Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Vocabolario italiano-vastese
: L
 
A
B
C
D
E
F
G
H
I
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
Z

l'asino trasporta la paglia e l'asino se la mangia!: l'âsene pôrte la pâje e l'âsene se le mâgne!
la
, l': la, l', art. det., s.f. / il, lo, l': lu, l', art. det., s.m. / i, gli, le: li, pl., m.f.
la
, lo, li, pron. o i, gli, le: li
la, le: pr. pers. compl. f. chillì
: aèlle, a élle, avv.
, in quel posto: aléuche, avv.
la Candelora: la Canniléure, (la), s.f.
là di fronte, là vicino: a èlle 'mbàcce, avv.
là sopra: a èlle 'ncòppe, avv.
là sotto: a èlle 'ssatte, avv.
là vicino, là di fronte: a èlle 'mbàcce, avv.
labbra screpolate: làbbre ašcàte, (li), pl.
labbro: làbbre, (lu), s.m.
laccio, stringa anche sedano: làcce, (lu), s.m. / laccio per le scarpe: attaccájje, (l'), s.f. / laccio anche legame in senso astratto: luhàme, (lu), s.m.
laccio per catturare uccelli: cacchiéule, (lu), s.m.
ladro: làtre, bèrre palipijatáure, (lu), s.m. / ladro; furfante: malandréine, (lu), s.m.
ladro, borsaiolo anche massaggiatore: palipiatàure, palipijatàure, bèrre, (lu), s.m.
laggiù, giù, in basso, di sotto, a valle: a èlla bbálle, alocabbálle, capabbálle, avv. / lassù, su, in alto, di sopra, a monte: a èlla mmànne, alocammànne,capammànde, avv. / bbálle e mónd o mmond, capabbálle e capammànde: giù e su
lago: làche, (lu), s.m.
lagna, lamento, piagnucolio insistente: làgne, (lu), s.m. / lamento: lamènde, (lu), s.m.
lagnarsi: lagná, v.
/ lamentarsi: lamendá, v. / lamentarsi, soffrire: gramá, v. / penare, soffrire, : pená, v.
lagrima: làcreme, (la), s.f.
lagrimare: lacrimá, v.
l'altro ieri: addraddire, avv.
lamellibranco, conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, fasolaro, noce, tartufo, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze / conchiglia marina, cornetto: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
lamentarsi: lamendá, v. / lagnarsi: lagná, v. / soffrire, lamentarsi: gramá, v. / soffrire, penare: pená, v.
lamentazione continua: lamindìre, (la), s.f.
lamento, lagna, piagnucolio insistente: làgne, (lu), s.m. / lamento: lamènde, (lu), s.m.
lamettaio, venditore di lame da barba: lamittare, (lu), s.m.
lamiera, bandone: lamìre, (la), s.f.
lamina di metallo, pezzo di ferro, punta della pala capovolta, conficcati parzialmente nel terreno davanti agli usci per pulire le scarpe infangate: pulisciascàrpe, rašcatáure, (lu) s.m.
lampada per la pesca notturna, frugnòlo, colmo del camino per agevovare l'uscita del fumo: jàcche, (lu), s.m.
lampeggiare, lampeggiare in chiave meteorologica: lambá, lambijá, lambié, lambijé, v.
lampione: lambïjáune, (lu), s.m.
lampreda di mare: magnapàice, (la), s.f.
lampuga o lapuga, pesce fico, varietà di pesce che vive nei fondali: leccìutte, pàšce fëchere, (lu), s.m.
lana: läne, (la), s.f.
lanaiolo; artigiano che lavora la lana: lanaréule, lanàre, (lu), s.m.
lancianese, cittadino di Lanciano, comune della provincia di Chieti: langianaise, (lu), s.m.
lanciare oggetti dall'alto: accalummá, v.
lanterna: landèrne, (la), s.f.
lanzardo o sgombro cavallo, pesce marino appartenente alla famiglia scombridae: pupattáune, (lu), s.m. / pesce della varietà degli sgombri: cuccardèlle, (la), s.f. / costardella: craštavidelle, (lu), s.m. / sgombro, pesce marino: sgàmmere, (lu), s..m., pl. li sghîmmere
lapicida anche scalpellino: marmešte, (lu), s.m.
