Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Vocabolario italiano-vastese: M
 
A
B
C
D
E
F
G
H
I
L
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
Z
ma cerca di andartene (ma vedi di cambiar aria)!: ma vìt' a ndo' ti n'adà jë'!
ma digli di si
(per dire: non credergli, lascialo perdere, non dargli retta, ecc.)!
: ma dijje ca scè!
ma lo sai quante sono buone le seppie?... lo so... lo so!...: ma li sé’ cand’ é bbune li sàcce?... li sâcce... li sâcce!...
ma quello li che rapporto di parentela ha con te?: ma culluî che tt'arivé'?
ma vedi di cambiar aria (ma cerca di andartene)!: ma vìt' a ndo' ti n'adà jë'!
mai
: mä, avv.
Macario
: Macàrie,n.p.p.
maccherone
, pasta corta: maccaráune, (lu), s.m., pl. li maccarîune
macchia: màcchie, (la), s.f.
macchia anche grosso orologio: patàcche, (la), s.f.
macchia anche pesce marino, razza o quattrocchi: bbaràcchele, (la), s.f.
macchina: máchene, (la), s.f.
macchina per cucire
: machine da cusciè, (la), s.f., pl. li machine da cuscè
macchina per macinare l'uva: tramògge, (la), s.f.:
macchina tessile, incannatoio, avvolgitore di rocchetti e di bobine del telaio: 'ndrugutáure, 'ndruvatáure, (lu), s.m.
macchinetta
, vetturetta, autobus di pochi posti anche, attrezzi di vario genere; attrezzo del calzolaio per lucidare il cuoio: machinátte, (la), s.f.
macchinetta tosatrice
per capelli: machinêtte pi li capelle, (la), s.f., pl. machinêtte pi li capelle
macchinista
: muachineste, (lu), s.m., pl. li machineste
macellaio: macillàre, chianghìre, (lu), s.m., pl. li macillére
macilento
, rachitico, infermiccio: ragnachéite, agg.
macina:
màcene, (la), s.f.
macina del grano
, azionata da cavalli: ciandámmele, (lu), s.m.
macinare
(di) a intermittenza: màcin a 'ccòdde, loc.
macinatura: macinatîure, (la), s.f.
macinino
per macinare il caffè: macenèlle, macinèlle, tretacafè, (lu), s.m., pl. li tretacafè
maciulla; gramola; uccello simile alla cornacchia: ciàvele, (la), s.f.
Maddalena
: Matalène, n.p.p.
madia, contenitore di legno a sponde alte per impastare il pane casereccio o per custodirvi lievito, farina ecc.: mäse, (la), s.f.
madia, madiona: cascianiuàlle, (lu), s.m.
madiere, ossatura inferiore della nave: madîre, (la), s.f.
madiona, madia: cascianiuàlle, (lu), s.m.
madonna
: madonne, (la), s.f.
madre
: ma', loc.
madre
, mamma: màmme, (la), s.f. / tua madre: màmmete
madrina
, comare; levatrice: cummàre, (la), s.f.
maestrale, vento da maestro: maištràle, majáštre, (lu), s.m.
maestro
, maestro artigiano (artigiano capo), insegnante elementare, maestro di scuola: maštre, mašte,
majáštre, (lu), s.m. / esposizione del corredo nuziale: maštre, (la), s.f.
maestro artigiano (artigiano capo), maestro, insegnante elementare
, maestro di scuola: maštre, mašte, majáštre, (lu), s.m. / esposizione del corredo nuziale: maštre, (la), s.f.
maestro artigiano, come falegname, sarto, ecc.: muàštre, (lu) s.m.
maestro di scuola, insegnante elementare,
maestro, maestro artigiano (artigiano capo): maštre, mašte, majáštre, (lu), s.m. / esposizione del corredo nuziale: maštre, (la), s.f.
magagnato, difettoso: ammahagnëte,
ammahagnéte, agg.
magari: maháre, avv.; magari!, volesse Iddio!: fusse' lu Dduè!, fusse chilu Dduè!
magazzino: mahazzène, (lu), s.m. / magazzino, fondaco, deposito, bottega, emporio: fuàneche, fàneche, (lu), s.m.
/ bottega, negozio: putéche, (la), s.f., pl. li putéche
maggese
(campo arato pronto per la semina): maiêse, (la), s.f. pl., li maièse
maggio
: s.m. mese mâje, mâgge. Detti: ecco maggio, vestito da sposo, carico di fiori e coperto di rose, uscite fuori tutti quanti, uscite fuori, se non ci credete: ecche mâje, vestute da spose, càreche de fiure e ccupèrte de rose, ascìte da fore vù canda ne séte, ascìte da fore se nen ge credéte / maggio, in feste e fiori me ne vado: mâje 'n feste e ffiùre me ne vaje / maggio, chi ride e chi piange: chi rite e cchi piâgne / mâje assîtte hrane pe' ttîtte / mâje, la sacche' n'fa mà carastëje
maggiorana: majuràne, (la), s.f.
magico
: màggeche, agg.
maglia: mâjë, (la), s.f., pl. li mâjë
maglia aperta sul davanti: suàtte, (la), s.f.
maglietta: màjjatte, (la), s.f., pl. li màjjatte
maglietta per bambini: màjjitèlle, (la), s.f., pl. li màjjitèlle
maglione: màjjane, (lu), s.m., pl. li màjjine
mago: màche, (lu), s.m., pl. li mèche
mago
, santone, veggente: mahàre, macàr e, (lu), s.m.
mago, stregone, fattucchiere: fatáune, (lu), s.m., pl. li fatîune, mahàre, (lu), s.m., pl. li mahere / fattucchiera: fattucchiäre, (la), s.f., pl. li fattucchiere
mago; incantatore; settimo figlio; ciurmatore; pranoterapeuta: 'ngiurmatáure, 'ngiarmatáure, (lu), s.m. / ngiarmatrëce, (la), s.f.
magnaccio, sfruttatore, prosseneta: magnàcce, (lu), s.m.
magnete; calamita: calamëite, (la), s.f.
magrissimo, smagrito: miscèšche, agg. / smagrito, intisichito: 'ndisichëite, agg.
magro, di pessima salute, tisico, tubercolotico: jéttiche, seche, gnettichëite, agg. / magro, scarno: scarnéte, agg.
magro pasto
: di scàmbre, avv.
mai: mäje, avv.
maiale: porce, porche, carufátte, (lu), s.m., pl. li purce, purche /
maiale piccolo, porcellino: purchátte, purchittàlle, (lu), s.m., pl. li pirchètte / porchetto: zighinìlle, (lu), s.m. / maialini, porcellini: priccellicce, s.m., (li) / fig. famiglia numerosa, gruppetto di maialini, (è tornato un cafone da San Lorenzo con tutti i suoi figli (tanti): è riminìute 'nu cuafàune da Sande Llurénze nghe 'na màrre di...) / maiale di grossa mole ma con poco grasso: cavallágne, (lu), s.m. / voci per scacciare i maiali: purciallà!, cisse!, loc. / maialino al forno, porchetta: purcátte, (la), s.f.
maiale (di grossa mole) ma con poco grasso: cavallágne, (lu), s.m. /
maiale: porce, porche, carufátte, (lu), s.m., pl. li purce, purche / maiale piccolo, porcellino: purchátte, purchittàlle, (lu), s.m., pl. li pirchètte /porchetto: zighinìlle, (lu), s.m. / maialini, porcellini: priccellicce, s.m., (li) / fig. famiglia numerosa, gruppetto di maialini, (è tornato un cafone da San Lorenzo con tutti i suoi figli (tanti): è riminìute 'nu cuafàune da Sande Llurénze nghe 'na màrre di...) / voci per scacciare i maiali: purciallà!, cisse!, loc. / maialino al forno, porchetta: purcátte, (la), s.f.
maiale (piccolo), porcellino:
purchátte, purchittàlle, (lu), s.m., pl. li pirchètte / porchetto: zighinìlle, (lu), s.m. / maialini, porcellini: priccellicce, s.m., (li) / fig. famiglia numerosa, gruppetto di maialini (è tornato un cafone da San Lorenzo con tutti i suoi figli (tanti): è riminìute 'nu cuafàune da Sande Llurénze nghe 'na màrre di...) / maiale: porce, porche, carufátte, (lu), s.m., pl. li purce, purche / maiale di grossa mole ma con poco grasso: cavallágne, (lu), s.m. / voci per scacciare i maiali: purciallà!, cisse!, loc. / maialino al forno, porchetta: purcátte, (la), s.f.
maialini
, porcellini: priccellicce, s.m., (li) / fig. famiglia numerosa, gruppetto di maialini (è tornato un cafone da San Lorenzo con tutti i suoi figli (tanti): è riminìute 'nu cuafàune da Sande Llurénze nghe 'na màrre di...) / porchetto: zighinìlle, (lu), s.m. /
maiale piccolo, porcellino: purchátte, purchittàlle, (lu), s.m., pl. li pirchètte / maiale: porce, porche, carufátte, (lu), s.m., pl. li purce, purche / maiale di grossa mole ma con poco grasso: cavallágne, (lu), s.m. / voci per scacciare i maiali: purciallà!, cisse!, loc. / maialino al forno, porchetta: purcátte, (la), s.f.
