Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Vocabolario italiano-vastese
: S
 
A
B
C
D
E
F
G
H
I
L
M
N
O
P
Q
R
T
U
V
Z

s: s, ssé
sabato: sàbbete, (lu), s.m. / domenica: dumuàniche, dumuàneche, (la), s.f. / lunedì: luneddë, lunuddë, (lu), s.m. / martedì: marteddè, (lu), s.m. / mercoledì: merculleddè, mercluddè, (lu), s.m. / giovedì: giuvuddé, ggiuvuddé, (lu), s.m. / venerdì: vennardè, vinnardè, (lu), s.m.
sabbia, rena: räne, ràïne, (la), s.f.
sabbioso: rináuse, agg.
Sabia
: Sabbije, n.p.p., dim. Sabbijcce
Sabino
: Sabìne, n.p.p.
sacca al di sotto del basto per evitare le ferite alla bestia da soma: pannìlle, (lu), s.m.
sacca da viaggio
: bîgge, (la), s.f.
saccente, saputo: cunzuldáuse, agg. / scaltro, astuto, furbo: fìrbe, agg. / furbo, sveglio, intelligente: cillëine, agg. / puntiglioso, capriccioso: pindillàse, agg. / capriccioso: trapilèine, agg. / puntiglioso, meticoloso: pilillàre, agg. / saccente, istruito, esperto, anche accorto, scaltro: saputìlle, (lu), s.m. / scaltro (paraculo): paraquîule, (lu), s.m. / furbacchione, persona vivace: rócile, (lu), s.m. / tipo furbo e vivace: rottaluquîule, (lu), s.m. / saccente anche ironicamente sarto, puntiglioso: 'mpilapidùcchie o 'mbilapidùcchie, (lu), s.m. / dispettoso, puntiglioso: curriváuse, (lu), s.m.
sacchetto
ripieno di biada appeso al collo del cavallo: mangiacavàlle, magnacavàlle, (la), s.f., pl. li mangiacavàlle
sacchetto per la razione di biada: mesèlle, (la), s.f.
sacchetto
o cestino per raccogliere le olive: vurtàle, (lu), s.m.
sacco
: sàcche, (lu), s.m., pl. li sàcchere
sacco a rete per riporre il pescato: cozze, vongole, pelosi, pesci ed altro: martavèlle, (la), s.f.
sacco della rete; rete a forma di sacco: cuquálle, (lu), s.m.
sacco della rete
: cucuólle, (lu), s.m.
sacco
(piccolo), usato generalmente per contenere farina: saccátte, (la), s.f.
sacco
(un) di botte: fràcche, (lu), s.m.
saccoccia
, tasca: saccòcce, (la), s.f., pl. li saccòcce / per dire di persona avara: te' lu rëcce 'n zaccòcce / modo di dire volgare, vai a quel paese: vattel' a pijà n' saccòcce
saccone (materasso) imbottito di foglie secche di granturco/mais: saccáune, (lu), s.m., pl. li sacchîune; materasso: muatarazze, (lu), s.m., pl. li matarêzze / pagliericcio, paglione, saccone: pajarécce, (lu), s.m.
sacerdote
: saciardéute, (lu), s.m.
sacramento
(di) o reliquia in ostensione ai fedeli: dispò
šte, agg.
sacrosanto: sacrosànde, agg.
saetta
, fulmine: sajàtte, (la), s.f. / fulmine: fîlmine, silištre, fùtre, (lu), s.m.
sagne
: sàgne, s.m., pasta fatta in casa, si usa al plurale li sàgne / li sàgn' appezzáte
sagnette, fettuccine o fettuccia fatte in casa con farina e acqua e tagliate a mano, in maniera grossolana: sagnitèlle, (li), s.f.,pl.
sagrestano
: sacraštene, bèrre di sandáuse, (lu), s.m., pl. li sacraštene
sagrestia
: sacraštè, sacraštèje, (la), s.f.
sala; erba palustre: ghìje, (la), s.f.
salacca, cheppia o sarda, pesce azzurro, conservate sotto sale o affumicate: saràche, cchiáppe, (la), s.f. / pesce càntaro, tanuda, pesce dei girellidi: sàraca bbastàrde, canarèlle, (la), s.f.
/ sarda, varieta di pesce azzurro: sàrde o sardèlle, (la), s.f. / sarda sarda, palamite, pesce azzurro marino: palájje, (lu), s.m. / sardinella aurita, alaccia, varietà di sardina, pesce azzurro: sardellëine, (lu), s.m.
salame piccante, tipico della zona del vastese, preparato con carne di maiale: vindricëine, (la), s.f.
salamoia: salaméuje, (la), s.f. / il pesce in salamoia: lu puàsce saláte
salare anche ridurre qualcuno a mal partito: salá, v.
salario, paga: pàche o pàghe, (la), sf.
salario
, guadagno, profitto: huadàgne, abbîsche, (lu), s.m.
salato
, caro: saláte, agg. / pahà tande saláte
sale
: sàle, (lu), s.m. / fig. niente assoluto: nijènde e mmanghe sále
salice: sálece, (lu), s.m.
saliera, recipiente in legno o zucca cava per sale da cucina: salîre, (la), s.f., pl. le salîre
salire
: sàjje, v., p.p. sàdde / salire in piano, appianare: 'nghianá, v.
saliscendi anche organo del trabocco: calescëgne, sàjje e sciàgne o sciànne, (lu), s.m.
salita: capammánde, pindicáte, (la), s.f. /
salita, erta: rétte, (la), s.f. / salita, costa: còšte, (la), s.f.
/
salita piuttosto erta e faticosa: appittáte, (l'), s.f. / salita anche connubio carnale: sädde, (la), s.f.
salita (lieve): pittàte, (la), s..f.
salita piuttosto erta e faticosa: appittáte, (l'), s.f. /
salita: capammánde, pindicáte, (la), s.f. / salita, erta: rétte, (la), s.f. / salita, costa: còšte, (la), s.f. / salita anche connubio carnale: sädde, (la), s.f.
salnitro: salenétre, (lu), s.m.
salpa, varietà di pesce, simile all'orata: sàrpe, (la), s.f.
salpare (di un naviglio) anche ritirare la rete: salpá, v.
salpata: salpàte, (la), s.f.
salsa
: sâzze, (la), s.f. / di sola salsa: bbuttèje di sâzze
salsa di pomodoro rappresa; conserva: cunzèrve, (la), s.f.
salsa per arrosti: 'nduòcchie, (lu), s.m.
salsiccia: saggëcce, (la), s.f., pl. li saggicce /salsiccia di fegato anche fig. discorso lungo e noioso: fegatàzze, (lu), s.m. / salsiccia di trippa, budello retto, riempita di carne di maiale, fortemente aromatizzata, particolarmente indicato per insaporire il ragù; il termine deriva dal francese nouille (tagliolino) o andouille (salsicciotto): 'nnuje, (la), s.f. / salsicciotto: saggicciòtte, (lu), s.m.
salsiccia di fegato anche fig. discorso lungo e noioso: fegatàzze, (lu), s.m. /
salsiccia: saggëcce, (la), s.f., pl. li saggicce / salsiccia di trippa, budello retto, riempita di carne di maiale, fortemente aromatizzata, particolarmente indicato per insaporire il ragù; il termine deriva dal francese nouille (tagliolino) o andouille (salsicciotto): 'nnuje, (la), s.f. / salsicciotto: saggicciòtte, (lu), s.m.
salsiccia di trippa, budello retto, riempita di carne di maiale, fortemente aromatizzata, particolarmente indicato per insaporire il ragù; il termine deriva dal francese nouille (tagliolino) o andouille (salsicciotto): 'nnuje, (la), s.f. /
salsiccia: saggëcce, (la), s.f., pl. li saggicce /salsiccia di fegato anche fig. discorso lungo e noioso: fegatàzze, (lu), s.m. /
salsicciotto: saggicciòtte, (lu), s.m.

