., pl. li
ti
štmùnije
testina di agnello o capretto cotta al forno: cucciátte, (la), s.f.
testone, ghiozzo, pesce marino: muzzáune o mizzáune, , mizzilène, (lu), s.m.; muzzulëine, muzzilëine, muzzilène, testulëine, (la), s.f. / ghiozzo comune: bbàtte, (la), s.f. / ghiozzo paganello: bbuátte, buàtte, (la), s.f. / cappone dalmata anche gallinella, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m.; muzzelàne, (la), s.f. / cappone lira, ghiozzo testone, pesce cappone organo: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m.; muzzelàne di féure, (la), s.f. / pesce cappone: capáune, (lu), s.m.
testuggine; tartaruga: cištìnje o cištîneje, (la), s.f., pl. li cištìnje
tetto
, copertura: tàtte, tätte, (lu), s.m., pl. li tëtte
tetto (la parte più alta del) anche il colmo: cálme, cälme, (lu), s.m.
ti, te: tî, a tá, di tá, pron. pers. sing. compl.
ti sta bene!; a questo punto!; addirittura!: fréchete!, loc. / addirittura; senza meno: defîle, diféile, avv. / addirittura!: diacine!, diavolo!, loc. 
Tiberio: Tibberie, n.p.p.
tiepido: tápete, agg.
tifo: tëife, (lu), s.m.
tigna: tëgne, zélle, (la), s.f.
timbrare: timbrá, v.
timbro: témbre, (lu), s.m.
timido, vergognoso: abbruvugnáuse, agg.
timo: tïme, (lu), s.m.
timone: tèmáune, (lu), s.m.
timoniere, pilota: temunïre, (lu), s.m.
timore, paura: caccavàcce, (la), s.f.
timore (diffuso) anche tremarella: trimarèlle, (la), s.f.
timore improvviso; panico: páneche, (lu), s.m.
timore per insubordinazione anche temenza: timènze, (la), s.f.
timoroso, pauroso: pahuráuse, agg.
tinaccio: tunuacce, (lu), s.m., pl. li tinicce
tinaio: tinare, (lu), s.m.
tinello, vitello anche contenitore per olio: vótene, (lu), s.m. / vitello: vutêlle, vutélle, (lu), s.m. pl. li vitille
tingere, colorare: tagnë, tàgnarë, v.
tino: tëine o tuëine, (lu), s.m.
tino, grande recipiente di legno
a doghe usato nella vendemmia e per far fermentare il mosto: tène, (la), s.m., pl. li tène; tàine, (lu), s.m.
tino dei tintori; botte: vàscèlle, (lu), s.m.  / botte: vâtte, vòtte, (la), s.f., pl. li vitte
tinozza: varlotte, (la), s.f.
tinta colore anche tintura: tindîure, (la), s.f.
tinteggiare, per lo più col colore bianco, imbiancare, biancheggiare: 'mbiancá, 'mbiangá, sbianghé, v. / imbiancare anche incipriarsi, fig.: 'mbiàscà, ghianghijé, v. / si incipriano il viso: si l'mbiáschene la facce nghe la ciprie
/ incipriare: 'nciprié, v.
tinto: tànde, agg.
tintura anche tinta colore: tindîure, (la), s.f.
tipa, ragazza: caggiàtte, (la), s.f.
tipaccio, paffuto: baffáune, (lu), s.m. /
tipaccio: canàsse, (lu), s.m.
tipo, individuo, carattere: tuèïpe, (lu), s.m.
tipo o persona o di cui si parla con astuta allusione; uomo: bèrre, bbèrre, bersàbbele, (lu), s.m.
tipo, (il); il ragazzo: birsuàje, bersuàrre, (lu), s.m.
tipo magro e scattante; locusta; cavalletta: mazzangrèlle, (lu), s.m.
tipo strambo: brittóleche, (lu), s.m.
tirabrace, asta di ferro con paletta incorporata: retràvele, (lu), s.m.
tirannia: tirannèjje, (la), s.f.
tirare, sculacciare, allacciarsi il busto: azzullá, v. / allacciare il busto: azzellé, v. / tirare a sé una gomena: cazzá, v. / tirare palle di neve, gioco e divertimento di bambini: a maiucquánne, a ppalluttáte, v.
tirare: tiré, v.
tirarsi palle di neve, gioco e divertimento di bambini: a maiucquánne, a ppalluttáte
tircheria, spilorceria anche attrezzo del calzolaio per far scorrere più veloce lo spago, lesina: làsene, sìjje, (la), s.f.