maialino al forno, porchetta: purcátte, (la), s.f. /
maiale: porce, porche, carufátte, (lu), s.m., pl. li purce, purche / maiale piccolo, porcellino: purchátte, purchittàlle, (lu), s.m., pl. li pirchètte / porchetto: zighinìlle, (lu), s.m. / maialini, porcellini: priccellicce, s.m., (li) / fig. famiglia numerosa, gruppetto di maialini, (è tornato un cafone da San Lorenzo con tutti i suoi figli (tanti): è riminìute 'nu cuafàune da Sande Llurénze nghe 'na màrre di...) / maiale di grossa mole ma con poco grasso: cavallágne, (lu), s.m. / voci per scacciare i maiali: purciallà!, cisse!, loc.
mais, granoturco: hrandënije, grandëine, (la), s.f. / spiga di granoturco, pannocchia di mais: marròcche, (la), s.f. / mais, granoturco: granáune: (lu), s.m.
mal di gola: strangaîjjùne, (lu), s.m.
mal di pancia
: 'ngripamìnde, (lu), s.m.
malacreanza, maleducazione: malacriànze, (la), s.f.
malafemmina
; femmina del merlo: miéreula, (la), s.f.
malalingua
; pettegolo-a con fini spregiativi: malalànghe, (lu/la), s.m.f. / pettegolo-a, ciarliero-a: pettilàzze, pittilàzze, (lu/la), s.m.f. /pettegolo-a, linguacciuto-a: lengalònghe, (lu/la), s.m.f. / pettegola: péttele
, pittilàzze, parraháunare, (la), s.f.
malanimo; ostilità nei confronti di qualcuno: malàlme, (lu), s.m.
malanno: malásene, (lu), s.m. / fig. che malanno (diavolo) dici?: chi malásene dèice?
malanno per malattia o disgrazia: mmalànne, (lu), s.m.
malapena (a): a malappäne, loc. avv.
malato: 'mmalálate, (lu), s.m.
malattia o patologia non esplicita a grado diagnostico, malore, convulsione: discìnze, (la), s.f.
malattia oscura, vizio: mahágne, (la), s.f. / vizio: vézie, (lu), s.m.
malattia (coccidiosi), di bovini, ovini e più raramente dell'uomo: ciánghele, (lu), s.m.
malattia degli ovini: visciule, (la), s.f.
malattia delle piante causata da protisti, peronospora: prenòšpere, (la), s.f.
malattia infettiva degli occhi, tracoma: grandulaziáune, (la), s.f.
maldicenza, pettegolezzo: parraháune, (lu), s.m.
male
: mále, agg.
maledire: ammadëice, v.
maledizione: maddizzîáune, (la), s.f. / maledizione, anatema anche bestemmia: biaštàime, vraštàime, vraštàme, (la), s.f.
maleducazione, malacreanza: malacriànze, (la), s.f.
malfatto (lavoro); carneficina; strage; spesso con significato scherzoso: ccidàjje, (la), s.f.
malignare: rrisicá, v.
malignità, falsità: malignità, fazzitá, (la), s.f.
maligno
anche malizioso: malègne, agg.
malinconia; tristezza: malangunëjje, (la), s.f.
malinconico, incupito: 'ngupëite, agg.
malinteso: malendáise, (lu), s.m.
malizia: malézie, (la), s.f.
malizioso anche maligno: malègne, agg.
mallevadore
, garante: prìgge, uarànde, (lu), s.m.
mallo, polpa, riferito a noci e a mandorle: cùnghule, (lu), s.m.
malnato, individuo dal carattere incorreggibile: malináte, agg.
malocchio; iattura: malùcchie, (lu), s.m. /
fattura, atto di magia negativa: fattîure, fattîre, (la), s.f.
malora (in):
a la ciáte, loc. avv.
malore
, convulsione, patologia o malattia non esplicita a grado diagnostico: discìnze, (la), s.f.
malta anche calce: càgge, (la), s.f. / calce, calcedonio: caggimùnie, (lu), s.m. / malta lenta per interstizi: bujjàcche, (la), s.f.
malta lenta per interstizi: bujjàcche, (la), s.f. / calce anche malta: càgge, (la), s.f. / calce, calcedonio: caggimùnie, (lu), s.m.
malumore (di); inquietato: nquietáte, agg.
malumori, scatti di fastidio: patùrnie, li, pl.
malva, erba officinale: màleve, (la), s.f.
malvagio, infame: 'mbàme, agg.
malvasia, varietà di vino: malvascëjje, (la), s.f.
malvedere: malevidá, v.
malvedere (il): mualevedà, (lu), s.m.
malvivente; brigante: bbrihànde, (lu), s.m.
Mambrane
: soprannome
mamma, madre: màmme, (la), s.f. / tua madre: màmmete
mamma che freddo!: mamme che ffradde!
mammella
, poppa: säise, zénne, ménna, (la), s.f.
manata; granfiata: grambàte, (la), s.f. /
manata; colpo dato con la mano larga: manàte, (la), s.f.
mancamento; svenimento: mangazziáune, (la), s.f. /
svenimento, deliquio: ammangaziáune, (l'), s.f.
mancante
, vuoto: vacànde, vùdde, agg. / mancante: mangànde, agg.
mancanza; errore; colpa anche luna calante, fase lunare di mancanza: mmangànze, mangànze, (la), s.f.
mancanza di punti nel gioco delle carte; cappotto: cappòtte, (lu), s.m.
mancare
, venir meno: ammangá
, mangá, v. / mancare la presa, scivolare,
eiaculare: sburrá, v.
mancia, offerta di cibo, denaro: affèrte, (l'), s.f.
manciata, quantita di roba presa dalla mano, ciò che si prende con una mano: vrancáte, vrangáte, (la), s.f. / una manciata di fave: 'na vrancáte di fäve / manciata di spaghetti; ciocca: fézze, (la), s.f.
manciate
(a): a vrancáte, loc. avv.
manco
, nemmeno: mànghë, avv.
mandare: manná, v. /
mandare via, licenziare: arbijjé, v. / mandare giù bocconi amari, incorpare: 'ngurpá, v. / mandar giù, accavallare, scavalcare: accavallá, v.; scavalcare: 'ncavalcá, scavallá, v.; scavalcare, saltare, saltare a piè pari: iundá, jundá, v.
mandarino: mandarëine, (lu), s.m., pl. li mandarène
mandibola
,  mento, ganascia: ánghe, hànghe (la), s.f., pl. li ánghe
mandolino: mandulëine, mandulèine, (lu), s.m.
mandorla
: mènnele, (la), s.f.
maneggevolezza del bastone: accalàmme, (la), s.f.
mangia brodo grasso
; sta comodo e senza pensieri: è lu vróte gràsse
mangia mangia (il), l'arraffa arraffa: màgna màgna, (lu), s.m. / l'arraffa arraffa: tìratèire, (lu), s.m.
mangiar, bere e andare a spasso, non far nulla, proprio come quel tal Cajasso: fá, v., l'àrte di Cajàsse, magne, vvéve e v'a spásse
mangiare
, desinare: magná, magné, v.; una volta si mangiava...: ‘na vôdde, si magnäve... /
mangiare in modo vorace, ammorbidire: ammappilijé, v. / mangiare sobrio controllato e semplice, rosicchiare: rusciuquá, v. / mangiare a sbafo: vindòtte, (lu), s.m. / mangiare con eccessiva lentezza: a ccic' a cëiche, loc. avv.
mangiata, pasto: magnáte, (la), s.f.
mangiata robusta ed abbondante: magnànne, (la), s.f.
mangiatoia
, nella stalla per animali: magnatàure, (la), s.f., pl. li magnatîure
mangiatoia
(piccola) in legno per maiali, trogolo: trocche, trocchele, (lu), s.m., pl. li trucche/le
mangiatore di buona lena, ghiottone: magnuttáune, (lu), s.m / ghiottone: juttáune, (lu), s.m.
mangiatore di fave anche parassita delle fave, persona di poco conto: magnafàfe, (lu), s.m.
mangime: mangëime, (lu), s.m.
mangione, crapulone, gozzovigliatore: sbudilláte, (lu), s.m.
mangiucchiare con fatica: ammajjá, v.
manica
: màneche, (la), s.f., pl. li méneche
manico
dell'aratro: dè
štre, (lu), s.m. /
manico della zappa o del bidente anche autoerotismo maschile: scäte, (la), s.f.
maniera
, modo, modalità: manìre, (la), s.f.
maniera (alla nostra), al modo nostro: a la štre, loc. avv.
maniera di cucinare il pesce
, specie i "bianchellti": a guazzátte, loc. avv.
maniere (buone), educazione: criànze, (la), s.f. / educazione, garbo: duquaziáune, (la), s.f. /
garbo, modo educato e cortese: gàrbe, (lu), s.m.
manifestare patologie, un male, un fastidio, generare, procreare, congregare: cungrujé, cungurijé, v.
manifesto; avviso: cartèlle, (lu), s.m. / avviso: avvãise, (l'), s.m. / cartella: cartèlle, (la), s.f.
maniglia
: manèjje, (la), s.f.
manipoli
mucchietto di grano sparsi nel campo: muanuppulare, (la), s.f., pl. li manuppulere
manipolo
, fascina di grano mietuto: muanoppile, s.m. pl., li manuppile
maniscalco, ferracavallo: ferracavàlle, (lu), s.m.
mano
: mäne, màne, méne, (la), s.f., pl. li méne
manovale anche aiutante del capomastro muratore:
manebbèle, manëbbele, manèpile, (lu), s.m. / aiutante: aiutànde, (l'), s.m.f.
manovale addetto a spegnere la calce; calcinaio: caggiaréule, (la), s.f.
