Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Vocabolario italiano-vastese: G
 
A
B
C
D
E
F
H
I
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
Z

gabbacompagno: chijjonacumbàgne, (lu), s.m.
gabbare, schernire: gabbá, habbá, v. / schernire: ariscarnë, v. / prendere in giro, sfottere, sbeffeggiare, imitare: cuffujé, arrénne l'abbàie, pazzìjá, v. / sfottere, gabbare, canzonare, coglionare: arifricá, 'refrecá, v. / canzonare, coglionare: cujuná, v. / sbeffeggiare con noncuranza, ripassare: aripassá, v. /
prendere in giro, anche giocare, baloccare: pazzìjá, v. / prendere in giro: frište, loc.gabbano, casacca dei contadini: habbàne, (lu), s.m.
gabbato
: gabbá, gabbate, habbá, habbate, agg.
gabbia
per uccelli: cajéle, cajéule, (la), s.f.; nghi la mèrle o lu cardèlle / piccola gabbia: cajulátte, (la), s.f.
gabbia (piccola): cajulátte, (la), s.f. / gabbia per uccelli: cajéle, cajéule, (la), s.f.; nghi la mèrle o lu cardèlle
gabbiano: cuchèle, (la), s.f.
gabbiano: caggiáne, (la), s.f. / dim. di gabbiano: caggianèlle, (lu), s.m., dim. di caggiáne / gabbiano: cajàne, (la), s.f.
gabbiano reale
: cucàle, (lu), s.m.
gabbo, nel senso di stupire, meravigliarsi, sfottere: âbbe (hâbbe), avv. / mi stupisce, mi fa meraviglia, mi sfotte: mi fa' âbbe
Gabriele
: Gabbrièle, Habbrìéle, n.p.p.
Gaetano
: Caddène, Caddàne, Gaddàne, n.p.p., dim. Tanìne
gagliardo
: gajàrde, agg.
gaglioffo; mariuolo: cápe làtre, (lu), s.m.
galantuomo
: hualandème, (lu), s.m., pl. li hualandûme; halantome, (lu), s.m., pl. li halantûme; galandòme, (lu), s.m.
galbuli
; i frutti secchi del cipresso: pallachìcche, (li), pl.
galeotto
: haliòtte, (lu), s.m.
galera
, carcere: halé, halère, galéa, (la), s.f.
galera
(in); al chiuso: 'ngalé, loc. avv.
galla
(a): a ggàlle, loc., avv.
gallatura
: hallatîure, (la), s.f.
galleggiare
: galliggiá, v. / galleggiare sulla schiena, fare il morto a galla, stare a galla sul dorso: fa' la posa môrte, v.
galleria
: gallarë, (la), s.f.
galleria ferroviaria
, traforo: traféure, (lu), s.m.
gallina
: allene, hallëine, (la), s.f., pl. li allene
gallina (razza di): padüàne, agg.
gallina fetaiola, di gallina che fa spesso le uova: fetarèlle, uvaréule, agg./s.f.
gallinella,  mazzola, cappone caviglione o semplicemete caviglione, pesce marino della famiglia triglidae: pircátte, (lu), s.m. / caviglione, genere di pesce: marzabbòcche, (lu), s.m.
gallinella anche cappone dalmata, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m.; muzzelàne, (la), s.f. / cappone lira, ghiozzo testone, pesce cappone organo: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m.; muzzelàne di féure, (la), s.f. / pesce cappone: capáune, (lu), s.m. / ghiozzo, testone, gallinella di mare, rossetto, capoccione, pesce marino: muzzáune o mizzáune, (lu), s.m.; muzzulëine, muzzilëine, muzzilène, teštulëine, (la), s.f. / ghiozzo comune: bbàtte, (la), s.f. / ghiozzo paganello: bbuátte, buàtte, (la), s.f.
gallo: hàlle, ualle, (lu), s.m., pl. li hêlle, li hälle
gallo piccolo: uallicce, (lu), s.m., pl. li allicce
gallone; guarnizione militare; mostrina: frìse, (la), s.f.
galloni: tajarèlle, pl. (li)
galoppo
: halòppe, (lu), s.m.
gamba
, coscia, anche piedi del telaio; manici della tenaglia: còsse, hàmme, amme, (la), s.f., pl. li còsse, li emme
gambali: gambële, (li), pl.
gambe lunghe
(persona dalle): cossalùnghe, (lu), s.m.
gambero
: hàmmare, hàmmara, (lu), s.m.
gambero(minuscolo), di regola mangiato crudo o fritto: salèpprë, (lu), s.m.
gambero rosso: càmmare, (lu), s.m.
gambo di un fiore, di un frutto: tànne, (la), s.f.
gamella: camèlle, (la), s.f.
ganascia, mandibola, mento: ánghe, hànghe, (la), s.f., pl. li ánghe
gancetti per tenere fermi i panni stesi: cchiapparìlle, (li), pl.
gancetto
: hangiátte, (lu), s.m.
gancio, uncino: hànge, angìne, ungëine, (lu), (l'), s.m. / gancio della catena del camino a cui si si appende il paiolo: quatinàre, (lu), s.m. / gancio della catena anche gancio dell'estremità dell'anello dell'ancora: cóccele, (la), s.f. / uncino per raccogliere il secchio nel pozzo: ruácchie, ruàppe, (lu), s.m.
gancio della catena anche gancio dell'estremità dell'anello dell'ancora: cóccele, (la), s.f. / gancio, uncino: hànge, angìne, ungëine, (lu), (l'), s.m. / gancio della catena del camino a cui si si appende il paiolo: quatinàre, (lu), s.m. / uncino per raccogliere il secchio nel pozzo:
ruácchie, ruàppe, (lu), s.m.

gancio della catena del camino a cui si si appende il paiolo: quatinàre, (lu), s.m. /
gancio, uncino: hànge, angìne, ungëine, (lu), (l'), s.m. / gancio della catena anche gancio dell'estremità dell'anello dell'ancora: cóccele, (la), s.f. / uncino per raccogliere il secchio nel pozzo: ruácchie, ruàppe, (lu), s.m.
gancio dell'estremità dell'anello dell'ancora anche gancio della catena: cóccele, (la), s.f. / gancio, uncino: hànge, angìne, ungëine, (lu), (l'), s.m. / gancio della catena del camino a cui si si appende il paiolo: quatinàre, (lu), s.m. / uncino per raccogliere il secchio nel pozzo:
ruácchie, ruàppe, (lu), s.m.

