Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Vocabolario italiano-
vastese: D
 
A
B
C
E
F
G
H
I
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
Z

d: di, talvolta dë
da
: da, prep. sempl.
da adesso, da ora: da me', avv.
da capo a piedi; dal pincipio alla fine: da cápe a pède, loc: avv.
da dove: daddò, avv. / da dove vieni?: daddò ví?
da dove arrivano questi due intontiti?: da ddo' vé' 'ssi ddu' 'ndunduëte?
da lì: élle (da), avv.
da lì fuori: ésse féure (da), avv.
da lì lontano: da èlle
da lì vicino: da èsse
da lontano, da lungo: da lònghe, avv.
da lungo, da lontano: da lònghe, avv.
da oggi: da ùgge
da ora, da adesso: da me', avv.
da parte anche risparmio: da pàrte, a la vànne, loc. avv.
da parte,
mettere, mettere da canto o da parte, riporre, stipare: aripánne, mätte, v., p.p. màsse / stipare di nuovo, riporre: arištipá, v. / mettere di nuovo: arimätte, v. /
da quel lato: quàrte (a chi lu), loc. avv.
da quel punto: daléuche, avv.
da quella parte: capillá, avv.
da quella parte, in là: 'nlà, loc. /
da quella parte, per di là: pi' èlle, loc. avv.
da quelle parti, di lì,
ovunque: pidìšte, avv.
da questa parte: capinguá, avv.
da questa parte, in qua: 'nguà, loc.
da questa parte, da questo lato: quàrte (a štu), loc. avv. / da questa parte: da sta vânne / vanno, voce del verbo andare, anche luogo, posto, parte, zona, sito: vânne, v./(la), s.f.
da questo lato, da questa parte: quàrte (a štu), loc. avv.
da qui: ésse (da), avv.
da qui vicino: da écche
daccapo: da càpe, avv.
dal pincipio alla fine; da capo a piedi: da cápe a pède, loc: avv.
dalle parti di: vèjje (a la), loc. avv.
damasco: damàsche, (lu), s.m.
Damiano: Damïane, n.p.p.
damigiana: dammiggiàne, damiggiàne, (la), s.f., pl. li damiggiane
danneggiato, crepato, lesionato, spaccato, ammaccato: cripáte, agg.
danno, perdita: dammàjje, (lu), s.m. / perdita: pirdènze, (la), s.f.
danno, eccidio: cciàcc' acciàcche! (nu), loc.
dannoso: dammajjáuse, agg.
dappertutto, uniforme: sócce, sócce sócce, sóccia sócce, avv. / è caduta la neve dappertutto nella stessa misura: ha ninghîute sóccia sócce / dappertutto: pi ogne vanne, avv. / dappertutto: vàrra vàrra, avv.
dappiedi: dapìte, avv., anche col significato di non impicciarsi / jé dorme dapìte
dappoi, dopo, poi: dapù, tapù, dòppe, ant., avv./prep.
dar fondo ai propri averi, spendere in modo sconsiderato, alleggerire: allibbé, v.; spendere, recuperare: arprizzá, v. /
dar retta, porre attenzione, seguire un'opinione: rétte, (la), s.f.; dai retta a tua madre che ti vuol bene: da' rétte a màmmete ca' ti vo' bbène
dardo dell'amo: pònda pizzîute, (la), s.f.
dare: dá, v., indic. pres. dìnghe /
dare, picchiare, abbindolare: attarruná, v. / picchiare, percuotere: ariffaldá, v. / picchiare, battere: vàttë, v. / battere, accoppare: accuppá, v. /dare a intendere, sgrossare: abbuzzá, v. / dare forma rotonda a un oggetto, calzare: cugná, v. / dare garbo: ahharbá, v. / dare il bitume, asfaltare: 'ngatramá, v. / dare il rame alla vigna, ossidare: arramé, v. / dare la dote, gratificare di dote: adduddá, v. / dare lo smalto agli utensili di terracotta: 'mbrataná, 'mbrédené, v. / dare lo zolfo, anche aizzare: 'nzulfaná, v. / dare lustro a utensili o a superfici vetrate, rischiarare: arišcará, v. / dare nomignoli, riconsegnare, ricacciare: aricacciá, v. / dare ospitalità, dare ricetto: arcittá, v. / dare segni di vita, agitarsi: vulichiérese, v. / dare il benservito alla persona disonesta: bafféure , (lu), s.m.
Dario: Darie, n.p.p.
darsi alla macchia: addárese, v. /
darsi alla prostituzione: 'mbuttané, v. / darsi da fare, affaccendarsi: ammuinérese, v. / darsi da fare, sbacchettare: sbacchettá, v. / darsi un cognome, chiamarsi: arimàtte, v. / qual è il tuo cognome? come ti chiami?: gna t'arimétte? / chiamare: chiamá
data
ora (una) suonata dall'orologio:
battucchiàlle, (lu), s.m.
dato: dàte, p.p. di dare / ha abboccato: cià dàte!
dato che: dàtese che, cong.
dattero di mare: dàttere, (lu), s.m.
davanti
, avanti,
innanzi, prima: avánde, annènde, annènze, prëime, pre./avv. / davanti e dietro: annend' e rréte
Davide: Davede, n.p.p.
davvero, veramente: luvuàre, luvuáire, addibbéune, addavàire, daváire, de bbòne, avv.
dazio
: ddàzie, (lu), s.m. / davvero (nelle risposte): dibbéune
daziere, addetto al dazio: ddàziaréule, (lu), s.m.
dazione di denaro per scopi illeciti: mazzàtte, (la), s.f.
debiti
: zille, zälle, (li), s.pl. / debiti: dèi, (li), avv.
debito
: dàbbete, (lu), s.m.
debole, fiacco, svogliato: fiàcche, agg. / debole, fiacco: dàbbele, malempìde, agg.
debosciato, dissoluto, infiacchito, sregolato: 'ribbusciàte, agg.
decapitato: scapucciàte, agg.
decima: decème, (la), s.f. / decina: dicèine, agg.
defecare
, cagare: cacá, v. / defecare, vuotare, travasare: divacá, v.