salsicciotto: saggicciòtte, (lu), s.m. / salsiccia: saggëcce, (la), s.f., pl. li saggicce / salsiccia di fegato anche fig. discorso lungo e noioso: fegatàzze, (lu), s.m. / salsiccia di trippa, budello retto, riempita di carne di maiale, fortemente aromatizzata, particolarmente indicato per insaporire il ragù; il termine deriva dal francese nouille (tagliolino) o andouille (salsicciotto): 'nnuje, (la), s.f.
saltare
: zumbá, v. / saltare, saltare a piè pari, scavalcare: iundá, jundá, v. / saltarsi a vicenda alternativamente chinandosi:
a zombacavalle /
scavalcare: 'ncavalcá, scavallá, v. / scavalcare, accavallare, mandar giù: accavallá, v.
saltarsi a vicenda alternativamente chinandosi (gioco e divertimento di bambini):
a zombacavalle
saltellare, zampettare: zumbilijé, zumbujá, zampié, v.
saltimbanco (gioco di): préuve, (la), s.f. / prove, indizi di lite: préuve, (li), pl.
salume (coppa, capocollo, capicollo, finocchiata, lonza, lonzino): còppe, (la), s.f.
salumiere; pizzicagnolo:
casciaddùjje, (lu), s.m.
salute: 'n zalîute!, loc.
salute (alla)! espressione di brindisi a cui fa seguito a la calàte!: a la salîute, loc.
salute (di buona): sanècce, agg.
salute (di pessima), magro, tubercolotico, tisico: jéttiche, seche, gnettichëite, agg.
salute (in): 'n zanetáte, 'n zalîute, loc.
salute (il venir meno della); gettata della rete: caláte, (la), s.f.
salvadanaio: carsìlle, quarisìlle, (lu), s.m.,pl. li carisìlle
Salvatore
: Salvatáure, n.p.p.
salvezza
in senso religioso: salvaziáune, (la), s.f.
salvia: sàvie, sàleve, (la), s.f.
salvo che: frànghe che, loc. cong.
sambuco: sammîuche, (lu), s.m.
San Buono
: Sànde Bbùne, n. pr., comune del comprensorio vastese
San Giovanni
(festa di) anche compare: Sangiuànne (lu), s.m.
San Giuseppe, rione urbano di Vasto: San Giusuéppe
- altri: aragona: arraháune, (l'), s.f. / belvedere: bellevidá, (lu), s.m. / casarelle, nella parte ovest: casarèlle (li), pl. / casetta: casàtte, (la), s.f. / nei pressi della Torre di Santo Spirito: cavîute, (la), s.f. / croci, nella parte sud della città: crìce, (li), pl. / portanuova: purtanève / San Michele: San Micchèle / San Pietro: San Pìtre / Sant'Anna: Sant'Anne / Santa Maria: Sanda Marè
San Michele, rione urbano di Vasto: San Micchèle - altri: aragona: arraháune, (l'), s.f. / belvedere: bellevidá, (lu), s.m. / casarelle, nella parte ovest: casarèlle (li), pl. / casetta: casàtte, (la), s.f. / nei pressi della Torre di Santo Spirito: cavîute, (la), s.f. / croci, nella parte sud della città: crìce, (li), pl. / portanuova: purtanève /
San Giuseppe: San Giusuéppe / San Pietro: San Pìtre / Sant'Anna: Sant'Anne / Santa Maria: Sanda Marè
San Pietro, rione urbano di Vasto: San Pìtre / - altri: aragona: arraháune, (l'), s.f. / belvedere: bellevidá, (lu), s.m. / casarelle, nella parte ovest: casarèlle (li), pl. / casetta: casàtte, (la), s.f. / nei pressi della Torre di Santo Spirito: cavîute, (la), s.f. / croci, nella parte sud della città: crìce, (li), pl. / portanuova: purtanève / San Giuseppe: San Giusuéppe /
San Michele: San Micchèle / Sant'Anna: Sant'Anne / Santa Maria: Sanda Marè
sandalo: sàndale, (lu), s.m.
Sandro
: Sandre, n.p.p., dim. Sandricce, Sandrine, Sandrucce
sangue
: sànghe, (lu), s.m.
sangue (sbocco di): bûtte, (lu), s.m.
sangue e latte, espressione augurale di buona salute: sànghe e làtte, loc.; risp. fiore di melograno: fiàure o fijáure di mirganáte o miricanàte
sanguinaccio: sanguinàcce, (lu), s.m.
sanguinare, dissanguare: sangarijé, sagnijé, v.
sanguisuga, mignatta: sanguátte, (la), s.f.
sano anche intero: sàne, agg. / ho fatto una caduta, ma sto sano: ajje fatte 'na cascànne, ma štinghe sàne
sanrocchino; corto mantello da pellegrinaggio: muzzátte, (lu), s.m.
sansa, bulbo, nocciolo, nocchio: nócce, (lu), s.m. / sansa, residuo della spremitura delle olive: sànse, (la), s.f.
Sant'Anna,
rione urbano di Vasto: Sant'Anne
- altri: aragona: arraháune, (l'), s.f. / belvedere: bellevidá, (lu), s.m. / casarelle, nella parte ovest: casarèlle (li), pl. / casetta: casàtte, (la), s.f. / nei pressi della Torre di Santo Spirito: cavîute, (la), s.f. / croci, nella parte sud della città: crìce, (li), pl. / portanuova: purtanève / San Giuseppe: San Giusuéppe / San Michele: San Micchèle / San Pietro: San Pìtre / Santa Maria: Sanda Marè
Sant'Ascanio: Sanda 'Scàgne
santa: sanda, (la), s.f.
Santa Maria Assunta, 15 agosto: Sanda Marè / Maria: Marè, n.p.p. / Santa Maria,
rione urbano di Vasto: Sanda Marè - altri: aragona: arraháune, (l'), s.f. / belvedere: bellevidá, (lu), s.m. / casarelle, nella parte ovest: casarèlle (li), pl. / casetta: casàtte, (la), s.f. / nei pressi della Torre di Santo Spirito: cavîute, (la), s.f. / croci, nella parte sud della città: crìce, (li), pl. / portanuova: purtanève / San Giuseppe: San Giusuéppe / San Michele: San Micchèle / San Pietro: San Pìtre / Sant'Anna: Sant'Anne
Santa Spina
, reliquia venerata dai vastesi; ricorrenza religiosa vastese che ricade il venerdì antecedente il Venerdì Santo: Sanda Spëine, (La), s.f.
Sante
: Sànde, n.p.p., dim. Santarìlle
Santino: Sandëine, n.p.p.
santo anche pietoso, generoso: sànde, ssande, (lu), s.m., pl. li sènde/agg. /
pietoso: piatàuse
santocchia, beghina: bizzéuche, (la), s.f. /
beghina, pinzochera, donna che ostenta devozione e assiduità nelle pratiche religiose: sandùcchie, (la), s.f. / pinzochera, baciapile, bigotta: bijatèlle, vizzàche, (la), s.f. / baciapile, falso devoto, ipocrita: frècasände, (lu), s.m.
santocchia, baciapile, bigotta anche chiesa: sandháuse, (la), s.f.
santone, mago, veggente: mahàre, macàre, (lu), s.m.
sanzione
, provvedimento: pruvvidimìnde, (lu), s.m.
sapere: sapá, v., ind. pres. sàcce, assapá, v.
sapere una cosa a memoria in modo perfetto: a cambanèlle, loc. avv.
sapiente
: sfaudiente, agg.
sapone: sapáune, (lu), s.m.
saponetta: sapunátte, (la), s.f.
sapore
, gusto: híšte, (lu), s.m.
sapore del vino (relativo al); abboccato: arbuccáte, agg.
sapore dolciastro (dal): duciáure, (lu), s.m.
saporito: saprëite, agg.
saputo, saccente: cunzuldáuse, agg. / saccente, istruito, esperto, anche accorto, scaltro: saputìlle, (lu), s.m. /
saccente, puntiglioso, anche ironicamente sarto: 'mpilapidùcchie o 'mbilapidùcchie, (lu), s.m.