lapis, matita: làppese, (lu), s.m.
lappola dei campi: cardarìlle, (lu), s.m.
lapuga o lampuga, varietà di pesce che vive nei fondali: leccìutte, pàšce fëchere, (lu), s.m.
lardo: làrde, (lu), s.m. / lardo di maiale o ventresca: vindràsche, vintràsche, (la), s.f.
lardo di maiale o ventresca: vindràsche, vintràsche, (la), s.f. / lardo: làrde, (lu), s.m.
largo: làreche, agg.
largura (piccola), ballatoio,
ripiano: pianàtte, (la), s.f. / ripiano, pensile, spazio sottotetto: pásele, agg. / ballatoio, scala, interna: capescàle, capiscàle, (lu), s.m.
l'arte di tuo padre è mezza imparata: l'arte de tàte è mezze 'mmbaràte
lasagne; pappardelle: pacchjarózze, (li), pl.
lascia fare a Dio!: ssa fa' Ddè!
lasciare, abbandonare: landá, lassá, v.; lascia!: làsse!, imp. / lasciare impronte: zambijá, v. /
lasciare lividi sulla pelle dopo percossa, segnare: cennié, v.
lassù, su,
in alto, di sopra, a monte: a èlla mmànne, alocammànne, capammànde, avv. / laggiù, giù, in basso, di sotto, a valle: a èlla bbálle, alocabbálle, capabbálle, avv. / mónd' o mmond' e bbálle, capammànde e capabbálle: su
e
giù
lassativo, purga:
pìrghe, (la), s.f.
lastra del loculo o della tomba: préta quadre, (la), s.f.
lastra
della tomba o del loculo: préta quadre, (la), s.f.
lastra di ferro che supporta la serratura: piàšchie, (la), s.f. / lastra di metallo: piàštre, (la), s.f.
lastra di metallo: piàštre, (la), s.f. / lastra di ferro che supporta la serratura: piàšchie, (la), s.f.
lastra di origine lavica per la pavimentazione pubblica: bàsele, (la), s.f.
lastricare: basulá, v.
lastricato, basolato, (la), s.f.: basulàte
lastrico stradale: basulàte, (la), s.f.
lassù: a èlla mmànne, alocammanne, avv.
latifondo (spesso) anche esteso territorio: tinimènde, (lu), s.m.
lato, margine, orlo: làte, (lu), s.m.
lato della casa esposto a settentrione: muràgne, avv.
latrato di cane mentre punta o cova la preda: bbàjje, (lu), s.m.
latrina, cesso: bruschijatáure, cèsse, (lu), s.m. /
servizi igienici approssimativi, ritirata, cesso: luccumûne, luccumùne, (lu), s.m.
latrocinio: latricëine, (lu), s.m.
lattaio/a anche balia: lattàre, (lu)/(la), s.m.f.
lattante: lattànde, (lu), s.m.
latte: làtte, (lu), s.m.
latte cagliato: quajàte, (la), s.f.
latte coagulato: cascéule, (lu), s.m.
latte (consistenza del) da parte della puerpera: ramatîure, (la), s.f. / primo latte della puerpera: chilòštre, (lu), s.m.
latterino, varietà di pesce: aunèlle, (l'), s.m.
lattuga, insalata: 'nzaláte, nzaläte, (la), s.f.
lattuga di mare: cappîccië, (la), s.f.
Lauretta: Lauratte, n.p.p.
lavandaia: lavannàre, (la), s.f.
lavare: allav
ä, arravä, v.
bucato (quantità di) lavato in un solo ciclo anche lavata approssimativa: lavànne, (la), s.f.
lavativo; serviziale; clistere: pàmpe, (la), s.f.
lavatura di panni anche residuo d'acqua: lavatîure, (la), s.f.
lavello, acquaio: lavandëine, (la), s.f.
lavorante (proprio del) che assiste il maestro, lo scarto nel gioco delle carte: ammannë, v. 
lavorare, faticare: fatijé, fatijjá, v. /
lavorare lentamente e con astuzia: abbussciné, v. / lavorare con poca voglia e con lentezza: scampanijé, v.
lavorate
, trascinate: strascinéte, agg.; li rápe strascinéte
lavoratore: fatiatáure, fatijatáure, fatijatàre, (lu), s.m. / lavoratore, operaio: upiràje, uperàje, (l'), s.m.
