Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Vocabolario italiano-vastese
: R
 
A
B
C
D
E
F
G
H
I
L
M
N
O
P
Q
S
T
U
V
Z

rabbia: ràjje, ràj, (la), s.f.
rabbioso: arrajîuse, agg.
rabboccare, ricolmare: arbuccá, v.
rabboccatura: arbuccatîure, (l'), s.f.
rabbonire: arbunazzá, v. / rabbonire, far tornare alla calma: scazzá, v.
rabbuffo
, insulto, ingiuria: gnìrie, gnuriéte, (la), s.f.
rabbuffo: candàte, (la), s.f.
rabbuffo; rimprovero: cangarijéte, ciaurijéte, (la), s.f.
raccapezzare, recuperare: arcapizzá, v.
raccogliere: ariccòje, ariccòjjë, raccójjë, v / raccogliere, restringere, mettere insieme, accoppiare, accoccare, rimediare qualche cosa: accucchié, arištrágne, v / raccogliere, venire a capo, separare i buoni dai cattivi: aricapä, v / selezionare, scegliere proprio dei legumi: aricapá , v / raccogliere acini o anche olive: acinijé, accinijé, v / raccogliere i manipoli di grano nel campo: rcaccià li manuppile, v. / raccogliere la vela: arujé, v.
raccoglitore di mozziconi; ciccaiolo: muzzunàre, (lu), s.m.
raccoglitore ambul. di stoffe fuori uso, cenciaiolo, straccivendolo: cingiáre, (lu) s.m., pl. li cingiére
raccolta dei prodotti agricoli: raccòdde, (la), s.f. / raccolta in genere di frutta e ortaggi: còdde o còvete
, (la), s.f.
raccolta in genere di frutta e ortaggi: còdde o còvete
, (la), s.f. / raccolta dei prodotti agricoli: raccòdde, (la), s.f.
raccomandare
: raccummuanná,
arcummanná, v.
raccomandazione
:
arcummannaziáune, (l'), s.f.
raccontare
, narrare:
arcundá, accundá, ariccundá, raccundá, v.
raccontatore di frottole, menzognero: fafucchiàre, (lu), s.m. / fanfarone o frottolone: favucchiàre, papucchiàre, (lu), s.m. / fanfarone,bugiardo, bravaccio, millantatore, spaccone, vanaglorioso, vantone: arcimbámbele, baggiàne, ggiannèzzere, pallunàre, sbrafànde o sbravànde, vandasciàre, agg./(lu) s.m.
racconto, evento, accadimento, fatto: fàtte, (lu), s.m., pl. li fètte
racemo, raspo, grappolo dell'uva privato dei chicchi: ràspe o gràspe, (lu), s.m. / grappolo: gràspe, (lu), s.m.
rachitico, macilento, infermiccio: ragnachéite, agg.
raddrizzare, riportare sulla retta via: ddrizzé, v.
radere, tosare: rasá, v.
radicamento
della piantina dopo la semina o il riprendersi dopo il trauma del trapianto o della messa a dimora: aripijjé, v.
radicare: arradicá, v.
radicchio; cicoria; verdure: cichéure
(la), s.f., s.f., pl. li cichère
radice: ràdeche o ràteche, (la), s.f.
radice principale che si accresce fortemente rispetto alle radici secondarie, fittone: radicáune, (lu), s.m.
radimadia, arnese a foggia di spatola per raschiare dalla madia i residui di pasta o farina, raschiatoio: rasòle, (la), s.f.
rado
, spesso riferito alla dentatura o al tessuto dalla trama non fitta: làšche, agg.
radunare: arraduné, v. / radunare covoni, abbicare: ammitá, v. / radunare in modo disordinato, spegnere le fiamme con parecchia legna: accafucchié, v.
radunarsi
(il) di più persone in uno spazio angusto: accafullérese
, v.
raduno, assembramento: radîune, (lu), s.m.
raduno di pettegole: ruciutùnie, (lu), s.m.
raduno di zingari: zingarèje, la, s.f.
ràfano, ravanello: rafanìlle, (lu), s.m.
Raffaele
: Raffajéle, n.p.p., dim. Lèlle, Lillùcce
raffajòle
, dolce tipico: raffajòle, (lu), s.m., pl. li raffaiule
raffermo nel caso del pane, ricomposto, rifatto: arif
átte, agg.
raffigurare, distinguere: raffahurá, v. / raffigurare, riconoscere: arrifauré, v.
raffilare, riaffilare: rinducculuá, v. / raffilare, rimettere in ordine una persona indisciplinata: arifilé, v. / raffilare, ritemprare strumenti da lavoro: arištarnë, v.
raffilato, affilato: arifiléte, agg.
raffittire, intramare: arinfuddé, v.
raffreddare: arifriddá, v.
raffreddarsi: gnelérese, v.
raffreddato: accatarráte, afflussiunáte, agg.
raffreddore
: afflussiáune, frussiáune, (la), s.f. /
raffreddore con eliminazione di muco nasale: ciamärre, (lu), s.m. / raffreddore dei cani, cimurro: ciamîrre, (lu), s.m.
raganella, strumento in uso nel venerdì santo: zìrre-zìrre, (la), s.f.
ragantela anche fuliggine: filëine, (la), s.f. / ragnatela: macaràgne, (la), s.f.
ragazza, tipa: caggiàtte, (la), s.f. / ragazza abituata a pavoneggiarsi: giurgillèine, (la), s.f. /
ragazza incline a facili costumi, anche
carabattola, masserizia, oggetto di poco pregio, (prendi le tue carabattole e vattene) anche fig. bazzecola, bagatella: bahattèlle, (la), s.f. / carabattole: 'mbambànaje, (li), pl. / ragazza ritegnosa ma sotto sotto alquanto maliziosa: sandarèlle, (la), s.f. / ragazze da marito e forestiere: pènne rîsce, (li), pl.
ragazzaglia: bardasciàre, (la), s.f.
ragazzino
cencioso: zannèlle, (lu), s.m. /
ragazzino permaloso: cacapîzze, (lu), s.m. /
ragazzino vivace e malizioso anche peperoni in genere: piparìlle, (lu), s.m., pl., (li)
ragazzo
, bambino/a di pochissima età-mezza età: bbardàsce, s.m.f.,
pl. li bbardésce, si usa anche, cëtele, (lu), s.m., pl. li cëtele o quatràre, (lu), s.m., pl. li quatrére  o guajòne, uajòne, (lu), s.m., (la), s.f. / ragazzo addetto in mare alla velatura di una piccola barca, mozzo:
mmuäzze, muré, (lu), s.m. / ragazzo alquanto discolo e maligno: malecaváte, (lu), s.m. / ragazzo che si atteggia a uomo, ragazzotto, giovanottino, giovane piuttosto robusto e atticciato: cacchiunótte,
quatragnótte, šcacchinótte, (lu), s.m., pl. li scacchinùtte / ragazzo con pretese di adulto: vavusìlle, (lu), s.m. / ragazzo povero e straccione: zannillàtte, (lu), s.m. / ragazzo vivace e birichino: pizzengrèlle, (lu), s.m. / ragazzo vivace e furbo anche discolo: masanìlle, (lu), s.m.; discolo, monello anche trovatello: vardiarélle, vardarìlle, (lu), s.m. / ragazzo inquadrato nelle organizzazioni paramilitari fasciste: balèlle, (lu), s.m. / automobile degli anni '30: balèlle, (la), s.f. / il ragazzo, il tipo: birsuàje, bersuàrre, (lu), s.m.
ragazzotto, ragazzo che si atteggia a uomo, giovanottino, giovane piuttosto robusto e atticciato: cacchiunótte,
quatragnótte, šcacchinótte, (lu), s.m., pl. li scacchinùtte / ragazzone piuttosto ingenuo: bbardasciáune, (lu), s.m.
raggio
di luce anche raggio della ruota: ràgge, (lu), s.m.
raggirare, abbindolare: zingariá, v. / raggirare, abboccare: abbuccá, v. / raggirare, ingannare: gnucchélé, v. / raggirare, volpeggiare: vulupié, v. / acchiappare, afferrare, cogliere, ingannare, prendere, prendere alla sprovvista: acchiappá, 'cchiappá, còjjë, p.p. còdde, inganná, 'nganná, pijjá, v. / prendere il sonno: 'nganná lu sonne, v. /
imbrogliare, intorbidare: arindruvutá, v. / imbrogliare, ingannare: nganné, buzzarrá, v. / abbindolare, picchiare, dare: attarruná, v.
raggirato/a; preso/a in giro: cuffijëte, agg.
raggiro, imbroglio: 'mbrùjje, (lu), s.m. /
imbroglio, pasticcio, faccenda mal condotta: paštécce, (lu), s.m.
raggrinzire (il) dellla pelle o buccia d'un frutto: arriciné, v.
raggrinzito
:
aggrujéte, agg.
ragionare, riflettere: arraggiuná, raggiuná, v.
ragione
: arraggiáune, raggiáune, (la), s.f.
ragioniere: raggiunuire, (lu), s.m., pl. li raggiunuire
ragliare, arrabbiarsi, provare rabbia: arrajá, v.
