Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Vocabolario italiano-vastese
: I
 
A
B
C
D
E
F
G
H
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
Z

i, gli, le: li, pl., m.f. / il, lo, l': lu, l', art. det., s.m. / la, l': la, l', art. det., s.f.
iattanza, superbia: jattànze, (la), s.f.
iattura, malocchio: malùcchie, (lu), s.m. /
fattura, atto di magia negativa: fattîure, fattîre, (la), s.f.
ictus (lieve): tuccatèlle, (la), s.f.
Ida: Ida, n.p.p.
idea
, progetto, proposito, intenzione: déche, (lu), s.m. / che idea hai?: che déche tî? / progetto, disegno: desàgne, (lu), s.m.
idioma incomprensibile (di) ; imbroglione: ggiargjanàise, agg. / imbroglione, truffatore: 'mbruijáune, (lu), s.m.
idraulico; fontaniere: fundanìre, (lu), s.m.
idropisia
: àcca a la pànze, (l'), s.f.
iella al gioco, miseria, sfortuna: scaràgne, (la), s.f. / miseria: misèrie, (la), s.f. / povertà, pezzenteria: bizzindarëjje, (la), s.f. / miseria, pezzenteria, gentaglia: pezzanderèje, (la), s.f. / gentaglia, masnada: ggendàjje, (la), s.f.
ieri
: ijre, jîre, ajire, ajjíre, jïre, avv.
ieri
l'altro: addraddire, avv.
iettatore
: jttatáure, malucchiàre, (lu), s.m.
Iginio: Igìnie, n.p.p.
Ignazio
: 'Gnàzie, n.p.p.
ignorante: 'gnurànde, agg. /
ignorante, avaro, persona dalle maniere rozze: tarpàne, (lu ), s.m. / ignorante, zuccone: cócce di chicàcce, (la), s.f. /
ignorante, persona scostante o rozza: códeche di sapáune
, (lu), s.m.
ignorantone
: ciucciáune, agg.
ignoranza; rozzezza: gnurandità, (la), s.f.
il, lo, l': lu, l', art. det., s.m. / la, l': la, l', art. det., s.f. / i, gli, le: li, pl., m.f.
il mondo è impazzito nel senso che non si capisce più nulla!: s'é scilìte lu muànne!
il piccolo
della vacca, pecora o capra, si usa anche nell'accezione di cornuto: ciavàrre, (lu), s.m.
Ilaria
: Ilarie, n.p.p.
illuminare, accendere, appicciare, appiccare fuoco: appiccé, appicciá, v.
illuminazione: alluminaziáune, (l'), s.f.
imbacuccarsi: accapputárese, v.
imbaldanzire: gallijé, v.
imballare
: 'mballá, v.
imbalsamare
: 'mbalzamá, v.
imbarazzare
, confondere: 'mburniscë, v.
imbarazzato, confuso: 'mburniscéite, agg. /
stordito, confuso: 'mbambalèïte, agg. / stordito, incapace di reagire: ammupuléte, agg. / sfinito, stanco: ammazzuqquëite, agg. / sfinito, mogio: ammupulëite, agg. / confuso: cunfîse, agg./(lu), s.m.
/ stordito, distratto: coccemànne, (lu), s.m.
imbarcare
: 'mbarcá, v.
imbarcazione a fondo piatto: battòne, (lu), s.m.
imbarcazione di appoggio alla tonnara: chiatta: chjátte, (la), s.f.
imbastire, cucire, infilare: imbilá, v. / imbastire: 'nchiemá, v. / imbastire un cucito: 'nghîmé, v. / cucire: cuscé, v / lu sartàre 'mbilapidùcchie, pe' la fame se càcce l'ucchie / infilare, insaccare: 'nzaccá, 'mbilé, v.
imbecille, provocatore: 'mbecèlle, (lu), s.m.
imbellettarsi
, rimettersi a nuovo:
arcicilijé, aricicilijé, v.
imbellettato, rimesso a nuovo: arcicilijéte, aricicilijéte, agg. / rimesso a nuovo, arricchito: arinfarinéte, agg.
imbiancare, tinteggiare, per lo più col colore bianco, biancheggiare: 'mbiancá, 'mbiangá, sbianghé, v. / imbiancare, anche incipriarsi, fig.: 'mbiàscá, ghianghijé, v. / si incipriano il viso: si l'mbiáschene la facce nghe la ciprie
/ incipriare: 'nciprié, v.
imbiancatrice di tessuti: curannáre, (lu), s.m.
imbottavino
: pírïe, mmuttatáure, muttàlle, (la), s.f.
/ imbuto grande in legno per versare il mosto nella botte: mmuttatihure, (lu), s.m., pl. li mmuttatihure
imbottire: 'mbutté, v.
imbranato, di persona maldestra: malepráteche, agg.
imbrattato: 'mbupacchiáte, agg.
imbrogli
, chiacchere di donne: caccavìlle, (li), pl.
imbrogliare, incantare: 'ngiarmá, v. /
imbrogliare, trafficare: maštrijé, v. / imbrogliare, confondere: 'mbrùjjé, v. / confondere le cose: 'mbrùjjé li cannille, v. /
imbrogliare, intorbidare: arindruvutá, v. / imbrogliare, ingannare: nganné, buzzarrá, v. /
raggirare, abbindolare: zingariá, v. / raggirare, abboccare: abbuccá, v. / raggirare, ingannare: gnucchélé, v. / raggirare, volpeggiare: vulupié, v. / acchiappare, afferrare, cogliere, ingannare, prendere, prendere alla sprovvista: acchiappá, 'cchiappá, còjjë, p.p. còdde, inganná, 'nganná, pijjá, v. /
abbindolare, picchiare, dare: attarruná, v.
imbroglio, raggiro: 'mbrùjje, (lu), s.m. /
imbroglio, pasticcio, faccenda mal condotta: paštécce, (lu), s.m.
imbroglione, truffatore: 'mbruijáune,
carucchjàre, (lu), s.m. / imbroglione, di idioma incomprensibile: ggiargjanàise, agg.
imbronciare
: acciuffé, v.
imbronciato
, risentito: acciufféte,
ammusséte, agg. / imbronciato, cupo: grígne, agg. /
imbronciato (di cielo): achiuppète, agg.
imbronciato: chiscéte, agg.
imbronciato (di cielo): achiuppète, agg. / imbronciato, risentito: acciufféte, agg. /
imbronciato, cupo: grígne, agg.
imbullettare: cindrillá, v.
imbuto
: muttàlle, (lu), s.m., pl. li mittèlle
/imbuto grande in legno per versare il mosto nella botte: mmuttatihure, (lu), s.m., pl. li mmuttatihure / imbottavino: pírïe, mmuttatáure, muttàlle, (la), s.f.
imbuto grande in legno per versare il mosto nella botte: mmuttatihure, (lu), s.m., pl. li mmuttatihure
/ imbottavino: pírïe, mmuttatáure, muttàlle, (la), s.f. / imbuto: muttàlle, (lu), s.m., pl. li mittèlle
imitare
, prendere in giro, sfottere, sbeffeggiare: cuffujé, arrénne l'abbàie, pazzìjá, v. /
sfottere, gabbare, canzonare, coglionare: arifricá, 'refrecá, v. / canzonare, coglionare: cujuná, v. / gabbare, schernire: gabbá, habbá, v. / schernire: ariscarnë, v. / sbeffeggiare con noncuranza, ripassare: aripassá, v. / prendere in giro, anche giocare, baloccare: pazzìjá, v. / prendere in giro: frište, loc. / imitare i lavori a maglia, copiare: arscidá, v.
