Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Vocabolario italiano-vastese: N
 
A
B
C
D
E
F
G
H
I
L
M
O
P
Q
R
S
T
U
V
Z
nacchere: ciuccularèlle, (li), pl. / chiacchierone: ciuccularèlle, (lu), s.m.
nano: nuàne, (lu), s.m.
nappa; fiocco: nnócche, (la), s.f.
nappa
, fiocco, ciocca di capelli anche vela triangolare: fiócche, (lu), s.m.
narice
: fréusce, (la), s.f., pl. li frésce
narrare
, raccontare:
arcundá, accundá, ariccundá, raccundá, v.
nasata: nasànne, (la), s.f.
nascere
: nascë, allihä, v., p.p. allihäte /
nascita del frutto alla caduta del fiore: allihä
nascita: nàscete, (la), s.f. / nascita del frutto alla caduta del fiore: allihä
nascondere: annascànne, v. / nascondere, anche presentare, porre un recipiente sotto un getto d'acqua, riempire: appará, v.
nascondersi: ahuattárese, v. / fase di gioco, infantile, del nascondino: acchiuppé
nascondino
: cchîppe, acchîppe o acchiuppe, (la), s.f. / gioco del nascondino, giocare a nascondino: jucà a la acchiuppe
naso: nuase, (lu), s.m., pl. li nése
naso bitorzoluto,
propaggine: prepàgne, (la), s.f. / propaggine della vite che rimpiazza un'altra divenuta secca: pripànie, (la), s.f., pl. li pripànie
naso grosso: papòsce, agg.
naspo; aspo; attrezzo per formare matasse: 'nnaspatáure, (lu), s.m.
nassa, cesto usato per la pesca delle seppie: nàsse, (la), s.f.
nastri o trecce, fronzoli: zacarèlle (li), pl.
nastro
largo e grossolano;  fettuccia di raso, stoffa: capiscéule, (la), s.f.
nastro; fettuccia; metro per sarto o muratore: fittìcce, (la), s.f.
nastro attorno alle zampe delle galline per segnalarne la proprietà: cazzatte, (la), s.f. / calza, calzetta: cazzatte, (la), s.f.: / accordo furbesco fra giocatori di biliardo: cazzatte, (la), s.f.
nastro portato sulle trecce dalle contadine: pidicaráune, (la), s.f.
Natale
: Natale, n.p.p.
Natalina
: Natalëine, Lëine, n.p.p.
natica: náteca, (la), s.f. / natica anche lombo: lûffe, (lu), s.m.
natica
; gluteo: pàcche, (la), sf.
natiche (massa carnosa delle): calàmbre, (li), pl.
nativo
, originario: natève
natura
; parti intime della donna: natûre, (la), s.f.
nave
, bastimento: näve, (la), s.f.; bbastimènde, (lu), s.m.
navigare: navicá, v.
Nazzario
: Nazzarie, n.p.p.
ndrecciadàite
: tipo di pesce marino, (lu), s.m.
nebbia, caligine, foschia: calàine, (la), s.f. / nebbia: calëjje, (la), s.f. / foschia: aria fi
šche, (l'), s.f.
nebbia
: nébbie
, (la), s.f.
necessità
, bisogno: bbisàgne, abbisàgne, (la), s.f.; non ho bisogno di nessuno o di niente: najjabbisàgne
necessità: nicissitá, (la), s.f.
negare: nihá, v. / negare ciò che è dovuto: arsidijé, v.
negoziante; commerciante: nihuziànde, (lu), s.m., pl. li nihuziènde / intrattenere: 'ndrattená, indrattená, v.; me vajje a ndtrattená
negoziante (di) dai prezzi esosi, costoso: caraštáuse, agg.
negoziare
, commerciare,
intrattenere affari: nihuzijá, nihuziá, nuhuziá, v.
negozio: nuhòzie, (lu), s.m. / negozio, bottega: putéche, (la), s.f., pl. li putéche / emporio, magazzino, fondaco, deposito, bottega: fuàneche, fàneche, (lu), s.m. / magazzino: mahazzène, (lu), s.m.
nei pressi
, vicino: davicëine, avv. / accanto, vicino: aèsse, accànde, avv. / vicino: vicëine, rènde, agg. / strettamente vicino: rènde rènde, loc. avv.