lavoratore o venditore di canapa anche canepaia, campo coltivato a canapa: canavàre, (lu), s.m.
lavoro, fatica: fatèjje, (la), s.f. / lavoro, occupazione: giòbbe, (lu), s.m.
lavoro a ufo: pi' l'amore di Ddë, loc.
lavoro (al); avviamento a un'attività manuale, spesso a quella dei muratori
: a mmannèjje, loc. avv.
lavoro (al) anche inclinazione al lavoro: a la tòšte, loc. avv.
lavoro eseguito con diligenza; arte
: árte, (l'), s.f.
lavoro eseguito in un solo ciclo: fatijéte, (la), s.f.
lavoro male eseguito: 'nguácchie
, (lu), s.m.
lazzaretto,
amaro, diavoletto, diavolicchio, peperoncino piccante rosso, piccantello:
bruciaquîule, cazzarèlle, diavilàlle, diavulillo, lazzarêtte, pepicucènde, piparole rásce, pipidìnie pizzicande, pipintone di 'mberne, pispagnole di féuche,
(lu), s.m., pl. li cazzarìlle anche cavatelli, piccoli gnocchi, diavilèlle, lazzarètte

lazzaro, rifiuto umano, miserabile: jttáte, (lu), s.m.
Lazzaro: Làzzere, n.p.p.
lazzarone, briccone, mascalzone: bbrèche, lazzaráune, lazzaraine, (lu), s.m., pl. li lazzarîune
le, gli, i: li, pl., m.f. / il, lo, l': lu, l', art. det., s.m. / la, l': la, l', art. det., s.f.
lebbra (malattia): lêbbre, (la), s.f.
leccia stella, pesce di buona stazza dalle carni pregiate: laccettàlle, (la), s.f.
leccio, elce: èlece, (l'), s.m.
leccio: neciátte
, (la), s.f.
leccornia; intingolo: 'ndrungulátte, (lu), s.m. /
intingolo dal gusto ricercato: pratanèlle
, (la), s.f.
legacciòlo: ttaccàjje, (la), s.f.
legare
: allacciä, v., p.p. allacciäte anche
attaccä, v., p.p. attacchäte /
lucidare verdure o altro e attaccare in mazzi per andarli a vendere in piazza: pulé e attaccä la rrobbe pi' purtarle a la piâzze /  legare l'asino dove dice il padrone, fig. a se medesimo: attaccä l'âsine a ndo' dice lu puatràne / legare la vela all'antenna: armazzá, v.
legato, attaccato: attaccáte, agg.
legatura; allacciatura: attaccatîure, (l'), s.f.
leggere: lèggë, v.
leggero
: lìgge, liggìre, agg.
legittimo, appropriato, giusto: liggèttime, agg. / appropriato, giusto: hîšte, îšte, jìšte, agg. / appropriato, conforme all'eleganza: attiléte, agg. / giusto, aderente, indovinato: azziccáte, agg.
legna
: làine, léna, (la), s.f. pl. li léine, léne
legna di sottobosco: ciàppe, (la), s.f.
legname
: lignàme, (lu), s.m.
legno: légne, (lu), s.m.
legno (piccolo) o asse di legno multiuso: tavélàlle, (la), s.f. /
tavola, legno: tàvele, (la), s.f.
legno (pezzo di) semicircolare per la stiratura degli abiti: pizzotte, (lu), s.m., pl. li pizzutte
legno
(grosso pezzo da ardere): tuacchie, (lu), s.m. pl. li ticchie
legno (di) fragile, di persona debole: fógnete, agg.
legno
(pezzetti di) per avviare il fuoco: šcappitìlle, (li), pl.
legumi lessati (riferito ai): arriccéte, agg.
lei, ella: pr. pers. sog. f. chillì
Lelio
: Lélie, n.p.p.
lembo, falda della camicia, della giubba o di altro che fuoriesce dall'abito: zannèlle, pannèlle, (la), s.f. /
lembo di pelle avvizzita e cadente: pillácchie, (la), s.f. / lembo, trottola, un qualcosa: tarèjje, (lu ), s.m.