garagolo, crocetta, mollusco con conchiglia munita di tre prolungamenti a croce: ciucculálle, (la), s.f.
garantire, avallare: avvallá, v.
garbino
, libeccio: harbëine, (lu), s.m.
garante, mallevadore: uarànde, prìgge, (lu), s.m.
garanzia: priggiarèjje, (la), s.f.
garbo, modo educato e cortese: gàrbe, (lu), s.m. / educazione: duquaziáune, (la), s.f. / educazione, buone maniere: criànze, (la), s.f.
gargarismo
: hargalèzie, gargarìzze, (lu), s.m.
garofano; individuo dalla dubbia interpretazione: caròfene, (lu), s.m.
garza anche branchia del pesce: gàrze, gärze, hàrze, (la), s.f.
garzone
, bracciante dei campi, della stalla, degli artigiani anche arnese di falegname: harzáune, (lu), s.m., pl. li harzîune; garzáune, (lu), s.m.
gas intestinali (emissione rumorosa di), scorreggia o scoreggia, scureggia: puàtte, pétto, (lu), s.m., pl. li pétte
gassosa: gazzáuse, (la), s.f.
gattaiola, buca alla porta per il rientro e l'uscita del gatto: hatterèle, gattaréule, attarole, (la), s.f., pl. li hatterèle / gattaréule / attarole
gattina
: hàtticce, atticce, (la), s.f., pl. li hàtticce
gatto
: hâtte, (la), s.f., pl. li hêtte; dim. li hâtticce / friggi il pesce e tieni d' occhio il gatto (comunque detta, la prudenza non è mai
troppa
): frìje lu puàssce e huàrde (e tté' mmènd' a) la hâtte
gatto custode del focolare (riferito al); ozioso; pigro: cinnirèlle, agg.
gattopardo, pesce somigliante al gattuccio di mare: canìcchije, (lu), s.m.
gattuccio di mare, palombo: caccinèlle di mare, (lu), s.m. / palombo: paláumme, (lu), s.m.
/ squalo azzurro o verdesca: pandadènde, (lu), s.m. / verdesca: virdàšche, (la), s.f.
gavitello
, boa, segnale galleggiante, sughero di legno o di altro materiale galleggiante: gavitèlle, (lu), s.m.; bbéuve, (la), s.f.
gazza ladra, pica, cola cola: chéule, ciacciachéule, píche, peche, còla chéule, (la), sf., pl. li peche, còla chéule
gazzarra
, confusione: babbilònie, (la), s.f..
gelare: ilá,
gnilé, v.
gelata notturna
; brina: hailäne, (la), s.f.
gelato, freddo: hilàte, gneléte, fràdde, agg./(lu), s.m.
gelo
: jèle, (lu), s.m. /
gelo, ghiaccio: tarmatîure, (la), s.f.
gelone: gilàune, (lu), s.m.
Gelormo
: Gelòrme, n.p.p.
gelosia anche invidia: ggilusëjje, (la), s.f.
geloso
: ggiláuse, agg.
gelso
bianco: cîuse, (lu), s.m., pl. li cîuse
Gelsomina
: Trusmmëine, n.p.p.
Gelsomino
: Giusummè, n.p.p.
gemmare
, germogliare, produzione di germogli nelle piante: cacchiä, cacchijá, v., p.p. cacchiäte
gemmata
, germogliata: cacchiàte, agg./s. / fig. per dire di una persona inconcludente e futile: è na fàva cacchiàte
gemme dei fiori: púppele, (li), pl.
gendarme anche donnone con carattere e piglio risoluto: ggiandàrme, (lu), s.m.
generale
: ginirá, (lu), s.m.
generare
, procreare, manifestare patologie, un male, un fastidio, congregare: cungrujé, cungurijé, v.
genero
: jénere, (lu), s.m.; mio genero: jéneme
generosa
(persona): curazzáune, (lu), s.m.
generoso anche pietoso, santo: sànde, ssande, (lu), s.m., pl. li sènde/agg. / pietoso: piatàuse
gengiva
: agnilëine, aquilëine,
gnilëine, (l')/(la), s.f., pl. (li)
genio
, in modo ironico; testa gloriosa: còccia glurujáuse, (la), s.f.
gennaio
: s.m., mese innàre, jnnàre, jinnère, jennäre, jinnäre. Detti: ecco gennaio che avanti si fa, l'arrosto sul fuoco ed il fiasco di vicino, siete invitati, contadini e signori, quanti ne siate di qui e di fuori: ecche jinnère, mo' se fa 'vande, la 'rroste a lu foche e lu truffale accande, sét'ammetate cafone e ssegnure, canda ne sete de dentre e dde fure / gennaio, tante sono le entrate e altrettanto sono le spese: jinnère mé curtèse, gnà è la 'ndràte ccuscì fa la spése / ogni gallina va a coricarsi: ogne halline va a lu pajjare / la neve è forte come l'acciaio: la neve è fforte gne l'acciäre / il freddo di genaio riempie il granaio: lu frédde de jennäre arehémbie lu hruanäre /gennaio sopra il focolare metti la pentola: jennàre sopr'a lu fuculàre mëtte la callàre
Gennaro
: Gennare, n.p.p., dim. Gennarino, Rino
generale: ggiunuruale, (lu), s.m., pl. li gginirele
Genoveffa
: Genuèffe, n.p.p.
gentaglia, pezzenteria, miseria: pezzanderèje
, (la), s.f. / gentaglia, masnada: ggendàjje, (la), s.f.
/ pezzenteria, povertà: bizzindarëjje, (la), s.f. / miseria: misèrie, (la), s.f. / miseria, sfortuna,
i
ella al gioco: scaràgne, (la), s.f.

gente, folla, persone in genere: gènde, fàlle, (la), s.f.
gente, pubblico: príbbiche, (lu), s.m.
gente di poco conto; popolino: bassafrátte, (la), s.f.
gentile, di persona non abituata ai lavori manuali: ggindèle, agg.
gentilezza
: gendelàzze, gindilàzze, (la), s.f.
geometra
: geometre, (lu), s.m., pl. li geumitre
geranio: ggèrànje, (lu), s.m.
Gerardo
: Gelarde, n.p.p.
Germano: Germane, n.p.p.
germogli piccoli: cacchiàtte, (li), s.m., pl.
germogliare, gemmare, produzione di germogli nelle piante: cacchiä, cacchijá, v., p.p. cacchiäte
germogliata, gemmata: cacchiàte / fig. per dire di una persona inconcludente e futile: è na fàva cacchiàte
germoglio grande o ramo; spicchi del gheriglio della noce: câcchie, càcchie, (lu), s.m.
germoglio, pollone: tàcchie, (lu), s.m.