tirchio, avaro, cacastecchi, spilorcio, taccagno, restio nello spendere: pichéne, carlùcchie, carrucchiàre, agg./micragnáuse, cacasànghe, cacasëcche, cachitòšte, magnapidùcchie, quarrucchiàre, (lu), s.m. / anche zoticone: cudicáune, (lu), s.m. / anche individuo dalla figura meschina: cacazicchèine, (lu), s.m. /
anche individuo allampanato: magnaruscìrte, (lu), s.m.
tiretto, cassetto anche loculo funerario per traslato: turatáure, (lu), s.m.
tisi
all'ultimo stadio, tubercolosi, (la credenza popolare vuole che la malattia si trasmetta dal gatto): hatticènie, (la), s.f.
tisichezza, fiato di gatto: èteche, (l'), s.m.
tisico
, tubercolotico, magro, di pessima salute: jéttiche, seche
, gnettichëite, agg.
titimaglio, erba il cui lattice si sparge sui grappoli d'uva per evitarne il furto:
tutumàjje, (la), s.f.
titolo: tétele, (lu), s.m.
tizzone: tizzáune, tuzzáune, (lu), s.m. pl. li tizzîhune
toccare
, spettare: attuqquá, v.
/ toccare coi piedi il fondo del mare o altro invaso d'acqua: appidicá, v.  / toccare, palpare, tastare: attindá, taštijé, tindilijé, v. / tastare il polso: attindá lu pàlse o pàzze / misurare: attindá, v. / misurare la febbre: pruvá la fréve o févre, v. / palpare, perquisire: arimascigné, v.

toccare: tuccá, tuqquá, v.
togliere
, levare: luvá, luhuä, v. / levati o togliti la giacca: lìvete la ggiaccàtte
/ togliere dal baccello piselli, fave, sbucciare, ecc.: sciôje li pisëlle/li fäfe/ecc.; a volte per i legumi si usa anche scugnä, verbo che si adatta più alla frutta secca provvista di guscio (la cugne) / nettàre, mondare, sgranare, sgusciare, slegare, sciogliere, pulire, sbucciare, ecc.: sciôje, sciòjjë, v., p.p. sciôdde / mondare, nettàre la verdura...: sciôje la virdîre, (es. sto mondando, nettando un po’ di broccoletti: štingh’ a sciôje ddu’ vrucche di räpe / deviscerare, pulire il pesce prima di cucinarlo: tipica l'espressione, sciôje lu pàšce, puàsce o puàssce / togliere il disturbo, sbaraccare: sbarraccá, v. / togliere la terra, scoprire il fuoco: sbelá, v.; scoprire qualcosa con un sotterfugio: scartagná, v. / togliere i tralci dal vigneto le escrescenze filamentose: stanná, v.

tomaia, suola: tumuàjje, (la), s.f.
tomba
, fossa: fòsse, (la), s.f. /
tomba anche tombola: tàmbule, (la), s.f.
tombola anche tomba: tàmbule, (la), s.f.
Tommaso
: Tumuasse, n.p.p.
tonaca: tòneche, (la), s.f.
tondo anche sciocco:
tänne, (lu), s.m.
tonno:
tànne, (lu), s.m.
tonnara: tunnuàre, (la), s.f.
tonnetto: tunnëine, (la), s.f.
tonsille
; ugola: garzamìlle, (li), pl.

topo
, sorcio: sàrge o suarge, (lu), s.m., pl. li sîrge; dim. surgiutélle, surgitélle, pl. li surgitìlle / sorcio di mare o agono: sàrge / topo di notevole grandezza, topo di fogna, sorcio, ratto: zócchele, (la), s.f., pl. li zócchele anche fig. per indicare una donna non morigerata / topo grosso, talpa: tupuane (lu), s.m., pl. li tupuëne; talpa: tàupe, (la), s.f.
toppa, serratura: pušcàtte, mašchiatîure, mašcàtte, (la), s.f.; pušchàtte, (lu), s.m.
tòppo; basamento di legno (in generale); ciocco da ardere; zoccolo del cavallo; zoccolo di uno spigolo; zoccolo di un muro: zòcchele, (lu), s.m.