lembo di pelle avvizzita e cadente: pillácchie, (la), s.f. / lembo, falda della camicia, della giubba o di altro che fuoriesce dall'abito: zannèlle, pannèlle, (la), s.f.
lendine, uova di pidocchio o di pulci nel capo: lìnere, jènnile (lu), s.m., pl. li jènnili
lente
; occhiali; lenticchia: lènde, (la), s.f.
lentezza (con), adagio adagio: adèss' adèsse, avv.
lenticchia: lendècchie, lindëcchie, (la), s.f. /
lenticchia; lente; occhiali: lènde, (la), s.f.
lentiggini: rrindéndele, (li), pl.
lento, sciocco, pigro, di persona lenta e poco reattiva: allènde, lòcche, agg./(lu), s.m.
lento lento: jàppeche àppeche, ciòppe ciòppe, avv.
Leonardo
: Lunarde, n.p.p., dim. 'Nardìcce
leone: lujáune, (lu), s.m.
lenza: lènze, (la), s.f.
lenzara multipla per la pesca sottocosta o presso la foce del fiume anche corda di canapa munita di ami: maciàcche, maciàccule, (la), s.f.
lenzuolo
: lunzéule, (lu), s.m., pl. li linzule
lepre: luêbbre, (lu), s.m., pl. li lêbbre
lesina, attrezzo del calzolaio per far scorrere più veloce lo spago, anche tircheria, spilorceria: làsene, sìjje, (la), s.f. / subbia: sìjje, (la), s.f. / fig. come gli corre la subbia cioè come gli va bene il lavoro: gna' j' càrre la sìjje / lesina, oggetto a punta per cucire con lo spago: sibbule, (la), s.f., pl. li sibbule
lesionato, crepato, danneggiato, spaccato, ammaccato: cripáte, agg.
lessare: allissá, v.
lesso
, bollito: allásse, (l'), bullëite, (lu), s.m.
lesto, svelto: lèste, agg. /
svelto, reattivo, d'ingegno pronto: andište, agg. 
letame: lutàme, fumuìre, fumûre, (lu), s.m.
lettera
, missiva: làttere, léttere, (la), s.f.
letto: lètte, (lu), s.m.
letto della barca anche ossatura: ussatîure, (l'), s.f.
Leuterio
: Leuterie, n.p.p.
leva; coscrizione; estrazione dei nominativi da una bussola: bbîsele, (la), s.f.
leva dell'argano del carro agricolo
: vurràcchie, (lu), s.m.
levante
: livànde, (lu), s.m.
levare, togliere: luvá, luhuä, v. / levati o togliti la giacca: lìvete la ggiaccàtte
levata (del sole): azzáte, (l'), s.f.
levatrice; madrina, comare: cummàre, (la), s.f.
levatrice: mammëine, (la), s.f. / levatrice di frodo, assidua negli aborti clandestini: mammàne, (la), s.f.
levatrice di frodo, assidua negli aborti clandestini: mammàne, (la), s.f. / levatrice: mammëine, (la), s.f.
Levino
: Livëine, n.p.p.
lezione
: lizziáune, (la), s.f.
leziosaggine
: ciánge, (la), s.f. / cencio: ciánge, (lu), s.m.
leziozaggini; moine; reticenze: miištèrie, (li), pl.

leziosaggini, moine, anche reticenze e cianfrusaglie: marciammëje, (li), pl. / moine: zéze, (li), pl.
lezioso: ciangîuse, agg. / lezioso, sdolcinato, di carattere smanceroso anche capriccioso:
trapilëine, agg.

l'ha fatto a pezzi
: l'ha fatte cùcchie cùcchie

l'ha riempito di botte
come fosse un uccello
: l'ha 'bbuttáte gné 'na craste

lì in cima, li sopra: alochengëime, avv.
lì vicino: pi' èsse, loc. avv.

lo so... lo so!...: li sâcce... li sâcce!...
li sopra, lì in cima: alochengëime, avv.
li vicino: aèsse, avv.
libbra
, unità di peso anglosassone: lёbbre, (la), s.f., pl. li lёbbre
libeccio
, garbino: harbëine, (lu), s.m.
Liberata
: Libbràte, n.p.p.
Liberato
: Lebbrate, Libbràte, n.p.p.