Gertrude: Gertrude, n.p.p.
gesso: jàsse, ggîasse, (lu), s.m. / gesso raffinato, scagliola: šcajéule, (la), s.f.
gesto o atteggiamento di palese dispetto
: arrufanáte, (l'), s.f.
Gesù
: Ggisî
Gesù Bambino
: Bambëine, (lu), s.m.
getta la pietra e nasconde la mano
: jètte la préte e annascônne la méne
gettare
: ittá, jittá, v. /
gettare a terra l'avversario, lottare corpo a corpo: alluttá, v. / gettare con forza, scagliare, spingere: sbalanzá, v. / spingere con forza: vussá, v.
gettata della rete; il venir meno della salute: caláte, (la), s.f.
getto d'acqua: bîtte, (lu), s.m.
ghette: gótte, (li), pl.
ghettone, calzettone, calza a staffa: cazzittáune, (lu), s.m., pl. li cazzittîune
ghiacciaia
: jacciàre, (la), s.f.
ghiacciare
: jàcciá, v.
ghiacciato
: jacciàte, agg.
ghiaccio, stazzo: jàcce, (lu), s.m. /
ghiaccio, gelo: tarmatîure, (la), s.f.
ghiaia: vrecciòne, (lu), s.m. anche accrescitivo di braccio, vràcce, (lu), s.m.
ghianda: jànnele, jànnela, (la), s.f.
ghiandole (glandule) del collo degli animali da macello; animelle: dolgimîrze, ant, (lu), s.m., pl. li dolgimîrze
ghiareti (larghi) dei torrenti; luogo scosceso, sassoso: gravàre, (la), s.f.
ghiozzo
, varietà di pesce: cicinëjje
, (lu), s.m.
ghiozzo testone: capucciòne, capucchiáune, capacchjáune (lu), s.m.
ghiottone
: juttáune, (lu), s.m. / ghiottone, mangiatore di buona lena: magnuttáune, (lu), s.m
ghiottoneria
: juttunézie, (la), s.f.
ghiozzo, testone, pesce marino: muzzáune o mizzáune, mizzilène, (lu), s.m.; muzzulëine, muzzilëine, muzzilène, testulëine, (la), s.f. / ghiozzo comune: bbàtte, (la), s.f. / ghiozzo paganello: bbuátte, buàtte, (la), s.f. / cappone dalmata anche gallinella, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m.; muzzelàne, (la), s.f. / cappone lira, ghiozzo testone, pesce cappone organo: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m.; muzzelàne di féure, (la), s.f. / pesce cappone: capáune, (lu), s.m.
ghiozzo comune: bbàtte, (la), s.f. / ghiozzo paganello: bbuátte, buàtte, (la), s.f. / ghiozzo, testone, pesce marino: muzzáune o mizzáune, mizzilène, (lu), s.m.; muzzulëine, muzzilëine, muzzilène, testulëine, (la), s.f. / cappone dalmata anche gallinella, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m.; muzzelàne, (la), s.f. / cappone lira, ghiozzo testone, pesce cappone organo: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m.; muzzelàne di féure, (la), s.f. / pesce cappone: capáune, (lu), s.m.
ghiozzo paganello: bbuátte, buàtte, (la), s.f. / ghiozzo comune: bbàtte, (la), s.f. / ghiozzo, testone, pesce marino: muzzáune o mizzáune, mizzilène, (lu), s.m.; muzzulëine, muzzilëine, muzzilène, testulëine, (la), s.f. / cappone dalmata anche gallinella, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m.; muzzelàne, (la), s.f. / cappone lira, ghiozzo testone, pesce cappone organo: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m.; muzzelàne di féure, (la), s.f. / pesce cappone: capáune, (lu), s.m.
ghiozzo testone, cappone lira, pesce cappone organo: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m.; muzzelàne di féure, (la), s.f. / pesce cappone: capáune, (lu), s.m. / cappone dalmata anche gallinella, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m.; muzzelàne, (la), s.f. /ghiozzo, testone, pesce marino: muzzáune o mizzáune, mizzilène, (lu), s.m.; muzzulëine, muzzilëine, muzzilène, testulëine, (la), s.f. / ghiozzo comune: bbàtte, (la), s.f. / ghiozzo paganello: bbuátte, buàtte, (la), s.f.
già me lo immagino!: fàtte lu cuànde ca mo li vàite!
giacca
: ggiaccàtte, giaccàtte, (la), s.f., pl. li ggiacchètte
giacché, poiché: tànde che ttànde, cong.
giacchio, rezzaglio, sparviero, rete conica da pesca ad apertura circolare,  a lancio: rizzàcchie, 'mbrëlle, umbrëlle, (lu), (l'), s.m., resàcce, (la), s.f. / ombrello: 'mbrëlle, umbrëlle, (lu), (l'), s.m.
giaciglio per cani; sberleffo: chîzze, (la), s.f.
Giacinto
: Ggiacënde, n.p.p.
Giacomo
: Giàcheme, n.p.p.
giallo per itterizia
: giallëite, giallîute, agg.
giara, recipiente di terracotta usato per bere: ggiàrre, (la), s.f. / giara anche otre: trûfe, (lu), s.m. / orciolo di terracotta anche deretano: trûffele, (lu), s.m.
giarda
, ulcera venosa nella zampa del cavallo di solito cicatrizzata: jàrde, (la), s.f.
giardini pubblici, casino di campagna, villa: vèlle, (la), s.f.
giardiniere: ciardinire, (lu), s.m., pl. li ciardinire
giardino
: ciardëine, (lu), s.m.
gibbo, gobba: ciàmme: (lu), s.m.
gibboso, gobbo: gubbîute, cimmîute, ciummîute, (lu), s.m./agg.
giberna
anche organo sessuale femminile: cibbèrne, (la), s.f.
gigante
: gihànte, (lu), s.m.
giglio: géjje, ginèjje, (lu), s.m.