imitazione
(cattiva); pessima copiatura: bòrre, (lu), s.m.
immagazzinare
:
'nfunacá, v.
immalinconire: ammalangunérese, v.
immettere acqua per espugnare il terreno:
arindrufué, v.
immischiarsi
, impicciare, essere di disturbo, di fastidio: 'mbicciá, 'mpiccé, 'mbicciérese, v.
immobile
, ritto come una pertica: 'mpirticáte, agg. / immobile, incacchiato, incavicchiato: nghiavichéte, agg. / immobile come statua, fermo: 'mbuštáte, agg. / fermo, inchiodato: fàrme, 'nchiuvéte, agg. / fermo, impalato, ritto: 'mbujéte, agg. / diritto: dirëtte, agg. / diritto: ddurèutte, agg. / diritto, ritto: rètte, agg. / tirar diritto, prendere scorciatoia: tiré a dirëtte / ritto: allèrte, agg. / in piedi, su due piedi: a la rètte, loc. avv.
immondizia, spazzatura, rifiuti solidi urbani: mennàzze, minnàzze, munnàzze, (la), s.f.
impagliare
: 'mpajjá, v.
impagliatore di fiaschi, artigiano che fa e impaglia fiaschi: fiascàre, (lu), s.m.
impalare: 'mpalá, v.
impalato, fermo, ritto: 'mbujéte, agg. / fermo, inchiodato: fàrme, 'nchiuvéte, agg. / fermo, immobile come statua: 'mbuštáte, agg. / immobile, ritto come una pertica: 'mpirticáte, agg. / immobile, incacchiato, incavicchiato: nghiavichéte, agg. / diritto: dirëtte, agg. / diritto: ddurèutte, agg. / diritto, ritto: rètte, agg. / tirar diritto, prendere scorciatoia: tiré a dirëtte / ritto: allèrte, agg. / in piedi, su due piedi: a la rètte, loc. avv.
impalcatura, ponteggio: rištìre, (la), s.f.
impanare
: 'mbaná, v.
impanatura; filettatura: 'mbanatîure, (la), s.f.
imparare
: ambará, v., 'mbará, v. / l'arte di mio padre è mezzo imparato: l'arte de táte è mezze 'mmbaráte
imparentare, pareggiare il terreno, pareggiare i bordi di una stoffa: apparindá, v. /
imparentare di nuovo: aripparindá, v.
impastare, ammassare, mescolare, accumulare: ammassá, v. / impastare di nuovo, rimpastare: arimbaštá, v.
impastoiare: 'mpašturá, v.
impattare: appattá, v.
impaurire: 'mbauré, 'mpahuré, v.
impazzimento; seccatura: 'mbazzimènde, (lu), s.m.
impeciare: 'mbeciá, v.
impedimento; ostacolo: 'mmpidiménde, (lu) s.m.
impegnare
: 'mbegná, 'mbigná, v.
impegnato
, occupato: imbiccéte, agg.
impegno
: 'mbègne, (lu), s.m.
imperatore: 'mbiratáure, (lu), s.m.
impestare, contagiare, proprio di malattie veneree: 'mpištá, v.
impiagare: 'mpiagá, v.
impiastro, cataplasma, di persona sudicia, incapace: 'mbiàštre, cataplàsme, quataplàsme
, agg./(lu), s.m.
impiccare, appendere: appenná, impinná, appènne, imbènne, 'mbènne, v. / ti possano impiccare: te pòzzene l'òme 'mbènne, chi scì 'mbése
impiccato: 'mbáise, agg.
impicciare, essere di disturbo, di fastidio, immischiarsi: 'mbicciá, 'mpiccé, 'mbicciérese, v.
impicciarsi
: 'ndriché, v. / impicciarsi, intromettersi: 'ndrumattérese, v.
impiccio, fastidio: 'mbëcce, (lu), s.m.
impiccione
, traffichino, chi vive di espedienti: traffechëine, (lu), s.m.
impiegare, ottenere un lavoro quasi sempre fisso: 'mbiahá, v.
impiegato: 'mbiaháte, agg.
impietoso, crudo: crîute, agg.
impietrire, paralizzarsi: 'mpitré, v.
impigliarsi di continuo in liti
giudiziarie: curtujé, v.
impinguito: allummáte, agg.
impolverare: 'mbruvulá, v.
impolverato: 'mpruvuléte, agg.
importanza, rilievo, nel senso di non avere cura di una persona: dòsele, ant., (lu), s.m.; nessuno si è accorto di lui: nisciune j'á dáte dòsele

impossibile: mbussèbile, agg.
impossibile: n'è chînde, loc.
imposta, accisa: ascëise, (l'), s.f.
imposta sul cambio della moneta: cagnatîure, (la), s.f.
imposte: rretepòrte, (li), pl. / sportello: spurtàlle, (lu), s.m., pl. li spurtèlle
imprecazione, nenia dei mendicanti: dijasèlle, (li), s., pl.
impresso
: imprèsse, agg./p.p. imprëme
imprestare
, prestare: 'mbre
štá, 'mbriš, v.
improvviso (all'): a la 'ndrasátte, norasátte, avv.; loc. avv., così per caso
improvvisamente
, subito, celermente: sìbbete, avv.
improvvisare: 'mbruvisá, v.
improvvisata
; visita inaspettata: imbruvvusáte, 'mbruvisáte, (la), s.f.
in
, nella: a la, prep.
in abbondanza
: bottafàcce (a), avv.
in abbondanza, parecchio, molto: naquàlle,
pl. naquille, avv./agg.
in alto, sopra: sâpre, assápre, prep. / in alto, su, lassù, di sopra, a monte: a èlla mmànne, alocammànne, capammànde, avv. / in basso, giù, laggiù, di sotto, a valle: a èlla bbálle, alocabbálle, capabbálle, avv. / mónd' o mmond' e bbálle, capammànde e capabbálle: su e giù
in amore, in fregola, in calore, come i cani:
'nzìne, nganézze, avv.