manovella: manuvèlle, (la), s.f.
manrovescio, ceffone,
schiaffo anche piccoli pani abbrustoliti: frisèlle, (la), s.f. / adesso ti do no schiaffo: mò te tëire 'na frisèlle / ceffone sulla bocca: vuccatáune, (lu), s.m. / schiaffo: riffàlde, (la), s.f. / pugno, manrovescio: scuzzáune, pùnie, pîgne, buffuttáune, ficózze, (lu), s.m. / manrovescio dato sul mento: leccamûsse, (lu), s.m. / schiaffo dato con violenza: rasciáune, (lu), s.m. / schiaffo dato col dorso (palmo) della mano anche tovaglia: mappëine, papàgne, (la), s.f. / schiaffo anche gioco di carte, briscola: bbréschele, bréschele, (la), s.f. / schiaffo dato con le cique dita anche pianta delle rosacee: cinghefrînne, (lu), s.m.
manrovescio dato sul mento: leccamûsse, (lu), s.m. /
manrovescio, ceffone,  schiaffo anche piccoli pani abbrustoliti: frisèlle, (la), s.f. / adesso ti do no schiaffo: mò te tëire 'na frisèlle / ceffone sulla bocca: vuccatáune, (lu), s.m. / schiaffo: riffàlde, (la), s.f. / pugno, manrovescio: scuzzáune, pùnie, pîgne, buffuttáune, ficózze, (lu), s.m. / schiaffo dato con violenza: rasciáune, (lu), s.m. / schiaffo dato col dorso (palmo) della mano anche tovaglia: mappëine, papàgne, (la), s.f. / schiaffo anche gioco di carte, briscola: bbréschele, bréschele, (la), s.f. / schiaffo dato con le cique dita anche pianta delle rosacee: cinghefrînne, (lu), s.m.
manso, mansueto: mànze, agg.
mansueto
, manso: mànze, agg.
mantella: mandèlle, (la), s.f. / mantellina: mantillëine, (la), s.f.
mantellina
: mantillëine, (la), s.f. / mantella: mandèlle, (la), s.f.
mantellina: capparèlle, (la), s.f.
mantello
(corto) da pellegrinaggio; sanrocchino: muzzátte, (lu), s.m.
mantello contadinesco; cappello: cappèlle, (lu), s.m.
mantenere: mandiná
, v. / mantenere un contegno trasparente, rischiarare: aricchiará, v. / rischiarare, dare lustro a utensili o a superfici vetrate: arišcará, v.
mantenuta
, amante: pràdeche, (la), s.f.
mantice del fabbro: mándece, (lu), s.m.
mantile, tovaglia: tuujàje, (la), s.f.
manto nevoso
: 'ngasciáte
, (la), s.f.
mappatella
(pasto di operai e contadini), merenda, colazione: stuzzatte, (la), s.f.
marasma senile (fase di),
rimbambito, istupidito, rincoglionito, ottuso: ringujunéte, agg. / rimbambito, di stucco: 'mbambanëite, agg.
Marcellino: Marcellëine, n.p.p.
Marcello
: Marcèlle, n.p.p.
marchio anche contrappeso della stadera: rummuàne, (lu), s.m.
marcia, pus: matèrie, mmàrce, (la), s.f.
marciapiede: marciappìte, (lu), s.m., pl. li marciappìte
marciare: ammarciá, v.
marciatore; camminatore: camminatáure, (lu), s.m.
marcio, fradicio: fràcete, agg. / (lu), s.m., pl. li frécete / marcio: ammarcëite, agg.
marcire: ammarcé, v. / marcire, infracidire, infradiciare: fracitá, v. / marcire, contrarsi per il freddo o la fame: addicriné, v.
Marco
: Marche, n.p.p.
mare
: màre, muàre, (lu), s.m., pl. li mère / povero, triste: màre, agg.; povera me!, povera te!: marammá!, marattá!
mare con barene che affiorano, spesso in casi di accentuata bassa marea: màre settëile, (lu), s.m.
mare dalle onde scomposte: màre 'ngruciuáte, (lu), s.m.
mare di acqua livida con correnti sommerse: màre d'acca paunàzze, (lu), s.m.
mare
(di) in bonaccia: abbunazzáte, agg.
mare
(di) molto mosso: ngruciuáte, agg.
mare fondo, fondale alto: fundàle ádde, (lu), s.m.
mare grosso, tempesta violenta: furtune gginiràle, furtîune, fertîune gginiràle, (la), s.f.
mare poco fondo
, mare basso, fondale basso: fundàle vàsse, (lu), s.m.
màre
vuàre, maremàre, (lu), s.m.: mare profondo
marea (alta): cáulme, (la), s.f.
mareggiata
: maráune, (lu), s.m.
marengo, moneta d'oro: marànghe, (lu), s.m.
maresciallo: marscialle, (lu), s.m., pl., li marscelle
maretta
: maràtte, marecenátte, (la), s.f.
margine, lato, orlo: làte, (lu), s.m.
Margherita
: Marecarëite, Margaréte, n.p.p.
Maria: Maré, Marie, Maréjje, n.p.p., dim. Mariìjcce
Mariangela:
Mariàngele, n.p.p.
Maria
Maddalena: Mareja Matalene, n.p.p.
marina
: marëine, (la), s.f.
Marina
: Marëine, n.p.p.
marinai in giro la notte per controllare l'operato degli altri marinai in libera uscita, ronda: ráunde, (la), s.f.
marinaio: muarinare, bèrre di lu manacáune, (lu), s.m., pl. li marinere
/ marinanio anche pescivendolo: pisciaréule, pusciaréule, (lu), s.m.
Marino
: Marène, n.p.p.
maritare, sposare, maritarsi,
sposarsi: maritá, spusá, v. / maritare, allocare, calmare: addiluquá, addulecá, appusá, v. / sposare, affidare, star bene, farcela: affidá, v. / rimaritarsi, sposarsi di nuovo: remaretá, v.
maritarsi, sposarsi, maritare, sposare: maritá, spusá, v. / rimaritarsi, sposarsi di nuovo: remaretá, v.
marito
: marëite, (lu), s.m.
marmo: mmàrme, (lu), s.m.
marmocchio: frichëine, (lu), s.m.
marnoso (aggiunta di terreno nei campi): casciuláite, agg.
marra
, patta, estremità di un uncino: máurre, (lu), s.m.
marruca
; spina: vicàche, (la), s.f. / meglio un cespuglio di spine che tu in questo mondo: mèjje 'na mòtte di vicàche che ttí a štu muànne
Marta
: Marte, n.p.p.
martedì: marteddè, (lu), s.m. / mercoledì: merculleddè, mercluddè, (lu), s.m. / giovedì: giuvuddé, ggiuvuddé, (lu), s.m. / venerdì: vennardè, vinnardè, (lu), s.m. / sabato: sàbbete, (lu), s.m. / domenica: dumuàniche, dumuàneche, (la), s.f. / lunedì: luneddë, lunuddë, (lu), s.m.
Martedì grasso, Carnevale, il giorno che precede Le Ceneri: carnëvale, carnivàle, (lu), s.m.
martello: muartêlle, martèlle, (lu), s.m., pl. li martîlle
martello a due tagli
per spezzare i mattoni: martillene, (la), s.f., pl. li martillene 
martello a due usi, adoperato dai muratori: maleppègge, (lu), s.m.
martello grande
: mazze, (la), s.f., pl. li mazze
martin pescatore anche pulcino della papera: paparèlle, (lu), s.m. / stellaris media, centonchio, erba spontanea: paparèlle, (la), s.f. / papera, oca: puaparàune, (lu), s.m., pl. li paparihune / piccola papera: paparêlle, (la), s.f., pl. li paparêlle
Martino
: Martëine, n.p.p.
marzo:
s.m. mese màrze. Detti: ecco marzo, pazzo pazzo, ora il sole, ora il fango, ora il sole, ora l'ombrello, marzo, marzo è pazzerello, ed ha sempre pronta qualche bella improvvisata: ecche marze pazze pazze, mò lu suàule e mmo' la huàzze, mò lu sole e mmo 'lu 'mbrelle, marze, marze è ppazzarèlle e ttè' sèmbre preparate cacche bbèlla 'mbruvvusate / barche alla marina, mare calmo: vàreche a mmarène e mmare bunàzze / se non ti vuol dare la legna, consideralo pazzo: se n'de vo' dà le làine, tìlle pe pazze / al primo tuono di marzo, trema l'inverno: a lu prime tône di marze strëzze la vernàte
mascalzone, fetente: puzzulènde, (lu), s.m. / fetente, puzzolente: 'mpuzzinèite, 'mbuzzinëite, agg. /
mascalzone, un poco di buono: galuppëine, bonapézze, (lu), s.m. / mascalzone anche puzzola: canapîzze, (la), s.f., pl. li chenipizze, quanipizze, (lu), s.m. / l'hanno cacciato come una puzzola: l'óme cacciáte gnè 'na canapîzze
mascella, molare: gànghe, (la), s.f.;
angále, (l'), s.f. / mascella: masciàlle, (la), s.f.
maschio: màschele, (lu), s.m. / mosca: màschele o màsche, (la), s.f.
maschio
della capra, del maiale: zuerre, (lu), s.m., pl. li zerre
maschio della capra, becco: crapëine
, (lu), s.m.
maschio della scrofa
, verro, cinghiale: vèrre, (lu), s.m.