Gilberto
: Gilberte, n.p.p.
gilè
: giuluè, (lu), s.m., pl. li gilè / gilè (variante): sciambrichene, sciambrichèine, (lu), s.m.
ginepro
: jinìpe, (lu), s.m.
ginestra
: inèštre, jìnèštre, (la), s.f.
ginocchiata
: hinucchiànne, (la), s.f.; colpo sferrato col ginocchio
ginocchio
: hinùcchie, ghinùcchie, unùcchie, (lu), s.m., pl. li hinùcchie
giocare: iucá, jucá, juqué, jucqué, v. / a battimuro, con monetine facendole battere sul muro, gioco e divertimento di bambini: a sbattamîure /
a bottoni, gioco di bambini consistente nel premere con un bottone su un altro per farlo saltare lontano: a bbittîne, a limmèlle / a carte: a càrte / a vino: a carráfe / alla riffa: arriffé, v. / con palline di vetro o di terra cotta, gioco e divertimento di bambini: a pallicce / con pietre striscianti, gioco e divertimento di bambini: a pèzze / per colpire con pietre un mattone in senso verticale, gioco e divertimento di bambini: a la stecchie / giocare riferito per lo più ai bambini: zullé, v. / giocare, baloccare, anche prendere in giro: pazzìjá, v.
giocata: jucáte, juquéte, (la), s.f.
giocatore (di) di carte poco abile: šcappëine, agg.
giocatore
: juquatáure, (lu), s.m.
giocatore della passatella
(sotto), sottoposto al padrone: sàtte, (lu), s.m.
giocattolo: zullarèlle, raganèlle, (la), s.f.
giocattolo che ripropone il frinire della cicala; cicala: cicáre, (la), s.f. / cicala, anche cicala di mare o panocchia: cicále, cechelàlle, panócchie, (la), s.f., dim. la panucchiuàlle
giochi infantili
: zille, (li), s., pl.
gioco
: jéuque, (lu), s.m., pl. li juque
gioco (dichiarazione) nelle carte: acchîuse, (l'), s.m.
gioco
a rimpiattino; del nascondino: cchiîppe, (la), s.f.
gioco bambinesco
: cucchemilîune, (lu), s.m.
gioco d'azzardo, gioco di carte: mazzätte, (lu), s.m.
gioco di carte, l'asinuccio: asinícce, (l'), s.m.
gioco di carte il ciuco: cîcce, (lu), s.m.
gioco di carte, l'assopigliatutto: assepijatîtte, (l'), s.m.
gioco di carte, la briscola anche schiaffo: bbréschele,
bréschele, (la), s.f.
gioco di carte, il cucù: cucù, (lu), s.m.
gioco di carte napoletane, lu mariannàcce, misto di briscola e punti proclamati con l'accostamento di figure: re, cavallo e donna: mariannàcce, (lu), s.m.
gioco di carte, lu mazzätte, gioco d'azzardo: mazzätte, (lu), s.m.
gioco di carte
che ha come fine il vino, birra, spuma o altro da far bere o da non far bere, la passatella: passatelle, (la), s.f.
gioco di carte
, la scopa: schépe, (la), s.f.
gioco di carte, lo stop: stupparille, (lu), s.m.
gioco di carte, il tressette: trèssette, (lu), s.m.
gioco di saltimbanco: préuve, (la), s.f. / prove, indizi di lite: préuve, (li), pl.
gioco con i bottoni, gioco di bambini eseguito con bottoni in luogo di monete: a la savìne, loc., avv. / gioco con i bottoni, gioco di bambini consistente nel premere con un bottone su un altro per farlo saltare lontano: a bbittîne, a
limmèlle, loc., avv.
gioco d'azzardo un tempo molto praticato nelle osterie e nelle cantine, zecchinetta: zicchinátte, (la), s.f.
gioco del cavalluccio a rincorrersi (di bambini): jondalònghe, (la), s.f.
gioco del lotto: bonaficijàte, (la), s.f.
gioco del nascondino
; a rimpiattino: cchiîppe, (la), s.f.
gioco della cavallina o cavalluccio (di bambini): a jondacavàlle, (la), s.f.
gioco
della cenneráte (di bambini) consistente nel tentativo di denudare qualcuno: a la cenneráte, (la), s.f.
gioco della toppa
(puntata alla cieca nel); ammicco: cicatìlle, (la), s.f.
gioco della štëcchie
(di bambini) consistente nel tiro di una pietra contro un mattone posto in senso verticale sul quale viene posto una moneta, una mandorla, un bottone: a la stëcchie, (la), s.f.
gioco dell'
oca: quattr' e cènghe, (lu), s.m.
gioco del calcio
: futtebbàlle, fubbàlle, (lu), s.m.
gioco del nascondino
: acchîppe, acchiuppe, (la) s.f.; a l'acchîppe
gioco delle noci; capo di una carovana di braccianti: capurále, (lu), s.m.
gioco di carte: tre jùche, (lu), s.m.
gioco di ragazzi con monete o altro, battute contro il muro per accostarle quanto più possibile: a sbattamîure, sbattamîre, sbattamihure, loc. / giocare a ...: jucà a sbattamîure
gioco di ragazzi con monete o un cappello: cappillëtte, (lu), s.m.
gioco di ragazzi, cavallo: cavàlle, (lu), s.m. / rialzo di terra fra le viti: cavàlle, (lu), s.m.
gioco di ragazzi: 'chiappafèrre, (lu), s.m.
gioco di ragazzi
: 'chiappahàrbe, (lu), s.m
gioco di rincorsa dei ragazzi: barrijéule, (la), s.f.
gioco e divertimento di bambini, tirare o tirarsi palle di neve: a maiucquánne, a ppalluttáte, v.
gioco e divertimento di bambini, a zombacavalle: saltarsi a vicenda alternativamente chinandosi / zumbá, v.: saltare / iundá, jundá,v.: scavalcare, saltare, saltare a piè pari / 'ncavalcá, v.: scavalcare
gioco fanciullesco eseguito con uova sode nel giorno di Pasqua:
a trùzze, loc. avv.
gioco fanciullesco: cacanëite, (lu) s.m.
gioco fanciullesco: cavallëine / tratto di
mare di 50 passi
, assai pescoso: cavallëine
, (la), s.f.
gioco fanciullesco; piccola chitarra: catarrátte, (la), s.f.
gioco fanciullesco dei pugni;
carrozza: carròzze, (la), s.f.
gioco fanciullesco della campana: cambáne, (la), s.f.

gioco fatto con bastoni e pezzetti di legno, basato sulla distanza e precisione dei colpi; lippa: a màzze, loc. avv.
gioco infantile; culla: cunnulàlle
, (la), s.f. / culla: chînnele, (la), s.f.
gioco infantile delle nocciole
: calarèlle, (la), s.f.

gioco infantile: 'nginècchie, (lu), s.m.
giocopèzz' e ósse (di ragazzi) fatto con pietre lisce e un mattone, dietro cui vi è la posta in gioco; gioco consistente nel lancio di una pietra contro un bersaglio: pèzz' e ósse, (lu), s.m. / giocare a pèzz' e ósse

gioco popolare (cuccagna) i cui partecipanti devono cercare di prendere dei premi, di norma generi alimentari, posti in cima ad un palo / luogo ideale dove il benessere, l'abbondanza e il piacere sono alla portata di tutti: cuquàgne, (la), s.f.
gioco
(specie di) anche tela a tessitura rada: camëisce di sárge, (la), s.f.

