Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Vocabolario italiano-vastese: Q
 
A
B
C
D
E
F
G
H
I
L
M
N
O
P
R
S
T
U
V
Z

qua: a écche, aècche, dîcchece, avv.
quaderno
: quadèrne, (lu), s.m., pl. li quadirne
quadrare
: quadrá, v.
quadratoni, triangolini, tacconelle, di pasta fatta a mano, per lo più di forma quadrata o rettangolare per minestre: taccunèlle,
taccung
ìlle, (la), s.f., pl. li taccunèlle

quadrivio; crocicchio: capecráuce, (lu), s.m.
quadro
: quàdre, (lu), s.m.
quaglia
: quàjje, quaire, (la), s.f., pl. li quaire 
quagliare
, stivare, riempire: quajjá, v. /
riempire: 'mbié, arimbié, arehimbië, v. / riempire l'ordito: attramá, v.
qualche: càcche, agg., pron. ind. m.f.
qualche giorno... non si trova in nessun calendario: càcche jjurne... nin  żi trove a nisciùne calendârie / qualche giorno ti vengo o vieni a trovarmi: càcche jjurne ti vinghe o vimm a truhuä / ... organizziamo una mangiata insieme: ... urganizzàme 'na magnäte (poi nella maggior parte dei casi non se ne fa niente o quanto meno si aspetta che si muova l'altro; è un modo di dire che fa rimanere tutto nel vago e di scarso interesse)
qualcheduno, qualcuno: cacchedîune, pron. ind.
qualcosa
: cacchése o cacchéuse, pron. /
riferito a qualcosa di gradevole o a persona elegante: scècche, agg. / un poco di qualcosa: 'na 'ndècchie, s.f. / un qualcosa, lembo, trottola: tarèjje, (lu ), s.m.
qualcuno/a, qualcheduno: cacchedîune, pron. ind.
qual'è il tuo cognome?: a gnà t'arimètte?
qual'è il tuo soprannome?: a gnà ti l'ome dècene?
quale (il): chi, che, pron. / chi: chi, pron. rel. /
chi
?, che cosa?: chi / chi vai cercando?: chi ví truvuanne?
qualità, valore di una cosa: qualetà, (la), s.f.
qualsiasi, qualunque, chiunque, ovunque, dovunque: dunghe, ant., s.m. inv./avv / qualsiasi cosa vuoi: dunghe che vvu' / qualunque cosa sia, chiunque sia: dungh' ecchi jjé / ovunque, dovunque: dungh' a nda'
qualsiasi cosa: cciò chid'é?
qualunque: qualùngue, pron.
qualunque
, chiunque, ovunque, dovunque, qualsiasi: dunghe, ant., s.m. inv./avv / qualunque cosa sia, chiunque sia: dungh' ecchi jjé / ovunque, dovunque: dungh' a nda' / qualsiasi cosa vuoi: dunghe che vvu'
quando, quanto: quànne, cànde, agg. / avv.
quanta roba può essereci in una mano: vrànghe, (la), s.f.
quantità di cibo contenuta in 1 padella: fissurànne, (la), s.f.
quantità di cibo che si può prendere con la forchetta: friccinànne, (la), s.f.
quantita di cibo presa col ramaiolo o mestolo: cuppinànne, (la), s.f.
quantità di cibo (cospicua) o di altro; cosa complessa: macciòcche, (lu), s.m.
quantità di materiale comresso; palla di neve: majòcche, (lu), s.m.
quantità di roba
che può essere contenuta fra la gola e la cintola: pittiráte, (la), s.f.
quantità di roba
che può contenere un grembiule accoccato: 'nzináte, (la), s.f.
quantità di roba contenuta in un involto: mappàte, (la), s.f.
quantita di roba presa dalla mano
, ciò che si prende con una mano (manciata), brancata di roba: vrancáte, vrangáte,
vrànghe, vrànghelë, (la), s.f. / una manciata di fave: 'na vrancáte di fäve
quantità di olive o grano da macinare in una sola volta: macinànne, (la), s.f.
quantità di pasta ristretta nelle 5 dita: mappelànne, fèzze, (la), s.f.
quantità di un qualcosa, in genere per i cibi: misurànne o mesurànne, (la), s.f.
quantità di un peso
: pisatîure, (la), s.f.
quantità
(massima) di paglia trattenuta dal forcone: furcànne, (la), s.f.
quantità (una gran), numero, vale molta roba: fréche, avv.
quanto, quando: quànne, cànde, agg./avv.
quarajène
: alga corallina, (la), s.f.
quaranta: quarànde, agg. num.
Quaresima: Quaràseme, (la), s.f.