, ant. / vuotare, voltare, girare: vuddá, v. / defecare di nuovo, tornare ossessivamente su uno stesso argomento, di persona ciarliera che non sa mantenere un segreto: arcacá, v.
defunto (il); buonanima;
buon'anima: bbonàlme, bonàlme, (la), s.f. / la buonanima di mio padre: la bbonàlme de táte
degenza
(di) grave e prolungata: assimbráte, agg.
degno
: dàgne, agg.
dei terreni franosi (proprio) che scoscendono facilmente: làme, agg.
del mutarsi del tempo
, carico: càreche, agg.
del tutto: 'nninamènde, avv.
delatore; informatore: 'mburmatáure, (lu), s.m.
delfino: talefëine, (lu), s.m.
delicato, fino: fëine, agg.
delinquente: chiavicáune, (lu), s.m. / persona poco raccomandabile, disgustosa: chiavicàne, (lu), s.m.; nu chiavicàne / grossa chiavica: chiavicàne, (la), s.f. /
delinquente, buono a nulla, inaffidabile, incapacesfaticato: uajmùrte, uahimùrte, guaimùrte, (lu), s.m./agg. / delinquente, svergognato: dilinguènde, sbruvugnáte, agg./(lu), s.m. pl. li dilinguìnde / delinquente anche campione: cambiáune, (lu), s.m. / buono a nulla anche moneta di due soldi, callo del ciabattino, parte del pettine senza denti: taláune, (lu), s.m.
deliquio, svenimento: ammangaziáune, (l'), s.f. / svenimento; mancamento: mangazziáune, (la), s.f.
delitto: dillëtte, (lu), s.m.
demonio
: dimònïe, (lu), s.m.
denaro: danàre, (lu), s.m., pl. li denère
denaro in genere, tornesi: turnëise, (li), pl.
denaro contante
; contante: cundànde
, (lu), s.m.
denaro da restituire che metaforicamente, si troverebbe sulla coda della volpe; scherzosamente si allude all'organo sessuale maschile; coda di volpe: code di hàlepe
, (la), s.f.
denominazione del prodotto "calepisèlle"; recipiente di legno per tenervi il pesce marinato: calepisèlle, (la), s.f.
denso, folto: fùvete, agg. /
fitto, folto: fóvete, agg. / folto, addensato: fódde, fìdde, agg. / poco
denso, di liquido leggero: lènde, agg.
dentatura: dindatîure, (la), s.f.
dente
: dènde, (lu), s.m., pl. li dìnde
dente molare: gangáune, (lu), s.m.
denti a denti
, irrigidito: 'nganganëite, agg.
denti assai aguzzi: zànne, (li), pl.
denti di utensili, rebbio della forca e della forchetta; corno: còrne, (lu), s.m.
dentice
, pesce della famiglia degli sparidae, di acqua salata: dénde, dendàle, dindàle, (lu), s.m.
/ dentice carango: dendalótte, (lu), s.m.
dentice: tendaluátte, (lu), s.m.
dentice carango: dendalótte (lu), s.m. / dentice, pesce della famiglia degli sparidae, di acqua salata: dénde, dendàle, dindàle, (lu), s.m.
dentista (pessimo), cavadenti: cacciadìnde, (lu), s.m.
dentro
: dàndre, dentràlbe, avv.
denudare qualcuno
, gioco di bambini consistente nel tentativo di...: cenneràte, (la), s.f.
depositare, posare, mettere giù: pusá, v.
deposito, magazzino, fondaco,
emporio, bottega: fuàneche, fàneche, (lu), s.m. / magazzino: mahazzène, (lu), s.m. / bottega, negozio: putéche, (la), s.f., pl. li putéche / deposito delle impurità nel barilotto dell'olio, morchia: mòcchie, (la), s.f. / la mòcchie dell'uje / deposito; morchia; posa di vino nelle botti: fècce, (la), s.f.
deposito fangoso
nell'acqua di un fiume o di un pozzo: lìre, (la), s.f.
deputati: dibbutéte, (li), s. pl.
deretano, sedere: basinátte, béfere, busècchie, préuse, tafànarie, (lu), s.m. /
sedere, culo: chîule, quîule, (lu), s.m., pl. li chîle / persona china e col sedere in evidente postura: quîule arfille, (lu), s.m. / non mi dà retta: mi tè' a lu quîule / sedere, prendere posto: assittá, v. / gran deretano: tremùjje, (lu), s.m.
deretano, sedere, podice, culo, didietro, dalla accentuata rotondità: a tummulàlle, loc. avv; sedere ben pronunciato: quîule a tummulàlle
derogare dalla regola
, sgarrare: sgarrá, v.
deschetto del calzolaio, sgabello: buancarille, (lu), s.m., pl. li bancarille; bangarìlle, (lu), s.m. / sgabello di legno sprovvisto di spalliera: petrèlle, (la), s.f.
desiderar molto una cosa
, mi ha fatto aspettar molto: m'ha fatt'allunguà lu colle
desiderare in modo bramoso
: abbramá, v.
desiderio
, voglia: vulèjje, vulije, vòjje, vòje, (la), s.f.
Desiderio
: Desiderie, n.p.p.
desinare, mangiare: magná, magné, v. /
mangiare in modo vorace, ammorbidire: ammappilijé, v. / mangiare sobrio controllato e semplice, rosicchiare: rusciuquá, v. / mangiare a sbafo: vindòtte, (lu), s.m. / mangiare con eccessiva lentezza: a ccic' a cëiche, loc. avv.
desinare,
pasto, in senso spregiativo: štrùzze, (lu), s.m. / pastone del maiale anche cibo in senso spregiativo: tréute, (lu), s.m.
destinare
: dištiná, v.
destino, sorte:
dištëine, (lu), s.m., sorte, sàrte,(la), s.f.
destra
: dèstre, (la), s.f.
detenuto, carcerato, recluso: carciráte, quarciráte, (lu), s.m.
detonatore: 'nnèšche, (lu), s.m.
detriti
(cumulo dei) scaricati dal mare sulla spiaggia (term. mari.): rijìtte, (lu), s.m.
detriti del fiume: risîure, (la), s.f.
detriti o schegge di legno per accendere
il fuoco
: cippáme, (lu), s.m.
detto
, proverbio: dëtte, dètte, (lu), s.m./ sta per detto, proverbio: šta pe' ddëtte
devi sbrigarti se vuoi venire!: t'adà da' da fä' s'adà minè!
deviazione del fiume per far funzionare gli appositi mulini ad acqua: capescèrte, (lu), s.m.
deviscerare, pulire il pesce prima di cucinarlo: tipica l'espressione, sciôje lu pàšce, puàsce o puàssce / slegare, sciogliere, pulire, sbucciare, sgusciare, sgranare, mondare, nettàre, ecc.: sciôje, sciòjjë, v., p.p. sciôdde, sciòdde, a la uaštaréle (in dialetto vastese), canda diciàme, sciôje, pò significä’ paricchie chése / slega l’asino: sciùje l’âsene / sbucciare, togliere dal baccello piselli, fave, ecc.: sciôje li pisëlle/li fäfe/ecc.; a volte per i legumi si usa anche scugnä, verbo che si adatta più alla frutta secca provvista di guscio (la cugne) / mondare, nettàre la verdura...: sciôje la virdîre, (es. sto mondando, nettando un po’ di broccoletti: štingh’ a sciôje ddu’ vrucche di räpe
di
: di, prep. sempl.
di affare aggrovigliato
, di faccenda intricata: 'mbiccéte, agg.
di agnello giovane: ciavàrre, agg.
di ambiente con poca luce: accupáte, agg.
di animale selvatico
: furèšte, agg.
di
asini o cavalli soliti a inciampare: cipulláre, agg.
di atteggiamento
o azione alquanto volgare: pacchianáte, (la), sf.
