Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Vocabolario italiano-vastese: P
 
A
B
C
D
E
F
G
H
I
L
M
N
O
Q
R
S
T
U
V
Z

pacco; involto: paccòtte, (lu), s.m.
Pacifico
: Pacëfeche, n.p.p.
padella per degenti; pala: pàle, (la), s.f.
padella
in ferro per fritture di alimenti; padella, in genere: fissáure, (la), s.f., pl. li fissàure, sartáscene (raro)
padella, coppa, tegame con coperchio per cuocere sotto la brace del camino la focaccia di granoturco o altro: còppe, (la), s.f.
padella di ferro bucherellata
per tostare fave, ceci, castagne: fissáure cavutéte, (la), s.f.
padellina
: fissarèlle, fisserèlle, (la), s.f.
padre, papà: pàtre, papá, tàte, ant., (lu), s.m. /
mio padre: pèteme, pètime / tuo padre: pètte
padre (mio): pèteme, pètime / padre (tuo): pètte / padre, papà: pàtre, papá, tàte, ant., (lu), s.m.
padre (tuo): pètte / padre (mio): pèteme, pètime / padre, papà: pàtre, papá, tàte, ant., (lu), s.m.
Padre Celeste
: Pàtre / nel nome del Padre: nómmene Pàtre
padrone: patràne, (lu), s.m.
paesana (canzone): paisanèlle, (la), s.f.
paesano
: pajsáne, (lu), s.m.
paese
: paháise, (lu), s.m.
paese immaginario
, per dire di luogo molto lontano: Cifricònie (la), s.f. / vatténe a la Cifricònie
paffuto, tipaccio: baffáune, (lu), s.m.
paga
, salario: pàche o pàghe, (la), sf.
paga e ritira la merce, insieme: trùsce e mùsce, loc. avv.
pagamento; obbligazione: pahamènde, (lu), s.m.
pagare
: pahá, v.
pagello, varietà di grosso pesce simile al fragolino: ucchiàle, (l'), s.m. / fragolino, nome generico delle varietà del pagello: frahulëine, (lu), s.m. / varietà di pagello: luccitèlle, (lu), s.m.
/ pagello pezzogna, varietà di pesce: cchiàle, (lu), s.m.

pagello pezzogna, varietà di pesce: cchiàle, (lu), s.m. / pagello, varietà di grosso pesce simile al fragolino: ucchiàle, (l'), s.m. / fragolino, nome generico delle varietà del pagello:
frahulëine, (lu), s.m. / varietà di pagello: luccitèlle, (lu), s.m.
pagina
, recto e verso: pàggene, (la), sf.
paglia
: pàjje, pâje, (la), s.f. / tienilo per te, non raccontarlo: pìsci a la pàjje
paglia della mangiatoia: paiìcce, (la), s.f.
pagliaccio
: pajjàcce, (lu), s.m.
paglia o covoni (mucchio di): bèche, (la), s.f.
paglia (lo strame di) nelle stalle: appajjámènde, (l'), s.f.
pagliaio
: pajjàre, pajàre, puaiàre, (lu), s.m., pl. li paiére
pagliericcio, paglione, saccone: pajarécce, (lu), s.m. / saccone (materasso) imbottito di foglie secche di granturco/mais: saccáune, (lu), s.m., pl. li sacchîune; materasso: muatarazze, (lu), s.m., pl. li matarêzze
pagliolo
, il tavolato mobile sul fondo della barca: pajéule, (lu), s.m.
pagliolo
, pavimento in legno della barca: pajuláte, (lu), s.m.
paglione, pagliericcio, saccone: pajarécce, (lu), s.m. / saccone (materasso) imbottito di foglie secche di granturco/mais: saccáune, (lu), s.m., pl. li sacchîune; materasso: muatarazze, (lu), s.m., pl. li matarêzze
pagnotta: pagnótte, (la), sf.
pagnotta di pane
:
puànille, (lu), s.m.
pagnotta (estremità di una) o di filone di pane: culàlle
, (lu), s.m.
pagnotta (grossa) di pane: panèlle, (lu), s.m.
paia o paio: pàre, puàre, (lu), s.m. / un paio di scarpe: 'nu puàre di scarpe
paio o paia: pàre, puàre, (lu), s.m. / un paio di scarpe: 'nu puàre di scarpe
paioletto
, piccolo vaso di terracotta per riporvi l'olio: cucumìlle, (lu), s.m.
paiolino, secchio: tràgne, truagne, (lu), s.m., pl. li trêgne; callarèlle, (la), s.f., pl. li callarèlle, si usa anche per indicare il secchio usato dai muratori
paiolo, pentola, pentolaccia: caccavèlle, (la), s.f. / paiolo: cuttuêure, (lu), s.m., pl. li chittihure
paiolo grande - piccolo, tegame da cucina: lapì, lapìe, lapìjje, quallàre, (lu), s.m. / caldaia per bollire il mosto: calläre, callàre, (la), s.f., pl. li callare
paiolo piccolo: cutturuille, ((lu), s.m. pl. li cutturuille /
callarìlle, (lu), s.m.
paiolo
(piccolo) per lo più di rame: pajulàlle, (la), s.f.
paiolo piccolo con tre piedi e con manico lungo: puzzinêtte, puzzinátte, (lu), s.m., pl. li pizzinette
pala
; padella per degenti: pàle, (la), s.f.
palafitta in mare con rete a bilanciere
(
piattaforma di legno, munita di una larga rete, per la pesca costiera), trabocco o trabucco: trabbàcche , (lu), s.m.
palamite
, pesce azzurro marino, sarda sarda: palájje, (lu), s.m. / sarda, varieta di pesce azzurro: sàrde o sardèlle, (la), s.f. / sarda o cheppia, salacca, pesce azzurro, conservate sotto sale o affumicate: cchiáppe, saràche, (la), s.f. / pesce càntaro, tanuda, pesce dei girellidi: sàraca bbastàrde, canarèlle, (la), s.f. / sardinella aurita, alaccia, varietà di sardina, pesce azzurro: sardellëine, (lu), s.m.
palancole, travi in legno usate come scivoli per mettere in mare o per trarre a secco le paranze, attrezzo per sollevare pesi: parànghe, (la), s.f.
palancola
, trave in legno usato come scivolo per mettere in mare o per trarre a secco le paranze: parànghe, (la), s.f.
palata
di terra o altro: palànne, (la), s.f.
palate (a): a túmmule, loc. avv. (uso contadino)
palchetto di prua
: bbanguàtte, (lu), s.m.
palco
: pàleche, (lu), s.m.
palese
: baláise, ('m), avv.
paletta
per il fuoco, per rimuovere la brace: palêlle, palàlle, (la), s.f., pl. li palêlle
paletta con manico lungo per pulire il vomere durante l'aratura: ralle, (la), s.f., pl. li ralle
paletta piccola per pulire la zappa durante il lavoro; tavola di legno per lavare il bucato; beccastrino; ferro per pulire le carpe: šdirràzze, (la), s.f., pl. li šdirràzze
paletto di rinforzo alla porta:
pualátte, (lu), s.m.
palla di neve, quantità di materiale comresso: majòcche, (lu), s.m. / colpo causato da una palla di neve: majuccànne, (la), s.f. / palla di neve: tuppáune, (lu), s.m.
pallido, persona dall'aspetto emaciato: cciarëite, acciarëite, agg.
pallido (molto), (colore del volto), cereo anche grano non maturo: cirògnele, agg.
pallini da caccia per caprioli: capríuzze, (li), pl.
pallone: pallàune, (lu), s.m.; pl. li pallîne, li pallîune
palma: palme, (la), s.f.
palmo (circa un): palmànne, (la), s.f.
palmo; antica misura lineare (circa 26 cm): pàlme, (lu), s.m.
palmo della mano: pälme, (lu), s.m.
palo della bica; del pagliaio; stollo: felàgne, (lu), s.m. / stollo; palo in legno; antenna del pagliaio: furcòne, (lu), s.m.
palo che sostiene alla estremità il tirante del traocco: pale di féure, (lu), s.m.
palo in legno; stollo; antenna del pagliaio: furcòne, (lu), s.m. / palo della bica; del pagliaio; stollo: felàgne, (lu), s.m.
palombaro: palumbàre, (lu), s.m.
palombo, gattuccio di mare: caccinèlle di mare, (lu), s.m. / palombo: paláumme, (lu), s.m.
/ squalo azzurro o verdesca: pandadènde, (lu), s.m. / verdesca: virdàšche, (la), s.f. / varietà di palombo, canesca: paccavà, tummarèlle, (lu), s.m.
palpare, toccare, tastare:
tindilijé, attindá, taštijé, v. / tastare il polso: attindá lu pàlse o pàzze / misurare: attindá, v. / misurare la febbre: pruvá la fréve o févre, v. / palpare, perquisire: arimascigné, v.
palpata: manîáte, (la), s.f.
palpebre
: còppe, (li), pl.
pampano,
pàmpino, foglia della vite: pámpene, (la), s.f./pémpele, (lu), s.m. / foglie e rami secchi, seccume di foglie: pambùje, bambîjje, (la), s.f.
pàmpino, pampano, foglia della vite: pémpele
, (lu), s.m. /pámpene, (la), s.f. / foglie e rami secchi, seccume di foglie: pambùje, bambîjje, (la), s.f.
panbagnato
con sale, origano, e olio e anche aglio: accasàle, acquasàle, (l'), s.f.
panca (piccola) per appoggiare i cibi: bangátte, (la), s.f.
panchetto, sedile rustico per una sola persona, a quattro piedi: prèdela, (la), s.f. / panchetto a tre piedi: prèdele, (la), s.f.
panchetto di venditori ambulanti: bangarélle, (la), s.f.
pancia
: pànze, (la), s.f., pl. li pànze
pancia a terra
(a), chinato verso terra
: a panzandèrre, loc. avv.
panciera: panzìre, (la), s.f.
paniere di pesce
appena pescato dato come pagamento dai pescatori, ant., anche, insieme di pesci per brodetto o frittura, raccolti su di un minuscolo paniere: šcaffàtte, (la), s.f.
panciotto; corpetto: ggilé, (lu), s.m.
pane: päne, puäne, puáne, pane, (lu), s.m. / una pagnotta di pane: nu puanille di päne
pane bagnato o inzuppato: puáne 'mbîsse, (lu), s.m. / pane bagnato condito con olio e pomodoro: candièlle, (la), s.f.
pane benedetto: panettèlle, (lu), s.m.
pane cotto in acqua o pappa formata da pane insaporita con aromi, cotta in acqua: pane côtte, panecótte, (lu), s.m.
pane (di) fatto in casa, di casa: casaràcce, agg.
pane grattugiato (ottenere del): panicá, v.
pane indurito, terreno isterilito: aringucchiuláte, agg.
pane unto e pomodoro
: pane ánde e pammadéure, (lu), s.m.
pane
(fetta di) abbrustolita: bruscátte, (la), s.f.
pane messo nel forno prima della lievitazione: avvisciláte, agg.
pane non sufficientemente lievitato e poco cotto: arivávete, agg.
panettiere, fornaio: panittìre, furnàre, (lu), s.m., pl. li panittìre, li furnère
Panfilo
: Panfile, n.p.p., dim. Pambilìcce, Pambilùcce, Pampilùcce
pani (piccoli) abbrustoliti anche schiaffo, ceffone, manrovescio: frisèlle, (la), s.f.
panico; timore improvviso: páneche, (lu), s.m.
panico (essere nel), nella paura: 'm bbàneche, loc.
panieraio: caništràre, (lu), s.m.
paniere
, cesto:
ciàšte, (la), s.f.
paniere
, cesto, cesto di vimini per portare il pesce: panàre
, (lu), s.m.
paniere; canestro; cesto di canne fatto a mano: canaštre, quanâstre, (lu), s.m., pl. li canêstre
paniere (piccolo) di paglia: pajulèlle, (lu), s.m.
paniere di pesce
appena pescato dato come pagamento ai pescatori: šcaffàtte, (la), s.f.
panierino, cestino: panarèlle, (lu), s.m.
panierino di ginestra per farci il cacio
: fruscèlle, (la), s.f.
panni, biancheria: pänne, (li), pl.
panno, pezza, pezzo di stoffa, tessuto, fondello dei pantaloni: pèzze, (la), s.f., pl. li pèzze / ha i pantaloni rattoppati, rappezzati: te' li pèzze a lu quîule / persona di bell'aspetto: pèzze, lu/(la), s.f.m. - un bel tocco di donna: 'na pèzze di fàmmene / sedere, culo: chîule, quîule, (lu), s.m., pl. li chîle
panno coprirete
, coprimaterasso: lémete, (lu), s.m.
panno per avvolgere il corpo, per lo più le parti intime: fasciatáure, (lu), s.m.
panno (specie di) di cotone o di lana: fuštàgne, (lu), s.m.
panno steso sulla pasta per aiutare la lievitazione: bangàle, (lu), s.m.
panno usato dai contadini per mantelli
: cirrëite, (lu), s.m.
pannolino, fascia per neonati: fàsce, (la), s.f.
pannocchia di mais, spiga di granoturco: marròcche, (la), s.f. / granoturco, mais: hrandënije, grandëine, (la), s.f. / granoturco, mais: granáune, (lu), s.m.
panocchia o canocchia o cicala di mare o cicala: panôcchie o cicále, (la),  s.f., pl. (li); dim. cechelàlle, cichilàlle, la panucchiuàlle, (la), s.f. (la),  s.f.
pantalone
, calzone: cažžàune, (lu), s.m., pl. li cazzîne
pantalone
(piccolo) per bambini: cazzunàtte, (lu), s.m., pl. li cazzunétte
pantaloni alla zuava: zuarre (a la)
pantano, pozza: pandàne, (lu), s.m.
Paola
: Paola, n.p.p.
Paolino
: Paulëine, n.p.p.
Paolo
: Pàvele, n.p.p., dim. Paulîcce, Paulùcce, Pavelîcce
papa
, pontefice: puàpe, (lu), s.m.
papà, padre: papá, pàtre, tàte, ant., (lu), s.m. /
mio padre: pèteme, pètime / tuo padre: pètte
papavero
: papuàmbere, (lu), s.m.
papavero selvatico, rosolaccio, erba per foraggio: panaràzze, (la), s.f.; papámbele, (lu), s.m.
papera, anitra: pàpere, (la), s.f., pl. li pàpere
papera
, oca: puaparàune, (lu), s.m., pl. li paparihune / piccola papera: paparêlle, (la), s.f., pl. li paparêlle / stellaris media, centonchio, erba spontanea: paparèlle, (la), s.f. / martin pescatore anche pulcino della papera: paparèlle, (lu), s.m.
papera selvatica: pàpere salvàteche, (la), s.f.
pappa formata da pane insaporita con aromi, cotta in acqua: panecótte, (lu), s.m.
pappagallo anche recipiente per urinare da parte dei maschi usato sia in ospedali e cliniche che in case private: pappahàlle, (lu), s.m., pl. li pappahêlle
pappardelle; lasagne: pacchjarózze, (li), pl.
pappatoia anche corruttela amministrativa: pappatòrie, (la), s.f.
pappone, ruffiano, prosseneta, mediatore, sensale, in senso spregiativo anche
ricottaro: recuttàre, (lu), s.m.
paracarro: paracàrre, scanzatáure, (lu), s.m.
paraculo (scaltro): paraquîule, (lu), s.m. /
furbo, astuto, scaltro: fìrbe, agg. / furbo, sveglio, intelligente: cillëine, agg. / furbacchione, persona vivace: rócile, (lu), s.m. / tipo furbo e vivace: rottaluquîule, (lu), s.m. / scaltro, accorto, anche esperto, istruito, saccente: saputìlle, (lu), s.m.
paradiso
: paradëse, (lu), s.m. / in paradiso: 'n baradëse / purgatorio: purgatorie o prigadorie, (lu), s.m. / in purgatorio anche modo di cuocere i polipi: 'mbrihadòrie / inferno
anche olio di scarto del frantoio: 'mbèrne, (lu), s.m.
paralizzare, infreddolire: tarmá, v.
paralizzato, di persona afflitta da paralisi,
ridotto all'inattività, bloccato: paralizzàte, agg.
paralizzarsi, impietrire: 'mpitré, v.
paramezzale
, trave longitudinale della barca, di rinforzo allo scafo: paramezzèle, (lu), s.m.
paramilitari
fasciste: balèlle, (lu), s.m. / automobile degli anni '30: balèlle, (la), s.f.
paranza, barca da pesca dalla lunghezza di una ventina di metri e con un solo albero a vela latina o di altra conformazione: parànze, (la), s.f.
parassita del grano e dell'orzo; carbonella;
volpe
: carivunèlle, (la), s.f. / carbonella: carvunèlle, (la), s.f.
parassita delle fave, persona di poco conto anche mangiatore di fave: magnafàfe, (lu), s.m.
paratìa: paráite, (la), s.f.
parecchio, molto, in abbondanza: naquàlle, pl. naquille, avv./agg.

