Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Vocabolario italiano-vastese
: E
 
A
B
C
D
F
G
H
I
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
Z

e: e, et, cong.
è andato-a
: è jute
è arrivato-a
: è 'rruete
è difficile credere
(esclamazione nei confronti di chi dice qualcosa alla quale ...): 'mbò sscè!... li patàne chi tti mègne!
è morto di stenti
: è mmòrte di crininze
e più: jìmese, avv.
è talmente ubriaco
che non si regge in piedi: tè 'na pèchere chi 'n zi tè' allimbite
ebbene: ebbé, cong.
Ecce homo
: accehéume, loc.
eccezionalità
(in genere per esprimere l') del pescato o di altro commestibile: fàcce di, loc. / delle triglie meravigliose!: fàcce di rišciùle!
eccidio, danno: 'nu cciàcc' acciàcche!, loc. / eccidio, strage, carneficina: scanna-scanne, (lu), s.m. /
eccidio, strage, massacro, profanare, oltraggiare: cciudàjje, ccidàjje, (lu), s.m. / di la fàmmene a la 'Mèreche l'ome fanne 'nu cciudàjje
eccitabilità fra gli animali equini: arizzèlle, (l'), s.f.
eccitarsi, armare il fucile: 'ngrillá, v. / eccitarsi sessualmente, alterarsi: 'ngrifé, v.
ecco
: écche, ésse, avv.
eccolo
: écchele, avv.
eccolo vedi
: écchele vë, avv.
eccome!, certo!, !: avòjje!, escl.
eccomi qua
: éccheme, avv.
eccoti qua
: écchete, avv.
eclissarsi
, andar via: sbascé, v.
eclissi:
acclèsse, (l'), s.m.
economia
; risparmio: 'cunuméje, (la), s.f. / risparmio: sparágne, (lu), s.m.
edera
: èllere, èdere, (l'), s.f.
edicola per giornali; chiosco: chiošche, (lu), s.m.
editto, bando: bànne, bbànne, (lu), s.m./ va' jittànne lu bbànne
Edoardo
: 'Duarde, n.p.p.
educando/a: 'duquànde, (lu), s.m.
educato
: accrijanzàte, adduquáte, agg.
educazione; creanza: crijánze, (la), s.f.
educazione
, buone maniere: criànze, (la), s.f. / garbo, educazione: duquaziáune, (la), s.f. / garbo, modo educato e cortese: gàrbe, (lu), s.m.
effeminato
, atteggiamenti femminili: fimminàlle, (la), s.f. / tecnica sartoriale per rendere aggraziato l'abito femminile: fimminàlle, (li), pl.
Egidio
: Eggedie, n.p.p.
egli
, lui: cullî, hasse, pr. pers. sog. m.
ehi!: auá, euá, int.
eiaculare,
scivolare, mancare la presa: sburrá, v.
elce, leccio: èlece, (l'), s.m.
Elda
: Elde, n.p.p.
elefante; astice: 'lifànde, (lu), s.m.
elgante, curato, agghindato, azzimato, inappuntabile: 'rinciuvilé, agg.
elegantone: calimé, (lu), s.m.
eleggere, emettere, cacciare, scacciare, servire: cacciá, v. / dargli da bere: caccej' a vváve
elemosina
: allemosine, limosine, (la), (l'), s.f.
elemosinare
: allemosin
á, allemusiná, v.
Elena
: Elene, n.p.p.
elettricista
: lettricèste
, (lu), s.m., pl. li lettricèste
elettrico
, elettrica: lëttre, agg. / la luce elettrica: la lîce lëttre
eliminare i difetti, correggere: currèggë, v.
Elisa
: Lisàtte, n.p.p.
Elisabetta
: 'Sabbétte, n.p.p.
ella
, lei: chillì, pr. pers. sog. f.
elleboro bianco
: vesciatàre, (la), s.f.
Emanuele
: Manuèle, n.p.p.
ematoma, contusione, livido: addamedilé, (l'), s.m.
emetico
(usato come), che provoca vomito anche cimice della vite o del gelso: scardapìzze, (lu), s.m.
emettere, eleggere, cacciare, scacciare, servire: cacciá, v. / dargli da bere: caccej' a vváve
emicrania, cefalea: mmicràine, (la), s.f.
