Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Vocabolario italiano-vastese: O
 
A
B
C
D
E
F
G
H
I
L
M
N
P
Q
R
S
T
U
V
Z

o: o, od, cong
obbligazione, obbligo: ubblihaziáune, (l'), s.f.,
òbbleche, (l'), s.m.

obbligazione; pagamento: pahamènde, (lu), s.m.
obliquo (guardare in modo), di sfuggita: di sguéisce, loc. avv.
obbligo
, obbligazione:
òbbleche, (l'), s.m., ubblihaziáune, (l'), s.f.
obesa (persona di complessione): gravànde, agg.
oboe rustica, flauto rustico, cennamella: ciaramèlle, (la), s.f. / flauto: fràule, (lu), s.m.
oca, papera: puaparàune, (lu), s.m., pl. li paparihune / piccola papera: paparêlle, (la), s.f., pl. li paparêlle / martin pescatore anche pulcino della papera: paparèlle, (lu), s.m. / stellaris media, centonchio, erba spontanea: paparèlle, (la), s.f.
occasione, circostanza: uccasiáune, (l'), s.f.; cànze, (lu), s.m.
occasione: 'ccasiáune, (la), s.f.
occasione; congiuntura: cungiundìure
, (la), s.f.
occhi lucidi dell'ubriaco, dell'avvinazzato: lícine, lícine; cinìlle cinìlle; pinìlle pinìlle, loc. avv.
occhi (stanchezza degli) per sovrabbondante sonno: ciuférchie
, (la), s.f.
occhiali; lente; lenticchia: lènde, (la), s.f. /
occhiali: ucchièle, (l'), pl.
occhiata; sbirciata: guardáte, smiccijé, (la), s.f.
occhiata iettatoria: ùcchie trèšte, (l'), s.m.
occhiata maliziosa e birichina: accinnarèlle, (l'), s.f.
occhiello della scarpa: ucchjalátte, (l'), s.m.
occhio:
ùcchie, ùcchije, (l'), s.m., pl. (l'), anche cinìlle, (li), s.m., pl. / socchiuso, riferito agli occhi: cinìlle, agg. / socchiusi anche gli occhi dell'ubriaco: cinìlle cinìlle, loc. avv.
occhio delle piante che anticipa la schiusa del frutto anche occhio della vite: päppe, (lu), s.m.
occhio della vite anche occhio delle piante che anticipa la schiusa del frutto: päppe, (lu), s.m.
occipite
, nuca, collottola: cuzzátte, cudàlle, cuticàgne, (la), s.f.
occorrente
(l'), giusto (il), sufficiente (il): baštànde, bbastànde, ahìšte, (lu), s.m. / non mangiare molto, solo il giusto: ni' mmagná naquàlle, magne lu bbastànde
occupato
, impegnato: imbiccéte, agg.
occupazione, lavoro: giòbbe, (lu), s.m. / fatica, lavoro: fatèjje, (la), s.f.
odiare: udié, v.
odio
, livore: òdie o ùdie, (l'), s.m.
odio (in); uggia (in), avv.: 'mbùzze
odorare: addurá, v. / odorare, fiutare, cercare, annusare: usumá, usumuá, annasá, v. / va curiosando: canda va usummànne / cercare, chiedere: circá, v.
odore
: addáure, (l'), s.m. / odore nauseabondo, cattivo odore, tanfo, puzza: támbe, (la), s.f. / tanfo, puzzo: àfe, (l'), s.f. / puzzo: pìzze, (la), s.f. / improvvisa ondata di odore acre e sgradevole, fetore, zaffata: bafànne, bafàgne, sbafàgne, (la), s.f.
odoroso: adduráuse, agg.
offendere, insultare, ingiuriare: 'ngnurié, gnurié, v. / insultare: 'nzultá, v. / offendere: uffènnë, v., p.p. uffáuse
offendersi: chiscérese, v.
offerta, dono: uffèrta, (l'), s.f.
offerta di cibo, denaro, mancia: affèrte, (l'), s.f.
offerta di denaro, cibo, mancia: affèrte, (l'), s.f.
offesa: uffáuse, (l'), s.f. / di parti del corpo non normali per patologie o paralisi: uffáuse, agg.