raglio dell'asino: ràjje, (lu), s.m.
ragnatela: macaràgne, (la), s.f., pl. li macarègne; ragnatela anche fuliggine: filëine, (la), s.f.
ragno
: ràgne, (lu), s.m. / ragno moschicida: macaràgne, (lu), s.m.
ragù: rrahù, rrahì, (lu), s.m. / maccheroni al ragù: li maccarîn' a rrahù
Raimondo
: Raimande, n.p.p.
rallegrarsi con se stesso, compiacersi: ariprijé, v. / compiacersi: aretenérese, v. /compiacersi, far mostra di sé: fissié, v. / compiacersi nuovamente: arifissié, v.
ramaio
, calderaio: callaràre, ramàre, (lu), s.m.
ramaio, calderaio, concaio, fabbricante di conche: cunguàre, (lu), s.m.
ramaiolo, mestolo: cuppëine, cuppuene, (lu), s.m., pl. li cuppuene / piatto bucherellato: viddataure, (la), s.f., pl. li viddataure / ramaiolo per raccogliere l'olio nelle vasche di decantazione: uàmmele, (lu), s.m. / ramaiolo: fùsserèlle, (la), s.f.
ramaiolo o piccola brocca di stagno o zinco per prelevare l'olio anche misurino, in genere per l'olio: misurèlle, (la), s.f. / misurino: mîserèlle o muserèlle, (lu) s.m. / il misurino dell'olio: lu mîserèlle dell'uje
ramarro: rácane, (lu), s.m.
rametti per avviare il fuoco: cippitille, (li), pl.
rametto
: ràmajjátte, (la), s.f.; ramàtte, (lu), s.m.
rami
secchi e foglie, seccume di foglie: pambùje, bambîjje, (la), s.f. / foglia della vite, pampano, pàmpino: pámpene, (la), s.f./pémpele
, (lu), s.m.
rammendare: arindessë, v. / rammendare in maniera approssimativa: aritracciá, v.
rammendatura: arisarcitîure, (l'), s.f.
ramo
o germoglio grande: câcchie, (lu), s.m.
ramo che fuoriesce dal tronco
: cacchiáune, (lu), s.m.
ramoscello con foglie, fronda, foglia: frànne, frònne, (la), s.f., pl. li frùnne
ramoscello giovane, sottile e flessibile
(vermena verde) per legare fascine e altro:
tórtele, (la), s.f.
rampognare, rimproverare: arimbrungiá, v.
rana: ranócchie, (la), s.f.
rana pescatrice o coda di rospo, pesce marino: piscatrëice, (la), s.f.
rancore
: rangûre, (lu), s.m.
randello (grosso) munito di capocchia: mazzacòcche, sajjòcche, (la), s.f.
randello, bastone piuttosto grosso e pesante, usato per picchiare duramente, tortore:
turtuáre, (lu), s.m.
rannicchiarsi
, stringere, stringersi attorno a una persona: hazzicchérese, accuzzé, štràgne, v.
ranno, liscivia, lisciva: lišcìja, liscèjje, luscéjje, (la), s.f.
ranno adoperato per fare il sapone: cáule, (la), s.f.
ranno
per fare il sapone o per addolcire le olive; filtraggio della cenere per ottenere la liscivia: cularèlle, (la), s.f.
rapa
anche persona senza sale in zucca: ràpe, (la), s.f., pl. li rape / le rape trascinate (lavorate): ràpe strascinéte
rapace, uccello piccolo: frèca vênte, (lu), s.m., pl. li freca vinte / rapace piccolo: falichinatte, (lu), s.m., pl. li falichinètte
rape, verdura: vrucche di räpe, (li), s.m. pl.
rappezzare, rattoppare: aripizzá, v., arpizzá, v.
rapporto di parentela: arivé / che rapporto di parentela ha con te?: che tt' arivé
rapprendere
: arprisá, v.
rappresentare; presenziare: arprisindá, v.
raschiare
: rašchijé, rascicá, v. / raschiare, abradere: ratá, v.
raschiatoio, radimadia, arnese a foggia di spatola per raschiare dalla madia i residui di pasta o farina: rasòle, (la), s.f.
raschietto
, spatola per vari usi: rašcatte, (la), s.f.
raschietto dell'aratro
; pungolo del bue: vèrïa, (la), s.f. / raschietto per pulire l'aratro: riillátte, (la), s.f.
rasente, accanto, vicino: rènde, accànde, aèsse, avv. / nei pressi: davicëine
rasente rasente
, sul filo, sull'orlo: 'mbizze, 'mbëzze, loc. avv. / camëne mbizze, 'mbëzze' a lu fosse
rasente rasente: rènde rènde, lònghe lònghe, loc. avv. / strettamente vicino: rènde rènde, loc. avv. / vicino, accanto: aèsse, accànde, avv. / vicino, nei pressi: davicëine, avv. / vicino: vicëine, rènde, agg.
rasoio
: rasòjje, ruasële, (lu), s.m., pl. li rasule
raspa: ràšpe, (la), s.f., pl. li rašpe / riferito a cosa ruvida: ràšpe, agg.
raspo, racemo, grappolo dell'uva privato dei chicchi: ràspe o gràspe, (lu), s.m. / grappolo: gràspe, (lu), s.m.
rassegnarsi
, restare soddisfatti: assuafá, v.
rassodarsi (il) per il freddo, l'irrancidire dell'olio: 'ngrazzëite, agg. / irrancidire: 'ngrazzé, v. / il rassodarsi, proprio dei cibi liquidi, come il brodo o il minestrone: 'nguaitiné, v.
rassomigliare: arsummujjé, v.
rastrello
: ruastêlle, (lu), s.m., pl. li rastille
rastrello: graštèlle, (la), s.f.
rastrello con rete per districare i mitili dagli scogli: cuzzicàre, (la), s.f.
rastrello con tavola senza denti: rutruabbile, (lu), s.m., pl. li ritrêbbile
ratifica di un accordo o conclusione di un gioco anche pareggio senza vinti e vincitori: pareppàtte, loc.
ratto, topo di notevole grandezza, topo di fogna, sorcio; fig. per indicare una donna non morigerata: zócchele, (la), s.f., pl. li zócchele /
basamento di legno (in generale); tòppo; ciocco da ardere; zoccolo del cavallo; zoccolo di uno spigolo; zoccolo di un muro: zócchele, (lu), s.m.
rattoppare,
rappezzare: aripizzá, v., arpizzá, v.
raucedine: rachìnie, (la), s.f.
ravanello
, ràfano: rafanìlle, (lu), s.m.
raviolo: gravîule, (lu), s.m.
ravvivare il fuoco: ribbué, aribué, v.
ravvolgersi
, rotolare: arruciulujé, v.
ravvolto, storto: arringinéte, agg.
razione (una) di percosse: salichijéte, (la), s.f.
razza, etnia: ràzze, (la), s.f.
razza, pesce marino: bbaràcchele, bbaràchele, räsce, (la), s.f., pl. li räsce
razza bavosa, pesce marino: barràchele, (la), s.f.
razza bavosa: muccáuse, (la), s.f.
razza bianca, pesce marino: bbaràcchele, bbaràchele, räsce, di féure, (la), s.f.
razza monaca, pesce marino: vijilétte, (la), s.f.
razza monaca: menachjìlle o minachîlle, (la), s.f.
razza (piccola), pesce marino, adoperata nel brodetto di pesce: ucchialëine, (l'), s.m., frignitèlle, (la), s.f.
razza di gallina
: padüàne, agg.
razza di scoglio o aquila vaccarella: máutene, (la), s.f.
razza, razza bavosa, razza bianca, razza occhiuta o quattrocchi: baràchele, barràchele, bbaràcchele, bbaràchele, (la), s.f., quattrùcchie, (lu), s.m., rášce, rášce di féure, (la), s.f., pl. li rášce / razza monaca: vijilétte, (la), s.f. / razza piccola adoperata nel brodetto di pesce: frignitèlle, (lu), s.m.; 'cchialèine, ucchialëine, (l'), s.m. / pesce cartilaginoso adatto ad essere marinato (scapàce): räsce / anche quattrocchi o razza occhiuta, macchia: quattrùcchie, (lu), s.m.
razza monaca: vijilétte, (la), s.f. / razza, razza bavosa, razza bianca, razza occhiuta o quattrocchi: baràchele, barràchele, bbaràcchele, bbaràchele, (la), s.f., quattrùcchie, (lu), s.m., rášce, rášce di féure, (la), s.f., pl. li rášce / razza piccola adoperata nel brodetto di pesce: frignitèlle, (lu), s.m.; 'cchialèine, ucchialëine, (l'), s.m. / pesce cartilaginoso adatto ad essere marinato (scapàce): räsce / anche quattrocchi o razza occhiuta, macchia: quattrùcchie, (lu), s.m.
razza occhiuta o quattrocchi, razza, razza bavosa, razza bianca: baràchele, barràchele, bbaràcchele, bbaràchele, (la), s.f., quattrùcchie, (lu), s.m., rášce, rášce di féure, (la), s.f., pl. li rášce / razza monaca: vijilétte, (la), s.f. / razza piccola adoperata nel brodetto di pesce: frignitèlle, (lu), s.m.; 'cchialèine, ucchialëine, (l'), s.m. / pesce cartilaginoso adatto ad essere marinato (scapàce): räsce / anche quattrocchi o razza occhiuta, macchia: quattrùcchie, (lu), s.m.
razza piccola adoperata nel brodetto di pesce: frignitèlle, (lu), s.m.; 'cchialèine,ucchialëine, (l'), s.m. / razza, razza bavosa, razza bianca, razza occhiuta o quattrocchi: baràchele, barràchele, bbaràcchele, bbaràchele, (la), s.f., quattrùcchie, (lu), s.m., rášce, rášce di féure, (la), s.f., pl. li rášce / razza monaca: vijilétte, (la), s.f. / pesce cartilaginoso adatto ad essere marinato (scapàce): räsce / anche quattrocchi o razza occhiuta, macchia: quattrùcchie, (lu), s.m.
razzumaglia
; gruppo di persone poco affidabili: manijète, (la), s.f.
re
: rrà, rruà, (lu), s.m.
reale
: rijàle, agg.
reattivo, svelto, d'ingegno pronto: andište, agg.