Liberatore
: Libbratàure, n.p.p.
libero
: lëbbere, lèbbere, agg.
libertà
: libbirtà, libbertà, (la), s.f.  
libidinoso: rattîuse, agg.
Liborio
: Lebborie, n.p.p.
libro: luёbbre, (lu), s.m., pl. li lёbbre
licenziare, mandare via: arbijjé, v.
Lidia: n.p.p. Lèdie
lievito: lévete, (lu), s.m.
ligustro, anche persona magra o dal colorito olivigno: livìštre, (la), s.f.
lima
: lëme, (la), s.f. pl., li leme / fig. due persone in coppia che non fanno grazia o compiono imbrogli: hîune é la lëme, l'addre la séche
lima per le unghie: róscele, (lu), s.m.
limitare (sul) , sull'orlo, a randa a randa: rènde rènde, loc. avv.
limite, confine: lamete, (lu), s.m.
limite (al), a pelo: 'ngile, avv. / a pelo d'acqua: 'n gile d'àcche
limone
: limáune, (lu), s.m., pl. li limine 
limpido, di tempo o di bevanda: archiaráte, agg.
lingua
: lenga, lànghe, (la), s.f.
lingua di cane, varietà di pesce che assomiglia alla soglia: lànghe di càne, (la), s.f.
linguacciuto
-a, pettegolo-a: lengalònghe, (lu/la), s.m.f. / pettegolo-a, ciarliero-a: pettilàzze, pittilàzze, (lu/la), s.m.f. / malalingua; pettegolo-a con fini spregiativi: malalànghe, (lu/la), s.m.f. / pettegola: péttele
, pittilàzze, parraháunare, (la), s.f.
linguattola, suacia comune, sogliola pelosa, pesce marino: magnaciòcchele, cianghittáune, (lu), s.m. / rombo peloso: cianghétta peláse o piláuse, (la), s.f. / rombo giallo detto anche sogliola turca: municarèlle, (la), s.f. / sogliola pelosa, rombo: ciangátte, rummèlle, (la), s.f. / rombo chiodato: rómmë, (lu), s.m.; rummèlle dé 'nderre, (la), s.f. / rombo liscio: rummèlle di féure, (la), s.f.
linguetta sotto i fori dei lacci delle scarpe: ricchjetélle, (la), s.f.
linguine, tagliolini: taijulëine, pl. li
lino: lène, (lu), s.m. / lino (filato) o anche di canapa: àcce, (l'), s.f. / lino (filo grezzo) o anche di canapa: àcciä, (l'), s.f.
l'invernata
, inverno: 'mmernáte, mmèrne, (la), s.f.
lippa; gioco fatto con bastoni e pezzetti di legno, basato sulla distanza e precisione dei colpi: a màzze, loc. avv.
liquido o cibo contenuto in un cucchiaio: cucchiarànne, (la), s.f.
liquido (di) che cola, pioggia: pisciarèlle, (la), s.f. / pioggia a catinelle: a pisciarèlle, avv.
liquirizia: ruculézie, (la), s.f.
liquore di forte gradazione alcolica, ottenuto dalla distillazione di particolari erbe aromatiche: cendèrbe, (la), s.f.
lira
(moneta): lëire, (la), s.f.
lisciare
, abbellire: allišciá, alliscié, v.
lisciatoio o lucidatoio, arnese del calzolaio; bisegolo: biséchele,
fémece, (lu), s.m.
lisciva, liscivia, ranno: lišcìja, liscèjje, luscéjje, (la), s.f.
liscivia
, lisciva, ranno: lišcìja, liscèjje, luscéjje, (la), s.f.
liso: léise, agg.
listello, riga: règhe, (la), s.f. / riga: rëiche, (la), s.f. / stecca di legno o di metallo adoperata per eseguire disegni: rèiche, (la), s.f. / stecca di legno: rijèlle, (la), s.f.
lite, contesa: cimènde
, (lu), s.m.
lite, contenzioso: quistiáune, (la), s.f. /
lite, baruffa: appëcceche, (l'), s.f. / lite, rissa: assciárre, (l'), s.f., sciárre, (la), s.f.
litigare, attaccare: liticá, attaccá, v.
litigare; questionare: cuštunijé, v.
litigare di continuo per futili motivi: arivrattillijjé, arigrattilijé, v.
