Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Vocabolario italiano-
vastese: C
 
A
B
D
E
F
G
H
I
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
Z

c'è chi lo vuole uccidere e chi vuole salarlo (in molti, andare addosso a qualcuno: chi li vo' 'ccèite e chi li vo' salä
cabina
in genere, di un natante: cabbäine, (la), s.f. / cabina, casotto, rif. agli spogliatoi sulla spiaggia: casòtte, (lu), s.m., pl. li casùtte
cacastecchi, avaro,
spilorcio, taccagno, tirchio, restio nello spendere: pichéne, carlùcchie, carrucchiàre, agg./micragnáuse, cacasànghe, cacasëcche, cachitòšte, magnapidùcchie, quarrucchiàre, (lu), s.m. / anche zoticone: cudicáune, (lu), s.m. / anche individuo dalla figura meschina: cacazicchèine, (lu), s.m. / anche individuo allampanato: magnaruscìrte, (lu), s.m.
cacata: cacànne, (la), s.f.
cacatura
: cacáte di máschele, (la), s.f.
cacca
: càcche, (la), s.f.
caccia; cacciata: caccijéte, (la), s.f.
cacciare, scacciare, emettere, eleggere, servire: cacciá, v. / dargli da bere: caccej' a vváve
cacciare il gatto (esclamazione per): frist!
cacciata
; caccia: caccijéte, (la), s.f.
cacio in genere, formaggio:
cásce, cäsce, quàsce, furmàgge, frummàgge, (lu), s.m. / caciocavallo, provolone, formaggio grasso di latte vaccino a pasta filata e semidura; il provolone ha una stagionatura più lunga rispetto al caciocavallo, per questo ha un carattere piu deciso ed è piu calorico mentre il caciocavallo ha un sapore piu delicato ed è meno salato: cacecavàlle, cašciacavàlle, pruvuláune, (lu), s.m. / provolone anche uva pergolone da tavola e dai grossi acini: pruvuláune, (lu), s.m.
caciocavallo, provolone, formaggio grasso di latte vaccino a pasta filata e semidura; il provolone ha una stagionatura più lunga rispetto al caciocavallo, per questo ha un carattere piu deciso ed è piu calorico mentre il caciocavallo ha un sapore piu delicato ed è meno salato: cacecavàlle, cašciacavàlle, pruvuláune, (lu), s.m. /
formaggio, cacio in genere: furmàgge, frummàgge, cásce, cäsce, quàsce, (lu), s.m. / provolone anche uva pergolone da tavola e dai grossi acini: pruvuláune, (lu), s.m.
caco: cachìsse, cachis, (lu), s.m., pl. li cachìsse
cacone, pauroso: cacaráune, (lu), s.m. / pauroso, vile: vèile, agg. / pauroso: mirdàse, agg.
cadaverino, morticino: murteciàlle o murticiàlle, (lu), s.m.
cadenza; ripetizione ossessiva; sequenza dei numeri del lotto: cadènze, (la), s.f.
cadere, colpire, anche offrire e proporre: amminá, v. /
cadere a terra, sciancare, inciampare, far male: šdulluffá, v. / cadere in trappola: 'ndirbinescérese, v.
caduta: cascànne, (la), s.f.
caduta di sedere
: culànne
, (la), s.f.
caduta dei primi frutti: càsche, (la), s.f.
caduta (grossa): cascannáune, (la), s.f.
caffè
: quafé, (lu), s.m.
caffettiera
, pentolino di rame per fare il caffè, la cioccolata, bricco: ciucculuattìre, (la), s.f., pl. li ciucculuattire
cafonata; azione volgare e di pessimo gusto: cafunàte, (la), s.f.
cafone, contadino, anche zotico: quafáune o cafáune, pl. li cafihune, zappatèrre, pl. li zappatèrre / bracciante a giornata, operaio giornaliero: jurnatàre, pl. li jurnatire,
ajîute, (lu), s.m., pl. l'ajîute / contadino: bèrre di sàbbie, (lu), s.m. / contadino: cambaréule, (lu), s.m.
cagare, defecare: cacá, v. / defecare, vuotare, travasare: divacá, v. / vuotare, voltare, girare: vuddá, v. / defecare di nuovo, tornare ossessivamente su uno stesso argomento, di persona ciarliera che non sa mantenere un segreto: arcacá, v.
cagione
, motivo: accaggiáune, (la), s.f.
cagionare
, formulare accuse: accaggiuná, v.
caglio
: cuàjje, quàjje, (lu), s.m.
cagnaccio, varietà di pesce della famiglia degli squali: canëzze, (lu), s.m.
cagnara
; incanata: 'ncanáte, (la), s.f.
cagnolino
, dim. di cucciolo: caccinèlle, (lu), s.m., pl. li caccinîlle, dim. di cacciùne / cagnolino: rabajàtte, (lu), s.m.
cagnolo: cacciáune, lu), s.m.
cagnotto
; bravo; sgherro: cajëcche, (lu), s.m.
caino
: cajëine, (lu), s.m.
calafatatore
: calafáre, (lu), s.m.
/ incapace: calafáre, agg.
calamaio o calamaro: calamäre o  cualamäre o qualamäre,  (lu),  s.m., pl. li calamére / calamaretto o piccolo calamaro: calamarátte, (lu), s.m.
calamaro o calamaio: calamäre o  cualamäre o qualamäre,  (lu),  s.m., pl. li calamére / calamaretto o piccolo calamaro: calamarátte, (lu), s.m.
calamaretto o piccolo calamaro: calamarátte, (lu), s.m. / calamaro o calamaio: calamäre o  cualamäre o qualamäre,  (lu),  s.m., pl. li calamére
calamita; magnete: calamëite, (la), s.f.
calandra: calandráune, (lu), s.m.
calare: calá, v.
calafatare: calafatá, v.
calcagno: calecàgne,
calicuàgne, (lu), s.m. / calcagno, tallone: talláune, (lu), s.m.
calcare, pigiare: accalicá, v. / fig. gli ha detto il fatto suo: j'a 'ccalicáte lu quappèlle
calcato, premuto, pressato: 'ngalicáte, agg.
calce anche malta: càgge, (la), s.f. / calce, calcedonio, marna cacarea: caggimùnie, (lu), s.m. / malta lenta per interstizi: bujjàcche, (la), s.f.
calcedonio, marna calcarea, calce: caggimùnie, (lu), s.m. / calce anche malta: càgge, (la), s.f. / malta lenta per interstizi: bujjàcche, (la), s.f.
calciare, scalciare: caggijé, scaggijé, v.
calciatore: futtebbalèšte, (lu), s.m.
calcina: càggëine, (la), s.f.
calcinaccio: cagginàcce, (lu), s.m.; sturatîure, (la), s.f.
calcinaio; manovale addetto a spegnere la calce: caggiaréule, (la), s.f.
calcio, zampata, colpo dato con la zampa: zambáune, (la), s.f. / ti do una zampata, un calcio: ti dìnghe 'na zambànne
calcio: càgge, (lu), s.m., pl. li chègge / calce anche malta: càgge, (la), s.f.
calcio; spunto del vino: chègge, (la), s.f.
calcio (il gioco del): futtebbàlle, fubbàlle, (lu), s.m.
calcolo delle tessitrici circa la quantità di filo da usare; capestro: ccrócche, (lu), s.m.
calcolo renale dell'antilope, ritenuto oggetto prezioso: bizzuàrre, (lu), s.m.
caldaia, grosso paiolo, caldaia per bollire il mosto: calläre, callàre, (la), s.f., pl. li callare / paiolo grande - piccolo, tegame da cucina: lapì, lapìe, lapìjje, quallàre, (lu), s.m.
caldaia per bollire il mosto, grosso paiolo: calläre, callàre, (la), s.f., pl. li callare / paiolo grande - piccolo, tegame da cucina: lapì, lapìe, lapìjje, quallàre, (lu), s.m.
caldana; calore: calláure, (lu), s.m.
caldana; calore improvviso; vampata di calore: fucáure, (lu), s.m., pl. li fuchîre / fiamma improvvisa, vampata: vambànne, vambàte, (la), s.f.
calderaio, ramaio: callaràre, ramàre, (lu), s.m.
calderaio, concaio, fabbricante di conche, ramaio: cunguàre, (lu), s.m.
caldo
: càlle, quàlle, agg./(lu), s.m., pl. li chèlle; per un'urgenza, una necessità impellente: a càll' a ccàlle si vàtte lu fèrre
cale, calette, baie, insenature, spiagge, siti, della costa vastese: Canale, Casàrze, Cunguarèlle, Grotte del Saraceno, Lebbe, Libbirtìne, Mottagrosse, Pinnucce, Punta d'Erce, Sanda Nicole, Scalamurze, Torricella, Trave, Vignole
calendario
: qualindarie
, (lu), s.m., pl. li calindèrie
calette, cale, baie, insenature, spiagge, siti, della costa vastese: Canale, Casàrze, Cunguarèlle, Grotte del Saraceno, Lebbe, Libbirtìne, Mottagrosse, Pinnucce, Punta d'Erce, Sanda Nicole, Scalamurze, Torricella, Trave, Vignole
calibro: càlebre, (lu), s.m.
caligine, nebbia, foschia: calàine, (la), s.f. / foschia: aria fi
šche, (l'), s.f.
callo
, caldo: quàlle, (lu), s.m., pl. li chèlle; càlle, agg. / callo del ciabattino anche moneta di due soldi, buono a nulla, parte del pettine senza denti: taláune, (lu), s.m. / per un'urgenza, una necessità impellente: a càll' a ccàlle si vàtte lu fèrre
calma, requie, riposo, tranquillità (interiore): abbènde, (l'), s.m., rèqueje, (la), s.f. / non trova riposo: nin de' rèqueje
calmare, assodare, risolvere: assudá
, v. / calmare, allocare, maritare: addiluquá, addulecá, appusá, v.
calmiere: calmìre, (lu), s.m.
calmo: cálme, agg. / calmo, tranquillo: paciáuse, agg. / tranquillo, quieto: cujéte, quiéte, agg.