pareggiare: apparijjé, v. / pareggiare i bordi di una stoffa, pareggiare il terreno, imparentare: apparindá, v. / imparentare di nuovo: aripparindá, v. / pareggiare il terreno o rendere uniforme una coltura agricola: raselá, v. / pareggiare l'intonaco: guazzá, v. / pareggiare un rialzo di terra: ariscavallá, v.
pareggio senza vinti e vincitori anche conclusione di un gioco o ratifica di un accordo: pareppàtte, loc.
parente: parènde, (lu), s.m., pl. li parínde
parentela: parindîre, (la), s.f.
parentela
ma con significato discutibile: parindàzze, (la), s.f.
parere o voce unanime: dicènde, loc.
paretaio; rete per la cattura di uccelli: cruciujéte, (la), s.f.
parete divisoria, tramezzo: tramèzze, (lu), s.m.
pari: pàtte, agg.
pari e dispari
: par' e spàre, avv.
pariglia, coppia: càcchie, (la), s.f. / una coppia di scansafatiche, di mascalzoni: 'na càcchie di uajmùrte
pariglia, coppia: paréjje, (la), s.f.
parla a casaccio: parl’ a cindináre, loc. avv. / centinaio: cindináre
, (lu), s.m.
parla poco: fà lu hallinàcce
parlare continuamente a voce alta, con intenzione maligna e in tono provocatorio, a carico di qualcuno senza riserve mentali e sottintesi, cianciare, ciarlare, cicalare, pettegolare: abbaccillá, v, ant.
parlare nascostamente: traschjijé, v.
parlata, dialetto, vernacolo: parlatîure, (la), s.f.
parlata gergale dei muraori: maledàšche, (lu), s.m.
parliamo vastese: parlàm’ a la uaštaréle
parola
: paréule, (la), s.f. / parola, favella, loquela: favèlle, (la), s.f. / oggi non parli?: 'ndi favèlle ùgge?
parola giusta (allorché non viene alla bocca la), coso: comasaddummànne / come si chiama, coso: comasichiàme
parte, luogo, posto, zona, sito anche vanno, voce del verbo andare: vânne, (la), s.f./v.; da questa parte: da sta vânne /
una parte di qualcosa: tòcchele, (lu), s.m.; 'nu tòcchele di pane: un pezzo di pane / parte intima femminile, vagina: ciavòtte, (la), s.f.; parti intime della donna; natura: natûre, (la), s.f.; parte intima femminile, vagina anche ciocia, zampitto, chiochiera, calzatura tradizionale dell'Italia centro meridionale: còcche, (la), s.f. / parte posteriore del collo, nuca, cervice: nucèlle, cuduàlle, (la), s.f., pl. li nucèlle/cuduèlle / parte soprastante del finimento a forma di sella: sullungiuille, (lu), s.m., pl. li sillingille
partita (a carte, a calcio, ecc.): partéte, (la), s.f.
partita persa ai punti riferita al giocatore soccombente: batìffe, (lu), s.m.
partito politico anche posizione, di chi sta bene o male: partëite, (lu), s.m.
parto: fijánne, (la), s.f.
parure; gioielli: fînimènde, (li), pl.
pascolare: pasce, v.
Pasqua: Pàsche, (la), s.f.
Pasquale: Pasquale, Pasquà, n.p.p., dim. Pasqualëine, Pasqualicce, Pasqualine, Pasqualucce
passare con il punto in mano, mossa astuta del giocatore di carte: catalàgne, agg.
passatella, gioco di carte che ha come fine il vino, birra, spuma o altro da far bere o da non far bere: passatelle, (la), s.f.
passato, scaduto, trattenuto, stantio, di cibo alterato: arisidîte, arisidîute, agg.
passeggiare
: passié, v.
passeggiata fuori porta: scambagnàte, (la), s.f.
passera pianuzza simile alla sogliola: munachèlle, (la), s.f.
passeraceo, averla, specie di uccello: cràšte, (la), s.f. / l'hanno massacrato di botte: l'ànne abbuttáte 'gne 'na cràšte, fig.
passeraceo
che si arrampica lungo i tronchi degli ulivi: rruancapitidileve, (lu), s.m., pl. li rruancapitidileve
passeriforme (piccolo) lungo appena 17 cm.; cutrettola: codedizénzere, (la), s.f.
passero, passerotto: passarìlle, (lu), s.m., pl. li passarille
passerotto
, passero: passarìlle, (lu), s.m., pl. li passarille
passo (lunghezza del): scàsse
, (lu), s.m.
pasta
: paste, (la), s.f. / pasta ottenuta umettando la farina della madia: frascarìlle, (li), pl. / pasta fatta in casa: sàgne, (lu), s.m, si usa al plurale li sàgne; li sàgn' appezzáte / pasta non lievitata: abbunusciálle, agg.
pasta corta, maccherone: maccaráune, (lu), s.m., pl. li maccarîune
pasta (di) non cotta: ngòtte, agg.
pasta casareccia (tipo di): taccáune, (lu), s.m.
pasta fatta a mano, per lo più di forma quadrata o rettangolare per minestre, tacconelle, quadratoni, triangolini: taccunèlle,
taccun
gìlle, (la), s.f., pl. li taccunèlle

pasta
(varietà di): gnucchîune, gnucchulétte, (li), pl.
pasta finissima, cappellini: fidilëine, (li), pl.
pasticca; pillola; compressa: pallátte, (la), s.f.
pasticcino in genere; cannolo: bicchinótte, (lu), s.m.
pasticcio, faccenda mal condotta, imbroglio: paštécce, (lu), s.m. / imbroglio, raggiro: 'mbrùjje, (lu), s.m.
pastina anche dolci in generale: paštarèlle, (la), s.f.
pastinaca, trigone spinoso, varietà di pesce della famiglia dasiatidi a forma di rombo con aculeo caudato velenoso: chjámeche, hùrchije, (la), s.f., úrchie, (l'), s.m. / trigone viola, mollusco dal nicchio fusiforme: chiamechèlle, (la), s.f.
pasto, mangiata: magnáte, (la), s.f.
pasto, desinare, in senso spregiativo: štrùzze, (lu), s.m. / pastone del maiale anche cibo in senso spregiativo: tréute, (lu), s.m.
pasto di operai e contadini
, mappatella, merenda, colazione: stuzzatte, (la), s.f.
pasto luculliano, anche bisboccia, baldoria: ciambòtte, (lu), s.m. / persona che fa assiduamente...: ciambuttàre, (lu), s.m.
pastoia: pastáure, (la), s.f.
pastone del maiale: vruvàre, (lu), s.m. /
pastone del maiale anche cibo in senso spregiativo: tréute, (lu), s.m. / pasto, desinare, in senso spregiativo: štrùzze, (lu), s.m.
pastore, pecoraio: pucuràre, pichiràle, s.m., pl. li pichiréle
pastore che produce formaggio: cascîre, (lu), s.m.
pastrano piuttosto pesante, cappotto: paštràne, (lu), s.m. / cappotto: pualettó, (lu), s.m. /
cappotto anche mancanza di punti nel gioco delle carte: cappòtte, (lu), s.m. / relativo a cappotto di finta pelliccia: cicišquí, agg.
patata
: patáne, (la), s.f., pl. li patáne
patate (le) sotto la coppa: li patàne a la còppe
patella, conchiglia univalve, attaccata agli scogli: lampadène, (la), s.f.
paternostro: patrennòštre, (lu, s.m.
patimenti, sofferenze: patimìnde, li pl.
patito per il lotto
; studioso di cabala: habbalèšte, (lu), s.m.
patologia o malattia non esplicita a grado diagnostico, malore, convulsione: discìnze, (la), s.f.
patrigno
: puatrèjje, puàtrëgne, (lu), s.m., pl. li patrëgne
Patrizia
: Patrëzie, n.p.p.
patta, marra, estremità di un uncino: máurre, (lu), s.m.
patteggiare, accordarsi: pattijé, v.
patto: puâtte, (lu), s.m. / patto, accordo: pàtte, (lu, s.m.
pattuglia: bbattîjje, (la), s.f.
paura, timore: caccavàcce, (la), s.f. / paura: pahîure, (la), s.f.
paura (essere nella), nel panico: 'm bbàneche, loc.
pauroso
, vile: vèile, agg. / pauroso: mirdàse, agg. / pauroso, cacone: cacaráune, (lu), s.m.
pauroso, timoroso: pahuráuse, agg.
pavimento
: puavimênte, puavimènde, pavimènde, (lu), s.m., pl. li pavimìnte
pavone: puaváune, paváune, (lu), s.m.
pazienza: pacìnze, (la), sf.
pazzia
, mattità, mattata: mattità, (la), s.f.
peccato
: piccàte, puccàte, (lu), s.m.
pece
: pàice, (la), s.f.
pecora
anche riferito a chi ha preso una grossa sbornia: pèchêre, (la), s.f., pl. li pèchire / una sbornia: na pèchere
pecora (il piccolo della), capra o vacca ; si usa anche nell'accezione di cornuto: ciavàrre, (lu), s.m. / di agnello giovane: ciavàrre, agg.
pecora piuttosto vecchia: camàrde, (la), s.f.
pecora (riferito a) dal vello scuro: carfàgne, agg.
pecora solitaria
: pèchere sularèna, (la), s.f.
pecora sterile (di): lenuóra, agg.
pecoraio, pastore: pucuràre, pichiràle, (lu), s.m., pl. li pichiréle
pecorina (alla), a somiglianza di pecora, anche con significato osceno: a la picurène, loc. avv.
pedalare
: pidalá, v.
pedata
, orma: pidáte, (la), s.f.
peggio
: pègge, avv. / il peggio: ppuègge, (lu), s.m.
pegno: pàgne, puàgne, (lu), s.m.
pelare, scottare: 'nghéucë, v. / scottare, spennare: pilá, v.
pelle, epidermide: pèlle, (la), s.f. / ma un brivido sulla pelle: 'nu ricce di carne