Emidio
: 'Midiucce, Midijjcce, n.p.p.
emigrato
: mmigráte, (lu), s.m., pl. li mmigréte
Emilio
: Emëlie, n.p.p.
emissione rumorosa di gas intestinali, scureggia, scorreggia o scoreggia: puàtte, (lu), s.m., pl. li pétte
emorroidi; bizze: marrùjje, (li), pl.
emottisi, emissione, con la tosse, di sangue rosso vivo proveniente dal tratto respiratorio: sbòcche di sànghe, (lu), s.m.
emporio, magazzino, fondaco, deposito, bottega: fuàneche, fàneche, (lu), s.m.
/ magazzino: mahazzène, (lu), s.m. / bottega, negozio: putéche, (la), s.f., pl. li putéche
enfiagione alla falangetta del dito, gonfiore, rigonfiamento, tumefazione: turnadàte, (lu), s.m.
enfiaticcio
, lo sbocciare delle gemme nelle piante: abbuttatëcce, agg.
Enricchetta
: 'Richìcce, n.p.p.
Enrico
: 'Rrëiche, 'Réche, n.p.p.
entrare
, penetrare: trascë, 'ndrá, v. / entrare in confusione: 'mburnuscérese, v.
epidermide, pelle: pèlle, (la), s.f. / ma un brivido sulla pelle
: 'nu ricce di carne
epifania
: bbufanèje, bufanëjje, (la), s.f.
epiteto
bambinesco del maiale: ciòcche
, (lu), s.m. /
epiteto ludico e scherzoso: cuzzecùzze, (lu), s.m. / epiteto rivolto a persona stupida, coglione, testicolo: chijjáune, cujáune, (lu), s.m., pl. li chijîne / epiteto rivolto a personaggi spesso abietti, di gran lunga celebre: cilibbrëssime, agg.
equilibrio (in), piano (in): 'mbiàne, avv.
equipaggiare, apprestare: cupaggiá, v.
equipaggio del peschereccio: ccupàggie, (lu), s.m.
equipaggio di barca; ciurma; squadraccia: chiîrme, (la), s.f.
equivoco verbale; chicchera: chëchere, (la), s.f.
erba
: jëreve, jèrva, jèrve, (la), s.f. / erba che cresce sui vecchi muri e che causa allergie: jèrva muràrie, (la), s.f. / erba aromatica, mentuccia: mindîcce, (la), s.f. / erba sulla: hrambalupëine, grambalupëine (la), s.f. / erba medica, arzella: jèrvamédiche, (la), s.f. / erba inutile, dannosa, erbaccia: jèrvamàre, (la), s.f. / erba per tabacco da fiuto: erbasànde, (l'), s.f.
erba adoperata per costruire fiscoli: gùjje, (la), s.f.
erba commestibile (varietà di): còsse di moneche
, (la), s.f.
erba (di) spontanea e di rapida crescita: arinasciatècce, agg.
erba officinale
: sanécce, (la), s.f.
erba il cui lattice si sparge sui grappoli d'uva per evitarne il furto, titimaglio: tutumàjje, (la), s.f.
erba palustre; sala: ghìje, (la), s.f.
erba per foraggio
, rosolaccio, papavero selvatico: panaràzze, (la), s.f.; papámbele, (lu), s.m.
erba rugna o cucitolo o coda cavallina, varietà di piante; mortaio per i fuochi artificiali: cudátte, (la), s.f.
erba spontanea, centonchio, stellaris media: paparèlle, (la), s.f. / martin pescatore anche pulcino della papera: paparèlle, (lu), s.m. / papera, oca: puaparàune, (lu), s.m., pl. li paparihune / piccola papera: paparêlle, (la), s.f., pl. li paparêlle
erba spontanea dei campi
; mestolaccia: cinghenìrve
, (lu), s.m.
erba spontanea dei campi
: ciònne di pèchere, (la), s.f.
erba spontanea usata anche in cucina, crescione: crissciáune, (lu), s.m.
erba sulla
; lupinella: grambalupëine, grampalupëine, hrambalupëine, hrampalupëine, (la), s.f.
erba (la prima crescita dell'): appilá, v.
erba
(quantità di) falciata: fauciàte, (la), s.f.
erba aromatica, mentuccia, menta spontanea selvatica, pianta erbacea con foglie ovate e seghettate molto adoperata in cucina: mindîcce, mindìcce, (la), s.f.; aisubuird, (l'), s.f.; ujjssubbûrghe, (l'), s.m., jusubbìrde, (lu), s.m.