Calogero
: Caloggere, n.p.p.
calore; caldana: calláure, (lu), s.m.
calore improvviso
; vampata di calore; caldana: fucáure, (lu), s.m., pl. li fuchîre / fiamma improvvisa, vampata: vambànne, vambàte, (la), s.f.
calore (in), in fregola, in amore, come i cani:
'nzìne, nganézze, avv.
caloroso: afficatáte, callaréule, agg.
caloscia per la protezione delle scarpe: calòsce, (la), s.f.
calunnia anche calunniatrice: malambàme, (la), s.f. / cattivo soggetto; persona poco raccomandabile: malambàme, (lu), s.m.
calunniare
: accalunié, v.
calunniatrice anche calunnia: malambàme, (la), s.f. / cattivo soggetto; persona poco raccomandabile: malambàme, (lu), s.m.
calvario:
calivàrije, qualivàrie, (lu), s.m.
calza, calzetta: cazzatte, (la), s.f., pl. li cazzatte: / natro attorno alle zampe delle galline per segnalarne la proprietà: cazzatte, (la), s.f. / accordo furbesco fra giocatori di biliardo: cazzatte, (la), s.f.
calza; copertura del lume: cazzittálle, (la), s.f.
calza a staffa, calzettone, ghettone: cazzittáune, (lu), s.m., pl. li cazzittîune
calza all'altezza della caviglia: cutîrne, (lu), s.m.
calza per fare scolare il vino
: célme
, (la), s.f.
calzante
; corno per infilare la scarpa: cazzatîure, (lu), s.m.
calzare
, dare forma rotonda a un oggetto: cugná, v.
calzatura, ciocia, zampitto, chiochiera tradizionale dell'Italia centro meridionale
anche parte intima femminile, vagina: còcche, (la), s.f. /
elegante calzatura anche camminata lunga e faticosa: scarpèine, (la), s.f. / scarpa: scarpe, (la), s.f., pl. li scarpe / scarpe: ciarabùtte, (li), pl. / scarpa piuttosto larga per camminarci: calasciáune, (lu), s.m. / scarpa (parte superiore): accrullatîure, (l'), s.f. / scarpa (parte della) anche spioncino, borchia della serratura: buccátte, (la), s.f. / scarpa da lavoro del contadino: scarpe di gruuàme, (la), s.f. /scarpaccia e anche scarpetta: ciambillátte, (la), s.f. / scarpetta per bambini: scarpitèlle, (la), s.f., pl. li scarpitèlle
calzetta, calza: cazzatte, (la), s.f., pl. li cazzatte: / natro attorno alle zampe delle galline per segnalarne la proprietà: cazzatte, (la), s.f. / accordo furbesco fra giocatori di biliardo: cazzatte, (la), s.f.
calzettone, calza a staffa, ghettone: cazzittáune, (lu), s.m., pl. li cazzittîune
calzini: pedalëine, li, pl.
calzino per bambini: cazzittalle, (la), s.f., pl. licazzittélle
calzolaio
: scarpáre, (lu), s.m., pl. li scarpëre /
ciabattino anche calzolaio o persona in genere che non eccelle per diligenza: ciavattëine
, (lu), s.m. /
ciabattino: sandulàre, (lu), s.m.
calzone
, pantalone: cažžàune, (lu), s.m., pl. li cazzîne
calzone
, dolce tipico, raviolo fritto ripieno di marmellata d'uva o composto di ceci oppure miele e mandorle: caggiàne, caggiàune, (lu), s.m., pl. li caggîne, caggìune
calzoni; pantaloni: cazzîune, (li), pl.
camallo, facchino portuale,
scaricatore di porto: sbarzùcche, (lu), s.m.
cambiare
, barattare: cagná, v. /
cambiare la suola alla scarpa: arichiandillá, v.
camera, stanza: càmbre, (la), s.f. / stanza al piano terra o pianterreno, il di sotto: dusuàtte, (lu), s.m., terràte, (la), s.f. / stanza al primo piano, il di sopra: dusuàpre, (lu), s.m.
cameriere: cuammarìre,
(lu), s.m.
camice
: càmece, quàmesce, (lu), s.m.
camicia
: camëisce, camìscia, (la), s.f., pl. li camëisce
camiciola per neonato: cacciàmane, (lu), s.m.
Camilla: Camëlle, n.p.p.
Camillo: Camélle, n.p.p., dim. Camillicce, Camillucce
caminetto, camino, focolare: ciummunìre, (la), s.f., fuculáre, (lu), s.m., pl. li fuculère / cappa, ciminiera, canna del camino, gola del camino, fumaiolo: ciummunìre, (la), s.f., pl. li ciummunìre
camino, caminetto, focolare: ciummunìre, (la), s.f., fuculáre, (lu), s.m., pl. li fuculère / cappa, ciminiera, canna del camino, gola del camino, fumaiolo: ciummunìre, (la), s.f., pl. li ciummunìre
camion; autocarro: càmie, (lu), s.m.
cammello: camé, (lu), s.m.
commerciante, bottegaio: putecàre, (lu), s.m.
camminare: camená, v. / camminare con lentezza, spesso con difficoltà: jappiché, v. /
camminare muro muro, quatto quatto: mîure a mîure, loc. avv. /
cammina sul filo, sull'orlo, rasente rasente: 'm bizze 'm bëzze, loc. avv.; camëne 'm bizze 'm bëzze a lu fosse
camminata lunga e faticosa anche elegante calzatur
a: scarpèine, (la), s.f.
camminatore; marciatore: camminatáure, (lu), s.m.
camomilla: camumëlle, (la), s.f.
campagna: cambagne, (la), s.f. / in campagna: 'ngambágne
campana di vetro contenente il lume della barca: gléube, (lu), s.m.
campanella anche farsetto femminile: cambanèlle, (la), s.f. / campanello: cambanèlle, (lu), s.m.
campanello: cambanèlle, (lu), s.m. / campanella anche farsetto femminile: cambanèlle, (la), s.f.
campare: cambá, v.
campeggio: cambáice, (lu), s.m.
campione anche delinquente: cambiáune, (lu), s.m.
campo di cicerchia (legume): cicirchiáre, (la), s.f.
campo di grano: càmbe, (lu), s.m.
campo destinato alla coltivazione delle fave, favaio: fafàre, (lu), s.m.
camposanto
, cimitero: quambisànde, (lu), s.m. ; fig. àrbre pizzîute, (l'), s.m.
canaglia: canàje, (la), s.f.
canale; gronda: canàle, quànale, (lu), s.m. / Siti, cale, calette, baie, insenature, spiagge della costa vastese: Casàrze, Canàle, Cunguarèlle, Grotte del Saraceno, Lebbe, Libbirtìne, Mottagrosse, Pinnucce, Punta d'Erce, Sanda Nicole, Scalamurze, Torricella, Trave, Vignole
Canale (abitanti della contrada): Canalutte, (Li), pl.
canaletto irriguo in terreni coltivati, solco: ràsele, (la), s.f., pl. li räsele; sualiche, sàleche, (lu), s.m., pl. li siliche
canapa: canaváune, (lu), s.m.
canapa, lino (filato): àcce, (l'), s.f.
canapa
, lino (filo grezzo): àcciä, (l'), s.f.
canapo per l'ancora: cáve, (lu) s.m.
canarino: canàreje, (lu), s.m.
cancellata: cangillàte, (la), s.f.
candeggina
, varechina: varechëine, (la), s.f.
candeggio dei panni
con cenere e acqua bollente: culàte o sculàte, (la), s.f.
candela
: cann
áile, cannàle, (la), s.f., pl. li cannàile, li cannéle / candela, cera: cére, (la), s.f. / colore del volto, indizio di poca salute: cére, (la), s.f. / fig. hai un bel colorito: ti 'na bbella cére
candela, cerogeno, usato per comemorare i defunti: ciròggene, (lu), s.m.
candeliere: cannilìre, (lu), s.m.
Candelora, festa della purificazione, Festa della candelora: Canniléure, Canneléure, (La), s.f.