di azione
o atteggiamento alquanto volgare: pacchianáte, (la), sf.
di barca alla deriva: mmarëine, avv. / il battello va alla deriva: lu buattèlle va mmarëine
di buona condizione economica, ricco: recche, räcche, bèrre d'ìcre, agg.
di buona salute: sanècce, agg.
di cane idrofobo
, adirato: arrajáte, agg.
di capra o montone privi di corna: chéuche, agg.
di carattere asociale e scorbutico:
ribbuttáuse, agg.
di carattere scorbutico e asociale:
ribbuttáuse, agg.
di carriera: di carrìre, avv.
di casa
, di pane fatto in casa: casaràcce, agg.
di
cavalli o asini soliti a inciampare: cipulláre, agg.
di
cavallo giovane, tenuto a trapelo fuori delle stanghe per essere addestrato: a la vilangëine, a manginelle, avv.
di cavallo abituato a stare in stalla: pajjaréule, agg.
di chi è accecato dall'ira: 'ngicanéte, agg.
di chi è figlio? - di chi sei figlio?:
ecchi'jé lu fuèje? - chi ssi' lu fuèje?
di chi sei figlio? - di chi è figlio?:
chi ssi' lu fuèje? - ecchi'jé lu fuèje?
di chi ha elevata capacità fisica
: furzîute, agg.
di chi ha il cervello in subbuglio o tornare in se: arijë, v.
di chi ha il mento molto pronunciato
: mussûte, agg.
di chi parla a sproposito e spesso con maligni sottintesi: linguaccîute, (lu), s.m.
di chi veste con eleganza frivola e disinvolta: ammartináte, agg.
di cibo
che si cuoce facilmente: cuciávele, agg. /
di cibo alterato, stantio, passato, scaduto, trattenuto: arisidîte, arisidîute, agg. / di cibo duro da cuocere: crudàvele, agg.
di cielo imbronciato: achiuppète, agg.
di colore attinente al cedro: citrëine, agg. /
di colore olivigno: sacégne, agg.
di continuo: di cundènie, loc. avv.
di corsa
: vulàte, avv. /
di corsa, alla svelta: a ccàlle a ccàlle, loc. avv.
di cosa o di attrezzo ben congiunto, azzeccato: cugnéte, agg. /
di cosa posticcia: appaštëcce, agg. / di cosa o muscolo raggrinzito: arracanéte, agg. / di cosa non bene utilizzato, bene infruttifero: ammurtilizzáte, agg.
di cose infruttifere: murtilizzáte, agg.
di donna dal seno esuberante: puppîute, agg.
di donna ricca di doti: adduddáte, agg.
di faccenda intricata, di affare aggrovigliato: 'mbiccéte, agg.
di fattezze proprie del lupo, sia di persona, sia di animale: lupàgne, agg.
di fico (tipico) ovoidale, persona risoluta: cazzîute, agg.
di figlio illegittimo
, bastardo: cazzère, agg. /
bastardo, trovatello: mulàcchie, (lu), s.m.
di fuori: dafêure, avv.
di gallina che fa spesso le uova, gallina fetaiola: fetarèlle, uvaréule, agg./s.f.
di giocatore di carte poco abile: šcappëine, agg.
di giusta misura, acconcio: acchînge o accungí, agg.
di giustezza
: ìse ìse, loc. avv.
di gran corsa: a tutta carrìre, loc. avv.
di gran lunga celebre, epiteto rivolto a personaggi spesso abietti: cilibbrëssime, agg. /
celebre: cèrbe, agg.
di idioma incomprensibile, imbroglione: ggiargjanàise, agg. / imbroglione, truffatore: 'mbruijáune, (lu), s.m.
di individuo ben pasciuto: ajjanniláte, agg.
di individuo burbero, dispettoso, arrogante, ma anche verace, autentico: šcattàte, agg.
di individuo con molti precedenti penali: matriculàte, agg.
di individuo poco socievole e schivo: furitécce, agg.
di individuo schivo e poco socievole: furitécce, agg.
di legno fragile, di persona debole: fógnete, agg.
di legno pieno di fessure, di scafi o di botti:
scacchëite, agg.
di lì, da quelle parti, ovunque: pidìšte, avv.
di liquido che cola, pioggia: pisciarèlle, (la), s.f. / pioggia a catinelle: a pisciarèlle, avv.
di liquido leggero, poco denso: lènde, agg.
di locale poco areato, rimpinzato: attuféte, agg.
di macinare a intermittenza
: màcin a 'ccòdde, loc.
di mala voglia
: condrachéure, avv.
di malumore
, inquietato: 'nquietáte, agg.
di mare in bonaccia
: abbunazzáte, agg.
di mare molto mosso
: 'ngruciuáte, agg.
di mira: a pittinàjje, avv.
di
montone o capra privi di corna: chéuche, agg.
di muscolo o
cosa raggrinzito: arracanéte, agg.
di nascosto
; al riparo del freddo e del vento: uattàte (a la), loc. avv. / posto riparato, nicchia: uattàte, (la), s.f.
di negoziante dai prezzi esosi, costoso: caraštáuse, agg.
di occhi lucidi dell'ubriaco, dell'avvinazzato: lícine, lícine; cinìlle cinìlle; pinìlle pinìlle, loc. avv.
di oggetto
o di piano inclinato da un lato: 'ngandáte
, agg.
di olivo dagli acini molto allungati, odore, afrore di capra: crapágne
, (la), s.f./agg.
di pane fatto in casa, di casa: casaràcce, agg.
di pane poco compatto
: maccicáuse, agg.
di pane scarsamente lievitato
: malluvàte, agg.
di panno poco asciutto
: arpilàrse, v.
di panno rappreso o di sudore: arprisatîure, (l'), s.f.
di parti del corpo non normali per patologie o paralisi: uffáuse, agg. / offesa: uffáuse, (l'), s.f.
di pasta non cotta: 'ngòtte, agg.
di pecora sterile
: lenuóra, agg.
di
persona a cui piace mettersi in mostra: 'mbrattèlle, loc. avv. / di persona accecata dall'ira: 'ngicanéte, agg. / di persona afflitta da paralisi, paralizzato, ridotto all'inattività, bloccato: paralizzàte, agg. / di persona balbuziente: cacàjje, agg. / di persona bene in carne: a cascarelle, loc. avv. / di persona brutta: ràcchie, agg. / di persona che annoia o sentenzia, pungente: pungicáuse, agg. / di persona che facilmente prova fastidio: futîuse, agg. / di persona che ha gli occhi grossi: chëcche, agg. / di persona che inganna: 'ngannîuse, fàzze, traditáure, agg. / di persona che soffre di fissazioni, monomane: fissáte, agg. / di persona che cammina a gambe larghe: scallicchiéte, agg. / di persona che soffre il solletico: dîure, agg. / di persona ciarliera: vuccalîute, agg.; di persona ciarliera che non sa mantenere un segreto, tornare ossessivamente su uno stesso argomento, defecare di nuovo: arcacá, v. / di persona coi piedi per terra, saggia, posato, basato, assennato: abbasàte, agg. / di persona con pessima salute, tisico, magro: gnettichëite, agg. / di persona corrucciata, di tempo perturbato: arnuvuléte, agg. / di persona
c
redula,
sciocco
: gnucculáune, gnucculéte, agg./(lu), s.m.