/ lesto, svelto: lèste, agg.
rebbio della forca e della forchetta, denti di utensili; corno: còrne, (lu), s.m.
récere, vomitare, scaricare, rigettare: arrijettá,
arijittá, rijttá, vummacá, v. / vomitare di nuovo, tornare a sparlare: arivummacá, v.
recidere le cime degli alberi: accapuzzá, accimé, v.
recinto: fènze, (la), s.f. / recinto di canne; cannicciata;
cannizzata: cannizzéte, (la), s.f., pl. li cannizzéte
recinto fatto con piante spinose, siepe, fratta: frâtte, (la), s.f., pl. li frètte / recinto fatto con piante spinose lungo le strade campestri, fratta grande: fruattilaune, (lu), s.m., pl. li frattilihune /anche tuo fratello: frâtte
recinto fatto con piante spinose lungo le strade campestri, fratta grande: fruattilaune, (lu), s.m., pl. li frattilihune / siepe, fratta, recinto fatto con piante spinose: frâtte, (la), s.f., pl. li frètte / anche tuo fratello: frâtte
recipiente di legno (grande) a doghe usato nella vendemmia e per far fermentare il mosto, tino: tène, (la), s.m., pl. li tène; tàine, (lu), s.m.
recipiente che può essere di legno o di canne: cófene
, (la), s.f.
recinto di canne; cannicciata
; cannizzata: cannizzéte, (la), s.f., pl. li cannizzéte / recinto: fènze, (la), s.f.
recipiente usato come zuppiera,
bacinella, bacile, bacino, catino: vuaccëile, vaccëile, uaccëile, (lu), s.m.
recipiente per olio
: vàtine, (lu), s.m.
recipiente di terracotta smaltato per minestra, guantiera, vassoio ovale: sbrellònghe, späse, (la), s.f., pl. li spàse / vassoio: uandìre, (la), s.f. / vassoio, catino, scodella molto larga: grìmbe, (la), s.f. / vassoietto: grimbetèlle, (la), s.f.
recipiente
, piccolo, di terracotta smaltato per minestra: spasêtte, (la), s.f., pl. le spasêtte
recipiente di legno per tenervi il pesce marinato; denominazione del prodotto: calepisèlle, (la), s.f.
recipiente di legno
per la conservazione di acciughe o pesce in genere: cugnòtte, (lu), s.m.
recipiente in legno
con acqua per ammorbidire il cuoio: tunuille, (lu), s.m., pl. li tinille
recipiente in legno per misurare cereali
:
tuammule, (lu), s.m., pl. li timmuli / per misurare piccole quantità di cereali: mis
îhure, (la), s.f., pl. li misihure
recipiente
in legno o zucca cava per sale da cucina, saliera: sal
îre, (la), s.f., pl. le salîre
recipiente
per acqua potabile di rame: cànghe, (la), s.f., pl. li cànghe
recipiente per mezzo litro di vino: fiätte, (la), s.f.
recipiente
largo e basso di rame: cunguluane, (lu), s.m., pl. li cunguluane
recipiente
piccolo, di rame con manico lungo: muanire, (lu), s.m., pl. li manire;
vussirêlle, (la), s.f., pl. le vussirêlle
recipiente di terracotta usato per bere, giara: ggiàrre, (la), s.f.
/ giara anche otre: trûfe, (lu), s.m. / orciolo di terracotta anche deretano: trûffele, (lu), s.m.
recipiente di zinco per conservare l'olio, utello: vòtinèlle, (lu), s.m.
recipiente per raccogliere le feci: cacatáure, (lu), s.m., pl. li cacatîure / vaso da notte, càntaro, pitale, orinale: pisciatáure, zí peppe, (lu), s.m., pl. li pisciatîure
recipiente per urinare da parte dei maschi usato sia in ospedali e cliniche che in case private anche pappagallo: pappahàlle, (lu), s.m., pl. li pappahêlle
recluso
,
carcerato, detenuto: carciráte, quarciráte, (lu), s.m.
recto e verso, pagina: pàggene, (la), sf.
recuperare, raccapezzare: arcapizzá, v. /
recuperare, ritrovare: aritrajjá, ritrajjá, aritruvá, ritruvá
, v. / recuperare, spendere: arprizzá, v.
redancia o capocorda, anello per far passare i cavi: redàngie, nèlle
, (la), s.f.
redini per guidare le bestie da soma, corda con cui si governa un animale, cavezza: capázze, capézze, (la), s.f.
regalare: arihalá, v.
regalo
, dono: ruhuàle, (lu), s.m.
regalo: cumblemènde, (lu), s.m.
regalo oltre il compenso pattuito: vrivàjje, (lu), s.m.
reggere
, sostenere: ariputá, v.
regina: riggëinee, (la), s.f.
reggipetto: ruggiupètte, (lu), s.m. /
reggiseno, di area contadina: portasáise, (lu), s.m.
reggiseno, di area contadina: portasáise, (lu), s.m. / reggipetto: ruggiupètte, (lu), s.m.
registrare: arriggištrá, v.
regnare
: arrigná, v.
regola, condotta, conformità: réhule, (la), s.f.
regolare, comporre: arrihulá, v.
regolata, composizione amichevole, avviso: rehulàte, rihulàte, (la), s.f.
regolo per muratori o falegnami: rièlle, (la), s.f.: / anche metaforico organo sessuale maschile
religione: rilliggiáune, (la), s.f.
religioso/a della Congregazione di Maria SS. della Cintura: cindurèlle
, (lu), (la), s.m.f.
reliquia
: riléquie, (la), s.f.
reliquia (di) o sacramento in ostensione ai fedeli: dispò
šte, agg.
remare: rimá, v.
reme: rème, (lu), s.m., pl. li rème
Remigio: Remegie, n.p.p.
remo (parte centrale del): vucatîure, (la), s.f.
remo (parte mediana del): mezzarrèjje, (la), s.f.
rena
, sabbia: räne, ràïne, (la), s.f.
rendere, restituire, ridare, rifare: aridá, rènnë, v., p.p. rinnîute, arrènnë / rendere amaro: ammarijjé, v. / rendere corrotto o guasto: ammahagná, v. / rendere manso, quieto: ammanzinë, v. / rendere più franco e sicuro: disciòjjë, v. / rendere rauco, roco, arrochirsi: abbruccárese, v. / rendere stabile e diritto un oggetto: attiná, v. / rendere tondo un oggetto, arrotondare: attunná, v. / rendere torbido, intorbidire: 'ndruvutá, v. / rendere piatto: appiattá, v. / rendere piana una superficie, specie un terreno agricolo: raselijé, v.; rendere uniforme una coltura agricola o pareggiare il terreno: raselá, v.; pareggiare il terreno, pareggiare i bordi di una stoffa, imparentare: apparindá, v.; pareggiare un rialzo di terra: ariscavallá, v. / rendere vizzo, ammosciare: ammusciulé, v.
rendersi conto
, vedere: avvidá, v. /
rendersi familiare: affamijjérese, v.
rendita: rénete, (la), s.f.
rene: rène, (lu), s.m., pl. li rèine
reperti archeologici
: préta vìcchie, (la), s.f.
repubblica, anche casino, confusione, chiasso, disordine: repùbbliche, (la), s.f. / baccano, chiasso, diavolio, scompiglio, tra mbusto: rubbèlle, (lu), s.m.
requie, riposo, tranquillità (interiore), calma: abbènde, (l'), s.m., rèqueje, (la), s.f. / non trova riposo: nin de' rèqueje
requiem eterna: requiemmatèrne, (la), s.f.
residuo d'acqua
anche lavatura di panni: lavatîure, (la), s.f.
residuo della spremitura delle olive
, sansa: sànse, (la), s.f.
resištenza: risistènze, (la), s.f.
respirare a fatica, ansimare, asmare, spasimare: pasahá, pasimá, v.