litigio:
riòtte, (la), s.f.
litigio
: lèite, (la), s.f. / litigio o scena in mezzo alla strada: piazzáte, (la), s.f. / litigio di più persone: ragattäte, (la), s.f. /
litigio di poco conto: appicicatèlle, (l'), s.f. / litigio (modesto); roba di scarso valore: chiacchiarèlle, (la), s.f.
litigio o scena in mezzo alla strada: piazzáte, (la), s.f. / litigio: lèite, (la), s.f. / litigio di più persone: ragattäte, (la), s.f. / litigio di poco conto: appicicatèlle, (l'), s.f. / litigio (modesto); roba di scarso valore: chiacchiarèlle, (la), s.f.
litigio di più persone: ragattäte, (la), s.f. /
litigio: lèite, (la), s.f. / litigio o scena in mezzo alla strada: piazzáte, (la), s.f. / litigio di poco conto: appicicatèlle, (l'), s.f. / litigio (modesto); roba di scarso valore: chiacchiarèlle, (la), s.f.
litigio di poco conto: appicicatèlle, (l'), s.f. /
litigio: lèite, (la), s.f. / litigio o scena in mezzo alla strada: piazzáte, (la), s.f. / litigio di più persone: ragattäte, (la), s.f. / litigio (modesto); roba di scarso valore: chiacchiarèlle, (la), s.f.
litigio (modesto); roba di scarso valore: chiacchiarèlle, (la), s.f. / litigio: lèite, (la), s.f. / litigio o scena in mezzo alla strada: piazzáte, (la), s.f. / litigio di più persone: ragattäte, (la), s.f. / litigio di poco conto: appicicatèlle, (l'), s.f.
litro
: lètre, (lu), s.m. / un litro di vino: 'nu lètre di vëine
livella
: livêlle, livèlle, (la), s.f., pl. li livêlle
livellare
il terreno, spianare: assucciä, v. /
spianare: appianá, v.
livido
, ematoma, contusione: addamedilé, (l'), s.m.
livore
, odio: òdie, ùdie, (l'), s.m
lo, il, l': lu, l', art. det., s.m. / la, l': la, l', art. det., s.f. / i, gli, le: li, pl., m.f.
lo
, gli: pr. pers. compl. m. cullù
locale (di) poco areato, rimpinzato: attuféte, agg.
locale per la conservazione della neve al fine di ricavarne il ghiaccio, neviera: nîvìre, (la), s.f.
locale per conservare il vino
: cillére
, (lu), s.m.
località di macellai; contrada nella zona di Punta penna; Carneria; tesoro vagheggiato in una grotta: Carnarëjje, n.p.
loculo funerario per traslato anche tiretto, cassetto: turatáure, (lu), s.m.
locusta
; cavalletta; tipo magro e scattante: mazzangrèlle, (lu), s.m.
lode
, bravo: bràve, (lu), s.m.
logoro; consunto: fruvéte, agg.
lombata dell'agnello: rugnunáte, (la), s.f.
lombo anche natica: lûffe, (lu), s.m.
lontano: daràsse, dalònghe, avv. / lontano (da), lungo (da): da lònghe, avv.
lontano (da), lungo (da): da lònghe, avv. / lontano: daràsse, dalònghe, avv.
loquela, favella, parola: favèlle, (la), s.f. / oggi non parli?: 'ndi favèlle ùgge?
lordare di fango, mota, infangare: ajjuzzá, allamá, v.
Lorenzo
: Lurenze, Rènze, n.p.p.
loro
, essi, esse: pr. pers. sog. m.f. pl. chélle
lota, fango, mota, melma: láute, (la), s.f. / melma, fanghiglia, guazza: huàzze, uàzze, jòzze, (la), s.f.
lottare corpo a corpo, gettare a terra l'avversario: alluttá, v. / gettare con forza, scagliare, spingere: sbalanzá, v. / gettare: ittá, jittá, v.
lotteria, riffa: réffe, rréffe, (la), s.f.
lotto (gioco del): bonaficijàte, (la), s.f.
l'ultima da scorticare è la coda: l'ùtem' a scurtucuä' jé la càute:
Luca
: Liuche, n.p.p.