in asso
: biànd' ('m) e tumarìlle, avv.
in autuno, alla rinfrescata: a la rifrescáte, loc. avv.
in basso, sotto: sàtte, prep. / in basso, giù, laggiù, di sotto, a valle: a èlla bbálle, alocabbálle,
capabbálle, avv. / in alto, su, lassù, di sopra, a monte: a èlla mmànne, alocammànne, capammànde, avv.; bbálle e mónd o mmond, capabbálle e capammànde: giù e su
in bocca: 'm màcche, loc. avv.
in calore, in fregola, in amore, come i cani:
'nzìne, nganézze, avv.
in camicia: bànnelle, ('m), avv.
in campagna
: 'n gambágne; campagna: cambagne, (la), s.f.
in capo a
, a partire da, fra: 'ngàpete, prep.
in cima: ngèime, 'ngìme, prep./avv.
in cintola, al sicuro: 'n giànde, loc. avv.
in conclusione: a l'úteme di li chînde, loc. avv.
in corpo
: 'n gùrpe, loc.
in equilibrio, in piano: 'mbiàne, avv.
in faccia
: 'mbàcce, avv. / a chi è intestato? (rif. a una proprietà): 'mbacce a cchi štä'? / per non pagare molte tasse l'ho intestato a mia moglie: pi nin pahä naquille tâsse l''haje màsse 'mbàcce a mmajme
in fondo:  nfònne, avv.
in fregola
, in calore, in amore, come i cani:
'nzìne, nganézze, avv.
in fronte: 'mbrànde, avv.
in galera
; al chiuso: 'ngalé, loc. avv.
in giro: foravèjje, avv.
in giù
, sotto, a valle: abbálle, avv. / sopra e sotto: mmond' e bbàlle
in gola: ngànne, avv.
in là, da quella parte: 'nlà, loc.
in malora:
a la ciáte, loc. avv.
in maniera sconnessa, in modo animalesco: almanàgge (a l'), loc. avv.
in misura esagerata
, troppo: troppë, agg.
in modo animalesco, in maniera sconnessa: almanàgge (a l'), loc. avv.
in modo ingiusto: attortamènde, avv.
in odio; in uggia, avv.: 'mbùzze
in ogni luogo
: ògne vànne, avv.
in paradiso: 'n baradëse / paradiso: paradëse, (lu), s.m. / in purgatorio anche modo di cuocere i polipi: 'mbrihadòrie / purgatorio: purgatorie o prigadorie, (lu), s.m. / inferno
anche olio di scarto del frantoio: 'mbèrne, (lu), s.m.
in piano, in equilibrio: 'mbiàne, avv.
in piedi
: imbìte, all'imbìte, allimbìte, avv.
in piedi, su due piedi: a la rètte, loc. avv. / diritto, ritto: rètte, agg.
in pieno vigore; culmine: làgge, (la), s.f. / al culmine della vita: a lu làgge di la vëite
in prestito: 'mbrè
šte, avv.
in principio: 'mbringèpie, avv.
in punta, sull'orlo anche averne abbastanza: 'mpìzze, avv.
in purgatorio anche modo di cuocere i polipi: 'mbrihadòrie / purgatorio: purgatorie o prigadorie, (lu), s.m. / in paradiso: 'n baradëse / paradiso: paradëse, (lu), s.m. / inferno
anche olio di scarto del frantoio: 'mbèrne, (lu), s.m.
in qua, da questa parte: 'nguà, loc.
in qualsiasi momento
e in qualsiasi ora: òre e mumènde, avv.
in qualsiasi ora
e in qualsiasi momento: òre e mumènde, avv.
in quantità: nguàntità, avv.
in quel luogo: dùssute (a llá'), avv.
in quel posto, : aléuche, avv.
in quest'anno
: ahuànne, ahuànne, avv.
in questo istante, in questo momento,, ora, adesso, adesso adesso:  mò mò, më, òre, ammò,  avv./loc. avv. / ora è un anno: ammò fa' l'anne
in questo modo
, così: accušcë, accuscé, avv.
in questo momento, in questo istante, , ora, adesso, adesso adesso:  mò mò, më, òre, ammò,  avv./loc. avv. / ora è un anno: ammò fa' l'anne
in ritardo, arretrato di pagamento: attràsse
in salute: 'n zanetáte, 'n zalîute, loc.
in secca: 'n záucche, avv.
in silenzio
: mîute (a la); mîupe (a la), loc. avv.
in sogno: 'nzonne, loc.
in testa
: 'ncàpe, avv.
in treccia: a tràcce a tràcce, loc. avv.
in tutto: 'ndìtte, 'ntìtte, avv.
in uggia; in odio, avv.: 'mbùzze
inabissare: annabbisé, v.
inacidirsi
: nacidérese, v.
inacidito
: 'nacidéte, 'ngitëite, agg.
inaffidabile, buono a nulla, delinquente, incapacesfaticato: uajmùrte, uahimùrte, guaimùrte, (lu), s.m./agg. / delinquente, svergognato: sbruvugnáte, dilinguènde, agg./(lu), s.m. pl. li dilinguìnde
/ delinquente anche campione: cambiáune, (lu), s.m. / buono a nulla anche moneta di due soldi, callo del ciabattino, parte del pettine senza denti: taláune, (lu), s.m.
inamidare, amidare:
'mbusumá, 'mpusumá, v.
inamidato
, acchittato: 'mpusumáte, agg.
inanellare: annillá, v.
inappuntabile, agghindato, azzimato, curato, elgante: 'rinciuvilé, agg.
inargentare: 'nnargindá,v.
inasprire, esacerbare: 'nzaccré, v.
incacchiato, incavicchiato, immobile: nghiavichéte, agg. / inchiodato, fermo: fàrme, 'nchiuvéte, agg. / fermo, immobile come statua: 'mbuštáte, agg. / fermo, impalato, ritto: 'mbujéte, agg. / immobile, ritto come una pertica: 'mpirticáte, agg. / diritto: dirëtte, agg. / diritto: ddurèutte, agg. / diritto, ritto: rètte, agg. / tirar diritto, prendere scorciatoia: tiré a dirëtte / ritto: allèrte, agg. / in piedi, su due piedi: a la rètte, loc. avv.
inacetire
: 'ngité, v.
incaciare
, coprire di cacio: ingascijá, v. / coprire: cupré, v.
/ incaciare, riferito alla prima neve che si rapprende a terra: 'ngaciá, v. / in senso fig., ha nevicato un pò: ha 'ngascijàte 'n dèrre
incaciato
, coperto di cacio: ingascijáte, agg.; maccarùne ngascijéte
incalzare anche arrabbiarsi: 'ngazzá, v.; fig. mi prende appetito: 'ngàzze la fame / incalzare, stimolare in modo spesso fastidioso: 'ncazzicá, v.
incalzato: 'ngažžäte, agg.
incanalate (acque): accunnuttáte, agg.
incanata; cagnara: 'ncanáte, (la), s.f.
incanire
: 'ngané, v.
incannatoio, avvolgitore di rocchetti e di bobine del telaio, macchina tessile: 'ndrugutáure, 'ndruvatáure, (lu), s.m.
incantare: 'ngandesemá, v. / incantare, imbrogliare: 'ngiarmá, v. /
incantare, affascinare; avvolgere la tela al subbio del telaio: 'ngandá, v. / affascinare, ammaliare: addubbiá, v. / ammaliare, affatare, produrre su altri una strana influenza, in modo da non renderlo più libero di sè: abbafá, affatá, v., ant.
incantatore; mago; settimo figlio; pranoterapeuta; ciurmatore: 'ngiurmatáure, 'ngiarmatáure, (lu), s.m. / ngiarmatrëce, (la), s.f.
incanto
(vendita all'): a la 'ngandáte, loc. avv.
incapace: calafáre, agg., calafatatore: calafáre, (lu), s.m.
/ incapace, buono a nulla, delinquente, inaffidabilesfaticato: uajmùrte, uahimùrte, guaimùrte, (lu), s.m./agg. / delinquente, svergognato: sbruvugnáte, dilinguènde, agg./(lu), s.m. pl. li dilinguìnde / delinquente anche campione: cambiáune, (lu), s.m. / buono a nulla anche moneta di due soldi, callo del ciabattino, parte del pettine senza denti:
talá
une, (lu), s.m.