respiro
, fiato: fiàte, (lu), s.m.
respiro grosso; dolore intercostale: fiatáune, (lu), s.m.
resta; serto; innesto; ferita: 'nzérte, (la), s.f.
resta di agli o cipolle: rèšte, (la), s.f. / anche resto di una somma o di una bastonatura: rèšte, (lu), s.m.
resta, serto, corona, d'aglio, di cipolle, di peperoni ecc.: scèrte, (la), s.f. / 'na scèrte d'èjje
restare: arimaná, armaná, v. / restare al verde, inchinare, versare un liquido: ammuccá, v. /
restare con una sola carta da gioco
di un seme: assulá, v. / restare soddisfatti, rassegnarsi: assuafá, v. /
restare zitto, segno di rassegnazione, sottomissione, ammutolire: ammuccé, v.
restaurato, ritoccato, truccata con rif. ad una donna: arepeccáte, agg.
restauro o ripristino dei muri: cuc'e schîusce, (lu), s.m.
restauro edilizio: accòmete, (l'), s.f.
restio nello spendere, avaro, cacastecchi, spilorcio, taccagno, tirchio: pichéne, carlùcchie, carrucchiàre, agg./micragnáuse, cacasànghe, cacasëcche, cachitòšte, magnapidùcchie, quarrucchiàre, (lu), s.m. / anche zoticone: cudicáune, (lu), s.m. / anche individuo dalla figura meschina: cacazicchèine, (lu), s.m. / anche
individuo allampanato: magnaruscìrte, (lu), s.m.

restituire, rendere, ridare, rifare: aridá, rènnë, v., p.p. rinnîute, arrènnë / restituire un debito, rifare, avere una rivincita nel gioco, anche coltivare i campi: arifá, v.
resto di una bastonatura
o di una somma: rèšte, (lu), s.m. / anche resta di agli o cipolle: rèšte, (la), s.f.
resto di una somma
o di una bastonatura: rèšte, (lu), s.m. / anche resta di agli o cipolle: rèšte, (la), s.f.
restringere
, raccogliere, mettere insieme, accoppiare, accoccare, rimediare qualche cosa: accucchié, arištrágne, v.
/ raccogliere: ariccòje, ariccòjjë, raccójjë, v. / raccogliere, venire a capo, separare i buoni dai cattivi: aricapä, v. / selezionare, scegliere proprio dei legumi: aricapá, v.
retata di sciabica: méunne, (la), s.f.
rete (grossa) o tramaglio
: tramàjje, tremàjne o tramajìne, (lu), s.m.
rete
; anche barca per la pesca delle vongole e telline: ciucculàre, (la), s.f.
rete a forma di sacco; sacco della rete: cuquálle, (lu), s.m.
rete alla deriva per la pesca delle sardine: píleche, pèileche, (la), s.f.
rete conica da pesca ad apertura circolare
,  a lancio, giacchio, rezzaglio, sparviero: rizzàcchie, mbrëlle, umbrëlle, (lu), (l'), s.m., resàcce, (la), s.f. / ombrello: 'mbrëlle, umbrëlle, (lu), (l'), s.m.
rete da pesca di qualsiasi tipo
: rèite o räte, (la), s.f.
rete da pesca a strascico trainata da una coppia di barche, cocchia tartana: tartòne, (la), s.f.
rete di posta per la pesca dei muggini
o cefali, squadrara: räte di 'mbècce o räte di 'mbròcche, (la), s.f.; saldarìlle, (lu), s.m.
rete flottante da pesca, rete simile al tramaglio: rete de 'mbrocche, (la), s.f.
rete (specie di grossa): ramajìne, (lu), s.m.
rete per la cattura di uccelli
; paretaio: cruciujéte, (la), s.f.
rete quadrata con pertica: calasciáune, (la), s.f. / pesce violino: calasciáune, (lu), s.m.; catàrre, (la), s.f.
rete simile al tramaglio, rete flottante da pesca: rete de 'mbrocche, (la), s.f.
reticenze, cianfrusaglie, anche moine, leziosaggini
: marciammëje, (li), pl. / moine: zéze, (li), pl.
reticenze
; leziozaggini; moine: miištèrie, (li), pl.
retino a maglie larghe, munito di manico fisso o telescopico, che serve al recupero del pesce preso con l'amo anche per la pesca delle seppie, guadino: vóleche, (lu), s.m.
retino da spiaggia: vuluchelle, (la), s.f.
retata: mànë, (la ), s.f.
retta, ascolto: audìnze, addinze, (l'), s.f.
retta
, dar retta, porre attenzione, seguire un'opinione: rétte, (la), s.f. / dai retta a tua madre che ti vuol bene: da' rétte a màmmete ca' ti vo' bbène
retto
, onesto: rrètte, agg.
reumatismi: rumatèsme, (li), pl.
rezzaglio
, sparviero, giacchio, rete conica da pesca ad apertura circolare,  a lancio: rizzàcchie, 'mbrëlle, umbrëlle, (lu), (l'), s.m., resàcce, (la), s.f. / ombrello: 'mbrëlle, umbrëlle, (lu), (l'), s.m.
riaffilare, raffilare: rinducculuá, v. /
raffilare, rimettere in ordine una persona indisciplinata: arifilé, v. / raffilare, ritemprare strumenti da lavoro: arištarnë, v.
rialzo, di terreno o fabbricato: riàzze, (lu), s.m.
rialzo di terra, tipico del vigneto: pàštene, (la), s.f.
rialzo di terra fra le viti
; cavallo; gioco di ragazzi: cavàlle, (lu), s.m.
riappacificare
: arpaciá, v.
riassettare: arrisidá, v.
riassorbire: arizzuppré, v.
riavvicinare, accorciare le distanze: arbiciné, v. / per quella trada si accorcia: pi chèlla véjje s'arbicëine
riavvolgere la fasciatura ai lattanti: arimbasciá, v.
ribadire, ribattere: aribbátte, v.
ribaltare da un'autovettura: aritrabballá
, v.
ribattere, ribadire: aribbátte, v.
ribattitura di calzature, vestiti: arribbattitîure, (l'), s.f.
ribellarsi: arivillé, v.

ribellione (a): a rrbèlle, loc. avv.
ricacciare, riconsegnare, dare nomignoli: aricacciá, v.
ricadere: recascá, v.
ricalare: aricalá, v.
ricamare
: racamá
, v., arracamá, v.
ricamatrice
: arracamatrëice, (l'), s.f.
ricamatura
: arracamatîure, (l'), s.f.
ricambiare: ricagná, v.
ricattare, ricomprare: ariccattá, v.
Riccardo
: Rëccarde, n.p.p.
ricchezza: riccàzze, (la), s.f.
ricchione, omosessuale, invertito, finocchio, frocio: ricchiáune, finùcchie, frusciáune, freùsce, (lu), s.m.

riccio anche istrice o porcospino: porchespëine, (lu), s.m. / la principale differenza tra riccio e istrice sta nella famiglia di provenienza: il riccio, chiamato erroneamente, porcospino, è della famiglia delle erinaceidae; l’istrice della famiglia degli istricidi; l’istrice è corretto chiamarlo anche porcospino / riccio, mammifero provvisto di aculei: ruècce, (lu), s.m. / riccio di mare: rècce, (lu), s.m. / riccio, riccioluto, cresputo: rècce, agg. / riccio di pianta anche di persona dai capelli poco curati: catille, (lu), s.m.
riccio di mare: rècce, (lu), s.m.
riccio di pianta anche di persona dai capelli poco curati: catille, (lu), s.m.
ricciola, anche ricciola di fondale, somigliante
all'ombrina
: lècce, (lu), s.m.
ricciola di fondale
, anche ricciola, somigliante all'ombrina: lècce, (lu), s.m.
riccioluto, riccio, cresputo: rècce, agg. / riccio di pianta anche di persona dai capelli poco curati: catille, (lu), s.m.
ricco: säne (fig.), (lu), s.m.
ricco, di buona condizione economica: recche, räcche, bèrre d'ìcre, agg.
ricetta culinaria, pietanza gustosa di carne con aggiunta di cipolla, peperone e pomodoro: ciff' e ciàffe, (lu), s.m.
ricettacolo
: cafòrchie, (lu), s.m. / ricettacolo per lo più di mattoni per conservare il fuoco: fucáune, (lu), s.m.
ricetto, ospitalità, ricovero, riparo: riccètte, (lu), s.m. / ricetto, rifugio, riparo, rimedio: rupuàre, (lu), s.m.

ricevere, accogliere: ariciáivë, accòjjë, v., p.p. accòdde; accogliere, invitare: ammeté, ammité, 'mmté, cummuté / ricevere percosse, prendere botte anche ottenere qualcosa, guadagnare la giornata: abbuscá, abbusché, v.
richiamare: arichiamá, v.
richiamo per uccelli
: albaréule, (l'), s.f.