lucchetto: luccàtte, mašcàtte, (lu), s.m.
luccio marino
(piccolo): lìzzite, lìuzze, luzzùtte, (lu), s.m.
lucciola
: lucenecappèlle, lùcin' cappèlle, (la), s.f.
luce: lîce, lîuce, lîsce, (la), s.f. (in gergo marinaresco) / un' acquazzone: 'na lîsce d'ácche / la luce elettrica: la lîce lëttre /
di ambiente con poca luce: accupáte, agg.
luce perpetua
, quella delle tombe nei imiteri: lîuce èterne, (la), s.f.
lucente, splendente: lucènde, agg.
lucerna o pesce prete, pesce marino indicato per la zuppa o brodetto di pesce, diffuso in tutto il mediterraneo, lungo le coste: vòcche 'n gàpe, vocche 'n cape, lucèrne, nucèlle, (la), s.f.; muceguèlle, pésce prèdde, (lu), s.m. / lucerna, piccolo lume a olio: lûmene, (lu), s.m.
lucertola: ruscèrte, rucèrte, lucèrte, (la), s.f.;
minuscola lucertola: angilàlle, (l'), s.f.
lucertola
(minuscola): angilàlle, (l'), s.f. / lucertola: ruscèrte, rucèrte, lucèrte, (la), s.f.
Lucia
: Lucëie, Lucèjje, Cïatte, Cijàtte, n.p.p.
lucidare, pulire: lucidá, pulé, v. / lucidare verdure o altro e attaccare in mazzi per andarli a vendere in piazza: pulé o lucidá e attaccä la rrobbe pi' purtarle a la piâzze
lucidatoio o lisciatoio, arnese del calzolaio; bisegolo: biséchele,
fémece, (lu), s.m.
lucido
: lícide, agg.
Lucifero
: Cëfere, (lu), s.m. / si dice di chi ha i capelli arruffati o di chi ha aspetto luciferino / turbine di vento, vento forte: nu cëfere di vende, (lu), s.m.
lucignolo: lucègne, (lu), s.m.
luglio
(mese): lîjje, lije,
(lu), s.m.. Detti: e miete e miete la falce, il padrone m'ha promesso la figlia, me l'ha promesso e non me la vuol dare, tutto il grano voglio strappare: e mmèta mète, e mmète la faggìjie, e lu patrone m' ha prumesse la fije, me l'ha prumesse e nen mme le vò daje, tutte le hrane je vojjie sceppaje / quando viene il mese di luglio tutte le erbe diventano paglia, si assomigliano: canda vé lu muése de lîjje tutte jérve devènde pambuije / pronti, da usare, vino e prosciutto: assutte vine e ppresutte / luglio fa caldo, la gente si spoglia e invade la spiaggia e le scogliere: lîjje fa câlle, la ggènde si spüje e va pascènne pe’ spiagge e pe’ scuje / luglio è l'estate, il tempo è bello, spiaggia e scogliera ti aspettano lì: lîjje è la 'štäte, lu tuèmbe jè bbèlle, la spiagge e li scuje t'aspètt' aèlle / luglio giornate lunghe e sole caldo caldo, andiamo al mare e mettiamoci a mollo: lîjje jurnàte lunghe e sole calle câlle, Jam' a lu muère e mittémij' a mmôlle / luglio, noi che abbiamo il bel mare o spiaggia o scogliera, ce li godiamo: lîjje, nu' che lu bbuèlle märe tinàme o spiâgge o scuje, 'i li huduàme / luglio di giorno fa caldo e di notte pure, ognuno va in cerca di frescura: lîjje di jurn' é ccâlle e di nôtte pîre, ognîne va truhuânne la frischîre
lui
, egli: pr. pers. sog. m. cullî, hasse, più nominato che presente
Luigi
: Luègge, Luiëgge, Lujëgge, n.p.p., dim. Gène, Ggéine, Luvuggine, Luiggiëine
Luisa
: Lujëise, n.p.p.
lullula, simile all'allodola; tottavilla: calandrèlle, (la), s.f.
lumaca, chiocciola: ciammajëche, ciammajjëche, ciammajjëiche, (la), s.f., pl. li ciammajiche / lumaca
di colore marrone e dal camice bianco di terra, taglia piccola, molto saporita: taragnéule, (la), s.f., pl. li taragnùle
lumaca (grossa) di terra: cuculáune, (lu), s.m., pl. li cuculîune / donna tondetta e anche di peso significativo: cuculáune, (la), s.f.