pelle, vita, corpo, cuoio: cùrie, (lu), s.m.
pelle
d'asino o di daino conciata: addànde, (lu), s.m.
pelle di vacca giovane per calzature: vaccàtte, (la), s.f.
pellegrino: pilligrène
, (lu), s.m.
pelli (il miglior pezzo delle) in mostra: capemàzze, (lu), s.m.
pelli (insieme di): pellàme, (lu), s.m.
pellicola cinematografica
, film: pilléchele, (la), s.f.
pelo
: pàile, (lu), s.m.
pelo (a), al limite: 'n gile, avv. / a pelo d'acqua: 'ngile d'àcche
pelo bianco sulla bocca di alcuni cavalli, anche abbeveratoio: abbuvuratáure, (lu), s.m.
pena, sconforto, dolore: pàine, (la), s.f. /
pena anche spina: trébele, (lu), s.m.
penare, soffrire: pená, v. / lamentarsi, soffrire: gramá, v. / lamentarsi: lamendá, v. / lagnarsi: lagná, v.
pendere, spesso riferito a oggetto che pende da un lato: pènnë, v.
pendio d'inizio di un poggio, di una collina, di area contadina: petecàgne, pidicàgne, (la), s.f.
pendolino, pisellino: pinnilîcce, (lu), s.m.
pene infantile anche parte della serratura e anche uccelletto, baco dei legumi secchi, specie di cimice, insetto dannoso all'agricoltura
: cillátte, (lu), s.m., pl. li cillètte
penna
: pànne, (la), s.f., pl. li pànne
penna della vela latina
: vendàme, (lu), s.m.
pennacchio in genere compreso quello del granotuco: pennàcchie, (lu), s.m.
pennello
: punnêlle, pinnèlle, (lu), s.m.,pl. li pinnìlle / pennello piccolo: punnillicce, (lu), s.m., pl. li pinnillîcce / pennello dei falegnami, imbianchini, muratori: pennellàsse, (la), s.f. / pennello per calafatare: radózze, (lu), s.m.
pennello dei falegnami, imbianchini, muratori: pennellàsse, (la), s.f. / pennello: punnêlle, pinnèlle, (lu), s.m.,pl. li pinnìlle / pennello piccolo: punnillicce, (lu), s.m., pl. li pinnillîcce / pennello per calafatare: radózze, (lu), s.m.
pennello per calafatare: radózze, (lu), s.m. /
pennello: punnêlle, pinnèlle, (lu), s.m.,pl. li pinnìlle / pennello piccolo: punnillicce, (lu), s.m., pl. li pinnillîcce / pennello dei falegnami, imbianchini, muratori: pennellàsse, (la), s.f.
pennello piccolo: punnillice, (lu), s.m., pl. li pinnillicce / pennello: punnêlle, pinnèlle, (lu), s.m.,pl. li pinnìlle / pennello dei falegnami, imbianchini, muratori: pennellàsse, (la), s.f. / pennello per calafatare: radózze, (lu), s.m.
pennone: punnáune, (lu), s.m.
pensare: pinzá, v.
pensata, riflessione: pinzàte, (la), s.f.
pensiero
: pinzire, punzìre, (lu), s.m., pl. li pinzìre
pensiero ossessivo: fissaziáune, (la), s.f.
pensile, ripiano, spazio sottotetto: pásele, agg.
/ ballatoio, scala interna: capescàle, capiscàle, (lu), s.m. / ballatoio, ripiano, piccola largura: pianàtte, (la), s.f.
pensione
: pinzijàune, pinziàune, (la), s.f.
pensoso, riflessivo: pinzáuse, agg.
Pentecoste
, ricorrenza religiosa: Pendecòšte, (la), s.f.
pentirsi di nuovo: aripinité, v.
pentito, mortificato: aripinitéte, agg.
pentola, pentolaccia, paiolo: caccavèlle, (la), s.f. / pentola; vaso o conca di rame usato per la bollitura del mosto o delle bottiglie di pomodoro: cuttîre, cuttîure, (lu), s.m.
pentola in terra cotta (pignatta), con forma panciuta, fondo piatto e uno o due manici, interno e spesso sterno, smaltato per garantire l'impermeabilità ed evitare che gli alimenti impregnino la porosità della terracotta lasciando odori e sapori: pignéte, (la), s.f., pl. li pignéte / pignatta piccola: pignatêlla, (la), s.f., pl. li pignatêlle
pentolaccia
, pentola, paiolo: caccavèlle, (la), s.f.
pentolaio, vasaio, fabbricante di terraglie: pignatàre, pugnatàre, vasàre, (lu), s.m.
pentolino
di rame per fare il caffè, la cioccolata, bricco, caffettiera: ciucculattìre, (la), s.f., pl. li ciucculuattire / pentolino di rame: cùcume, (lu), s.m.
pepe: páipe, puáipe, puàpe, pèpe, (lu), s.m., pl. li pëipe / pepe nero: puàpe o pèpe bbéune, (lu), s.m. /
pepe in polvere (tritato): puàpe o pèpe trëite, (lu), s.m.
pepe in polvere
(tritato): puàpe o pèpe trëite, (lu), s.m. / pepe: páipe, puáipe, puàpe, pèpe, (lu), s.m., pl. li pëipe / pepe nero: puàpe o pèpe bbéune, (lu), s.m.
pepe nero: puàpe o pèpe bbéune, (lu), s.m. /
pepe: páipe, puáipe, puàpe, pèpe, (lu), s.m., pl. li pëipe /
pepe in polvere (tritato): puàpe o pèpe trëite, (lu), s.m.
pepe
tritato (in polvere): puàpe o pèpe trëite, (lu), s.m. / pepe: páipe, puáipe, puàpe, pèpe, (lu), s.m., pl. li pëipe / pepe nero: puàpe o pèpe bbéune, (lu), s.m.
peperoncino piccante rosso, amaro, diavoletto, diavolicchio,
lazzaretto, piccantello:
bruciaquîule, cazzarèlle, diavilàlle, diavulillo, lazzarêtte, pepicucènde, piparole rásce, pipidìnie pizzicande, pipintone di 'mberne, pispagnole di féuche,
(lu), s.m., pl. li cazzarìlle anche cavatelli, piccoli gnocchi, diavilèlle, lazzarètte
peperone
: pupuàhune, (lu), s.m., pl. li pipihune, peparùle, puparùle, piparîune, sarracáune / peperone piccante: sfirzilláune, (lu), s.m. pl. li sfirzillîune / peperoni seccati al sole: saggicce di li pùvere, pl., (li) / peperoni, in genere anche ragazzino vivace e malizioso: piparìlle, (lu), s.m.,pl., (li)
peperoni in genere anche ragazzino vivace e malizioso: piparìlle, (lu), s.m.,pl., (li) / peperone: pupuàhune, (lu), s.m., pl. li pipihune, peparùle, puparùle, piparîune, sarracáune / peperone piccante: sfirzilláune, (lu), s.m. pl. li sfirzillîune / peperoni seccati al sole: saggicce di li pùvere, pl., (li)
peperone piccante: sfirzilláune, (lu), s.m. pl. li sfirzillîune / peperone: pupuàhune, (lu), s.m., pl. li pipihune, peparùle, puparùle, piparîune, sarracáune / peperoni seccati al sole: saggicce di li pùvere, pl., (li) / peperoni, in genere anche ragazzino vivace e malizioso: piparìlle, (lu), s.m.,pl., (li)
peperoni seccati al sole: saggicce di li pùvere, pl., (li) / peperone: pupuàhune, (lu), s.m., pl. li pipihune, peparùle, puparùle, piparîune, sarracáune / peperone piccante: sfirzilláune, (lu), s.m. pl. li sfirzillîune / peperoni, in genere anche ragazzino vivace e malizioso: piparìlle, (lu), s.m.,pl., (li)
Peppino
: Pippëne, n.p.p., dim. di Giuseppe
per
: 'pi o pe', prep. semp.
per caso; caso mai; nel caso che, se; semmai: casemènde, 'ngasimènde, 'n gasemènde, avv.
per costà
: pidîssete, avv.
per convenienza: di cumminijènze, avv.
per di là: pidúllece, avv. / per di là, da quella parte: pi' èlle, loc. avv.
per di qua: pidúcchele, avv. / per di qua, qui vicino: pi' ècche, loc. avv.
per finta, per scherzo anche apposta, intenzionalmente, di proposito: appôšte, avv. / lo ha fatto apposta anche lo ha fatto per finta: l'à fatt' appôšte, sono due espressioni identiche in tutto e per tutto con significati diversi, quasi opposti; si possono distinguere solo in base al contesto della frase o alla dinamica di chi parla
per l'appunto
, benché, sebbene: quandùnque, avv.
per lungo: pi' lònghe, avv.
per poco non ha strisciato (ci è passato per un pelo): ci' à passäte léppa lappe
per quella strada si accorcia: pi' chèlla véjje s'arbicëine
per questo motivo; perciò: appòšte, cong.
per sbaglio
: pi' scàgne, avv.
per scherzo, per finta anche apposta, intenzionalmente, di proposito: appôšte, avv. / lo ha fatto apposta anche lo ha fatto per finta: l'à fatt' appôšte, sono due espressioni identiche in tutto e per tutto con significati diversi, quasi opposti; si possono distinguere solo in base al contesto della frase o alla dinamica di chi parla
per terra: 'ndèrre, avv. e loc. avv. / ha nevicato un pò: ha ngascijàte 'ndèrre
per un pelo: léppa lappe
pera
come frutto e albero: páire, puàre, (lu), s.m. / pera d'inverno: puàre di 'mmèrne, (lu), s.m. /
pera profumata: puàre miscardèlle, (lu), s.m. / pera spadone: puàre spadone, (lu), s.m. / varietà pregiata di pera: caunèlle, (la), s.f. / varietà di pera: carmuscëine, (la), s.f.
pera d'inverno: puàre di 'mmèrne, (lu), s.m. /
pera come frutto e albero: páire, puàre, (lu), s.m. /
pera profumata: puàre miscardèlle, (lu), s.m. / pera spadone: puàre spadone, (lu), s.m. / varietà pregiata di pera: caunèlle, (la), s.f. / varietà dipera: carmuscëine, (la), s.f.
pera profumata: puàre miscardèlle, (lu), s.m. / pera come frutto e albero: páire, puàre, (lu), s.m. / pera d'inverno: puàre di 'mmèrne, (lu), s.m. /
pera spadone: puàre spadone, (lu), s.m. / varietà pregiata di pera: caunèlle, (la), s.f. / varietà dipera: carmuscëine, (la), s.f.
pera spadone: puàre spadone, (lu), s.m. /
pera come frutto e albero: páire, puàre, (lu), s.m. / pera d'inverno: puàre di 'mmèrne, (lu), s.m. /
pera profumata: puàre miscardèlle, (lu), s.m. / varietà pregiata di pera: caunèlle, (la), s.f. / varietà dipera: carmuscëine, (la), s.f.
pera (varietà di): carmuscëine, (la), s.f. / varietà pregiata di pera: caunèlle, (la), s.f. / pera come frutto e albero: páire, puàre, (lu), s.m. / pera d'inverno: puàre di 'mmèrne, (lu), s.m. / pera profumata: puàre miscardèlle, (lu), s.m. / pera spadone: puàre spadone, (lu), s.m.
pera (varietà pregiata di): caunèlle, (la), s.f. / varietà dipera: carmuscëine, (la), s.f. / pera come frutto e albero: páire, puàre, (lu), s.m. / pera d'inverno: puàre di 'mmèrne, (lu), s.m. / pera profumata: puàre miscardèlle, (lu), s.m. / pera spadone: puàre spadone, (lu), s.m.
perché: piccá, avv.
perchia, pesce persico, varietà di pesce per il brodetto: càzze di 'rrà, (lu), s.m.
perciatelli, bucatini, pasta lunga, simile agli spaghetti, forata: pircilatìlle, (li), pl.
perciò; per questo motivo: appòšte, cong.
percossa: cunásse, (la), s.f.
percossa
, sculacciata: vattijéte, (la), s.f.
percossa; beffa: buzzáte, (la), s.f. / beffa: baffàte, (la), s.f. / beffa; fregatura: fricatîure, (la), s.f.
percossa; varieta di albicocca dal nocciolo dolce: crisòmmele, cresòmmele, (la), s.f.
/ albicocca: virlingòcche, mirlingòcche, mirlincòcche, (la), s.f. / varietà di albicocca: bârgine, bàrgene, (la, s.f.
percossa data col tortore: turturàte, (la), s.f.
percosse (buona dose di): vatténne, cutuláte, (la), s.f. / anche scrollata di albero fruttifero: cutuláte
percosse (una razione di): salichijéte, (la), s.f.
percuotere, picchiare: ariffaldá, v. / picchiare, battere: vàttë, vattié, v. / battere, accoppare: accuppá, v. / picchiare, battere, farsi aprire alla porta per entrare o farsi riconoscere: tuzzulá, v. / percuotere con la cinghia: cignijé, v.
perdere, rimettere denaro, rifondere denaro, rimetterci: arifánne, pèrde, v. / perdere, smarrire: pèrdë, v. / perdere al gioco, detto dal giocatore quando perde molto, bagnare: abbagná, v., ant. / fig. mi son bagnato bene: m'àjj' abbagnáte bbéune
perdita
, danno: dammàjje, (lu), s.m. / perdita: pirdènze, (la), s.f.
perdonare, assolvere: pirduná, v.
perfezione (alla): cùnge chìnge, loc. avv.
perfido; cattivo: malamènde, avv.
pergola, pergolato: pèrghele, (la), s.f./bbersò, (lu), s.m.
pergolato, pergola: pèrghele, (la), s.f./bbersò, (lu), s.m.
pericolo; rischio: cumbrumissiáune
, (la), s.f.
pericolo generico o divieto (di pesca), avviso marinaresco: púnte di štàlle, (lu), s.m.
periodi di mesi freddi: frajëine, (la), s.f.
periodo
, etade: addàte, s.f.
perito
, agrimensore: purète, purëite, (lu), s.m., pl. li pirète
permaloso; iracondo: cascettàre, (lu), s.m.
permesso: pirmàsse, (lu), s.m.
pernottare: annuttá, v.
peronospora, malattia delle piante causata da protisti: prenòšpere, (la), s.f.
perquisire, palpare: arimascigné, v. /
palpare, toccare, tastare: attindá, taštijé, v. / tastare il polso: attindá lu pàlse o pàzze
persino
, pure: schinènze, avv. / pure: pîure, avv.
persona a cui piace ficcarsi nei contenziosi e nelle cause: curtajéule, (lu), s.m. / persona abbigliata per il carnevale: musùre, (lu), s. m. /
persona adulta glabro, privo di barba, senza peli, liscio anche la muta delle penne nella chioccia: 'mbrìvele, loc. avv. / persona alquanto oziosa: bimòlle, (la), s.f. / persona alta e allampanata, allampanato e ondeggiante come un salice: salicáune, (lu), s.m. / persona anziana ma che gode di buona salute: avanzatèlle, agg. / persona astuta, canonico: canòneche, (lu), s.m. / persona balzana, persona di cui non si sa mai il luogo dove si trova, stravagante, strambo: sbulàcchie, sbéleche, (lu), s.m. / persona bassa
e tarchiata