Sara
: Sare, n.p.p.
saracco
(sega a lama larga con unica impugnatura): surruacchie, (lu), s.m., pl. li sirrêcchie
saracco, piccolo, a punta: surruacchiole, (lu), s.m., pl. li sirracchiule
sarago, varieta di pesce della famiglia sparidi: sbbàrre, (lu), s.m.
sarchiare
: arizappilijé, arrannä, v., p.p. arrannäte / sarchiare, zappare con zappe leggere sulla superficie del terreno: zapparijé, v. / sarchiare, ripulire il seminato dalle erbacce: sarchiá, v.
sarchiatura in genere e della vigna per eliminare le erbe parassitarie: rrannatîure, (la), s.f., arrannatîure, (l'), s.f.
sarda, pesce azzurro marino: sàrde o sardèlle, (la), s.f. / sarda o cheppia, salacca, conservate sotto sale o affumicate: cchiáppe, saràche, (la), s.f. / pesce càntaro, tanuda, pesce dei girellidi: sàraca bbastàrde, canarèlle, (la), s.f. / sarda sarda, palamite: palájje, (lu), s.m. / sardinella aurita, alaccia, varietà di sardina: sardellëine, (lu), s.m.
sarda sarda, palamite, pesce azzurro marino: palájje, (lu), s.m. / sarda: sàrde o sardèlle, (la), s.f. / sarda o cheppia, salacca, conservate sotto sale o affumicate: cchiáppe, saràche, (la), s.f. / pesce càntaro, tanuda, pesce dei girellidi: sàraca bbastàrde, canarèlle, (la), s.f. / sardinella aurita, alaccia, varietà di sardina: sardellëine, (lu), s.m.
sardinella aurita, alaccia, varietà di sardina, pesce azzurro marino: sardellëine, (lu), s.m. / sarda: sàrde o sardèlle, (la), s.f. / sarda o cheppia, salacca, conservate sotto sale o affumicate: cchiáppe, saràche, (la), s.f. / pesce càntaro, tanuda, pesce dei girellidi: sàraca bbastàrde, canarèlle, (la), s.f. / sarda sarda, palamite: palájje, (lu), s.m.
sartie in genere, cordame: curdàme, (lu), s.m.
sarto: sartáure, suartáure, sartàre, cusciutáure, (lu), s.m., pl. li sartîre / sarto (ironicamente), saccente anche puntiglioso: 'mpilapidùcchie o 'mbilapidùcchie, (lu), s.m.
sassata anche cantonata: candunàte, (la), s.f.
sasso
: vràccele, (la), s.f.
sassolini: vriccilàlle, (li), pl.
sarto
: sartaure, (lu), s.m., pl. li sartîre
satollarsi, saziarsi, rimpinzarsi, ingozzarsi di cibo in maniera spropositata: accibbë, arcibbë, abbumacá, v.
Saverio
: Savèrie, n.p.p.
Savino
: Savìne, n.p.p.
saziarsi, satollarsi, rimpinzarsi, ingozzarsi di cibo in maniera spropositata: accibbë, arcibbë, abbumacá, v.
sazio: sàzie, agg.
sbacchettare, darsi da fare: sbacchettá
, v.
sbadigliare, alitare: alijé, alá, halá, v. / sbadigliare volgarmente, sbagliare: sbarrijé, v.
sbadiglio
prolungato: halàte, (la), s.f.
sbafare
, scroccare: sbafá, v.
sbafo
(a), senza pagare, gratis, a ufo: îffe, hîffe (a), uffe (a), loc. avv.
sbagliar
proprio indirizzo, far cattivo uso d'una cosa: mátte Crëste 'm mén' a li Tîrche, loc.
sbagliare, errare: sbajjá, v. / sbagliare, sbadigliare volgarmente: sbarrijé, v.
sbaglio
: sbàjje, (lu), s.m. /
sbaglio, errore: rròvele, (lu), s.m. / per sbaglio: pi' scàgne, avv.
sbancamento di terra: sbangamènde, (lu), s.m.
sbandamento: sbbannamènde, (lu), s.m.
sbandare
, proprio dello scafo dietro l'urto dell'onda: sbanná, v.
sbandato
, sciocco, persona dal viso deforme: sbiséte, agg./(lu), s.m.
sbaraccare, togliere il disturbo: sbarraccá, v.
sbarbato
: sbardàte, agg.
sbarra
di legno, staggio o asta verticale, per tenere la rete della sciabica: mazzátte, (la), s.f./culàne
, (lu), s.m.
sbattamîure
, sbattamîre: gioco del battimuro con le monetine, (lu), s.m. / jucà a sbattamîure
sbattere
: sbàttë, v., p.p. sbattîute
sbattimento riferito per lo più agli applausi: sbattimènde, (lu), s.m.
sbavare
: avvavajjá, v.
sbeffeggiare, prendere in giro, sfottere,
imitare: cuffujé, arrénne l'abbàie, pazzìjá, v. / sfottere, gabbare, canzonare, coglionare: arifricá, 'refrecá, v. / canzonare, coglionare: cujuná, v. / gabbare, schernire: gabbá, habbá, v. / schernire: ariscarnë, v. / sbeffeggiare con noncuranza, ripassare: aripassá, v. /
prendere in giro, anche giocare, baloccare: pazzìjá, v. / prendere in giro: frište, loc.
sbeffeggiare con noncuranza, ripassare: aripassá, v. / sbeffeggiare, prendere in giro, sfottere, imitare: cuffujé, arrénne l'abbàie, pazzìjá, v. / sfottere, gabbare, canzonare, coglionare: arifricá, 'refrecá, v. / canzonare, coglionare: cujuná, v. / gabbare, schernire: gabbá, habbá, v. / schernire: ariscarnë, v. /

prendere in giro, anche giocare, baloccare: pazzìjá, v. / prendere in giro: frište, loc.

sberleffo; giaciglio per cani: chîzze, (la), s.f.
sbiadito, incolore: sbiadéte, sbaudéte, agg.
sbieco (di), traverso, striscio: sgosciù, agg.
sbigottire
, spaventare, sobbalzare per lo spavento: sbautté, jitticä, itticá, v.
sbirciata; occhiata: smiccijé, guardáte, (la), s.f.
sbirraglia, forze di polizia, complesso di sbirri: sbirràjje, (la), s.f.
sbirri (complesso di), sbirraglia, forze di polizia: sbirràjje, (la), s.f.
sbirro: sbërre, (lu), s.m.
sbocciare
, fiorire: puppuá, v.
sbocco di sangue: bûtte, (lu), s.m.
sbornia: cepahàtte
, (lu), s.m. /
fig. riferito a chi ha preso una grossa sbornia anche pecora: pèchere, (la), s.f. / una sbornia: 'na pèchere
sbornia: cîcche, (la), s.f.
sbornia: pahulìcce, (lu), s.m.
sbottonare: sbuttuná, v.
sbracciare, muovere con agitazione le braccia, dimenarle: sbraccïjá, v.
sbrigare, affrettare: sbrihá, affurijá, v.
sbrigarsi, affrettarsi: sbrighé
, affurijé, v.
sbrigati!: ajttéte!
sbucciare, pulire: scugná, scugnä, scogná, v., verbo che si adatta soprattutto alla frutta secca provvista di guscio (la cugne)
sbucciare, slegare, sciogliere, pulire, sgusciare, sgranare, mondare, nettàre, ecc.: sciôje, sciòjjë, v., p.p. sciôdde; a la uaštaréle (in dialetto vastese), canda diciàme, sciôje, pò significä’ paricchie chése / slega l’asino: sciùje l’âsene / sbucciare, togliere dal baccello piselli, fave, ecc.: sciôje li pisëlle/li fäfe/ecc.; a volte per i legumi si usa anche scugnä, verbo che si adatta più alla frutta secca provvista di guscio (la cugne) / mondare, nettàre la verdura...: sciôje la virdîre, (es. sto mondando, nettando un po’ di broccoletti: štingh’ a sciôje ddu’ vrucche di räpe / deviscerare, pulire il pesce prima di cucinarlo: tipica l'espressione, sciôje lu pàšce, puàsce o puàssce
sbuffo di vento nelle vesti: bòffe, (lu), s.m.
sbullonato
, disordinato,
persona che non tiene in ordine le sue cose o che lavora con scarsa precisione ed esattezza:
sbullunáte, agg.
scabbia, rogna: scàbbie, (la), s.f.
scabro, ruvido, ruvidezza molto accentuata
: raspànde, raspáuse, agg.
scacciamosche
: scacciamáschele, (lu), s.m.
scacciare, cacciare, servire, emettere, eleggere: cacciá, v. / dargli da bere: caccej' a vváve
scaduto, trattenuto, passato, stantio, di cibo alterato: arisidîte, arisidîute, agg.
scafo: fáunne, šcafe, (lu), s.m.
scaglia, squama: šcáje, (la), s.f.
scagliare, gettare con forza, spingere: sbalanzá, v. /
gettare: ittá, jittá, v.
scagliarsi contro qualcuno, avventarsi: affrangá
, abbindá, v.
scaglie di legno o roba minuta per il fuoco: bruscëime (li), pl.
scaglie di pesce: scàjje o sgàjje, (li), pl.
scagliola, gesso raffinato: šcajéule, (la), s.f.
scala
, gradino, scalino: scäle, (la), s.f.
scala interna, ballatoio: capescàle, capiscàle, (lu), s.m. / ballatoio, ripiano, piccola largura: pianàtte, (la), s.f. / ripiano, pensile, spazio sottotetto: pásele, agg.
scalciare, calciare: scaggijé, caggijé, v.
scaldare: 'ncallá, scallá, v. / scaldare al fuoco un metallo: abbrusciuné, v.
scaldata (ri) di un cibo, di una minestra: scallàte, (la), s.f.
scaletta di corda, biscaglina, usata per montare sulla tolda (coperta) della nave: pescàggene,
(la), s.f.