torace; cassetta, per piccoli impasti di gesso o altro: casciátte, cassciátte, (la), s.f., pl. li cascêtte / torace, petto: puëtte, pètte, (lu), s.m., pl. li pitte
torbido: trávete o trávede, agg.; con l'acqua torbida ogni favollo va al cerchiolo: 'nghi l'acca tvete ogne piláuse va a lu circhîule
torchio, strumento per spremere l'uva: tórchie, turciutihure, (lu), s.m., pl. li turciutihure /
t
orchio del frantoio anche pressa: prèsse, (la), s.f.
torchio per uva: turcitàre, (lu), s.m.
torcicollo: turcicuòlle, (lu), s.m.
tordo
: tuarde, (lu), s.m., pl. li tirde
tordo occhiuto, varietà di pesce della famiglia labridi: sbbaráttele, (la), s.f.
tordo pappagallo, varietà di pesce: tànghe, (lu), s.m.
tordo pavone, varietà di pesce: sbbarráune, (lu), s.m.
tormentare, molestare: trumendá, v. / tormentare, non dar tregua: trumundá, v.
tormento: trummènde o turmènde, (lu), s.m.
tornare, tornare di nuovo, tornare indietro, ritornare: ariminë, ariváttene, arivé, remené, 'rmené, v. / venire: minë, mené, ind. pres. 1a s. vinghe, p.p. menîùte, v. / tornare a ficcare con forza: arinzaccá, v. / tornare a mangiare, venir meno ad un impegno, rimangiarsi una promessa: arimagná, v. / tornare a murare una parete di un'abitazione o di altro manufatto: armuré, v. /
tornare a riflettere in modo avveduto: arflittá, v. / tornare a sbattere anche prospettare di una casa, un'abitazione: arisbàtte, v. / tornare a sparlare, vomitare di nuovo: arivummacá, v. / tornare a vivere, risorgere: arbuvé, v. / tornare ad acquietare: arcujatá, v. / tornare ad avventarsi: arbindá, v. / tornare in salute: arsaná, v. /
tornare in se o di chi ha il cervello in subbuglio: arijë, v. / tornare ossessivamente su uno stesso argomento, defecare di nuovo, di persona ciarliera che non sa mantenere un segreto: arcacá, v. / tornare su un disaccordo, non finirla mai; rigirare, riferito al sugo che cuoce:
arivusciché / tornare sulle proprie decisioni, rimaneggiare, rimestare: arimanijjé, v. / rimestare, agitare: arivudiché, vuscicá, v./ rimestare, bollire: vulecá, v. / rimestare (cibi e liquidi): 'ndrucculijé, v. / agitare: šdillazzá, v.
tornese, antica moneta del Regno di Napoli: turnàse, (lu), s.m. / tornesi, denaro in genere: turnëise, (li), pl.
torno torno, tutt'intorno: tùrne tùrne, loc. avv.
toro
: t
áure, téure, (lu), s.m., pl. li tùre
torpedine
, pesce marino: trippëine, trippène, (la), s.f.
torpore; sonnolenza: cichînëje, (la), s.f. /
sonnolenza
: cecàgne
, (la), s.f.
torre: tàrre, (la), s.f.
torricella comune, mollusco dal colore marrone: cambanëile, caracòjje, curniciàlle, (lu), s.m.
torrione: turrijáune, (lu), s.m.
torsolo, tutolo: tirzáune, truzzuáune o
truzz
áune, tórzere, (lu), s.m.
/ torsolo della pannocchia: tótere, tuótere, (lu), s.m.
torsuto, nodoso, robusto: tuzzûte, agg.
torto, cattivo, corrotto, storto, anche per carattere poco regolare: tòrte, ttòrte, (lu), s.m./agg. / di persona non a modo: j'è ttòrte / torto: tórte, tuorte, (lu), s.m.
tortore, randello, bastone piuttosto grosso e pesante, usato per picchiare duramente:
turtuáre, (lu), s.m.
tosare, radere: rasá, v. / tosare
i capelli delle persone, in senso scherzoso anche e soprattutto le pecore: carusá , v.
tosatura dei capelli; delle pecore: caráuse, (lu), s.m.
tosatura delle pecore; dei capelli: caráuse, (lu), s.m.
tosse: tàsce, catarëine, (la), s.f.
tosse accompagnata da spasmi e affanno: pàseme, (la), s.f.
tosse convulsiva tipica dell'età infantile, pertosse: tàsce cummùnze, (la), s.f.