, di corporatura massiccia, tracagnotto, atticciato: tracagnótte, agg.
/
bavoso o persona bavosa; bavosa, pesce marino; lumaca senza guscio: vavàse o vuavàse, (lu), s.m., pl. li vavîuse / persona brutta: bèrre di hòffie, (lu), s.m. / persona che in genere non eccelle per diligenza anche ciabattino o calzolaio: ciavattëine
, (lu), s.m.; calzolaio: scarpáre, (lu), s.m., pl. li scarpëre; ciabattino: sandulàre, (lu), s.m. / persona che fa moine o vezzeggia, cerimonioso: cirimunijáuse, agg. / persona che non sopporta il solletico: cilichîuse, agg. / persona che fa assiduamente bisboccia, baldoria anche pasto luculliano (ciambòtte): ciambuttàre, (lu), s.m. / persona che fa il gagà: fá lu don Ciccille / persona che fa l'indiano: cóseme, (lu), s.m.; fa l'indiano, fa finta di..: fá cóseme, fig. / persona che rende sterili i maiali: suanapurcille, (lu), s.m., pl. li sanapurcille / persona che parla a sproposito e spesso con maligni sottintesi: linguaccîute, (lu), s.m. /
persona che vive di espedienti: zombafràtte, zombafùsse, (lu), s.m. / persona china e col sedere in evidente postura: quîule arfille, (lu), s.m.; culo, sedere: chîule, quîule, (lu), s.m., pl. li chîle; non mi dà retta: mi tè' a lu quîule; sedere, deretano: basinátte, béfere, busècchie, préuse, tafànarie, (lu), s.m. / persona che non ha sangue: senza sanghe / persona cinica, cinico: corp' arifátte, (lu), s.m. / persona che non tiene in ordine le sue cose o che lavora con scarsa precisione ed esattezza, disordinato, sbullonato: sbullunáte, agg. / persona con labbra grosse: labbrîute, agg. /
persona con poco senno, sebbene di grossa complessione anche maschera di carnevale: carnevalànze, (la), s.f. / persona con tratti negroidi e dal colorito scuro: negùsse, (lu), s.m. / persona crudele e facile all'ira: tègre, (la), s.f. / persona da evitare, buonalana: bonapizzáte, (lu), s.m. / persona dai riflessi lenti anche taciturno: tòme, agg. /persona dal carattere scontroso e di aspetto non gradevole: nírve, agg. / persona dal cervello balzano: allunijéte, agg. / persona dal cervello ingegnoso: cirvilláune, (lu), s.m. / persona dal colorito olivigno o magra, ligustro: livìštre, (la), s.f..; persona molto magra: sàcche sàcche, agg. / persona dal comportamento falso o sleale: facciarréte, (lu), s.m. / persona dal gusto difficile nello scegliersi la moglie: chi càpa càpa, dòppe affònne lu quîule à la mèrde; merda; sterco: mèrde, (la), s.f. / persona dal linguaggio incomprensibile anche non appartentente alla stessa parlata: lengatòrte, (la), s.f. / persona dal passo svelto e leggero: pètelìgge, (lu), s.m. / persona dal peto facile anche chiacchierone, individuo poco serio: pititàre, (lu), s.m. / persona dal viso deforme, sciocco, sbandato: sbiséte, agg./(lu), s.m. / persona dall'aspetto emaciato, pallido: cciarëite, acciarëite, agg. / persona dalla cattiva coscienza: bajalàrde, (lu), s.m. / persona dalla pelle scura, nero/a: nàire, (lu/la), s.m./agg., pl. li nëire / persona dalle gambe lunghe: cossalùnghe, (lu), s.m. / persona deforme anche cosa meravigliosa: basalèšche, (lu), s.m. / persona dalle maniere rozze, avaro,ignorante: tarpàne, (lu ), s.m. / persona di alta statura: albifîuce, (l'), s.m. / persona di bassa condizione sociale anche spazzino: scazzacáne, fumuràre, (lu), s.m., pl. li fumirere; spazzino, operatore ecologico: munnezzáre, (lu), s.m., pl. li minnezzere / persona di buona stazza, in carne: 'nquartáte, agg. / persona di carattere asociale, velenoso: vilináuse, 'ntussucáuse, agg. / persona di complessione obesa: gravànde, agg. / persona di coraggio, minaccia per spanciare qualcuno anche fegato o interiora di animale: fecatìlle, (li), pl.; fegato: fáchete, fàdache, (lu), s.m. / persona d'indole cattiva e maligna: cárna fucáte, (la), s.f./ persona di poco giudizio e sciocca: cazzáune, (lu), s.m. / persona di poco valore, spesso riferito ai suoi tratti fisici: mezzacartícce, (la), s.f. / persona di robusta complessione, ma poco intelligente; coso: casaccáune, (lu), s.m. / persona difficilmente reperibile: caminànde, (la), s.f. / persona elegante (riferito a) o a qualcosa di gradevole: scècche, agg. / persona fastidiosa, zecca: zäcche, (la), s.f. / persona forte e robusta: furzànde, (lu), s.m. / persona fortunata: furtunèlle, (lu), s.m. / persona fortunata al gioco: culapèrte, (lu), s.m. / persona generosa: curazzáune, (lu), s.m. / persona grossolana, tanghero, epiteto offensivo: tamàrre / persona in preda a delle passioni amorose, ubriaco: 'nciucianëite, agg.; ubriaco, beone: ciälme, ciullandònie; ubriaco: 'mbrijáche, 'mbriàche, 'ingiuciàte, 'ngiuciàte / persona incaricata di trasportare, dalla marina alla città, il pesce al mercato: risajjapanère, (lu), s.m., ant. /persona inetta anche venditore di scamorze: scamurzàre, (lu), s.m. / persona inetta anche scamorza, bocconcino: scamârze, (la), s.f. / persona inetta, accattone: scarciufunàre, (lu), s.m. / persona intrigante: capedichiéuve, (lu), s.m. / persona malevola nei pensieri: malipinzànde, (lu), s.m. / persona malfatta, deforme: bruttefàtte, (lu), s.m. / persona magra o dal colorito olivigno, ligustro: livìštre, (la), s.f.; persona molto magra: sàcche sàcche, agg. / persona malaticcia e sovente querula anche cerotto: ceréute, (lu), s.m. / persona malridotta, individuo dall'intestino alquanto rumoroso: scaricarrùjje, (lu), s.m. / persona molto alta, pertica anche lunga asta: velátte, (la), s.f. / persona molto colta: arca di scènze, (l'), s.f. / persona monca di un braccio: sbraccïàte, agg. / persona oziosa, sfaticato, indolente, riluttante a ogni impegno: canimòrte, canemòrte, (lu), s.m. / persona permalosa e irritabile: cascittàre, (lu), s.m. / persona poco igienica, sozzone: zuzzuáne, 'nguduquáte, agg. / persona poco raccomandabile: carnàtte, (la), s.f.; persona poco raccomandabile, cattivo soggetto: malambàme, malajèrve, (lu), s.m.; persona poco raccomandabile, disgustosa anche delinquente: chiavicàne, (lu), s.m.; nu chiavicàne; grossa chiavica: chiavicàne, (la), s.f. / persona ricca anche signore: bèrre d'ícre, (lu), s.m. / persona risoluta, di tipico fico ovoidale: cazzîute, agg. / persona rozza o scostante, ignorante: códeche di sapáune, (lu), s.m. / persona rozza anche chi porta le ciocie: chiuchiáre, (lu), s.m. / persona rozza anche suonatore di cornamusa, zampognaro: zambugnáre, zampugnáre, scupinàre, scupinére, scupunuáre, (lu), s.m., pl. li zambugnére, scupinére / persona senza denti: sgangáte, (lu), s.m. / persona sgarbata e intrattabile: càrta vitràte, (la), s.f.; persona ruvida: cartavitrate, agg. / persona senza sale in zucca anche rapa: ràpe, (la), s.f., pl. li rape / persona scontrosa, orso: árze, (l'), s.m., pl. l'îrze / persona sporca: magnafràffe, (lu), s.m. / persona stupida anche tabaccaio: tabbaccàre, (lu), s.m. / persona vivace, furbacchione: rócile, (lu), s.m.; tipo furbo e vivace: rottaluquîule, (lu), s.m.; furbo, astuto, scaltro: fìrbe, agg.; furbo, sveglio, intelligente: cillëine, agg.; scaltro (paraculo): paraquîule, (lu), s.m.; scaltro, accorto, anche esperto, istruito, saccente: saputìlle, (lu), s.m. / persona, evento o cosa gradevole, buona, soddisfacente anche organo sessuale femminile: fràgne, (la), s.f.; la parte intima della donna: ciònne, (la), s.f. / persona o tipo di cui si parla con astuta allusione anche uomo: bersàbbele, bèrre, bbèrre, (lu), s.m.
persona (di) a cui piace mettersi in mostra: 'mbrattèlle, loc. avv. / di persona accecata dall'ira: 'ngicanéte, agg. / di persona afflitta da paralisi, paralizzato, ridotto all'inattività, bloccato: paralizzàte, agg. / di persona balbuziente: cacàjje, agg. / di persona bene in carne: a cascarelle, loc. avv. / di persona brutta: ràcchie, agg. / di persona che annoia o sentenzia, pungente: pungicáuse, agg. / di persona che cammina a gambe larghe: scallicchiéte, agg. / di persona che facilmente prova fastidio: futîuse, agg. / di persona che ha gli occhi grossi: chëcche, agg. / di persona che inganna: 'ngannîuse, fàzze, traditáure, agg. / di persona che soffre di fissazioni, monomane: fissáte, agg. / di persona che soffre il solletico: dîure, agg. / di persona ciarliera: vuccalîute, agg.; di persona ciarliera che non sa mantenere un segreto, tornare ossessivamente su uno stesso argomento, defecare di nuovo: arcacá, v. / di persona coi piedi per terra, saggia, posato, basato, assennato: abbasàte, agg. / di persona con pessima salute, tisico, magro: gnettichëite, agg. / di persona corrucciata, di tempo perturbato: arnuvuléte, agg. / di persona
c
redula,
sciocco
: gnucculáune, gnucculéte, agg./(lu), s.m.
/
di persona dai capelli poco curati anche riccio di pianta: catille, (lu), s.m. / di persona dai folti capelli ricciuti ma in disordine: cirrîute, agg. / di persona dalla testa calva: cocciapilàte, agg. / di persona debole, di legno fragile: fógnete, agg. / di persona di poco conto, parassita delle fave anche mangiatore di fave: magnafàfe, (lu), s.m. / di persona
esile: carpindàgne, agg. / di persona grassa: ciacciáune, allardáte, agg.; di persona grassa e tarchiata, spianato, uniforme: chiátte, agg. / di persona in carne, rimessa in sesto: 'rringifuléte, agg. / di persona in collera: 'rruféte, agg. / di persona in estrema miseria: scazzennûte anche scàzz' e nníute, mëser' e ddulènde, (lu), s.m. / di persona in età avanzata, ritorto come vecchio albero: 'ndrungunëite, agg. / di persona in piena salute: cárne di pëiche, agg. / di persona incline alla lite: appicicatìlle, agg. / di persona infelice e poverissima, afflitta e sprovvista di mezzi, afflitta, dolente: dulènde, ant., agg. e s.; povero e dolente: pòvere e dulènde; si dice che è restata: scalza e nuda, misera e dolente: scazz' e nníute, mëser' e dulènde; di donna che non ha nè la capacità, nè la volontà di fare qualcosa: sciòcca dulènde, sciòcca 'indulènde / di persona lamentosa, querula, brontolone: picciáuse, (lu), s.m. / di persona lenta e poco reattiva, sciocco, pigro, lento: allènde, lòcche, agg./(lu), s.m. / di persona lunatica: mattucchiáte, agg. / di persona maldestra, imbranato: malepráteche, agg. / di persona non proporzionata fisicamente, ma furba: malecavàte, agg. / di persona obesa e di piccola statura: ciabbùtte, (lu), s.m. / di persona male in arnese o trasandata: pucaciòffe, agg. / di persona non abituata ai lavori manuali, gentile: ggindèle, agg. / di persona poco affidabile, non tanto a posto, strambo, instabile: trâmbe, agg. / di persona sgarbata: cascègne, (la), s.f.; di persona sgarbata: scattìuse, agg.; di persona sgarbata e intrattabile: càrta vitràte, (la), s.f. / di persona socievole: amàbbele, agg. / di persona stramba, dal carattere mutevole: lunàteche, agg. / di persona stupida, minchione: sagnelláune, agg. / di persona sudicia, impiastro, cataplasma, incapace: 'mbiàštre, cataplàsme, quataplàsme, agg./(lu), s.m.; in senso dispreg.: si nu quataplàsme 
persone o cose che si susseguono, filare: filàre, (la), s.f.; una fila di bancarelle: 'na filàre di bancarèlle / persone in genere, folla, gente: gènde, fàlle, (la), s.f. / massa di persone, combriccola: márre, (la), s.f.
pertica; lunga asta anche persona molto alta: velátte, (la), s.f. / pertica, lungo bastone piuttosto grosso, bacchio anche pratica per bacchiare: tirtíure, (lu), s.m.
pertosse,
tosse convulsiva tipica dell'età infantile: tàsce cummùnze, (la), s.f.
pesante, fastidioso, seccante: pesànde, pisande , agg., pl. pisende
pesca
(frutta), frutto del pesco: pàšche,
pérzeche, (la), s.f. / pesca: prechéche, prechéuche, (la), s.f.
pesca: prichéuche, (lu), s.m.
pesca gialla, molto gradita, affogata a fette nel vino: prézzeche, (la), s.f.
pesca (magra): rambecótte, (lu), s.m.
pesca (modalità di) costiera con una barca e una rete di cui una estremità è tenuta a terra: rambecótte, (lu), s.m.
pesca abbondante: 'nzeccáte, (la), s.f.
pesca costiera eseguita parte in terra e parte in mare: pitarëule, (la), s.f.
pesca d'alto mare: pèsch 'a la sprufuànne, (la), s.f. anche a la cavallëine, loc. avv.
pesca del pesce azzurro: a ppàileche, loc. avv.