Candida
: Candede, n.p.p.
cane: cáne, quàne, (lu), s.m., pl. li chéne / cani e cani non si mordono: chéne' e chéne 'n 'zi máccechene, (fig) / cane: zuzú, (lu), s.m. / voce per chiamare il cane: zuzú, (lu), s.m. / appellativo infantile rivolto al cane: ciuciù
, (lu), s.m.
cane (di) idrofobo, adirato: arrajáte, agg.
cane morto, invettiva rivolta agli infingardi o alla morte: mortacàne!, loc.
cane piccolo: quaccinêlle, (la), s.m., pl. li caccinille
cane volpino: pumétte, (lu), s.m.
canepaia, campo coltivato a canapa anche venditore o lavoratore di canapa: canavàre, (lu), s.m.
canesca, varieta di palombo: paccavà, tummarèlle, (lu), s.m.
canestraio
: canestráre, (lu), s.m.
canestrata (di roba): caništrànne, (la), s.f.
canestrello
: quanistrêlle, (lu), s.m., pl. li canistrèlle
canestro
, cesto di canne fatto a mano
; paniere: canaštre, quanâstre, (lu), s.m., pl. li canêstre
cani (insieme di): canattarë, (la), s.f.
canna di legno per spianare l'impasto di farina e preparare la sfoglia; matterello: cannèlle o quannêlle, di li sagne, (lu), s.m., pl. li cannìlle di li sagne
canna per riavvolgere il filo dell'ordito; matterello: cannèlle, (lu), s.m.
canna
, gola: cànne, gànne, (la), s.f. / deisderio insoddisfatto: m'è rimàste 'n gànne / ti prende la gola: t'acchiàppe 'n gànne
canna; misura antica lineare (mt. 2,109): cànne, (la), s.f.
canna munita di esca per la pesca dei favolli (pelosi): mazzócche, (la), s.f.
canna del camino, ciminiera, cappa, gola del camino, fumaiolo: ciummunìre, (la), s.f., pl. li ciummunìre / camino, caminetto, focolare: ciummunìre, (la), s.f., fuculáre, (lu), s.m., pl. li fuculère
canna fumaria anche tuba, cappello a cilindro: tíbbe, (lu), s.m.
canna più lunga della cornamusa
: béfere, (la), s.f.
canna per segnalare o delimitare i confini di un terreno: bbéffe, (la), s.f.
canna selvatica, per lo più palustre: cannëzze, (la), s.f.
canne
, l'insieme di quattro canne tutrici dei pomodori o fagioli legate insieme a forma di piramide: cambrátte, (la), s.f.
/ cameretta: cambrátte, (la), s.f.
cannella della botte: cannêlle di la vatte, (la), s.f., pl. li cannêlle di la vatte
cannelli di lana da filare: pinnàcchie, (li), pl.
canne della gola; rigatone, varietà di pasta: cannarózze, (lu), s.m.
canneto
: quannaite, (lu), s.m.
cannicciata
; cannizzata; recinto di canne: cannizzéte, (la), s.f., pl. li cannizzéte / recinto: fènze, (la), s.f.
cannizzata; cannicciata; recinto di canne: cannizzéte, (la), s.f., pl. li cannizzéte / recinto: fènze, (la), s.f.
cannocchiale: cannucchiàle, (lu), s.m.
cannolicchio, nicchio marino bivalve fusiforme: cannèlle, cannëlle, cannulëcchie, saláuppe, (lu), s.m.
cannolo; pasticcino in genere: bicchinótte, (lu), s.m.
cannone: cannáune, (lu), s.m., pl. li cannîune
cannuccia della pipa
o della siringa: cippálle, (la), s.f.
canocchia
o cicala di mare o cicala o panocchia: panôcchie o cicále, (la),  s.f., pl. (li); dim. cechelàlle, cichilàlle, la panucchiuàlle, (la), s.f. (la),  s.f.
canonico; persona astuta: canòneche, (lu), s.m.
canottiera: canuttûre, (la), s.f.
canovaccio: canavàzze, (lu), s.m.
cantare: candá, v.
càntaro, vaso da notte, pitale, orinale:
pisciatáure, zí peppe, (lu), s.m., pl. li pisciatîure / recipiente per raccogliere le feci: cacatáure, (lu), s.m., pl. li cacatîure
càntaro per i bisogni corporali
; orcio, in genere per riporre l'olio: minàre
, (lu), s.m.
càntaro, tanuda, pesce dei girellidi: canarèlle, sàraca bbastàrde, (la), s.f.
cantata
: quandàjje, (la), s.f.
cantiere; colmo di grano sull'aia: candìre, (lu), s.m. / togliere la pula dai cereali e dai legumi: fare candìre
cantina
: cantène, (la), s.f.
cantiniere
: quantinire, (lu), s.m., pl. li cantinire
canto, angolo fra due muri, cantuccio: curnàcchie, (lu), s.m. / cantone di muro: curnecchière, (la), s.f. /
cantonata, angolo esterno formato dalle mura di un edificio tra una strada e l’altra, cantone, spigolo, inizio di vicolo o strada: pundáune, pindáune, (lu), s.m., pl. li pindîune; pundunàte, (la), s.f.
cantonata anche sassata: candunàte, (la), s.f. /
cantonata, angolo esterno formato dalle mura di un edificio tra una strada e l’altra, cantone, spigolo, inizio di vicolo o strada:
pundáune, pindáune, (lu), s.m., pl. li pindîune; pundunàte, (la), s.f.
/ canto, angolo fra due muri, cantuccio: curnàcchie, (lu), s.m. / cantone di muro: curnecchière, (la), s.f.
cantone, cantonata, angolo esterno formato dalle mura di un edificio tra una strada e l’altra, spigolo, inizio di vicolo o strada: pundáune, pindáune, (lu), s.m., pl. li pindîune; pundunàte, (la), s.f. / canto, angolo fra due muri, cantuccio: curnàcchie, (lu), s.m. / cantone di muro: curnecchière, (la), s.f.
cantone di muro: curnecchière, (la), s.f. / canto, angolo fra due muri, cantuccio: curnàcchie, (lu), s.m. / cantonata, angolo esterno formato dalle mura di un edificio tra una strada e l’altra, cantone, spigolo, inizio di vicolo o strada: pundáune, pindáune, (lu), s.m., pl. li pindîune; pundunàte, (la), s.f.
cantoniere ferroviario; casellante, addetto al casello autostradale: casillànde, (lu), s.m.
cantoniere stradale; addetto alla manutenzione di pezzi di strade statali e provinciali: cantunîre, (lu), s.m.
cantone
, angolo di strada: pindàune, pundàune, pundòne, (lu), s.m., pl., li pindîune
/
angolo, canto fra due muri, cantuccio: curnàcchie, (lu), s.m.
cantone anche spuntone di uno scoglio marino: candáune, (lu), s.m.
cantuccio, angolo, pizzo: pìzze o pèzze, (lu), s.m. / cantuccio,
canto, angolo fra due muri: curnàcchie, (lu), s.m. / cantone di muro: curnecchière, (la), s.f. / cantonata, angolo esterno formato dalle mura di un edificio tra una strada e l’altra, cantone, spigolo, inizio di vicolo o strada: pundáune, pindáune, (lu), s.m., pl. li pindîune; pundunàte, (la), s.f.
canzonare, coglionare, sfottere, gabbare: arifricá, 'refrecá, v. /
canzonare, coglionare: cujuná, v. / prendere in giro, sfottere, sbeffeggiare, imitare: cuffujé, arrénne l'abbàie, pazzìjá, v. / gabbare, schernire: gabbá, habbá, v. / schernire: ariscarnë, v. / sbeffeggiare con noncuranza, ripassare: aripassá, v. /
prendere in giro, anche giocare, baloccare: pazzìjá, v. / prendere in giro: frište, loc.
canzonatura
: cujunatîure, (la), s.f.
canzoncina: canzungëine, (la), s.f.
canzone: canzáune, (la), s.f.
, pl. li canzîune
canzone paesana: paisanèlle, (la), s.f.
canzone sotto la finestra dell'ex fidanzata: canzáune suspètte, (la), s.f.
capacità, talento: ttalènde, (lu), s.m.
capanna: capànne, (la), s.f.
capanno turistico usato dai contadini
: pingiàre, (la), s.f.
capecchio della canapa e del lino: capìrchie, (lu), s.m.
capello: capálle, (lu), s.m.
, pl. li capëlle
capello (a): tacc' a tàcche, loc. avv.
capestro; calcolo delle tessitrici circa la quantità di filo da usare: ccrócche, (lu), s.m.
capezzale: capizzàle, (lu), s.m.
capezzolo: pupágne, (la), s.f.
capi (i) del filo: càpere, (li), pl.
capire, comprendere, intendere, essere esperto di, avere contezza: arindènnë, v. / se ne intende: se n'arindènnë
capitale; fune per legare la soma all'asino o al cavallo: capetále, (la), s.f.
capitano: capetàne, quapitàne, (lu), s.m., pl. li capitene
capitello: capetälle, (lu), s.m.
capitombolo
; capriola: capilòtte, (la), s.f.