tossico anche veleno: tòsseche, (lu), s.m. / veleno: uláïme, vuláïme, (lu), s.m.
tossire: tàscë, v.
tostare il pane, le fave anche abbrustolire: ašcá, v.
tostino
per abbrustolire il caffè: brušcacafé, (lu), s.m.
tosto, duro, cocciuto: tòšte, agg.
totano
: tótene, tótere, (lu), s.m. / calamaro: calamàre, qualamàre, (lu), s.m., pl. li calamére, anche calamaio
tottavilla
; lullula, simile all'allodola: calandrèlle, (la), s.f.
tovaglia: tuhuàjje, (la), s.f. / tovaglia anche schiaffo dato col dorso (palmo) della mano: mappëine, papàgne, (la), s.f. / tovaglia, usata per trasportare roba, legata ai quattro lembi: mandrècchie, (la), s.f. / tovaglie: mandèlere, (li), pl. / tovagliolo: salviátte, (la), s.f.
tovaglia
, mantile: tuujàje, (la), s.f.
tovagliolo: salviátte, (la), s.f. / tovaglia: tuhuàjje, (la), s.f. / tovaglia anche schiaffo dato col dorso (palmo) della mano: mappëine, papàgne, (la), s.f. / tovaglia, usata per trasportare roba, legata ai quattro lembi: mandrècchie, (la), s.f. / tovaglie: mandèlere, (li), pl.
tozzo: tózze, agg. / tozzo di pane, di formaggio:
tòzze, (lu), s.m.
tra
, fra: 'ndrá, prep.
tra breve; al poco:
a cchírte, loc. avv.
tra poco
anche oramai: oramà, ujjamé, avv.
traballare
, sguazzare, ballare: abballá, v.
traboccare: arvundá, v., arifrullé, v.
/ la pignata trabocca: la pignéte arvánde
trabocco o trabucco, piattaforma di legno, munita di una larga rete, per la pesca costiera (palafitta in mare con rete a bilanciere): trabbàcche , (lu), s.m.
trabucco o trabocco, piattaforma di legno, munita di una larga rete, per la pesca costiera (palafitta in mare con rete a bilanciere): trabbàcche , (lu), s.m.
tracagnotto, atticciato, persona bassa e tarchiata, di corporatura massiccia:
tracagnótte, agg.

tràcina, pesce ragno, pesce marino munito di un aculeo velenoso: gragnilàtte, gragnulàtte, hragnilàtte, hragnulàtte, rignáule, rignáune, (lu), s.m. / tracina drago: gragnulàtte di cavallëine, (lu), s.m. / tracina di fondali: gragnulàtte di féure, (lu), s.m. / tracina vipera: gragnulàtte di 'nderre, (lu), s.m.
tracina di fondali: gragnulàtte di féure, (lu), s.m. / tràcina, pesce ragno, pesce marino munito di un aculeo velenoso: gragnilàtte, gragnulàtte, hragnilàtte, hragnulàtte, rignáule, rignáule, rignáune, (lu), s.m. / tracina drago: gragnulàtte di cavallëine, (lu), s.m. / tracina vipera: gragnulàtte di 'nderre, (lu), s.m.
tracina drago: gragnulàtte di cavallëine, (lu), s.m. / tràcina, pesce ragno, pesce marino munito di un aculeo velenoso: gragnilàtte, gragnulàtte, hragnilàtte, hragnulàtte, rignáule, rignáune, (lu), s.m. / tracina di fondali: gragnulàtte di féure, (lu), s.m. / tracina vipera: gragnulàtte di 'nderre, (lu), s.m.
tracina vipera: gragnulàtte di 'nderre, (lu), s.m. / tràcina, pesce ragno, pesce marino munito di un aculeo velenoso: gragnilàtte, gragnulàtte, hragnilàtte, hragnulàtte, rignáule, rignáune, (lu), s.m. / tracina drago: gragnulàtte di cavallëine, (lu), s.m. / tracina di fondali: gragnulàtte di féure, (lu), s.m.
tracoma, malattia infettiva degli occhi: grandulaziáune, (la), s.f.
tradimento
: tradimènde, (lu), s.m., pl. li tradimìnde
trafficare
, imbrogliare: maštrijé, v. /
imbrogliare, confondere: 'mbrùjjé, v. / confondere le cose: 'mbrùjjé li cannille
traffichino
, impiccione, chi vive di espedienti: traffechëine, (lu), s.m.