pesca di frodo eseguita con esplosivo: bbummajìule, (la), s.f.
pesca sottocosta: pèsca custîure,
(la), s.f.
pescato
(parte del) riservata all'armatore: cóffe
, (la), s.f.
pescatore
: pusciaréule, puscatáure, (lu), s.m., pl. li piscatîre
pesce: pàšce, pàscie, puàssce, puàsce, pàssce,(lu), s.m., pl. li pèsce, a la uaštarele; dim. pesciolini: piscitìlle / sciogliere, pulire il pesce, deviscerare prima di cucinarlo: sciojje o sciôje lu pàšce
/ pesce di fango: pàšce di fánghe; pesce del largo: pàšce di féure; pesce di porto: pàšce di pòrte; pesce di scoglio: pàšce di sasse / pesce graticolato con peperoni arrostiti: pàšce a la rèicche, (lu), s.m. / scapece, pesce fritto marinato nell'aceto con l'aggiunta di zafferano: scapàce, (la), s.f.
varietà di pesci:
aguglia (varietà di pesce azzurro): ahíjje, ahíje, (l'), s.f., hahíjje, hîjje, (la), s.f. / varietà di aguglia costiera: hahíjje di 'ndèrre
alaccia, sardinella aurita, varietà di sardina o sarda, pesce azzurro: sardellëine, (lu), s.m.
aragosta, crostaceo appartenente alla famiglia dei palinuri: rragàšte, rrahàšte, (la) s.f.
arsella, conchiglia bivalve, cappa chione, cappa verrucosa, fasolaro, lamellibranco, noce, tartufo, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze / conchiglia marina, cornetto: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
avannotti di pesce, bianchetti, pesce nudo,
pesciolini bianchi marini ottimi per la frittura, minutaglia uniforme di piccoli pesci somiglianti alla sarde: papalëine (la), s.f. / minutaglia di pesce per frittura, miscuglio di piccoli pesci: frahàjje, (la), s.f. / bianchetti, novellame, o minutaglia piccolissima di alici, sarde e acciughe: pésce a 'rrëise, (lu), s.m. / bianchetti o pesciolini piccoli ma non piccolissimi: cicinìlle, (li), pl. / bianchetti o pesciolini nudi piccolissimi, pesciolini di maggio: piscitìlle di majje, s.m., pl. li
bavosa, pesce marino anche lumaca senza guscio: vavàse o vuavàse, (lu), s.m., pl. li vavîuse
bianchetti, avannotti di pesce, pesce nudo,
pesciolini bianchi marini ottimi per la frittura, minutaglia uniforme di piccoli pesci somiglianti alla sarde: papalëine (la), s.f. / minutaglia di pesce per frittura, miscuglio di piccoli pesci: frahàjje, (la), s.f. / bianchetti, novellame, o minutaglia piccolissima di alici, sarde e acciughe: pésce a 'rrëise, (lu), s.m. / bianchetti o pesciolini piccoli ma non piccolissimi: cicinìlle, (li), pl. / bianchetti o pesciolini nudi piccolissimi, pesciolini di maggio: piscitìlle di majje, s.m., pl. li
boga, vopa, pesce della famiglia degli sparidi: hépe, éupe, véupe, bbàbbe, (la), s.f.
busbana o cappellano, varietà di pesce, dalle carni mediocri, in genere usato per la frittura: sbäne o sbbàne, (la), s.f.
calamaio o calamaro: calamäre o  cualamäre o qualamäre,  (lu),  s.m., pl. li calamére / calamaretto o piccolo calamaro: calamarátte, (lu), s.m.
calamaro o calamaio: calamäre o  cualamäre o qualamäre,  (lu),  s.m., pl. li calamére / calamaretto o piccolo calamaro: calamarátte, (lu), s.m.
calamaretto o piccolo calamaro: calamarátte, (lu), s.m. / calamaro o calamaio: calamäre o  cualamäre o qualamäre,  (lu),  s.m., pl. li calamére
canesca, pesce simile al palombo: paccavà, (lu), s.m.
canocchia
o cicala di mare o cicala o panocchia: panôcchie o cicále, (la),  s.f., pl. (li); dim. cechelàlle, cichilàlle, la panucchiuàlle, (la), s.f. (la),  s.f.
cappa chione, conchiglia bivalve, arsella, cappa verrucosa, fasolaro, lamellibranco, noce, tartufo, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze / conchiglia marina, cornetto: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
cappa verrucosa, conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, fasolaro, lamellibranco, noce, tartufo, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze / conchiglia marina, cornetto: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
cappellano o busbana, varietà di pesce, dalle carni mediocri, in genere usato per la frittura: sbäne o sbbàne, (la), s.f.
capone, cappone o gallinella o ghiozzo o testone, pesce marino: mizzáune o muzzáune (lu), s.m.; muzzelàne, muzzelàne di féure, muzzilëne o muzzilëine o muzzulëine, teštulëine o tištuluëne, (la), s.f. / cappone dalmata anche gallinella, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m. / cappone lira, ghiozzo testone, pesce cappone organo: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m. / ghiozzo comune o ghiozzo paganello: bbàtte o bbuàtte, buàtte, (la), s.f. / cappone caviglione  o semplicemente caviglione, gallinellamazzola, pesce marino della famiglia triglidae: pircátte, (lu), s.m. / cappone, varietà di pesce: angilittëine, (l'), s.f. pesce cappone: capáune, (lu), s.m.
cappone o gallinella o ghiozzo o testone, pesce marino: mizzáune o muzzáune (lu), s.m.; muzzelàne, muzzelàne di féure, muzzilëne o muzzilëine o muzzulëine, teštulëine o tištuluëne, (la), s.f. / cappone dalmata anche gallinella, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m. / cappone lira, ghiozzo testone, pesce cappone organo: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m. / ghiozzo comune o ghiozzo paganello: bbàtte o bbuàtte, buàtte, (la), s.f. / pesce cappone: capáune, (lu), s.m.
cappone lira, ghiozzo testone, pesce cappone organo: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m.; muzzelàne di féure, (la), s.f. / pesce cappone: capáune, (lu), s.m. / cappone dalmata anche gallinella, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m.; muzzelàne, (la), s.f. /ghiozzo, testone, pesce marino: muzzáune o mizzáune, (lu), s.m.; muzzulëine, muzzilëine, muzzilène, testulëine, (la), s.f. / ghiozzo comune: bbàtte, (la), s.f. / ghiozzo paganello: bbuátte, buàtte, (la), s.f.
capraio, granchio di mare non commestibile: crapàre, (lu), s.m., pl. li crapére / granchio: grànge, hrànge, (lu), s.m. / granchiolino, dim. di granchio: grangitèlle, hrangitìlle, (lu), s.m. / varietà di granchio: facchëine, (lu), s.m. / granchio di mare commestibile, favollo: piláuse, (lu), s.m. / grancevola, genere di crostacei: vícchije, (la), s.f.
cefalo, muggine, pesce marino: mijèlle, (la), s.f. dim. mijllìcce;
cèfene, (lu), s.m. / varietà di cefalo: remàggie, (la), s.f.
cepola, pesce marino: 'ndrecciadáite, (lu), s.m.
cernia, varietà di pesce: cèrnie, (la), s.f.
cheppia o sarda, salacca, pesce azzurro, conservate sotto sale o affumicate: cchiáppe, saràche, (la), s.f. / pesce càntaro, tanuda, pesce dei girellidi: sàraca bbastàrde, canarèlle, (la), s.f. / sarda, varieta di pesce azzurro: sàrde o sardèlle, (la), s.f. / sarda sarda, palamite, pesce azzurro marino: palájje, (lu), s.m. / sardinella aurita, alaccia, varietà di sardina, pesce azzurro: sardellëine, (lu), s.m.
cicala o cicala di mare o canocchia o panocchia: panôcchie o cicále, (la),  s.f., pl. (li); dim. cechelàlle, cichilàlle, la panucchiuàlle, (la), s.f.
cicala di mare o cicala o canocchia o panocchia: panôcchie o cicále, (la),  s.f., pl. (li); dim. cechelàlle, cichilàlle, la panucchiuàlle, (la), s.f.
cicerello o cicirello, varietà di pesce marino mediterraneo della famiglia ammodytidae: cicàre, (la), s.f.
cicirello o cicerello, varietà di pesce marino mediterraneo della famiglia ammodytidae: cicàre, (la), s.f.
conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, fasolaro, lamellibranco, noce, tartufo, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze (bbiànghe, rëisce, di féure), (la), s.f. / conchiglia marina, cornetto: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
conchiglia bivalve che ricorda il pettine, con una valva superiore piatta e l'altra in rilievo: coppesànde, (la), s.f. / anche pettine, ventaglio: còppa sànde, papasònne o papasànde, (la), s.f.
conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / cornetto, conchiglia marina: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, fasolaro, lamellibranco, noce, tartufo, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
conchiglia univalve, patella, attaccata agli scogli: lampadène, (la), s.f.
congro, goncro, grongo, gronco, della famiglia degli anguillidi, pesce marino: grânghe, grànche, grànghele, hrànghele, vrànghele, (lu), s.m. / gronco di fiume: 'nguèlle di fiume, (la), s.f.
cornetto, conchiglia marina: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, fasolaro, lamellibranco, noce, tartufo, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
corvo, così chiamato per il suo colore scuro, anche ombrina, pesce marino dalle carni pregiate: córve, córeve, (lu), s.m., pl. li curve, curvátte o curevátte, (lu), s.m., dènde chîrve, (lu), s.m., umbrëine, (l'), s.f.
costardella: craštavidelle, (lu), s.m. / pesce della varietà degli sgombri: cuccardèlle, (la), s.f. / lanzardo o sgombro cavallo, pesce marino appartenente alla famiglia scombridae: pupattáune, (lu), s.m. / sgombro, pesce marino: sgàmmere, (lu), s..m., pl. li sghîmmere
dentice, pesce della famiglia degli sparidae, di acqua salata: dénde, dendàle, dindàle, (lu), s.m.
/ dentice carango: dendalótte, (lu), s.m.
dentice: tendaluátte, (lu), s.m.
dentice carango: dendalótte (lu), s.m. / dentice, pesce della famiglia degli sparidae, di acqua salata: dénde, dendàle, dindàle, (lu), s.m.
fasolaro, conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, lamellibranco, noce, tartufo, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze / conchiglia marina, cornetto: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
favollo, granchio commestibile: piláuse, (lu), s.m. / granchio: grànge, hrànge, (lu), s.m. / granchiolino, dim. di granchio: grangitèlle, hrangitìlle, (lu), s.m. / varietà di granchio: facchëine, (lu), s.m. / granchio di mare non commestibile, capraio: crapàre, (lu), s.m., pl. li crapére / grancevola, genere di crostacei: vícchije, (la), s.f.
fragolino, nome generico delle varietà del pagello: frahulëine, (lu), s.m. / pagello, varietà di grosso pesce simile al fragolino: ucchiàle, (l'), s.m. / varietà di pagello: luccitèlle, (lu), s.m. / pagello pezzogna, varietà di pesce: cchiàle, (lu), s.m.
gallinella anche cappone dalmata, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m.; muzzelàne, (la), s.f. / cappone lira, ghiozzo testone, pesce cappone organo: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m.; muzzelàne di féure, (la), s.f. / pesce cappone: capáune, (lu), s.m. / ghiozzo, testone, pesce marino: muzzáune o mizzáune, (lu), s.m.; muzzulëine, muzzilëine, muzzilène, testulëine, (la), s.f. / ghiozzo comune: bbàtte, (la), s.f. / ghiozzo paganello: bbuátte, buàtte, (la), s.f.
gattuccio di mare, palombo: caccinèlle di mare, (lu), s.m. / palombo: paláumme, (lu), s.m.
/ squalo azzurro o verdesca: pandadènde, (lu), s.m. / verdesca: virdàšche, (la), s.f.
ghiozzo, testone, pesce marino: muzzáune o mizzáune, mizzilène, (lu), s.m.; muzzulëine, muzzilëine, muzzilène, testulëine, (la), s.f. / ghiozzo comune: bbàtte, (la), s.f. / ghiozzo paganello: bbuátte, buàtte, (la), s.f. / cappone dalmata anche gallinella, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m.; muzzelàne, (la), s.f. / cappone lira, ghiozzo testone, pesce cappone organo: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m.; muzzelàne di féure, (la), s.f. / pesce cappone: capáune, (lu), s.m.
ghiozzo comune: bbàtte, (la), s.f. / ghiozzo paganello: bbuátte, buàtte, (la), s.f. / ghiozzo, testone, pesce marino: muzzáune o mizzáune, (lu), s.m.; muzzulëine, muzzilëine, muzzilène, testulëine, (la), s.f. / cappone dalmata anche gallinella, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m.; muzzelàne, (la), s.f. / cappone lira, ghiozzo testone, pesce cappone organo: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m.; muzzelàne di féure, (la), s.f. / pesce cappone: capáune, (lu), s.m.
ghiozzo paganello: bbuátte, buàtte, (la), s.f. / ghiozzo comune: bbàtte, (la), s.f. / ghiozzo, testone, pesce marino: muzzáune o mizzáune, (lu), s.m.; muzzulëine, muzzilëine, muzzilène, testulëine, (la), s.f. / cappone dalmata anche gallinella, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m.; muzzelàne, (la), s.f. / cappone lira, ghiozzo testone, pesce cappone organo: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m.; muzzelàne di féure, (la), s.f. / pesce cappone: capáune, (lu), s.m.
ghiozzo testone, cappone lira, pesce cappone organo: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m.; muzzelàne di féure, (la), s.f. / pesce cappone: capáune, (lu), s.m. / cappone dalmata anche gallinella, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m.; muzzelàne, (la), s.f. /ghiozzo, testone, pesce marino: muzzáune o mizzáune, (lu), s.m.; muzzulëine, muzzilëine, muzzilène, testulëine, (la), s.f. / ghiozzo comune: bbàtte, (la), s.f. / ghiozzo paganello: bbuátte, buàtte, (la), s.f.
goncro, grongo, gronco, congro, della famiglia degli anguillidi, pesce marino: grânghe, grànche, grànghele, hrànghele, vrànghele, (lu), s.m. / gronco di fiume: 'nguèlle di fiume, (la), s.f.
grancevola, genere di crostacei: vícchije, (la), s.f. / granchiolino, dim. di granchio: grangitèlle, hrangitìlle, (lu), s.m. / granchio: grànge, hrànge, (lu), s.m. / varietà di granchio: facchëine, (lu), s.m. / granchio di mare commestibile, favollo: piláuse, (lu), s.m. / granchio di mare non commestibile, capraio: crapàre
, (lu), s.m., pl. li crapére
granchio
: grànge, hrànge, (lu), s.m. / granchiolino, dim. di granchio: grangitèlle, hrangitìlle, (lu), s.m. / varietà di granchio: facchëine, (lu), s.m. / granchio di mare commestibile, favollo: piláuse, (lu), s.m. / granchio di mare non commestibile, capraio: crapàre
, (lu), s.m., pl. li crapére / grancevola, genere di crostacei: vícchije, (la), s.f.
granchio (varietà di): facchëine, (lu), s.m. /
granchio: grànge, hrànge, (lu), s.m. / granchiolino, dim. di granchio: grangitèlle, hrangitìlle, (lu), s.m. / granchio di mare commestibile, favollo: piláuse, (lu), s.m. / granchio di mare non commestibile, capraio: crapàre
, (lu), s.m., pl. li crapére / grancevola, genere di crostacei: vícchije, (la), s.f.
granchio di mare commestibile, favollo: piláuse, (lu), s.m. / granchio: grànge, hrànge, (lu), s.m. / granchiolino, dim. di granchio: grangitèlle, hrangitìlle, (lu), s.m. / varietà di granchio: facchëine, (lu), s.m. / granchio di mare non commestibile, capraio: crapàre
, (lu), s.m., pl. li crapére / grancevola, genere di crostacei: vícchije, (la), s.f.
granchio di mare non commestibile, capraio: crapàre
, (lu), s.m., pl. li crapére /
granchio: grànge, hrànge, (lu), s.m / granchiolino, dim. di granchio: grangitèlle, hrangitìlle, (lu), s.m. / varietà di granchio: facchëine, (lu), s.m. / granchio di mare commestibile, favollo: piláuse, (lu), s.m. / grancevola, genere di crostacei: vícchije, (la), s.f.
granchiolino, dim. di granchio: grangitèlle, hrangitìlle, (lu), s.m. / grancevola, genere di crostacei: vícchije, (la), s.f. / granchio: grànge, hrànge, (lu), s.m. / varietà di granchio: facchëine, (lu), s.m. / granchio di mare commestibile, favollo: piláuse, (lu), s.m. / granchio di mare non commestibile, capraio: crapàre
, (lu), s.m., pl. li crapére
gronco, grongo, goncro, congro, della famiglia degli anguillidi, pesce marino: grânghe, grànche, grànghele, hrànghele, vrànghele, (lu), s.m. / gronco di fiume: 'nguèlle di fiume, (la), s.f.
gronco di fiume: 'nguèlle di fiume, (la), s.f. / gronco, grongo, goncro, congro, della famiglia degli anguillidi, pesce marino: grânghe, grànche, grànghele, hrànghele, vrànghele, (lu), s.m.
grongo, gronco, goncro, congro, della famiglia degli anguillidi, pesce marino: grânghe, grànche, grànghele, hrànghele, vrànghele, (lu), s.m. / gronco di fiume: 'nguèlle di fiume, (la), s.f.
lamellibranco, conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, fasolaro, noce, tartufo, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze / conchiglia marina, cornetto: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
lampuga o lapuga, pesce fico, varietà di pesce che vive nei fondali: leccìutte, pàšce fëchere, (lu), s.m.
lanzardo o sgombro cavallo, pesce marino appartenente alla famiglia scombridae: pupattáune, (lu), s.m. / pesce della varietà degli sgombri: cuccardèlle, (la), s.f. / costardella: craštavidelle, (lu), s.m. / sgombro, pesce marino: sgàmmere, (lu), s..m., pl. li sghîmmere
lapuga o lampuga, pesce fico, varietà di pesce che vive nei fondali: leccìutte, pàšce fëchere, (lu), s.m.
latterino
, varietà di pesce: aunèlle, (l'), s.m.
linguattola, suacia comune, sogliola pelosa, pesce marino: magnaciòcchele, cianghittáune, (lu), s.m. / rombo peloso: cianghétta peláse o piláuse, (la), s.f. / rombo giallo detto anche sogliola turca: municarèlle, (la), s.f. / sogliola pelosa, rombo: ciangátte, rummèlle, (la), s.f. / rombo chiodato: rómmë, (lu), s.m.; rummèlle dé 'nderre, (la), s.f. / rombo liscio: rummèlle di féure, (la), s.f.
lucerna o pesce prete, pesce marino indicato per la zuppa o brodetto di pesce, diffuso in tutto il mediterraneo, lungo le coste: vòcche 'n gàpe, vocche 'n cape, lucèrne, nucèlle, (la), s.f.; muceguèlle, pésce prèdde, (lu), s.m.
lumaca senza guscio: vaváuse, vavase, (la), s.f. pl. li vavîuse / bavoso, bavosa occhiuta, pesce marino: vaváuse, vavase, (lu), s.m.
merluzzo, pesce marino: mirlícce, mirlîcce, (la), s.f. / merluzzo salato: baccalà, (lu), s.m. / merluzzo seccato, stoccafisso: štòcche, (lu), s.m.
merluzzo salato, pesce marino: baccalà, (lu), s.m. / merluzzo seccato, stoccafisso: štòcche, (lu), s.m. / merluzzo: mirlícce, mirlîcce, (la), s.f.
merluzzo seccato, stoccafisso, pesce marino: štòcche,(lu), s.m. / merluzzo salato: baccalà, (lu), s.m. / merluzzo: mirlícce, mirlîcce, (la), s.f.
minutaglia di pesce per frittura, miscuglio di piccoli pesci: frahàjje, (la), s.f. / minutaglia uniforme di piccoli pesci somiglianti alla sarde, pesciolini bianchi marini ottimi per la frittura, avannotti di pesce, bianchetti, pesce nudo: papalëine (la), s.f. / pesci di piccolissima taglia, bianchetti: cicinìlle, (li), pl. / pesciolini di maggio: piscitílle di majje, s.m., pl. li
minutaglia piccolissima di alici, sarde e acciughe, o bianchetto, novellame: pésce a 'rrëise, (lu), s.m.
minutaglia uniforme di piccoli pesci somiglianti alla sarde, pesciolini bianchi marini ottimi per la frittura, avannotti di pesce, bianchetti, pesce nudo: papalëine (la), s.f. / pesci di piccolissima taglia, bianchetti: cicinìlle, (li), pl. / pesciolini di maggio: piscitílle di majje, s.m., pl. li / minutaglia di pesce per frittura, miscuglio di piccoli pesci: frahàjje, (la), s.f.
miscuglio di piccoli pesci,
minutaglia di pesce per frittura: frahàjje, (la), s.f. / minutaglia uniforme di piccoli pesci somiglianti alla sarde, pesciolini bianchi marini ottimi per la frittura, avannotti di pesce, bianchetti, pesce nudo: papalëine (la), s.f. / pesci di piccolissima taglia, bianchetti: cicinìlle, (li), pl. / pesciolini di maggio: piscitílle di majje, s.m., pl. li
mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi, conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, fasolaro, lamellibranco, noce, tartufo, vongola: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze / conchiglia marina, cornetto: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
moscardino, polipo o polpo, minuscolo, piccolo: pulpitèlle, muscardëine, (lu), s.m., pl. li pulpitìlle, muscardëine / grosso polipo o polpo, piovra: arcilijáne, arcilijáune, (l'), s.m. / polipo o polpo, divoratore di crostacei sotto costa: pälpe, (lu), s.m.
muggine, cefalo, pesce marino: mijèlle, (la), s.f. dim. mijllìcce;
cèfene, (lu), s.m. / varietà di cefalo: remàggie, (la), s.f.
noce, conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, fasolaro, lamellibranco, tartufo, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze / conchiglia marina, cornetto: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
novellame, bianchetto, o minutaglia piccolissima di alici, sarde e acciughe: pésce a 'rrëise, (lu), s.m.
ombrina
, anche corvo, così chiamato per il suo colore scuro, pesce marino dalle carni pregiate: umbrëine, (l'), s.f., córve, córeve, (lu), s.m., pl. li curve, curvátte o curevátte, (lu), s.m., dènde chîrve, (lu), s.m.
orata
, pesce pregiato: auráte, uráte, (l'), s.f.
pagello
, varietà di grosso pesce simile al fragolino: ucchiàle, (l'), s.m. / fragolino, nome generico delle varietà del pagello: frahulëine, (lu), s.m. / varietà di pagello: luccitèlle, (lu), s.m.
/ pagello pezzogna, varietà di pesce: cchiàle, (lu), s.m.
pagello pezzogna, varietà di pesce: cchiàle, (lu), s.m. / pagello, varietà di grosso pesce simile al fragolino: ucchiàle, (l'), s.m. / fragolino, nome generico delle varietà del pagello:
frahulëine, (lu), s.m. / varietà di pagello: luccitèlle, (lu), s.m.
palamite
, sarda sarda, pesce azzurro marino: palájje, (lu), s.m. / sarda, varieta di pesce azzurro: sàrde o sardèlle, (la), s.f. / sarda o cheppia, salacca, pesce azzurro, conservate sotto sale o affumicate: cchiáppe, saràche, (la), s.f. / pesce càntaro, tanuda, pesce dei girellidi: sàraca bbastàrde, canarèlle, (la), s.f. / sardinella aurita, alaccia, varietà di sardina, pesce azzurro: sardellëine, (lu), s.m.
palombo, gattuccio di mare: caccinèlle di mare, (lu), s.m. / palombo: paláumme, (lu), s.m.
/ squalo azzurro o verdesca: pandadènde, (lu), s.m. / verdesca: virdàšche, (la), s.f.
paniere di pesce
appena pescato dato come pagamento ai pescatori: šcaffàtte, (la), s.f.
panocchia o canocchia o cicala di mare o cicala: panôcchie o cicále, (la),  s.f., pl. (li); dim. cechelàlle, cichilàlle, la panucchiuàlle, (la), s.f. (la),  s.f.
passera pianuzza simile alla sogliola: munachèlle, (la), s.f.
pastinaca
,
trigone spinoso, varietà di pesce della famiglia dasiatidi a forma di rombo con aculeo caudato velenoso: chjámeche, hùrchije, (la), s.f., úrchie, (l'), s.m. / trigone viola, mollusco dal nicchio fusiforme: chiamechèlle, (la), s.f.