scalino, gradino, scala: scäle, (la), s.f.
scalmo della barca (l'appoggio del remo su un'imbarcazione)
: scàrme, (lu), s.m.
scalo marittimo, porto: purte
, (lu), s.m.
scalogni, varietà di cipolle: lampascîune, (li), pl.
scalmo doppio, caviglie fissate alla falchetta di un'imbarcazione, alle quali si lega il remo con uno stroppo durante la voga: pappahàlle, (lu), s.m.
scalpellino
anche lapicida: marmešte, (lu), s.m. / scalpello: scuarapêlle, (lu), s.m., pl. li scarapìlle / scalpello dei muratori: scarapèlle, (lu), s.m. /
scalpello da calafato: rebbùtte, (lu), s.m.
scalpello
: scuarapêlle, (lu), s.m., pl. li scarapìlle / scalpello dei muratori
:
scarapèlle, (lu), s.m. /
scalpello da calafato: rebbùtte, (lu), s.m. / scalpellino anche lapicida: marmešte, (lu), s.m.
scaltro
, astuto, furbo: fìrbe, agg. / furbo, sveglio, intelligente: cillëine, agg. / furbacchione, persona vivace: rócile, (lu), s.m. / tipo furbo e vivace: rottaluquîule, (lu), s.m. /
scaltro (paraculo): paraquîule, (lu), s.m. / scaltro, accorto, anche esperto, istruito, saccente: saputìlle, (lu), s.m.
scalzo
: scàzze, agg. / di persona in estrema miseria: scàzz' e nníute, mëser' e ddulènde anche scazzennûte,
(lu), s.m
.
scambiare
: scagná, v. /
scambiare una promessa, promettere verbalmente: apparulá, v. / promettere: prumátte, v.
scambio di prodotti artigianali con agricolianche modesto baratto fra ortaggi e pescato: scambulátte, (lu), s.m.
scamorza, bocconcino anche persona inetta: scamârze, (la), s.f.
/ venditore di scamorze anche persona inetta: scamurzàre, (lu), s.m.
scampagnata: cambagnáte, (la), s.f.
scampanata, scampanìo: scambanijéte, (la), s.f.
scampanìo, scampanata: scambanijéte, (la), s.f.
scamparla, cavarsela: affrancá, v.
scamparla; farla franca: frànghe, avv.
scampo,
crostaceo simile per aspetto all'astice ma molto più piccolo con carne molto pregiata e ricercata dal sapore delicato che ben si presta per esser cucinata per realizzare numerosi piatti: rrahuštàlle o rrahuštëine, (la), s.f.
scandagliare, appurare, indagare, osservare: scanajjá, v. / appurare, conoscere, risapere, far chiarezza: appurá, appuré, v. / e chi ci capisce, centra!: e chi c'appîure!
scandaglio anche coltello del
macellaio anche membro virile: scanàjje, (lu), s.m.
scandalosa, indecente anche organo sessuale fem.: ciònne, agg., s.f., (la) / vagina: cîcce, ciucce, (la), s.f / per dire di persona di bassa: n'arrive a vascià la ciuccie all'asene / vulva, organo sessuale femminile: fàsse, (la), s.f.
scannatoio
, ripiano di legno dove si uccidono i maiali, mattatoio: scannatáure, (lu), s.m.
/ mattatoio, l'uccisione dei maiali: scannájje, (lu), s.m.
scansafatiche; vagabondo;
giramondo: vagabbìnde, (lu), s.m.; caminamànne, (lu), s.m.
scansarsi: scanzárese, v.
scansia, ripiano: scanzèjje, (la), s.f.
scanso (a) di: a scanze, loc. avv.
scanzare: scanzá, v.
scapece, pesce fritto, marinato nell'aceto con l'aggiunta di zafferano, in genere razza, palombo o seppia: scapàce, (la), s.f.
scapolare, amuleto, portafortuna: vrèche, gréche, (lu), s.m. / amuleto di petra per preservare la gestante dai pericoli dell'aborto: préta prène, (la), s.f.
scarabeo
anche scarafaggio, insetto della famiglia degli scarafaggi, blatta: scardaváune, squardaváune, (lu), s.m., pl. li scardavîune, squardavîune, fujëine, fujjene, (la), s.f., pl. li fujëine, fujjene / che si muove velocemente: scàppe gnè 'na fujëine
scarabocchio; cerfoglio: cirifòjje, (la), sf.
scaracchio, viluppo, tuorlo d'uovo: vilòccë, (lu), s.m. / scaracchio, sputo, espettorato: gràsce, (lu), s.m. anche abbondanza in genere di cibo: gràsce, (la), s.f.
scarafaggio, insetto della famiglia degli scarafaggi, blatta
anche scarabeo: scardaváune, squardaváune, (lu), s.m., pl. li scardavîune, squardavîune, fujëine, fujjene, (la), s.f., pl. li fujëine, fujjene / che si muove velocemente: scàppe gnè 'na fujëine
scardalana, chi raffina la lana di pecora: squardalàne, (lu), s.m., pl. li scardal
ène / cardatore: scardatàure, (lu), s.m., pl. li scardatëre / cardare la lana: scardá la làne
/ cardatore di lana: scardalàne, (lu), s.m.
scardassiere: culihànde
, (lu), s.m.
scarduffato, arruffato: arruféte, agg. /
arruffato, adirato: 'ngruféte, agg.
scaricare, vomitare, récere,
rigettare: arrijettá, arijittá, rijttá, vummacá, v. / vomitare di nuovo, tornare a sparlare: arivummacá, v.
scaricatore di porto, camallo, facchino portuale: sbarzùcche, (lu), s.m. / scaricatore di porto, in senso spregiativo, picuzzàre, (lu), s.m.
scarico anche fenomini diarroici o di elettricità
: scàreche, (la), s.f.
scarnito, secco, asciutto:
sácche, arsácche,'risìcche, 'rrsìcche, agg. / asciutto: assîtte, assuquète, agg.
scarno, magro
: scarnéte, agg.
scarola
, verdura: scarële, scaréle, (la), s.f.
scarpa: scarpe, (la), s.f., pl. li scarpe / scarpe: ciarabùtte, (li), pl. / scarpa piuttosto larga per camminarci: calasciáune, (lu), s.m.
/ scarpa (parte superiore): accrullatîure, (l'), s.f. / scarpa (parte della) anche spioncino, borchia della serratura: buccátte, (la), s.f. / scarpa da lavoro del contadino: scarpe di gruuàme, (la), s.f. /scarpaccia e anche scarpetta: ciambillátte, (la), s.f. / scarpetta per bambini: scarpitèlle, (la), s.f., pl. li scarpitèlle / elegante calzatura anche camminata lunga e faticosa: scarpèine, (la), s.f.
scarpaccia e anche scarpetta: ciambillátte, (la), s.f.
/scarpa: scarpe, (la), s.f., pl. li scarpe / scarpe: ciarabùtte, (li), pl. / scarpa piuttosto larga per camminarci: calasciáune, (lu), s.m. / scarpa (parte superiore): accrullatîure, (l'), s.f. / scarpa (parte della) anche spioncino, borchia della serratura: buccátte, (la), s.f. / scarpa da lavoro del contadino: scarpe di gruuàme, (la), s.f. /scarpaccia e anche scarpetta: ciambillátte, (la), s.f. / scarpetta per bambini: scarpitèlle, (la), s.f., pl. li scarpitèlle / elegante calzatura anche camminata lunga e faticosa: scarpèine, (la), s.f.
scarpata (ripida), dirupo: ddirrupatùrie, (la), s.f.
/ dirupo: rupatòrie, (lu), s.m. / dirupo sottomarino: fussòne dill'àcche, (lu), s.m. /
dirupo profondo: catrafòsse, (lu), s.m.
scarpetta e anche
scarpaccia: ciambillátte, (la), s.f. / scarpa: scarpe, (la), s.f., pl. li scarpe / scarpe: ciarabùtte, (li), pl. / scarpa piuttosto larga per camminarci: calasciáune, (lu), s.m. / scarpa (parte superiore): accrullatîure, (l'), s.f. / scarpa (parte della) anche spioncino, borchia della serratura: buccátte, (la), s.f. / scarpa da lavoro del contadino: scarpe di gruuàme, (la), s.f. /scarpetta per bambini: scarpitèlle, (la), s.f., pl. li scarpitèlle / elegante calzatura anche camminata lunga e faticosa: scarpèine, (la), s.f.
scarpone
: squarpáune, (lu), s.m., pl. li scarpîune
scarrozzata: carruzzujéte, agg.
scarseggiare: scarsijé, v.
scarso
, ritegnoso nei rapporti sociali: scàrze, agg.
scartare, aprire, spacchettare, una busta, un pacchetto o altro, anche scoppiare: šcuppuä, v. / aprire: arrapë, v. / svolgere un gomitolo, una corda, una matassa, anche aprire, dipanare, distendere, sciogliere, sgrovigliare, spiegare, srotolare: sbirrité o sbirrutá, v.
scarto (lo) nel gioco delle carte anche intuizione, fiuto: scàrte, (lu), s.m. / lo scarto nel gioco delle carte, proprio del lavorante che assiste il maestro: ammannë, v.
scassare, divellare: sbangá, v.