/ incapace, impiastro, cataplasma, di persona sudicia: 'mbiàštre, cataplàsme, quataplàsme, agg./(lu), s.m. / incapace di reagire, stordito: ammupuléte, agg. / stordito, distratto: coccemànne, (lu), s.m. / stordito, confuso: 'mbambalèïte, agg. / sfinito, stanco: ammazzuqquëite, agg. / sfinito, mogio: ammupulëite, agg. / confuso: cunfîse, agg. / confuso, imbarazzato: 'mburniscéite, agg.
incarico, commissione, ambasciata, affare da sbrigare anche per eufemismo connubio carnale: mmašciáte, (la), s.f., pl. li mmascète
incarnita (unghia): 'ncarnéte, agg.
incarognirsi: 'ncarugnérese, v.
incartare
: 'ngartá, v.
incastrare: 'ngastrá, v.
incastro di legno per tagliare l'unghia dei cavalli: ràule, (la), s.f.
incastro tra due legni: ammäcce, (l'), s.m.
incavato; profondo: capîute, agg.
incavicchiato, incacchiato, immobile: nghiavichéte, agg. / inchiodato, fermo: fàrme, 'nchiuvéte, agg. / fermo, immobile come statua: 'mbuštáte, agg. / fermo, impalato, ritto: 'mbujéte, agg. / immobile, ritto come una pertica: 'mpirticáte, agg. / diritto: dirëtte, agg. / diritto: ddurèutte, agg. / diritto, ritto: rètte, agg. / tirar diritto, prendere scorciatoia: tiré a dirëtte / ritto: allèrte, agg. / in piedi, su due piedi: a la rètte, loc. avv.
incavo
: cacchiatîure, (la), s.f. / termine del tronco all'inizio delle gambe: cacchiatîure, (la), s.f.
incavo praticato nella parte interna delle botti, capruggine: capirnatîure, (la), s.f.
incavolato, incazzato, arrabbiato: ingazzàte, 'ngazzäte, agg. / stò ingazzato: stinghe 'ngazzäte
incazzato, arrabbiato, incavolato: ingazzàte, 'ngazzäte, agg. / stò ingazzato: stinghe 'ngazzäte
incensatore; adulatore; ruffiano: leccachîule, leccaquîule, (lu), s.m.
incenso: 'ncènze, (lu), s.m.
incenzo
: ingènze, (l'), s.m.
incerata
: 'ngeráte
, (la), s.f.
incespicare
, inciampare: 'ncipullá, v. /
incespicare, urtare anche scontrarsi: 'ndruppucá, 'ndruppichié, v. /
inciampare: 'ngiambicá, v. / inciampare, cadere a terra, sciancare, far male: šdulluffá, v.
inchinare, versare un liquido, restare al verde: ammuccá, v.
inchiodare: 'nchiuvá, v.
inchiodato, fermo: fàrme, 'nchiuvéte, agg. / fermo, immobile come statua: 'mbuštáte, agg. / fermo, impalato, ritto: 'mbujéte, agg. / immobile, ritto come una pertica: 'mpirticáte, agg. / immobile, incacchiato, incavicchiato: nghiavichéte, agg. / diritto: dirëtte, agg. / diritto: ddurèutte, agg. / diritto, ritto: rètte, agg. / tirar diritto, prendere scorciatoia: tiré a dirëtte / ritto: allèrte, agg. / in piedi, su due piedi: a la rètte, loc. avv.

inchiostro: gnòštre, 'nghiòštre, (lu), s.m.
inciampare: 'ngiambicá, v. / inciampare, cadere a terra, sciancare, far male: šdulluffá, v. / inciampare, incespicare: 'ncipullá, v. /
incespicare, urtare anche scontrarsi: 'ndruppucá, 'ndruppichié, v.

incinta
(donna): gràvede, (la), s.f.
incipriare: 'nciprié, v. /
incipriarsi, fig., anche imbiancare: 'mbiascá, ghianghijé, v. / si incipriano il viso: si l'mbiáschene la facce nghe la ciprie / tinteggiare, per lo più col colore bianco, imbiancare, biancheggiare: 'mbiancá, 'mbiangá, sbianghé, v.
incipriarsi, fig., anche imbiancare: 'mbiascá, ghianghijé, v. / si incipriano il viso: si l'mbiáschene la facce nghe la ciprie /
incipriare: 'nciprié, v. / tinteggiare, per lo più col colore bianco, imbiancare, biancheggiare: 'mbiancá, 'mbiangá, sbianghé, v.
incitare alla rissa, disturbare, infastidire, molestare, provocare: appurtá, ccimindä, cimindá, v.
inclinare, non essere in equilibrio: 'ngandá, v.
incollare, caricare: 'ngullá, v. /
incollare, caricare di nuovo: aringullá, v.
incollato, appiccicato: 'nguanguanéte, 'nquanquanéte, v.
incolore, sbiadito: sbiadéte, sbaudéte, agg.
incomincia a scendere qualche goccia di pioggia: cumuènz' a mminè li štëzze
incominciare
:
'ngumunzá, v.
incomodare: 'ngumundá, v.
incomodo: 'ngòmede, (lu), s.m.
incontrare: 'ngundrá, affrundá, v. / incontrare, cozzare, urtare: cuzzé, v.
incontro tra amici, rimpatriata: rimpatriéte, (la), s.f.
incornare: 'ngurná, v.
Incoronata: 'Ngurnàte, Ngurnète, n.p.p., dim. 'Ngurnatucce; nome di una contrada che prende nome dalla Chiesa omonima Madonna de la Ngurnàte
incorpare, mandare giù bocconi amari: 'ngurpá, v.
increspare, pieghettare: trujjá, v.
increspatura, piega: aggrujatîure, (l'), s.f.
incretarsi: 'ngretá, v.
incrinatura; crepatura: cripatîure, (la), s.f.
incrostazione nei recipienti di rame: virdiràme, (lu), s.m.
incubo; ombra; fantasma: pandáfeche, (la), s.f.
incudine: 'nghídene, (la), s.f., pl. le 'nghídene
incupito, malinconico: 'ngupëite, agg.
indaco
: éneche, (l'), s.m.

indagare, appurare, osservare, scandagliare: scanajjá, v. / appurare, conoscere, risapere, far chiarezza: appurá, appuré, v. / e chi ci capisce, centra!: e chi c'appîure!
indebolire, avvilire, infiacchire, spossare, stancare: abbulë, addibbulë, v.
indebolito, stanco: abbulëite, agg.
indecente, scandalosa: cionne, agg. anche come s.f., (la), per dire organo sessuale fem.
indennizzare, ricompensare: arimbrangá, v.
indiavolato
, infuriato: ingifirëite, agg.
indietro, dietro: arréte, avv. / poco tempo fa: štu passát' arréte
indietro (l'), il posteriorie: rréte, (lu), s.m.
indigente, povero: pòvere, pòvre, pòver, s.m./agg. / povero: rôtte (fig.), (lu), s.m. / poverello: puvurèlle, puvirelle, (lu), s.m./agg., pl. li puvirîlle
indirizzare, avviare, aiutare: addirrizzé, abbijjé, ajjutá, v. / aiutare: ajjutá, v. / aiutare qualcuno in una impresa: abbijjé la váreche, v.
individuo, tipo, carattere: tuèïpe, (lu), s.m.