erbaccia, erba inutile, dannosa: jèrvamàre, (la), s.f.
erbagallina
, centonchio: cindîcce, (la), s.f.
erbe
, ortaggi, verdura: virdìre, virdîre, virdïure, a la uaštarele, (la), s.f. / il mercato, la piazza delle erbe: la piazze de la virdïure / bieta, bietola, verdura coltivata: bïàte, bbiàte, bbiéte, (la), s.f. / bietola spontanea, verdura: bietàlle, (la), s.f. / cappuccia, cavolo cappuccio, verza, verzotta: cappîcce, verzètte, verzotte, virzòtte, (la), s.f., pl. li cappîcce, li verzotte / cappuccio: quappìcce, (lu), s.m. / cavolo verzotto: bulugnáise, (la), s.f. / carciofo: scarciófene, (la), s.f., pl. li scarciófene / cardo: quàrde, (lu), s.m. / cardone, pianta di carciofo e non cardo: cardàne, (lu), s.m., pl. li cardìne / cavolfiore: capefiàre, caffijàre, (lu), s.m., pl. li caffijüre; bianchi e neri: bienche e nnèire / cetriolo: melànghele, (la), s.f. / fava: fáfe, (la), s.f. / finocchio: finùcchie, (lu), s.m. / insalata, lattuga: 'nzálate, nzaläte, (la), s.f. / insalata mista: fujj'ammèsche, (la), s.f., pl. li fujj'ammèsche, detta anche "misticanze", insalata nella quale si mischiano, condite con aceto, olio extra vergine d'oliva e sale: indivia, lattuga, cicoria, finocchi, rucola, aglio e carote con qualche fogliolina di mentuccia / melanzana: milignàme, (la), s.f., pl. li milignàme / patata: patáne, (la), s.f. / pomodoro: pammadére, pammadéure, (la), s.f., pl. li pammadére; bottiglie di solo pelati: bbuttèje di pammadéure; di sola salsa: bbuttèje di sâzze / sedano: làcce, (lu), s.m. / zucca: chicàcce, (la), s.f., pl. li chicàcce / zucchina: chicucciàlle, (la), s.f.
Ercolino
: Erculüana, n.p.p.
eredità: rriditá, (la), s.f.
eritema o eruzione della pelle, herpes:
šcáfene, (la), s.f.
Ermanno
: Ermanne, n.p.p.
Ernesto
: Ernèšte, n.p.p.
ernia
: cómede, (lu), s.m.
errare, sbagliare: sbajjá, v. / sbagliare, sbadigliare volgarmente: sbarrijé, v.
errore, sbaglio: rròvele, (lu), s.m. / sbaglio: sbàjje, (lu), s.m. / errore, mancanza, colpa anche luna calante, fase lunare di mancanza: mmangànze, mangànze, (la), s.f.
errore grossolano, svarione: rrànge, (lu), s.m.
erta, salita: rétte, (la), s.f. / salita: pindicáte,capammánde, (la), s.f. / salita, costa: còšte, (la), s.f. / salita piuttosto erta e faticosa: appittáte, (l'), s.f. / salita anche connubio carnale: sädde, (la), s.f.
eruzione o eritema della pelle, herpes: šcáfene, (la), s.f.
esacerbare, inasprire: 'nzaccré, v.
esame
: îsàme, (l'), s.m. / esame fatto ai testimoni nella fase dibattimentale: assamène, (l'), s.f.
esaminare
: assaminá, v.
esattore
dei venditori ambulanti o dei bancarellari: piazzìre, (lu), s.m.
esca; cibo: muagná, (lu), s.m.
esca
: lèsche, hàsche, (la), (l'), s.f.
escoriazione sul collo del cavallo: capecèrre, (lu), s.m.
eseguire con diligenza un compito, in genere i lavori di sartoria anche rincalzare il lenzuolo o la coperta sotto il materazzo: apprumáttë, v. / eseguire un lavoro senza la nesessaria diligenza, acciabattare, acciarpare, investire: arrunzá, v.
esercizi penitenziali
del Venerdì Santo, eseguiti con ramaglie: vattitîure, (li), pl.
esercizio
: 'sarcèzie, (lu), s.m.