ricino, olio di ricino usato come purgante: récine, (lu), s.m.
ricolare
, fondere, riforgiare, ricominciare, rinascere, rivestire (fig): riculuä, v. / vatti a vestire ad Agnone: vatt' a fa' 'riculuä a Ddagnàne / si è vestito elegante!: chi scì' riculuäte! s'è tutte riculuäte / ricolare, tentare di rifarsi fisicamente: arculá, v.
ricolmare
, rabboccare: arbuccá, v.

ricominciare, fondere, riforgiare, rinascere, rivestire (fig), ricolare: riculuä, v. / ricominciare un lavoro, un argomento, ripigliare: aricchiappá, v. / ripigliare, ritogliere, riprendere: aritòjje, artòjje, v.
ricompensare, indennizzare: arimbrangá, v.
ricomposto, rifatto, raffermo nel caso del pane: arifátte, agg.
ricomprare, ricattare: ariccattá, v.
riconciliare: ricongiulijé, v.
riconoscere, raffigurare: arrifauré, v. / riconoscere, avere contezza delle proprie azioni: accanàscë, v.
riconsegnare; ricacciare; dare nomignoli: aricacciá, v.
ricoprire di terra il seminato con zappa o bidente: pastiná, v.
ricoprire: armandá, v.
ricordare: arcurdá, v. / ricordare con riferimento a una persona: arinnummuné, v.
ricordevole: ricurdàvule, agg.
ricordo: ricòrde, (lu), s.m.
ricorrenza religiosa, Ascensione, festa dell'...: Ascinzîáune, (l'), s.f.; 'scinzîáune, (la), s.f.
ricorrere in appello al tribunale: arippallá, v.
ricotta: ricótte, (la), s.f.
ricottaro anche pappone, ruffiano, prosseneta, mediatore, sensale, in senso spregiativo: recuttàre, (lu), s.m.
ricoverare, mettersi al riparo: arisidá, v.
ricovero, ricetto, ospitalità, riparo: riccètte, (lu), s.m. / ricovero
, asilo: ricètte, (lu), s.m. / prescrizione medica: ricètte, (la), s.f. / ricovero, riparo, ospitalità, aiuto: ricòvere, (lu), s.m.
ricrescere, spesso riferito alla pasta, gonfiare: 'ntrufé, v. / ricrescono o rigonfiano (di cibi, specie legumi che): arindrufé, v.
ricrescita (la) del latte nella mammella: arrinnitîure, (l'), s.f.
ridare, rifare, rendere, restituire: aridá, rènnë, p.p. rinnîute, arrènnë, v.
ridere
: rèdë, rëitë, v., ger. ridènne, p.p. rèse / il ridere, riso: rèse, (lu), s.m.
ridere (il)
, riso: rèse, (lu), s.m. / ridere: rèdë, rëitë, v., ger. ridènne, p.p. rèse
ridotto all'inattività, bloccato, di persona afflitta da paralisi, paralizzato: paralizzàte, agg.
ridurre qualcuno a mal partito anche salare: salá, v. / ridurre una frattura, ingessare: 'ngessá , v. / ridurre o fare a pezzi: cùcchie cùcchie, loc. avv.
riempimento murario, zavorra: zzauárre, (la), s.f.
riempire: 'mbié, arimbié, arehimbië, v. / riempire, stivare, quagliare: quajjá / riempire l'ordito: attramá, v.
riempito, fino in fondo, fino all'orlo, completamente appianato: ràse ràse, loc. avv.
rientrare: arindrá,
, aritrascë, v.
rifare
, ridare, rendere, restituire: aridá, rènnë, p.p. rinnîute, arrènnë, v. / rifare, avere una rivincita nel gioco, restituire un debito anche coltivare i campi: arifá, v. /
rifare, rimestare, rimaneggiare, tornare sulle proprie decisioni: arimanijjé, armanié, v. / rifare il filo del rasoio: apparahuná, v.
rifatto
, ricomposto, raffermo nel caso del pane: arifátte, agg.
riferito ai rami troppo carichi di frutta: arcapanná, v. / riferito al richiamo della chiocciola: ariccucculé, v. / riferito a cosa ruvida: ràšpe, agg. / riferito al vino o alla frutta: aritirágne, agg.;  acerbo: àchere, cèreve, cièreve, agg.  / riferita a cosa di scarso valore e al riuso: armidijéte, agg. / riferito al gatto custode del focolare, pigro, ozioso: cinnirèlle, agg.
riffa
, lotteria: réffe, rréffe, (la), s.f.
rifiatare
: arifiat
á, v.
rifiuti solidi urbani, spazzatura, immondizia: mennàzze, minnàzze, munnàzze, (la), s.f.
rifiuto umano, miserabile, lazzaro: jttáte, (lu), s.m.
riflessione, pensata: pinzàte, (la), s.f.
riflessivo, pensoso: pinzáuse, agg.
riflettere, ragionare: arraggiuná, raggiuná, v.
rifondere denaro
, perdere, rimettere denaro, rimetterci: arifánne, pèrde, v. / perdere, smarrire:
pèrdë, v.
riforgiare
, fondere, ricominciare, rinascere, rivestire (fig), ricolare: riculuä, v.
rifugio, cavità, tana, naturale o scavata di numerosi animali selvatici dai predatori: tane, (la), s.f., pl. li tane / rupuàre, (lu), s.m.: rifugio, riparo, ricetto, rimedio / rifugio, riparo, rimedio, ricetto: rupuàre, (lu), s.m.
riga: rëiche, (la), s.f. / riga, listello: règhe, (la), s.f. / stecca di legno o di metallo adoperata per eseguire disegni: rèiche, (la), s.f. / stecca di legno: rijèlle, (la), s.f.
rigatone, varietà di pasta; canne della gola: cannarózze, (lu), s.m.
rigattiere, rivendugliolo, rivenditore al minuto di roba vecchia: pundicàre, (lu), s.m.
rigettare
, vomitare, récere, scaricare: arrijettá,
arijittá, rijttá, vummacá, v. / vomitare di nuovo, tornare a sparlare: arivummacá, v.
rigido anche teso: täse, agg. / teso anche indurito: tisàte, agg.
rigirare: arvuddá, v. / rigirare, avvoltolare: annaspá, v. / rigirare, riferito al sugo che cuoce, tornare su un disaccordo, non finirla mai: arivusciché, v. / rigirare con violenza, di qua e di là: vràttilijé, v.
rigirarsi
, appartarsi, atteggiarsi in modo provocatorio o seducente: quartij
á, quartiárse, v. / rigirarsi per terra o nel fango: artravuddá, v. /rigirarsi nel sozzume, sporcarsi, rivoltarsi, insudiciare: aritravvudá, v.
rigo: virzátte, (la), s.f.; réghe, (lu), s.m.
rigonfiamento, gonfiore, tumefazione, enfiagione alla falangetta del dito: turnadàte, (lu), s.m.
rigonfiare, rinvenire della pasta o dei legumi: arendufárse, 'ndruférese, v. / rigonfiare, proprio dei legumi: 'ndufá, v. / rigonfiano o ricrescono (di cibi, specie legumi che): arindrufé, v.
rigonfiatura della corteccia: arbummá, v.
rigonfio della corteccia dopo l'innesto: abbummatîure, (l'), s.f.
riguardo (avere):
a cchîure, loc. avv. / cura; avere cura di: cchîure, (la), s.f.
rilievo, importanza, nel senso di non avere cura di una persona: dòsele, ant., (lu), s.m. / nessuno si è accorto di lui: nisciune j'á dáte dòsele
rilucere: arlucé,
arilucé, rillucejé, v.
riluttante a ogni impegno, sfaticato, indolente, persona oziosa: canimòrte, canemòrte, (lu), s.m.
rimaneggiare, tornare sulle proprie decisioni,rimestare: arimanijjé, v. /rimestare, agitare: arivudiché, vuscicá, v. / rimestare, bollire: vulecá, v. / rimestare (cibi e liquidi): 'ndrucculijé, v. / agitare: šdillazzá, v.
rimanere
: arristá, v.
rimanere senza voce
, arrochire: arrachë, v.
rimangiarsi una promessa, tornare a mangiare, venir meno ad un impegno: arimagná, v.
rimaritarsi, sposarsi di nuovo: remaretá, v. /
maritarsi, sposarsi, maritare, sposare: maritá, spusá, v. / maritare, allocare, calmare: addiluquá, addulecá, v.
rimarginare: aripprusutté, v.
rimasuglio di merce, in genere di tessuto: scàmbele, (lu), s.m.
rimbalzare
: arizzuzzá, arišduzzé, v.
rimbambire, rincoglionire: rringuijené, v.
rimbambito, di stucco: 'mbambanëite, agg. / rimbambito, rincoglionito, istupidito, ottuso, fase di marasma senile: ringujunéte, agg.
rimboccare l'abito, accorciare: accurciá, v. /
accorciare, abbreviare: accurtunë, v.
rimborsare, risarcire: rambrangá, ranfrangá,
arisarcë, v.
rimediare
: armidijé, v. / rimediare qualche cosa, accoccare, accoppiare, restringere, raccogliere, mettere insieme: accucchié, arištrágne, v. /
raccogliere: ariccòje, ariccòjjë, raccójjë, v. / raccogliere, venire a capo, separare i buoni dai cattivi: aricapä, v. / selezionare, scegliere proprio dei legumi: aricapá, v.