capitone, anguilla
, di grosse dimensioni, femmina che non torna in mare per riprodursi, ma rimane nelle acque interne ingrassandosi: capitáune, (lu), s.m., pl. li capitîne
capo, cranio, testa: càpa, cápe, còcce, (la), s.f., pl. li còcce; cciudàjje, (lu) s.m.
capo di una canapa, di una gomena, cima, vetta: cëime, ciàime, (la), s.f.
capo di una carovana di braccianti; gioco delle noci: capurále, (lu), s.m.
capo di una gomena, di una canapa, cima, vetta: cëime, ciàime, (la), s.f.
capo femminile, grembiule o sottana: guarnèlle, (lu), s.m.; sottana: suttuane, (la), s.f., pl. li suttuene
capo o estremità della fune della paranza: ràšte, (la), s.f.
capobarca, armatore: paráune (parón davanti a nome), (lu), s.m.
capocarovana dei mietitori o degli zappatori, in posizione avanzata rispetto ai compagni: andinìre, (l'), s.m.
capocchia, glande, testa di spillo: capòcce, (la), s.f.
capocollo
; cervice; tipico insaccato di maiale: capecòlle, (lu), s.m.
capocorda o redancia, anello per far passare i cavi: nèlle
, redàngie, (la), s.f.
capodanno
: cape d'Anne, (lu), s.m.
capodoglio: cambeduòjje, (lu), s.m.
capogiro: ggiramànne, (lu), s.m.
caporale: quapurale, (lu), s.m., pl. li capurele
caporione
a guida di una ragazzaglia o di bravacci: capaddòzie, (lu), s.m. /caporione: capintèšte, (lu), s.m.
capovolgere, dissuadere: capivuddá, v.
cappa: càppe, (la), s.f.
cappa, ciminiera, canna del camino, gola del camino, fumaiolo: ciummunìre, (la), s.f., pl. li ciummunìre / camino, caminetto, focolare: ciummunìre, (la), s.f., fuculáre, (lu), s.m., pl. li fuculère
cappa chione, conchiglia bivalve, arsella, cappa verrucosa, fasolaro, lamellibranco, noce, tartufo, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze, / conchiglia marina, cornetto: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
cappa verrucosa, conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, fasolaro, lamellibranco, noce, tartufo, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze / conchiglia marina, cornetto: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
cappella: cappelle, (la), s.f.
cappellaccio: ciarfèlle, (lu), s.m.
cappellano o busbana, varietà di pesce, dalle carni mediocri, in genere usato per la frittura: sbäne o sbbàne, (la), s.f.
cappellini, specie di pasta finissima: fidilëine, (li), pl.
cappello
: cappèlle, quappèlle, zimbrille, (lu), s.m., pl. li cappille
cappello; mantello contadinesco: cappèlle, (lu), s.m.
cappello a cilindro, tuba
anche canna fumaria: tíbbe, (lu), s.m.
cappello in non buone condizioni: cufácchie, (lu), s.m.
cappello (piccolo) per bambini: cuappillicce, quappillicce, (lu), s.m., pl. li cappillicce
cappio anche nodo sfilabile fatto con spago: paséule, (la), s.f., pl. li paséle / nodo scorsoio fatto con stelo d'erba per catturare le lucertole: paséule, (la), s.f. / non valere nulla: fare schifo "a la paséule" / cappio, nodo scorsoio: cchiàppe, (lu), s.m.
capone, cappone o gallinella o ghiozzo o testone, pesce marino: mizzáune o muzzáune (lu), s.m.; muzzelàne, muzzelàne di féure, muzzilëne o muzzilëine o muzzulëine, teštulëine o tištuluëne, (la), s.f. / cappone dalmata anche gallinella, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m. / cappone lira, ghiozzo testone, pesce cappone organo: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m. / ghiozzo comune o ghiozzo paganello: bbàtte o bbuàtte, buàtte, (la), s.f. / cappone caviglione  o semplicemente caviglione, gallinellamazzola, pesce marino della famiglia triglidae: pircátte, (lu), s.m. / cappone, varietà di pesce: angilittëine, (l'), s.f. pesce cappone: capáune, (lu), s.m.
cappone dalmata anche gallinella, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m.; muzzelàne, (la), s.f. / cappone lira, ghiozzo testone, pesce cappone organo: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m.; muzzelàne di féure, (la), s.f. / pesce cappone: capáune, (lu), s.m. / ghiozzo, testone, pesce marino: muzzáune o mizzáune, (lu), s.m.; muzzulëine, muzzilëine, muzzilène, testulëine, (la), s.f. / ghiozzo comune: bbàtte, (la), s.f. / ghiozzo paganello: bbuátte, buàtte, (la), s.f.
cappone lira, ghiozzo testone, pesce cappone organo: capacchijáune, capucchiáune, (lu), s.m.; muzzelàne di féure, (la), s.f. / pesce cappone: capáune, (lu), s.m. / cappone dalmata anche gallinella, pesce con la testa grande: cucciláune o cucciulàune, (lu), s.m.; muzzelàne, (la), s.f. /ghiozzo, testone, pesce marino: muzzáune o mizzáune, (lu), s.m.; muzzulëine, muzzilëine, muzzilène, testulëine, (la), s.f. / ghiozzo comune: bbàtte, (la), s.f. / ghiozzo paganello: bbuátte, buàtte, (la), s.f.
cappotto: pualettó, (lu), s.m. /
cappotto, pastrano piuttosto pesante: paštràne, (lu), s.m. /
cappotto anche mancanza di punti nel gioco delle carte: cappòtte, (lu), s.m. / relativo a cappotto di finta pelliccia: cicišquí, agg.
cappuccia, cavolo cappuccio, verza, verzotta, cavolo
a forma di cappuccio o di palla: cappîcce, verzètte, verzotte, virzòtte, (la), s.f., pl. li cappîcce, li verzotte
cappuccini (i frati): cappucciëne, (li), pl.

cappuccio
: quappìcce, (lu), s.m.
capra
: cràpe, (la), s.f., pl. li cräpe
capra (di) o montone privo di corna: chéuche, agg.
capra (il piccolo della), pecora o vacca; si usa anche nell'accezione di cornuto: ciavàrre, (lu), s.m. / di agnello giovane: ciavàrre, agg.
capraio, granchio di mare non commestibile, anche addetto alla custodia e al pascolo dele capre: crapàre, (lu), s.m., pl. li crapére /
granchio: grànge, hrànge, (lu), s.m. / granchiolino, dim. di granchio: grangitèlle, hrangitìlle, (lu), s.m. /
varietà di granchio: facchëine, (lu), s.m. / granchio di mare commestibile, favollo: piláuse, (lu), s.m. / grancevola, genere di crostacei: vícchije, (la), s.f.
capretto: crapétte, (la), s.f., pl. li crapétte
capricci anche moine: trépele, (li), pl.
capriccio, bizza: fandascèjje, (la), s.f. / capriccio:
vréche, (lu), s.m. / marrùjje, (li), pl.: bizze; emorroidi
capriccio
, per lo più ingiustificato: pécce, (lu, s.m.
capriccioso anche piccione: picciáune, (lu), s.m.
capriccioso anche sdolcinato, lezioso, di carattere smanceroso: trapilëine, agg. / capriccioso, puntiglioso: pindillàse, agg. / puntiglioso, meticoloso: pilillàre, agg. / puntiglioso, dispettoso: curriváuse, (lu), s.m. /
puntiglioso, saccente anche ironicamente sarto: 'mpilapidùcchie o 'mbilapidùcchie, (lu), s.m.
capriola; capitombolo: capilòtte, (la), s.f.
capriolo
: cràpëje
, (lu), s.m.
caprone, becco: quapráune, zurràcchie, zzûrre, (lu), s.m.
capruggine, incavo praticato nella parte interna delle botti: capirnatîure, (la), s.f.
carabattola
, masserizia, oggetto di poco pregio, prendi le tue carabattole e vattene, anche ragazza incline a facili costumi; fig. bazzecola, bagatella: bahattèlle, (la), s.f. / carabattole: 'mbambànaje, (li), pl.
carabiniere:
carabbinìre, (lu), s.m., pl. li carabbinìre
caraffa; antica misura per liquidi (l. 0,727): caràffe, (la), s.f.
caraffa di terra cotta, boccale per il vino: vucale, (lu), s.m., pl. li vichele /
caraffa; fiasco; bottiglione di vetro a forma sferica: bòcce, (la), s.f., pl. li bocce / caraffa, misura del vino, di mezzo litro; foglietta: fujàtte, (la), s.f.
caramella; monocolo: caramèlle, (la), s.f.
caratello
, bariletto: quaratèlle, (lu), s.m.
carattere, individuo, tipo: tuèïpe, (lu), s.m. /
carattere,
temperamento: timberamènde, (lu), s.m. / carattere (poco regolare) anche
torto, corrotto, cattivo, storto: tòrte, ttòrte, (lu), s.m./agg. / di persona non a modo: j'è ttòrte
carbonaia; carcere: carabbòzze, (lu), s.m.