mascalzone, briccone, lazzarone: bbrèche, lazzaráune, lazzaraine, (lu), s.m., pl. li lazzarîune
mascalzone patentato: caifásse, (lu), s.m.
maschera di carnevale; persona con poco senno, sebbene di grossa complessione: carnevalànze, (la), s.f.
masnada
, gentaglia: ggendàjje, (la), s.f. /
gentaglia, pezzenteria, miseria: pezzanderèje
, (la), s.f. /
miseria: misèrie, (la), s.f. / miseria, sfortuna, iella al gioco: scaràgne, (la), s.f. /
pezzenteria, povertà: bizzindarëjje, (la), s.f.
massa di persone; combriccola: márre, (la), s.f. / combriccola: cummuttëjje, (la), s.f.
massa di rifiuti: riìtte, (lu), s.m.
massacro
, strage, profanare, oltraggiare: cciudàjje, (lu), s.m. / di la fàmmene a la 'Mèreche l'ome fanne nu cciudàjje
massaggiatore
anche ladro, borsaiolo: palipiatàure, palipijatàure, bèrre, (lu), s.m.
massaro che coltiva estesi campi di grano: cambìre, (lu), s.m.
masseria
, casa colonica: massarè, massarèjje, (la), s.f., pl. li massarè
masserizia
, carabattola, oggetto di poco pregio, prendi le tue carabattole e vattene, anche ragazza incline a facili costumi; fig. bazzecola, bagatella: bahattèlle, (la), s.f. / carabattole: 'mbambànaje, (li), pl.
massicciata; fondo stradale rullato, pronto a essere asfaltato: massicciàte, (la), s.f.
massicciata stradale; cassone: cassciáune, (lu), s.m.
Massimiliano: n.p.p. Massemiliane
Massimino: Massimëine, n.p.p.
Massimo: Masseme, n.p.p.
massimo (al): a lu muàsseme, loc. avv.
masso di pietre: fišche, (la), s.f.
mastello
: mmäšte, (lu), s.m.
masticare
:  màšchijé, mascecá, masticá
, v. /
masticare a fatica: ammarullé, v. / masticare cibi immaturi o piccanti: allazzarijé, v. / masticare, anche gualcire, aggrinzire riferito ad abiti, stoffe: ammasciché, ammascicá, v.
masticato, gualcito: ammascicáte, ammascichéte, agg.
mastra, apertura del ponte per il passaggio dell'albero: máustre, (la), s.f.
masturbazione femminile
: ditalëine, (lu), s.m.
matassa: matasse, (la), s.f., pl. li matasse
materassaia anche pettegola: matirassàre, (la), s.f.; materassaio: matirassàre, (lu), s.m.
materassaio: matirassàre, (lu), s.m.; materassaia anche pettegola: matirassàre, (la), s.f.
materasso: muatarazze, (lu), s.m., pl. li matarêzze; materasso (saccone) imbottito di foglie secche di granturco/mais: saccáune, (lu), s.m., pl. li sacchîune / pagliericcio, paglione, saccone: pajarécce, (lu), s.m.
materasso (saccone) imbottito di foglie secche di granturco/mais: saccáune, (lu), s.m., pl. li sacchîune; materasso: muatarazze, (lu), s.m., pl. li matarêzze
/ pagliericcio, paglione, saccone: pajarécce, (lu), s.m.
materiale da costruzione formato da pietra tenera, tufo: tûfe, (lu), s.m.
materiale galleggiante (o altro), sughero di legno, segnale galleggiante, boa, gavitello: gavitèlle, (lu), s.m.; bbéuve, (la), s.f.
materiale tendente ad essere abraso
: fruvàgne, agg.
materiale (quantità di) trasportata da un carro: carriànne, (la), s.f.
Matilde: Matëlde, n.p.p.
matita
, lapis: làppese, (lu), s.m.
matrigna: matràjje, matrëgne, matrègne, (la), s.f., pl. li matrëgne 
mattata, mattità, pazzia: mattità, (la), s.f.
mattatoio, scannatoio, ripiano di legno dove si uccidono i maiali: scannatáure, (lu), s.m. /
mattatoio, l'uccisione dei maiali: scannájje, (lu), s.m.
Matteo
: Mattë, n.p.p.
matterello; canna di legno per spianare l'impasto di farina e preparare la sfoglia: cannèlle o quannêlle, di li sagne, (lu), s.m., pl. li cannìlle di li sagne
matterello; canna per riavvolgere il filo dell'ordito: cannèlle, (lu), s.m.
matterello (piccolo); rocchetto: cannillìcce, (lu), s.m. 
mattina: matèine, (la), s.f.
mattiniero, mattutino, prestaiolo: prestaréule, agg.
mattità
, mattata, pazzia: mattità, (la), s.f.
matto
: mátte, (lu), s.m.
mattone
: matane, (lu), s.m., pl., li matîne
mattone grosso
da costruzione: väsele,
matunàcce, (lu), s.m.
mattoni per taglio per formare un divisorio; coltellata: curtulláte, (la), s.f.
mattutino, mattiniero,
prestaiolo: prestaréule, agg.
maturare del grano anche colmare il bicchiere fino all'orlo: arrasá, v.

maturo
(nel senso di), pronto, sviluppo raggiunto: fàtte, agg. / è un uomo adulto: è n'òmmene fàtte; è una donna completa: è 'na fammena fàtte
Maurizio
: Maurëzie, n.p.p.
Mauro: Maure, n.p.p., dim. Maulucce
mazza della zappa
: scàde, (la), s.f.
mazza nel gioco della lippa: paštëine, (lu), s.m.
mazza per spaccare pietre: mazzëule, (la), s.f.
mazzancolla, varietà di crostacei decapodi; spannocchio: mazzangòlle, (lu), s.m.
mazzata
, gran quantità di botte: mazzànne, (la), s.f.
mazziata, bastonatura: vrettelànne, mazzïáte, saláte, (la), s.f.
mazziere, cartaio; cartolaio: cartáre, (lu), s.m.
mazzo, di chiavi, di fiori, di carte da gioco: muàzze, (lu) s.m.
mazzola, gallinella,  cappone caviglione o semplicemete caviglione, pesce marino della famiglia triglidae: pircátte, (lu), s.m. / caviglione, genere di pesce: marzabbòcche, (lu), s.m.
me
, mi: pron. pers. sing. compl. mi, a má, di má
me (a): 'mmá, pron.
meccanico
: muccaniche, (lu), s.m., pl. li micchèniche
medaglione di filigrana d'argento o di oro portato una volta dalle ragazze innamorate o fidanzate: prisindáuse, (la), s.f.
mediatore
, sensale: sensàle, ssinzàle, uaštësce,
(lu), s.m., pl. li sensèle / in senso spregiativo: me pàre 'nu ssensàle
mediatore, sensale, in senso spregiativo, ruffiano, pappone
, prosseneta
anche ricottaro: recuttàre, (lu), s.m.
medico: médeche, (lu), s.m., pl. li mideche
medusa marina urticante: bbottamarëine, bottamarëine, ciabbùtte marëine, (la), s.f. anche bbottacujîune, bottacujîune, (lu), s.m.
meglio
, migliore, più buono: májje, mèjje, agg./avv.
meglio non parlarne!: ma che ne përl' a ffä'!
mela
: màle, (la), s.f.; tipi di mele: tinelle, zitelle, mulingelle (asprette e a forma di limone), melapiane
mela appiola
: melàppie, (la), s.f.
mela (qualità di): annùrche, agg.
melacotogna
: melachitágne, melichitágne, (la), s.f. / melacotogno (albero): melachitágne, melichitágne, (lu), s.m.
melagrana
: merganáte o murganáte, (lu), s.m.
melanzana
: milignáme, (la), s.f., pl. li milignáme
melanzane tondeggianti cotte ripiene, fig. coglioni dei preti: chijjune di prèdde, (li), pl.
mele (varietà di) dell'inizio dell'estate: milàlle, (li), pl.
melma, fanghiglia, guazza: huàzze, uàzze, jòzze, (la), s.f. / melma, mota, lota, fango: láute, (la), s.f.
melma
: bbàbbe, (la), s.f. / boga, vopa (pesce della famiglia degli sparidi): bbàbbe, vòpe, éupe, (la), s.f.
melograno
: miricanàte, mirganàte, (lu), s.m., pl. li miricanete
membro virile: célle
, (la), s.f. / uccello anche membro virile: célle, (lu), s.m / membro virile anche
coltello del macellaio anche scandaglio: scanàjje, (lu), s.m.
memoria
: mimórie, (la), s. f.
memoria
(a) nel senso di a memoria d'uomo: a mmammùrie, avv.; memoria (a): a 'mmènde, loc. avv. / mio figlio sa il catechismo a memoria
: féime sa la duttrëine a 'mmènde
mendicare
: guará, v.
menefreghismo
: 'nterlècchie, avv.
meningite: menengète, malingëite, meningëite, (la), s.f.
menta spontanea selvatica, mentuccia, erba aromatica, pianta erbacea con foglie ovate e seghettate molto adoperata in cucina: mindîcce, mindìcce, (la), s.f.; aisubuird, (l'), s.f.; ujjssubbûrghe, (l'), s.m., jusubbìrde, (lu), s.m.
mento, mandibola, ganascia: ánghe, hànghe (la), s.f., pl. li ánghe
mentre, frattanto: mèndre, ndraditànde, trummuìnde, trummìnde, avv.