patella, conchiglia univalve, attaccata agli scogli: lampadène, (la), s.f.
perchia, pesce persico, varietà di pesce per il brodetto: càzze di 'rrà, (lu), s.m.
pesce
: manacáune, bèrre, (lu), s.m.

pesce appartenente alla fam. dei tonni: palamëite, (la), s.f.
pesce aquila: prótene o teraùrchje, (lu), s.m.
pesce balestra, di mare, appartenente alla famiglia balistidae: pésce pòrche, (lu), s.m.
pesce càntaro, tanuda, pesce dei girellidi: sàraca bbastàrde, canarèlle, (la), s.f. / salacca, cheppia o sarda, pesce azzurro, conservate sotto sale o affumicate: saràche, cchiáppe, (la), s.f. / sarda, varieta di pesce azzurro: sàrde o sardèlle, (la), s.f. / sarda sarda, palamite, pesce azzurro marino: palájje, (lu), s.m. / sardinella aurita, alaccia, varietà di sardina, pesce azzurro: sardellëine, (lu), s.m.
pesce cappone: capáune, (lu), s.m. / pesce cappone organo, ghiozzo testone, cappone lira: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m.; muzzelàne di féure, (la), s.f. / cappone dalmata anche gallinella, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m.; muzzelàne, (la), s.f. /ghiozzo, testone, pesce marino: muzzáune o mizzáune, (lu), s.m.; muzzulëine, muzzilëine, muzzilène, testulëine, (la), s.f. / ghiozzo comune: bbàtte, (la), s.f. / ghiozzo paganello: bbuátte, buàtte, (la), s.f.
pesce cappone organo, ghiozzo testone, cappone lira: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m.; muzzelàne di féure, (la), s.f. / pesce cappone: capáune, (lu), s.m. / cappone dalmata anche gallinella, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m.; muzzelàne, (la), s.f. /ghiozzo, testone, pesce marino: muzzáune o mizzáune, (lu), s.m.; muzzulëine, muzzilëine, muzzilène, testulëine, (la), s.f. / ghiozzo comune: bbàtte, (la), s.f. / ghiozzo paganello: bbuátte, buàtte, (la), s.f.
pesce con la testa grande, gallinella anche cappone dalmata: cucciláune (lu), s.m.
pesce della varietà degli sgombri: cuccardèlle, (la), s.f. / costardella: craštavidelle, (lu), s.m. / lanzardo o sgombro cavallo, pesce marino appartenente alla famiglia scombridae: pupattáune, (lu), s.m. / sgombro, pesce marino: sgàmmere, (lu), s..m., pl. li sghîmmere
pesce donzella
della famiglia dei labridi, variètà di pesce, spesso pescata con le nasse: ciràse, 'ndrecciaráite, (lu), s.m.
pesce fico, lampuga o lapuga, varietà di pesce che vive nei fondali: pàšce fëchere, leccìutte, (lu), s.m.
pesce fritto, marinato nell'aceto con l'aggiunta di zafferano, in genere razza, palombo o seppia, scapece: scapàce, (la), s.f.
pesce fuoco: pesce féche, (lu), s.m.
pesce luna detto anche pesce mola, della famiglia dei molidi: cerasìlle, cirasìlle, ggiraséule, (lu), s.m.
pesce mandorla o menola: pesce mennele, (lu), s.m.
pesce menola o mandorla : pesce mennele, (lu), s.m.
pesce mola detto anche pesce luna, della famiglia dei molidi: cerasìlle, cirasìlle, ggiraséule, (lu), s.m.
pesce nudo, bianchetti, avannotti di pesce,
pesciolini bianchi marini ottimi per la frittura, minutaglia uniforme di piccoli pesci somiglianti alla sarde: papalëine (la), s.f. / pesci di piccolissima taglia, bianchetti: cicinìlle, (li), pl. / pesciolini di maggio: piscitílle di majje, s.m., pl. li / minutaglia di pesce per frittura, miscuglio di piccoli pesci anche frotta di bambini: frahàjje, (la), s.f.
pesce persico, perchia, varietà di pesce per il brodetto: càzze di 'rrà, (lu), s.m.
pesce pilota: fànfene, (lu), s.m.

pesce prete o lucerna, pesce marino indicato per la zuppa o brodetto di pesce, diffuso in tutto il mediterraneo, lungo le coste: vòcche 'n gàpe, vocche 'n cape, lucèrne, nucèlle, (la), s.f.; muceguèlle, pésce prèdde, (lu), s.m.
pesce ragno, tràcina, pesce marino munito di un aculeo velenoso: gragnilàtte, gragnulàtte, hragnilàtte, hragnulàtte, rignáule, rignáune, (lu), s.m. / tracina drago: gragnulàtte di cavallëine, (lu), s.m. / tracina di fondali: gragnulàtte di féure, (lu), s.m. / tracina vipera: gragnulàtte di 'nderre, (lu), s.m.
pesce sciabola, spatola o pesce bandiera, è un pesce d'acqua salata appartenente alla famiglia trichiuridae: pésce argendine, (lu), s.m.
pesce sciarrano sacchetto o scorfano rosso: pèrchje, (la), s.f.
pesce simile al palombo, canesca: paccavà, (lu), s.m.
pesce violino, pesce marino: catàrre, vijulëine, (la), s.f.; calasciáune, (lu), s.m.
pescecane: pusciecàne, (lu), s.m.
pesci (varietà di) adatti a essere marinati, come palombi, razze, spinaroli: camäce, (li), s.pl. / spinarolo bruno, varietà di pesce: camàce, (lu), s.m.
pesciolini bianchi marini ottimi per la frittura, minutaglia uniforme di piccoli pesci somiglianti alla sarde, avannotti di pesce, bianchetti, pesce nudo: papalëine (la), s.f. / pesci di piccolissima taglia, bianchetti: cicinìlle, (li), pl. / pesciolini di maggio: piscitílle di majje, s.m., pl. li / minutaglia di pesce per frittura, miscuglio di piccoli pesci anche frotta di bambini: frahàjje, (la), s.f.
pesciolini di maggio: piscitílle di majje, s.m., pl. li /pesce nudo, bianchetti, avannotti di pesce,
pesciolini bianchi marini ottimi per la frittura, minutaglia uniforme di piccoli pesci somiglianti alla sarde: papalëine (la), s.f. / pesci di piccolissima taglia, bianchetti: cicinìlle, (li), pl. / minutaglia di pesce per frittura, miscuglio di piccoli pesci anche frotta di bambini: frahàjje, (la), s.f.
piovra, grosso polipo o polpo: arcilijáne, arcilijáune, (l'), s.m. / polipo o polpo, divoratore di crostacei sotto costa: pälpe, (lu), s.m. / minuscolo, piccolo, polipo o polpo, moscardino: pulpitèlle, muscardëine, (lu), s.m., pl. li pulpitìlle, muscardëine
polipo o polpo, divoratore di crostacei sotto costa: pälpe, (lu), s.m. / grosso polipo o polpo, piovra: arcilijáne, arcilijáune, (l'), s.m. / minuscolo, piccolo, polipo o polpo, moscardino: pulpitèlle, muscardëine, (lu), s.m., pl. li pulpitìlle, muscardëine
polipo o polpo (grosso), piovra: arcilijáne, arcilijáune, (l'), s.m. / minuscolo, piccolo, polipo o polpo, moscardino: pulpitèlle, muscardëine, (lu), s.m., pl. li pulpitìlle, muscardëine / polipo o polpo, divoratore di crostacei sotto costa: pälpe, (lu), s.m.

polipo o polpo, (minuscolo, piccolo), moscardino: pulpitèlle, muscardëine, (lu), s.m., pl. li pulpitìlle, muscardëine / grosso polipo o polpo, piovra: arcilijáne, arcilijáune, (l'), s.m. / polipo o polpo, divoratore di crostacei sotto costa: pälpe, (lu), s.m.
polpo
o polipo, divoratore di crostacei sotto costa: pälpe, (lu), s.m. / grosso polpo o polipo, piovra: arcilijáne, arcilijáune, (l'), s.m. / minuscolo, piccolo polpo o polipo, moscardino: pulpitèlle, muscardëine, (lu), s.m., pl. li pulpitìlle, muscardëine
polpo o polipo (grosso), piovra: arcilijáne, arcilijáune, (l'), s.m. / minuscolo, piccolo, polpo o polipo, moscardino: pulpitèlle, muscardëine, (lu), s.m., pl. li pulpitìlle, muscardëine / polpo o polipo, divoratore di crostacei sotto costa: pälpe, (lu), s.m.
polpo o polipo, (minuscolo, piccolo), moscardino: pulpitèlle, muscardëine, (lu), s.m., pl. li pulpitìlle, muscardëine / grosso polpo o polipo, piovra: arcilijáne, arcilijáune, (l'), s.m. / polpo o polipo, divoratore di crostacei sotto costa: pälpe, (lu), s.m.
pontefice, papa: puàpe, (lu), s.m.
pulire la coperta di una barca col frettazzo, spazzola di setole assai dure: retazzá, v.
quattrocchi o razza occhiuta,
razza, razza bavosa, razza bianca: quattrùcchie, baràchele, barràchele, bbaràcchele, bbaràchele, (la), s.f., (lu), s.m., rášce, rášce di féure, (la), s.f., pl. li rášce / razza monaca: vijilétte, (la), s.f. / razza piccola adoperata nel brodetto di pesce: frignitèlle, (lu), s.m.; 'cchialèine, ucchialëine, (l'), s.m.
razza, razza bavosa, razza bianca, razza occhiuta o quattrocchi: baràchele, barràchele, bbaràcchele, bbaràchele, (la), s.f., quattrùcchie, (lu), s.m., rášce, rášce di féure, (la), s.f., pl. li rášce / razza monaca: vijilétte, (la), s.f. / razza piccola adoperata nel brodetto di pesce: frignitèlle, (lu), s.m.; 'cchialèine, ucchialëine, (l'), s.m.
razza monaca: vijilétte, (la), s.f. / razza, razza bavosa, razza bianca, razza occhiuta o quattrocchi: baràchele, barràchele, bbaràcchele, bbaràchele, (la), s.f., quattrùcchie, (lu), s.m., rášce, rášce di féure, (la), s.f., pl. li rášce / razza piccola adoperata nel brodetto di pesce: frignitèlle, (lu), s.m.; 'cchialèine, ucchialëine, (l'), s.m.
razza occhiuta o quattrocchi, razza, razza bavosa, razza bianca: baràchele, barràchele, bbaràcchele, bbaràchele, (la), s.f., quattrùcchie, (lu), s.m., rášce, rášce di féure, (la), s.f., pl. li rášce / razza monaca: vijilétte, (la), s.f. / razza piccola adoperata nel brodetto di pesce: frignitèlle, (lu), s.m.; 'cchialèine, ucchialëine, (l'), s.m.
razza piccola adoperata nel brodetto di pesce: frignitèlle, (lu), s.m.; 'cchialèine,ucchialëine, (l'), s.m. / razza, razza bavosa, razza bianca, razza occhiuta o quattrocchi: baràchele, barràchele, bbaràcchele, bbaràchele, (la), s.f., quattrùcchie, (lu), s.m., rášce, rášce di féure, (la), s.f., pl. li rášce / razza monaca: vijilétte, (la), s.f.
riccio di mare: rècce, (lu), s.m.
rombo, sogliola pelosa, pesce marino: ciangátte, rummèlle, (la), s.f. / rombo giallo detto anche sogliola turca: municarèlle, (la), s.f. / rombo peloso: cianghétta peláse o piláuse, (la), s.f. / sogliola pelosa, suacia comune, linguattola: magnaciòcchele, cianghittáune, (lu), s.m. / rombo chiodato: rómmë, (lu), s.m.; rummèlle dé 'nderre, (la), s.f. / rombo liscio: rummèlle di féure, (la), s.f.
rombo chiodato: rómmë, (lu), s.m.; rummèlle dé 'nderre, (la), s.f. / rombo liscio: rummèlle di féure, (la), s.f. / rombo peloso, pesce marino: cianghétta peláse o piláuse, (la), s.f. / rombo giallo detto anche sogliola turca: municarèlle, (la), s.f. / sogliola pelosa, rombo: ciangátte, rummèlle, (la), s.f. / sogliola pelosa, suacia comune, linguattola: magnaciòcchele, cianghittáune, (lu), s.m.
rombo giallo detto anche sogliola turca, pesce marino: municarèlle, (la), s.f. / rombo peloso: cianghétta peláse o piláuse, (la), s.f. / sogliola pelosa, rombo: ciangátte, rummèlle, (la), s.f. / sogliola pelosa, suacia comune, linguattola: magnaciòcchele, cianghittáune, (lu), s.m. / rombo chiodato: rómmë, (lu), s.m.; rummèlle dé 'nderre, (la), s.f. / rombo liscio: rummèlle di féure, (la), s.f.
rombo liscio: rummèlle di féure, (la), s.f. /
rombo chiodato: rómmë, (lu), s.m.; rummèlle dé 'nderre, (la), s.f. / rombo peloso, pesce marino: cianghétta peláse o piláuse, (la), s.f. / rombo giallo detto anche sogliola turca: municarèlle, (la), s.f. / sogliola pelosa, rombo: ciangátte, rummèlle, (la), s.f. / sogliola pelosa, suacia comune, linguattola: magnaciòcchele, cianghittáune, (lu), s.m.
rombo peloso, pesce marino: cianghétta peláse o piláuse, (la), s.f. / rombo giallo detto anche sogliola turca: municarèlle, (la), s.f. / sogliola pelosa, rombo: ciangátte, rummèlle, (la), s.f. / sogliola pelosa, suacia comune, linguattola: magnaciòcchele, cianghittáune, (lu), s.m. / rombo chiodato: rómmë, (lu), s.m.; rummèlle dé 'nderre, (la), s.f. / rombo liscio: rummèlle di féure, (la), s.f.
salacca, cheppia o sarda, pesce azzurro marino, conservate sotto sale o affumicate: saràche, cchiáppe, (la), s.f. / pesce càntaro, tanuda, pesce dei girellidi: sàraca bbastàrde, canarèlle, (la), s.f. / sarda: sàrde o sardèlle, (la), s.f. / sarda sarda, palamite: palájje, (lu), s.m. / sardinella aurita, alaccia, varietà di sardina: sardellëine, (lu), s.m.
sarda, varieta di pesce azzurro: sàrde o sardèlle, (la), s.f. / sarda o cheppia, salacca, pesce azzurro, conservate sotto sale o affumicate: cchiáppe, saràche, (la), s.f. / pesce càntaro, tanuda, pesce dei girellidi: sàraca bbastàrde, canarèlle, (la), s.f. / sarda sarda, palamite, pesce azzurro marino: palájje, (lu), s.m. / sardinella aurita, alaccia, varietà di sardina, pesce azzurro: sardellëine, (lu), s.m.
sarda sarda, palamite, pesce azzurro marino: palájje, (lu), s.m. / sarda: sàrde o sardèlle, (la), s.f. / sarda o cheppia, salacca, conservate sotto sale o affumicate: cchiáppe, saràche, (la), s.f. / pesce càntaro, tanuda, pesce dei girellidi: sàraca bbastàrde, canarèlle, (la), s.f. / sardinella aurita, alaccia, varietà di sardina: sardellëine, (lu), s.m.
sardinella aurita, alaccia, varietà di sardina, pesce azzurro marino: sardellëine, (lu), s.m. / sarda: sàrde o sardèlle, (la), s.f. / sarda o cheppia, salacca, conservate sotto sale o affumicate: cchiáppe, saràche, (la), s.f. / pesce càntaro, tanuda, pesce dei girellidi: sàraca bbastàrde, canarèlle, (la), s.f. / sarda sarda, palamite: palájje, (lu), s.m.
scampo, crostaceo simile per aspetto all'astice ma molto più piccolo con carne molto pregiata e ricercata dal sapore delicato che ben si presta per esser cucinata per realizzare numerosi piatti: rrahuštàlle o rrahuštëine, (la), s.f.
scapece, pesce fritto, marinato nell'aceto con l'aggiunta di zafferano, in genere razza, palombo o seppia: scapàce, (la), s.f.
scorfano rosso o pesce sciarrano sacchetto: pèrchje, (la), s.f.
seppia: sàcce, (la), s.f., pl. li sécce
sgombro, pesce marino: sgàmmere, (lu), s..m., pl. li sghîmmere / pesce della varietà degli sgombri: cuccardèlle, (la), s.f. / costardella: craštavidelle, (lu), s.m. / lanzardo o sgombro cavallo, pesce marino appartenente alla famiglia scombridae: pupattáune, (lu), s.m.
sgombro cavallo o lanzardo, pesce marino appartenente alla famiglia scombridae: pupattáune, (lu), s.m. / pesce della varietà degli sgombri: cuccardèlle, (la), s.f. / costardella: craštavidelle, (lu), s.m. / sgombro, pesce marino: sgàmmere, (lu), s..m., pl. li sghîmmere
sogliola, pesce marino: sfòjje, (la), s.f., pl. li sfójje; 'nguáttele, (la), s.f. / sogliola occhiuta: sfòjje di féure, (la), s.f.
sogliola occhiuta: sfòjje di féure, (la), s.f. / sogliola, pesce marino: sfòjje, (la), s.f., pl. li sfójje; 'nguáttele, (la), s.f.
sogliola pelosa, rombo, pesce marino: ciangátte, rummèlle, (la), s.f. / rombo giallo detto anche sogliola turca: municarèlle, (la), s.f. / rombo peloso: cianghétta peláse o piláuse, (la), s.f. / sogliola pelosa, suacia comune, linguattola: magnaciòcchele, cianghittáune, (lu), s.m. / rombo chiodato: rómmë, (lu), s.m.; rummèlle dé 'nderre, (la), s.f. / rombo liscio: rummèlle di féure, (la), s.f.
sogliola turca detto anche rombo giallo, pesce marino: municarèlle, (la), s.f. / rombo peloso: cianghétta peláse o piláuse, (la), s.f. / sogliola pelosa, rombo: ciangátte, rummèlle, (la), s.f. / sogliola pelosa, suacia comune, linguattola: magnaciòcchele, cianghittáune, (lu), s.m. / rombo chiodato: rómmë, (lu), s.m.; rummèlle dé 'nderre, (la), s.f. / rombo liscio: rummèlle di féure, (la), s.f.
spinarolo bruno, varietà di pesce: camàce, (lu), s.m. / varietà di pesci adatti a essere marinati, come palombi, razze, spinaroli: camäce, (li), s.pl.
squalo azzurro o verdesca: pandadènde, (lu), s.m. / verdesca: virdàšche, (la), s.f. / palombo, gattuccio di mare: caccinèlle di mare, (lu), s.m. / palombo: paláumme, (lu), s.m.
stoccafisso
, merluzzo seccato, pesce marino: štòcche, (lu), s.m. /merluzzo salato: baccalà, (lu), s.m. / merluzzo: mirlícce, mirlîcce, (la), s.f.
suacia comune, linguattola, sogliola pelosa, pesce marino: magnaciòcchele, cianghittáune, (lu), s.m. / rombo peloso: cianghétta peláse o piláuse, (la), s.f. / rombo giallo detto anche sogliola turca: municarèlle, (la), s.f. / sogliola pelosa, rombo: ciangátte, rummèlle, (la), s.f. / rombo chiodato: rómmë, (lu), s.m.; rummèlle dé 'nderre, (la), s.f. / rombo liscio: rummèlle di féure, (la), s.f.
tambarello, pesce della famiglia dei tonni: tamburrèlle o tennáne, (lu), s.m.
tanuda, pesce càntaro, pesce della famiglia dei girellidi: canarèlle, sàraca bbastàrde, (la), s.f.,
scándene, (lu), s.m.
/ salacca, cheppia o sarda, pesce azzurro, conservate sotto sale o affumicate: saràche, cchiáppe, (la), s.f.
tartufo, conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, fasolaro, noce,lamellibranco, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze / conchiglia marina, cornetto: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
tartufo di mare, mollusco bivalve rigato: taratìffe, (lu ), s.m.
testone, ghiozzo, pesce marino: muzzáune o mizzáune, mizzilène, (lu), s.m.; muzzulëine, muzzilëine, muzzilène, testulëine, (la), s.f. / ghiozzo comune: bbàtte, (la), s.f. / ghiozzo paganello: bbuátte, buàtte, (la), s.f. / cappone dalmata anche gallinella, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m.; muzzelàne, (la), s.f. / cappone lira, ghiozzo testone, pesce cappone organo: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m.; muzzelàne di féure, (la), s.f. / pesce cappone: capáune, (lu), s.m.
tordo pappagallo, varietà di pesce: tànghe, (lu), s.m.
torpedine, pesce marino: trippëine, trippène, (la), s.f.
tràcina, pesce ragno, pesce marino munito di un aculeo velenoso: gragnilàtte, gragnulàtte, hragnilàtte, hragnulàtte, rignáule, rignáune, (lu), s.m. / tracina drago: gragnulàtte di cavallëine, (lu), s.m. / tracina di fondali: gragnulàtte di féure, (lu), s.m. / tracina vipera: gragnulàtte di 'nderre, (lu), s.m.
tracina di fondali: gragnulàtte di féure, (lu), s.m. / tràcina, pesce ragno, pesce marino munito di un aculeo velenoso: gragnilàtte, gragnulàtte, hragnilàtte, hragnulàtte, rignáule, rignáule, rignáune, (lu), s.m. / tracina drago: gragnulàtte di cavallëine, (lu), s.m. / tracina vipera: gragnulàtte di 'nderre, (lu), s.m.
tracina drago: gragnulàtte di cavallëine, (lu), s.m. / tràcina, pesce ragno, pesce marino munito di un aculeo velenoso: gragnilàtte, gragnulàtte, hragnilàtte, hragnulàtte, rignáule, rignáune, (lu), s.m. / tracina di fondali: gragnulàtte di féure, (lu), s.m. / tracina vipera: gragnulàtte di 'nderre, (lu), s.m.
tracina vipera: gragnulàtte di 'nderre, (lu), s.m. / tràcina, pesce ragno, pesce marino munito di un aculeo velenoso: gragnilàtte, gragnulàtte, hragnilàtte, hragnulàtte, rignáule, rignáune, (lu), s.m. / tracina drago: gragnulàtte di cavallëine, (lu), s.m. / tracina di fondali: gragnulàtte di féure, (lu), s.m.
triglia di fango o di scoglio: riscéule, rusciéule, (lu), s.m., pl. li rišciùle, rissciùle; trèjje, (la), s.f. / triglia di fango: varváune, (lu), s.m. / triglia del periodo agostiano: agoštinelle, (l'), s.f. / varietà di triglia: caratèlle, (la), s.f. / triglietta: rišciuluàtte, (lu), s.m. / triglia di scoglio dei fondali rocciosi dell'aspre (luogo di pesca ad alcune miglia dal porto di Vasto): riscéule d'aspre, (lu), s.m.
triglietta: rišciuluàtte, (lu), s.m. / triglia di scoglio o di fango: riscéule, rusciéule, (lu), s.m., pl. li rišciùle, rissciùle; trèjje, (la), s.f. / triglia di fango: varváune, (lu), s.m. / triglia del periodo agostiano: agoštinelle, (l'), s.f. / varietà di triglia: caratèlle, (la), s.f. / triglia di scoglio dei fondali rocciosi dell'aspre (luogo di pesca ad alcune miglia dal porto di Vasto): riscéule d'aspre, (lu), s.m.
trigone spinoso, pastinaca, varietà di pesce della famiglia dasiatidi a forma di rombo con aculeo caudato velenoso: chjámeche, hùrchije, (la), s.f., úrchie, (l'), s.m. / trigone viola, mollusco dal nicchio fusiforme: chiamechèlle, (la), s.f.
trigone viola, mollusco dal nicchio fusiforme: chiamechèlle, (la), s.f. / trigone spinoso, pastinaca, varietà di pesce della famiglia dasiatidi a forma di rombo con aculeo caudato velenoso: chjámeche, hùrchije, (la), s.f., úrchie, (l'), s.m.
valva, conchiglia delle vongole: cùcchie, (la), s.f. / cornetto, conchiglia marina: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, fasolaro, lamellibranco, noce, tartufo, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze (bbiànghe, rëisce, di féure), (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
verdesca o squalo azzurro: pandadènde, (lu), s.m. / verdesca: virdàšche, (la), s.f. / palombo: paláumme, (lu), s.m. / palombo, gattuccio di mare: caccinèlle di mare, (lu), s.m.