offrire, proporre, anche cadere e colpire: amminá, v.
oggetti di poco conto, cianfrusaglia: bimbilarïe, (li), pl. / cianfrusaglia di rigattiere: marciammájje, (la), s.f. / cianfrusaglie, reticenze, anche moine, leziosaggini: marciammëje, (li), pl.
oggi
: uie, ùjje, (l'), s.m.-avv.
oggetto, cosa: chéuse, (la), s.f. / oggetto inservibile, grancassa: scascïáune, (lu), s.m. /
oggetto di poco pregio, masserizia, carabattola, prendi le tue carabattole e vattene, anche ragazza incline a facili costumi; carabattole: 'mbambànaje, (li), pl.; fig. bazzecola, bagatella: bahattèlle, (la), s.f.
ogni: ugne, ògne, agg. / ogni giorno è buono per lavorare: ugne jurne è bbòne pi' fatijé
ogni cosa: vitatèrne, (la), s.f.
ogni giorno
: ognejùrne, avv. / ogni giorno è fuori: šta féure ognejùrne
ogni volta
: ògne vòdde, cong.
ognuno
: ognîune, ugnîune, pron.
ohibò! come, se interrogativa: bbò!, esclam.
Olga
: Ólghe, n.p.p.
oliatore: ujatîure, (lu), s.m.
oliera
: acitîre, (l'), s.f.
olio: ùjje, ùje, uie, (l'), s.m.
olio
di lino: uie di lene, (l'), s.m. (non ha plurale)
olio di scarto del frantoio anche inferno: 'mbèrne, (lu), s.m.
olio di ricino usato come purgante, ricino: récine, (lu), s.m.
olio limpido: lambànde, (lu), s.m
oliva
: léive, lïva, lìva, uléive, (la), s.f.
oliva addolcita per contorno antipasti: lïva curéte, (la), s.f.
oliva da pasto
: lëiva cùcchie, (la), s.f.
oliva più grossa del normale, adatta alla conservazione: cánge, (la), s.f.
oliveto
:
uluväte, (l'), s.m., luvuête, (lu), s.m., pl. li livete
olivo (di) dagli acini molto allungati, odore, afrore di capra: crapágne, (la), s.f./agg. / olivo selvatico: sacègne, (lu), s.m.
olmo
: alme, àlme, (l'), s.m. / olmo, chi rimane senza bere nel gioco della passatella: ólme, hùlme, hòlme, (l'), s.m.
oltraggiare
, profanare, massacro, strage: cciudàjje, (lu), s.m. / di la fàmmene a la 'Mèreche l'ome fanne nu cciudàjje
oltre
: óddre, avv. e prep.; ìtre, agg
oltretomba
, strafondo, l'abisso, ma anche l'inverno o l'inferno: trafonne, (lu), s.m.
omaggio; cerimonia; vezzo: cirimònie, cirimòneje, (la), s.f.
ombra; fantasma; incubo: pandáfeche, (la), s.f.
ombrellaio
, chi ripara ombrelli: 'mbrelláre, (lu), s.m., pl. li 'mbrellére
ombrello: 'mbrëlle, umbrëlle, (lu), (l'), s.m. / giacchio, rezzaglio, sparviero, rete conica da pesca ad apertura circolare,  a lancio: 'mbrëlle, umbrëlle, rizzàcchie, (lu), (l'), s.m., resàcce, (la), s.f.
ombrina
, anche corvo, così chiamato per il suo colore scuro, pesce marino dalle carni pregiate: umbrëine, (l'), s.f., córve, córeve, (lu), s.m., pl. li curve, curvátte o curevátte, (lu), s.m., dènde chîrve, (lu), s.m.
ombrinale
; foro di scarico della barca: bburnàte, (lu), s.m.
ombroso
: umbràse, (l'), s.m.
omento che avvolge i visceri del maiale o dell'agnello: rèzze, (la), s.f. / ti apro il ventre con una coltellata: t'arrèpe la rèzze
omicidio
: 'micèdie
, (lu), s.m.
omone: ummunáune, (l'), s.m.; crištijanáune, (lu), s.m.
omosessuale, ricchione, invertito, finocchio, frocio: ricchiáune, finùcchie, frusciáune, freùsce, (lu), s.m.
oncia: ánze, (l'), s.f.
onda: ànde, (l'), s.f.; cavalláune, (lu), s.m.
onda
(grossa): varùscele, (lu), s.m.
ondeggiante
come un salice, allampanato, persona alta e allampanata: salicáune, (l'), s.m.
ondeggiare, barcollare anche dilazionare un impegno: trambijé, v.
onesto, retto: rrètte, agg.