traffichino
; intrigante: 'ndricànde, (lu), s.m.
trafila (iter burocratico o serie di prove, di difficoltà) o trafila (matrice forata) dei pastai:
trafèle, (la), s.f.
traforo, galleria ferroviaria: traféure, (lu), s.m.
tralcio di vite usata per la piantagione
di nuovi vigneti: muaiole, (lu), s.m., pl. li maiule
tramaglio
o grossa rete: tramàjje,
tremàjne o tramajìne, (lu), s.m.
tremàjne, (lu), s.m.: varietà di tramaglio (rete)
trambusto, diavolio, chiasso, baccano, scompiglio: rubbèlle, (lu), s.m. / casino, chiasso, confusione, disordine anche repubblica: repùbbliche, (la), s.f.
tramezzo, parete divisoria: tramèzze, (lu), s.m.
tramontana
:
tramundàne anche giannézzere, (la), s.f.
tranquillità (interiore),
requie, riposo, calma: abbènde, (l'), s.m., rèqueje, (la), s.f. / non trova riposo: nin de' rèqueje
tranquillo, calmo: paciáuse, agg. / tranquillo, quieto: cujéte, quiéte, agg. / calmo: cálme, agg.
tranvai: tràmme, (lu), s.m.
trapanare: trapaná, v.
trapano
: truapene, (lu), s.m., pl. li trêpene
trappeto: trappéte, (lu), s.m., pl. li trappìte
trappola, tagliola: tagghiéule, tajéule, tajjéule,(la), s.f. / trappola per uccelli anche tagliola: scaricarélle, (la), s.f.
trascinare
, trascinarsi: strasciná, v.
trascinarsi
, trascinare: strasciná, v.
trascinate
, lavorate: strascinéte, agg. / li rápe strascinéte
trascurare, ritardare, venir meno ai propri interessi: attrassá, v.
trasportare, condurre: carijé, cariá, v. / condurre, portare: addîucë, v.
trasportare qualcuno o qualcosa a mano, di peso: pásele pásele, loc. avv.
trasportatore di olio: ujaràre, (lu), s.m.
trasporto; carreggio: carijamìnde, (lu), s.m.
trastullare
: paciá, v.
trattare: trattá, v.
trattenere, frenare: aritiná, v. /
trattenere, fermare, invitare alla sosta: trattiná, v.
trattenuto
, scaduto, passato, stantio, di cibo
alterato
: arisidîte, arisidîute, agg.
tratto di mare di 50 passi
, assai pescoso: cavallëine
, (la), s.f. / gioco fanciullesco: cavallëine
tratto fra l'inguine e la coscia
, o anche l'intervallo pubico: scacchiatîure, (la), s.f.
tratturo: trattûre, (lu), s.m. / tratturo secondario anche sentiero del pascolo: tratturiéglie, (lu), s.m.
travasare, vuotare, defecare: divacá, v., ant. /
vuotare, voltare, girare: vuddá, v. / vuotare l'acqua da un recipiente, da un luogo, asciugare: assiccá, v.
travasare (il vino): tramutá, v.
trave
: tràve
, (la), s.f. / trave: trave, (lu), s.m.; fig. detto di persona capace di imprese mirabolanti: nu trave de féuche
trave longitudinale della barca, di rinforzo allo scafo, paramezzale: paramezzèle, (lu), s.m.
trave (minuscola), piccolo asse: travàtte, (lu), s.m.
travi in legno usate come scivoli per mettere in mare o per trarre a secco le paranze, attrezzo per sollevare pesi, palancole: parànghe, (la), s.f.
traverso
(di), striscio, sbieco: sgosciù, agg.
traverso
(di): a la 'nderlèce, loc. avv.
travi
(piccole) infisse nel muro per fare appoggi a un'asse: massalètte, (li), pl.
tre: trà, agg.
tre di bastoni (il), (carta da gioco): deféce, (lu), s.m.
trebbiare
, mietere: trescá, triscá, mête, v. /
mietere cima cima: accamullá, v.
trebbiatura
:
tràšche, (la), s.f.
trecce
o nastri, fronzoli: zacarèlle (li), pl.
treccia: tràcce, (la), s.f.
treccia (in): a tràcce a tràcce, loc. avv.
tremarella anche diffuso timore: trimarèlle, (la), s.f.