/ rasente rasente: rènde rènde, lònghe lònghe, loc. avv.
nel caso che, se; semmai; caso mai; per caso:
casemènde, 'ngasimènde, 'n gasemènde, avv.
nel profondo, all'inferno:
trafànne, (lu), s.m.
nella
, in: a la, prep.
nemico: nimmëiche o nummëiche, (lu), s.m.
nemmeno
, manco: mànghë, avv.
nenia dei mendicanti, imprecazione: dijasèlle, (li), s., pl.
neo
: néche, (lu), s.m.
neonato
, creatura, bambino-a: crijatîure, (la), s.f. / bambino-a di pochissima età, mezza età, ragazzo: cëtele, (lu), (la), pl. li cëtele; si usa anche bbardàsce (lu),
(la), pl. li bbardàsce o quatràre (lu), (la), pl. li quatrére
neppure: 'ngiò, avv. / non sia mai; non già: 'ngiò, loc.
nerbata; frustata: nirvànne, (la), s.f.
nerbo del maiale ridotto a frustino
: mènnghele, (lu), s.m.
nero/a
, persona dalla pelle scura: nàire, (lu/la), s.m./agg., pl. li nëire
nervatura; complesso dei nervi: nirvatîure, (la), s.f.
nervo; frusta ricavata dal nerbo del bue: nèrve
, (lu), s.m. / frusta: frîšte, (la), s.f. / punta della frusta: pundátte, (la), s.f.
nespola: nespula, (la), s.f., pl. li nespole;
nespola: ciappáune, (lu), s.m., pl. li ciappìne
nespolo: nèšpre
, nnèspule, ciappáune, (lu), s.m.
nessuno: niscîune, manghîune, agg./pron.
nettare, pulire, riordinare la casa: pulé, v. /
nettàre, mondare, sgranare, sgusciare, slegare, sciogliere, pulire, sbucciare, ecc.: sciôje, sciòjjë, v., p.p. sciôdde; a la uaštaréle
(in dialetto vastese), canda diciàme, sciôje, pò significä’ paricchie chése / slega l’asino: sciùje l’âsene / sbucciare, togliere dal baccello piselli, fave, ecc.: sciôje li pisëlle/li fäfe/ecc.; a volte per i legumi si usa anche scugnä, verbo che si adatta più alla frutta secca provvista di guscio (la cugne) / mondare, nettàre la verdura...: sciôje la virdîre, (es. sto mondando, nettando un po’ di broccoletti: štingh’ a sciôje ddu’ vrucche di räpe / deviscerare, pulire il pesce prima di cucinarlo: tipica l'espressione, sciôje lu pàšce, puàsce o puàssce
nevarolo
, addetto alla neviera: nevaréle, (lu), s.m.
nevarolo, operaio o custode addetto alla neviera: nivaréule, nevarèle, (lu), s.m.
neve
: nàve, nève, (la), s.f.
nevicare
: nànghë, v., p.p. ninghîute, nengá, v.
neviera
, locale per la conservazione della neve al fine di ricavarne il ghiaccio: nîvìre, (la), s.f.
nicchia, posto riparato: uattàte, (la), s.f. / di nascosto; al riparo del freddo e del vento: uattàte (a la), loc. avv.
nicchio marino bivalve fusiforme, cannolicchio: cannèlle, cannëlle, cannulëcchie, saláuppe, (lu), s.m.