/
di persona dai capelli poco curati anche riccio di pianta: catille, (lu), s.m. / di persona dai folti capelli ricciuti ma in disordine: cirrîute, agg. / di persona dalla testa calva: cocciapilàte, agg. / di persona debole, di legno fragile: fógnete, agg. / di persona di poco conto, parassita delle fave anche mangiatore di fave: magnafàfe, (lu), s.m. / di persona
esile: carpindàgne, agg. / di persona grassa: ciacciáune, allardáte, agg.; di persona grassa e tarchiata, spianato, uniforme: chiátte, agg. / di persona in carne, rimessa in sesto: 'rringifuléte, agg. / di persona in collera: 'rruféte, agg. / di persona in età avanzata, ritorto come vecchio albero: 'ndrungunëite, agg. / di persona in piena salute: cárne di pëiche, agg. / di persona incline alla lite: appicicatìlle, agg. / di persona infelice e poverissima, afflitta e sprovvista di mezzi, afflitta, dolente: dulènde, ant., agg. e s.; povero e dolente: pòvere e dulènde; si dice che è restata: scalza e nuda, misera e dolente: scazz' e nníute, mëser' e dulènde; di donna che non ha nè la capacità, nè la volontà di fare qualcosa: sciòcca dulènde, sciòcca 'indulènde / di persona lamentosa, querula, brontolone: picciáuse, (lu), s.m. / di persona lenta e poco reattiva, sciocco, pigro, lento: allènde, lòcche, agg./(lu), s.m. / di persona lunatica: mattucchiáte, agg. / di persona maldestra, imbranato: malepráteche, agg. / di persona non proporzionata fisicamente, ma furba: malecavàte, agg. / di persona obesa e di piccola statura: ciabbùtte, (lu), s.m. / di persona male in arnese o trasandata: pucaciòffe, agg. / di persona non abituata ai lavori manuali, gentile: ggindèle, agg. / di persona sgarbata: cascègne, (la), s.f.; di persona sgarbata: scattìuse, agg.; di persona sgarbata e intrattabile: càrta vitràte, (la), s.f. / di persona socievole: amàbbele, agg. / di persona stramba, dal carattere mutevole: lunàteche, agg. / di persona stupida, minchione: sagnelláune, agg. / di persona sudicia, impiastro, cataplasma, incapace: 'mbiàštre, cataplàsme, quataplàsme, agg./(lu), s.m.; in senso dispreg.: si nu quataplàsme / di persona tozza e robusta: turzûte, agg.
uahimùrte,
uajmùrte, guaimùrte: sfa
di peso, trasportare qualcuno o qualcosa a mano: pásele pásele, loc. avv.
di pessima salute, tisico, magro: gnettichëite, agg. / tisico: jéttiche, agg.
di
piano inclinato o di oggetto da un lato: 'ngandáte, agg.
di più
: dicchií, avv. / più: cchii, avv.
di portamento impettito, specie di donna: trèse, agg.
di proposito, apposta, intenzionalmente anche per finta, per scherzo: appôšte, avv. / lo ha fatto apposta anche lo ha fatto per finta: l'à fatt' appôšte, sono due espressioni identiche in tutto e per tutto con significati diversi, quasi opposti; si possono distinguere solo in base al contesto della frase o alla dinamica di chi parla
di quando in quando
: bott' a bbòtte (a), loc. avv.
di quando in quando
: 'nguànne 'nguànne, loc. avv.
di ragazza che si muove in modo disinvolto anche scoprire con lentezza la carta da gioco: trizzicchijé, v. / dimenarsi anche tentennare: trezzecá, v.
di reliquia
o sacramento in ostensione ai fedeli: dispò
šte, agg.
di sacramento
o reliquia in ostensione ai fedeli: dispò
šte, agg.
di sabbia di cava dal colore marroncino: rapelláuse, agg.
di sapore aspro
e di sensazione attaccaticcia: lappáuse, agg.
di
sensazione attaccaticcia e sapore aspro: lappáuse, agg.
di sfuggita (guardare), in modo obliquo: di sguéisce, loc. avv.
di sopra, su, lassù, in alto, a monte: a èlla mmànne, alocammànne, capammànde, avv. / di sotto, giù, laggiù, in basso, a valle: a èlla bbálle, alocabbálle, capabbálle, avv. / mónd' o mmond' e bbálle, capammànde e capabbálle: su e giù
di sotto, giù, laggiù, in basso, a valle: a èlla bbálle, alocabbálle, capabbálle, avv. / di sopra, su, lassù, in alto, a monte: a èlla mmànne, alocammànne, capammànde, avv. / bbálle e mónd o mmond, capabbálle e capammànde: giù e su
di stucco, rimbambito: 'mbambanëite, agg. / rimbambito, rincoglionito, istupidito, ottuso, fase di marasma senile:
ringujunéte, agg.
di suono argentino: argindàgne, agg.
di tempo afoso
e bigio: mataccáune
, agg.
di tempo alquanto nuvoloso: nuvulècce, agg.

di tempo bigio e afoso: mataccáune, agg.
di tempo perturbato, di persona corrucciata: arnuvuléte, agg.
di terreno non coltivato, spesso acquitrinoso: pratenècce, agg.
di
testa grossa: cucciulàune, agg. / di testa sua: a còccia sé, loc. avv.

di traverso: a la 'nderlèce, loc. avv.
di utensili per cibo, profondo, cavo, fondo: cuppîute, funnîute, agg.
di varietà d'uva: muscardèlle, agg.
diabete: diabbéte, (lu), s.m.
dialetto, parlata, vernacolo: parlatîure, (la), s.f.
Diamante: Diamànte, n.p.p.
diamine!: dijáne!, escl.
diarrea
: cacarèlle, làzze, allàzze, (la), s.f.
diavoleria: dijavillarèjje, (la), s.f.

diavoletto, amaro, diavolicchio, lazzaretto, peperoncino piccante rosso, piccantello:
bruciaquîule, cazzarèlle, diavilàlle, diavulillo, lazzarêtte, pepicucènde, piparole rásce, pipidìnie pizzicande, pipintone di 'mberne, pispagnole di féuche,
(lu), s.m., pl. li cazzarìlle anche cavatelli, piccoli gnocchi, diavilèlle, lazzarètte


diavolio, chiasso, baccano, scompiglio, trambusto: rubbèlle, (lu), s.m. / casino, chiasso, confusione, disordine anche repubblica: repùbbliche, (la), s.f.
diavolicchio, amaro, diavoletto, lazzaretto, peperoncino piccante rosso, piccantello:
bruciaquîule, cazzarèlle, diavilàlle, diavulillo, lazzarêtte, pepicucènde, piparole rásce, pipidìnie pizzicande, pipintone di 'mberne, pispagnole di féuche,
(lu), s.m., pl. li cazzarìlle anche cavatelli, piccoli gnocchi, diavilèlle, lazzarètte

diavolo!