/scassare, divellare, atto di effrazione, forzatura, rottura, scasso: scassá, v.
scasso profondo di un terreno agricolo: scassáte
, (lu), s.m. / scasso, atto di effrazione, forzatura, rottura, scassare, divellare: scassá, v. / scassare, divellare: sbangá, v.
scatenare: scatiná, v.
scatola: scàtele
, (la), s.f. / scatola di latta, barattolo: stagnaréule, štaggnaròle, buàtte, (la), s.f. anche bîzzéche, (lu), s.m.
scattare
, schiattare: šcattá, v.
scatti di fastidio, malumori: patùrnie, li, pl.
scava pozzi: quavapîzze, (lu), s.m., pl. li cavapîzze
scavalcare: 'ncavalcá,
scavallá, v. /
scavalcare, accavallare, mandar giù: accavallá, v. / scavalcare, saltare, saltare a piè pari: iundá, jundá, v.
scavare
: scavá, v.
scavezzare, spezzare, stroncare, rompere: scapizzá, v.
scazzottata: cazzuttujéte, (la), s.f.
scegliere
: scèjjë, v.
scegliere
,
selezionare, contenere: capá, v.
scegliere proprio dei legumi, selezionare: aricapá, v. / separare i buoni dai cattivi, venire a capo, raccogliere: aricapä, v. /  raccogliere, restringere, accoppiare, accoccare, mettere insieme, rimediare qualche cosa: accucchié, arištrágne, v. / raccogliere: ariccòje, ariccòjjë, raccójjë, v.
scelta, selezione: recapáte, (la), s.f.
scemare
, diminuire: assamá, assimá, v.
scemo: sscéme, (lu), s.m., pl. li sscîme
scena o litigio in mezzo alla strada: piazzáte, (la), s.f.
scendere: asciágne, v.
scendere qualche goccia di pioggia: mminè li štëzze
schegge di legno o detriti per accendere
il fuoco
: cippáme, (lu), s.m.
scheggia
(piccola) di legno
: scarèje, (la), s.f.
schermirsi (modo artefatto di); mossa: mòsse, (la), s.f.
schernire,
gabbare: gabbá, habbá, v. / schernire: ariscarnë, v. / prendere in giro, sfottere, sbeffeggiare, imitare: cuffujé, arrénne l'abbàie, pazzìjá, v. / sfottere, gabbare, canzonare, coglionare: arifricá, 'refrecá, v. / canzonare, coglionare: cujuná, v. / sbeffeggiare con noncuranza, ripassare: aripassá, v. /
prendere in giro, anche giocare, baloccare: pazzìjá, v. / prendere in giro: frište, loc.
scherzo
, burla: schèrze, (lu), s.m.
scherzoso (spesso con significato); carneficina; strage; lavoro malfatto: ccidàjje, (la), s.f.
schiaccianoci: cciaccanáuce, (lu), s.m.
schiacciare
, premere: squacci
á, v. / premere con forza: 'ncalicá, v. / schiacciare, ammassare, formare una massa e pressare nello stesso tempo, comprimere una cosa morbida: ammacciuccá, ammacciuqquá, v. / schiacciato: ammacciuccáte, ammacciuqquáte, agg. / ha schiacciato la neve per far un pupazzo: ha 'mmacciuccáte la nàive pe' ffà 'nu pupuattàune
schiacciato: ammacciuccáte, ammacciuqquáte, agg. / ha schiacciato la neve per far un pupazzo: ha 'mmacciuccáte la nàive pe' ffà 'nu pupuattàune / schiacciare, ammassare, formare una massa e pressare nello stesso tempo, comprimere una cosa morbida: ammacciuccá, ammacciuqquá, v. / schiacciare, premere: squacciá, v.
schiaffo: šcaffatáune, (lu), s.m.
schiaffo: riffàlde, (la), s.f. /
schiaffo, ceffone, manrovescio anche piccoli pani abbrustoliti: frisèlle, (la), s.f. / adesso ti do no schiaffo: mò te tëire 'na frisèlle / ceffone sulla bocca: vuccatáune, (lu), s.m. / pugno, manrovescio: scuzzáune, pùnie, pîgne, buffuttáune, ficózze, (lu), s.m. / manrovescio dato sul mento: leccamûsse, (lu), s.m. / schiaffo dato con violenza: rasciáune, (lu), s.m. / schiaffo dato col dorso (palmo) della mano anche tovaglia: mappëine, papàgne, (la), s.f. / schiaffo anche gioco di carte, briscola: bbréschele, bréschele, (la), s.f. / schiaffo dato con le cique dita anche pianta delle rosacee: cinghefrînne, (lu), s.m.
schiaffo dato col dorso (palmo) della mano anche tovaglia: mappëine, papàgne, (la), s.f. /
schiaffo: riffàlde, (la), s.f. / schiaffo, ceffone, manrovescio anche piccoli pani abbrustoliti: frisèlle, (la), s.f. / adesso ti do no schiaffo: mò te tëire 'na frisèlle / ceffone sulla bocca: vuccatáune, (lu), s.m. / pugno, manrovescio: scuzzáune, pùnie, pîgne, buffuttáune, ficózze, (lu), s.m. / manrovescio dato sul mento: leccamûsse, (lu), s.m. / schiaffo dato con violenza: rasciáune, (lu), s.m. // schiaffo anche gioco di carte, briscola: bbréschele, bréschele, (la), s.f. / schiaffo dato con le cique dita anche pianta delle rosacee: cinghefrînne, (lu), s.m.
schiaffo dato con le cique dita anche pianta delle rosacee: cinghefrînne, (lu), s.m. / schiaffo: riffàlde, (la), s.f. / schiaffo, ceffone, manrovescio anche piccoli pani abbrustoliti: frisèlle, (la), s.f. / adesso ti do no schiaffo: mò te tëire 'na frisèlle / ceffone sulla bocca: vuccatáune, (lu), s.m. / pugno, manrovescio: scuzzáune, pùnie, pîgne, buffuttáune, ficózze, (lu), s.m. / manrovescio dato sul mento: leccamûsse, (lu), s.m. / schiaffo dato con violenza: rasciáune, (lu), s.m. / schiaffo dato col dorso (palmo) della mano anche tovaglia: mappëine, papàgne, (la), s.f. / schiaffo anche gioco di carte, briscola: bbréschele, bréschele, (la), s.f.
schiaffo dato con violenza: rasciáune, (lu), s.m. /
schiaffo: riffàlde, (la), s.f. / schiaffo, ceffone, manrovescio anche piccoli pani abbrustoliti: frisèlle, (la), s.f. / adesso ti do no schiaffo: mò te tëire 'na frisèlle / ceffone sulla bocca: vuccatáune, (lu), s.m. / pugno, manrovescio: scuzzáune, pùnie, pîgne, buffuttáune, ficózze, (lu), s.m. / manrovescio dato sul mento: leccamûsse, (lu), s.m. / schiaffo dato col dorso (palmo) della mano anche tovaglia: mappëine, papàgne, (la), s.f. / schiaffo anche gioco di carte, briscola: bbréschele, bréschele, (la), s.f. / schiaffo dato con le cique dita anche pianta delle rosacee: cinghefrînne, (lu), s.m.
schiappa
: šcappëine, (la), s.f. / di giocatore di carte poco abile: šcappëine, agg.
schiattare, scattare: šcattá, v.
schietto: franche, franghe, agg.
schifiltoso
nel mangiare; adulatore: lecchíne, (lu), s.m.
schifosa, nullità: vrittitàte, (la), s.f.
schiodare, sfasciare, rompere, fare a pezzi:
schînacchiá, scunucchiá, v.
sciabica (grossa):
tartanàune, (la), s.f.
scialacquare, dissipare: despá, v. /
scialacquare il denaro in modo irresponsabile: fuffié, v. / buttare all'aria, dissipare, consumare: sciàlá, v. / consumare: cunzumuá, v. / sciàle popole, ca dumuàne è Ggiubbullé
scialacquare il denaro in modo irresponsabile: fuffié, v. /
scialacquare, dissipare: despá, v. / buttare all'aria, dissipare, consumare: sciàlá, v. / consumare: cunzumuá, v. / sciàle popole, ca dumuàne è Ggiubbullé
scialle femminile
per coprirsi capo e spalle, pesante stoffa da mettere sulle spalle, fazzolettone: fazzilittáune, (lu), s.m., pl. li fazzilittîune /
scialle femminile con spille d'oro anche tricorno del prete: ttreppìzze, (lu), s.m.
sciancare
, cadere a terra, inciampare, far male: šdulluffá, v. /
inciampare: 'ngiambicá, v. / inciampare, incespicare: 'ncipullá, v. /
incespicare, urtare anche scontrarsi: 'ndruppucá, 'ndruppichié, v.