gioco
zopì zopà (dei bambini) con palline: zopì zopà (lu), s.m.; a zopì zopà
Giocondo
: Giuquande, n.p.p.
giogo dei buoi anche inforcatura di legno per appendere il maiale prima della macellazione: jéuve, jáuve, jàuche, jjéuve
giogo (parte del) dei buoi: cuvézze, (la), s.f.
gioielli
; parure: fînimènde, (li), pl.
gioiello, brillante: bbirlànde, (lu), s.m.
Giordano
: Giurduane, n.p.p.
Giorgio
: Giorge, n.p.p.
giornale: giurnuàle, (lu), s.m.
giornata (lavorativa): jurnáte, (la), s.f.
giornata
(a), lavoro eseguito in giornata spesso a cottimo: jurnáte (a)
giornata dal poco guadagno
: jurnatèlle, (la), s.f.
giornata favolosa
: bonijùne, bonejùrne, (lu), s.m.
giorno
: jùrne, (lu), s.m.
giostra; assunzione di atteggiamenti irritanti e provocatori: ggioštre, (la), s.f.
giovamento; balsamo: ggiuvamènde, ggiuamènde, (lu), s..m.
Giovacchina
: Giuvuacchëine, n.p.p.
giovane: ggiàvene, giuvunótte, (lu), s.m./agg., pl. li giuvunùtte; giuvunàtte, (la), s.f., pl. li giuvunètte
giovane piuttosto robusto e atticciato, giovanottino, ragazzotto, ragazzo che si atteggia a uomo: cacchiunótte,
quatragnótte, šcacchinótte, (lu), s.m., pl. li scacchinùtte
giovanetta
: ggiuvunátte, (la), s.f.
Giovanna
: Giuvuanna, n.p.p.
Giovanni
: Giuüànne, Giuvuanne, Ggiuvànne, Ggiuhuànne, Giuvuà, n.p.p., dim. Giuvuannene, Giuvuannicce, Giuvuannine, Giuüànnëine
Giovanni Battista: Giuvuanne Batteste, n.p.p.
giovanottino, giovane piuttosto robusto e atticciato, ragazzotto, ragazzo che si atteggia a uomo: cacchiunótte,
quatragnótte, šcacchinótte, (lu), s.m., pl. li scacchinùtte
giovanotto
: ggiuvunótte, (lu), s.m.
giovare: juvá, giuvá. v.
giovedì: giuvuddé, ggiuvuddé, (lu), s.m. / venerdì: vennardè, vinnardè, (lu), s.m. / sabato: sàbbete, (lu), s.m. / domenica: dumuàniche, dumuàneche, (la), s.f. / lunedì: luneddë, lunuddë, (lu), s.m. / martedì: marteddè, (lu), s.m. / mercoledì: merculleddè, mercluddè, (lu), s.m.
giovenca: jenga, jenca, (la), s.f.; giovenca giovane di un anno: jengarélle, incarèlle, ann
àcchie
giovenco
: jènghe, (lu), s.m.
gioventù: giuvundì, (la), s.f.
Giovina
: Ggiuvëine, Giuvëine, Ggiuvuë, n.p.p.
giovinetta, verginella: virginèlle, (la), s.f.
giramondo; vagabondo; scansafatiche: vagabbìnde, (lu), s.m.; caminamànne, (lu), s.m.
girandolona; donnicciola: casangòlle, (la), s.f.
girare, vuotare, voltare: vuddá, v. / girare attorno, ronzare: runzuijé, musculujé, v. / girare mescolando: vusciché, v. / girare in lungo e in largo anche estirpare l'erba dalla vigna: arranná, v.
giravite
: giuravete, ggiravèite, (lu), s.m., pl. li giravete
giravolta: capivòdde, (la), s.f.
girello per bambini: caminarìlle, camenarìlle, (lu), s.m.
girino: còccia d'àsene, (la), s.f. / girini: cócce di l'ésene, (li), pl.
giro: ggéire, (lu), s.m.
gironzolare senza far niente, bighellonare: scazzafuttènne, v.
giù, laggiù, in basso, di sotto, a valle: a èlla bbálle, alocabbálle, capabbálle, avv. / su, lassù, in alto, di sopra, a monte: a èlla mmànne, alocammànne, capammànde, avv. / bbálle e mónd o mmond, capabbálle e capammànde: giù e su
giubbetto femminile: baschëine, (la), s.f.
giubbone
in genere da donna: juppáune, (lu), s.m.
Giubileo
: Ggiubbulé, Giubbullé, (lu), s.m.
giudicare
: judiché', judicá, v.
giudice
: ggîdice, ggìdice, (lu), s.m., pl. li ggìdice
giudizio
: iudëzie, judézie, (lu), s.m.
giudiziosa
: ggiudiziàse, (la), s.f.
giugno
(mese): ggîgne, gginie, (lu), s.m.. Detti: e si miete, si miete il grano, e si miete per colli e per piani, tra cicale, tra grilli e tra quaglie mentre l'erba diventa paglia: e sse méte, se méte lu hrane, e sse méte pe monde e pe ppiane, tra cecale, tra hrìlle e ttra quajje, tutte la jjerve devènde na pajje / a giugno tieniti caro e cura la campagna e la mietitura: a ggîgne tìtte car' e cchìure la campagne e la metetìure / in tutti i mesi viene sera, a giugno non ci sperare: tutte le mése ve' la sère, sol'a ggîgne nen ce spére / a giugno il vino utilizza l'imbuto, il grano la falce, giugno è il mese del cuore di Gesù: lu vëine a lu muttélle, lu hrane a la faggìje, ggînie, lu muàse de lu Core de Ggisî / giugno, pendono i frutti dai rami, nelle campagne si miete il grano: ggîgne, ppènne li frütte da li räme, pe’ li cambâgne si méte lu gräne / giugno, spalancate porte e finestre, l'aria è calda e profuma di ginestre: ggîgne, arrapìte porte e finèštre, 'ca l'arie è ccalle e addore de jinèšre / giugno, con la bella stagione che torna, chiudono le scuole e i bambini sono in festa: ggîgne, nghi la bbella
š
taggiàne ch'arièsce, chiude li schéule, é fešte di bbardèsce
/ giugno, di frutti riempie i cesti, le giovinette si mettono in mostra:
ggîgne, di frîtte arimbjìsce li ciaštre, li ggiuvunètte si méttene ' mmaštre / giugno, il tempo è bello, le scuole chiudono, spiaggia e scogliera si popolano:
g
gîgne, lu tuèmb' é bbèlle, li schéle finèsce,
la spiâgge e la scujjìre s'arimbièsce
Giulia
: Ggilie, n.p.p.