individuo allampanato: magnaruscìrte, (lu), s.m. / anche avaro, cacastecchi, spilorcio,
taccagno, tirchio, restio nello spendere: pichéne, carlùcchie, carrucchiàre
, agg./micragnáuse, cacasànghe, cacasëcche, cachitòšte, magnapidùcchie, quarrucchiàre, (lu), s.m. / anche zoticone: cudicáune, (lu), s.m. / anche individuo dalla figura meschina: cacazicchèine, (lu), s.m.

individuo alquanto misero e di poco conto:
pichinìlle, (lu), s.m.
individuo arrogante
:
capuzzìlle, (lu), s.m.
individuo che appura furbescamente anche chi bucherella i fatti altrui:
scavuzzìlle, (lu), s.m.
individuo cinico, cinico: corp' arifátte, (lu), s.m.

individuo dal carattere franco e aperto
: facciannènze, (lu), s.m.
individuo dal carattere incorreggibile, malnato: malináte, agg.
individuo dall'intestino alquanto rumoroso, persona malridotta: scaricarrùjje, (lu), s.m.
individuo dalla dubbia interpretazione; garofano: caròfene, (lu), s.m.
individuo dalla figura meschina: cacazicchèine, (lu), s.m. / anche avaro, cacastecchi, spilorcio, taccagno, tirchio, restio nello spendere: pichéne, carlùcchie, carrucchiàre, agg./micragnáuse, cacasànghe, cacasëcche, cachitòšte, magnapidùcchie, quarrucchiàre, (lu), s.m. / anche zoticone: cudicáune, (lu), s.m. / anche individuo allampanato: magnaruscìrte, (lu), s.m.
individuo (di) ben pasciuto: ajjanniláte, agg.
individuo (di) burbero, dispettoso, arrogante, ma anche verace, autentico: šcattàte
, agg.
individuo (di) con molti precedenti penali: matriculàte, agg.
individuo(di) reso nero dalle percosse o dal sole: anneréte, agg.
individuo
(di) schivo e poco socievole: furitécce, agg.
individuo facile all'ira: rajatìlle, (lu), s.m.
individuo fastidioso, seccatore: taluòrne, (lu), s.m.
individuo poco serio, chiacchierone, anche persona dal peto facile: pititàre, (lu), s.m.
indizi di lite, prove: préuve, (li), pl. / gioco di saltimbanco: préuve, (la), s.f.
indole; terreno poco adatto a vigneto: clëime
, (lu), s.m.
indolente, sfaticato, riluttante a ogni impegno, persona oziosa: canimòrte, canemòrte, (lu), s.m.
indolenza, pigrizia: vilitàgne, (la), s.f.
indorare: 'ndurá, v.
indossare abiti nuovi, mettersi in ghingheri: arcagná, 'ngigná, arlisscé, v.
indovinare
, presagire, azzeccare, cogliere l'obiettivo: azzeccá, azziccá, 'nduvuná, adduvuná, v.
indovinato, giusto, aderente: azziccáte, agg. /
appropriato, giusto, legittimo: liggèttime, agg. / appropriato, giusto: hîšte, îšte, jìšte, agg. / appropriato, conforme all'eleganza: attiléte, agg.
indovinello
: 'nduvunèlle, (lu), s.m.
indovino
: 'nduvëne, (lu), s.m.
indugiare o dilazionare: tracchijé, v.
indurito anche teso: tisàte, agg. / teso anche rigido: täse, agg.
indurre qualcuno ad essere docile: cummullá, v.
inedia
, fame, stenti, stato di assoluta povertà: crinìnze, (la), s.f. / è morto di stenti: è mmòrte di crinìnzie
inettitudine; inezia: niziarèjje, (la), s.f.
inezia o anche favoletta, fatterello: fattarìlle, (lu), s. m., pl. li fettarìlle
inezia; inettitudine: niziarèjje, (la), s.f.
infame, malvagio: 'mbàme, agg.
infamità; cattiveria: 'mbamézie, (la), s.f. / cattiveria; birbanteria: birbandáte, (la), s.f.
infangare, lordare di fango, mota: allamá, ajuzzá, v.
infangato: allamäte, allutáte, agg.
infarinare: 'mbarené, v.
infastidire
, disturbare, incitare alla rissa, molestare, provocare: appurtá, ccimindä, cimindá, v.
infastidire
(non) le api nell'alveare!: ni' jjì' a ccimindä la tane di li läpe!
infelice: 'mbilëice, agg.
infermiccio
, macilento, rachitico: ragnachéite, agg.
infermo: allettáte, agg.
inferno
anche olio di scarto del frantoio: 'mbèrne, (lu), s.m.
inferno (all'), nel profondo: trafànne, (lu), s.m.
inferrare, serrare, infilare, mettere il catenaccio, chiudere con una inferriata: 'mbirrá, 'nzirrá, v. / infilare, insaccare: 'nzaccá, 'mbilé, v. / infilare, in genere di nocelle, fichi e foglie di tabacco: 'mbilé, v. / imbastire: 'nchiemá, v. / infilare, cucire, imbastire: imbilá, v. / ficcare con forza: 'nzaccá, 'ntruzzá, v. / introdurre a forza: 'nzippá, v. / ficcare di nuovo con forza: arinzippá, v.
inferrato
, serrato, chiuso con un ferro, con catena: 'mbirráte, agg.
infiacchire, avvilire, indebolire, spossare, stancare: abbulë, addibbulë, v. / infiacchirsi, divenire inabile ala lavoro: ammarrummá, v
infiacchirsi, divenire inabile ala lavoro: ammarrummá, v / infiacchire, avvilire, indebolire, spossare, stancare: abbulë, addibbulë, v
infiacchito, debosciato, dissoluto, sregolato: 'ribbusciàte, agg.
infilare, insaccare: 'nzaccá, 'mbilé, v. / infilare, serrare, mettere il catenaccio, chiudere con una inferriata, inferrare: 'mbirrá, 'nzirrá, v. / infilare, in genere di nocelle, fichi e foglie di tabacco: 'mbilé, v. / infilare, cucire, imbastire: imbilá, v. / / ficcare con forza: 'nzaccá, 'ntruzzá, v. / introdurre a forza: 'nzippá, v. / ficcare di nuovo con forza: arinzippá, v.
infilzare: 'ngrullá, 'ncrullá, v.
infinocchiare: 'mpapucchiá, v.
infittito
, ritirato: valichëte, agg.
inforcatura dei pantaloni
anche cavallo: quavàlle, (lu), s.m., pl. li cavêlle
inforcatura dell'albero
: cruciatîure, (la), s.f.
inforcatura di legno per appendere il maiale prima della macellazione anche giogo dei buoi: jéuve, jáuve, jàuche, jjéuve
informare
: 'mburná, v.
informatore; delatore: 'mburmatáure, (lu), s.m.
infornare
:
'nfurná, v.
infornata:
'nfurnànne, (la), s.f.
infornata di pane
: 'mburnàte, (la), s.f.
infornatore di pane: 'nfurnatáure, (lu), s.m.
infossare
:
'nfussá, v.