sciancati (modo di procedere degli) o degli zoppi: ciángula ciànghele, loc. avv.
sciancato
: šdulluffàte, agg.
sciarrano boccaccia, varietà di pesce: gragniesétte, (lu), s.m.
scimmia
: scèmmie, (la), s.f., pl. li scèmmie
scintilla, monachina: vrinnèisce, (la), s.f.
sciocco, sbandato, persona dal viso deforme: sbiséte, agg./(lu), s.m. / sciocco: pirandùnie, agg./(lu), s.m. / sciocco, fesso: fàsse, fuàsse, agg./(lu), s.m. / sciocco, fesso, minchione, troppo ingenuo: mingaune,
agg./(lu), s.m. / sciocco, fesso, ottuso, stupido, poco intelligente, tardo nel comprendere: mafráune, scilète, agg./(lu), s.m.
/ sciocco, minchione anche cespo di sedano: màzze d'àcce, agg./(lu), s.m. / sciocco,
di persona credula: gnucculáune, gnucculéte, agg./(lu), s.m. / sciocco, di persona lenta e poco reattiva, lento, pigro: allènde, lòcche, agg./(lu), s.m. / sciocco, babbeo, grullo, privo di senno: fissacchiáune,
agg./(lu), s.m.
/
sciocco, babbeo
: babbalîcche, babbe', voccammòlle, agg./(lu), s.m. / sciocco, babbeo: mammalùcche, agg./(lu), s.m. / sciocco, babbeo, uomo di poco valore: chiachiìlle, agg./(lu), s.m.

sciocco, babbeo: sapunàre, (lu), s.m.
sciocco, stupido: scème, agg.
sciogliere, slegare, pulire, sbucciare, sgusciare, sgranare, mondare, nettàre, ecc.: sciôje, sciòjjë, v., p.p. sciôdd; a la uaštaréle (in dialetto vastese), canda diciàme, sciôje, pò significä’ paricchie chése / slega l’asino: sciùje l’âsene / sbucciare, togliere dal baccello piselli, fave, ecc.: sciôje li pisëlle/li fäfe/ecc.; a volte per i legumi si usa anche scugnä, verbo che si adatta più alla frutta secca provvista di guscio
(la cugne) / mondare, nettàre la verdura...: sciôje la virdîre, (es. sto mondando, nettando un po’ di broccoletti: štingh’ a sciôje ddu’ vrucche di räpe / deviscerare, pulire il pesce prima di cucinarlo: tipica l'espressione, sciôje lu pàšce, puàsce o puàssce / sciogliere
un gomitolo, una corda, una matassa, anche aprire, dipanare, distendere, sgrovigliare, spiegare, srotolare, svolgere: sbirrité o sbirrutá, v. / aprire: arrapë, v. / scoppiare, anche aprire, scartare, spacchettare, una busta, un pacchetto o altro: šcuppuä, v.
sciocco anche tondo: tänne, (lu), s.m.
scivolare
: scapulá, v. / scivolare, mancare la presa, eiaculare: sburrá, v. / mancare, venir meno:
ammangá, mangá, v.
sciupare, rovinare di nuovo: resgarzé, v. / rovinare: arruiná, arruvené, v.
scivolo: sciuvularelle, (la), s.f.
scocciarsi
, anche rimpinzare, gonfiare: abbuttá, v. / mi sono scocciato: m'àjj' abbuttáte; mi hai scocciato: mi si 'bbuttáte
scocciatura, seccatura, noia, fastidio, rottura di scatole: rumbimìnde, bbuttamìnde di chijîne, (lu), s.m.
scodella molto larga,
catino, vassoio: grìmbe, (la), s.f. / vassoietto: grimbetèlle, (la), s.f. / vassoio: uandìre, (la), s.f. / vassoio ovale, guantiera, recipiente di terracotta smaltato per minestra: sbrellònghe, späse, (la), s.f., pl. li spàse
scoglio
: scójje, (lu), s.m., pl. li scùjje
scoglio a fior d'acqua con superficie piana: chiànghe, (lu), s.m. / scoglio a pelo d'acqua: chiangáune, (lu), s.m. / scoglio piatto poco sotto la superficie dell'acqua: chiàne, (la), s.f.
scoglio a pelo d'acqua
: chiangáune, (lu), s.m. / scoglio a fior d'acqua con superficie piana: chiànghe, (lu), s.m. / scoglio piatto poco sotto la superficie dell'acqua: chiàne, (la), s.f.
scoglio piatto poco sotto la superficie dell'acqua: chiàne, (la), s.f. / chiangáune, (lu), s.m.: scoglio a pelo d'acqua / scoglio a fior d'acqua con superficie piana: chiànghe, (lu), s.m.
scolapasta
: scolamaccarihune, (lu), s.m., pl. li scolamaccarihune
scolapasta di legno o vimini: cištìnia, (la), s.f.
scolapasta di vimini o di legno: cištìnia, (la), s.f.
scolatura: sculatîre, (la), s.f. / bere sino in fondo: vàve a la sculatîre
scolo d'acqua verso il mare: scèite, (la), s.f.
scosceso: šdirrupáte, agg.
scombussolato, sottosopra, rivoltato, insudiciato: aritravuddäte o a la capichîule, agg. / è un mondo sottosopra!: è nu muonn' aritravuddäte o a la capichîule!
scommettere, stare in mezzo ai guai, arrecare danno: 'nguajjá, v.
scompiglio, diavolio, chiasso, baccano, trambusto: rubbèlle, (lu), s.m. / casino, chiasso, confusione, disordine anche repubblica: repùbbliche, (la), s.f.
sconforto, pena, dolore: pàine, (la), s.f.
scontrarsi anche incespicare, urtare: 'ndruppucá, v. 'ndruppichié, v.
scontro, urto: scàndrë, (lu), s.m.
sconvolgere
, intasare: indassá, v.
scopa
, per lo più di saggina: hranàre, granàre, (la), s.f., pl. li granàre
scopa, piccola, da tavolo: granarêlle, (la), s.f., pl. li granarêlle
scopa, gioco di carte: schépe, (la), s.f.
scopare, spazzare: munná, v. / spazzare leggermente il pavimento: aggraná, v. / spazzare di nuovo: arimunná, v.
scoppiare anche
aprire, scartare,
s
pacchettare, una busta, un pacchetto o altro: šcuppuä, v.
/ aprire: arrapë, v. /
svolgere un gomitolo, una corda, una matassa, anche aprire, dipanare, distendere, sciogliere, sgrovigliare, spiegare, srotolare: sbirrité o sbirrutá, v.

scoprire, intuire: taná, v. /
scoprire il fuoco, togliere la terra: sbelá, v. / scoprire qualcosa con un sotterfugio: scartagná, v.
scoprire con lentezza la carta da gioco anche di ragazza che si muove in modo disinvolto: trizzicchijé, v. /
dimenarsi anche tentennare: trezzecá, v.
scoraggiarsi: appèrdese, v.
scorbutico (di carattere) e asociale:
ribbuttáuse, agg.
scorciatoia: abbriviatáure, accurtatáure, (l'), s.f.
scoreggia o scorreggia, scureggia, emissione rumorosa di gas intestinali: puàtte, (lu), s.m., pl. li pétte
scoreggiare, fuoriuscita rumorosa dall'ano di gas provenienti dall'intestino:  pipitié
scorgere, discernere, far luce, vedere: allusscé, v. / ci vede poco: póche ci allîssce
scorpacciata; spanciata, colpo battuto con la pancia: panzànne, (la), s.f.
scorpione
: mozzadáite, tajadáite, (lu), s.m.
scorreggia o scoreggia, scureggia, emissione rumorosa di gas intestinali: puàtte, (lu), s.m., pl. li pétte
scorrere: scàrrë, v.
scorticare: scurtucuä', v.
scostare: scanzicá, v. / scostare, allontanare: addirrassá, v.
scottare, pelare: 'nghéucë, v. / scottare, spennare: pilá, v.
screanzato
: scrianzáte, agg.
scrivano pubblico: 'nguacchiagnóstre
, scruvuàne, (lu), s.m.
scrivere
: scrëive, scrève, v., p.p. scrétte
scroccare, sbafare: sbafá, v.
scrollare, riferito in genere alla raccolta dei frutti da un albero: cutulijé, cutulé, v. /
scrollare, muovere anche movimento, scrollata del capo per manifestare risentimento, minaccia o fastidio, scuotere, agitare: cucciujé, capuzzïjé, v.
scrollata, movimento del capo per manifestare risentimento, minaccia o fastidio anche, muovere, scuotere, scrollare, agitare: cucciujé, capuzzïjé, v.
scrollata di albero fruttifero: cutuláte, (la), s.f. / anche una buona dose di percosse: cutuláte, vatténne, (la), s.f.
scrollo d'acqua
, acquazzone: lûscie, (la), s.f.