Onofrio
: 'Nùfrie, n.p.p.
onorare, rispettare: unurá, v.
Onorata
: Unurüate, 'Nuràte, 'Nuratìcce, n.p.p.
Onorato: Unurüate, n.p.p.
opera maldestra, male eseguita: ccisùrie, (lu), s.m.
operaio, lavoratore: upiràje, uperàje, (l'), s.m.
/
lavoratore: fatiatáure, fatijatáure, fatijatàre, (lu), s.m.
operaio o custode addetto alla neviera, nevarolo: nivaréule, nevarèle, (lu), s.m.
operaio addetto a scavi di terra
, sterratore: turrazzìre, (lu), s.m.
operaio che lavora col badile: bbadilànde, (lu), s.m.
operaio del pastificio anche goloso di maccheroni: maccarunàre, maccurunàre, (lu), s.m.
operaio di prosciuttificio anche venditore di prosciutti: prisuttàre, (lu), s.m.
operaio giornaliero, bracciante a giornata: jurnatàre, pl. li jurnatire,
ajîute, (lu), s.m., pl. l'ajîute / contadino, cafone, anche zotico: quafáune o cafáune, pl. li cafihune, zappatèrre, pl. li zappatèrre / contadino: bèrre di sàbbie, (lu), s.m. / contadino: cambaréule, (lu), s.m.
operare in modo negligente
, abborracciare, far le cose alla carlona: acciavattá, v.
operatore ecologico, spazzino: munnezzáre, (lu), s.m., pl. li minnezzere / spazzino, persona di bassa condizione sociale: fumuràre, (lu), s.m., pl. li fumirere
oppio o acero campestre: uóppie, (lu), s.m. / oppio: addùbbie, (l'), s.m.
opporsi: arvillé, v.
oppure: oppuramènde, cong.
or ora: mò prúprete, loc. avv.
ora, adesso, , in questo istante, in questo momento, adesso adesso:  mò mò, më, òre, ammò,  avv./loc. avv. / ora è un anno: ammò fa' l'anne
ora: eure, (l'), s.f. / ora (una data) suonata dall'orologio:
battucchiàlle, (lu), s.m.
oramai
anche tra poco: ujjamé, oramà, avv.
orario
: uràrie, (l'), s.m.
orata
, pesce pregiato: auráte, uráte, (l'), s.f.
orazione: urazîune, (l'), s.f.
orcio piccolo
di terracotta, contenitore, di terracotta per acqua e vino, anfora: càndre, càndere (la), s.f.; cìcine, cîcile, ciùcine, trîffele, truiffule, (lu), s.m., pl. li cìcine, li triffule
orcio, in genere per riporre l'olio; càntaro per i bisogni corporali: minàre
, (lu), s.m.
orciolo
: ciucinèlle
, (lu), s.m. / utello, vasetto di terracotta invetriata per tenervi l'olio: ciucinèlle, (lu), s.m. / orciolo di terracotta anche deretano: trûffele, (lu), s.m / otre anche giara: trûfe, (lu), s.m. /giara, recipiente di terracotta usato per bere: ggiàrre, (la), s.f. .
ordinare
: urduná
, v.
ordine
; filare di viti: árdene, (l'), s.m.

ordine domestico: cummëjje, (lu), s.m.
ordito
legato a un panno di lino per l'inizio della tessitura: appannatáure, (l'), s.f.

orecchi erti: ràcchije pèsele, (la), s.f., pl. (li)
orecchia di mare, aliotide, mollusco a forma di conca attaccata agli scogli: ràcchije di Sam Bbìtre, (la), s.f.