quarta parte di un chilo, peso fortemente inviso ai pescivendoli: quartànne, ('na)
quartiere
, rione: riáune, (lu), s.m., pl. li riîne
quartierino
di abitazione: quartëine, (lu), s.m. / quartina: quartëine, (la), s.f.
quartina
: quartëine, (la), s.f. / quartierino di abitazione: quartëine, (lu), s.m.
quarto
: quorte, agg. num. ord. / quarto (fase lunare); broncio: quàrte, (lu), s.m.
quasi: quäse, avv. / quasi; circa; più o meno: 'chiapp'e n'acchiàppe, loc. avv. / una salma di terra, più o meno: 'na sòme di tèrre, 'chiapp'e n'acchiàppe
quassù
: ngóppe, avv.
quaterna del lotto
: quarandòne, quatérne, (la), s.f.
quatto quatto
(camminare), muro muro: mîure a mîure, loc. avv.
quattrino
, soldo: quatrëine, (lu), s.m., pl. li
quatrëine; sódde, (lu), s.m., pl. li sódde
quattrocchi o razza occhiuta, razza, razza bavosa, razza bianca: quattrùcchie, baràchele, barràchele, bbaràcchele, bbaràchele, (la), s.f., (lu), s.m., rášce, rášce di féure, (la), s.f., pl. li rášce / razza monaca: vijilétte, (la), s.f. / razza piccola adoperata nel brodetto di pesce: frignitèlle, (lu), s.m.; 'cchialèine, ucchialëine, (l'), s.m. / anche quattrocchi o razza occhiuta, macchia: quattrùcchie, (lu), s.m
quell'altro/a: chill'àddre, pron.
quella: chila, pron.
quella
, quella lì, colei: ssa, agg dim.; chillì, pr. dim.
quella
-o,
ciò: quálle, pr. dim. neutro / quella, quella lì: ssa, agg dim.; chillì, pr. dim. 
quella lì
, quella: ssa, agg dim.; chillì, pr. dim. / quella-o,
ciò: quálle, pr. dim. neutro
quelle
-i: ssi, agg dim. pl.; chëlle, pr. dim. pl.
quelli
-e: ssi, agg dim. pl.; chëlle, pr. dim. pl.
quello
: ssu, agg dim.; cullî, cullû, pr. dim. / quello-a, ciò: quàlle, pr. dim. neutro / quello là: quell'ahèlle, pron.
quello-a, ciò: quàlle, pr. dim. neutro / quello là: quell'ahèlle, pron. / quello: ssu, agg dim.; cullî, pr. dim. / quello: chilu, pron.
quello là: quell'ahèlle, pron. / quello-a, ciò: quàlle, pr. dim. neutro / quello: ssu, agg dim.; cullî, pr. dim.
quercia
; questua: cèrche, (la), s.f.
quercia cava
per vecchiaia o per patologia: cupajáune, (lu), s.m.
querciolo
: circátte, (la), s.f. / querciolo:
cirràcchie, (lu), s.m.
querela
: curéle, (la), s.f.
querula, di persona lamentosa, brontolone: picciáuse, (lu), s.m.
questa
: šta, agg dim.; quáste, chistí, pr. dim. /
questa-o: quáste, pr. dim. neutro / quest'altro/a: chiss'àddre, pron.
questa-o: quáste, pr. dim. neutro / quest'altro/a: chiss'àddre, pron. / questa: šta, agg dim.; quáste, chistí, pr. dim.
questa mattina, stamattina: štamatëine, maddimàne, maddemàne, avv.
questa sera, stasera: massàire, avv.
queste
-i: šti, agg dim. pl.; chëste, pr. dim. pl.
questi
-e: šti, agg dim. pl.; pl. chëste, pr. dim.
questionare, litigare: cuštunijé, v.
quest'anno, in quest'anno:  ahuànne, avv.
questo
: štu, agg dim.; quáste, custî, pr. dim. /
questo/a: quáste, pr. dim. neutro
questo/
a: quáste, pr. dim. neutro / questo: štu, agg dim.; quáste, custî, pr. dim.
questo e altro
: quess' e addre, agg./pron
questo qua
: quess'ahècche, pron.
questo qua, costui: cuštù, pron.
questo qui
: quess' ahèsse, pron.
questua; quercia: cèrche, (la), s.f.
qui, costì, costà: a ésse, dîssete, avv.
qui intorno: andùrne a écche, avv.
qui vicino, per di qua: pi' ècche, loc. avv.
quieto, tranquillo: cujéte, quiéte, agg. / tranquillo, calmo: paciáuse, agg. / calmo: cálme, agg.
quindici
: quénece o
quìnice, agg. num. card.
15 agosto, ferragosto: fferrahàšte, (lu), s.m.
quintale
: cundàle
, (lu), s.m.
Quintino: Quindëine, n.p.p.
quinto: quènte, quènde, agg. num. ord.
Quinzio
: Quìnzie, n.p.p.
Quirino
: Quirëine, n.p.p.