mentuccia, erba aromatica, menta spontanea selvatica, pianta erbacea con foglie ovate e seghettate molto adoperata in cucina: mindîcce, mindìcce, (la), s.f.; aisubuird, (l'), s.f.; ujjssubbûrghe, (l'), s.m., jusubbìrde, (lu), s.m.
menzogna
, bugia: bbuscë, buscë, buscèjje,
(la), s.f. 

menzognero
, raccontatore di frottole: fafucchiàre, (lu), s.m. / fanfarone o frottolone: favucchiàre, papucchiàre, (lu), s.m. / fanfarone,bugiardo, bravaccio, millantatore, spaccone, vanaglorioso, vantone: arcimbámbele, baggiàne, ggiannèzzere, pallunàre, sbrafànde o sbravànde, vandasciàre, agg./(lu) s.m.
meraviglia
: mmaravéjje, (la), s.f.

mercanzia
: cápe di rròbbe, (lu), s.m.

mercato
, fiera: fîre, (la), s.f. / mercato (il), piazza delle erbe: piazze de la virdïure, (la), s.f. / verdura, erbe, ortaggi in genere: virdïure, virdîure, virdîre, (la), s.f.
mercato
: murcàte, (lu), s.m.

merce
; inizio; gugliata di seta; vena d'acqua: cápe, (la), s.f.

mercimonio sessuale, prostituzione: puttanézie, (la), s.f.

mercoledì
: merculleddè, mercluddè, (lu), s.m. /
giovedì: giuvuddé, ggiuvuddé, (lu), s.m. / venerdì: vennardè, vinnardè, (lu), s.m. / sabato: sàbbete, (lu), s.m. / domenica: dumuàniche, dumuàneche, (la), s.f. / lunedì: luneddë, lunuddë, (lu), s.m. / martedì: marteddè, (lu), s.m.
merda
; sterco: mèrde, (la), s.f. / persona dal gusto difficile nello scegliersi la moglie: chi càpa càpa, dòppe affònne lu quîule à la mèrde
merenda
, mappatella (pasto di operai e contadini), colazione: stuzzatte, (la), s.f.
meretrice, prostituta: 'ndròcchie, (la), s.f. / meretrice di cantoni: pundinìre, (la), s.f.
meridiano
: miridijàne, (lu), s.m.
meritare: merité, v.
merletti: pizzátte, (li), pl. /
merletti anche piombini: tumarìlle, (li), s.m.pl. / merletto di seta anche bionda: blànde, (la) s.f. / merletto rotondo, posto sul tavolo per ornamento: ciuàndre, (lu), s.m.
merlo
: mèrle, (lu), s.m.
merluzzo, pesce marino: mirlícce, mirlîcce, (la), s.f. / merluzzo salato: baccalà, (lu), s.m. / merluzzo seccato, stoccafisso: štòcche, (lu), s.m.
merluzzo salato, pesce marino: baccalà, (lu), s.m. / merluzzo seccato, stoccafisso: štòcche, (lu), s.m. / merluzzo: mirlícce, mirlîcce, (la), s.f.
merluzzo seccato, stoccafisso, pesce marino: štòcche,(lu), s.m. / merluzzo salato: baccalà, (lu), s.m. / merluzzo: mirlícce, mirlîcce, (la), s.f.
meschino: mišchèine, agg.
mescolanza, insalata mista, insalata nella quale si mischiano, condite con aceto, olio extra vergine d'oliva e sale: indivia, lattuga, cicoria, finocchi, rucola, aglio e carote con qualche fogliolina di mentuccia: fujj'ammèsche, (la), s.f., pl. li fujj'ammèsche, detta anche "mišticànze"
mescolare: ammišcá, v. / mescolare, mischiare, miscidare: mišticá, v. / mischiare, in genere riferito alle carte da gioco: ammišticá, v. / mischiare di nuovo: arimmišcá, armišcá, v. / mescolatina: mišcatèlle, (la) s.f. / mescolare, impastare, ammassare, accumulare: ammassá, v. / impastare di nuovo, rimpastare: arimbaštá, v.
mescolatina: mišcatèlle, (la) s.f. / mischiare, mescolare, miscidare: mišticá, v. / mescolare: ammišcá, v. / mischiare, in genere riferito alle carte da gioco: ammišticá, v. / mischiare di nuovo: arimmišcá, armišcá, v.
mese
: màise, (lu), s.m.
mesi (i) non adatti alla pesca: mìsce mùrte, (li), pl.
messa
, rito della messa: màsse, la), s.f. / messa delle ceneri: màsse 'nginnirëzie
messa; funzione: funziáune, (la; s.f.
messo del comune, usciere, famiglio, domestico, servo: crijáte, (lu), s.m.
mestiere: mištìre, (lu), s.m.
mesto, accorato: arranguràte, agg.
mestolaccia; erba spontanea dei campi: cinghenìrve
, (lu), s.m. 
mestolo
, cucchiaio, cazzuola anche cazzuola del muratore: cucchiàre, cucchiêre, cucchiére, (la), s.f., pl. li cucchiêre
mestolo
, ramaiolo: cuppëine, cuppuene, (lu), s.m., pl. li cuppuene / piatto bucherellato: viddataure, (la), s.f., pl. li viddataure
mestolo
; grosso cucchiaio: cucchiaráune, (lu), s.m.
mestolo (piccolo); cucchiaio di legno: cucchiarèlle, (la), s.f.
mestolo (piccolo)
: cuppunille, (lu), s.m., pl. li cuppunille
metallo smaltato: fèrre fîuse, (lu), s.m.
meticoloso, puntiglioso: pilillàre, agg. /
puntiglioso, capriccioso: pindillàse, agg. / capriccioso: trapilèine, agg. / puntiglioso, dispettoso: curriváuse, (lu), s.m. / puntiglioso, saccente anche ironicamente sarto: 'mpilapidùcchie o 'mbilapidùcchie, (lu), s.m.
meticoloso, puntiglioso: pintijjàse, agg.
metro (circa un): mitrànne, (la), s.f. / una metrata di seta: 'na mitrànne di sàte
metro per sarto o muratore; fettuccia; nastro: fittìcce, (la), s.f.
mettere, mettere da canto o da parte, riporre, stipare, da parte: aripánne, mätte, v., p.p. màsse / stipare di nuovo, riporre: arištipá, v. / mettere di nuovo: arimätte, v. / mettere di nuovo un oggetto in piedi: artiná, v. / mettere giù, posare, depositare: pusá, v. / mettere giudizio: mätte cape a vvèvere, loc. / mettere, applicare i ferri agli zoccoli dei cavalli: firrá, v. / mettere il basto, preparare l'asino prima di caricare la soma: ammaštá,
'mbaštá, v. / mettere il becco, curiosare: musumujá, v. / mettere il catenaccio, serrare, infilare, chiudere con una inferriata, inferrare: 'mbirrá, 'nzirrá, v. / infilare, insaccare: 'nzaccá, 'mbilé, v. / infilare, in genere di nocelle, fichi e foglie di tabacco: 'mbilé, v. / infilare, cucire, imbastire: imbilá, v. / ficcare con forza: 'nzaccá, 'ntruzzá, v. / introdurre a forza: 'nzippá, v. / ficcare di nuovo con forza: arinzippá, v. /
mettere in mare la paranza, la barca, varare: vará, v. / mettere in movimento, abbrivare: ammijjé, v. / mettere in ordine la casa: arizilá, v. / mettere in un canto: accanduná, v. / mettere insieme, restringere, raccogliere, accoppiare, accoccare, rimediare qualche cosa: accucchié, arištrágne, v.
/ mettere le canne nei vigneti: tênne, v. / mettere lo zolfo: 'nzurfaná, v. / mettere su peso, ingrassare: 'nquartárese, v. / mettere un recipiente per riempirlo sotto una fontana o un rubinetto di acqua: ppará, v.
mettersi
a letto: cupujérese, v.
/ mettersi al riparo, ricoverare: arisidá, v. / mettersi comodo, insediarsi sul trono: 'ndruná, v. / mettersi d'accordo, convenire: accašcá, v. / mettersi in agguato, assumere atteggiamenti sussiegosi, poggiar bene, far resistenza, far forza facendo leva: 'mbuš, v. / mettersi in fila: affilé, v. / mettersi in ghingheri, indossare abiti nuovi: arcagná, 'ngigná, arlisscé, v. / mettersi in mostra, vestirsi di tutto punto: arimbuzzá, v. / mettersi in un canto e impigrire: 'ngufanárse, v.
meravigliarsi, (nel senso di), stupire, sfottere; gabbo: âbbe (hâbbe), avv. / mi stupisce, mi fa meraviglia, mi sfotte: mi fa' âbbe
mezzadro
, socio, colono, chi coltiva un terreno in società: sòcce, (lu), s.m.
mezzo
: mèzze, agg.
mezzogiorno
: mezzejùrne, (lu), s.m.
mezzotempo
, pomodori locali ottimi per brodetto di pesce e salsa, a tocchetti vengono conservati in barattoli o bottiglie: mizze tìmbe, (li), pl.
mi
, me: pron. pers. sing. compl. mi, a má, di má
mi basta un culo
: m'avašte nu cuìle
mi fa meraviglia, mi stupisce, mi sfotte: mi fa' âbbe (hâbbe) / mi stupisco, mi faccio meraviglia: mi ni facce hâbbe
mi ha fatto: m'à fatte
mi ha fatto aspettar molto, desiderar molto
una cosa
: m'ha fatt'allunguà lu colle
mi ha fatto spaventare!: m'à fatte fä 'na smôšte!...m'à fatte jitticä!