carbonaio
: carivunàre, carvunàre, (lu), s.m., pl. li carivunère, carvunère
carboncini piccoli accesi mischiati alla cenere; cenere ancora calda: cinèisce, (la), s.f., non ha pl.
carbone
: carváune, carivàne, quarvàune, (lu), s.m., pl. li carivihune, carvihune, carvîune
carbonella: carvunèlle, (la), s.f. / carbonella; parassita del grano e dell'orzo; volpe: carivunèlle, (la), s.f.
carcere, galera: halé, halère, galéa, (la), s.f.
carcere; carbonaia: carabbòzze, (lu), s.m.
carcerato
, recluso, detenuto: carciráte, quarciráte, (lu), s.m.
carciofo: scarciófene, (la), s.f., pl. li scarci
ófene
cardare: scardá / cardare la lana: scardá la làne
cardatore: scardatàure, (lu), s.m., pl. li scardatëre / cardatore di lana
: scardalàne, (lu), s.m. / scardalana, chi raffina la lana di pecora: squardalàne, (lu), s.m., pl. li scardalène / cardare la lana: scardá la làne

cardellino: cardìlle, quardëlle, (lu), s.m., pl. li cardëlle
cardo: quàrde, (lu), s.m.
cardone, pianta di carciofo e non cardo: cardàune, (lu), s.m., pl. li cardìne
carena: òpra vëive, (la), s.f.
carestia: caraštéje,
caraštëjje, (la), s.f.
carezza: caràzze, (la), s.f.
caricare, incollare: 'ngullá, v. /
caricare, incollare di nuovo: aringullá, v.
carico, del mutarsi del tempo: càreche, agg.
carico anche basto per asino o mulo: mmášte, muašte, mmuošte, (lu) s.m., pl. li mmêšte
carico o quantità di roba portabile o da portare addosso sul petto o sulle spalle: 'ngulláte, (la), s.f.
carità (atteggiamento di), comprensione: aripitáuse, aripitávale, agg.
carlino; moneta d'argento dell'antico Regno di Napoli: carlëine, (lu), s.m.
Carlo: Carle, Carlicce, n.p.p.
Carmela: Carmelëine, n.p.p.
Carmine: Càrmene, n.p.p
/ Il mercoledì del Carmine: Lu jurne di lu Cuármine / dim. Carminìcce, Carminùcce
Carminuccio: Carminîcce, n.p.p., dim. di Carmine
carnale, fraterno: carnàle, agg.
carne, ciccia: carne, ciàcce, (la), s.f.
carne: cárne, (la), s.f., pl. li cherne / brividi: ricce de chèrne
carnefice, boia: bòjje, (lu), s.m.
carneficina, eccidio, strage: scanna-scanne, (lu), s.m. / eccidio, strage, massacro, profanare, oltraggiare: cciudàjje, ccidàjje, (lu), s.m.; di la fàmmene a la 'Mèreche l'ome fanne 'nu cciudàjje
/
carneficina, strage, spesso con significato scherzoso anche lavoro malfatto: ccidàjje, (la), s.f. / carneficina generale, sommossa: 'ccite accèite, (lu), s.m.
Carneria; contrada nella zona di Punta penna; località di macellai; tesoro vagheggiato in una grotta: Carnarëjje, n.p.
Carnevale
, martedì grasso, il giorno che precede Le Ceneri: carnëvale, carnivàle, (lu), s.m.
caro
, salato: saláte, agg.; pahà tande saláte
carota: caréute, paštenàche (la), s.f.
carradore, carraio, birocciaio, costruttore di carri,
traini e bighe, mestiere artigianale: cuarràre, quarràre, carràre, (lu), s.m., pl. li carrére
carraio, carradore, birocciaio, costruttore di carri, traini e bighe, mestiere artigianale: cuarràre, quarràre, carràre, (lu), s.m., pl. li carrére
carreggio; trasporto: carijamìnde, (lu), s.m.
carrettiere, conducente di carretti da trasporto: trajnìre, trainìre, trainànde, viaticäre, (lu), s.m., pl. li trajnìre
carretto, carro da tiro, carro da trasporto merci, per lo più a due ruote: trajëine, (lu), s.m., pl. li traiene
carretto con molle: sciarabballe, (lu), s.m., pl. li sciarabbêlle
carriera, corsa, corsa dei cavalli: carrìre, carrïre, (la), s.f.
carriera (di); in gran fretta: a callátte, loc. avv.
carriola: cariele, (la), s.f.
carro: càre, (lu), s.m.
carro / morsa usata dai falegnami: càrre, (lu), s.m., pl. li chèrre
carro agricolo: quàrre, (lu), s.m., pl. li chêrre
carro agricolo da lavoro a due ruote: trajèine, (lu), s.m.
carro a gricolo a quattro ruote: mambrócche, (lu), s.m.
carro da tiro, carretto, carro da trasporto merci, per lo più a due ruote: trajëine, (lu), s.m., pl. li traiene
carro da trasporto merci, per lo più a due ruote, carro da tiro, carretto: trajëine, (lu), s.m., pl. li traiene
carro funebre: carrittáune, (lu), s.m.
carro (parte del) opposta alle stanghe /
coltroncino
dim. di coltrone / la posa dell'olio nell'utello: culázze, (la), s.f.
carrozza
; gioco fanciullesco dei pugni: carròzze, (la), s.f.
carrozzone anche banda musicale molto rinomata: bbandáune, (lu), s.m.
carruba: sciaunèlle, sciavunèlle, sciannèlle, (la), s.f.
carrucola: carrícule, carríchele, (la), s.f., pl. li carrícule / carrucola, puleggia: pulèggie, (la), s.f./ piccola carrucola: tajátte, tajjátte, (la), s.f.
carta anche un documento qualsiasi: càrte, (la), s.f. / documento: ducumènde, (lu), s.m.
carta, documento: papìlle, (lu), s.m.
carta assorbente: cartassurbuende, (lu), s.m., pl. li cartassurbuende
carta da gioco, il tre di bastoni: deféce, (lu), s.m.
carta da gioco (seme di una), coppe: còppe, (la), s.f.
cartaio, mazziere; cartolaio: cartáre, (lu), s.m.
cartella: cartèlle, (la), s.f. / avviso; manifesto: cartèlle, (lu), s.m.  / avviso: avvãise, (l'), s.m.
cartilagine, tenerume: tunuràme, (lu), s.m.
cartoccio, involucro di carta: cartòcce, (lu), s.m. / cartoccio:
scartòcce, (lu), s.m. / cartoccio: 'ngartáte, (la), s.f.
cartolaio; cartaio, mazziere: cartáre, (lu), s.m.
casa: case, (la), s.f., pl. li case
casa colonica, masseria: massarè, massarèjje, (la), s.f., pl. li massarè
casa (di), di pane fatto in casa: casaràcce, agg.
casa in ordine o rassettata (riferito a): 'riziláte, agg.
casacca dei contadini, gabbano: habbàne, (lu), s.m.
casarelle, rione urbano di Vasto, nella parte ovest: casarèlle (li), pl. -
altri: aragona: arraháune, (l'), s.f. / belvedere: bellevidá, (lu), s.m. / casetta: casàtte, (la), s.f. / nei pressi della Torre di Santo Spirito: cavîute, (la), s.f. / croci, nella parte sud della città: crìce, (li), pl. / portanuova: purtanève / San Giuseppe: San Giusuéppe / San Michele: San Micchèle / San Pietro: San Pìtre / Sant'Anna: Sant'Anne / Santa Maria: Sanda Marè
Casarza
, contrada sul mare tra San Nicola della Méta e Trave: Casàrze, n. pr..
Siti, cale, calette, baie, insenature, spiagge della costa vastese: Casàrze, Canàle, Cunguarèlle, Grotte del Saraceno, Lebbe, Libbirtìne, Mottagrosse, Pinnucce, Punta d'Erce, Sanda Nicole, Scalamurze, Torricella, Trave, Vignole
casellante; addetto al casello autostradale; cantoniere ferroviario: casillànde, (lu), s.m.
casetta, rione urbano di Vasto:
casàtte, (la), s.f. - altri: aragona: arraháune, (l'), s.f. / belvedere: bellevidá, (lu), s.m. / casarelle, nella parte ovest: casarèlle (li), pl. / nei pressi della Torre di Santo Spirito: cavîute, (la), s.f. / croci, nella parte sud della città: crìce, (li), pl. / portanuova: purtanève / San Giuseppe: San Giusuéppe / San Michele: San Micchèle / San Pietro: San Pìtre / Sant'Anna: Sant'Anne / Santa Maria: Sanda Marè
casette (un insieme di): casarëine, (lu), s.m.