lumaca senza guscio: vaváuse, vavase, (la), s.f. pl. li vavîuse / bavoso, persona bavosa:
vaváuse, vavase, (lu), s.m., pl. li vavîuse / bavoso, bavosa occhiuta, pesce marino: vaváuse, vavase, (lu), s.m.
lume
: lîume, (lu), s.m.
lume a olio (piccolo); lucerna: lûmene, (lu), s.m.
luna
: lîune, lîne, (la), s.f.
luna calante, fase lunare di mancanza anche mancanza; errore; colpa: mmangànze, mangànze, (la), s.f.
luna crescente: crescènze, criscènze, (la), s.f./agg.
luna (a) crescente
: a la criscènze, loc. avv.
luna nuova: lîuna néuve, (la), s.f.
luna piena
: lîuna piàne, (la), s.f.
lunario, almanacco calendaristico: lunàrie, (lu), s.m.
lunedì: luneddë, lunuddë, (lu), s.m. / martedì: marteddè, (lu), s.m. / mercoledì: merculleddè, mercluddè, (lu), s.m. / giovedì: giuvuddé, ggiuvuddé, (lu), s.m. / venerdì: vennardè, vinnardè, (lu), s.m. / sabato: sàbbete, (lu), s.m. / domenica: dumuàniche, dumuàneche, (la), s.f.
lunedì (riferito al): luneddòrie, agg.
lunedì dell'angelo: Pasquátte o Pašquáune
lungo: lònghe, agg.
lungo (a): a lònghe, avv.
lungo (da), lontano (da):da lònghe, avv.
lungo (per): pi lònghe, avv.
luogo; sito: léuche, (lu), s.m.
luogo anche posto: pùšte, (lu), s.m. / tienimi occupato un posto, occupa un posto: tìneme 'nu pùšte / abita in quel luogo: vève a chi lu pùšte / anche posta; lo sta aspettando, gli tende un agguato: j' té lu pùšte
luogo, posto, parte, zona, sito anche vanno, voce del verbo andare: vânne, (la), s.f./v. / da questa parte: da sta vânne
luogo al riparo dalle intemperie o dal vento: ahuattáte, (l'), s.m.
luogo chiassoso: cîcilëje, (la), s.f.
luogo da dove si esce / varco delle barche: ascitáure, ahiscitáure, (l'), s.f.
luogo dall'accesso proibito: difènze, (la), s.f.
luogo di agguato anche ritornare con la memoria all'indietro:
ripàsse, (lu), s.m.
luogo dove sostano i pulcini anche frotta di bambini: pigginàre, (la), s.f.
luogo esposto a settentrione: vreràgne, (lu), s.m.; luogo esposto a settentrione, a bacìo: murogne o muràgne (a lu), loc. avv.
luogo ideale dove il benessere, l'abbondanza e il piacere sono alla portata di tutti / cuccagna, gioco popolare i cui partecipanti devono cercare di prendere dei premi, di norma generi alimentari, posti in cima ad un palo: cuquàgne, (la), s.f.
luogo lontano; la fine di ogni cosa: finaziáune, (la), s.f. / è la fine del mondo!: è la finaziáune di lu muànne!
luogo pieno di ciotoli, pietroso: pitráuse, agg.
luogo scosceso, sassoso; in genere i larghi ghiareti dei torrenti: gravàre, (la), s.f.
lupino: lupëine, (lu), s.m.
lupinella; erba sulla: grambalupëine, grampalupëine, hrambalupëine, hrampalupëine, (la), s.f.
lupo: luapue, làupe, (lu), s.m., pl. li lupe
lupo mannaro
, mostro delle favole infantili: làupe minàre, lupuminàre, (lu), s.m.
luridone, sporcaccione: vrettacchijëine, vrittacchiëne, (lu), s.m. / agg.; pl. li vrittacchiëine
lustrare: lustré, v.
lutto: lûtte, (lu), s.m. / riferito a parenti stretti, da portare per un anno: lûtte štrátte; riferito ad altri parenti, per sei mesi: mèzze lûtte