mi ha fatto vedere le stelle: m'à fatte vidé li štalle
mi hai rotto le scatole, scocciato: mi si 'bbuttáte...
mi hai scocciato, rotto le scatole: mi si 'bbuttáte...
mi faccio meraviglia, mi stupisco: mi ni facce hâbbe / mi stupisce, mi fa meraviglia, mi sfotte: mi fa' âbbe (hâbbe)
mi sfotte, mi stupisce, mi fa meraviglia: mi fa' âbbe (hâbbe) / mi stupisco, mi faccio meraviglia: mi ni facc,e hâbbe
mi sono annoiato, stufato: m'àjj' abbuttáte
mi sono innervosita!: mi s'é smôšte la nervatîre!
mi sono stufato, annoiato: m'àjj' abbuttáte
mi sono stufato!: m'é mminùte 'n bîzze!
mi stupisce, mi fa meraviglia, mi sfotte: mi fa' âbbe (hâbbe) / mi stupisco, mi faccio meraviglia: mi ni facce hâbbe
mi stupisco, mi faccio meraviglia: mi ni facce hâbbe / mi stupisce, mi fa meraviglia, mi sfotte: mi fa' âbbe (hâbbe)
mia, mio: më, mé agg./pron. poss. / è mio: é lu mé
mia moglie: màime, mmajme / tua moglie: màite / moglie: mòjje, màjje o mäjje (ant.), (la), s.f.
miagolare: maulijjé, v.
Michele
: Mecchèle, Micché, Micchèle, Miché, n.p.p., dim. Miccalîcce, Miccalùcce, Micchelene, Micchilëine, Micchiline, Lillène
Michelina
: Micchelëine, n.p.p.
midollo: midàlle
, (lu), s.m.
mie, miei: mi, agg./pron. poss.
miei
, mie: mi, agg./pron. poss.
miele: muéle, mèle, (lu), s.m.
mietere
, trebbiare: trescá, triscá, mête, v. /
mietere cima cima: accamullá, v.
mietitore
: mititáure, mitetóre, (lu), s.m. pl. li mititîre
mietitori
  o zappatori (ultimo della fila degli): cudacchiîre, (lu), s.m.
mietitrice
: mettetrìce, (la), s.f.
migliaio: mijàre
, (lu), s.m.
migliaio (un) circa, circa mille: mijaráte, mijarànne, (la), s.f. / un migliaio di alberi d'ulivo: 'na mijaráte di pìde di lëive
migliore
, meglio, più buono: májje, mèjje, agg./avv.
migliore (la), nel gioco delle carte, la richiesta della carta più importante per facilitare il gioco o acquisire più punti: mäjje, (la), s.f.
mignatta, sanguisuga: sanguátte, (la), s.f.
mignolo: dit
îcce (ant.), (lu), s.m. anche dutuicce di la méne, (lu), s.m., pl. li ditîcce di li méne /
dito: dàite, (lu), s.m., pl. li déte / il dito della mano: lu dàite di la méne / pollice:
dutozze di la méne, (lu), s.m., pl. li dituzze di li méne; pòlece, (lu), s.m. /alluce: ditáune, (lu), s.m.
millantare, adulare: avandá, v.
millantatore, bravaccio, bugiardo, fanfarone,spaccone, vanaglorioso, vantone: arcimbámbele, baggiàne, ggiannèzzere, pallunàre, sbrafànde o sbravànde, vandasciàre, agg./(l'), (lu), s.m. / frottolone o fanfarone: favucchiàre, papucchiàre, (lu), s.m. / raccontatore di frottole, menzognero: fafucchiàre, (lu), s.m.
millanteria, boria, vanità, spacconeria: baggianarë, sbrafandarèjje, (la), s.f.
mille
: mèlle, agg., n. card.
mille (circa), un migliaio circa: mijaráte, mijarànne, (la), s.f. / un migliaio di alberi d'ulivo: 'na mijaráte di pìde di lëive
millepiedi
: cendepìte
, (lu), s.m.
milza
: mézze, (la), s.f., pl. li mézze
minchione
, ingenuo (troppo), sciocco, fesso: mingaune, fuàsse, fàsse, gnucculáune, agg./(lu), s.m.
minaccia (riferita a una), più o meno velata: guarànne, loc. / possa andare sperso!, possa andare nel pianto!: pùzza ji' guarànne!
minaccia verso qualcuno anche a fetta a fetta: a ffèlle a ffèlle, loc. avv.
minacciare qualcuno con l'accetta anche di albero ridotto in pezzi: arrucchié, v.
minchione, di persona stupida: sagnelláune, agg.
minchione, fesso, sciocco, troppo ingenuo: mingaune, agg./(lu), s.m. / minchione, sciocco,anche cespo di sedano: màzze d'àcce, (lu), s.m.
minchione anche aceto: ciàite, (lu), s.m.
 
minestra; zuppa: minèštre, (la), s.f. / zuppa: zíppe, (la), s.f.
minestra per i poveri: granàte, (la), s.f.
minestrone: miništráune, (lu), s.m.
minimo
: méneme, avv. / il minimo: méneme, (lu), s.m.
minutaglia o cianfrusaglia di cenci o di stracci: pezzàme, (li), pl.
minutaglia di pesce per frittura, miscuglio di piccoli pesci anche frotta di bambini: frahàjje, (la), s.f. / minutaglia uniforme di piccoli pesci somiglianti alla sarde, pesciolini bianchi marini ottimi per la frittura, avannotti di pesce, bianchetti, pesce nudo: papalëine (la), s.f. / pesci di piccolissima taglia, bianchetti: cicinìlle, (li), pl. / pesciolini di maggio: piscitílle di majje, s.m., pl. li
minutaglia o cianfrusaglia di stracci o di cenci: pezzàme, pizzàme, (li), pl.
minutaglia piccolissima di alici, sarde e acciughe, o bianchetto, novellame: pésce a 'rrëise, (lu), s.m.
minutaglia uniforme di piccoli pesci somiglianti alla sarde, pesciolini bianchi marini ottimi per la frittura, avannotti di pesce, bianchetti, pesce nudo: papalëine (la), s.f. / pesci di piccolissima taglia, bianchetti: cicinìlle, (li), pl. / pesciolini di maggio: piscitílle di majje, s.m., pl. li / minutaglia di pesce per frittura, miscuglio di piccoli pesci anche frotta di bambini: frahàjje, (la), s.f.
minutaglia di pesci gettata a mare come esca, brumeggio: remègge, (lu), s.m.
minuto, piccolo: piccinìnne, agg. / piccino: cinìnne, cinànne, agg.
mio
, mia: më, mé, agg./pron. poss. / è mio: é lu mé
mio fratello; tuo fratello; fratello: fràteme; frátte; fràte, (lu), s.m.
mio padre: pèteme / tuo padre: pètte / padre, papà: pátre, papá, táte, (lu), s.m.
mira: mëire, (la), s.f.
miracolo
, prodigio: miràchele, (lu), s.m.
mischia
, baruffa: 'mbràsce, (la), s.f.
mischiare, mescolare, miscidare: mišticá, v. / mescolare: ammišcá, v. / mischiare, in genere riferito alle carte da gioco: ammišticá, v. / mischiare di nuovo: arimmišcá, armišcá, v. / mescolatina: mišcatèlle, (la) s.f.
mischiare di nuovo: arimmišcá, armišcá, v. /
mischiare, in genere riferito allle carte da gioco: ammišticá, v. / mischiare, mescolare, miscidare: mišticá, v. / mescolare: ammišcá, v. / mescolatina: mišcatèlle, (la) s.f.
mischiare le carte da gioco: ammišticá, v. / mischiare, mescolare, miscidare: mišticá, v. / mescolare: ammišcá, v. / mischiare di nuovo: arimmišcá, armišcá, v. / mescolatina: mišcatèlle, (la) s.f.
miscidare, mischiare, mescolare: mišticá, v. / mescolare: ammišcá, v. / mischiare, in genere riferito alle carte da gioco: ammišticá, v. / mischiare di nuovo: arimmišcá, armišcá, v. / mescolatina: mišcatèlle, (la) s.f.
miscuglio di piccoli pesci, minutaglia di pesce per frittura anche frotta di bambini: frahàjje, (la), s.f. / minutaglia uniforme di piccoli pesci somiglianti alla sarde, pesciolini bianchi marini ottimi per la frittura, avannotti di pesce, bianchetti, pesce nudo: papalëine (la), s.f. / pesci di piccolissima taglia, bianchetti: cicinìlle, (li), pl. / pesciolini di maggio: piscitílle di majje, s.m., pl. li
miserabile
, rifiuto umano, lazzaro: jttáte, (lu), s.m.
miserabile; uomo dappoco; da nulla; poverso in arnese; nomignolo: cattàvëine, ccattàvëine (lu), s.m.
miserere
: misaré, (lu), s.m.
miseria, pezzenteria, gentaglia: pezzanderèje
, (la), s.f. / miseria: misèrie, (la), s.f. / miseria, sfortuna, iella al gioco: scaràgne, (la), s.f. /
pezzenteria, povertà: bizzindarëjje, (la), s.f. /
gentaglia, masnada: ggendàjje, (la), s.f.
misericordia, pietà: piatà, (la), s.f.
misero
: mësere, mèsere, agg.
missiva, lettera: làttere, léttere, (la), s.f.
misto di insalata
: ammišticànde, agg.