Nicola: Nichèle, Nichëule, n.p.p., dim. Culuicce, Lëine, Niculëine, Niculuine
Nicoletta
: dim. Culuatte, Culuette, n.p.p.
nido
: nuëde, nède, (lu), s.m.
niente: cubbìlle, avv.
niente, cosa da nulla: nijènde, pron. ind. /
niente; nulla: manghesàle, (lu), s.m. / in questa casa non c'è nulla: a
šta case é tutte 'nu manghesàle
niente; nulla: nícchese, (lu), s.m.
nientemeno: nindimène, avv.  
nipote: nepuàte
, (lu), s.m.
nipote: nipóte, (lu), s.m., pl. li nipùte / mio
nipote: nipóteme
nipote mio!: ziasé!
nitrire, verso disdicevole da parte di un uomo nel vedere una bella donna: annicchiá, v.
nonáune, nnà, ant., nòne, mod., avv. neg.
nobilitare, annobilire: annubbulé, v.
nocchieruto, spesso, grosso: pacchîute, tarachîute, agg.
nocchio, nocciolo; bulbo; sansa: nócce, (lu), s.m.

nocciola
: nucèlle, (la), s.f., pl. li nucèlle
nocciolo, nocchio; bulbo; sansa: nócce, (lu), s.m.
noce
: nàuce, nàce (la), s.f., pl. li nîuce
noce, conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, fasolaro, lamellibranco, tartufo, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze / conchiglia marina, cornetto: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
nocemoscata: nocemuscàte, (la), s.f.
noci (varietà di) dal guscio molto duro: cugnáuse, agg.
noce con polpa guasta
: cavîzze,
(la), s.f.
nocelle infornate e infilzate
/ cose intriganti: 'ndrëiche, (la), s.f.
nodo: náude, néude,(lu), s.m.
nodo di vento: mazzamurìlle, (lu), s.m.
nodo scorsoio, cappio: cchiàppe, (lu), s.m. /
nodo sfilabile fatto con spago anche cappio: paséule, (la), s.f., pl. li paséle / nodo scorsoio fatto con stelo d'erba per catturare le lucertole: paséule, (la), s.f. / non valere nulla: fare schifo "a la paséule"
nodo sfilabile anche cappio fatto con spago: paséule, (la), s.f., pl. li paséle / nodo scorsoio fatto con stelo d'erba per catturare le lucertole: paséule, (la), s.f. / non valere nulla: fare schifo "a la paséule" / cappio, nodo scorsoio: cchiàppe, (lu), s.m.
nodo (specie di) marinaresco: cròcche, (lu), sm.
nodoso, torsuto, robusto: tuzzûte, agg.
nodulo di farina: trùzzele, (lu), s.m.
noi
:
nî, pr. pers. sog. m.f. pl.
noi: ní, pron.
noi (a): a ní, 'nnî
, pron.
noia, seccatura, scocciatura, fastidio, rottura di scatole: rumbimìnde, bbuttamìnde di chijîne, (lu), s.m.
noioso; uggioso: calignáuse, agg.
noleggiatore
, allevatore di cavalli: cavalláre, (lu), s.m.
nolo
: nellèggie, (lu), s.m.
nome
, in genere di persona: néume
, (lu), s.m.
nome
: nòmmene, (lu), s.m. / nel nome del Padre: nòmmene Patre
nomea; dubbia reputazione: annummunéte, (l'), s.f. / cattiva nomea, pessima fama: malannummunéte, (la), s.f.
nomea; essere sulla bocca di tutti in senso negativo: 'nummunéte, (la), s.f.
nomignolo, soprannome: mmalennòme, soprannéume, (lu), s.m.
nomignolo; uomo dappoco; da nulla; poverso in arnese; miserabile: cattàvëine, ccattàvëine (lu), s.m.
nomignolo del bue: cavalìre, (lu), s.m.
nominare: annummuné, v.
non
: nin, avv.
non buoni frutti
, non sviluppati: ammannäte, agg.