orecchini: rricchiëijne, (li), pl. /orecchini piccoli: ricchinìlle, (li), pl.
orecchini piccoli: ricchinìlle, (li), pl. / orecchini: rricchiëijne, (li), pl.
orecchio
: ràcchie, ràcchije, (la), s.f. pl. li rècchie

orefice
: uràfece, (l'), s.m.;
ruàfece, ràfece, (lu), s.m., pl. li rèfece
organetto (tipico), abruzzese: ddubbótte, (lu), s.m.
organo: órghene, (l'), s.m.
organo del trabocco anche saliscendi: calescëgne, sàjje e sciàgne o sciànne, (lu), s.m.
organo sessuale del maiale: uangiánne, (lu), s.m.
organo sessuale femminile: ciambà
šche, (la), s.f. / organo sessuale femminile anche giberna: cibbèrne, (la), s.f.
organo sessuale femminile, vulva: fàsse, gibbèrne, (la), s.f. / organo sessuale femm., anche come agg. per dire scandalosa, indecente: ciònne (la), s.f., / vagina: cîcce, ciucce, (la), s.f. / per dire di persona di bassa statura: n'arrive a vascià la ciuccie all'asene / organo sessuale femminile anche di cosa, evento o persona gradevole, buona, soddisfacente: fràgne, (la), s.f.
/ la parte intima della donna: ciònne, (la), s.f.
organo sessuale femminile
: nèsce
, šche, (la), s.f.
organo sessuale maschile
: pènghe, (la), s.f.
organo sessuale maschile (metaforico): rièlle, (la), s.f. / anche regolo per muratori o falegnami
organo sessuale maschile (scherzosamente si allude all'); o al denaro da restituire che metaforicamente, si troverebbe sulla coda della volpe; coda di volpe: code di hàlepe
, (la), s.f.
organo sensuale maschile inoperoso (modo ironico per definire l'...); asta di legno per battere (far uscire dalla buccia) legumi e cereali: vattacèice, (lu), s.m.
orgasmo sessuale, acme: dógge, fig.
/ dolce, confettura: cosadàgge, (la), s.f., pl. li cosadìgge / dolce: dàgge, duàgge, (lu), s.m./agg., pl. li dìgge, dim. duggiarèlle
orgoglio, talvolta boria: retinìnzie, (la), s.f.
origano
: pulàjje, pelàjje, réchete, (lu), s.m. / pane, olio e origano: lu puàne 'nghi lu pulàjje
originario, nativo: natève, agg.
origliare: arricchiá, addusulé, v. /
origliare in maniera furbesca, ritenere, tenere a mente: usulijé, v.
orinale, vaso da notte, càntaro, pitale:
pisciatáure, zí peppe, (lu), s.m., pl. li pisciatîure / recipiente per raccogliere le feci: cacatáure, (lu), s.m., pl. li cacatîure

orinale: renàle, (lu), s.m.
orinare anche muoversi con vivacità: zurrijé, zurrié, v.
orlare
: allappá, v.
orlo, margine, lato: làte, (lu), s.m. / orlo (sull'), filo (sul), rasente rasente: 'm bizze 'm bëzze / camëne 'm bizze 'm bëzze a lu fosse
orlo (sull'), sul limitare, a randa a randa: rènde rènde, loc. avv.
orlo di biancheria
: ciummulèlle, (lu), s.m.
orlo di un recipiente, di una scarpa: làppe, (lu), s.m.
orlo di una scarpa, di un recipiente: làppe, (lu), s.m.
orlo
(sull'), in punta anche averne abbastanza: 'mpìzze, avv.
orma, pedata: pidáte, (la), s.f.
ormeggiare: arimmiggiá, mullá, v. / ormeggiare la barca: remeggiá, v.
ornamento; ciondolo, vezzo di gioielli: brellòcche, (lu), s.m. / ornamento di calzatura: huardungìlle, (lu), s.m.
ornamento di calzatura: huardungìlle, (lu), s.m. / ciondolo, ornamento: brellòcche, (lu), s.m.
ornamento di perle; vezzo: cungérte
, (lu), s.m.
oro: èure, (l'), s.m.