mistura
o crema usata per lo più dai contadini per la prima lucidatura del cuoio e delle scarpe in genere: mmjistûre, mištîure, (la), s.f.
misura antica agraria di circa 60 mq.: còppe, (lu), s.m.
misura antica agraria corrispondente a più di un terzo della salma (misura per granaglie, circa 55 kg): tàmmele, (lu), s.m.
misura antica lineare (mt. 2,109); canna: cànne, (la), s.f.
misura
(antica) lineare (circa 26 cm); palmo: pàlme, (lu), s.m.
misura (antica) per liquidi (l. 0,727); caraffa: caràffe, (la), s.f.
misura dei mugnai per calcolare il compenso: còppe, (lu), s.m.
misura del vino, caraffa, di mezzo litro; foglietta: fujàtte, (la), s.f.
misura di peso circa un quintale, soma: sáume, (la), sf.
misura di superficie; mezza parte del tomolo (circa mq 1733): mizzátte, (lu), s.m.
misura di superficie agraria corrispondente a circa mq 10.400: sàlme, (la), s.f.
misura per aridi, moggio: muzzàtte, (lu), s.m.
misura per aridi poco più di un litro: còppe, (lu), s.m.
misura per superfici, pari a mq 173 (1/60 di una salma): misîure, (la), s.f.
misura per vini (l. 10,906); fiasca di vino: carafáune, (lu), s.m.
misurare: attindá, v. / misurare la febbre: pruvá la fréve o févre, v. / palpare, toccare, tastare: attindá, taštijé, v. / tastare il polso: attindá lu pàlse o pàzze /
palpare, perquisire: arimascigné, v.
misurino: mîserèlle o muserèlle, (lu) s.m. / il misurino dell'olio: lu mîserèlle dell'uje / misurino, in genere per l'olio anche ramaiolo o piccola brocca di stagno o zinco per prelevare l'olio: misurèlle, (la), s.f.
mitilo
, cozza: ciòcchela náire
, (la), s.f.
, ora, adesso, in questo istante, in questo momento, adesso adesso:  mò mò, më, òre, ammò,  avv./loc. avv. / ora è un anno: ammò fa' l'anne
mobile di legno appoggiato al muro
; consolle: cunzéule, (la), s.f. / consòlo, consolazione; convito funebre: cunzéule, (lu), s.m.
mobile inservibile: casciabbànghe, cassciabbànghe, (lu), s.m.
mobile per suppellettili in vista; compra a credito: cridènze, (la), s.f.
moccio, muco del naso: fràffe, (lu), s.m., pl. li frêffe / pan' e fràffe
moccioso
: fraffáuse, agg.
modalità
, modo, maniera: manìre, (la), s.f.
moderazione
: bàšte, (lu), s.m. / basto: bàšte, (lu), s.m.
Modesto
: Mudeste, n.p.p.
modo
, maniera, modalità: manìre, (la), s.f.
modo: móte, (lu), s.m. / modo e maniera: móte e manìre
modo (al) di: a use, loc.
modo (al) nostro, alla nostra maniera: a la štre, loc. avv.
modo di cucinare
(speciale), rustico, quasi
grossolano
: a la cafàune o alla cafona
modo di cucinare marinato
(domestico):
a la carpiselle
modo di cuocere i polipi anche in purgatorio : 'mbrihadòrie
moggio, misura per aridi: muzzàtte, (lu), s.m.
mogio, sfinito: ammupulëite, agg. /sfinito, stanco: ammazzuqquëite, agg. / stordito, confuso: 'mbambalèïte, agg. / stordito, incapace di reagire: ammupuléte, agg. / confuso: cunfîse, agg. / confuso, imbarazzato: 'mburniscéite, agg. / stordito, distratto: coccemànne, (lu), s.m.
mogio mogio, piano piano, muoversi con circospezione: uatt a uatte, huàtta huátte, allèb' allèbbe, uàsce uàsce, lòcche lòcche, loc. avv.
mogio mogio, con la coda tra le gambe: cudûte cudûte, avv.
mogio mogio
: cùzze chîzze, loc. avv. / mogio mogio anche in maniera sornione: tòme tòme, loc. avv.
moglie: màje (ant.), (la), s.f. / mia moglie: màime, mmajme / tua moglie: màite
moglie poco onesta: mangulàre, (la), s.f.
moina: ciangianátte, (lu), s.m.
moine
: zéze, (li), pl. / moine, leziosaggini anche reticenze e cianfrusaglie: marciammëje, (li), pl. /
moine: cicimmùlle, (li), pl. /
moine anche capricci: trépele, (li), pl. / moine, leziozaggini, reticenze: miištèrie, (li), pl.
molare, mascella: gànghe, (la, s.f.; angále, (l'), s.f. / mascella: masciàlle, (la), s.f.
molestare, disturbare, incitare alla rissa, infastidire, provocare: appurtá, ccimindä, cimindá, v. / molestare, tormentare: trumendá, v. / tormentare, non dar tregua: trumundá, v.
molestia
, fastidio: accasijáune, (la), s.f. /
fastidio: faštèdie, (lu), s.m.
molle
in ferro per il fuoco anche tenaglia: tinaje, tinaie, (la), s.f., pl. li tinaie / tenaglia: tenàjje, (la), s.f.
molletta
o pinzetta per tenere il bucato ad asciugare: acchiapparille, (lu), s.m.
mollica; briciola di pane: mijjèche, fraglìca, fráneche, (la), s.f.
mollo
, morbido: mòlle, pl. li mùlle, agg. / morbido: céculo, agg.
mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi, conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, fasolaro, lamellibranco, noce, tartufo, vongola: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze / conchiglia marina, cornetto: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
mollusco con conchiglia munita di tre prolungamenti a croce, crocetta, garagolo: ciucculálle, (la), s.f.
mollusco dal colore marrone, torricella comune: cambanëile, (lu), s.m.
mollusco dal nicchio fusiforme, trigone viola: chiamechèlle, (la), s.f.
molo
: méule, (lu), s.m.
molosso dei macellai, cane corso: cárze, (lu), s.m.
molto, parecchio, in abbondanza: naquàlle, pl. naquille, avv./agg.
molto buono
, ottimo: sciuquáte, agg.
mollusco a forma di conca attaccata agli scogli, aliotide, orecchia di mare: ràcchije di Sam Bbìtre, (la), s.f.
mollusco bivalve dei fondi sabbiosi, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, lamellibranco, vongola: paparózze (bbiànghe, rëisce, di féure), (la), s.f. / bava del bambino: paparózze, (la), s.f.
mollusco con conchiglia univalve; tritone: ciòcchela rézze
, (la), s.f.
mollusco dai solchi paralleli su di una sottile conchiglia, doglio corpo: ciucculáune
, (lu), s.m.
mollusco dal colore marrone, torricella comune: cambanëile, caracòjje, curniciàlle, (lu), s.m.
mollusco marino bivalve, vongola, conchiglia: ciòcchele, vàunghele, (la), s.f.
momenti, (a ), fra poco
: a mmumènde, loc. avv.
momento
, istante: humènde, (lu), s.m.
momento (all'ultimo), all'estremo: ngànne ngànne, loc. avv.
momento inopportuno; alla controra: condráure, avv.
monaca
, suora: moneche, cócce di pèzze, (la), s.f.
monachina
, scintilla: vrinnèisce, (la), s.f.
monaco, frate: mònece, (lu), s.m., pl. li mùnice /frate laico: picózze, (lu), s.m.
mondare, nettàre, sgranare, sgusciare, slegare, sciogliere, pulire, sbucciare, ecc.: sciôje, sciòjjë, v., p.p. sciôdde; a la uaštaréle (in dialetto vastese), canda diciàme, sciôje, pò significä’ paricchie chése / slega l’asino: sciùje l’âsene / sbucciare, togliere dal baccello piselli, fave, ecc.: sciôje li pisëlle/li fäfe/ecc.; a volte per i legumi si usa anche scugnä, verbo che si adatta più alla frutta secca provvista di guscio (la cugne) / mondare, nettàre la verdura...: sciôje la virdîre, (es. sto mondando, nettando un po’ di broccoletti: štingh’ a sciôje ddu’ vrucche di räpe / deviscerare, pulire il pesce prima di cucinarlo: tipica l'espressione, sciôje lu pàšce, puàsce o puàssce
mondo
: muànne, muonn', (lu), s.m.
monello, discolo anche trovatello: vardiarélle, vardarìlle, (lu), s.m. / discolo anche ragazzo furbo e vivace: masanìlle, (lu), s.m.
moneta d'argento raffigurante Vittorio Emanuele II; collo lungo: collelònghe, (lu), s.m.
moneta dal suono falso; pescecane; grano mediocre: caccaváune, (lu), s.m.
mondo
: mànne, (lu), s.m.
moneta (antica) del Regno di Napoli: dáppie, (la), s.f.
moneta del Regno di Napoli: còppe, (lu), s.m.
moneta d'argento del Regno di Napoli; carlino: carlëine, (lu), s.m.
moneta d'argento del Regno delle due Sicilie: cingheranèlle
, (la), s.f.
moneta di due soldi anche buono a nulla, callo del ciabattino, parte del pettine senza denti: taláune, (lu), s.m.
moneta falsa anche non valere: pàtacche, (la), s.f. / non vale niente: ni' vvale manghe 'na pàtacche
Monica
: Mòneche, n.p.p.
manici della tenaglia; piedi del telaio, anche coscia, gamba: còsse, hàmme, amme, (la), s.f., pl. li còsse, li emme
monocolo; caramella: caramèlle, (la), s.f.