tremito: trémete, (lu ), s.m. / lieve tremito: trizzicarèlle, (la), s.f.
tremore
causato da spavento, da minacce: trimilèzie, (la), s.f.
treno diretto: dirètte, (lu), s.m.
trenta
: trènde, agg. num., card.
trentuno
: trendìune, agg. num., card.
treppiedi, attrezzo di supporto a paioli e a tegami: trappìte, (lu), s.m.
tressette, gioco di carte: trèssette, (lu), s.m.
triangolini, quadratoni, tacconelle, di pasta fatta a mano, per lo più di forma quadrata o rettangolare per minestre: taccunèlle,
taccung
ìlle, (la), s.f., pl. li taccunèlle

tribolare, soffrire, patire: tribbulá, v.
triboli: trìvele, (li), pl.
Tribunale (sede del): Càrte , (la), s.f.
tributi medioevali per pascoli: fîdde, (li)
tricorno del prete anche scialle femminile con spille d'oro: ttreppìzze, (lu), s.m.
triduo: trêdue, (lu), s.m.
trifoglio: trefòjje, (lu), s.m.
triglia di fango o di scoglio : riscéule, rusciéule, (lu), s.m., pl. li rišciùle, rissciùle; trèjje, (la), s.f. / triglia di fango: varváune, (lu), s.m. / triglia del periodo agostiano: agoštinelle, (l'), s.f. / varietà di triglia: caratèlle, (la), s.f. / triglietta: rišciuluàtte, (lu), s.m. / triglia di scoglio dei fondali rocciosi dell'aspre (luogo di pesca ad alcune miglia dal porto di Vasto): riscéule d'aspre, (lu), s.m.
triglietta: rišciuluàtte, (lu), s.m. / triglia di scoglio o di fango: riscéule, rusciéule, (lu), s.m., pl. li rišciùle, rissciùle; trèjje, (la), s.f. / triglia di fango: varváune, (lu), s.m. / triglia del periodo agostiano: agoštinelle, (l'), s.f. / varietà di triglia: caratèlle, (la), s.f. / triglia di scoglio dei fondali rocciosi dell'aspre (luogo di pesca ad alcune miglia dal porto di Vasto): riscéule d'aspre, (lu), s.m.
trigone spinoso, pastinaca, varietà di pesce della famiglia dasiatidi a forma di rombo con aculeo caudato velenoso: chjámeche, hùrchije, (la), s.f., úrchie, (l'), s.m. / trigone viola, mollusco dal nicchio fusiforme: chiamechèlle, (la), s.f.
trigone viola, mollusco dal nicchio fusiforme: chiamechèlle, (la), s.f. /trigone spinoso, pastinaca, varietà di pesce della famiglia dasiatidi a forma di rombo con aculeo caudato velenoso: chjámeche, hùrchije, (la), s.f., úrchie, (l'), s.m.
trincea: tringìre, (la), s.f.
trincetto
: curtèlle di scarpáre, (lu), s.m. / trincetto, attrezzo del calzolaio anche piccola roncola anche falcetto: rungiátte, (lu), s.m.
Trinità: Trenità
trippa, ventre anche pietanza fatta con lo stomaco dei bovini: trèppe, (la), s.f.
triste o tristo anche solitario: träšte, agg.
tristezza; malinconia: malangunëjje, (la), s.f.
tristo o triste anche solitario: träšte, agg.
tritare, pestare il lardo sul tagliere: ddacciá, v. / acciaccare,
pestare: acciaccá, v. / tritare: tritá, v.
tritone; mollusco con conchiglia univalve: ciòcchela rézze
, (la), s.f.
trivella
per togliere la stoppa dalla cannella della botte: quaccia stippule, (lu), s.m., pl. li caccia stippule
trivella per legno: vuirdene, (lu), s.m., pl. li virdine
trivella di grande dimensione: vuirdinêcchie, (lu), s.m., pl. li virdinêcchie
trivella per piccoli buchi: spinnilatte, (la), s.f., pl. li spinnilêtte
trofeo, coppa, contenitore simile a un calice concesso come premio nello sport: còppe, (la), s.f.
trogolo, piccola mangiatoia in legno per maiali: trocche, trocchele, (lu), s.m., pl. li trucche/le
tromba
: trämbe, (la), s.f.
tromba marina
: scijàne, (lu), s.m.