infracidire, infradiciare, marcire: fracitá, v. /
marcire: ammarcé, v. / marcire, contrarsi per il freddo o la fame: addicriné, v.
infradiciare, infracidire, marcire: fracitá, v. /
marcire: ammarcé, v. / marcire, contrarsi per il freddo o la fame: addicriné, v.
infreddatura, costipazione muscolare: rappresatîure, (la), s.f.
infreddolire, paralizzare: tarmá, v.
infreddolirsi: 'nganganérese, v.
infreddolito: argniléte, agg.
infruttifero (bene); cosa non non bene utilizzata: ammurtilizzáte, agg.
infuriato, indiavolato: ingifirëite, agg.
ingaglioffarsi: abbirbandérese, v.
ingannare, raggirare: gnucchélé, v. /
raggirare, abbindolare: zingariá, v. / raggirare, abboccare: abbuccá, v. / raggirare, volpeggiare: vulupié, v. / ingannare, acchiappare, afferrare, cogliere, prendere, prendere alla sprovvista: inganná, 'nganná, acchiappá, 'cchiappá, còjjë, p.p. còdde, pijjá, v. / prendere il sonno: 'nganná lu sonne, v. / ingannare, imbrogliare: nganné, buzzarrá, v. / imbrogliare, intorbidare: arindruvutá, v. / abbindolare, picchiare, dare: attarruná, v.
inganno, trucco: trûcche, (lu), s.m.
ingegnarsi: 'ngignárese, v.
ingegnere: 'ngiugnuire, (l'), s.m., pl. li 'ngignire
ingegno (d') pronto, reattivo, svelto: andište, agg. / lesto, svelto: lèste, agg.
ingegnoso, attivo: 'ngignáuse, agg.
ingentilito, aggraziato, dirozzato, evoluto: šcafáte, agg.
ingenuo (troppo), sciocco, fesso, minchione: mingaune, agg./(lu), s.m.
ingessare, ridurre una frattura: 'ngessá, v.
ingessatura grossolana: chiara d'éuve, (la), s.f.
inghiottire
:
ajjutté, jutté, gnutté, 'ngnutté, v. /
inghiottire di nuovo: arignutté, v.
inginocchiarsi: aggiunucchiérese, 'ngiunucchiérese, v.
ingiuria, insulto, rabbuffo: gnìrie, gnuriéte, (la), s.f.
ingiuriare, insultare, offendere: 'ngnurié, gnurié, v. / insultare: 'nzultá, v. /
offendere: uffènnë, v., p.p. uffáuse
ingiuriare: 'ngnurié, gnurié, v.
ingordigia: 'ngurdinézie, (la), s.f.
ingordo: gnuccáune, 'ngàrde, agg.
ingozzarsi di cibo in maniera spropositata, saziarsi, satollarsi, rimpinzarsi: accibbë, arcibbë, abbumacá, v.
ingrassare, mettere su peso: 'nquartárese, v.
ingrato: 'ngráte, agg.
ingravidare: 'mbrená, v.
ingresso dell'abitazione o di qualsiasi edificio: 'ndratîure
, (la), s.f.
ingrossamento della tiroide; gozzo degli animali ma anche delle persone: cavàcce, quavàcce, (lu), s.m.
ingrugnirsi: 'ngrugná, v.
inguine: angunàje, (l'), s.f.
inimicizia: nimicézie, (la), s.f.
iniquità: nucutá, nucutáte, (la), s.f.
iniziativa, fatto, azione: azziáune, (l'), s.f.
inizio: accuminzatîure, (l'), s.f.
inizio; gugliata di seta; vena d'acqua; merce: cápe, (la), s.f.
inizio (all'); al principio: a ccape, loc. avv.
inizio del rigonfiamento di taluni frutti
: abburduná, v.
inizio di vicolo o strada,cantonata, angolo esterno formato dalle mura di un edificio tra una strada e l’altra, cantone, spigolo: pundáune, pindáune, (lu), s.m., pl. li pindîune; pundunàte, (la), s.f. / canto, angolo fra due muri, cantuccio: curnàcchie, (lu), s.m. / cantone di muro: curnecchière, (la), s.f.
innaffiare: addacquá, v.
innamorato: 'nnammuréte, agg.
innanzi, davanti, avanti, prima: avánde, annènde, annènze, prëime, avv. / davanti e dietro: annend' e rréte
innescare il fucile o la pistola: civá, v.
innestare, vaccinare: anništá, v. / vaccinare nuovamente: arništá, v. / innestare: trijjá, v.
innesto
(rigonfio della corteccia dopo l'innesto): abbummatîure, (l'), s.f. / innesto di pianta domestica in una selvatica: buzzèlle, (la), s.f.
innesto; ferita; serto; resta: 'nzérte, (la), s.f.
innevato di acqua o di vino: anniváte, agg.
innocente: 'nucènde, agg.
Innocente
: 'Nnucienze, n.p.p.
Innocenzo
: 'Cenze, n.p.p.
inoliato: aujjáte, agg.
inquietare
: 'nguïatá, v. / inquietarsi: arrajárese, 'ngujatárese, v.
inquietarsi: arrajárese, 'ngujatárese, v. / inquietare: 'nguïatá, v.
inquietato, di malumore: 'nquietáte, agg.
insaccare, infilare: 'nzaccá, 'mbilé, v. / infilare, serrare, mettere il catenaccio, chiudere con una inferriata, inferrare: 'mbirrá, 'nzirrá, v. / infilare, in genere di nocelle, fichi e foglie di tabacco: 'mbilé, v. / ficcare con forza: 'nzaccá, 'ntruzzá, v. / introdurre a forza: 'nzippá, v. / ficcare di nuovo con forza: arinzippá, v.
insaccato (tipico) di maiale; cervice; capocollo: capecòlle, (lu), s.m.
insalata, lattuga: 'nzaláte, nzaläte, (la), s.f.
mišticànze
insalata mista, mescolanza, insalata nella quale si mischiano, condite con aceto, olio extra vergine d'oliva e sale: indivia, lattuga, cicoria, finocchi, rucola, aglio e carote con qualche fogliolina di mentuccia: fujj'ammèsche, (la), s.f., pl. li fujj'ammèsche, detta anche "mišticànze"
insalatiera
: 'nzalatene, (la), s.f. pl. le 'nzalatene
insanguinarsi: 'nzángunendárese, v.
insaponata: 'nzapunáte, (la), s.f.
insaporire: 'nzapré, v.
insediarsi sul trono, mettersi comodo: 'ndruná, v.
insegare, ungere con sego: 'nzivá, v. / ungere: àgnë, v., p.p. ànde
insegnante elementare, maestro di scuola, maestro, maestro artigiano (artigiano capo): maštre, mašte,
majáštre, (lu), s.m. / esposizione del corredo nuziale: maštre, (la), s.f.
insegnare: 'nzegná, v.
insenatura; curva, baia: chjìreve, (la), s.f.
insenature, calette, cale, baie, spiagge, siti, della costa vastese: Canale, Casàrze, Cunguarèlle, Grotte del Saraceno, Lebbe, Libbirtìne, Mottagrosse, Pinnucce, Punta d'Erce, Sanda Nicole, Scalamurze, Torricella, Trave, Vignole
inserire, fecondare: 'nzirtá, v.
inservibile, rotto: ràtte, agg.