Casimiro: Casemire, n.p.p.
casino, confusione, chiasso, disordine anche repubblica: repùbbliche, (la), s.f. / baccano, chiasso, diavolio, scompiglio, trambusto: rubbèlle, (lu), s.m.
casino di campagna, villa, giardini pubblici: vèlle, (la), s.f.
caso mai; per caso; nel caso che, se; semmai: casemènde, 'ngasimènde, 'n gasemènde, avv.
casotto, cabina rif. agli spogliatoi sulla spiaggia: casòtte, (lu), s.m., pl. li casùtte
cassa: càsce, (la), s.f.
cassa da morto: tavîute o taùte, (la), s.f.
cassetta, per piccoli impasti di gesso o altro
; torace: casciátte, cassciátte, (la), s.f., pl. li cascêtte
cassetto, tiretto anche loculo funerario per traslato: turatáure, (lu), s.m.
cassettone: cumé
, buré, (lu), s.m.
cassone; massicciata stradale: cassciáune, (lu), s.m.
castagna
: viréule, caštagne, (la), s.f.
/ il castagno: caštagne, (lu), s.m.
castagno (il): caštagne, (lu), s.m. / castagna: viréule, caštagne, (la), s.f.
castagnaio, venditore di castagne: castagnàre, (lu), s.m.
castagnola nera, pesce del genere cromide, con coda biforcuta; dolce tipico: caštagnéule, (la), s.f.
castagnole (fabbricante di): buttáre, (lu), s.m.
castello: caštèlle, quaštèlle, (lu), s.m.
/
focaccia rustica: caštèlle, (lu), s.m.

castigare:
caštehá, hasticá, v.
castraporci: sanapòrce, (lu), s.m.
castrare
, potare: craštá, v.
castrato
(agnello): craštáte
, (lu), s.m.
catafalco: caštillàne, (la), s.f.
cataplasma, impiastro, di persona sudicia, incapace: 'mbiàštre, cataplàsme, quataplàsme
, agg./(lu), s.m. / in senso dispreg.: si nu quataplàsme 
catasto; stima di un valore: apprézze, (l') s.m.
catechismo
, dottrina: duttrëine, (la), s.f. /
catechismo; discorso barboso: catachësseme, (lu), s.m.
catena: catáine, (la), s.f.
catenaccio, ferro: fèrre, (lu), s.m.
catenaccio, chiavistello: pirchiátte, (lu), s.m.
catenaccio (piccolo); forcina dei capelli: firràtte, (lu), s.m.
catenella d'oro o d'argento: catinëjje, (la), s.f.
Caterina
: Catarëine, Catarène, n.p.p.
catino
: vazzèje, (la), s.f.
catino,
vassoio, scodella molto larga: grìmbe, (la), s.f. / vassoietto: grimbetèlle, (la), s.f. /vassoio: uandìre, (la), s.f. / vassoio ovale, guantiera, recipiente di terracotta smaltato per minestra: sbrellònghe, späse, (la), s.f., pl. li spàse
catino, bacinella, bacile, bacino, recipiente usato come zuppiera: vaccëile, vuaccëile, uaccëile, (lu), s.m.
cattiva-o
: mala, mmale-a, agg. / cattiva giornata: mmala jurnate
cattiva nottata e figlia femmina: mala nuttuäte e cìtela fàmmene
cattiva annata riguardo al raccolto: malahannáte, malannàte, (la), s.f.
cattiva
imitazione; pessima copiatura: bòrre, (lu), s.m.
cattiva nomea, pessima fama: malannummunéte, (la), s.f.
/ nomea; dubbia reputazione: annummunéte, (l'), s.f.
cattiveria; birbanteria: birbandáte, (la), s.f. /
cattiveria; infamità: 'mbamézie, (la), s.f.
cattivo; perfido: malamènde, avv.
cattivo, torto,
corrotto, storto, anche per carattere poco regolare: tòrte, ttòrte, (lu), s.m./agg. / di persona non a modo: j'è ttòrte
cattivo
, non buono: mmalamènde, agg./avv.
cattivo augurio
: malahîurie, (lu), s.m.
cattivo sangue
: malesànghe, agg.
cattivo soggetto: malajèrve, (lu), s.m. /
cattivo soggetto; persona poco raccomandabile: malambàme, (lu), s.m.
cattivo tempo: maletèmbe, (lu), s.m.
causa: cáuse, (la), s.f.
causare, provocare prurito: dilicàre, v. /
solleticare, fare solletico, vellicare: ciliché, diliché, dilichijé, techelejé, v. / solleticare, pizzicare: pizzicá, v.
cauterio chirurgico,
strumento chirurgico che veniva usato, dopo essere stato reso incandescente, per cauterizzare; oggi sostituito dall'elettrobisturi: ruttòrie, (lu), s.m.
cavadenti, pessimo dentista: cacciadìnde, (lu), s.m.
cavalcata di asini: ciucciujéte, (la), s.f.
cavalla
, giumenta, anche bella donna formosa: jumènde, iumuênte, s.f., pl. li iumuênte / una cavalla: 'na jumènde
cavalleria: cavallarëjje, (la), s.f.
cavalletta; locusta; tipo magro e scattante: mazzangrèlle, (lu), s.m.
cavalletti, sostegni di ferro per il letto anche stinchi: tréspele o tréspete, (li), pl.
cavalli (di) o asini soliti a inciampare: cipulláre, agg.
cavallina
, gioco: jondacavàlle, (la), s.f.
cavallo
; gioco di ragazzi; rialzo di terra fra le viti: cavàlle, (lu), s.m.
cavallo
, anche inforcatura dei pantaloni: quavàlle, s.m., pl. li cavêlle
cavallo (piccolo), puledro: pullêdre, pillètre, (lu), s.m., pl. li pillèdre / puledro di giumenta, giumenta piccola: vannìne, vannene, (la), s.f., pl. li vannene /
puledro di un anno: carîuse, (lu), s.m.
cavallo grande e robusto:
cavalláune, (lu), s.m. / donna di robusta complessione: cavalláune, (la), s.f.
cavallo (di) giovane, tenuto a trapelo fuori delle stanghe per essere addestrato: a la vilangëine, a manginelle, avv.
cavallo (di) abituato a stare in stalla: pajjaréule, agg.
cavalluccio
, dim. di cavallo: cavallîcce, (lu), s.m., dim. di cavàlle:
cavarsela, scamparla: affrancá, v.
cavatelli, piccoli gnocchi: cazzarìlle, s.m.pl., (li) / anche amaro, diavoletto, diavolicchio, lazzaretto, peperoncino piccante rosso, piccantello: bruciaquîule, cazzarèlle, diavilàlle, diavulillo, lazzarêtte, pepicucènde, piparole rásce, pipidìnie pizzicande, pipintone di 'mberne, pispagnole di féuche, (lu), s.m., pl. li cazzarìlle, diavilèlle, lazzarètte
caverna, grotta: grótte, gràtte, (la), s.f. / piccola grotta: gruttuciàlle, (la), s.f.
cavezza
, corda con cui si governa un animale, redini per guidare le bestie da soma: capézze, capázze, (la), s.f.
cavezzone, bravaccio: capizzáune, (lu) s.m. / bravaccio, bugiardo, fanfarone, millantatore, spaccone, vanaglorioso, vantone: arcimbámbele, baggiàne, ggiannèzzere, pallunàre, sbrafànde o sbravànde, vandasciàre, agg./ (lu) s.m.
caviale: cavijáne, (lu) s.m.
cavicchio o attrezzo per la messa a dimora o trapiantare piante ortofrutticole e ortaggi: përe, (lu), s.m. /
cavicchio, tappo, zaffo: zuaffe, zàffe, (lu), s.m. / cavicchio, asse di legno per agganciare il timone del carro alle ritortole: cavécchie, (la), s.f.
caviglia: spuzzàlle, (lu), s.m., pl. li spizzèlle
caviglie fissate alla falchetta di un'imbarcazione, alle quali si lega il remo con uno stroppo durante la voga, scalmo doppio: pappahàlle, (lu), s.m.
caviglione, genere di pesce: marzabbòcche, (lu), s.m. / caviglione o cappone caviglion
e, gallinella,  mazzola, pesce marino della famiglia triglidae: pircátte, (lu), s.m.
cavità, tana, naturale o scavata, rifugio, di numerosi animali selvatici dai predatori: tane, (la), s.f., pl. li tane
cavîute, rione urbano di Vasto, nei pressi della Torre di Santo Spirito: cavîute, (la), s.f. - altri: aragona: arraháune, (l'), s.f. /
belvedere: bellevidá, (lu), s.m. / casarelle, nella parte ovest: casarèlle (li), pl. / casetta: casàtte, (la), s.f. / croci, nella parte sud della città: crìce, (li), pl. / portanuova: purtanève / San Giuseppe: San Giusuéppe / San Michele: San Micchèle / San Pietro: San Pìtre / Sant'Anna: Sant'Anne / Santa Maria: Sanda Marè
cavo: càve, agg. /
cavo, fondo, profondo, di utensili per cibo: funnîute, cuppîute, agg. /
piccolo
cavo di rinforzo, corda dell'orlatura della vela, gratile: cungìre, (la), s.f.
cavolfiore: caffijàre, capefiàre, (lu), s.m., pl. li caffijüre / bianchi e neri: bienche e nnèire
cavolo cappuccio, cappuccia, verza, verzotta, cavolo
a forma di cappuccio o di palla: cappîcce, verzètte, verzotte, virzòtte, (la), s.f., pl. li cappîcce, li verzotte
cavolo verzotto: bulugnáise, (la), s.f.