tronco d'albero: trànghe, (lu), s.m. / base del tronco o ciocco d'albero usato dai fabbri per posarvi l'incudine: cippáune, ciuppáune, zòcchele, (lu), s.m. 
trono
: dréune, (lu), s.m.
troppo
, in misura esagerata: troppë, agg.
trottola
: strummele, (lu), s.m. /
trottola, lembo, un qualcosa: tarèjje, (lu ), s.m.
trovare: truhuá, truvá, v.
trovarsi in fin di vita: a muretàre, loc. avv.
trovata; invenzione: 'mminziàune, (la), s.f.
trovatello anche discolo, monello: vardiarélle, vardarìlle, (lu), s.m. / discolo anche ragazzo furbo e vivace: masanìlle, (lu), s.m.
trovatello, bastardo: mulàcchie, (lu), s.m.
/ bastardo, di figlio illegittimo: cazzère, agg.
truccato
con rif. ad una donna, ritoccato, restaurato: arepeccáte, agg.
trucco, inganno: trûcche, (lu), s.m.
truciolo del legno: riccitìlle, ricciutìlle, rucciutuêlle, (lu), s.m., pl. li riccitìlle
truffatore, imbroglione: 'mbruijáune,
carucchjàre, (lu), s.m. / imbroglione, di idioma incomprensibile: ggiargjanàise, agg.
tu
: tî, pron. pers. sing. sog.
tua
, tuo: të, agg./pron. poss.
/ te, pron. atono della 2a persona
tua moglie: màite / mia moglie: màime, mmajme / moglie: mòjje, màjje o mäjje (ant.), (la), s.f.
tuba, cappello a cilindro anche canna fumaria: tíbbe, (lu), s.m.
tubare (il) dei picccioni: ruchujjé, v.
tubercolosi, tisi all'ultimo stadio, (la), s.f.: hatticènie; la credenza popolare vuole che la malattia si trasmetta dal gatto
tubercolotico, tisico, magro, di pessima salute: jéttiche, seche, gnettichëite, agg.
tubo: tûbbe, (lu), s.m. /
tubo, condotto, conduttura: cunnîtte, (lu), s.m. / tubo di ferro (soffietto) per soffiare sul fuoco: zuffulataure, zufflatîure, (lu), s.m., pl. li zuffulatihure, zufflatîre
tue
, tuoi: tu, agg./pron. poss.
tufo, materiale da costruzione formato da pietra tenera: tûfe, (lu), s.m.
tuffo: tûffe, (lu), s.m.
tulipano: tulepàne, (lu), s.m.
tumefazione, gonfiore, rigonfiamento, enfiagione alla falangetta del dito: turnadàte, (lu), s.m.
tumore, cosa maligna: chéuse malègne, (la), s.f.
tumoretti delle palpebre: ciciarìlle, (li), pl.
tuo
, tua: të, agg./pron. poss.
/ te, pron. atono della 2a persona
tuo fratello; mio fratello; fratello: frátte; fràteme; fràte, (lu), s.m. / anche fratta, siepe, recinto: frâtte
tuo padre: pètte / mio padre: pèteme / padre, papà: pátre, papá, táte, (lu), s.m.
tuoi
, tue: tu, agg./pron. poss.
tuonare:
'ntuná, vummitijé, v.
tuono
: tuéne, (lu), s.m., pl. li tùne, guàmmete, uàmmete, vàmmete, tròne, terrècene, (lu), s.m.
tuorlo d'uovo, scaracchio, viluppo: vilòccë, (lu), s.m. /scaracchio, sputo, espettorato: gràsce, (lu), s.m. anche abbondanza in genere di cibo: gràsce, (la), s.f.
turare, tappare, tamponare: atturé, v. /turare di nuovo, tappare: aritturé, v. / tamponare una fessura: cibbé, v.
turare, tamponare, tappare: tappá, v.
turbarsi, confondersi: attòjje, v. / confondersi, spazientarsi, stizzirsi: 'mbascérese, v.
turbine, vento forte: cëfere (lu), s.m. / nu cëfere di vende
turco
: tîrche, (lu), s.m.
tussillaggine, varietà di panta spontanea: tussellàgge, (la), s.f.
tutolo, torsolo: tirzáune, truzzuáune o
truzz
áune, tórzere, (lu), s.m.
/ torsolo della pannocchia: tótere, tuótere, (lu), s.m.
tutt'intorno, torno torno,: tùrne tùrne, loc. avv.
tutto: tìtte, agg.