, addirittura!: diacine!, dijàngeche!, escl.

diavolo: dijàvele, (lu), s.m. / diavolo!: diacine!; addirittura!: dijàngeche!, escl.
diavolo di mare, varietà di pesce chiamato anche cefalóttera o vacca di mare: cihuàtte, (la), s.f.
diavolo di mare
, varietà di pesce: ciuvàtte, (la), s.f.

diavolo di mare o cefalottera: móneche, (lu), s.m.
dice una cosa per un'altra, intende un'altra cosa: méne sètte pi ccòjje otte
dicembre (mese): dicèmbre, ddicembre, (lu), s.m. Detti: dicembre tempo dell'avvento, acqua, neve e vento: dicèmbre temb' de l'Avvende, acche, néve e vvènde / Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi: Natale nghe li tu' e Ppasche nghe cchi vu' / piano piano viene Natale: chiane chiane vë' Natale / con la sciarpa e con i guanti, tutti aspettiamo il Santo Natale!: nghi la sciârpe e nghi li hhuânde, tutt’ aspittâme la Natàla Sânde! / arriva Natale e San Silvestre, buttiamo l'anno vecchio dalla finestra: vé' Natäle e San Zilvèštre, jettäme l'anne vìcchie a la finèštre / finisce l'anno con le belle feste e subito arriva l'Anno Nuovo: finìsce l'ânne nghi li bbille fèšte, e arrèive l'Anne Néuve lèšte lèšte / porta il Santo Natale e al trentuno un altro anno si saluta: pôrte la Natàla Sânde e a li trendìune n'addr'ânne si lânde / è bello festeggiare il Santo Natale. L'anno è finito e presto se ne va: Natàla Sânde é bbèll' a fištiggiä'. L'ânn' à finîte e lèšte si ni vä / finito l'anno e pure il quattrino impari che per te non c'è nessuno: scorte l'anne e scorte le quatrine, t'ambére ca pe ttà n' ge sta nescìune.
dichiarazione di gioco nelle carte: acchîuse, (l'), s.m.
diciannove: dicinnéuve, agg.
diciotto: diciòtte, dicidòtte, agg.
didietro, deretano, culo, sedere, podice, dalla accentuata rotondità: a tummulàlle, loc. avv; sedere ben pronunciato: quîule a tummulàlle
dieci
: déce, agg. n. card.
Diego
: Ddìiche, n.p.p.
dieta
, digiuno: dijéte, (la), s.f.
dietro
, indietro: arréte, avv. / poco tempo fa: štu passát' arréte
difettoso, magagnato: ammahagnëte,
 
ammahagnéte, agg.
differenza
: difirènze, (la), s.f.
difficile
: deffècile, agg. / difficile, intricato: 'mbicciáuse, agg.
difficoltà: 'facultàje, (la), s.f.
diffondere notizie, propagare: prupahá, v.
difterite
: crûppe,(lu), s.m.
digerire: dilliggiré, aripaiudë, aripajudë, pajudé, v. / fig. digerisce perfino le prietre: 'ripaiudësce schinènze li préte
digerire
: pajudé, v.
digiuno
: ddijîne, (lu), s.m. / digiuno, dieta: dijéte, (la), s.f. /
digiuno devozionale: trapàsse, (lu), s.m. / a digiuno: a la ddijîne, loc. avv.
dilazionare o indugiare: tracchijé, v. /
dilazionare un impegno anche ondeggiare, barcollare: trambijé, v.
dileggiare
, fare smorfie: mussié, v.
diluvio
: dillùvie, (lu), s.m.
dimagrito (é): s’é 'ssicchinëite / é molto dimagrito: n’ gi n’é rimâšte
dimenare le braccia, muoverle con agitazione, sbracciare: sbraccïjá, v.
dimenarsi anche tentennare: trezzecá, v. /
scoprire con lentezza la carta da gioco anche di ragazza che si muove in modo disinvolto: trizzicchijé, v.
diminuire, scemare: assamá, assimá, v.
dimora (umile), bicocca: bachîcche, (la), s.f.
dimorare
, abitare: abbitá, v.
Dio
:
Ddè, Ddë, Ddèjë, (lu), s.m.
Dio come imprecazione: Ddëfere, (lu), s.m.; Corpe di Ddëfere!
Dio me ne guardi; Dio me ne scampi: majaddé, loc.
Dio me ne scampi; Dio me ne guardi: majaddé, loc.
dipanare un gomitolo, una corda, una matassa, anche aprire, distendere, sciogliere , sgrovigliare, spiegare, srotolare, svolgere: sbirrité o sbirrutá, v. / aprire: arrapë, v. / scoppiare, anche aprire, scartare, spacchettare, una busta, un pacchetto o altro: šcuppuä, v.
dipingere
, pitturare: depëgne, pittá, v.
diradare: allappijé, v. / diradare, allentare, spesso riferito alla dentatura: allascá, v.
dire
: dëce, dëice, di, v. / dire bugie, accatastare: accataštá, v.
dirimpetto
: dirimbètte, avv.
Diritta
(La), nome di strada di Vasto che da Porta Palazzo reca alla Marina: Drëtte, (la), s.f.
diritto
: dirëtte, agg. / diritto: ddurèutte, agg. / diritto, ritto: rètte, agg. / tirar diritto, prendere scorciatoia: tiré a dirëtte / ritto: allèrte, agg. / ritto, impalato, fermo: 'mbujéte, agg. / fermo, inchiodato: fàrme, 'nchiuvéte, agg. / fermo, immobile come statua: 'mbuštáte, agg. / fermo, inchiodato: fàrme, 'nchiuvéte, agg. / ritto come una pertica, immobile: 'mpirticáte, agg. / immobile, incacchiato, incavicchiato: nghiavichéte, agg. / in piedi, su due piedi: a la rètte, loc. avv.
dirotta (alla), senza freni: a li dirrîtte, avv.
dirozzato, aggraziato, evoluto, ingentilito: šcafáte, agg.
dirupare
, precipitare: addirrupé, v.
dirupo, ripida scarpata: ddirrupatùrie, (la), s.f. / dirupo: rupatòrie, (lu), s.m. / dirupo sottomarino: fussòne dill'àcche, (lu), s.m. /
dirupo profondo: catrafòsse, (lu), s.m.
dirupo profondo: catrafòsse, (lu), s.m. /
dirupo, ripida scarpata: ddirrupatùrie, (la), s.f. / dirupo: rupatòrie, (lu), s.m. / dirupo sottomarino: fussòne dill'àcche, (lu), s.m.