Giuliana
: Ggiuliàne, n.p.p.
giumella
: jummèlle, (la), s.f.
giumenta
, cavalla, anche bella donna formosa: jumènde, iumuênte, (la), s.f., pl. li iumuênte / una cavalla: 'na jumènde
giumenta (piccola), puledro di giumenta: vannìne, vannene, (la), s.f., pl. li vannene /
puledro di un anno: carîuse, (lu), s.m. /
puledro
, piccolo cavallo: pullêdre, pillètre, (lu), s.m., pl. li pillèdre 
giumenta e asino
(di ibrido fra): ciuccëine, agg.
giunco: jànghe, (lu), s.m.
giungere, arrivare: arruué, arruvué, arruá, v.
giunture
, legamenti dei muscoli o delle articolazioni ma anche nocche della mano: giundìre, (li), pl.
giurare: giuré, v.
Giuseppa
: Giuseppa, n.p.p.; dim. Giusuppueine, Giusuppuine
Giuseppe: Giusuéppe, Giusé, n.p.p., dim. Pippé, Pippëne, Pippëine, Pippine, Pippinicce, Pippinille, Pippinucce, Pippucce, Ggiusuppùcce
Giustino
: Giustëine, n.p.p.
giustizia: juštuèzie, (la), s.f.
giusto (il), sufficiente (il), l'occorrente: baštànde, bbastànde', ahìšte, (lu), s.m. / non mangiare molto, solo il giusto: ni' mmagná naquàlle, magne lu bbastànde
giusto, appropriato: hîšte, îšte, jìšte, agg. / giusto, appropriato, legittimo: liggèttime, agg. / giusto, aderente, indovinato: azziccáte, agg. / appropriato, conforme all'eleganza: attiléte, agg.
Giusto: Ggiste, n.p.p.
giusto giusto
, appena appena: a la 'nzícche, 'nzícche
'nzècche, 'ncàrte 'ncàrte, avv.
glande, capocchia, testa di spillo: capòcce, (la), s.f.
glandule (ghiandole) del collo degli animali da macello; animelle: dolgimîrze, ant, (lu), s.m., pl. li dolgimîrze
gli, i, le o pron. lo, la, li: li
gli ha: , pres. ind. del verbo avere, 3 pers. sing.
gliela fa: 'z n'affëde, v. / star bene, farcela, affidare, sposare: affidá, v. / star bene, al sicuro: 'm mèzz' a la pèzze di lu quásce / farcela, avere forza, fidarsi: fidárese, v.
gluteo: natica: pàcche, (la), sf.
gnocchetto fatto a mano incavato con le dita: cavatèlle, (lu), s.m., pl. li cavatìlle, pl. li cazzarìlle / piccoli gnocchi: gnucchétte, (li), pl.
gnocchi (piccoli), cavatelli: cazzarìlle, s.m.pl., (li) / anche amaro, diavoletto, diavolicchio, lazzaretto, peperoncino piccante rosso, piccantello: bruciaquîule, cazzarèlle, diavilàlle, diavulillo, lazzarêtte, pepicucènde, piparole rásce, pipidìnie pizzicande, pipintone di 'mberne, pispagnole di féuche, (lu), s.m., pl. li cazzarìlle, diavilèlle, lazzarètte
gobba, gibbo: ciàmme: (lu), s.m.
gobbo, gibboso: gubbîute, cimmîute, ciummîute, (lu), s.m./agg.
goccia: gàcce, hàcce, štëzze, vùcce, (la), s.f., pl. li štëzze
gocciolare, colare: culá, v.
godere: hotë, hudá, hudé, v.
godersela
: addicriárese, v.
gola: cannarëine, (lu), s.m.
gola: quannaròzze, (lu), s.m., pl. li cannarúzze
gola
, canna: cànne, gànne, (la), s.f. / desiderio insoddisfatto: m'è rimàste 'n gànne / ti prende la gola: t'acchiàppe 'n gànne
gola del camino
, cappa, ciminiera, canna del camino, fumaiolo: ciummunìre, (la), s.f., pl. li ciummunìre / camino, caminetto, focolare: ciummunìre, (la), s.f., fuculáre, (lu), s.m., pl. li fuculère
golfo
: hólfe, gàlfe, (lu), s.m.
goloso
: cannarîute, agg. anche rif. alla gola / S. Biagio, protettore della gola: lu Sande Cannarîute
goloso di maccheroni anche operaio del pastificio: maccarunàre, maccurunàre, (lu), s.m.
gomena: gumméune, (la), s.f.
gomito: vóte, vuàte, gòmete, (lu), s.m., pl. li vóte, li vîute, li gumete
gomitolo: jòmmere, (lu), s.m., pl. li jummere
goncro, grongo, gronco, congro, della famiglia degli anguillidi, pesce marino: grânghe, grànche, grànghele, hrànghele, vrànghele, (lu), s.m. / gronco di fiume: 'nguèlle di fiume, (la), s.f.
gonfiare, ricrescere, spesso riferito alla pasta: 'ntrufé, v. / gonfiare, rimpinzare anche scocciarsi: abbuttá, v. / mi sono scocciato: m'àjj' abbuttáte; mi hai scocciato: mi si 'bbuttáte
gonfiore, rigonfiamento, tumefazione, enfiagione alla falangetta del dito: turnadàte, (lu), s.m.
gonfiore
, bernoccolo, bozzo, protuberanza: vrignéule, vózze, (lu), s.m. / gonfiore: bómme, (lu), s.m.
gonfiore (del) del ventre dopo un pasto abbondante: attammurréte, agg.
gonna
: hànne, ganne, honna, (la), s.f., pl. li hànne
gonna
(piccola) per bambini: unnicce, (la), s.f., pl. li unnicce
gota del maiale sotto sale: guanciàle, cuscëine, (lu), s.m.
gotta, podagra: pulàcre, (la), s.f.
governo
: huvèrne, (lu), s.m.
gozzo: cuavàcce, (lu), s.m.
gozzo
degli animali ma anche delle persone;
ingrossamento della tiroide: cavàcce, quavàcce, (lu), s.m.
gozzovigliatore, crapulone, mangione: sbudilláte, (lu), s.m.
gradassata, spacconata: ufanarïe, (l'), s.f.
gradasso, guappo: guàppe, hüàppe, (lu), s.m.
gradevole (molto), prelibato: prillibbàte, pirlibbàte, agg.
gradino, scala, scalino: scäle, (la), s.f.
gradire: affrusciá, v. / gradire, acclamare: acclamá, v.
gramigna
: gramàcce, (la), s.f.
grammofono: grammòfene, (lu), s.m.
gramola; maciulla; uccello simile alla cornacchia: ciàvele, (la), s.f.
grana, unità di misura monetaria
(due tornesi): 'rràne, (la), s.f.
granaio
: hruanäre, (lu), s.m.
grancassa, oggetto inservibile: scascïáune, (lu), s.m.
grancevola, genere di crostacei: vícchije, (la), s.f. / granchiolino, dim. di granchio: grangitèlle, hrangitìlle, (lu), s.m. / granchio: grànge, hrànge, (lu), s.m. / varietà di granchio: facchëine, (lu), s.m. / granchio di mare commestibile, favollo: piláuse, (lu), s.m. / granchio di mare non commestibile, capraio anche addetto alla custodia e al pascolo dele capre: crapàre
, (lu), s.m., pl. li crapére
granchio
: grànge, hrànge, (lu), s.m. / granchiolino, dim. di granchio: grangitèlle, hrangitìlle, (lu), s.m. / varietà di granchio: facchëine, (lu), s.m. / granchio di mare commestibile, favollo: piláuse, (lu), s.m. / granchio di mare non commestibile, capraio anche addetto alla custodia e al pascolo dele capre: crapàre
, (lu), s.m., pl. li crapére / grancevola, genere di crostacei: vícchije, (la), s.f.
granchio (varietà di): facchëine, (lu), s.m. /
granchio: grànge, hrànge, (lu), s.m. / granchiolino, dim. di granchio: grangitèlle, hrangitìlle, (lu), s.m. / granchio di mare commestibile, favollo: piláuse, (lu), s.m. / granchio di mare non commestibile, capraio anche addetto alla custodia e al pascolo dele capre: crapàre
, (lu), s.m., pl. li crapére / grancevola, genere di crostacei: vícchije, (la), s.f.
granchio di mare commestibile, favollo: piláuse, (lu), s.m. / granchio: grànge, hrànge, (lu), s.m. / granchiolino, dim. di granchio: grangitèlle, hrangitìlle, (lu), s.m. / varietà di granchio: facchëine, (lu), s.m. / granchio di mare non commestibile, capraio anche addetto alla custodia e al pascolo dele capre: crapàre
, (lu), s.m., pl. li crapére / grancevola, genere di crostacei: vícchije, (la), s.f.
granchio di mare non commestibile, capraio anche addetto alla custodia e al pascolo dele capre: crapàre
, (lu), s.m., pl. li crapére /
granchio: grànge, hrànge, (lu), s.m / granchiolino, dim. di granchio: grangitèlle, hrangitìlle, (lu), s.m. / varietà di granchio: facchëine, (lu), s.m. / granchio di mare commestibile, favollo: piláuse, (lu), s.m. / grancevola, genere di crostacei: vícchije, (la), s.f.
granchiolino, dim. di granchio: grangitèlle, hrangitìlle, (lu), s.m. / grancevola, genere di crostacei: vícchije, (la), s.f. / granchio: grànge, hrànge, (lu), s.m. / varietà di granchio: facchëine, (lu), s.m. / granchio di mare commestibile, favollo: piláuse, (lu), s.m. / granchio di mare non commestibile, capraio anche addetto alla custodia e al pascolo dele capre: crapàre
, (lu), s.m., pl. li crapére
grand'hotel
, (la), s.f.: donna avvenente, di bell'aspetto
grande
, grosso: grànne, gròsse, grôsse, hròsse, agg.
grandinata: grannilïjète, (la), s.f.
grandine: grànnele, (la), s.f.
granello, o poco di qualcosa,
acino, chicco: vàche, (lu), s.m.
granfiata; manata: grambàte, (la), s.f. /
manata; colpo dato con la mano larga: manàte, (la), s.f.
granire, fare l'acino: aciná, v.
grano
: hráne, gràne, (lu), s.m. / riferito a grano o fieno allettati: magraziáune, agg.
grano (varietà di) biangàtte: (la), s.f.
grano duro
(varietà di): ciciarjînne, (li), pl.
grano mediocre; moneta dal suono falso; pescecane: caccaváune, (lu), s.m.
grano non maturo anche cereo, molto pallido (colore del volto): cirògnele, agg.
grano (varietà di): carisèlle, (la), s.f.
granoturco
, mais: hrandënije, grandëine, (la), s.f. / spiga di granoturco, pannocchia di mais: marròcche, (la), s.f. / granoturco, mais: granáune, (lu), s.m.
granoturco tardivo, anche agnello di secondo parto
: curdásche, agg./s.
grappolo: gràspe, (lu), s.m. / grappolo dell'uva privato dei chicchi, racemo, raspo: ràspe o gràspe, (lu), s.m. / parte di un grappolo d'uva:
šcànde, (la), s.f.
grassezza: grassézie, (la), s.f.
grassotto
: ciaccîute, agg.
graticola
: gratèlle, gratìcle, (la), s.f.
gratificare di dote, dare la dote: adduddá, v.  
gratificazione / bevutina (dim.), spuntino: vevëtelle, vivitícce, vivetícce, (la), s.f.
gratile
, corda dell'orlatura della vela, piccolo cavo di rinforzo: cungìre
, (la), s.f.
gratin
: hraté, (lu), s.m.
gratis
, a ufo, senza pagare, a sbafo: îffe, hîffe (a), uffe (a), loc. avv. / gratis: digráte, avv.
grattare: rattá, v. / grattare, pulire il fondo di un recipiente: arratá, v.
grattugia
: rattacàsce, (la), s.f.
gravida
: préne, agg. / una donna in cinta: 'na femména préne
gravida
: gràveda, (la), s.f.
grazia; anche formula di ringraziamento: gràzie, (la), s.f.
Grazia
: Grazie, n.p.p., dim. Graziìcce, Icce, Jüccia, Jìcce
Graziano: Graziene, n.p.p.
grecale, borea: vènde da gréche, (lu), s.m.