/
acquazzone: acquazzáune, (l'), s.m. / acquazzone (un): 'na lîsce d'ácche, s.f.

sculacciata: valichijéte, (la), s.f.
sculacciata
, percossa: vattijéte, (la), s.f.
sculacciare, tirare, allacciarsi il busto: azzullá, v. / allacciare il busto: azzellé, v.
scullatte, (la), s.f.: cravatta a papillon, farfalla / cruvattëine, (lu), s.m.: cravatta, farfalla / cravàtte, scòlle, (la), s.f., pl. li cravàtte, li scòlle: cravatta
scuola chiassosa e di poco profitto: cavajéule, agg.
scuotere, spaccare i sassi con la mazzuola: ammazzillá, v. /
scuotere, scrollare, muovere anche movimento, scrollata del capo per manifestare risentimento, minaccia o fastidio, agitare: cucciujé, capuzzïjé, v. /
scuotere il sacco e anche rimpirlo a forza: sacchié, v.
scure
, accetta: acciátte, cciátte, (l'), (la), s.f.
scureggia, scorreggia o scoreggia, emissione rumorosa di gas intestinali: puàtte, (lu), s.m., pl. li pétte
scurito, abbronzato, adusto: virnàtte, agg.
scuro della finestra o anta interna: ficciàtte, (la), s.f.
sdolcinato, lezioso, di carattere smanceroso anche
capriccioso: trapilëine, agg.
se, nel caso che; semmai; caso mai; per caso: casemènde, 'ngasimènde, 'n gasemènde, avv.
se la prende con me!: ci l'allà nghi mma! /con chi ce l'hai?: nghi ch' allé? / prendersela, avercela: allavà
se ogni giorno avreste da fare ciò che ho da fare io, non avreste il tempo di fare pettegolezzi! (sfogo di casalinga impegnata): si lu jurne faciassäte quélle che ffacci jë', nin tinassàte tèmbe di fa li pittilazzarè'!
se l'è bevuta, ci ha creduto!: si l'à 'ngruccuäte!
Sebastiano
, Bastiano: 'Baštiàne, Baštijàne, Bbaštiàne, n.p.p.
sebbene
, benché, per l'appunto: quandùnque, avv.
seborrea del cuoio capelluto del lattanti: binidátte, (la), s.f.
secca (in): 'n záucche, avv.
seccante, pesante, fastidioso: pesànde, pisande , agg., pl. pisende
seccatore, individuo fastidioso: taluòrne, (lu), s.m.
seccatura, scocciatura, noia, fastidio, rottura di scatole: rumbimìnde, bbuttamìnde di chijîne, (lu), s.m. / seccatura; impazzimento: 'mbazzimènde, (lu), s.m.
secchia (piccola) per la mungitura: galátte, (la), s.f.
secchio: tràgne, (lu), s.m.
secchio
, paiolino: tràgne, truagne, (lu), s.m., pl. trêgne; callarèlle, (la), s.f., pl. li callarèlle, si usa anche per indicare il secchio usato dai muratori
secchio, piccolo: truagnitêlle, (lu), s.m., pl. li tragnitille
secco, asciutto,
scarnito:
sácche, arsácche,'risìcche, 'rrsìcche, agg. / asciutto: assîtte, assuquète, agg.
seccume di foglie, foglie e rami secchi: pambùje, bambîjje, (la), s.f. / foglia della vite, pampano, pàmpino: pámpene, (la), s.f./pémpele
, (lu), s.m.
se coglie coglie
, se riesce riesce: si ccòjja còjje
Secondino
: Sicundëine, n.p.p.
secondo
: secànde, avv. / in s. luogo: 'n zecànde
secondo: sicande, agg. num. ord.
secondo piano
di una casa: dàdde, (lu), s.m.
secrezione lacrimale che si deposita, disseccandosi, sulle ciglia o agli angoli degli occhi (la secrezione oculare può essere acquosa o muco), cispa di ciglia, cispo: scacàzze, scuacàzze, squacàzze, (lu), s.m., pl. li scachêzze
sedano, stringa anche laccio: làcce, (lu), s.m. / laccio per le scarpe: attaccájje, (l'), s.f. / laccio anche legname in senso astratto: luhàme, (lu), s.m.
sede del Tribunale: Càrte , (la), s.f.
sedere, prendere posto: assittá, v. /sedere, culo: chîule, quîule, (lu), s.m., pl. li chîle / persona china e col sedere in evidente postura: quîule arfille, (lu), s.m. / non mi dà retta: mi tè' a lu quîule / sedere, deretano: basinátte, béfere, busècchie, préuse, tafànarie, (lu), s.m. /
fondello dei pantaloni, pezza, panno, pezzo di stoffa, tessuto: pèzze, (la), s.f., pl. li pèzze / ha i pantaloni rattoppati, rappezzati: te' li pèzze a lu quîule / persona di bell'aspetto: pèzze, lu/(la), s.f.m. - un bel tocco di donna: 'na pèzze di fàmmene
sedere, podice,
deretano, culo, didietro, dalla accentuata rotondità: a tummulàlle, loc. avv; sedere ben pronunciato: quîule a tummulàlle
sedile rustico per una sola persona, a quattro piedi, panchetto: prèdela, (la), s.f. / panchetto a tre piedi: prèdele, (la), s.f.
sedimentare, porre ordine nelle faccende di casa: arsittá, v.
sediolone
: suggiulaune, (lu), s.m., pl. li siggilihune
seduta
: sidìuta, (la), s.f. / una seduta spiritica: 'na sidìuta spirëteche
sega
: séche, (la), s.f., pl. li séche
sega
, piccola, triangolare per il fieno nel covone: taiafine, (lu), s.m. pl. li taiafine
segatura
: sicatihure, (la), s.f., non ha plurale
segnale
: 'nzignàle, (lu), s.m.
segnale galleggiante, boa, gavitello, sughero di legno o di altro materiale galleggiante: gavitèlle, (lu), s.m.; bbéuve, (la), s.f.
segnare, lasciare lividi sulla pelle dopo percossa: cennié, v. /
lasciare, abbandonare: landá, lassá, v.; lascia!: làsse!, imp. / lasciare impronte: zambijá, v.
segni (pieno di)
del vaiolo, anche dell’acne: pinticchiáte, agg. / butterato: carpécate, agg.
segni (viso pieno di) dell’acne, anche del vaiolo: pinticchiáte, agg. / butterato: carpécate, agg.
segno
: sägne, (lu), s.m. /
segno scaramantico dei marinai: salamòurë, (lu), s.m. / segno di rassegnazione, sottomissione, restare zitto, ammutolire: ammuccé, v.
segretario: sucrutuarie, (lu), s.m., pl. li sicriterie
seguire un'opinione, retta, dar retta, porre attenzione: rétte, (la), s.f. / dai retta a tua madre che ti vuol bene: da' rétte a màmmete ca' ti vo' bbène
sei più scemo tu che l'acqua della bieta (insipida)!: si cchiù sscéme tî che ll'acche di la bbiàte!
selciato, acciottolato:
saveciáte, basuláte, (lu), s.m.
selezionare, scegliere proprio dei legumi: aricapá, v. / separare i buoni dai cattivi, venire a capo, raccogliere: aricapä, v. /  raccogliere, restringere, accoppiare, accoccare, mettere insieme, rimediare qualche cosa: accucchié, arištrágne, v. / raccogliere: ariccòje, ariccòjjë, raccójjë, v. /
selezionare, scegliere, contenere: capá, v.
selezione, scelta: recapáte, (la), s.f.
selva
, bosco: sèlve, sälve, (la), s.f.
selvatico anche rozzo: salevàteche, agg. / rozzo: rìzzi, agg.