rimedio
: rummìdie, (lu), s.m. / rimedio, ricetto, rifugio, riparo: rupuàre, (lu), s.m.
rimescolare, rovistare: arivutecá, v. /
rimescolare col bidente il terreno seminato: rzappilijé, v.
rimesso a nuovo, imbellettato: arcicilijéte, aricicilijéte, agg. / rimesso a nuovo, arricchito: arinfarinéte, agg.
rimestare, agitare: arivudiché, vuscicá, v. / agitare: šdillazzá, v. / rimestare, bollire: vulecá, v. / rimestare (cibi e liquidi): 'ndrucculijé, v. /rimestare, rimaneggiare, tornare sulle proprie decisioni: arimanijjé, v.; agitare, scuotere, scrollare, muovere anche movimento, scrollata del capo per manifestare risentimento, minaccia o fastidio: cucciujé, capuzzïjé, v.; agitarsi, dare segni di vita: vulichiérese, v. / rimestare con la pala, rimuovere: palijé, v.
rimettere
: arimàtte, v. ; rimettilo al suo posto: arimàttel' a lu pušte /
rimettere denaro, rifondere denaro, perdere, rimetterci: arifánne, pèrde, v. / perdere, smarrire: pèrde, v. /
rimettere in ordine una persona indisciplinata, raffilare: arifilé, v.; raffilare, ritemprare strumenti da lavoro: arištarnë, v. / rimettersi a nuovo, imbellettarsi: arcicilijé, aricicilijé, v.
rimettersi
a nuovo, imbellettarsi:
arcicilijé, aricicilijé, v. / rimettersi in fila, correggere: arfilé, v. / rimettersi in sesto, ripararsi: aricuvuré, v.
rimorchiare: armucchiá, v.
rimorchio: rumòrchie, (lu), s.m.
rimpannucciarsi, amare conversare: arcicilijárse, v.
rimpastare, impastare di nuovo: arimbaštá, v. / impastare, ammassare, mescolare, accumulare: ammassá, v.
rimpatriata, incontro tra amici: rimpatriéte, (la), s.f.
rimpicciolire: arippiccinillé, v.
rimpinzare, gonfiare, anche scocciarsi: abbuttá, v. / mi sono scocciato: m'àjj' abbuttáte; mi hai scocciato: mi si 'bbuttáte
rimpinzarsi, saziarsi, satollarsi, ingozzarsi di cibo in maniera spropositata: accibbë, arcibbë, abbumacá, v.
rimpinzato, di locale poco areato: attuféte, agg.
rimproverare, rampognare: arimbrungiá, v.
rimprovero, predica, sermone: prèdeche, (la), s.f.
rimprovero; rabbuffo: cangarijéte, ciaurijéte, (la), s.f.
rimprovero (duro): cazzijéte, (la), s.f.
rimuginare, stare ombroso: armuggiá, v.
rimuovere, rimestare con la pala: palijé, v.
rinascere, ricominciare, fondere, riforgiare, rivestire (fig), ricolare: riculuä, v.
rincalzare il lenzuolo o la coperta sotto il materazzo anche
eseguire con diligenza un compito, in genere i lavori di sartoria: apprumáttë, v. / rincalzare, rinforzare arnesi da lavoro: aricazzá, v. / rincalzare: arrittummulá, v. / rincalzare con il terreno le piante: artummá, arittummuä, v., p.p. arittunnuäte / rincalzare con l'acciaio la tempra del bidente: aringazzá, v.
rincalzatura: artummatîure, (l'), s.f.
rincarare
: aringaré, v.
rincoglionire, rimbambire: rringuijené, v.
rincoglionito, rimbambito, istupidito, ottuso, fase di marasma senile: ringujunéte, agg.
/
rimbambito, di stucco: 'mbambanëite, agg.
rinforzare o rinserrare meglio il catenaccio dell'uscio: appiummá, v. / rinforzare arnesi da lavoro, rincalzare: aricazzá, v.
rinforzo: runfòrze, (lu), s.m.
rinforzo delle calze
: cugnutìlle
, (li), s.m.pl.
rinforzo murario di un castello, muri a scarpa per la difesa delle fortificazioni: varvachéne, (li), pl.
rinfrescare, bastonare: arifriscá, arimbriscá, salichijjé, v.
ringhiera anche testata del letto: ringhjìre, (la), s.f. / ringhiera del balcone: passamàne, (lu), s.m.
ringhiera del balcone: passamàne, (lu), s.m. / ringhiera anche testata del letto: ringhjìre, (la), s.f.
ringraziare: aringrazijé, v.
rinnegare, disconoscere, bestemmiare: arinnihá, arnihá, rinnihá, viastimá, v.
rinnovare
: arnuvá, v.
rinserrare
o rinforzare meglio il catenaccio dell'uscio: appiummá, v.
rintocco funebre; agonia: langunéjje, (la), s.f.
 
rintronare: arindummulá, v.
rinvenire
della pasta o dei legumi, rigonfiare: arendufárse, 'ndruférese, v. / rigonfiare, proprio dei legumi: 'ndufá, v.
rione, quartiere: riáune, (lu), s.m., pl. li riîne
rioni urbani di Vasto: aragona: arraháune, (l'), s.f. / belvedere: bellevidá, (lu), s.m. / casarelle, nella parte ovest: casarèlle (li), pl. / casetta: casàtte, (la), s.f. / nei pressi della Torre di Santo Spirito: cavîute, (la), s.f. / croci, nella parte sud della città: crìce, (li), pl. / portanuova: purtanève / San Giuseppe: San Giusuéppe / San Michele: San Micchèle / San Pietro: San Pìtre / Sant'Anna: Sant'Anne / Santa Maria: Sanda Marè
riordinare la casa, nettare, pulire: pulé, v.
ripa, burrone: rëpe, (la), s.f.
riparare: aripará, v.
ripararsi, rimettersi in sesto: aricuvuré, v.
riparato
(posto), nicchia: uattàte, (la), s.f. / di nascosto; al riparo del freddo e del vento: uattàte (a la), loc. avv.
riparo, ricovero, ricetto, ospitalità: riccètte, (lu), s.m. / riparo, ricovero, ospitalità, aiuto: ricòvere, (lu), s.m. / riparo, rimedio, ricetto, rifugio: rupuàre, (lu), s.m.
ripassare, sbeffeggiare con noncuranza: aripassá, v. / sbeffeggiare, prendere in giro, sfottere, imitare: cuffujé, arrénne l'abbàie, pazzìjá, v. / sfottere, gabbare, canzonare, coglionare: arifricá, 'refrecá, v. / canzonare, coglionare: cujuná, v. / gabbare, schernire: gabbá, habbá, v. / schernire: ariscarnë, v. /
prendere in giro, anche giocare, baloccare: pazzìjá, v. / prendere in giro: frište, loc.

ripetere, espulsione di elementi interni da parte della partoriente: arisicunná, v.
ripetizione ossessiva; cadenza; sequenza dei numeri del lotto: cadènze, (la), s.f.
ripiano, scansia: scanzèjje, (la), s.f. / ripiano, ballatoio, piccola largura: pianàtte, (la), s.f. / ripiano, pensile, spazio sottotetto: pásele, agg. / ballatoio, scala, interna: capescàle, capiscàle, (lu), s.m.
ripida scarpata, dirupo: ddirrupatùrie, (la), s.f. / dirupo: rupatòrie, (lu), s.m. / dirupo sottomarino: fussòne dill'àcche, (lu), s.m. /
dirupo profondo: catrafòsse, (lu), s.m.
ripieno
: aripiéne, agg. al pl. aripìne
ripigliare un lavoro, un argomento, ricominciare: aricchiappá, v. / ripigliare, ritogliere, riprendere: aritòjje, artòjje, v.
ripigliare, ritogliere, riprendere: aritòjje, artòjje, v. /
ricominciare un lavoro, un argomento, ripigliare: aricchiappá, v.
riporre, mettere, mettere da canto o parte, stipare, da parte: aripánne, mätte, v., p.p. màsse / stipare di nuovo, riporre: arištipá, v. / mettere di nuovo: arimätte, v.
riportare
: aripurtá, v. / riportare sulla retta via, raddrizzare: ddrizzé, v. / riportarsi su di un luogo in piano: ringhijaná, v.
riportarsi su di un luogo in piano: ringhijaná, v.
riposare
: aripusá, v.
riposarsi (il) delle bestie: ajjacciá, v.
riposino, pisolino, siesta: sbambatèlle, pennechèlle, (la), s.f.,
appinicáte, (l'), s.f.
riposo
:
ripéuse, (lu), s.m.
riposo
, requie, tranquillità (interiore), calma: abbènde, (l'), s.m., rèqueje, (la), s.f. / non trova riposo: nin de' rèqueje
ripostiglio, credenza: repustèje,
ripuštire, (lu), s.m.