Espedito
: Spidëite, n.p.p.
esperto, istruito, saccente anche accorto, scaltro: saputìlle, (lu), s.m. / scaltro (paraculo): paraquîule, (lu), s.m. / scaltro, astuto, furbo: fìrbe, agg. / furbo, sveglio, intelligente: cillëine, agg. / furbacchione, persona vivace: rócile, (lu), s.m. / tipo furbo e vivace: rottaluquîule, (lu), s.m.
espettorato, scaracchio, sputo: gràsce, (lu), s.m. anche abbondanza in genere di cibo: gràsce, (la), s.f. / scaracchio, viluppo, tuorlo d'uovo: vilòccë, (lu), s.m.
esposizione del corredo nuziale: maštre, (la), s.f. / maestro, maestro artigiano (artigiano capo), insegnante elementare, maestro di scuola: maštre, mašte, majáštre, (lu), s.m.
espressione con la quale non si vuole concedere nulla a un eventuale interlocutore o creditore: sajócche, (la), s.f.
espressione con la quale si conclude un gioco o si ratifica un accordo anche pareggio senza vinti e vincitori: pareppàtte, loc.
espulsione di elementi interni da parte della partoriente, ripetere: arisicunná, v. / espulsione abbondante di feci: cacatáune, (la), s.f.
esse
, essi, loro: chëlle, pr. pers. sog. m.f. pl.
essenza profumata, profumo: ddurëine, prufîume, (lu), s.m.
essere
: ésse, résse, v.; ind. pres. sing. sé, si, é, plur. séme, séte, sònne / deve essere tua sorella che ti va cercando: a da résse sòrte chi tì va circànne / essere d'accordo, andare a genio, convenire, convincere: quatrá, v. / essere di disturbo, di fastidio, impicciare, immischiarsi: 'mbicciá, 'mpiccé, 'mbicciérese, v. /
essere esperto di, capire, comprendere, intendere, avere contezza: arindènnë, v.; se ne intende: se n'arindènnë / essere in collera, fumigare: fummichijé, v. / essere in collera anche irritarsi in talune parti del corpo: 'ngagnárese, v. /
essere in corrispondenza: cartizzá, v. / non essere in equilibrio, inclinare anche affascinare, incantare, avvolgere la tela al subbio del telaio: 'ngandá, v. / essere ombroso come i cavalli, spaventarsi: aumbrá, v. / essere sufficiente, bastare: avaštá, abbaštá, vaštá, v. / essere sulla bocca di tutti in senso negativo, nomea: 'nummunéte, (la), s.f.
essi, esse, loro: chëlle, pr. pers. sog. m.f. pl.
essi
: lòme, 3a p. imp. / essi vanno: lòme vànne / essi fanno: lòme fànne
estinguere un debito
: abbuná, v.
estirpare
, diserbare: scarpijé, v. / estirpare l'erba dalla vigna anche girare in lungo e in largo: arranná, v.
estrazione dei nominativi da una bussola; leva; coscrizione: bbîsele, (la), s.f.
estremità o capo della fune della paranza: ràšte, (la), s.f.
estremità di filone di pane o di pagnotta: culàlle
, (lu), s.m.
estremità di un uncino, marra, patta: máurre, (lu), s.m.
estremità di una pagnotta o di filone di pane: culàlle
, (lu), s.m.
estremo
(all'), all'ultimo momento: ngànne ngànne, loc. avv.
età: aitá, (l'), s.f.
età del vitello o dell'agnello dai sei mesi ad un anno: ciavàrre, (lu), s.m. / di agnello giovane: ciavàrre, agg. / il piccolo della vacca, pecora o capra: ciavàrre, (lu), s.m.
età dell'agnello o del vitello dai sei mesi ad un anno: ciavàrre, (lu), s.m. / di agnello giovane: ciavàrre, agg. / il piccolo della vacca, pecora o capra: ciavàrre, (lu), s.m.
etade, periodo: addàte, (l'), s.f.
etnia, razza: ràzze, (la), s.f.
ettaro
: èttere, (l'), s.m.
Ettore
: Etturëine, n.p.p.
Eugenio
: 'Uggenie, n.p.p., dim. Gegé
Eusebio
: Usébbie, n.p.p.
Eustachio: Uštacchie, Uštacchjie, n.p.p.
evacuare, andare di corsa: bbuschjijé, v.
evacuo delle greggi: cacaccìlle, (li), pl.
Evandro: Evàndre, n.p.p.
evento, racconto, accadimento, fatto: fàtte, (lu), s.m., pl. li fètte
evento, cosa o persona gradevole, buona, soddisfacente anche organo sessuale femminile: fràgne, (la), s.f / la parte intima della donna: ciònne, (la), s.f.
evirazione di galletti: capuná, v.
evoluto, aggraziato, dirozzato, ingentilito: šcafáte, agg.