orologio: rullògge, (lu), s.m.,pl. li rillugge
orologio (grosso) anche macchia: patàcche, (la), s.f.
orologiaio: urliggiàre, rurluggiàre, rulluggiàre, (l'), (lu), s.m., pl. li rilluggière
oroscopo, predizione: pianäte, (la), s.f. /
predizione, pronostico, ventura: vindîure, (la), s.f.
orso, persona scontrosa: árze, (l'), s.m., pl. l'îrze;
orsù, suvvia: viasí, avv.
ortaggi, erbe, verdura: virdìre, virdîre, virdïure, a la uaštarele, (la), s.f. / il mercato, la piazza delle erbe: la piazze de la virdïure / bieta, bietola, verdura coltivata: bïàte, bbiàte, bbiéte, (la), s.f. / bietola spontanea, verdura: bietàlle, (la), s.f. / cappuccia, cavolo cappuccio, verza, verzotta: cappîcce, verzètte, verzotte, virzòtte, (la), s.f., pl. li cappîcce, li verzotte / cappuccio: quappìcce, (lu), s.m. / cavolo verzotto: bulugnáise, (la), s.f. / carciofo: scarciófene, (la), s.f., pl. li scarciófene / cardo: quàrde, (lu), s.m. / cardone, pianta di carciofo e non cardo: cardàne, (lu), s.m., pl. li cardìne / cavolfiore: capefiàre, caffijàre, (lu), s.m., pl. li caffijüre; bianchi e neri: bienche e nnèire / cetriolo: melànghele, (la), s.f. / fava: fáfe, (la), s.f. / finocchio: finùcchie, (lu), s.m. / insalata, lattuga: 'nzálate, nzaläte, (la), s.f. / insalata mista: fujj'ammèsche, (la), s.f., pl. li fujj'ammèsche, detta anche "misticanze", insalata nella quale si mischiano, condite con aceto, olio extra vergine d'oliva e sale: indivia, lattuga, cicoria, finocchi, rucola, aglio e carote con qualche fogliolina di mentuccia / melanzana: milignàme, (la), s.f., pl. li milignàme / patata: patáne, (la), s.f. / pomodoro: pammadére, pammadéure, (la), s.f., pl. li pammadére; bottiglie di solo pelati: bbuttèje di pammadéure; di sola salsa: bbuttèje di sâzze / sedano: làcce, (lu), s.m. / zucca: chicàcce, (la), s.f., pl. li chicàcce / zucchina: chicucciàlle, (la), s.f.
ortica: ardëiche, (la), s.f.
orticaria anche morbillo: ritichénie, retichénie, (la), s.f.
orto: órte, (l'), s.m.
ortolano: urtulàne, (l'), s.m.
orzaiolo: jurvaréule, (lu), s.m.
orzo: órze, (l'), s.m.
osceno (con significato) anche alla pecorina, a somiglianza di pecora: a la picurène, loc. avv.
ospitalità, accoglienza: accujjènze, (l'), s.f. /
ospitalità, riparo, ricovero, ricetto: riccètte, (lu), s.m. / riparo, ricovero, ospitalità, aiuto: ricòvere, (lu), s.m.
ossatura anche letto della barca: ussatîure, (l'), s.f.
ossatura inferiore della nave, madiere: madîre, (la), s.f.
osservare, appurare, indagare, scandagliare: scanajjá, v. / appurare, conoscere, risapere, far chiarezza: appurá, appuré, v. / e chi ci capisce, centra!: e chi c'appîure!
ossessione, fissazione, tarlo, insetto: tàrle, (lu ), s.m.
ossidare, dare il rame alla vigna: arramé, v.
osso
: òsse, (l'), s.m., pl. l'ùsse
osso della gamba
: màzze di caijène, (la), s.f.
osso di seppia
: ósse di sàcce, (l'), s.m.
osso sacro
: luffuláune, (lu), s.m. / osso sacro; coccige: cuturézze, (lu), s.m.
ostacolo; impedimento: 'mmpidiménde, (lu) s.m.
ostentazione alquanto grottesca; spocchia: fanaticarë, (la), s.f.
ostia
: óstie, (l'), s.f.
ostilità nei confronti di qualcuno; malanimo: malàlme, (lu), s.m.
ostinato; fissato: fisséte, agg.
ostinazione, testardaggine: 'mbuntatîne, (la), s.f.
ostrica
: óšche, òštreche, asprëite, (l'), s.f.
ostrica univalve, pié di pellicano anche crocetta: cruciátte, (la), s.f.
otre anche giara: trûfe, (lu), s.m.