non buono
, cattivo: mmalamènde, agg./avv.
non dar tregua, tormentare: trumundá, v.
non di più: nécchií, avv.
non essere in equilibrio, inclinare: 'ngandá, v.
non fa niente per correggersi (e), non prende provvedimenti, non ne prende atto!: e nin gi 'mbare sàgne!
non far nulla, mangiar, bere e andare a spasso, proprio come quel tal Cajasso: fá l'àrte di Cajàsse, magne, vvéve e v'a spásse, v.
non già; non sia mai: 'ngiò, loc. / neppure: 'ngiò, avv.
non gradisco farlo, lo faccio contro voglia!: mi sa 'ffurte!
non ho bisogno di nessuno o di niente: najjabbisagne
non infastidire le api nell'alveare!: ni' jjì' a ccimindä la tane di li läpe!
non mi dà retta: mi tè' a lu quîule / persona china e col sedere in evidente postura: quîule arfille, (lu), s.m. / sedere, culo: chîule, quîule, (lu), s.m., pl. li chîle
non ne prende atto (e), non prende provvedimenti, non fa niente per correggersi!: e nin gi 'mbare sàgne!
non prende provvedimenti (e), non ne prende atto, non fa niente per correggersi!: e nin gi 'mbare sàgne!
non prendere partito, fare finta di niente essere estraneo: ricchiátte, avv.
non ricavare utili dai propri beni, ammortizzare: murtilizzá, v.
non si capisce più nulla, il mondo è impazzito!: s'é scilìte lu muànne!
non sia mai; non già: 'ngiò, loc. / neppure: 'ngiò, avv.
non sia mai!: nziamà!, int.
non sia mai; non già: 'ngiò, loc. / neppure: 'ngiò, avv.
non solo
: zóle
non sviluppati frutti
, non buoni: ammannäte, agg.
non tanto a posto/instabile: trâmbe, agg.
non valere anche moneta falsa: pàtacche, (la), s.f. / non vale niente: ni' vvale manghe 'na pàtacche
non valere nulla: fare schifo "a la paséule" / cappio anche nodo sfilabile fatto con spago: paséule, (la), s.f., pl. li paséle / nodo scorsoio fatto con stelo d'erba per catturare le lucertole: paséule, (la), s.f. / cappio, nodo scorsoio: cchiàppe, (lu), s.m.
non vuole smetterla (quando uno insiste e): e ddall' a zi' Pitre!
nonno-a: nònne, (lu/la), s.m.f. / mio-a nonno-a: nonnò, nónneme / tuo-a nonno-a: nónnete / nonno-a, bisnonno-a: šciàure, ant., šcióre, mod., (lu/la), s.m.f.
nonno-a (mio-a): nonnò, nónneme / tuo-a nonno-a: nónnete / nonno-a: nònne, (lu/la), s.m.f. / nonno-a, bisnonno-a: šciàure, ant., šcióre, mod., (lu/la), s.m.f.
nonno-a (tuo-a ): nónnete / mio-a nonno-a : nonnò, nónneme / nonno-a: nònne, (lu/la), s.m.f. / nonno-a, bisnonno-a: šciàure, ant., šcióre, mod., (lu/la), s.m.f.
nonno: tuatáune, (lu), s.m. (termine in uso tra i contadini)
nossignore: gnorná, avv.
nostra
, nostro: nòštre, agg./pron. poss.
nostre, nostri: nuštre, agg./pron. poss.
nostri, nostre: nuštre, agg./pron. poss.
nostro, nostra: nòštre, agg./pron. poss.
nostromo: nustréume, (lu), s.m.
nota: néute, (la), s.f.
notaio: nutàre, (lu), s.m.
notizia: nutèzie, (la), s.f.
noto, conosciuto, avventore, cliente: acchìnde, (lu), s.m.
nottata: nuttáte, nuttuäte (la), s.f., pl. li nuttête
notte: notte, (la), s.f.