riprendere, ripigliare, ritogliere: aritòjje, artòjje, v. /
ricominciare un lavoro, un argomento, ripigliare: aricchiappá, v. / riprendere fiato: arisuspiré, v. / riprendere le forze, mossa favorevole nel gioco: arpicciché, v.
riprendersi
(il ) della piantina dopo il trauma del trapianto o della messa a dimora, radicamento della piantina dopo la semina: aripijjé, v.
ripristino
o restauro dei muri: cuc'e schîusce, (lu), s.m.
ripulire
: aripulé, v. / ripulire il seminato dalle erbacce, sarchiare: sarchiá, v. / sarchiare: arizappilijé, arrannä, v., p.p. arrannäte / sarchiare, zappare con zappe leggere sulla superficie del terreno: zapparijé, v.
risacca
: resàcche, (la), s.f.
risalire: arisàjje, v.
risapere, appurare, conoscere, far chiarezza: appurá, appuré, v. / appurare, indagare, osservare, scandagliare: scanajjá, v. / e chi ci capisce, centra!: e chi c'appîure!
risarcire, rimborsare: rambrangá, ranfrangá,
arisarcë, v.
risatina insistente: ridarèlle, (la), s.f.
riscaldare: ariscallá, v.
riscaldata di un cibo, di una minestra: scallàte, (la), s.f.
rischio; pericolo: cumbrumissiáune
, (la), s.f.
riscossione, abitualmente di un debito: ruschéute, (lu), s.m.
riscosso
: 'sátte, sèggë, v., p.p.
riscuotere:
rischéutë, v.
risecare: arisicá, v.
rischiarare, mantenere un contegno trasparente: aricchiará, v. / rischiarare, dare lustro a utensili o a superfici vetrate: arišcará, v.
rischio, azzardo: azzarde, (l'), s.m.
risentito, imbronciato: acciufféte, ammusséte, agg. / imbronciato, cupo: grígne, agg. /
imbronciato (di cielo): achiuppète, agg.
riservare: arisalbá, v.
riso,
il ridere: rèse, (lu), s.m. / riso, pianta erbacea  annuale della famiglia delle graminacee: rëise, (lu), s.m.
riso comune: granríse, (lu), s.m.
risolvere
, calmare, assodare: assudá, v.
risorgere
, tornare a vivere: arbuvé, v.
risparmiare
: sparagná, v.
risparmio
: sparágne, (lu), s.m. / risparmio; economia: 'cunuméje, (la), s.f.
risparmio anche da parte: da pàrte, a la vànne, loc. avv.
rispettare, onorare: unurá, v.
rispondere: rispánne, arispánne, v.
risposta
augurale a sangue e latte (sanghe e latte): fiàure o fijáure di mirganáte o miricanàte, loc.
rissa, lite: assciárre, (l'), s.f.; sciárre, (la), s.f. / lite, contenzioso: quistiáune, (la), s.f. /
lite, baruffa: appëcceche, (l'), s.f.
ristagnare
: rténnë, v.
risultare vantaggioso, convenire: cummené, v. / convenire, mettersi d'accordo: accašcá, v. /
convenire, essere d'accordo, andare a genio, convincere: quatrá, v.
risvegliare: arisbijjé, arivijjé, arisvejá, v.
risvolto; stoffa ribattuta del vestito: arimásse, (l'), s.f.
Rita
: Rëita, n.p.p.
ritardare
, trascurare, venir meno ai propri interessi: attrassá, v.
ritegnoso nei rapporti sociali, scarso: scàrze//
ritemprare strumenti da lavoro, raffilare: arištarnë, v.
/ rimettere in ordine una persona indisciplinata, raffilare: arifilé, v.
ritenere, origliare in maniera furbesca, tenere a mente: usulijé, v.
ritira e paga la merce, insieme: trùsce e mùsce, loc. avv.
ritirare: riterá, v. / ritirare la rete anche salpare (di un naviglio): salpá, v.
ritirata, cesso, servizi igienici approssimativi: luccumûne, luccumùne, (lu), s.m. / cesso, latrina: bruschijatáure, cèsse, (lu), s.m.
ritirato
, infittito: valichëte, agg.
ritoccato
, restaurato, truccata con rif. ad una donna: arepeccáte, agg.
ritogliere, riprendere, ripigliare: aritòjje, artòjje, v. /
ricominciare un lavoro, un argomento; ripigliare: aricchiappá, v.
ritornare, tornare, tornare di nuovo, tornare indietro: ariminë, ariváttene, arivé, remené, 'rmené, v. / venire: minë, mené, v., ind. pres. vinghe, p.p. menîùte / ritornare con la memoria all'indietro anche luogo di agguato:
ripàsse, (lu), s.m.
ritorto come vecchio albero, di persona in età avanzata: 'ndrungunëite, agg.
ritrovare, recuperare: aritruvá, ritruvá
, aritrajjá, ritrajjá, v.
ritrovato
: aritruvàte, agg.
ritto: allèrte, agg. / ritto, diritto: rètte, agg. / ritto, impalato, fermo: 'mbujéte, agg. / fermo, inchiodato: fàrme, 'nchiuvéte, agg. / fermo, immobile come statua: 'mbuštáte, agg. / ritto come una pertica, immobile: 'mpirticáte, agg. / immobile, incacchiato, incavicchiato: nghiavichéte, agg. / diritto: dirëtte, agg. / diritto: ddurèutte, agg. / tirar diritto, prendere scorciatoia: tiré a dirëtte / in piedi, su due piedi: a la rètte, loc. avv.
riunione di commensali: taveláte, (la), s.f.
riunire: rihuné, v. / riunire due cose separate: arringacchiá, v.
riva: réive, (la), s.f.
rivedere: arividá, v.
rivendere: arvanne, v.
rivenditore; chiassone: bangunàre, (lu), s.m.
rivenditore al minuto di roba vecchia,
rigattiere, rivendugliolo: pundicàre, (lu), s.m.
rivenditore ambulante: bazzarijéute, pannacciàre, (lu), s.m.
rivendugliolo
, rigattiere, rivenditore al minuto di roba vecchia: pundicàre, (lu), s.m.
riverberare, avvizzire: abbambá, v.
rivestimento a maglia di ferro di casse: ase, (l'), s.f.
rivestimento di stoffa all'interno della carrozza: braccciàle, (lu), s.m.
rivestire
, rinascere, ricominciare, fondere, riforgiare (fig); ricolare: riculuä, v. / vatti a vestire ad Agnone: vatt' a fa' 'riculuä a Ddagnàne / si è vestito elegante: chi scì' riculuäte! s'è tutte riculuäte
rivoltarsi, rigirarsi nel sozzume, sporcarsi, insudiciare: aritravvudá, v.
rivoltato, insudiciato, scombussolato, sottosopra: aritravuddäte o a la capichîule, agg. / è un mondo sottosopra!: è nu muonn' aritravuddäte o a la capichîule!
rivoltella: ruvódde, (lu), s.m.
rizzappare
superficialmente le vigna: rrannà, v.
rizzare, alzare: arrizzé, v. / alzare: azzá, v.; aumenta il passo: ahàzze lu passe / alzare la vela: jissá, v.
roba, cosa anche proprietà: ròbbe, (la), s.f. / proprietà di una casa, fondo agricolo: pruprietà, (la), s.f.
roba contenuta in una tovaglia
legata ai quattro lembi: mandricchiànne, (la), s.f.
roba di scarso valore; litigio modesto: chiacchiarèlle, (la), s.f. / litigio: lèite, (la), s.f. / litigio o scena in mezzo alla strada: piazzáte, (la), s.f. / litigio di più persone: ragattäte, (la), s.f. / litigio di poco conto: appicicatèlle, (l'), s.f.
roba minuta
o scaglie di legno per il fuoco: bruscëime (li), pl.
roba
(quantità di) che può contenere un grembiule accoccato: 'nzináte, (la), s.f.
roba (quantità di) contenuta in una tasca: saccucciànne, (la), s.f.
roba (quantità di) o carico portabile o da portare addosso sul petto o sulle spalle: 'ngulláte, (la), s.f.
roba o vino scadenti: ciafé, (lu), s.m.
roba d'altro mondo
(è), cosa da non credere: ròbbe ca (è), loc. / addirittura la zucca costa più della carne!: è ròbbe ca' la chicàcce còšte cchiû di la càrne! / in senso spregiativo, ironico: è robbe ca...
Roberto
: Robberte, n.p.p.
robusto, torsuto, nodoso: tuzzûte, agg.
rocchetto; piccolo matterello: cannillìcce, (lu), s.m.
rocca o conocchia, attrezzo o strumento che in coppia col fuso serve a filare: chinàcchie, (la), s.f. pl. li chinàcchie, cunòcchie
rocchetto di filo: ruciulàlle, (la), s.f.
roccia anche mordacchia, bavaglio di ferro per equini quando vengono ferrati: mòrge, (la), s.f.
Rocco: Ròcche, n.p.p., dim. Rocchine, Ruccù, Ruccùcce, Rucquicce
Roccuccio
: Ruccù, n.p.p., dim. di Ròcche
rodersi dentro per l'ira, per un torto subito anche arrotare e arrotolare: arrutá, arruté, rrutá, v.
rogna, scabbia: scàbbie, (la), s.f.
rognone
, per lo più dell'agnello: rugnáune, (lu), s.m.
rollio: travàujje, (lu), s.m.