dirupo sottomarino: fussòne dill'àcche, (lu), s.m. / dirupo, ripida scarpata: ddirrupatùrie, (la), s.f. / dirupo: rupatòrie, (lu), s.m. / dirupo sottomarino: fussòne dill'àcche, (lu), s.m. /
dirupo profondo: catrafòsse, (lu), s.m.
disastro, rovina: rruvëine o rruène, (la), s.f.
discepolo
: disciàbbele, (lu), s.m.
discernere, scorgere, far luce, vedere: allusscé, v. / ci vede poco: póche ci allîssce
discernimento (disporre di): appùrte, (l'), s.m.
discesa: capabbálle, (la), s.f.
disco di legno da inserire al fuso quale volano, fusaiolo: vurtàcchije, (lu), s.m., pl. li virtècchie
discolo: capàzze, (lu), s.m. / discolo, monello anche trovatello: vardiarélle, vardarìlle, (lu), s.m. / discolo anche ragazzo furbo e vivace: masanìlle, (lu), s.m.
disconoscere, rinnegare, bestemmiare: arinnihá, arnihá, rinnihá, viastimá, v.
discorrere
: discàrrë,
trascàrrë, v.
discorso, argomento: trascàrze, (lu), s.m.
discorso barboso, catechismo: catachësseme, (lu), s.m. / catechismo, dottrina: duttrëine, (la), s.f.
discorso lungo e noioso (fig.) anche salsiccia di fegato: fegatàzze, (lu), s.m. / salsiccia: saggëcce, (la), s.f., pl. li saggicce / salsiccia di trippa, budello retto, riempita di carne di maiale, fortemente aromatizzata, particolarmente indicato per insaporire il ragù; il termine deriva dal francese nouille (tagliolino) o andouille (salsicciotto): 'nnuje, (la), s.f. / salsicciotto: saggicciòtte, (lu), s.m.
disegno, progetto: desàgne, (lu), s.m. / progetto, proposito, intenzione, idea: déche, (lu), s.m. / che idea hai?: che déche tî?
diserbare, estirpare: scarpijé, v. / estirpare l'erba dalla vigna anche girare in lungo e in largo: arranná, v.
disfatto, vinto: annichiléte, agg.
disgustosa, persona poco raccomandabile:
chiavicàne, (lu), s.m.; nu chiavicàne / grossa chiavica: chiavicàne, (la), s.f. / delinquente: chiavicáune, (lu), s.m.
disordinato, sbullonato, persona che non tiene in ordine le sue cose o che lavora con scarsa precisione ed esattezza: sbullunáte, agg.
disordine; confusione: casamècce, (lu), s.m.
disordine, confusione, frastruono: 'ngràbbie, (lu), s.m.
disordine, casino, confusione, chiasso anche repubblica: repùbbliche, (la), s.f. / baccano, chiasso, diavolio, scompiglio, tra mbusto: rubbèlle, (lu), s.m.
disossato: desussàte, agg.
disotto: disátte, avv. / lí sotto, lí sopra: a èsse sàtte, a èsse sàpre
disperato
, giocare con le carte come un...: disperàte, agg.
dispetto, puntiglio: currëive, (lu), s.m. / dispetto generalizzato o programmato: dispittarèjje, (la), s.f.
dispettoso, puntiglioso: curriváuse, (lu), s.m. / puntiglioso, saccente anche ironicamente sarto: 'mpilapidùcchie o 'mbilapidùcchie, (lu), s.m. /
puntiglioso, capriccioso: pindillàse, agg. / capriccioso: trapilèine, agg. / puntiglioso, meticoloso: pilillàre, agg. / dispettoso, di individuo burbero, arrogante, ma anche verace, autentico: šcattàte, agg.
dispiacere
: dispiacïáire, (lu), s.m.
disporre
(facoltà di) danaro: bonese ('m), avv.
dispregio
, disprezzo: disprègge, (lu), s.m.
disprezzo
, dispregio: disprègge, (lu), s.m.
dissalare
: dissalzá, v.
dissanguare, sanguinare: sangarijé, sagnijé, v
dissesto finanziario in commercio: tappaquîule, (lu), s.m.
dissipare, scialacquare: despá, v. / dissipare, consumare, buttare all'aria: sciàlá, v. / consumare: cunzumuá, v. / scialacquare il denaro in modo irresponsabile: fuffié, v. / sciàle popole, ca dumuàne è Ggiubbullé
dissoluto, debosciato, infiacchito, sregolato: 'ribbusciàte, agg.
dissuadere, capovolgere: capivuddá, v.
dissugare: dissuqué, v.
distante
: ddaràsse, daràsse, avv.
distendere un gomitolo, una corda, una matassa, anche aprire, dipanare, sciogliere , sgrovigliare, spiegare, srotolare, svolgere: sbirrité o sbirrutá, v. / aprire: arrapë, v. / scoppiare, anche aprire, scartare, spacchettare, una busta, un pacchetto o altro: šcuppuä, v.
distinguere
, raffigurare: raffahurá, v. / raffigurare, riconoscere: arrifauré, v.
distratto, stordito: coccemànne, (lu), s.m. /
stordito, confuso: 'mbambalèïte, agg. / stordito, incapace di reagire: ammupuléte, agg. / sfinito, stanco: ammazzuqquëite, agg. / sfinito, mogio: ammupulëite, agg. / confuso: cunfîse, agg. / confuso, imbarazzato: 'mburniscéite, agg.

distruggere
: dištrìjjë, v., p.p. distrìtte
disturbare, incitare alla rissa, infastidire, molestare, provocare: appurtá, ccimindä, cimindá, v.
disturbi intestinali
, verminara: virmináre, (la), s.f.
ditale
, cappuccetto metallico per proteggere il dito del sarto o di chi cuce: dutüàle, (lu), s.m., pl. li ditéle
ditata: ditànne, (la), s.f.
dito
: dàite, (lu), s.m., pl. li déte / il dito della mano: lu dàite di la méne / pollice:
dutozze di la méne, (lu), s.m., pl. li dituzze di li méne; pòlece, (lu), s.m. / mignolo: ditîcce (ant.), (lu), s.m. anche dutuicce di la méne, (lu), s.m., pl. li ditîcce di li méne / alluce: ditáune, (lu), s.m.
ditola, fungo mangereccio che ha la forma delle dita: ditirálle, ant., (li), s.f.,pl.
divano, ottomana: uttumàne, (l'), s.m.
divaricazione (massima) delle gambe: scàcchie, (lu), s.m.
divellare, scassare: sbangá, v. / divellare, scassare, atto di effrazione, forzatura, rottura, scasso: scassá, v.
divenire canceroso: 'nganarié, v. /
divenire inabile al lavoro, infiacchirsi: ammarrummá, v. / divenire magro, smagrire, asseccarsi: assicchinérese, v. / divenire malandrino: ammalandrinérese, v. / divenire pesante di corporatura, farsi obeso: 'mbeselérese, v. / divenire robusto, far le ossa: annussá, v.
diventare
: adduvundá, duvundá, v.
dividere, crepare, fendere, spaccare: cripá, v. / dividere, separare i litiganti: scarticá, v.