sembiante, somiglianza: ambànde, (l'), s.m.
sembrare
: sembrá, v.
seme di una carta da gioco, coppe: còppe, (la), s.f.
seme
, semenza: sumuènde, (la), s.f., pl. li sumuinde
seme
di finocchio selvatico: spëicafinùcchie, (lu), s.m.
semenza
, seme: sumuènde, (la), s.f. pl. li sumuinde
seminare
: sumundá, v.
seminarista anche chierichetto: priddachiéule, (lu), s.m.
semmai; se, nel caso che; caso mai; per caso: casemènde, 'ngasimènde, 'n gasemènde, avv.
semola: sàmmäle, (la), s.f.
semplicione:
salabblàcche o salabbràcche, (lu), s.m.
sempliciotto, ciarliero, chi non sa mantenere un segreto: vocc'apèrte, (lu), s.m.
sempronio
: zimbrònie, (lu), s.m.
sensale, mediatore: sensàle, ssinzàle, uaštësce, (lu), s.m., pl. li sensèle / in senso spregiativo: me pàre 'nu ssensàle
sensale, anche compare di truffa: zaràffe, (lu), s.m.
sensale, mediatore, in senso spregiativo, ruffiano, pappone, prosseneta anche ricottaro: recuttàre, (lu), s.m.
senti... ho da parlarti!: enduhuä'... t'haja dice 'na mmassciäte!
sentiero, straducola,
stradina, strada di campagna, stradella (piccolo passaggio): ruàlle, (la), s.f., pl. li ruàlle / sentiero, viottolo: viarèlle, (la), s.f. / piccolo sentiero: ruvarèlle, (la), s.f.
sentiero (piccolo): ruvarèlle, (la), s.f. /
sentiero, straducola, stradina, strada di campagna, stradella (piccolo passaggio): ruàlle, (la), s.f., pl. li ruàlle / sentiero, viottolo: viarèlle, (la), s.f.
sentiero del pascolo anche
tratturo secondario: tratturiéglie, (lu), s.m. / tratturo: trattûre, (lu), s.m.
sentina
: palascàfe, (lu), s.m.
sentinella: fazzijáune, (lu), s.m.
sentire, ascoltare:
assindë, sindë, v. / sentire calore, avvampare: fuchìjjé, v. / sentire freddo, frizzare: friccicá, v.
sentirsi fastidiato: apprènne, v. / sentirsi spossato, stancarsi: attilá, v. / sentirsi stanco: accëise, v., p.p. accëise; ind. pres. pers. sing. accëise, 3 per. pl. accid'n; anche uccidersi: mi sénd accëise / imprecazione: chi sci 'ccëise
senza
: senza, prep.
senza bere
, chi rimane, nel gioco della passatella: hùlme o hòlme, (l'), s.m.
senza denti
: sgangáte, (lu), s.m.,/(la), s.f.
senza freni
, alla dirotta: a li dirrîtte, avv.
senza interruzione: a tutta passate, loc. avv.
senza meno; addirittura: defîle, diféile, avv. / addirittura!: diacine!, diavolo!, loc. / addirittura!; a questo punto!; ti sta bene!: fréchete!, loc.
senza pagare, a sbafo, gratis, a ufo: îffe, hîffe (a), uffe (a), loc. avv.
senza sangue
, persona che non ha sangue: senza sanghe, (lo/la), s.m.f.

separare i buoni dai cattivi, venire a capo, raccogliere: aricapä, v. / selezionare, scegliere proprio dei legumi: aricapá, v. /  raccogliere, restringere, accoppiare, accoccare, mettere insieme, rimediare qualche cosa: accucchié, arištrágne, v. / raccogliere: ariccòje, ariccòjjë, raccójjë, v. / separare con forza un pezzo di legno, staccare un ramo: scacchiá / separare nel vento il grano dalla paglia lanciandolo in aria: vindilá, v. / separare i litiganti, dividere: scarticá, v. / separare, stuzzicare, stimolare l'appetito: scazzecá, v.
separarsi: scartechérese, v.

sepolcro: sippàliche, (lu), s.m.; usato comunemente al plurale per indicare il Giovedì Santo: Li sippîliche
seppellire
, coprire
: arbilá, v. / seppellire, interrare: 'nderrá, v. / coprire: cupré, v.
seppia
: sàcce, (la), s.f., pl. li sécce
seppiolina da arrosto o da brodetto: siccitèlle, scarpitèlle, (la), s.f.
sequenza dei numeri del lotto
; ripetizione ossessiva; cadenza: cadènze, (la), s.f.
sera
: sàire, (la), s.f.
Serafina
: Sarafëine, n.p.p.
Serafino
: Serafëine, n.p.p.
Serena: Serene, n.p.p.
sergente
: suargênte, (lu), s.m., pl. li sarginte
Sergio
: Sérge, n.p.p.
se riesce riesce
, se coglie coglie: si ccòjja còjje
sermone
, predica, rimprovero: prèdeche, (la), s.f.
serpente d'aqua
o colubro: cirváune, (lu), s.m.
serrare
,
infilare,
mettere il catenaccio, chiudere con una inferriata, inferrare: 'mbirrá,
'nzirrá, v. / infilare, insaccare: 'nzaccá, 'mbilé, v.
/ infilare, in genere di nocelle, fichi e foglie di tabacco: 'mbilé, v. /
infilare, cucire, imbastire: imbilá, v. / ficcare con forza: 'nzaccá, 'ntruzzá, v. / introdurre a forza: 'nzippá, v. / ficcare di nuovo con forza: arinzippá, v.
/ serrare i piedi con un laccio: appidá, v. / serrare le vesti con fermagli: acciappá, v.
serrato
, stretto, con riferimento alla calzatura: apprittáte, agg.
/ serrato, inferrato, chiuso con un ferro, con catena: 'mbirráte, agg.
serratura
, toppa: pušcàtte, mašchiatîure, mašcàtte, (la), s.f.; pušchàtte, (lu), s.m. /
serratura, chiavistello: pìšche, (la), s.f. / parte della serratura anche pene infantile e anche uccelletto, baco dei legumi secchi, specie di cimice, insetto dannoso all'agricoltura
: cillátte, (lu), s.m., pl. li cillètte
serto, resta, corona, d'aglio, di cipolle, di peperoni ecc.: scèrte, (la), s.f. / 'na scèrte d'èjje
serto
;
innesto;
ferita; resta
: 'nzérte, (la), s.f.
servire
, scacciare, cacciare, emettere, eleggere: cacciá, v. / dargli da bere: caccej' a vváve
serviziale
; clistere; lavativo: pàmpe, (la), s.f.
servizi igienici approssimativi
, ritirata, cesso: luccumûne, luccumùne, (lu), s.m. / cesso, latrina: bruschijatáure, cèsse, (lu), s.m
servizio
: survëzije, (lu), s.m.
servo, domestico, famiglio, usciere, messo del comune: crijáte, (lu), s.m.
setacciaio
, chi ripara e vende setacci: sutuacciàre, (lu), s.m., pl. li sitaccère
setacciare
, vagliare i cereali: cungiá, v. / vagliare grano o altro, crivellare: cruvullá, v.
setacciatura: cungiatîure
, (la), s.f.
setaccio
, per separare la farina dalla crusca: sitàcce, setácce, sutuàcce, (lu), s.m., pl. li sitêcce
sete, arsura: säte, sáite, (la), s.f.
setola
: sàlle, sètla, (la), s.f.

settembre
(mese): sittèmbre, ssettembre, (lu),s.m.. Detti: settembre quello che toglie sempre lo restituisce: sittèmbre quelle che tojje sèmbre l'arrènne: / si dice in questo mese, per chi se n'intende, che l'uva è matura ed i fichi pendono, tu pensa a non pendere ma pensaci bene, perchè se cadi non ti rialzi più: se dice a stu muàise pe cchi se ne 'ndenne ca l'uve è ffattee e le fichere pènne, tu pinze a nen mbènne ma pinzece tì, ca se tte ne chesche n' d'arehèzze cchiù cchjì / settembre, ho tanta pioggia o senza: settèmbre u tand' àcche u tande sàcche / tembe de vigna, tempo di tigna: tèmbe de vëgne, tèmbe de tëgne
/ all’Autunno si consegna, in campagna comincia la vendemmia: all’Autünne si cunzuàgne, ‘n cambâgne s’accumuènže la vinnàgne / con triglie e seppioline e c'è anche la bella festa di S. Michele: nghi risciùle e siccitèlle e ci šta pure Sa' Miccbele bbèlle / con uva e fichi nelle campagne, ovunque sei, passa, cogli e mangia: