Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Vocabolario italiano-vastese
: F
 
A
B
C
D
E
G
H
I
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
Z

fa finta di.., fa l'indiano: fá cóseme, fig. / persona che fa l'indiano: cóseme, (lu), s.m.
fa l'indiano
, fa finta di..: fá cóseme, fig. / persona che fa l'indiano: cóseme, (lu), s.m.
fabbrica
: frábbeche, (la), s.f.
fabbricante di castagnole: buttáre, (lu), s.m.
fabbrica di laterizi, per lo più di mattoni: fumànde, (la), s.f.
fabbricante di conche, concaio, calderaio, ramaio: cunguàre, (lu), s.m.
fabbricante di terraglie, pentolaio, vasaio: pignatàre, pugnatàre, vasàre, (lu), s.m.
fabbricato abitativo esteso e grande: casamènde, (lu), s.m.
fabbricatore, muratore: frabbicatáure, s.m., pl. li fabbricatîre
fabbro
: furràre, firràre, (lu), s.m., pl. li fërrére
Fabio
: Fabbie, n.p.p.
Fabrizio
: Fabbrèzie, n.p.p.
faccenda da sbrigare
alla svelta; in men che non si dica; subito; veloce veloce: frijènne e magnànne, loc.
faccenda da sbrigare in men che non si dica; alla svelta; subito; veloce veloce: frijènne e magnànne, loc.
faccenda intricata (di), affare aggrovigliato (di): 'mbiccéte, agg.
faccenda mal condotta, pasticcio, imbroglio: paštécce, (lu), s.m. / imbroglio, raggiro: 'mbrùjje, (lu), s.m.
facchini (gruppo organizzato di): caruàne, caruvuàne, (la), s.f.
facchino; varietà di granchio: facchëine, (lu), s.m. / facchino: vaštàse, (lu), s.m.
facchino del mercato ittico
: bbarzúche, (lu), s.m., scócchele, (lu), s.m. / chi trasporta il pesce del mercato ittico: arsajapanère, (l'), s.m.
facchino portuale, camallo, scaricatore di porto: sbarzùcche, (lu), s.m.
faccia, volto, viso: fàcce, (la), s.f., pl. li fàcce
faccia a faccia, a confronto: facciafrànde, loc. avv.
facile
: fácele, agg.
fagioli (varietà di); confetti: cannillëine, (li), pl.
fagioli (varietà di): a cruàjje, loc. avv.
fagiolini: fasciulétte, (li), s.m., pl.
fagiolo
(legume): fasciéule, fascióle, fasciùle, (lu), s.m, pl. li fasciùle / pasta e fagioli: past' e fasciùle
fagotto; involto: mallòppe, (lu), s.m.
faina: fujëine, (la), s.f.
falce per mietere il grano: fàggèije, fàggie, fàggìje, (la), s.f., pl. li faggeie
falce messoria anche coltello: sallácchie, (la), s.f.
falcetto anche piccola roncola anche trincetto, attrezzo del calzolaio: rungiátte, (lu), s.m.
falciare: faggiá, v.
falciatore: faggiatáure, fauciatóre, (lu), s.m.
falcione
per il taglio del fieno: faggiáune, fuaggiáune, (lu), s.m., pl. li faggihune
falco: fáleche, (lu), s.m. / falco: ŝtol' e ŝtole, (lu), s.m., pl. li ŝtul' e ŝtule / uccello dei rapaci: falcunàtte, (lu), s.m., pl. li falichinètte
falda, lembo della camicia, della giubba o di altro che fuoriesce dall'abito: zannèlle, (la), s.f. / ragazzino cencioso: zannèlle, (lu), s.m.
falegname
: falignàme, (lu), s.m., pl. li falignéme
fallimento
: bballimènde, (lu), s.m.
falsare: fazzié, v.
falsità
, malignità: fazzitá, malignità, (la), s.f.
falso, ipocrita: facciaténte, (la), s.f. / falso devoto, baciapile, ipocrita: frècasände, (lu), s.m. / pinzochera, bigotta, baciapile: bijatèlle, vizzàche, (la), s.f. / pinzochera, beghina, donna che ostenta devozione e assiduità nelle pratiche religiose: sandùcchie, (la), s.f.
falso devoto, baciapile, ipocrita: frècasände, (lu), s.m. / falso, ipocrita: facciaténte, (la), s.f. / pinzochera, bigotta, baciapile: bijatèlle, vizzàche, (la), s.f. / pinzochera, beghina, donna che ostenta devozione e assiduità nelle pratiche religiose: sandùcchie, (la), s.f.
fama, (pessima), nomea (cattiva): malannummunéte, (la), s.f. / nomea; dubbia reputazione: annummunéte, (l'), s.f.
fame, buona nomea: fäme, (la), s.f. / fame, stenti, inedia, stato di assoluta povertà: crinìnzie, (la), s.f. / è morto di stenti: è mmòrte di crinìnzie
fame: rîlle, (la), s.f.
fame eccessiva: fulègne, (lu), s.m. / mi ha preso una fame da lupi: m'angazzáte fulègne
famiglia: famèjje, (la), s.f.
/ famiglia, stirpe,progenie: štruppunëte, (lu), s.m. / antica famiglia, stirpe, prosapia: pripanéje, (la), s.f.
fanale
: fanàle, (lu), s.m., pl. li fanèle
fanatico: fanáteche, (lu), s.m.
fanciullezza: citilànze, (la), s.f.
fandonie (chi racconta), ballista: finùcchiàre, (lu), s.m.
fanfarone o frottolone: favucchiàre, papucchiàre, (lu), s.m. / raccontatore di frottole, menzognero: fafucchiàre, (lu), s.m. / fanfarone, bugiardo, bravaccio, millantatore, spaccone, vanaglorioso, vantone: arcimbámbele, baggiàne, ggiannèzzere, pallunàre, sbrafànde o sbravànde, vandasciàre, agg./(lu) s.m.
fanghiglia
, guazza, melma: huàzze, uàzze, jòzze, (la), s.f. / melma, mota, lota, fango: láute, (la), s.f.
fango, lota, mota, melma: láute, (la), s.f. / melma, fanghiglia, guazza: huàzze, uàzze, jòzze, (la), s.f.
fannullone
, nullafacente: scanzafatèje, jittàte, cajàsse, (lu), s.m.
fantasma; ombra; incubo: pandáfeche, (la), s.f.
far cattivo uso d'una cosa, sbagliar proprio indirizzo: mátte Crëste 'm mén a li Tîrche, loc. / far chiarezza, appurare, conoscere, risapere: appurá, appuré, v.; appurare, indagare, osservare, scandagliare: scanajjá, v.; e chi ci capisce, centra!: e chi c'appîure! / far coprire la vacca dal toro, otturare: turá, v. / far forza facendo leva, far resistenza, assumere atteggiamenti sussiegosi, mettersi in agguato, poggiar bene: 'mbuš, v. / far le cose alla carlona, operare in modo negligente, abborracciare: acciavattá, v. / far le ossa, divenire robusto: annussá, v. / far le uova da parte della gallina, fetare: fetá, fitá, v.; la gallina ha fatto le uova: la hallina ha fitáte / far luce, vedere, scorgere, discernere: allusscé, v.; ci vede poco: póche ci allîssce / far male, inciampare, cadere a terra, sciancare: šdulluffá, v. / far mostra di sé, compiacersi: fissié, v. / far pazzie, andare in giro in preda ad atti inconsulti: mattié, v. / far prendere la grinza ai vestiti: aggrippé, v. / far razza, avere dimestichezza con le persone: arrazzá, v. / far resistenza con i piedi: 'mbuštá li pìte, v. / operazione per far seccare un albero: cigná, v. / far tornare alla calma, rabbonire: scazzá, v.; rabbonire: arbunazzá, v. / far uscire aria, il venir meno della fragranza nei liquori: sbafá, v.
farcela, star bene, affidare, sposare: affidá, v. / gliela fa: 'z n'affëde, v. / star bene, al sicuro: 'm mèzz' a la pèzze di lu quásce / farcela, avere forza, fidarsi: fidárese, v.
fare: fá, fé, ffá, v. / fare a fette, tagliare, ferire: fillijé, v; ferire, sfregiare: lazzarïjá, v. /
fare a pezzi o pezzetti, intaccare: taccarijé, taccarijá, v. / fare a pezzi, rompere, schiodare, sfasciare: scunucchiá, schînacchiá, v.; es. mò ti schinàcchie / fare a pezzi, ridurre: cùcchie cùcchie, loc. avv.
/ fare attenzione, badare: abbadá, v.; come esortazione: abbàte! / fare chiasso, baccaiare: bbaccajá, v. / fare credenza, vendere a credito: accridinzá, v. / fare delle tacche, intaccare i ferri: azzanná, v. / fare finta di niente, essere estraneo, non prendere partito: ricchiátte, avv. / fare il gagà: fà lu don Ciccille / fare il morto a galla, stare a galla sul dorso, galleggiare sulla schiena: fá la posa môrte, v. / fare l'acino, granire: aciná, v. / fare lo scasso per la piantagione delle viti: fá lu squassate, v. /
fare passi più rapidi e lunghi del normale: allangiá, v. / fare scherzi pesanti, cazzeggiare: cazzijé, v.
/ fare schifo "a la paséule": non valere nulla; cappio anche nodo sfilabile fatto con spago: paséule, (la), s.f., pl. li paséle; nodo scorsoio fatto con stelo d'erba per catturare le lucertole: paséule, (la), s.f.: cappio, nodo scorsoio: cchiàppe, (lu), s.m. / fare solletico, solleticare, vellicare: ciliché, diliché, dilichijé, techelejé, v.; causare, provocare prurito: dilicàre, v.; solleticare, pizzicare: pizzicá, v. / fare tanti piccoli buchi, bucherellare, forare: scavuzzé, v. / fare smorfie, dileggiare: mussié, v. / fare ultimo, ultimo: ciacciachèule, îtime, lîtime, (lu), (l'), s.m./agg.
faresti bene ad accontentarti: è mméj' quasse... che 'na mazzanne 'mbrande
farfalla
: farfàlle, (la), s.f.
farfalla; cravatta: cruvattëine, (lu), s.m.
farfalla
: ciamarelle, (la), s.f.
farfalla
, cravatta a papillon: scullàtte, (la), s.f.
farina: farëne, farëine, (la), s.f.
fariseo
: farisë, (lu), s.m.
farla franca; scamparla: frànghe, avv.
farmacia: farmacëje, speziarëjje, (la), s.f.
farmacista: fuarmaceste, (lu), s.m., pl. li farmaceste
faro
: fáure, (lu, s.m.
farro
: fàrre, (lu), s.m.
farsene carico
, preoccuparsi: ingaricá, 'ngaricá, v. / non preoccupartene: 'n de 'ngarecá

farsetto femminile anche campanella: cambanèlle, (la), s.f. / campanello: cambanèlle, (lu), s.m.
farsi aprire alla porta per entrare, farsi riconoscere, battere, picchiare: tuzzulá, v. /
farsi ingannare, berla: 'ngruccá
, v. / farsi obeso, divenire pesante di corporatura: 'mbeselérese, v. / farsi prendere dal sonno, addormentarsi: addurmë, v.; dormire: durmé, addurmë, v. / farsi un pisolino, appisolarsi: appinnicá, pennichiijé, v. / farsi vanto: gallariá, v.
fascia anteriore del finimento
: pputtirale, (lu), s.m., pl. li ppittirele
fascia di seta attorno al capo delle donne: tòcche, (la), s.f.
fascia inferiore del finimento
: (lu), s.m. sottapanze, pl. li sottapanze
fascia per neonati, pannolino: fàsce, (la), s.f.
fascia (piccola) per ferite o salassi: mappùcce, (la), s.f.
fascia di cuoio per i fianchi della bestia, straccale: cìgna
, (la), s.f.
fascia posteriore del finimento: vrache, (la), s.f., pl. li vrache
fasciame della barca: curduáme, (lu), s.m.
fascina
: fascëine, (la), s.f.
fascio di cannucce
: fàrchie, (la), s.f.
fascio di carte o di documenti (in genere): fasciátte, (la), s.f.
fascio di ceppaie
, per lo più di vigna: sarcinèlle, (la), s.f.
fascio (gran) di ceppe da ardere: tórza, (la), s.f.
fascista
: fuascešte, fascèšte, (lu), s.m.
fase del bucato, ammollare: ddummullá, v.
fase lunare
di mancanza: mmangánze, (la), s.f.
fase lunare
(quarto); broncio: quàrte, (lu), s.m.
fasolaro, conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, lamellibranco, noce, tartufo, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze / conchiglia marina, cornetto: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
fastidio: faštèdie, (lu), s.m. / fastidio, seccatura, scocciatura, noia, rottura di scatole: rumbimìnde, bbuttamìnde di chijîne, (lu), s.m. / fastidio, impiccio: 'mbëcce, (lu), s.m. / fastidio, molestia: accasijáune, (l'), s.f.
fastidio (manifesto) per argomentazioni ripetitive anche dondolio del letto o della sedia: taratingh' e taratanghe, loc.
fastidioso, pesante, seccante: pesànde, pisande , agg., pl. pisende
fatato: fatäte, agg.
fatica, lavoro: fatèjje, (la), s.f. / lavoro, occupazione: giòbbe, (lu), s.m.
faticare, lavorare: fatijé, fatijjá, v. / lavorare lentamente e con astuzia: abbussciné, v.
faticoso, duro, forte: fùrte, agg. / gli è d'incomodo, gli pesa, non vuole farlo: 'i 'ssa furte!
fatterello
, favoletta o anche inezia: fattarìlle, (lu), s. m., pl. li fettarìlle
fatto
, accadimento, evento, racconto: fàtte, (lu), s.m., pl. li fètte
fatto, azione, iniziativa: azziáune, (l'), s.f.
fatto inconsistente: fafòcchie, (lu), s.m.
fattucchiera
: fattucchiäre, (la), s.f., pl. li fattucchiere / fattucchiere, mago, stregone: fatáune, (lu), s.m., pl. li fatîune, mahàre, (lu), s.m., pl. li mahere
fattura, atto di magia negativa: fattîure, fattîre, (la), s.f. / malocchio; iattura: malùcchie, (lu), s.m.
Fausto
: Fauste, n.p.p.
fava
: fáfe, (la), s.f., pl. li fáfe / baccello di fava anche spicchio d'aglio: šcàfe, (la), s.f. / baccello, proprio dei legumi: sallàcchie, (lu), s.m.

favaio, campo destinato alla coltivazione delle fave: fafàre, (lu), s.m.
favaruolo: fafaréule, (lu), s.m.
favella, parola, loquela: favèlle, (la), s.f. / oggi non parli?: 'ndi favèlle ùgge?
favoletta, fatterello o anche inezia: fattarìlle, (lu), s. m., pl. li fettarìlle
favollo, granchio commestibile: piláuse, (lu), s.m. / granchio: grànge, hrànge, (lu), s.m. / granchiolino, dim. di granchio: grangitèlle, hrangitìlle, (lu), s.m. / varietà di granchio: facchëine, (lu), s.m. / granchio di mare non commestibile, capraio anche addetto alla custodia e al pascolo dele capre: crapàre
, (lu), s.m., pl. li crapére / grancevola, genere di crostacei: vícchije, (la), s.f.
favonio, vento caldo di ponente: faùnïe, fahàgne, (lu), s.m.
favore: fahàure, (lu), s.m.
fazzoletto, fazzoletto da naso: fazzilàtte, (lu), s.m., pl. li fazzilètte; fazzoletto copricapo: fazzèule, (lu), s.m., pl. li fazzule; fazzoletto: cìsse, (lu), s.m.
fazzoletto copricapo: fazzèule, (lu), s.m., pl. li fazzule; fazzoletto, fazzoletto da naso: fazzilàtte, (lu), s.m., pl. li fazzilètte; fazzoletto: cìsse, (lu), s.m.
fazzoletto da naso, fazzoletto: fazzilàtte, (lu), s.m., pl. li fazzilètte; fazzoletto copricapo: fazzèule, (lu), s.m., pl. li fazzule; fazzoletto: cìsse, (lu), s.m.
fazzolettone, pesante stoffa da mettere sulle spalle, scialle femminile per coprirsi capo e spalle : fazzilittáune, (lu), s.m., pl. li fazzilittîune
fazzuola: fazzáule, (la), s.f.
febbraio (mese): furbuàre, furbàre, (lu), s.m.. Detti: febbraio, febbraiotto tutti ne han trenta ed io ventotto, se i miei giorni fossero tutti, gelerebbe il vino dentro i botti: furbuàre, furbarotte, tìtte tè trende e jì vendotte, se le jurna mì fusse tutte, ggelàsse lu huèine dèndr'a le vitte / febbraio corto, corto o il meglio o il peggio di tutti: furbuàre curte curte u lu méjje u lu pègge de tutte / febbraio corto e brutto: curte e mmale cavate / piedi corti, il mese peggio di tutti: pîte chîrte, lu mése pégge de tîtte / entra il sole ad ogni focolare: trásce lu suàule a ogne ffuculàre
febbre
: fréve, févre, (la), s.f.
feci
dell'uomo: buschëine, (la), s.f. / feci dell'uomo, dal profilo conico: còfene
, (lu), s.m.
feci di cavallo: pallótte, (la), s.f.
fecondare, inserire: 'nzirtá, v.
fede
, anello nuziale: fàide, (la), s.f.
fedele
: fidèle, agg.
federa del guanciale: fèdere, meštùra, (la) s.f.
Federico
: Federëiche, Fidiréche, n.p.p.
fegato: fáchete, fàdache, (lu), s.m., li fediche / fegato o interiora di animale; minaccia per spanciare qualcuno; persona di coraggio: fecatìlle, (li), pl.
felce
: fèlge, fègge, (la), s.f.
Felice
: Felëice, n.p.p.
Felicetta
: Filëciatte, n.p.p.
femmina
, donna: fàmmene, (la), s.f., pl. li fàmmene / per indicare una persona di bell'aspetto: pèzze, (la), s.f. - un bel tocco di donna: 'na pèzze di fàmmene
femmina del merlo; malafemmina: miéreula, (la), s.f.
femminelle; cerchi di metallo per meglio sostenere il timone: femminèlle, (li), pl.
fendere, crepare, spaccare, dividere: cripá, v.
fenomini diarroici o di elettricità anche scarico: scàreche, (la), s.f.
Ferdinando
: Firdinànde, dim. Nande, n.p.p.
ferire, fare a fette, tagliare: fillijé, v. / ferire, sfregiare: lazzarïjá, v.
ferita non completamente rimarginata: aritracciáte, (l'), s.f. / ferita; sgarratura: aritracciatîure, (l'), s.f.
ferita
: cècule, (la), s.f.
ferita; sfregio; peso sull'asta della bilancia: mérche, (lu), s.m.
ferita; innesto; serto; resta: 'nzérte, (la), s.f
ferita cicatrizzata: sanèce, (la), s.f.
fermaglio; spilla: firmàjje, (lu), s.m.
fermare, trattenere, invitare alla sosta: trattiná, v. / trattenere, frenare: aritiná, v.
fermo, inchiodato: fàrme, 'nchiuvéte, agg. / fermo, impalato, ritto: 'mbujéte, agg. / fermo, immobile come statua: 'mbuštáte, agg. / immobile, ritto come una pertica: 'mpirticáte, agg. / immobile, incacchiato, incavicchiato: nghiavichéte, agg. / diritto: dirëtte, agg. / diritto: ddurèutte, agg. / diritto, ritto: rètte, agg. / tirar diritto, prendere scorciatoia: tiré a dirëtte / ritto: allèrte, agg. / in piedi, su due piedi: a la rètte, loc. avv.
Fernando
: Fernande, n.p.p.
feroce:
firâuce, agg.
ferracavallo
, maniscalco: ferracavàlle, (lu), s.m.
ferragosto
, 15 agosto: fferrahàšte, (lu), s.m.
ferri per i cavalli, asini, muli: firratîure, (la), s.f.
ferro, catenaccio: fèrre, (lu), s.m.
ferro
da inserire nelle froge delle mucche:
frusciarole, (la), s.f., pl. li frusciarule
ferro
per stirare: fuêrre da stere, (lu), s.m., pl. li firre da stere
ferro (attrezzo) per cuocere i dolci tipici
(catarrätte)
mediante pressione dello stesso
: fuerre di li catarrätte, (lu), s.m.
ferro
con punta ricurva per il fuoco: muartillene, (lu), s.m, pl. li martillene
ferro
per pulire le carpe; beccastrino; paletta piccola per pulire la zappa durante il lavoro; tavola di legno per lavare il bucato: šdirràzze, (la), s.f., pl. li šdirràzze
ferro collocato davanti al vomere; coltellaccio: curtulláune, (lu), s.m.
ferro dell'albero di una barca: scalmìre, (lu), s.m.
ferro di cavallo: caštillátte, (lu), s.m.
ferro di poppa
; ruga, piega, crespa: grùjje, (la), s.f.
ferro (di qualità e consistenza del); ferroso: firràuse, agg.
ferro di recinzione: fèrre filate, (lu), s.m.
ferro di serratura: travátte, (la), s.f.
ferro uncinato; arpione: càlechene, (lu), s.m. /
arpione: calicanátte, (lu), s.m.
ferroso; di qualità e consistenza del ferro: firràuse, agg.
fesseria
, stupidaggine: fissarëjje, fissaré, (la), s.f. / fesseria; fregnaccia: fregnàcce, (la), s.f.
fesso, sciocco: fàsse, fuàsse, agg./(lu), s.m. / fesso, sciocco, minchione, troppo ingenuo: mingaune, agg./(lu), s.m. / fesso, sciocco, ottuso, stupido, poco intelligente, tardo nel comprendere: mafráune, scilète, agg./(lu), s.m.
festa
: fèšte, (la), s.f.
festa d'Ognissanti: gloriasànde, (lu), s.m.
festa dei defunti: l' Álme di li murte
festa dell'Ascensione, Ascensione, ricorrenza religiosa: Ascinzîáune, (l'), s.f.; 'scinzîáune, (la), s.f.
Festa della candelora, Candelora, festa della purificazione: Canniléure, Canneléure, (La), s.f.
Festa della Concezione: Cungizziáune
, (la), s.f.
festa di San Giovanni anche compare: Sangiuànne (lu), s.m.
festeggiare: fistijé, v.
fetare, far le uova da parte della gallina: fetá, fitá, v. / la gallina ha fatto le uova: la hallina ha fitáte
fetente, mascalzone: puzzulènde, (lu), s.m. / fetente, puzzolente: 'mpuzzinèite, 'mbuzzinëite, agg.
fetore, zaffata, improvvisa ondata di odore acre e sgradevole: bafànne, bafàgne, sbafàgne, (la), s.f.
fetore proveniente da stoviglie poco pulite: carnácchie, (la), s.f.
fetta
di pane o anche di frutta: félle, (la), s.f. / una fetta d'anguria: 'na félle di citràne
fetta (grossa) di pane o di frutta: fillànne, (la), s.f.
fetta a fetta
(a) anche minaccia verso qualcuno: a ffèlle a ffèlle, loc. avv.
fetta di pane
: lèsche, (la), s.f.
fetta di pane abbrustolita: bruscátte, (la), s.f.
fettina di carne
: fittëine, (la), s.f.
fettuccia
; metro per sarto o muratore; nastro: fittìcce, (la), s.f.
fettuccia
di raso, stoffa; nastro
largo e grossolano: capiscéule, (la), s.f.
fettuccia o fettuccine, sagnette fatte in casa con farina e acqua e tagliate a mano, in maniera grossolana: sagnitèlle, (li), s.f.,pl.
fettuccine o fettuccia, sagnette fatte in casa con farina e acqua e tagliate a mano, in maniera grossolana: sagnitèlle, (li), s.f.,pl.
fiacco, debole, svogliato: fiàcche, agg. / debole, fiacco: dàbbele, malempìde, agg.
fiadone; tipico dolce locale; focaccia: fiadáune, (lu), s.m.
fiamma improvvisa
, vampata: vambànne, vambàte, (la), s.f. /calore improvviso; vampata di calore; caldana: fucáure, (lu), s.m., pl. li fuchîre
fiammifero
: lumaféuche, picciaféuche, pròspere, pucciaféuche, (lu), s.m.; battènde, (la), s.f.
fiammifero pirotecnico: fruvulàtte, (lu), s.m.
fiancata: fiànghe, (lu), s.m.
fiasca di vino capace: quarnevàle, (lu), s.m.
fiasca
, bottiglia grande in vetro per il vino: quarraffáune, (lu), s.m., pl. li carrafihune
fiasca di vino; misura per vini (l. 10,906): carafáune, (lu), s.m.
fiasca per conservare il vino: caraffáune, (lu), s.m.
fiasca per polvere da sparo anche coroncina: crunèlle, (la), s.f.
fiasco
ricoperto con paglia: 'mbaiatêlle, (la), s.f., pl. li 'mbaiatêlle / fiasco; bottiglione di vetro a forma sferica
; caraffa: bòcce, (la), s.f., pl. li bocce
fiasco di legno drogato: fiàscáune, (lu), s.m.
fiatare: fiatá, v.
fiato, respiro: fiàte, (lu), s.m.
fiato di gatto, stitichezza: èteche, (lu), s.m.
ficcare con forza: 'nzaccá, 'ntruzzá, v. / introdurre a forza: 'nzippá, v. / ficcare di nuovo con forza: arinzippá, v.
/ insaccare, infilare: 'nzaccá, 'mbilé, v. / infilare,serrare, mettere il catenaccio, chiudere con una inferriata, inferrare: 'mbirrá, 'nzirrá, v. / infilare, in genere di nocelle, fichi e foglie di tabacco: 'mbilé, v. / imbastire: 'nchiemá, v. / infilare, cucire, imbastire: imbilá, v. / imbastire un cucito: 'nghîmé, v. / lu sartàre 'mbilapidùcchie, pe' la fame se càcce l'ucchie
fichi di mediocre qualità: ritànne, (li), pl.
fichi primaticci
(varietà di): bifeótte, (li), pl.
fico: fècre, fëchere, fèchere, fféchere, (la), s.f. / part. specie: huttène, (la), s.f., pl. li huttène; part. specie: pricissótte, (la), s.f.; varietà dal colore verdino: vajàrane, (lu). s.m.; varietà di fico: fècre majuràne
fico appassito: caracène,
caracëine, (la), s.f., pl. li caracène
fico di mediocre qualità
: abbottapizzìnde, (l'), s.m.
fico (di) tipico ovoidale, persona risoluta: cazzîute, agg.
fico d'india
: feched'endie, (la), s.f.
fico (grosso) primaticco: felacciàne, (la), s.f.
fidanzata
, sposa: zéite, zéte (la), s.f.
fidarsi, avere forza, farcela: fidárese, v.
fiducia; confidenza: fidìcie, (la), s.f.
fiele: fuèle, (lu), s.m.
fienarola, varieta di foraggio: ranèlla, (la), s.f.
fieno: fîne, fîune, (lu), s.m. / riferito fieno o a grano allettati: magraziáune, agg.
fiera, mercato: fîre, (la), s.f. / piazza delle erbe, mercato: piazze de la virdïure, (la), s.f. / verdura, erbe, ortaggi in genere: virdïure, virdîure, virdîre, (la), s.f.

figlia: fëje, féjje, cìtela, (la), s.f., pl. li fijje
figliastro
/a: fijáštre, (lu)/(la), s.m.f.
figlio: fëje, fèjje, fuèjje, fuèje, cìtele, (lu), s.m., pl. li fijje
figlio, fig.: chiéuve, (lu), s.m.; ho da mantenere cinque figli: tinghe cinghe chiùve da mandená / chiodo: chiéuve, chiêve, (lu), s.m., pl. li chiùve
figlio illegittimo
: quazzèrre, (lu), s.m., pl. li cazzèrre
/ bastardo, trovatello: mulàcchie, (lu), s.m. / di figlio illegittimo, bastardo: cazzère, agg.

figlio mio: mammasé, loc.
figlio
(settimo) dopo sei figli maschi: ciaràlle, (lu), s.m.
figlio
(ultimo) anche fondo del tegame: ratatîure, (la), s.f.
figura: fihîre, fihîure, (la), s.f.
figurare: fihûrá, v.
figurati
!: fihîrete!, int.
figurine
o statuine del presepe: pizzarìlle, mammuccèlle, (li), pl.
figurone
: fihuràune, (lu), s.m.
fila! via!: tele!, loc.
filamento della pelle vicino all'unghia
: pipète, (la), s.f.
Filandro
: Filandrùcce, n.p.p.
filare
: filá, filé, v.
filare
, corolla: cròlle, (lu), s.m.; nu crolle di saggiccie
filare; cose o persone che si susseguono: filàre, (la), s.f. / una fila di bancarelle: 'na filàre di bancarèlle
filare di viti; ordine: árdene, (l'), s.m.
filettatura; impanatura: 'mbanatîure, (la), s.f.
Filippo
: Felèppe, dim. Pèppe, Pìppe, n.p.p.
film, pellicola cinematografica: pilléchele, (la), s.f.
filo: fèile, fëile, (lu), s.m. / un filo di vento: nu fèile de vende
filo a piombo: fuel'a chiêmmue, (lu), s.m., pl. li fel'a chiêmmue / a piombo: mbiàmme / a piombo; filo a piombo dei muratori: a piàmme
filo dell'amo del palàngaro: palamàre, (lu), s.m.
filo non troppo ritorto per dare morbidezza al panno: làmmete, agg.
filo ritorto di canapa o di lino: rèfe, (lu), s.m.
filo (sul), sull'orlo, rasente rasente: 'm bizze 'm bëzze; camëne 'm bizze 'm bëzze a lu fosse
Filomena
: Felummuéne, Fulmène, Filumène, n.p.p.
filone di pane (estremità di un) o di pagnotta: culàlle
, (lu), s.m.
filosofo: filósofe, (lu), s.m.
Filoteo
: Filuté, Fulitè, n.p.p.
filtraggio
della cenere per ottenere la liscivia; ranno per fare il sapone o per addolcire le olive: cularèlle, (la), s.f.
finché
: fînghé, cong.
fine (la) di ogni cosa; luogo lontano: finaziáune, (la), s.f. / è la fine del mondo!: è la finaziáune di lu muànne!
finestra
: finêstre, (la), s.f., pl. li finêstre
finestra gotico
-ogivale: béfere, (lu), s.m.
finestra semicircolare
sulle porte esterne: lastrìre, (la), s.f.
finezza: finàzze, (la), s.f.
finimenta per il cavallo
: vuarniminte, (lu), s.m., pl. li vuarniminte / finimenti: uarnimìnde, (li), pl.
finimenti
: uarnimìnde, (li), pl. / finimenta per il cavallo: vuarniminte, (lu), s.m., pl. li vuarniminte
finimondo: finamànne, (lu), s.m.
finire: fîné, v.
fino, delicato: fëine, agg.
fino a
: finë, cong. / andiamo fino alla cantonata, all'incrocio: jème finë a lu pundàune
fino a che
; piuttosto che; prima che: nènze chi, avv. e cong.
fino all'orlo, fino in fondo, riempito, completamente appianato: ràse ràse, loc. avv.
fino in fondo, riempito, fino all'orlo, completamente appianato: ràse ràse, loc. avv.
finocchio, verdura: finùcchie, (lu), s.m., pl. li finùcchie anche pop. omosessuale, invertito, ricchione, frocio
finocchio di mare
: finùcchiàštre, (lu), s.m.
fiocchi (con i): condramuštàcce, (lu), s.m.
fiocchi di neve minuti, simili a ceci: ciciarìlle, (li), pl.
fiocchi di neve piccoli molto fitti: cingiarille, (li), pl.
fiocco; nappa: nnócche, (la), s.f.
fiocco, nappa, ciocca di capelli anche vela triangolare: fiócche, (lu), s.m.
fiocco ornamentale fatto con nastro: gioff, (la), s.f., pl. li gioff
fiocco di neve grande e largo: cingiáune
, (lu), s.m., pl. li cingîune
fionda
: mazzafranne o mazzafrande, (la), s.f. /
piccola fionda per bambini: trizzitèlle, (la), s.f.
fiore
: fiàure, fijáure, (lu), s.m., pl. li fìjîre
fiore di melograno (fijáure o fiàure di mirganáte o miricanàte), loc.: risposta augurale a sangue e latte: sanghe e latte
Fiorenzo
: Fiurenze, n.p.p.
fioretto: fujeràtte, (lu), s.m.
fiori dell'acacia: bbiangulëine, panaccascìlle, (li), pl.
fiorire, sbocciare: puppuá, v.
fischiare
: ciuffulé, v.
fischiata
: ciuffulènne o ciuffuléte
, (la), s.f.
fischietto di metallo o di terracotta: ciuffularèlle
, (lu), s.m.
fiscolaio
, artigiano che realizza i fiscoli: fisculàre, (lu), s.m.
fissare anche guardare con attenzione: timméndë, v.
fissato; ostinato: fisséte, agg.
fissazione, ossessione, tarlo, insetto: tàrle, (lu), s.m.
fistola: féstele, (la), s.f.
fitta di dolore
: langiànne, (la), s.f.
fitto, folto: fóvete, agg. / folto, addensato: fódde, fìdde, agg. / folto, denso: fùvete, agg.
fittone, radice principale che si accresce fortemente rispetto alle radici secondarie: radicáune, (lu), s.m.
fiume
: fuime, (lu), s.m., pl. li fuime
fiutare
, cercare, annusare, odorare:
annasá, usumá, usumuá, v. / va curiosando: canda va usummànne / cercare, chiedere: circá, v.
fiuto, intuizione, anche lo scarto nel gioco delle carte: scàrte, (lu), s.m.
flagello
: fraggèlle, (lu), s.m.
flatulenza, peto non rumoroso: lòffe, (la), s.f.
flautista, suonatore di oboe rustica, flauto rustico, cennamella: ciaramillàre, (lu), s.m.
flauto: fràule, (lu), s.m. / flauto rustico, oboe rustica, cennamella: ciaramèlle, (la), s.f.
flauto rustico, oboe rustica, cennamella: ciaramèlle, (la), s.f. / flauto: fràule, (lu), s.m.
Flavia
: Flavie, n.p.p.
Flaviano
: Flaviane, n.p.p.
Flora
: Flere, n.p.p.
Floriana
: Flurïane, n.p.p.
focaccia; dolce tipico locale, fiadone: fiadáune, (lu), s.m. /
focaccia rustica: caštèlle, (lu), s.m.
focaccia cotta sulla brace
: ciarîlle, (lu), s.m.
focaccia di mais
: pizze di grandëine, (la), s.f.
focare anche in senso figurato, bruciare: fucá, v. / se lo prendo gli brucio le palle: si l'acchiàppe i féuche li palle / bruciare: abbruscé, v.
focatico, tassa di famiglia: fucàte, (lu), s.m.
foce: féuce, (la), s.f.; sbòcche, (lu), s.m.
focolare, caminetto, camino: ciummunìre, (la), s.f., fuculáre, (lu), s.m., pl. li fuculère / cappa, ciminiera, canna del camino, gola del camino, fumaiolo: ciummunìre, (la), s.f., pl. li ciummunìre
fodero; guaìna: fòtere, (lu), s.m.
foglia
, ramoscello con foglie, fronda: frànne, frònne, (la), s.f., pl. li frùnne
foglia, verdura in generale: fòjje, (la), s.f., pl. li fùjje
foglia della milza, si applicava sull'addome per lenire i dolori: frònna de lla mèiza, (la), s.f.
foglia della vite, pampano, pàmpino: pámpene, (la), s.f./pémpele
, (lu), s.m. / foglie e rami secchi, seccume di foglie: pambùje, bambîjje, (la), s.f.
foglie e rami secchi, seccume di foglie: pambùje, bambîjje, (la), s.f. / foglia della vite, pampano, pàmpino: pámpene, (la), s.f./pémpele
, (lu), s.m.
foglietta
; misura del vino, caraffa, di mezzo litro: fujàtte, (la), s.f.
folla
, gente, persone in genere: gènde, fàlle, (la), s.f.
folletto
: mazzemarèlle, (lu), s.m.
folto, addensato: fódde, fìdde, agg. / folto, fitto: fóvete, agg. / folto, denso: fùvete, agg.
fondaco, magazzino, deposito, bottega, emporio: fuàneche, fàneche, (lu), s.m.
/ magazzino: mahazzène, (lu), s.m. / bottega, negozio: putéche, (la), s.f., pl. li putéche
fondale
, fondo del mare: fundàle, funnàle, (lu), s.m. / fondale alto, mare fondo: fundàle ádde, (lu), s.m. / fondale basso, mare basso, mare poco fondo: fundàle vàsse, (lu), s.m.
fondamenta, fondazioni: pidimìnde, (li),pl.
fondazioni, fondamenta: pidimìnde, (li),pl.
fondello dei pantaloni, pezzo di stoffa, tessuto, pezza, panno: pèzze, (la), s.f., pl. li pèzze / ha i pantaloni rattoppati, rappezzati: te' li pèzze a lu quîule / persona di bell'aspetto: pèzze, lu/(la), s.f.m. - un bel tocco di donna: 'na pèzze di fàmmene / sedere, culo: chîule, quîule, (lu), s.m., pl. li chîle / non mi dà retta: mi tè' a lu quîule
fondere, riforgiare, ricominciare, rinascere, rivestire, (fig.); ricolare: riculuä, v.
fondiaria; tassa: fundijàrije, (la), s.f.
fondo, cavo, profondo, di utensili per cibo: funnîute, cuppîute, agg. / fondo, fondo di oggetto concavo o con diverso significato: fuànne, fànne, (lu), s.m.; il fondo del bicchiere: lu fuànne de lu bbicchìre / fondo del tegame anche ultimo figlio: ratatîure, (la), s.f. / fondo dei calzoni anche culo, fortuna al gioco: funnèlle, (lu), s.m. / fondo del mare, fondale: fundàle, funnàle, (lu), s.m. / fondo della cisterna: pezzùche, (lu), s.m. / fondo stradale rullato, pronto a essere asfaltato; massicciata: massicciàte, (la), s.f. / a fondo:
affànne, avv. /
in fondo: 'nfànne, avv.
fontaniere; idraulico: fundanìre, (lu), s.m.
fonte: fände, (la), s.f.
foraggio (varieta di), fienarola: ranèlla, (la), s.f.
forare, bucare: cavuté, v. / forare: furá, v. / forare, bucherellare, fare tanti piccoli buchi: scavuzzé, v.
forbice
: frùce, (la), s.f., pl. li frùce
forca anche polpara: fàrche, (la), s.f. / forca (grossa) per rimuovere il fieno: furcicáune, (lu), s.m. / asta a forcella per sostenere i rami carichi di frutta: furcicáune, (lu), s.m.
forchetta
: friccèine, fircene, (la), s.f., pl. (li)
forcina
dei capelli; piccolo catenaccio: firràtte, (lu), s.m.
forcone
: mburcate, (lu), s.m., pl. li mbirchete
forestiero
: fraštîre, frištîre, (lu), s.m.
forfora
anche vivacità: rìsce, rîusce, (la), s.f.
forgia
: forge, (la), s.f., pl. li forge
fori della barca per il deflusso dell'acqua: birnéle, (li), pl.
forma di ferro
per ribadire chiodi all'interno della scarpa: forme di fêrre, (la), s.f., pl. li forme di fêrre
formaggio
, cacio in genere: furmàgge, frummàgge, cásce, cäsce,
quàsce, (lu), s.m. / caciocavallo, provolone, formaggio grasso di latte vaccino a pasta filata e semidura; il provolone ha una stagionatura più lunga rispetto al caciocavallo, per questo ha un carattere piu deciso ed è piu calorico mentre il caciocavallo ha un sapore piu delicato ed è meno salato: cacecavàlle, cašciacavàlle, pruvuláune, (lu), s.m. / provolone anche uva pergolone da tavola e dai grossi acini: pruvuláune, (lu), s.m.
formare una massa e pressare nello stesso tempo
, comprimere una cosa morbidaschiacciare, ammassare: ammacciuccá, ammacciuqquá, v. / formare una resta o treccia, una serqua, specie di aglio o di cipolla: 'ngertá, v.
formica
: firmëche, (la), s.f., pl. li firmëche / formica piccola: firmicàlle, (la), s.f.
formicolare: firmichijé, v.
formicolio: firmichèlle, (li), pl.
formulare accuse, cagionare: accaggiuná, v.
fornace
, fornello: furnacêlle, furnacèlle, (la), s.f., pl. li furnacêlle, fernacìlle / furnàce, (la), s.f.: fornace
fornace di calce
; calcara: calicàre, (la), s.f.
fornaciaio
: matunàre, (lu), s.m.
fornaio
, panettiere: furnàre, panittìre, (lu), s.m., pl. li furnère, li panittìre
fornaretto
, dim. di fornaio, chi fa o vende il pane: furnarìlle, (lu), s.m.
fornello, fornace: furnacêlle, furnacèlle, (la), s.f., pl. li furnacêlle, fernacìlle
fornicare, colpire con forza: chiavá, v. /
fornicare in modo non naturale: 'mpuppá, v.
forno
: fuàrne, fàrne, (lu), s.m., pl. li fìrne
foro, buco: bîusce, bbîsce, bbìuche, cavüte, cavîute, quavîute, (lu), s.m. / fori lasciati dall'impalcatura (rištìre): cavîute, (li), pl. / ri
one urbano di Vasto, nei pressi della Torre di Santo Spirito: cavîute, (la), s.f.
foro a prora per il passaggio dell'ancora, cubia: cùbbie, (la), s.f.
foro dell'incudine: ciusálle
, (lu), s.m.
foro di scarico della barca; ombrinale: bburnàte, (lu), s.m.
forte
, duro, faticoso: fùrte, agg. / gli è d'incomodo, gli pesa, non vuole farlo: 'i 'ssa furte!
fortuna: furtîune, (la), s.f.
fortuna al gioco, culo anche fondo dei calzoni: funnèlle, (lu), s.m.
fortunale anche tempesta di mare: šcavinèlle
, (la), s.f.
Fortunato
: Furtunüate, n.p.p.
foruncolo spesso con pus, pustola; brufolo: vrîscele,
vríscile, (lu), s.m. / foruncolo: pidiciàlle, (lu), s.m.
forza
: fòrze, (lu), s.m.
forzatura, atto di effrazione, rottura, scasso, scassare, divellare: scassá, v. / scassare, divellare: sbangá, v.
forze di polizia, complesso di sbirri, sbirraglia: sbirràjje, (la), s.f.
foschia, nebbia, caligine: calàine, (la), s.f. / foschia: aria fi
šche, (l'), s.f.
foschia (densa): calïjàzze, (la), s.f.
fosforescenza marina
: acchelîuce, (l'), s.f.
fossa, tomba: fòsse, (la), s.f. /
tomba anche tombola: tàmbule, (la), s.f.
fossette delle guance: fussàtte, (li), pl.
fosso
: fosse, (lu), s.m.
fottere
: fàttë, v.
fra, tra: 'ndrá, prep.
fra, in capo a, a partire da: 'ngàpete, prep.
fra le braccia: ngòlle, avv.
fra poco, a momenti
: a mmumènde, loc. avv.
fracasso: fracàsse, (lu), s.m.
fradicio
, marcio: frácete, agg. / (lu), s.m., pl. li frècete
fragola
: fràhaule, (la), s.f.
fragolino, nome generico delle varietà del pagello: frahulëine, (lu), s.m. / pagello, varietà di grosso pesce simile al fragolino: ucchiàle, (l'), s.m. / varietà di pagello: luccitèlle, (lu), s.m. / pagello pezzogna, varietà di pesce: cchiàle, (lu), s.m.
frammenti di terraglie anche gusci in generale: còcchie
, (lu), s.m., pl. li cùcchie
Francesca
: Frangiasca, n.p.p.
Francesco
: Frangìšche, n.p.p., dim. Ciccille, Ceccie
frangiflutti (il) della prua della barca: tajjamàre, (lu), s.m.
frantoiano
, uomo addetto al trappeto
o frantoio: trappetàre, (lu), s.m.
frastruono, confusione, disordine: 'ngràbbie, (lu), s.m.
frate, monaco: mònece, (lu), s.m., pl. li mùnice /frate laico: picózze, (lu), s.m.
frate laico: picózze, (lu), s.m. / frate, monaco: mònece, (lu), s.m., pl. li mùnice
Fratelli del Monte dei Morti
, congregazione religiosa, i fratelli indossano un lungo saio rosso sangue e sfilano nella processione del Venerdì Santo portando a spalla il Cristo Morto: Fratìlli di lu Mànde
fratello
; tuo fratello; mio fratello: fràte; frâtte; fràteme, (lu), s.m.
fratello mio!: fratesë!, escl.
fraterno
, carnale: carnàle, agg.
frati (i) cappuccini: cappucciëne, (li), pl.
fratta, siepe, roveto: frâtte, (la), s.f., pl. li frètte; ruére, (lu), s.m. / fratta, recinto fatto con piante spinose: frâtte, (la), s.f., pl. li frètte / fratta grande, recinto fatto con piante spinose lungo le strade campestri: fruattilaune, (lu), s.m., pl. li frattilihune / anche tuo fratello: frâtte
frattanto, mentre: mèndre, ndraditànde, trummuìnde, trummìnde, avv.
frutta
(riferito alla) o al vino: aritirágne
, agg. /  acerbo: àchere, cèreve, cièreve, agg. 
frattazzino
: attrezzo piccolo del muratore per rifinire l'intonaco: frattazzéule, (lu), s.m.
frattazzo, tavoletta per rifinitura di intonaco, attrezzo del muratore: fracasse, (lu), s.m., pl. li frachêsse / frattazzo: frattàzze, (lu), s.m.
frattazzo o frettazzo, spazzolone usato nella marineria: ratózze, (lu), s.m.
frattazzo per l'angolo, attrezzo del muratore per profilare l'angolo: frattàzze di l'anghele, (lu), s.m.
freccia: fràcce, fràzze, (la), s.f.
freddo, gelato: fràdde, hilàte, gneléte, agg./(lu), s.m.
freddo: vijèle, vijòle, (la), s.f.
freddoloso: friddìse, agg.
fregare, rubare, copulare: fricá, v. / rubare: arrubbá, rubbá, v.
fregatura
; beffa: fricatîure, (la), s.f. / percossa; beffa: buzzáte, (la), s.f. / beffa: baffàte, (la), s.f.
fregatura, beffa: 'ngulatatîure, (la), s.f.
fregnaccia; fesseria: fregnàcce, (la), s.f. / stupidaggine, fesseria: fissarëjje, fissaré, (la), s.f.
fregnaccia, stupidaggine: cazzarë,
(la), s.f.
fregola
(in), in calore, in amore, come i cani:
'nzìne, nganézze, avv.
frenare
, trattenere: aritiná, v. / trattenere, fermare, invitare alla sosta: trattiná, v.
frenesia
: frinescéjje, friniscèje, (la), s.f.
freno: frène, (lu), s.m.
freno del carro: martillëine, (lu), s.m.
fresco
: fràsche, agg./(la), s.f.
fretta, furia: fìrie, (la), s.f.
fretta (in gran); di carriera: a callátte, loc. avv.
frettazzo o frattazzo, spazzolone usato nella marineria: ratózze, (lu), s.m.
friggere
: fréjjë, v., p.p. frétte
friggi il pesce e tieni d' occhio il gatto (comunque detta, la prudenza non è mai troppa): frìje lu puàssce e huàrde (e tté' mmènd' a) la hâtte
friggitura: frïjtîure, (la), s.f.
frizzare
, sentire freddo: friccicá, v.
friggicristo
, riferito ai lancianesi: lett. frijacrëšte, (lu), s.m.
fringuellino
: furlungìlle, (lu), s.m.
fringuello
: puezzingape, (lu), s.m., pl. li pizzinghepe; ficêtere, (la), s.f., pl. li ficêttere
friscolo: vréschile, (lu), s.m.
frittella di pasta: crispèlle
, (la), s.f.
frittura: frittîre, frittîure, frijànne, (la), s.f.
frocio, finocchio, invertito, omosessuale, ricchione: ricchiáune, finùcchie, frusciáune, freùsce, (lu), s.m.
fronda, foglia, ramoscello con foglie: frànne, frònne, (la), s.f., pl. li frùnne
fronte (in): 'mbrànde, avv.
fronzoli, trecce o nastri: zacarèlle (li), pl.
frotta di bambini anche luogo dove sostano i pulcini: pigginàre, (la), s.f. / frotta di bambini anche minutaglia di pesce, pesci piccoli misti: frahàjje, (la), s.f. / frotta di bambini: ciutulàme
, (lu), s.m.
frotta di ragazzi, (la), s.f.: guainìre
frottola
: fafànne, (la), s.f.