insetto dannoso all'agricoltura, uccelletto, baco dei legumi secchi, specie di cimice, parte della serratura, pene infantile
: cillátte, (lu), s.m., pl. li cillètte / insetto, tarlo, ossessione, fissazione: tàrle, (lu ), s.m. / insetto anche cornuto: pappatàce, (lu), s.m. / piccolo insetto nero: pircillicce, (la), s.f., pl. li pircillicce
insieme, assieme: aunëite, 'nzímbre, avv.
insieme degli steli residui di erba o di cereali che restano nel campo dopo il taglio o la mietitura, stoppia: rištràppe, (la), s.f. / stoppia: strippilàune, (lu), s.m.
insistere in modo testardo: 'ndigná, 'ntigná, v.
insonnolito: nzunnulëite, agg.
instabile, di persona poco affidabile, non tanto a posto, strambo anche di piano inclinato: trâmbe, agg.
insudiciare, rigirarsi nel sozzume, sporcarsi, rivoltarsi: aritravvudá, v.
insudiciato, rivoltato, scombussolato, sottosopra: aritravuddäte o a la capichîule, agg. / è un mondo sottosopra!: è nu muonn' aritravuddäte o a la capichîule!
insultare, ingiuriare, offendere: 'ngnurié, gnurié, v. / insultare: 'nzultá, v. /
offendere: uffènnë, v., p.p. uffáuse
insulto, ingiuria, rabbuffo: gnìrie, gnuriéte, (la), s.f. / insulto apoplettico anche suono di campana: tôcche, (lu), s.m.
insuperbire: prubbalérse o prubbalérese, v.
intaccare, intagliare: 'ntaccá, v. / intaccare, fare a pezzi o a pezzetti: taccarijá, taccarijé, v. / intaccare i ferri, fare delle tacche: azzanná, v.
intagliare, intaccare: 'ntaccá, v. / intaccare, fare a pezzi o pezzetti: taccarijá, taccarijé, v. / intaccare i ferri, fare delle tacche: azzanná, v.
intanto
: 'ndànde, avv.
intasare, sconvolgere: indassá, v.
intelligente, sveglio, furbo: cillëine, agg. / furbo, astuto, scaltro: fìrbe, agg. / furbacchione, persona vivace: rócile, (lu), s.m. / tipo furbo e vivace: rottaluquîule, (lu), s.m. / scaltro (paraculo): paraquîule, (lu), s.m. / scaltro, accorto, anche esperto, istruito, saccente: saputìlle, (lu), s.m.
intelligente (poco), fesso, sciocco, ottuso, stupido, tardo nel comprendere: mafráune, scilète, agg./(lu), s.m.
intende un'altra cosa
, dice una cosa per un'altra: méne sètte pi ccòjje otte
intendere
: 'ndènnë, v., p.p. 'ndàise /
intendere, capire, comprendere, essere esperto di, avere contezza: arindènnë, v. / se ne intende: se n'arindènnë
intenzionalmente, apposta, di proposito, anche per finta, per scherzo: appôšte, avv. / lo ha fatto apposta anche lo ha fatto per finta: l'à fatt' appôšte, sono due espressioni identiche in tutto e per tutto con significati diversi, quasi opposti; si possono distinguere solo in base al contesto della frase o alla dinamica di chi parla
intenzione
; proposito: 'ndinziáune, (la), s.f.
intenzione, idea, progetto, proposito: déche, (lu), s.m. / che idea hai?: che déche tî? / progetto, disegno: desàgne, (lu), s.m.
interesse
: 'nderèsse
, (lu), s.m.
interessi a seguito di un prestito
: dichîrze, s., pl.
interiora di animale o fegato; minaccia per spanciare qualcuno; persona di coraggio: fecatìlle, (li), pl. / fegato: fáchete, fàdache, (lu), s.m. /
interiora (parte dell') dell'agnello e del maiale: cambanàre, (li), s.pl.
intero:
'ndìre, 'ntìtte, agg./avv. / intero anche sano: sàne, agg. / ho fatto una caduta, ma sto sano: ajje fatte 'na cascànne, ma štinghe sàne
interrare, seppellire: 'nderrá, v. / seppellire, coprire: arbilá, v. / coprire: cupré, v.
interruzione
(senza): a tutta passate, loc. avv.
'intervallo pubico (l'), o anche tratto fra l'inguine e la coscia: scacchiatîure, (la), s.f.
intesa
; accordo: 'ndàse
, (la), s.f.
intestardire
: 'ngucciulé, v.
intestato? (a chi è) (rif. a una proprietà): 'mbacce a cchi štä'? / per non pagare molte tasse l'ho intestato a mia moglie: pi nin pahä naquille tâsse l''haje màsse 'mbàcce a mmajme / in faccia: 'mbàcce, avv.
intestino crasso del maiale salato e impepato: nùjje, (la), s.f.
intestini (l'insieme degli): vindràme, (lu), s.m.
intimidire
: 'ndimidé, v.
intingere:
'nfunná, v.
intingolo; leccornia: 'ndrungulátte, (lu), s.m. /
intingolo dal gusto ricercato: pratanèlle
, (la), s.f.
intingolo dal gusto ricercato
: pratanèlle
, (la), s.f. / intingolo; leccornia: 'ndrungulátte, (lu), s.m.
intisichito, smagrito: 'ndisichëite, agg. / smagrito, magrissimo: miscèšche, agg.
intonacare: 'ndunacá, v.
intonaco: 'ndòneche
, (lu), s.m.
intontito
: 'ndunduëte,
(lu), s.m., pl. li 'ndunduëte
intorbidare, imbrogliare: arindruvutá, v. / intorbidire, rendere torbido: 'ndruvutá, v. / imbrogliare, ingannare: nganné, buzzarrá, v. /
raggirare, abbindolare: zingariá, v. / raggirare, abboccare: abbuccá, v. / raggirare, ingannare: gnucchélé, v. / raggirare, volpeggiare: vulupié, v. / acchiappare, afferrare, cogliere, ingannare, prendere, prendere alla sprovvista: acchiappá, 'cchiappá, còjjë, p.p. còdde, inganná, 'nganná, pijjá, v. / abbindolare, picchiare, dare: attarruná, v.
intorbidire, rendere torbido: 'ndruvutá, v. /
intorbidare, imbrogliare: arindruvutá, v. / imbrogliare, ingannare: nganné, buzzarrá, v. /
raggirare, abbindolare: zingariá, v. / raggirare, abboccare: abbuccá, v. / raggirare, ingannare: gnucchélé, v. / raggirare, volpeggiare: vulupié, v. / acchiappare, afferrare, cogliere, ingannare, prendere, prendere alla sprovvista: acchiappá, 'cchiappá, còjjë, p.p. còdde, inganná, 'nganná, pijjá, v. / abbindolare, picchiare, dare: attarruná, v. /
l'intorpidire degli arti: annulë, v.
intossicare, avvelenare: 'ntussicá, 'ndussicá, v.
intostare, irrigidire: 'nduštá, v.