Gregorio
: Gregorie, Ggrigorie, n.p.p.
grembiule
: mandìre, (la), s.f.
grembiule: zinäle, (lu), s.m. / una grembiulata di patate: 'na zinäle di patàne
grembiule o sottana, capo femminile: guarnèlle, (lu), s.m.; sottana: suttuane, (la), s.f., pl. li suttuene
grembiule: parannànze, (la), s.f.
grembiule per le faccende in cucina
: mantusìne, (la), s.f.
grespigno, verdura, cicoria matta o di campagna, tipo di cicoria, che nasce spontanea nei campi, usata come insalata che cotta:
cascigne,
cascègne, casciàgne, cascëgne, tipo di cicurelle, (la), s.f. / di persona sgarbata
: cascègne, (la), s.f.
gridare, strillare: allecquá, alluqqué, štrillá, v.
grido, urlo: lócche, (lu), s.m.
grido di richiamo dei pescivendoli
per magnificare il loro pescato: vèïve véive!, loc.
grilletto del fucile: ciambëne, (lu), s.m.
grillo
: grèlle, (lu), s.m., pl. li grèlle
grillotalpa: chicucciáre, (lu), s.m.
grimaldello: votajànne, (lu), s.m.
gronco, grongo, goncro, congro, della famiglia degli anguillidi, pesce marino: grânghe, grànche, grànghele, hrànghele, vrànghele, (lu), s.m. / gronco di fiume: 'nguèlle di fiume, (la), s.f.
gronco di fiume: 'nguèlle di fiume, (la), s.f. / gronco, grongo, goncro, congro, della famiglia degli anguillidi, pesce marino: grânghe, grànche, grànghele, hrànghele, vrànghele, (lu), s.m.
gronda; canale: canàle, quànale, (lu), s.m.
grongo, gronco, goncro, congro, della famiglia degli anguillidi, pesce marino: grânghe, grànche, grànghele, hrànghele, vrànghele, (lu), s.m. / gronco di fiume: 'nguèlle di fiume, (la), s.f.
grossa chiavica
: chiavicàne, (la), s.f.; anche persona poco raccomandabile, disgustosa: (lu), s.m.; nu (un) chiavicàne
grosso, grande: gròsse, grôsse, hròsse, grànne, agg.
grosso, spesso, nocchieruto: pacchîute, tarachîute, agg.
grosso legno
, ceppo, che si mette per tradizione nel caminetto la notte di Natale: técchie, (lu), s.m.
grotta, caverna: grótte, gràtte, (la), s.f. / piccola grotta: gruttuciàlle, (la), s.f.
grotta (piccola): gruttuciàlle, (la), s.f.
groviglio di vipere: vupuràme, (lu), s.m.
grufolare, spillare denaro: carufé, scaru, v.
grugnire: rullá, v.
grugno
, muso, del maiale o del cinghiale e in generale: rùlle, mûsse, mîsse, grìgne, grâgne, (lu), s.m. /
grugno del porco: carîufe, (la), s.f.
grugno del porco: carîufe, (la), s.f. / grugno, muso, del maiale o del cinghiale e in generale: rùlle, mûsse, mîsse, grìgne, grâgne, (lu), s.m.
grullo, babbeo, sciocco, privo di senno: fissacchiáune, agg./(lu), s.m.
grumolo: crènnele, (la), s.f.
gruppo di persone poco affidabili; razzumaglia: manijète, (la), s.f.
guadagnare
: huadagná, v. / guadagnare la giornata, ottenere qualcosa ma anche prendere botte, ricevere percosse: abbuscá, abbusché, v.
guadagno
, salario, profitto: huadàgne, abbîsche, (lu), (l'), s.m.
guadino, retino a maglie larghe, munito di manico fisso o telescopico, che serve al recupero del pesce preso con l'amo anche per la pesca delle seppie: vóleche, (lu), s.m.
guaìna; fodero: fòtere, (lu), s.m.
guaio: guàje, hué, huà, vué, (lu), s.m., pl. li huèje
guaire, uggiolare, dolorare, soffrire per traslato: vramá, v.
gualano
, asta che regge la sciabica anche custode delle vacche o conduttore di bestie da lavoro: ualàne, gualàne, hualàne, vualàne, (lu), s.m., pl. li ...ene
gualcire
, aggrinzire, riferito ad abiti, stoffe anche masticare: ammasciché, ammascicá, v. / ha i pantaloni gualciti: tè li cazzîne tutt' ammascichéte
gualcito
, masticato: ammascicáte, ammascichéte, agg.
guantiera, vassoio ovale, recipiente di terracotta smaltato per minestra: sbrellònghe, späse, (la), s.f., pl. li spàse / vassoio: uandìre, (la), s.f. / vassoio, catino, scodella molto larga: grìmbe, (la), s.f. / vassoietto: grimbetèlle, (la), s.f.
guappo, gradasso: guàppe, hüàppe, (lu), s.m.
guardare
: huardá, v. / guardare, ascoltare di nascosto: adusulá
, v. / guardare in modo fisso e continuato: attimindë, v. / l'atto o il modo di guardare: guardatîure, (la), s.f. / guardare di sfuggita, in modo obliquo: di sguéisce, loc. avv.
guardare con attenzione anche fissare: timméndë, v.
guardare in modo fisso e continuato: attimindë, v. / guardare: huardá, v.
guardare di sfuggita, in modo obliquo: di sguéisce, loc. avv. / guardare: huardá, v.
guardare (l'atto o il modo di): guardatîure, (la), s.f. / guardare: huardá, v.
Guardia di Finanza: Canáuse, (lu), s.m.
guardiano
: hardijáne, huardijáne, (lu), s.m.
guardiano di vacche: vaccàre, (lu), s.m.
guardiano o custode dei porci: purcàre, (lu), s.m.
guarnizione di merletti: riccëire, (la), s.f.
guarnizione militare; gallone; mostrina: frìse, (la), s.f.
guasto
: hüašte, agg. / guasto, bacato in genere con riferimento alla frutta: mahagnáte, ammahagná, agg. / rendere corrotto o guasto: ammahagná, v.
guazza, fanghiglia, melma: huàzze, uàzze, jòzze, (la), s.f. / melma, mota, lota, fango: láute, (la), s.f.
guercio
: cecalîupe, agg./ (lu), s.m.
guerra: huèrre, (la), s.f.
gufo: hûfe (lu), s.m. anche faccia d'ome, bifîuce, (la), s.f. /
gufo anche bubone: tanchéune, (lu), s.m.
gugliata: 'mbiléte, (la), s.f.
gugliata di seta: cápe di sáite, (lu), s.m. / gugliata di seta; vena d'acqua; inizio; merce: cápe, (la), s.f.
guscio dei molluschi, dell'uovo, della frutta secca: càgne, (la), s.f. / guscio, buccia, involucro: scàgne, (la), s.f.
Guglielmo: Hujjèrme, n.p.p.
Guido: Guide, n.p.p.
gusci: chîgne, (li), pl. / gusci in generale anche frammenti di terraglie: còcchie, (lu), s.m., pl. li cùcchie
guscio del grano battuto, pula: cuàme, (lu), s.m.
gusto, sapore: híšte, (lu), s.m.