vopa, boga, pesce della famiglia degli sparidi: hépe, éupe, véupe, bbàbbe, (la), s.f.
canesca, varietà di palombo: paccavà, tummarèlle, (lu), s.m.
valva, conchiglia delle vongole: cùcchie, (la), s.f. / cornetto, conchiglia marina: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, fasolaro, lamellibranco, noce, tartufo, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
vongola, conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, fasolaro, noce,lamellibranco, tartufo, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze / conchiglia marina, cornetto: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.

pesce: manacáune, bèrre, (lu), s.m.
pesce appartenente alla fam. dei tonni: palamëite, (la), s.f.
pesce aquila: prótene o teraùrchje, (lu), s.m.
pesce balestra, di mare, appartenente alla famiglia balistidae: pésce pòrche, (lu), s.m.
pesce càntaro, tanuda, pesce dei girellidi: sàraca bbastàrde, canarèlle, (la), s.f. / salacca, cheppia o sarda, pesce azzurro, conservate sotto sale o affumicate: saràche, cchiáppe, (la), s.f. / sarda, varieta di pesce azzurro: sàrde o sardèlle, (la), s.f. / sarda sarda, palamite, pesce azzurro marino: palájje, (lu), s.m. / sardinella aurita, alaccia, varietà di sardina, pesce azzurro: sardellëine, (lu), s.m.
pesce cappone: capáune, (lu), s.m. / pesce cappone organo, ghiozzo testone, cappone lira: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m.; muzzelàne di féure, (la), s.f. / cappone dalmata anche gallinella, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m.; muzzelàne, (la), s.f. /ghiozzo, testone, pesce marino: muzzáune o mizzáune, (lu), s.m.; muzzulëine, muzzilëine, muzzilène, testulëine, (la), s.f. / ghiozzo comune: bbàtte, (la), s.f. / ghiozzo paganello: bbuátte, buàtte, (la), s.f.
pesce cappone organo, ghiozzo testone, cappone lira: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m.; muzzelàne di féure, (la), s.f. / pesce cappone: capáune, (lu), s.m. / cappone dalmata anche gallinella, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m.; muzzelàne, (la), s.f. /ghiozzo, testone, pesce marino: muzzáune o mizzáune, (lu), s.m.; muzzulëine, muzzilëine, muzzilène, testulëine, (la), s.f. / ghiozzo comune: bbàtte, (la), s.f. / ghiozzo paganello: bbuátte, buàtte, (la), s.f.
pesce
con la testa grande, gallinella
anche cappone dalmata: cucciláune (lu), s.m.
pesce della famiglia degli sgombri: cuccardèlle, (la), s.f. / costardella: craštavidelle, (lu), s.m.
pesce di taglia grande: pisciáune, (lu), s.m.
pesce donzella
della famiglia dei labridi, variètà di pesce, spesso pescata con le nasse: ciràse, 'ndrecciaráite, (lu), s.m.
pesce fico
, lampuga o lapuga, varietà di pesce che vive nei fondali: pàšce fëchere, leccìutte, (lu), s.m.
pesce fritto (infarinato): puàsce'mbarenäte, (lu), s.m. / pesce fritto marinato nell'aceto con l'aggiunta di zafferano, scapece: scapàce, (la), s.f.
pesce fritto, marinato nell'aceto con l'aggiunta di zafferano, in genere razza, palombo o seppia, scapece: scapàce, (la), s.f. / pesce fritto (infarinato): puàsce'mbarenäte, (lu), s.m.
pesce fuoco: pesce féche, (lu), s.m.
pesce infarinato
(fritto): puàsce'mbarenäte, (lu), s.m.
pesce luna
detto anche pesce mola, della famiglia dei molidi: cerasìlle, cirasìlle, ggiraséule, (lu), s.m.
pesce mandorla o menola: pesce mennele, (lu), s.m.
pesce menola o mandorla : pesce mennele, (lu), s.m.
pesce mola detto anche pesce luna, della famiglia dei molidi: cerasìlle, cirasìlle, ggiraséule, (lu), s.m.
pesce nudo, bianchetti, avannotti di pesce,
pesciolini bianchi marini ottimi per la frittura, minutaglia uniforme di piccoli pesci somiglianti alla sarde: papalëine (la), s.f. / pesci di piccolissima taglia, bianchetti: cicinìlle, (li), pl. / pesciolini di maggio: piscitílle di majje, s.m., pl. li / minutaglia di pesce per frittura, miscuglio di piccoli pesci anche frotta di bambini: frahàjje, (la), s.f.
pesce persico, perchia, varietà di pesce per il brodetto: càzze di 'rrà, (lu), s.m.
pesce pilota: fànfene, (lu), s.m.

pesce prete o lucerna, pesce marino indicato per la zuppa o brodetto di pesce, diffuso in tutto il mediterraneo, lungo le coste: vòcche 'n gàpe, vocche 'n cape, lucèrne, nucèlle, (la), s.f.; muceguèlle, pésce prèdde, (lu), s.m.
pesce ragno
, tràcina, pesce marino munito di un aculeo velenoso: gragnilàtte, gragnulàtte, hragnilàtte, hragnulàtte, rignáule, rignáune, (lu), s.m. / tracina drago: gragnulàtte di cavallëine, (lu), s.m. / tracina di fondali: gragnulàtte di féure, (lu), s.m. / tracina vipera: gragnulàtte di 'nderre, (lu), s.m.
pesce sciabola, spatola o pesce bandiera, è un pesce d'acqua salata appartenente alla famiglia trichiuridae: pésce argendine, (lu), s.m.
pesce sciarrano sacchetto o scorfano rosso: pèrchje, (la), s.f.
pesce secco: puàsce sàcche, (lu), s.m.
pesce violino, pesce marino: catàrre, vijulëine, (la), s.f.; calasciáune, (lu), s.m.
pescecane: pusciecàne, (lu), s.m.
/ pescecane, moneta dal suono falso, grano mediocre: caccaváune, (lu), s.m.
pesce donzella: scarpinàre, (la), s.f.
peschiera, vasca di raccolta acqua sorgiva per irrigazione dei campi e altri utilizzi: pischîre, (la), s.f.
pesci (insieme di) per brodetto o frittura, raccolti su di un minuscolo paniere, anche,
paniere di pesce appena pescato dato come pagamento dai pescatori, ant.: šcaffàtte, (la), s.f.
pesci (varietà di) adatti a essere marinati, come palombi, razze, spinaroli: camäce, (li), s.pl. / spinarolo bruno, varietà di pesce: camàce, (lu), s.m.
pesciarolo, pescivendolo: pessciaréule, s.m., pl. li pissciarule
pesciolini bianchi marini ottimi per la frittura, minutaglia uniforme di piccoli pesci somiglianti alla sarde, avannotti di pesce, bianchetti, pesce nudo: papalëine (la), s.f. / pesci di piccolissima taglia, bianchetti: cicinìlle, (li), pl. / pesciolini di maggio: piscitílle di majje, s.m., pl. li / minutaglia di pesce per frittura, miscuglio di piccoli pesci anche frotta di bambini: frahàjje, (la), s.f.
pesciolini di maggio: piscitílle di majje, s.m., pl. li /pesce nudo, bianchetti, avannotti di pesce,
pesciolini bianchi marini ottimi per la frittura, minutaglia uniforme di piccoli pesci somiglianti alla sarde: papalëine (la), s.f. / pesci di piccolissima taglia, bianchetti: cicinìlle, (li), pl. / minutaglia di pesce per frittura, miscuglio di piccoli pesci anche frotta di bambini: frahàjje, (la), s.f.
pescivendolo, pesciarolo: pessciaréule, s.m., pl. li pissciarule / pescivendolo anche marinanio:
pisciaréule, pusciaréule, (lu), s.m.
pesi, in senso fiscale: pisîure, (li), pl.
peso: puáse, pisáure, (lu), s.m. / ho la testa che mi pesa: tinghe 'nu pisáure a la còcce
peso
(antico) inferiore al chilo: ròtele
, (lu), s.m.
peso sull'asta della bilancia; ferita; sfregio: mérche, (lu), s.m.
pessima copiatura
; cattiva imitazione: bòrre, (lu), s.m.
pessima fama, cattiva nomea: malannummunéte, (la), s.f. / nomea; dubbia reputazione: annummunéte, (l'), s.f.
pestare
, acciaccare: acciaccá, v. / tritare, pestare, pestare il lardo sul tagliere: ddacciá, v. / tritare: tritá, v.
pestatura: pištatîure, (la), s.f.
peste: pešte, (la), s.f. / puzza come la peste!: pùzze gne' la pešte!
pestello: pištàlle, (lu), s.m.
pestello
, mortaio per triturare il sale o il pepe: murtàle, (lu), s.m., pl. li mirtelle, murtàre
peto non rumoroso
, flatulenza: lòffe, (la), s.f.
petrolio: pitrólje, (lu), s.m.
pettegola: criticànde, (la), s.f.
pettegola
anche materassaia: matirassàre, (la), s.f.; materassaio: matirassàre, (lu), s.m.
pettegolare, cianciare, ciarlare, cicalare, parlare continuamente a voce alta, con intenzione maligna e in tono provocatorio, a carico di qualcuno senza riserve mentali e sottintesi: abbaccillá, v, ant.
pettegolezzo, maldicenza: parraháune, (lu), s.m.
pettegola, chiacchierona (di area contadina): pittilàre, (la), s..f.
pettegolo-a, ciarliero-a: pettilàzze, pittilàzze, (lu/la), s.m.f. / pettegolo-a, linguacciuto-a: lengalònghe, (lu/la), s.m.f. / malalingua; pettegolo-a con fini spregiativi: malalànghe, (lu/la), s.m.f. / pettegola: péttele
, pittilàzze, parraháunare, (la), s.f.
pettegolo-a con fini spregiativi; malalingua: malalànghe, (lu/la), s.m.f. / pettegolo-a: pettilàzze, pittilàzze, (lu/la), s.m.f. /
pettegolo-a, linguacciuto-a: lengalònghe, (lu/la), s.m.f. / pettegola: péttele
, pittilàzze,
parrah
áunare, (la), s.f.