divieto (di pesca) o pericolo generico, avviso marinaresco: púnte di štàlle, (lu), s.m.
divincolarsi, attorcersi: tòrcesë, v.
diviso, spartito: diviséte, ant., agg.
documento
: ducumènde, (lu), s.m. /
un documento qualsiasi anche carta: càrte, (la), s.f.
documento, carta: papìlle, (lu), s.m.
doga: dáuve, (la), s.f.
dogana: fenònze, (la), s.f. /
dogana: duháne, ant., (la), s.f.. Antico nome dell'attuale Largo Diomede. «3 febbraio 1703. D. Maciano. Cronaca: Fortissimamente ad hora quattro de notte de sentì nuovamente il terremoto et ognuno uscì fuori di casa, e facevano un fuoco chi alla Dogana, chi al Palazzo, chi al Tommolo e chi fuori la Porta, e tutta la notte no si dormì mai.» / Di compagnia, corteo e simili, che non proceda con ordine, si dice: Va gné li pèchere di la Duhàne. Prendendo la similitudine dalle pecore che pascolano nel R. Tratturo, e che anticamente, per tale pascolo, erano colpite da una tassa che veniva riscossa dalla dogana di Foggia.
doghe laterali del fondo di una botte o di un tino
doglia (del parto): dòjje, la), s.f.: pennìzze, li, pl.
doglio corpo
, mollusco dai solchi paralleli su di una sottile conchiglia: ciucculáune
, (lu), s.m.
dolce
, confettura: cosadàgge, (la), s.f., pl. li cosadìgge / dolce: dàgge, duàgge, (lu), s.m./agg., pl. li dìgge, dim. duggiarèlle / acme, orgasmo sessuale: dàgge, fig.
dolce di mandorle tostate: cruccànde, (lu), sm.
dolce farcito di crema
: pìzza dàgge, (la), s.f.
dolce imbevuto di rum: buabbà, (lu), s.m.
dolce tipico; castagnola nera, pesce del genere cromide, con coda biforcuta: caštagnéule, (la), s.f.
dolce
tipico a base di mandorle
, mostacciolo: susamille, mustacciule, a base di pasta nera, (lu), s.m.
dolce tipico di carnevale, cicerchiata, ciambella fatta con pallini di pasta fritti e uniti col miele: ciciricchiáte, cicirchiáte, (la), s.f.
dolce tipico locale, fiadone; focaccia: fiadáune, (lu), s.m.
dolce
tipico, raffaióle
: raffaióle, (lu), s.m., pl. li raffaiùle
dolce
tipico
, raviolo fritto ripieno di marmellata d'uva o composto di ceci oppure miele e mandorle, calzone: caggiàne, caggiàune, (lu), s.m., pl. li caggîne, caggìune
dolce (varietà di), spesso di semplice cialda: ciambèlle, (la), s.f.
dolci, cosa dolce (rif. ai bambini): bobbò, (lu), s.m. / vuoi il dolcetto?: vù lu bobbò? / li dîgge, li cosa dîgge, li bebbù' o bbébbune /dolci che si preparano nella festività di S. Giuseppe: li zàppele
dolci in generale anche pastina: paštarèlle, (la), s.f.
dolci tipici vastesi: lòffe di mòneche, (li), pl.
dolci tipici cotti con un attrezzo (lu fuerre di li catarrätte) mediante pressione dello stesso: catarrätte, (la), s.f., (li), pl. / cialda cotta con strumento di ferro (tenaglie) arroventato, pizzella, cialda: catarrätte, pizzàlle, ciambèlle,
(la ), s.f.

dolciastro (dal sapore): duciáure, (lu), s.m.
dolente, afflitta, di persona infelice e poverissima, afflitta e sprovvista di mezzi: dulènde, ant., agg. e s. / povero e dolente: pòvere e dulènde / si dice che è restata: scalza e nuda, misera e dolente: scazz' e nníute, mëser' e dulènde / di donna che non ha nè la capacità, nè la volontà di fare qualcosa: sciòcca dulènde, sciòcca indulènte
dolorare, soffrire per traslato, guaire, uggiolare: vramá, v.
dolore
: diláure, (lu), s.m.
dolore, pena, sconforto: pàine, (la), s.f.
dolore intercostale; respiro grosso: fiatáune, (lu), s.m.
domanda: ddummànne, (la), sf. / cerca e domanda: cìrche e ddummànne
domandare
: addummanná', v.
domani
: dumàne, (lu), s.m. - avv.
domani mattina: dumanematëine, avv.
domani sera: dumuanassâire, avv.
domare
: addùmá, adumé, v.
domato
: aduméte, agg.
domenica: dumuàniche, dumuàneche, (la), s.f. / lunedì: luneddë, lunuddë, (lu), s.m. / martedì: marteddè, (lu), s.m. / mercoledì: merculleddè, mercluddè, (lu), s.m. / giovedì: giuvuddé, ggiuvuddé, (lu), s.m. / venerdì: vennardè, vinnardè, (lu), s.m. / sabato: sàbbete, (lu), s.m.
Domenica
: dim. Minghicce, n.p.p.
domenicano anche pidocchio: duminicáne, ant., agg./(la), s.f.
Domenico: Dumenèche, Dumìniche, n.p.p., dim. Duminichicce, Duminicucce
domestico, servo, famiglio, usciere, messo del comune: crijáte, (lu), s.m.
Dominus vobiscum, storpiatura della frase latina, nella parlata popolare: dominisubësche, loc. / Il Prete. L'ufficio del sacerdote è molto rimunerativo, addò sta lu dominisubësche 'n gi mànghe ma' páne frësche
donativo, persona che gestise l'asta dei doni anche pubblico incanto di oggetti offerti in dono dai fedeli, in occasione di festività religiose, soprattutto in zone rurali: dunatëive, ant., (lu), s.m.
Donato: Dunáte, Dunüate, ant., n.p.p. / San Dunáte, cappella rurale, che sorgeva a Vasto in prossimità della chiesa di S. Michele Arcangelo, e che fu distrutta dallo scoscendimento del 1 aprile 1816. «21 gennaio 1810. Libro dei morti dell'Arciconfraternita della Carità del Vasto: Morì ammazzato il brigante Antonio Jalacci dalla battuglia provinciale, in contrada S. Nicola la Meta e seppellito in dietro a S. Donato.» / Mále di Sàn Dunáte, epilessia. Così detto perché San Donato è il protettore di coloro che soffrono di mal caduco. Per far cessare gli attacchi epilettici usa il popolino vastese mettere una chiave nelle mani del malato; e se questo rimedio riesce inefficace, si punge con un ferretto le carni del paziente sino a che il sangue non venga fuori.
dondolare anche andare giù: traballá, v.
dondolio del letto o della sedia anche manifesto fastidio per argomentazioni ripetitive: taratingh' e taratanghe, loc.