nove (numero) anche nuovo: néuve, néve, agg.
novellame, bianchetto, o minutaglia piccolissima di alici, sarde e acciughe: pésce a 'rrëise, (lu), s.m.
novembre
(mese): nuvèmbre, nuvuèmbre,
nnuvembre, (lu), s.m.. Detti: io sono novembre e porto, porto morti e santi, e porto il seme del grano per dare a tutti un pezzo di pane, se dopo la semina non vuoi le spine, non andar scalzo quando cammini: je so nnuvembre, e pporte, porte sèmbre murte e ssènde, e pporte la sumende de lu hrane pe ddà tîtte nu muòcceche de pane, se doppe sumundate ne vu' le spine, n'za'ha da jì scazze canda se camine / novembre il mese delle anime del Purgatorio: nuvèmbre lu muese de ll' alme de lu Pruhadorie / se non hai arato tutto l'anno, a novembre ti trovi in difficoltà: si nin zì arate tutte l'anne stì tribbulàte / acino acino, si raccoglie l'olivo: acene acene se cojje la 'lèive / un fiore e un pensiero ogni tanto portali al cimitero: nu fijàure e nu punzîre ogne ttande pùrtele a lu quambesànde / novembre la semenza riposa: nnuvembre, aripòse la sumuènde / col “Giorno dei Santi” e “dei Morti”, dal frantoio l’olio ti riporti: nghi li “Sènde” e nghi li “Murte”, da lu truappète l’ùje t’aripurte / copriti perché fa fresco, c'è l'olio nuovo e il vino novello: ammândete 'ch' è friscarèlle, šta l'ùje néuve e lu vuìne nuvuèlle / è un mese che a volte rende tristi. E le giornate sono sempre più corte: è nu muàse che a vvôdde arintrištèsce. E li jurnäte s'ariccurtunuèsce / ci dobbiamo rassegnare il tempo bello te lo devi sognare: nu' 'i avéma rassignä lu tuèmbe bbèlle ti l'adà sunnuä' / comincia ricordando Santi e Morti. I giorni sono corti e il freddo è più forte: cumuènz' aricurduânne Sènde e Murte. Li jurn' é cchîrte, lu fradd' é cchiù furte
novità: nuvutà, (la), s.f.
nuca, occipite, collottola: cuzzátte, cudàlle, cuticàgne, (la), s.f.
nuca: cirifòcchie, (la), sf.
nuca
; coda dell'uccello: cudurézze, (lu), s.m.
nuca; collottola: cuticàgne, (la), s.f.
nuca, cervice, parte posteriore del collo: nucèlle, cuduàlle, (la), s.f., pl. li nucèlle/cuduèlle
nudo
: nîute, nnîute, agg.
nulla; niente: manghesàle, (lu), s.m. / in questa casa non c'è nulla: a
šta case é tutte 'nu manghesàle / niente, cosa da nulla: nijènde, pron. ind.
nulla; niente: nícchese, (lu), s.m.
nullafacente
, fannullone: scanzafatèje, jittàte, cajàsse, (lu), s.m.
nullità
, schifosa: vrittitàte, (la), s.f.
numero
anche atto di esagitazione o stato di eccitazione incontrollata: nìmmere, (lu), s.m.
numero (una gran), quantità, vale molta roba: fréche, avv.
Nunzio
: Ninzie, n.p.p.
nuotare: nutá, v.
nuovissimo: nove néve, agg. sup.
nuovo anche nove (numero): néuve, néve, agg.
nuvola
: nîvele, nîvule
, (la), s.f., pl. li nîvele / nuvola esile di forma allungata: lisciatîure, (la), s.f.
nuvola esile di forma allungata: lisciatîure, (la), s.f. / nuvola: nîvele,
nîvule, (la), s.f., pl. li nîvele
nuvolone: nuvuláune, (lu), s.m.