cazzarola
: cassaréule, (la), s.f.
cazzeggiare
, fare scherzi pesanti: cazzijé, v.
cazzone
: cazzàune, (lu), s.m.
cazzuola
, mestolo anche cazzuola del muratore, cucchiaio: cucchiàre, cucchiêre, cucchiére, (la), s.f., pl. li cucchiêre
ce
, ci: ci, a nnî, di nî, pr. pers. compl. m.f. pl.
cece
(legume): ciace, ciàice, (lu), s.m. pl. li céce, céice
Cecilia
: Cecëlie, n.p.p.
cedere
,
consegnare, ammorbidire, ammollare: ammullá, v. / ammorbidire la barba con la schiuma: ammullá la varve / cedere subito: sîbbet ammolle / adesso glielo do un cazzotto o una pedata: mo je l'ammòlle
cedro
anche cetriolo: mulingèlle, (lu), s.m.
cedro (di colore attinente al): citrëine, agg.
cedronella
, sugamele: jèrvarècce, (la), s.f. / cedronella: citrunnèlle, (la), s.f.
cefalea, emicrania: mmicràine, (la), s.f.
cefalo, muggine, pesce marino: mijèlle, (la), s.f. dim. mijllìcce;
cèfene, (lu), s.m. / varietà di cefalo: remàggie, (la), s.f.
cefalóttera o vacca di mare chiamato anche diavolo di mare, varietà di pesce: cihuàtte, (la), s.f.
ceffone, manrovescio, schiaffo anche piccoli pani abbrustoliti: frisèlle, (la), s.f. / adesso ti do no schiaffo: mò te tëire 'na frisèlle / ceffone sulla bocca: vuccatáune, (lu), s.m. / schiaffo: riffàlde, (la), s.f. / pugno, manrovescio: scuzzáune, pùnie, pîgne, buffuttáune, ficózze, (lu), s.m. / manrovescio dato sul mento: leccamûsse, (lu), s.m. / schiaffo dato con violenza: rasciáune, (lu), s.m. / schiaffo dato col dorso (palmo) della mano anche tovaglia: mappëine, papàgne, (la), s.f. / schiaffo anche gioco di carte, briscola: bbréschele, bréschele, (la), s.f. / schiaffo dato con le cique dita anche pianta delle rosacee: cinghefrînne, (lu), s.m.
ceffone sulla bocca: vuccatáune, (lu), s.m. /
ceffone, manrovescio, schiaffo anche piccoli pani abbrustoliti: frisèlle, (la), s.f. / adesso ti do no schiaffo: mò te tëire 'na frisèlle /schiaffo: riffàlde, (la), s.f. / pugno, manrovescio: scuzzáune, pùnie, pîgne, buffuttáune, ficózze, (lu), s.m. / manrovescio dato sul mento: leccamûsse, (lu), s.m. / schiaffo dato con violenza: rasciáune, (lu), s.m. / schiaffo dato col dorso (palmo) della mano anche tovaglia: mappëine, papàgne, (la), s.f. / schiaffo anche gioco di carte, briscola: bbréschele, bréschele, (la), s.f. / schiaffo dato con le cique dita anche pianta delle rosacee: cinghefrînne, (lu), s.m.
celebre
: cèrbe, agg. /di gran lunga celebre, epiteto rivolto a personaggi spesso abietti: cilibbrëssime, agg.
celermente
, improvvisamente, subito: sìbbete, avv.
Celestino
: Cilistëine, n.p.p.
cembalo o tamburello per danze tradizionali di origine popolare: tamburrèlle o zìmbe, (lu), s.m.
cenci (minutaglia o cianfrusaglia di), stracci: pezzàme, pizzàme, (li), pl.
cenciaiolo, straccivendolo, raccoglitore ambulante di stoffe fuori uso: cingiáre, (lu) s.m., pl. li cingiére
cencio: ciánge, (lu), s.m. / leziosaggine: ciánge, (la), s.f.
cenere
: ciànnere, (la), s.f., pl. li ciànnere / il giorno delle Ceneri: lu jurne di li Ciànnere
cenere ancora calda; carboncini piccoli accesi mischiati alla cenere: cinèisce, (la), s.f., non ha pl.
ceneri
con cui, scherzosamente, si imbrattano
le parti intime dei ragazzi: cinniráte
, (la), s.f.
Ceneri
(Le): Cinnirëzie
, (lu), s.m
cennamella, oboe rustica, flauto rustico: ciaramèlle, (la), s.f. / flauto: fràule, (lu), s.m.
cenneráte, gioco di bambini consistente nel tentativo di denudare qualcuno: cenneráte, (la), s.f.,
cenno
, ammicco: ciànne, (lu), s.m.
centesimo: centésime
, (lu), s.m.
centinaia
: ccindinàre, (lu), s.m. /
centinaia (a): a ccindinàre, loc. avv.
centinaio
: cindináre
, (lu), s.m. / parla a casaccio: parl' a cindináre, loc. avv.
cento
: cênde, agg. n. card.
cento cose, tante: cend'
centonchio, erbagallina: cindîcce
, (la), s.f.
centonchio, stellaris media, erba spontanea: paparèlle, (la), s.f. / martin pescatore anche pulcino della papera: paparèlle, (lu), s.m. / papera, oca: puaparàune, (lu), s.m., pl. li paparihune / piccola papera: paparêlle, (la), s.f., pl. li paparêlle
cepola, pesce marino: 'ndrecciadáite, (lu), s.m.
ceppaia di vite: vitécce, (la), s.f.
ceppo
, grosso legno che si mette per tradizione nel caminetto la notte di Natale: técchie, (lu), s.m.
cera
, candela: cére, (la), s.f. /colore del volto, indizio di poca salute: cére, (la), s.f. / fig. hai un bel colorito: ti 'na bbella cére
ceraio
, artigiano che lavora la cera: cerajèle, (lu), cerajéule, s.m.
cerca e domanda
: cìrche
e ddummànne / domanda: ddummànne, (la), sf.
cercare, chiedere: circá, v. / cerca e domanda: cìrche e ddummànne /
chiedere di nuovo: aricircá, v. / cercare, annusare, fiutare, odorare: usumá, usumuá, annasá, v. / va curiosando: canda va usummànne
cerchi di legno
con asta per la pesca dei favolli: circhîule, (li), pl.
cerchi di metallo per meglio sostenere il timone; femminelle: femminèlle, (li), pl.
cerchietti di metallo per abiti femminili: ccerchiëtte, (li), pl.
cerchietti d'oro con cui si forano i lobi delle orecchie dei bambini: ciarcìlle, (li), pl.
cerchio di legno con asta per la pesca dei favolli anche cerchiolo: circhîule, (lu), s.m., pl. (li); con l'acqua torbida ogni favollo va al cerchiolo: 'nghi l'acca tvete ogne piláuse va a lu circhîùle
cerchiolo anche cerchio di legno con asta per la pesca dei favolli: circhîule, (lu), s.m., pl. (li); con l'acqua torbida ogni favollo va al cerchiolo: 'nghi l'acca tvete ogne piláuse va a lu circhîùle
cercine, crocchia,
acconciatura femminile dei capelli, a forma di nodo o treccia avvolta e fermata sulla cima del capo o dietro la nuca: tùppe, (lu), s.m.
cereo
, molto pallido (colore del volto) anche grano non maturo: cirògnele, agg.
cerfoglio; scarabocchio: cirifòjje, (la), sf.
cerimonia; omaggio; vezzo: cirimònie, cirimòneje, (la), s.f.
cerimonioso
, persona che fa moine o vezzeggia: cirimunijáuse, agg.
cernia
, varietà di pesce: cèrnie, (la), s.f.
cero di grosse dimensioni: turciáune, (lu), s.m.
cero
(grosso); cero pasquale: cëreje, (lu), s.m.
cero pasquale; grosso cero: cëreje, (lu), s.m.
cerogeno, candela, usato per comemorare i defunti: ciròggene, (lu), s.m.
cerotto; persona malaticcia e sovente querula: ceréute, (lu), s.m.
cerro: cèrre, (lu), s.m.
certezza: accirtànze, (l'), s.f.
certo
!, !, eccome!: avòjje!, escl.
cerume
: cacáte, purcarèjje di la ràcchie,(la), s.f.
cervello: ciurvélle, cirvèlle, cirivèlle, (lu), s.m.
cervello, giudizio: scàgne o scànie, (la), s.f.; Sant'Ascanio: Sanda scàgne!
cervello balzano: cirvèll'a jëcchese, (lu), s.m.
cervice; capocollo; tipico insaccato di maiale: capecòlle, (lu), s.m.
cervice
, nuca, parte posteriore del collo: nucèlle, cuduàlle, (la), s.f., pl. li nucèlle/cuduèlle
Cesario: 'Ggisàrie, 'Ggisàrije, Cisarëine, n.p.p.
cespo di sedano
anche sciocco, minchione: màzze d'àcce, (lu), s.m.
cespo di erba
o di arbusto: ròcchie, (la), s.f.