monomane; di personache soffre di fissazioni: fissáte, agg.
monsieur (adattamento del francese), signore: munzù, (lu), s.m.
monsignore
: munzignàre, (lu), s.m.
montagna
: mundàgne, (la), s.f.
montanaro
: mundanàre, (lu), s.m.
monte
: mànde, monde, (lu), s.m. / su e giù: mónd' e bbàlle
montone: mundaune, (lu), s.m., pl. li mindihune, mundàne, (lu), s.m.
montone (di) o capra privo di corna: chéuche, agg.
monumento
: munuménde, munumente, (lu), s.m.
morale
: muràle, (la), s.f.
morbido, mollo: mòlle, agg., pl. li mùlle /
morbido: céculo, agg.
morbillo anche orticaria: ritichénie, retichénie, (la), s.f.
more nere, frutti di rovi: miréchele, (li), pl.
morchia, sporcizia, sporco, sozzo: vràtte, imbrujète, zzózze, 'nzuzzunëite, (lu), (l'), s.m./agg. / morchia, deposito, posa di vino nelle botti: fècce, (la), s.f. / morchia o spurgo del frantoio: acquavècce, (la), s.f. / morchia, deposito delle impurità nel barilotto dell'olio: mòcchie, (la), s.f.; la mòcchie dell'uje / morchia: mafàcce, (la) s.f.
mordacchia, strumento che si mette alla, bocca degli animali perché non mordano, bavaglio di ferro per equini
quando vengono ferrati: turcitáure, turciamússe, torciamûsse, (lu), s.m., mòrge, (la), s.f.
morire
: murë, v. / accorciare, abbreviare: accurtunë, v.; fig., nel significato di morire: accurtunë li pásse, v.
mormora, varietà di pesce: mùrme o mmòrmore, (lu), s.m.
mormorio con allusioni maligne: rummòrme, (lu), s.m.
morsa
: marz, (la), s.f., pl. li marz
morsa usata dai falegnami / carro: càrre, (lu), s.m., pl. li chèrre 
morso, boccone: màcceche, muàcceche, muccicànne, (lu), s.m. ant.; mócceche, mócciche, mod, (lu), s.m.
mortadella: murtatèlle, (la), s.f.
mortaio
per triturare il sale o il pepe, pestello: murtale, (lu), s.m., pl. li mirtelle, murtàre
mortaio per i fuochi artificiali; cucitolo o coda cavallina o erba rugna, varietà di piante: cudátte, (la), s.f.
morte: mòrte, (la), s.f. / morte (la): machinànde, (la), s.f.
morte (la): machinànde, (la), s.f. / morte: mòrte, (la), s.f.
mortella
, siepe ornamentale: murtàlle, (la), s.f.
morti
(i) uccisi: murtaccëise, (li), pl.
morticino, cadaverino: murteciàlle o murticiàlle, (lu), s.m.
mortificare, crocifiggere, arrecare tormento: cruciufizzá, v.
mortificato, pentito: aripinitéte, agg.
mortificazione: murtificaziáune, (la), s.f.
morto: môrte, (lu), s.m. / fare il morto a galla, stare a galla sul dorso, galleggiare sulla schiena:
fa' la posa môrte
mortorio; spese per i funerali: murtórie, (lu), s.m.
mosca: màschele o màsche, (la), s.f., pl. li màschele o màsche
mosca cieca
(a): chiùppa cèche, (la), s.f.
moscardino, polipo o polpo, minuscolo, piccolo: pulpitèlle, muscardëine, (lu), s.m., pl. li pulpitìlle, muscardëine / grosso polipo o polpo, piovra: arcilijáne, arcilijáune, (l'), s.m. / polipo o polpo, divoratore di crostacei sotto costa: pälpe, (lu), s.m.
moscerino: ciambáne, (la), s.f. dim. ciambànelle
moscone: musculáune, (lu), s.m.
mossa; modo artefatto di schermirsi: mòsse, (la), s.f.
mossa favorevole nel gioco; riprendere le forze: arpicciché, v.
mosto: mmàšte, mmuašte, (non ha plurale), (lu), s.m.
mosto bollito ristretto con la cottura: còtte, (lu), s.m., pl. li cutte / cotto: còtte, agg.
mostocotto: mišticòtte, (lu), s.m.
mostrina; guarnizione militare; gallone: frìse, (la), s.f.
mota, melma, lota, fango: láute, (la), s.f. / melma, fanghiglia, guazza: huàzze, uàzze, jòzze, (la), s.f.
motella
, musdeca, varietà di pesce della famiglia dei gradidi: hulepátte, hàlepe, vulpètte, (la), s.f.
motivo
, cagione: accaggiáune, (la), s.f.
moto ondoso
e corrente verso sud: àcche a bbàusce, (la), s.f.
motopeschereccio
, motore in genere: mutuáure, (lu), s.m., pl. li mutîure /
piccolo motopeschereccio: tupilëine, (lu), s.m.
motore in genere, motopeschereccio: mutuáure, (lu), s.m., pl. li mutîure /
piccolo motopeschereccio: tupilëine, (lu), s.m.
movimento, scrollata del capo per manifestare risentimento, minaccia o fastidio anche, muovere, scuotere, scrollare, agitare: cucciujé, capuzzïjé, v.
mottetto: muttätte, (lu), s.m.
movimento dell'altalena: sàje e càle, avv.
mozzare, tagliare: muzzá, v. / al gatto ha mozzato la coda: a la hàtte já muzzáte la càude / tagliare: j, v.
mozzicone: mizzáune o muzzáune, (lu), s.m.
mozzo
, ragazzo addetto in mare
alla velatura di una piccola barca: mmuäzze, muré, (lu), s.m.
'mpilapidùcchie, (lu), s.m.: sarto (ironicamente) anche persona puntigliosa, saccente
mucchio,
bica, di covoni o paglia sull'aia: bèche, rehuláte, (la), s.f.
muco
del naso, moccio: fràffe, (lu), s.m.
, pl. li frêffe / pan' e fràffe
muffa: mucurècce, (lu), s.m.
muggine, cefalo, pesce marino: mijèlle, (la), s.f. dim. mijllìcce; cèfene, (lu), s.m. / varietà di cefalo: remàggie, (la), s.f.
muggire: ualiá, v.
mugnaio
: mulinàre, (lu), s.m., pl. li mulinère
muiella
, cefalo: pesce, mijèlle, (la), s.f.; dim. mijllìcce
mulino
: mulëine, (lu), s.m.
mulo
: mihule, (la), s.f. pl. li mihule
multa: mîlde, (la), s.f.
mungere: mugnë, v.
mungitura: mugnitîure, (la), s.f.
municarèlle
: pesce marino, (la), s.f.
munire di ferri di sicurezza
varchi e abitazioni:
'nfirrijá, v.
muovere
: sgummuévë, v., p.p. sgummósse /
muovere, scuotere, scrollare
anche movimento, scrollata del capo per manifestare risentimento, minaccia o fastidio, agitare: cucciujé, capuzzïjé, v. / muovere con agitazione le braccia, sbracciare, dimenarle: sbraccïjá v.
muoversi
a fatica per malattia o obesità: cutujé, v. / muoversi con vivacità anche orinare: zurrijé, zurrié, v. / muoversi con circospezione, piano piano, mogio mogio: uatt a uatte, huàtta huátte, allèb' allèbbe, uàsce uàsce, lòcche lòcche, loc. avv.
muraglione
: murajáune, (lu), s.m.
murata della barca: muruàte, (la), s.f.
muratore
, fabbricatore: frabbicatáure, s.m., pl. li fabbricatîre
muratore
: bèrre suàgge, (lu), s.m.
muratore di scarso valore: mezzacucchière, (la), s.f.
murena
: meràine o muràïne, (la), s.f.
muri a scarpa per la difesa delle fortificazioni, rinforzo murario di un castello: varvachéne, (li), pl.
muro: mîure, (lu), s.m.
muro che si protende: curnèce, (la), s.f.
muro muro
(camminare), quatto quatto: mîure a mîure, loc. avv.
muschio: jervetèlle, varvaštòppe, (la), s.f.
muscolo (di) o cosa raggrinzito: arracanéte, agg.
muscolo peloso: ciòcchela piláuse
, (la), s.f.
musdeca, motella, varietà di pesce della famiglia dei gradidi: hulepátte, hàlepe, vulpètte, (la), s.f.
museruola per cani: museréle, (la), s.f., pl. li museréle
musdeca, varietà di pesce: malifàcie, (lu), s.m.
musica
: míseche, (la) s.f.
musicante, bandista, appartenente a complesso musicale itinerante nelle feste patrnali: musicànde, (lu), s.m., pl. li misichende, bandèšte, (lu), s.m., pl. li bandèšte
muso, grugno, del maiale o del cinghiale e in generale: rùlle, mûsse, mîsse, grìgne, grâgne, (lu), s.m. /
grugno del porco: carîufe, (la), s.f.
muta (la) delle penne nella chioccia anche
persona adulta glabro, privo di barba, senza peli, liscio: brìvele, ('m), loc. avv.
mutanda: mutuànne, (la), s.f., pl. li mitànne, mutande, (la), s.f., pl. li mutande
mutandine, brache: vracàtte, bráche, (li), pl.
muto, zitto: zëtte, zétte, agg. / muto: mîute, agg.
muto: mîte, (lu), s.m. / il ballo muto: lu bballe mîte