/ irrigidire: 'ndesá, v. / irrigidire, specie della muscolatura: 'ngurdá, v.
intramare, raffittire: arinfuddé, v.
intrattenere
: 'ndrattená, indrattená, v.; me vajje a ndtrattená / intrattenere affari, commerciare, negoziare: nihuzijá, nihuziá, nuhuziá, v.
intravedere: 'ntravedá, v.
intrecciarsi
, proprio dell'accoppiamento canino: 'ngatricchié, v. / unire, avvolgere, arruffare: 'ncatricchiá, v.
intreccio di due viti
: vutichére, (lu), s.m.
intreccio di radici alla base dell'albero
: pidicaráune, (lu), s.m.
intricarsi
, in senso fisico: 'ngapizzá, v.
intricato
, difficile: 'mbicciáuse, agg. / difficile: deffècile, agg.
intrigante; traffichino: 'ndricànde, (lu), s.m.
introdurre a forza: 'nzippá, v. / ficcare con forza: 'nzaccá, 'ntruzzá, v. / ficcare di nuovo con forza: arinzippá, v.
/ insaccare, infilare: 'nzaccá, 'mbilé, v. / infilare,serrare, mettere il catenaccio, chiudere con una inferriata, inferrare: 'mbirrá, 'nzirrá, v. / infilare, in genere di nocelle, fichi e foglie di tabacco: 'mbilé, v. / imbastire: nchiemá, v. / infilare, cucire, imbastire: imbilá, v.
intromettersi
, impicciarsi: 'ndrumattérese, v. / impicciarsi: 'ndriché, v.
intuire, scoprire: taná, v.
intuizione, fiuto anche lo scarto nel gioco delle carte: scàrte, (lu), s.m.
inumidire: umá, v.
invalido: 'mbàlede, agg.
invaso d'acqua utilizzato dai mulini: accòdde, (l'), s.f.
invecchiare: avvichinérese, v.
invece, al contrario: mmëce, avv.
inventare: ammindá, 'mmendá, v.
invenzione;
trovata: 'mminziàune, (la), s.f.
invernata, inverno:
'mmernàte, virnàte, (la), s.f.; mmèrne, vèrne, immèrne, (lu), (l'), s.m.
inverno, invernata: mmèrne, vèrne, immèrne, (lu), (l'), s.m.;
'mmernàte, virnàte, (la), s.f.
inverso, al contrario, alla rovescia, al rovescio: a la capequîule, a la capichîule, a la dimmèrze, a la devèrze, a lu 'ngundrarie, avv.; s'è messo la maglia al rovescio: s'ha mässe la majj' a la dimmèrze
invertito, finocchio, frocio, omosessuale, ricchione: ricchiáune, finùcchie, frusciáune, freùsce, (lu), s.m.
investire, acciabattare, acciarpare, eseguire un lavoro senza la nesessaria diligenza: arrunzá, v. / eseguire con diligenza un compito, in genere i lavori di sartoria: apprumáttë, v.
invettiva rivolta agli infingardi o alla morte, cane morto: mortacàne!, loc.
invidia: 'ndèvie, (la), s.f.
invidia: ammédie, ammëdie, 'mmédie, (l'), (la), s.f.
invidiaanche gelosia: ggilusëjje, (la), s.f.
invidioso: mmidiáuse, agg.
invitare, accogliere: ammeté, ammité, 'mmté, cummuté, v. / accogliere, ricevere: ariciáivë, accòjjë, v., p.p. accòdde
invitare alla sosta, fermare, trattenere: trattiná, v. / trattenere, frenare: aritiná, v.
invito: 'mmèite, (lu), s.m.
involtino di carne: rivultëine, (la), s.f.
involto
atto a trasportare della roba: fangòtte, (lu), s.m.
involto; fagotto: mallòppe, (lu), s.m.
involto; pacco: paccòtte, (lu), s.m.
involucro, buccia, guscio: scàgne, (la), s.f. /
involucro di carta, cartoccio: cartòcce, (lu),
s.m.
/ cartoccio: scartòcce, (lu), s.m. / cartoccio: 'ngartáte, (la), s.f.
inzaccherato, sporco di fango: 'nzazzariéte, agg.   
inzuppare: 'nzuppá, v.
io
: I, j, jë, jje, jéie, pron. pers. sing. sog.
Iolanda: Jolànde, n.p.p.
iosa (a): battajjáune, (a), loc. avv.
ipocondria: picundrë, (la), s.f.
ipocrita, falso: facciaténte, (la), s.f. / ipocrita, falso devoto, baciapile: frècasände, (lu), s.m. / pinzochera, bigotta, baciapile: bijatèlle, vizzàche, (la), s.f. / pinzochera, beghina, donna che ostenta devozione e assiduità nelle pratiche religiose: sandùcchie, (la), s.f.
ippocampo: cavallîcce di mare
, (lu), s.m.
Ippolito: Ippolete, n.p.p.
iracondo; permaloso: cascettàre, (lu), s.m.
Irene: Irene, n.p.p.
Ireneo: Irené, n.p.p.
Irminia: Irmëine, n.p.p.
irrancidire: 'ngrazzé, v. / l'irrancidire dell'olio, il rassodarsi per il freddo: 'ngrazzëite, agg.
irrigare: addacquä, v./p.p. addacquäte
irridimento dei muscoli e dei nervi: 'nguardatîure, (la), s.f.
irrigidire: 'ndesá, v.
/ irrigidire, intostare: 'nduštá, v. / irrigidire, specie della muscolatura: 'ngurdá, v.
irrigidito, denti a denti: 'nganganëite, agg.
irritarsi, arruffare: arruférese, arruffé, v.
/ irritarsi in talune parti del corpo anche essere in collera: 'ngagnárese, v.
Isabella: Isabelle, n.p.p.
iscrizione, spesso epitaffi: iscrizziûne, (l'), s.f.
Isidoro: Isidèure, n.p.p.
isola: ìsele, (l'), s.f.
isolotto: isilòtte, (l'), s.m.
istante, momento: humènde, (lu), s.m.
istituto di credito, banca: bbànghe, (la), s.f. /
banco dei rematori: bbànghe, (lu), s.m. /
banco di nebbia
: bbànghe, (lu), s.m.; huàre, (la), s.f.
istrice o porcospino, anche riccio: porchespëine, (lu), s.m. / la principale differenza tra riccio e istrice sta nella famiglia di provenienza: il riccio, chiamato erroneamente, porcospino, è della famiglia delle erinaceidae; l’istrice della famiglia degli istricidi; l’istrice è corretto chiamarlo anche porcospino
/ riccio, mammifero provvisto di aculei: ruècce, (lu), s.m. / riccio di mare: rècce, (lu), s.m. / riccio, riccioluto, cresputo: rècce, agg. / riccio di pianta anche di persona dai capelli poco curati: catille, (lu), s.m.
istruito, colto: allitteráte, agg. / istruito, saccente, esperto, anche accorto, scaltro: saputìlle, (lu), s.m. / scaltro (paraculo): paraquîule, (lu), s.m. / scaltro, astuto, furbo: fìrbe, agg. / furbo, sveglio, intelligente: cillëine, agg. / furbacchione, persona vivace: rócile, (lu), s.m. / tipo furbo e vivace: rottaluquîule, (lu), s.m.
istupidito, rincoglionito, rimbambito, ottuso, fase di marasma senile: ringujunéte, agg.
/
rimbambito, di stucco: 'mbambanëite, agg.
italiano: 'taliàne
, agg.
itterizia: litterézie, (la), s.f.