pettegolo
; arruffone: 'mbicciáune, (lu), s.m.
pettine
: puêttine, (lu), s.m., pl. li pìttine /
pettine dalla forma simile al ventaglio: caništralle, (lu), s.m. / anche pettine, ventaglio: còppa sànde, papasònne o papasànde, (la), s.f. / anche conchiglia bivalve che ricorda il pettine, con una valva superiore piatta e l'altra in rilievo: coppesànde, (la), s.f.
pettine dalla forma simile al ventaglio: caništralle, (lu), s.m. / pettine: puêttine, (lu), s.m., pl. li pìttine / anche pettine, ventaglio: còppa sànde, papasònne o papasànde, (la), s.f. / anche conchiglia bivalve che ricorda il pettine, con una valva superiore piatta e l'altra in rilievo: coppesànde, (la), s.f.
pettine dei canapini, cioè di coloro che lavorano la canapa: gràssile, (la), s.f.
pettine ornamentale per le donne: pittinásse, (la), s.f.
pettine (parte del) senza denti anche
moneta di due soldi, buono a nulla, callo del ciabattino: taláune, (lu), s.m.
pettirosso
: pittiràsce, puittiràsce, (lu), s.m., pl. li pittirìsce
petto, torace: puëtte, pètte, (lu), s.m., pl. li pitte
péuse
, (la), s.f.: posa, morchia / posa di vino nelle botti, morchia, deposito: fècce, (la), s.f.
pèzz' e ósse, gioco di ragazzi fatto con pietre lisce e un mattone, dietro cui vi è la posta in gioco; gioco consistente nel lancio di una pietra contro un bersaglio: pèzz' e ósse, (lu), s.m.
pezza, panno, pezzo di stoffa, tessuto, fondello dei pantaloni: pèzze, (la), s.f., pl. li pèzze / ha i pantaloni rattoppati, rappezzati: te' li pèzze a lu quîule / persona di bell'aspetto: pèzze, lu/(la), s.f.m. - un bel tocco di donna: 'na pèzze di fàmmene / sedere, culo: chîule, quîule, (lu), s.m., pl. li chîle
pezzente: pizzènde, (lu), s.m.
pezzenteria
, povertà: bizzindarëjje, (la), s.f. /
pezzenteria
, miseria, gentaglia: pezzanderèje
, (la), s.f. / miseria: misèrie, (la), s.f. / miseria, sfortuna, iella al gioco: scaràgne, (la), s.f. /gentaglia, masnada: ggendàjje, (la), s.f.
pezzetti di legno per avviare il fuoco: šcappitìlle, (li), pl.
pezzettino di lardo di maiale
, sfrigolo: sfrèvule, (lu), s.m. / pézze nghi li sfrìvule 
pezzi (a): a catùcchie, loc. avv.
pezzo, pezzo di terra, appezzamento: pèzze, (lu), s.m.
pezzo di acciaio per affilare i coltelli
: acciarëine, (l'), s.m.
pezzo di cuoio all'interno della scarpa per renderla garbata: azze, (l'), s.f.
pezzo di ferro
, lamina di metallo, punta della pala capovolta, conficcati parzialmente nel terreno davanti agli usci per pulire le scarpe infangate: pulisciascàrpe, rašcatáure, (lu) s.m.
pezzo di stoffa
, panno, pezza, tessuto, fondello dei pantaloni: pèzze, (la), s.f., pl. li pèzze / ha i pantaloni rattoppati, rappezzati: te' li pèzze a lu quîule / persona di bell'aspetto: pèzze, lu/(la), s.f.m. - un bel tocco di donna: 'na pèzze di fàmmene / sedere, culo: chîule, quîule, (lu), s.m., pl. li chîle
pezzo di terra
, pezzo, appezzamento: pèzze, (lu), s.m.
pezzo di tessuto
, stoffa, panno, pezza, fondello dei pantaloni: pèzze, (la), s.f., pl. li pèzze / ha i pantaloni rattoppati, rappezzati: te' li pèzze a lu quîule / persona di bell'aspetto: pèzze, lu/(la), s.f.m. - un bel tocco di donna: 'na pèzze di fàmmene / sedere, culo: chîule, quîule, (lu), s.m., pl. li chîle
pezzuola umida
(in genere): pizzitëlle /
pezzuola umida che si pone tra ferro da stiro e stoffa di un vestito
, tendina: bandunèlle, (la), s.f.
pezzuola umida che si pone tra ferro da stiro e stoffa di un vestito, tendina: bandunèlle, (la), s.f. / pezzuola umida (in genere): pizzitëlle
piacere
: piacé, piaciá, v. / piacere, gesto di cortesia: piacîre, (lu), s.m.
piaga: piàche, piàghe, (la), s.f. / piaga di logorio degli animali da soma; colpo: bòtte, (la), s.f. /
piaghe degli animali da lavoro
: varlèse, (li), pl.
piaga di logorio degli animali da soma
; colpo: bòtte, (la), s.f. / piaghe degli animali da lavoro: varlèse, (li), pl. / piaga: piàche, piàghe, (la), s.f.
piaghe degli animali da lavoro
: varlèse, (li), pl. / piaga di logorio degli animali da soma; colpo: bòtte, (la), s.f. / piaga: piàche, piàghe, (la), s.f.
pià
gne, chjàgne, v.: piangere
piagnucolio insistente
, lamento, lagna: làgne, (lu), s.m. / lamento: lamènde, (lu), s.m.
piagnucoloso
per fisima, fissazione, o capriccio: piagnìsce, agg.
pialla
: piàlle, (la), s.f., pl. li pialle / pialla piccola, di dimensione più corta rispetto a quella normale: pianòzze, (lu), s.m., pl. li pianuzze /
pialletto con maggiore potere sgrossante
: sgrussuene, (lu), s.m., pl. li sgrussuene
pialla piccola
, di dimensione più corta rispetto a quella normale: pianòzze, (lu), s.m., pl. li pianuzze / pialletto con maggiore potere sgrossante: sgrussuene, (lu), s.m., pl. li sgrussuene / pialla: piàlle, (la), s.f., pl. li pialle
pialletto con maggiore potere sgrossante
: sgrussuene, (lu), s.m., pl. li sgrussuene /
pialla piccola
, di dimensione più corta rispetto a quella normale: pianòzze, (lu), s.m., pl. li pianuzze / pialla: piàlle, (la), s.f., pl. li pialle
piana, pianoro: piàne, (la), sf.
pianerottolo
: ballatîure, (lu), s.m., pl. li ballatîure
piangere
: piàgnë, p.p. piànte, chjàgnë, v.
piano
: chiane, piáne, agg. / piano piano: chiane chiane, loc. avv.
piano
(in), equilibrio (in): 'mbiàne, avv.
piano inclinato (di) anche strambo, instabile, di persona poco affidabile, non tanto a posto: trâmbe, agg.
piano piano
: chiàne o chjàne chiàne, loc. avv. /
piano piano
, mogio mogio, muoversi con circospezione: uatt a uatte, huàtta huátte, allèb' allèbbe, uàsce uàsce, lòcche lòcche, loc. avv. /
piano piano o anche appena in tempo: a tèmbe a ttèmbe, loc. avv.
piano primo (stanza al), il di sopra: dusuàpre, (lu), s.m. / stanza al piano terra o pianterreno, il di sotto: dusuàtte, (lu), s.m., terràte, (la), s.f. / camera, stanza: càmbre, (la), s.f.
piano terra (stanza al) o pianterreno, il di sotto: dusuàtte, (lu), s.m., terràte, (la), s.f. / stanza al primo piano, il di sopra: dusuàpre, (lu), s.m. / camera, stanza: càmbre, (la), s.f.
pianoro
, piana: piàne, (la), sf.
pianta a dimora
, pollone: bacchittáune, (lu), s.m.
pianta delle rosacee anche schiaffo dato con le cique dita: cinghefrînne, (lu), s.m.
pianta erbacea con foglie ovate e seghettate molto adoperata in cucina
; erba aromatica, mentuccia, menta spontanea selvatica: mindîcce, mindìcce, (la), s.f.; aisubuird, (l'), s.f.; ujjssubbûrghe, (l'), s.m.
pianta (genere di) delle composite: cecapáice
, (la), s.f.
pianta di carciofo
e non cardo, cardone: cardàune, (lu), s.m., pl. li cardìne
pianta di robusta ramificazione: tréufe, (lu), s.m.
pianta ornamentale dalle dimensioni piuttosto ridotte anche  piccolo albero con portamento arbustaceo, tamerice: tamaráice, (la), s.f.
pianta palustre per impagliare le sedie
: fahène, (la), s.f.
pianta parassitaria spontanea: cecahallëine
, (la), s.f.
panta spontanea (varietà di), tussillaggine: tussellàgge, (la), s.f.
pianterreno o stanza al piano terra, il di sotto: dusuàtte, (lu), s.m., terràte, (la), s.f. / stanza al primo piano, il di sopra: dusuàpre, (lu), s.m. / camera, stanza: càmbre, (la), s.f.
piantina
, alberello, arboscello, della quercia: pidarèle, (lu), s.m.
pianto
: piàgne, (lu), s.m.
piastrella da cucina
: riggiùle, (la), s.f.
piattaforma di legno, munita di una larga rete, per la pesca costiera (palafitta in mare con rete a bilanciere), trabocco o trabucco: trabbàcche , (lu), s.m.
piattaio: piattàre, (lu), s.m.
piattino
: piattîcce, (lu), s.m., dim. di piàtte /
piatto
: piàtte, (lu), s.m., pl. li pijêtte / piatto fondo: piàtte cuppîute, (lu), s.m.
piatto
: piàtte, (lu), s.m., pl. li pijêtte / piatto fondo: piàtte cuppîute, (lu), s.m. / piattino: piattîcce, (lu), s.m., dim. di piàtte / piatto alla trappetara, preparato in modo grezzo, cioè approntato dall'artigiano che conduce il trappéto (frantoio); quasi sempre si tratta di piatto a base di stoccafisso: a la trappetare / pasto di patate lesse, mescolate a peperoni arrostiti, con aggiunta di olio e trito di peperoncino piccante: piàtte di lu facchëine, (lu), s.m.
piatto: chiátte, (lu), s.m. / di persona tarchiata e grassa; spianato; uniforme: chiátte, agg.
piatto bucherellato
, mestolo: viddataure, (la), s.f., pl. li viddataure; cuppeine, cuppuene, (lu), s.m., pl. li cuppuene
piatto della bilancia: còppe, (la), s.f.
piatto di rame per la raccolta dell'olio nel frantoio: pràtele, (lu), s.m.
piatto fondo: piàtte cuppîute, (lu), s.m. / piatto: piàtte, (lu), s.m., pl. li pijêtte / piattino: piattîcce, (lu), s.m., dim. di piàtte
piattola; pidocchio del pube: cchiattálle, (lu), s.m., (li), pl. cchiattèlle
piazza: piàzze, (la), s.f.
piazza delle erbe
, mercato: piàzze de la virdïure, (la), s.f. / verdura, erbe, ortaggi in genere: virdïure, virdîure, virdîre, (la), s.f. / mercato, fiera: fîre, (la), s.f.
pica, gazza ladra, cola cola: chéule, ciacciachéule, píche, peche, còla chéule, (la), sf., pl. li peche, còla chéule
piccante: pizzicànde, agg.
piccantello, amaro, diavoletto, diavolicchio, lazzaretto, peperoncino piccante rosso:
bruciaquîule, cazzarèlle, diavilàlle, diavulillo, lazzarêtte, pepicucènde, piparole rásce, pipidìnie pizzicande, pipintone di 'mberne, pispagnole di féuche,
(lu), s.m., pl. li cazzarìlle anche cavatelli, piccoli gnocchi, diavilèlle, lazzarètte

piccino: cinìnne, cinànne, agg. / piccolo, minuto: piccinìnne, agg.
piccola cosa, appena: pìcca, (la), s.f. / ne ho appena per me: ne tìnghe pìcca
piccolo, minuto: piccinìnne, agg. / piccino: cinìnne, cinànne, agg.
piccone: pècche, piccáune, puccáune, (lu), s.m.
picchiare
, percuotere: ariffaldá, v. / picchiare, battere: vàttë, vattié, v. / battere, accoppare: accuppá, v. / picchiare, battere, farsi aprire alla porta per entrare o farsi riconoscere: tuzzulá, v. / picchiare, abbindolare, dare: attarruná, v. / abbindolare, raggirare: zingariá, v.
piccino: cinìnne o cinànne, agg.
piccioncino: piccingiàlle, (lu), s.m. / piccione anche capriccioso: picciáune, (lu), s.m.
piccione anche capriccioso: picciáune, (lu), s.m.
/ piccioncino: piccingiàlle, (lu), s.m.
piccola colpa, ammaccatura: maccatèlle, (la), s.f.
piccolo
(il) della vacca, pecora o capra; si usa anche nell'accezione di cornuto: ciavàrre, (lu), s.m.
pidocchi delle galline anche pollini: pullëine, (li), pl.
pidocchio: pidùcchie, (lu), s.m. / pidocchioanche domenicano: duminicàne, ant., agg./ (la), s.f. / pidocchio delle vestimenta: pediculus vestimenta / pidocchi: caggianille, pedòcchjera, (li), s.m., pl.
pidocchio: posapiàne, (lu), s.m.
pidocchio del pube
; piattola: cchiattálle, (lu), s.m., (li), pl. cchiattèlle
pidocchioso
: jènniláuse, (lu), s.m.
pié di pellicano, ostrica univalve anche crocetta: cruciátte, (la), s.f.
piede, anche albero: péte o péde, (lu), s.m., pl. li pîte / un albero di arance: nu péte di purtuhálle
piedi del telaio
; manici della tenaglia, anche coscia, gamba: còsse, hàmme, amme, (la), s.f., pl. li còsse, li emme
piedi dolci, propri dei barbieri, afflitti spesso da calli o da duroni: pitallásse, s.m., (li), pl.
piega
, increspatura
: aggrujatîure, (l'), s.f.
piega
, crespa, ruga; ferro di poppa: grùjje, (la), s.f.
piega del vestito, crespa; difetto nell'arricciatura dell'abito: vainèlle, (la), s.f.
piega dell'abito femminile: trìjje, (la), s.f.
piegare, chinare il capo o il corpo, abbassare: acciuqqué, v. / chinati!: accîcchete! / chinare il capo palesando dispetto, broncio: ammurré, v.
piegarsi, curvarsi: cutiárese, v.
pieghettare, increspare: trujjá, v.
piena del fiume: piàne,