Romano
: Rumüane, n.p.p.
romanzo
: rrumànze, (lu), s.m.
rombo, sogliola pelosa, pesce marino: ciangátte, rummèlle, (la), s.f. / rombo giallo detto anche sogliola turca: municarèlle, (la), s.f. / rombo peloso: cianghétta peláse o piláuse, (la), s.f. / sogliola pelosa, suacia comune, linguattola: magnaciòcchele, cianghittáune, (lu), s.m. / rombo chiodato: rómmë, (lu), s.m.; rummèlle dé 'nderre, (la), s.f. / rombo liscio: rummèlle di féure, (la), s.f.
rombo chiodato: rómmë, (lu), s.m.; rummèlle dé 'nderre, (la), s.f. / rombo liscio: rummèlle di féure, (la), s.f. / rombo, sogliola pelosa, pesce marino: ciangátte, rummèlle, (la), s.f. / rombo giallo detto anche sogliola turca: municarèlle, (la), s.f. / rombo peloso: cianghétta peláse o piláuse, (la), s.f. / sogliola pelosa, suacia comune, linguattola: magnaciòcchele, cianghittáune, (lu), s.m.
rombo giallo detto anche sogliola turca, pesce marino: municarèlle, (la), s.f. / rombo peloso: cianghétta peláse o piláuse, (la), s.f. / sogliola pelosa, rombo: ciangátte, rummèlle, (la), s.f. / sogliola pelosa, suacia comune, linguattola: magnaciòcchele, cianghittáune, (lu), s.m. / rombo chiodato: rómmë, (lu), s.m.; rummèlle dé 'nderre, (la), s.f. / rombo liscio: rummèlle di féure, (la), s.f.
rombo liscio: rummèlle di féure, (la), s.f. /
rombo chiodato: rómmë, (lu), s.m.; rummèlle dé 'nderre, (la), s.f. / rombo, sogliola pelosa, pesce marino: ciangátte, rummèlle, (la), s.f. / rombo giallo detto anche sogliola turca: municarèlle, (la), s.f. / rombo peloso: cianghétta peláse o piláuse, (la), s.f. / sogliola pelosa, suacia comune, linguattola: magnaciòcchele, cianghittáune, (lu), s.m.
rombo peloso, pesce marino: cianghétta peláse o piláuse, (la), s.f. / rombo giallo detto anche sogliola turca: municarèlle, (la), s.f. / sogliola pelosa, rombo: ciangátte, rummèlle, (la), s.f. / sogliola pelosa, suacia comune, linguattola: magnaciòcchele, cianghittáune, (lu), s.m. / rombo chiodato: rómmë, (lu), s.m.; rummèlle dé 'nderre, (la), s.f. / rombo liscio: rummèlle di féure, (la), s.f.
Romeo
: Rumé, n.p.p.
romito, solitario: rumèite, (lu), s.m.
rompere, sfasciare, schiodare, fare a pezzi:
schînacchiá, scunucchiá, v.
/ rompere le reni: šgriná, v. / rompere, scavezzare, spezzare, stroncare: scapizzá, v.
rompiscatole: scassacàzze
, (lu), s.m.
Romualdo
: Rumüalde, n.p.p.
ronci, spine, rovi: rùve, rúvere, rínci, (li), pl.
roncola
con manico corto per tagli di canne o altro: ruênge, (lu), s.m., pl. li ringe / piccola roncola anche falcetto anche trincetto, attrezzo del calzolaio: rungiátte, (lu), s.m.
roncola con manico lungo per la lavorazione delle siepi: rêngue, (la), s.f., pl. li rêngue
roncolare, sfoltire con la roncola, potare le siepi ai lati della strada: arrungá, v.
ronda, marinai in giro la notte per controllare l'operato degli altri marinai in libera uscita: ráunde, (la), s.f.
rondine
, rondinella di mare: rànnele, (la), s.f. /
rondinino
, il piccolo della rondine: rinnelèlle, (la), s.f.
rondinella di mare, rondine: rànnele, (la), s.f.
/ rondinino, il piccolo della rondine: rinnelèlle, (la), s.f.
rondinino, il piccolo della rondine: rinnelèlle, (la), s.f. / rondine, rondinella di mare: rànnele, (la), s.f.
ronzare
, girare attorno: runzuijé, musculujé, v. / girare, vuotare, voltare: vuddá, v.
Rosa
: Réuse, Rose, n.p.p., dim. Rusëine
rosario
: rusàrie, (lu), s.m.: anche Rosaria, dim. Rosariuccia: Rusàrie, n.p.p., dim. Rusariîcce
Rosaria, dim. Rosariuccia: Rusàrie, n.p.p., dim. Rusariîcce
Rosariuccia, dim. di Rosaria: Rusariîcce dim. di Rusàrie, n.p.p.
rosicchiare, mangiare sobrio controllato e semplice: rusciuquá, v.
rosmarino: tresamarè, (la ), s.f. / trusumarëine, (lu), s.m.

rosolaccio, erba per foraggio, papavero selvatico: panaràzze, (la), s.f.; papámbele, (lu), s.m.
rosolare, soffocare: brušcuttá, zuffucá, v.
rosolia
anche , attrezo di carpeteria marinara e tipo di coperta: šcavìne, (la), s.f.
rosolio: rusòlie, (lu), s.m.
rospo: ròspe, marahuózze, (lu), s.m.
rossetto
: rusciàtte, (lu), s.m.
rosso: rásce, (lu), s.m., pl. li rìsci; agg.
rosso di capelli: pilerîsce, (lu) s./agg.
rossore: rusciáure, (lu), s.m.
rotella della carrucola: ròule, (la), s.f.
rotolare
: vutecá, v. / rotolare, ravvolgersi: arruciulujé, v.
rotta marina: ráutte, (la), s.f.
rotto
, inservibile: ràtte, agg.
rottura, atto di effrazione, forzatura, scasso, scassare, divellare: scassá, v. / scassare, divellare: sbangá, v.
rottura di scatole, seccatura, scocciatura, noia, fastidio: rumbimìnde, bbuttamìnde di chijîne, (lu), s.m.
rotula: rùtelle, (la), s.f.
rovescia (alla): a la capequîule, avv.
rovesciare: artrammuccá, armuccá, v.
rovesciare (l'atto di) le monete vinte dal palmo della mano per rimetterle in gioco: rangitèlle, (la), s.f.
rovescio
, inverso, al contrario, alla rovescia: a la capequîule, a la capichîule, a la dimmèrze, a la devèrze, a lu 'ngundrarie, avv.; s'è messo la maglia al rovescio: s'ha mässe la majj' a la dimmèrze
roveto, fratta, siepe: ruére, (lu), s.m.; fràtte, (la), s.f.
rovi, ronci, spine: rùve, rúvere, rínci, (li), pl.
rovina
, disastro: rruvëine o rruène, (la), s.f.
rovina-famiglia: arruvënefamèjje, (l'), s.m.
rovinare: arruiná, arruvené, v. / rovinare
di nuovo, sciupare: resgarzé, v.
rovinato: arruinète, agg.
rovistare
, rimescolare: arivutecá, v.
rozza (persona); suonatore di cornamusa; zampognaro: zambugnáre, zampugnáre, scupinàre, scupinére, scupunuáre, (lu), s.m., pl. li zambugnére, scupinére
rozzezza
; ignoranza: gnurandità, (la), s.f.
rozzo anche selvatico: salevàteche, agg. / rozzo: rìzzi, agg.
ruba ruba (il): frèca frèca, (lu), s.m.
rubare: arrubbá, rubbá, v. / rubare, copulare, fregare: fricá, v. / rubare, ma con astuzia: palipijé, v.
ruberia: rrubbamìnde, (la), s.f.
rucola, verdura da condimento: rucuàtte, ruquàtte, rucàtte, (la), s.f.
ruffiano; adulatore; incensatore: leccachîule, leccaquîule, (lu), s.m.
ruffiano, pappone, prosseneta, mediatore, sensale, in senso spregiativo anche ricottaro: recuttàre, (lu), s.m.
ruga, piega, crespa; ferro di poppa: grùjje, (la), s.f.
Ruggiero: Ruggiëre, Ruggïre, n.p.p.
ruggine, livore: rìggine, rìzze, (la), s.f.
rugiada
: acquäre, acquàre (la), s.f.
rumore
: rumuàre, (lu), s.m.
ruota
: réute, (la), s.f.
ruota; barra per chiudere la porta: vuddarèlle, (lu), s.m.
ruota del paranco: ráule, (lu), s.m.
russare: fruscié, v.
ruta, pianta perenne a fusti ramificati della famiglia delle rutacee: rîute, (la), s.f.
rutto: rubbíffe, ribbîffe, (lu), s.m.
ruvidezza molto accentuata, ruvido, scabro
: raspànde, raspáuse, agg.
ruvido, scabro, ruvidezza molto accentuata: raspànde, raspáuse, agg.