/ orciolo di terracotta anche deretano: trûffele, (lu), s.m / giara, recipiente di terracotta usato per bere: ggiàrre, (la), s.f. .
Ottavio
: Uttävie, n.p.p.
ottenere: uttená, v. / ottenere del pane grattugiato: panicá, v. / ottenere qualcosa, guadagnare la giornata, ma anche prendere botte, ricevere percosse: abbuscá, abbusché, v. /
ottenere un lavoro quasi sempre fisso, impiegare: 'mbiahá, v.
ottimo, molto buono: sciuquáte, agg.
otto: òtte, agg.
ottobre
(mese): uttàbbre, uttuàbbre, (lu),
s.m.. Detti: ottobre è fatica, è allegria, lungo le vigne è tutt'aria di vendemmia, si prepara mosto e vino, per la festa di San Martino, viva il vino, in vino veritas San Pasquale dell'Atessa: uttàbbre è di fatejje, uttàbbre è dd'allehrejjie, a llonghe pe sse vegne, jè ttutt'arie de vennegne, se prepare moste e vvine pe la feste a San Martine, vine vine e vveretàsse San Mbasquale de l'Atasse / ottobre pioggia e tuoni, l'inverno sarà buono: uttàbbre piéuve e ttùne, la mmernate sarà bbune / il grano si stende e il vino si rientra (conserva): lu hrane se spânne e lu huìne s'arepànne / porta l’aria più fresca, comincia ad essere necessario il fuocherello: pôrte l’aria friscarèlle, ci’accumuènž’ a ssirvì’ lu fucarèlle / tempo di castagne arrostite e le campagne profumano di mosto: è tèmbe de caštagne arràšte e le cambâgne addore di mmàšte / mentre si finisce di vendemmiare, comincia la raccolta delle olive: trumuìnde si finìsce a vilignà, la lèive da riccôje é prond' aggià / comincia a fare più fresco, è ora di prepararsi per l'inverno: accumuènze a 'rinfriscä' pi' la mmèrne 'i 'adéma priparä' / oramai le olive sono mature e i frantoiani aprono i frantoi: oramäje la lëve s'é 'nnirëte e li trappitére arrépe li trappëte
ottomana, divano: uttumàne, (l'), s.m.
otturare, far coprire la vacca dal toro: turá, v.
ottuso, fesso, sciocco, stupido, poco intelligente, tardo nel comprendere: mafráune, scilète, agg./(lu), s.m. / ottuso, istupidito, rincoglionito, rimbambito, fase di marasma senile: ringujunéte, agg. /
rimbambito, di stucco: 'mbambanëite, agg.
ovaiola: ovareule, (la), s.f.
ovatta, bambagia: bummacëine, mmammàce, vammàce, vammaciantòppe, (la), s.f.
ovile, stanzaccia: cafòrchie, cafùrchie, (lu), s.m. / stanza, camera: càmbre, (la), s.f.
ovini (detto di) che pascolano in terreni poco erbosi: arrappijé
, v.
ovunque, dovunque: dungh'addò, avv. / dove, spesso nel senso interrogativo, dove vai?: addò, addónna, ndò, ddò vì?, avv.
ovunque, dovunque, qualunque, chiunque, qualsiasi: dunghe, ant., s.m. inv./avv / ovunque, dovunque: dungh' a nda' / qualunque cosa sia, chiunque sia: dungh' ecchi jjé /qualsiasi cosa vuoi: dunghe che vvu'
ovunque, da quelle parti, di lì: pidìšte, avv.
ozioso: magnapàne, (lu), s.m. / é un mangiapane a ufo: é 'nu magnapàne a tradimènde
ozioso, pigro, riferito al gatto custode del focolare: cinnirèlle, agg.