donna, femmina: fàmmene, (la), s.f., pl. li fàmmene / per indicare una persona di bell'aspetto: pèzze, (la), s.f. - un bel tocco di donna: 'na pèzze di fàmmene / donna (bella e formosa), anche giumenta, cavalla: jumènde, iumuênte, (la), s.f., pl. li iumuênte / una cavalla: 'na jumènde / di donna ricca di doti: adduddáte, agg.
donna
avvenente, di bell'aspetto: grand' hotel, (la), s.f. / donna di bell'aspetto: pèzze, (la), s.f. - un bel tocco di donna: 'na pèzze di fàmmene
donna che ostenta devozione e assiduità nelle pratiche religiose, beghina, pinzochera: sandùcchie, (la), s.f. / beghina, santocchia: bizzéuche, (la), s.f. / pinzochera, baciapile, bigotta: bijatèlle, vizzàche, (la), s.f. / baciapile, falso devoto, ipocrita: frècasände, (lu), s.m. / ipocrita, falso: facciaténte, (la), s.f.
donna che toglie i pidocchi: jnnilàre, (la), s.f.
donna di costumi licenziosi
; baldracca: misciuàrre, (la) s.f.
donna di facili costumi: friapìlipe, (la), s.f.
donna di primo parto
: primaréule, (la), s.f.
donna grossa e corpulenta, donnaccia, bagascia: vajàsse, vajàsce, (la), s.f.
donna non proprio elegante, impeccabile, onesta, a cui si può muovere critiche o appunti: currutáure, (la), s.f.
donna non proprio impeccabile, onesta, elegante, a cui si può muovere critiche o appunti: currutáure, (la), s.f.
donna non proprio onesta, impeccabile, elegante, a cui si può muovere critiche o appunti: currutáure, (la), s.f.
donna incinta
: gràvede, (la), s.f.
donna malmessa e sporca: ceccawrátte
, (la), s.f.
donna non morigerata
; (fig.), ratto, topo di notevole grandezza, sorcio: zócchele, (la), s.f., pl. li zócchele
donna piccola ma tutta pepe
: cucurummèlle, (la), s.f.
donna robusta e di forme opulente: fimminázze, (la), s.f.
donna di facili costumi senza morale, donnaccia, budellona: ruvulláune, (la), s.f.
donna di forme opulente e robusta: fimminázze, (la), s.f.
donna di malaffare
: chjavicáune, (la), s.f.
donna
di peso significativo e anche tondetta: cuculáune, (la), s.f. / grossa lumaca di terra: cuculáune, (lu), s.m.
donna di robusta complessione
:
cavalláune, (la), s.f. / cavallo grande e robusto: cavalláune, (lu), s.m.
donna chiacchierata
e alquanto volgare: ciàndelle, (la), s.f.
donna tondetta
e anche di peso significativo: cuculáune, (la), s.f. / grossa lumaca di terra: cuculáune, (lu), s.m., pl. li cuculîune
donnaccia: šcájje, (la), s.f. / donnaccia, bagascia, donna grossa e corpulenta: vajàsse, vajàsce, (la), s.f. / donnaccia, budellona, donna di facili costumi, senza morale: ruvulláune, (la), s.f.
donnicciola; girandolona: casangòlle, (la), s.f.
donnina piacente: traccagnéule, (la), s.f.
donnona con carattere e piglio risoluto
; gendarme: ggiandàrme, (lu), s.m.
dono, offerta: uffèrta, (l'), sf. /dono, regalo: ruhuàle, (lu), s.m.
donzella
: tunzèlle, (la), s.f.; ceràsé, (lu), s.m. / pesce donzella della famiglia dei labridi, variètà di pesce, spesso pescata con le nasse: tunzèlle, (la), s.f. / ciràse, 'ndrecciaráite, (lu), s.m.
dopo, poi, dappoi: dapù, tapù, dòppe, ant., avv./prep.
domani l'altro, posdomani, dopodomani: doppedumáne, ant., avv.
dopodomani, domani l'altro, posdomani: doppedumáne, ant., avv.
dopopranzo:
doppemagnàte, avv.
doppio: dàppie, agg.
dormiglione: durmucchiàre, (lu)/(la), s.m. e f. / durmacchiáre, ant.
durmucchiàre, (lu)/(la), s.m. e f. / durmacchiáre, ant.: dormiglione
dormire
: addurmë, durmé, v. / farsi prendere dal sonno, addormentarsi: addurmë, v.
Dorotea
: Durutué, n.p.p.
dote
: ddàdde, (la), s.f.
dotto: dòtte, ant., agg.e s. / chi per dotto vuole essere creduto, non parla quando non sa: chi pi dòtte vó passá, si šta zëtte cànda nin zá
dottrina, catechismo: duttrëine, (la), s.f. /
catechismo; discorso barboso: catachësseme, (lu), s.m.
dove
, spesso nel senso interrogativo, dove vai?: addò, addónna,
andònne, ndò, ddò vì?, avv. / ovunque, dovunque: dungh'addò, avv.
dove mai: addò ma'
dove mi trovo?: ndomitrèuve
dove vai, dove: ddò?, ddò, ndò, avv. / ovunque, dovunque: dungh'addò, avv.
dovesse succedere che ...: avessa ffa' ca..., loc.
dovunque: addò /dovunque tu vada: ùnne addò vi, avv. / dovunque, ovunque: dungh'addò, avv.
dovunque, ovunque, qualunque, chiunque, qualsiasi: dunghe, ant., s.m. inv./avv /dovunque, ovunque: dungh' a nda' / qualunque cosa sia, chiunque sia: dungh' ecchi jjé /qualsiasi cosa vuoi: dunghe che vvu'
dozzina: duzzëine, (la), s.f.
dubbia reputazione; nomea: annummunéte, (l'), s.f. / cattiva nomea, pessima fama: malannummunéte, (la), s.f.
dubitare: dubbutá, v.
ducato: duquàte, (lu), s.m., duquàte, ant.. Moneta d'argento dell'antico regno di Napoli, pari a L. 4,25. «7 giugno 1621. Parlamenti dell'Università del Vasto: Nella felicissima natività dell'Ecc.mo Sig. D. Diego è stato unanimiter concluso che si dia all'Ecc.mo Sig. Marchese docati cinquecento in questa occasione, considerando il grande obbligo che tenemo et l'affetione che ci porta il detto Signore; et che il Mastrogiurato et Sindaci et Università facciono intendere al Sig. Ecc.mo nostro Patrone la bona volontà et che se degna accettare il bon animo che tenemo di servire questa Ecc.ma casa.»
due: di, agg.
due nel gioco delle carte: dìce, (lu), s.m.
duecento: dducènde, ducènde, agg. n. card.
dunque: dînghe, ant., cong. / dunque... cosa stavamo dicendo?: dînghe... che
štavàme dicènne?
duro, forte, faticoso: fùrte, agg. / gli è d'incomodo, gli pesa, non vuole farlo: 'i 'ssa furte!
duro, tosto, cocciuto: tòšte, agg.
duro (varietà di noci dal guscio molto): cugnáuse, agg.