frottolone o fanfarone: favucchiàre, papucchiàre, (lu), s.m. / raccontatore di frottole, menzognero: fafucchiàre, (lu), s.m. / fanfarone, bugiardo, bravaccio, millantatore, spaccone, vanaglorioso, vantone: arcimbámbele, baggiàne, ggiannèzzere, pallunàre, sbrafànde o sbravànde, vandasciàre, agg./(lu) s.m.
frugnòlo, lampada per la pesca notturna, colmo del camino per agevovare l'uscita del fumo: jàcche, (lu), s.m.
frusta: frîšte, (la), s.f. / punta della frusta: pundátte, (la), s.f. / frusta ricavata dal nerbo del bue; nervo: nèrve
, (lu), s.m.
frusta ricavata dal nerbo del bue; nervo: nèrve
, (lu), s.m. / frusta: frîšte, (la), s.f. / punta della frusta: pundátte, (la), s.f.
frustata; nerbata: nirvànne, (la), s.f.
frutta
: frïtte, frìtte, a la uaštarele, (la), s.f. / albicocca: virlingócche, mirlingócche, bàrgene, (la), s.f.; bârgine, (lu), s.m. / anguria: citráne, (lu), s.m. / arancia: purtuhàlle, purtihàlle, (lu), s.m. / caco: cachìsse, cachis, (lu), s.m., pl. li cachìsse / carruba: sciaunèlle, sciavunèlle, sciannèlle, (la), s.f. / ciliegia: cirésce, (la), s.f.; pl. li cirésce / fico: fëchere, fèchere, fféchere, (la), s.f. / part. specie: huttène, (la), s.f., pl. li huttène; pricissòtte, (la), s.f.; varietà dal colore verdino: vajaràne, (lu), s.m. / mandorla: mènnele, (la), s.f. / melograno: miricanàte, (lu), s.m., pl. li miricanete / mora: mirèchele, (la), s.m., pl. li mirèchele / nespola: ciappáne, (lu), s.m., pl. li ciappìne / pesca: prechéche, prechéuche, (la), s.f. / prugna, susina: lécene, lácine, cresòmmele, crisòmmele, (la), s.f. / uva: ïve,
îve, hîuve, îuve, ûve, agrèste, (l'), (la), s.f.; uva seccata: uva pàsse; uva fragola: uva fràhule; uva cimice: uva cémice
frutta bacata, frutti non buoni, non sviluppati: ammannäte,
ammannáte, agg.
fruttare, fruttificare: frutté, v.
frutti
dal guscio fragile: acciaccarèlle, agg.
frutti non buoni, non sviluppati, frutta bacata: ammannäte,
ammannáte, agg.
fruttificare, fruttare: frutté, v.
fruttivendolo: fruttaieule, (lu), s.m.
frutto che nasce in cima alla pianta
: cimarùle
fucilare: fucilá, v.
fucile: cacaféuche, fucëile, (lu), s.m., pl. li fucëile;
šcuppuàtte, (la), s.f., pl. li šcuppuàtte
fucile (parte sottostante il) o la pistola: cudárce, (la), s.f.
fuggi fuggi (il): scàppa scàppa, (lu), s.m.
fuliggine anche ragantela: filëine, (la), s.f. / fuliggine: filemmie, (la), s.f., non ha pl.
fulmine
, saetta: sajàtte, (la), s.f. / fulmine: fîlmine, silištre, fùtre, (lu), s.m.
fumaiolo, canna del camino, ciminiera, cappa, gola del camino: ciummunìre, (la), s.f., pl. li ciummunìre / camino, caminetto, focolare: ciummunìre, (la), s.f., fuculáre, (lu), s.m., pl. li fuculère
fumare: fumá, v.
fumigare, essere in collera: fummichijé, v.
/
essere in collera anche irritarsi in talune parti del corpo: 'ngagnárese, v.
/ adirarsi, andare in collera: 'ngiférese, 'ngruférese, ruférese, v.
fumo
: fîume, (lu), s.m.
funaio
, cordaio: funàre, zucàre, zuquàre, (lu), s.m., pl. li funère
fune; corda: sàche, córde, (la), s.f.
fune,
soga, corda, anche fune del paranco: zóche, záuche, zéuche, (la), s.f.; quapazze, (lu), s.m., pl. li capêzze
fune della paranza: ciìce
, (lu), s.m.; ciùcce, (la), s.f.
fune della vela di prora, term. mar. in uso sulle paranze: palaccòne, (lu), s.m.
fune
(grossa) per uso agricolo: nzuarte, (lu), s.m., pl. li nzêrte
fune per la vela latina: caricabbasse, (lu), s.m.
fune molto pesante per tenere a freno la rete: lebbàne, (lu), s.m.
fune per legare la soma all'asino o al cavallo; capitale: capetále, (la), s.f.
fune per stringere il carico del carro
: uarricchiàune, (lu), s.m.
funi della sciabica: cullère, (li), pl.
fungo: fìnghe, fìgne, (lu), s.m., pl. li finghe
fungo mangereccio che ha la forma delle
dita
, ditola: ditirálle, ant., (li), s.f.,pl.

fungo (varietà di): capparèlle, (la), s.f.
funzione; messa: funziáune, (la; s.f.
fuoco
: féuche, (lu), s.m., pl. li fuche / fuoco, sole: brusciavàcche, (lu), s.m.
fuoco d'artificio; batteria: battarë, (la), s.f. / fuoco pirotecnico: artifëcìje, (l'), s.m.
fuoco di Sant'Elmo: lîuce de Sant'Elmo, (la), s.f.
fuori, all'aperto: féure, fóre, addaféure, addafére, avv.
fuorimano; altrove: foremàne
, avv.
furbacchione, persona vivace: rócile, (lu), s.m.
tipo furbo e vivace: rottaluquîule, (lu), s.m. / furbo, astuto, scaltro: fìrbe, agg. / furbo, sveglio, intelligente: cillëine, agg. / scaltro (paraculo): paraquîule, (lu), s.m. / scaltro, accorto, anche esperto, istruito, saccente: saputìlle, (lu), s.m.
furbo, astuto, scaltro: fìrbe, agg. / furbo, sveglio, intelligente: cillëine, agg. / furbacchione, persona vivace: rócile, (lu), s.m. / tipo furbo e vivace: rottaluquîule, (lu), s.m. / scaltro (paraculo): paraquîule, (lu), s.m. / scaltro, accorto, anche esperto, istruito, saccente: saputìlle, (lu), s.m.
furfante; ladro: malandréine, (lu), s.m. / ladro: làtre, bèrre palipijatáure, (lu), s.m.
furfante patentato: malevitàgne, (lu), s.m.
furia; fretta: fìrie, (la), s.f.
furore: furáure, agg.
fusaio: fusàre, (lu), s.m., pl. li fusere
fusaiolo, disco di legno da inserire al fuso quale volano: vurtàcchije, (lu), s.m., pl. li virtècchie
fuscella per formaggi: friscelle, (la), s.f.
fuscello: ciáppe, (lu), s.m.
fuso: fuise, (lu), s.m.
, pl. li fîuse
fuso
(parte metallica superiore del): muiscule, (lu), s.m., pl. li miscule
fusto di stagno per conservare il vino: tumbáune, (lu), s.m.