cesso
, ritirata, servizi igienici approssimativi: luccumûne, luccumùne, (lu), s.m. / cesso, latrina: bruschijatáure, cèsse, (lu), s.m.
cesta a 2 manici: còffe
, (la), s.f.
cesta adatta al basto: cištëine, (la), s.f.
cesta usata per il trasporto dei covoni: càjje, (la), s.f.
cestino, panierino: panarèlle, (lu), s.m.
cestino in uso fra i pescivendoli: chianèlle, (la), s.f.
cestino
, sacchetto per raccogliere le olive: vurtàle, (lu), s.m.
cesto, paniere:
ciàšte, (la), s.f.
cesto
, paniere, cesto di vimini per portare il pesce: panàre
, (lu), s.m.
cesto di canne fatto a mano
; canestro; paniere: canaštre, quanâstre, (lu), s.m., pl. li canêstre
cesto di canne fatto a mano con manico: cêste, (la), s.f., pl. li cêste
cesto di grosse dimensioni
; cesto grande usato per il trasporto a dorso d'asino: ci
štàne, cištàune, ciuštàune, (lu), s.m., pl. li cistëne
cesto di paglia fatto a mano: paiele, (la), s.f., pl. li paiele
cesto di vimini per portare il pesce, cesto, paniere: panàre, (lu), s.m.
cesto usato per la pesca delle seppie, nassa: nàsse, (la), s.f.
cesto grande usato per il trasporto a dorso d'asino; cesto di grosse dimensioni: ci
štàne, cištàune, ciuštàune, (lu), s.m., pl. li cistëne
cesto piccolo: cištarêlle, (la), s.f., pl. li cištarêlle
cesto piccolo
di paglia fatto a mano:
paiulualle, (la), s.f., pl. li paiulualle
cetaceo (varietà di) d'origine fluviale: calicagnéule, (lu), s.m.
cetonia dorata, coleottero del genere scarabeidi: zîlle, (la), s.f.
cetriolo: milànghe, melànghele, (la), s.f.
cetriolo
anche cedro: mulingèlle, (lu), s.m.
cetriolo (varietà di),
dalla foggia ritorta e dal colore chiaro: turtarelle, (la), s.f.
che appartiene a qualcuno
: patrunàle, agg.
che cosa
?, chi?: chi? / chi: chi, pron. rel. / il quale: chi, che, pron. / chi vai cercando?: chi ví truvuanne?
che: ca, pr. rel. m.f.
che: òcche, cong. / che faccia quello che vuole: òcche facce quèlle chi' vvè
che me ne scampi!, che vergogna!: facciasàlve!, int.
che vergogna
! che me ne scampi!: facciasàlve!, int.
chela del granchio
, zampa: zàmbe, (la), s.f.
cheppia o sarda, salacca, pesce azzurro, conservate sotto sale o affumicate: cchiáppe, saràche, (la), s.f. / pesce càntaro, tanuda, pesce dei girellidi: sàraca bbastàrde, canarèlle, (la), s.f. / sarda, varieta di pesce azzurro: sàrde o sardèlle, (la), s.f. / sarda sarda, palamite, pesce azzurro marino: palájje, (lu), s.m. / sardinella aurita, alaccia, varietà di sardina, pesce azzurro: sardellëine, (lu), s.m.
chi
: chi, pron. rel. / il quale: chi, che, pron. /
chi
?, che cosa?: chi / chi vai cercando?: chi ví truvuanne?
chi accumula denaro (riferito a): mátte còcce e còcce, loc.
chi al gioco del biliardo prepara il tutto e segna anche i punti delle partite: bijjardìre, (lu), s.m.
chi coltiva un terreno in società, colono, socio, mezzadro: sòcce, (lu), s.m.
chi di mestiere va cantando la diesilla: diasillàre, (lu), s.m.
chi dispone di agi e possibilità sociali, (riferita a) oltre che di eccessiva indulgenza: magnatáure vàsse, (la), s.f.
chi (di) ha elevata capacità fisica: furzîute, agg.
chi è abituato a filarsela: fuitécce, agg.
chi esegue in modo maldestro un lavoro; abborracciatore;: cciavattatáure, (lu), s.m.
chi è fortunato al gioco: culapèrte
, (lu), s.m.
chi è incline a perdere; cosa che va in malora, o che si rovina: pirditáure, (lu), s.m.
chi (riferito a) è soggetto a solletico: dilichîuse, agg.
chi ha la rivendita del sale: salaréule, (lu), s.m.
chi porta le ciocie; persona rozza: chiuchiáre, (lu), s.m.
chi pratica assiduamente lu ciambòtte: ciambuttàre, (lu), s.m.
chi sta più in là che in qua (espressione per designare, anche in modo scherzoso), anche un vecchio: tandummèrghe, (lu), s.m.
chi vive di espedienti (riferita a): 'mbëcce e 'mbrùje, loc.:
chi ha carattere e aspetto volpino: vulpàgne, agg.
chi marina la scuola; studente che deserta le lezioni: filâune, (lu), s.m.
chi in genere non eccelle per diligenza o ciabattino anche il calzolaio: ciavattëine
, (lu), s.m. / calzolaio: scarpáre, (lu), s.m., pl. li scarpëre
chi non sa mantenere un segreto; ciarliero; sempliciotto: vocc'apèrte, (lu), s.m.
chi pratica la pesca costiera: pitarulànde, (lu), s.m.
chi racconta fandonie, ballista: finùcchiàre, (lu), s.m.
chi si consuma a poco a poco per malattia: bile ('m) 'm bëile, loc. avv.
chi si vanta, presuntuoso: vandasciàne, agg./s.
chi trasporta il pesce del mercato ittico: arsajapanère, (l'), s.m.; facchino del mercato ittico: bbarzúche, (lu), s.m., scócchele, (lu), s.m.
chi vive di espedienti, impiccione, traffichino: traffechëine, (lu), s.m.
chi vive in permanente disagio (rifer. a), o che non gode di trattamento indulgente: magnatáure àdde, (la), s.f.
chiacchera: chiàcchiare, (la), s.f.
chiacchere di donne; imbrogli: caccavìlle, (li), pl.
chiacchiera: chiàcchiere, (la), s.f.
chiacchierata bècera e insulsa; cintola; cintura: ciánde, (la), s.f.
chiacchierata bècera e insulsa: ciandillàte, (la), s.f.
chiacchierata insulsa e bècera: ciandillàte, (la), s.f.
chiacchierata insulsa e bècera; cintola; cintura: ciánde, (la), s.f.
chiacchierona, pettegola
(di area contadina): pittilàre, (la), s..f.
chiacchierone: ciciaraune, (lu), s.m.
chiacchierone: ciuccularèlle
, (lu), s.m. / nacchere: ciuccularèlle, (li), pl.
chiacchierone, individuo poco serio anche persona dal peto facile: pititàre, (lu), s.m.
chiamare: chiamá, v. / chiamarsi, darsi un cognome: arimàtte, v. / qual è il tuo cognome?, come ti chiami?: gna t'arimétte?
chiamare il cane
(voce per): zuzú, (lu), s.m. / appellativo infantile rivolto al cane: ciuciù
, (lu), s.m. / cane: zuzú, (lu), s.m. / cane: cáne, quàne, (lu), s.m., pl. li chéne / cani e cani non si mordono: chéne' e chéne 'n 'zi máccechene, (fig.)
chiamarsi, darsi un cognome: arimàtte, v. / qual è il tuo cognome?, come ti chiami?: gna t'arimétte? / chiamare: chiamá, v.
Chiara, dim. Chiarina: Chiàre, n.p.p., dim. Chiàrëine
chiarenza; brillantezza del vino: chiarènze, (la), s.f.
Chiarina, dim. di Chiara: Chiàrëine, dim. di Chiàre, n.p.p.
chiaro: chiàre, agg.
chiassata: cillináte
, (la), s.f.
chiasso, baccano, diavolio, scompiglio, trambusto: rubbèlle, (lu), s.m. / chiasso, confusione, disordine, casino anche repubblica: repùbbliche, (la), s.f.
chiassone; rivenditore: bangunàre, (lu), s.m.
chiassosa e di poco profitto (scuola): cavajéule, agg.
chiatta; imbarcazione di appoggio alla tonnara: chjátte, (la), s.f.
chiavetta: chiavátte, (la), s.f.
chiave: chiàve, (la), s.f.
chiave del portoncino: chiavëine, (lu), s.m.
chiavi; zeppa di legno: chîgne, (lu), s.m.
chiavica (grossa): chiavicàne, (la), s.f. / persona poco raccomandabile, disgustosa: chiavicàne, (lu), s.m.; nu chiavicàne / delinquente: chiavicáune, (lu), s.m.
chiavistello, catenaccio: pirchiátte, (lu), s.m.
chiavistello, serratura: pìšche, (la), s.f.
chicchera; equivoco verbale: chëchere, (la), s.f.
chicco, acino, granello, o poco di qualcosa: vàche, (lu), s.m.

chiedere, cercare: circá, v. /
chiedere di nuovo: aricircá, v.
chierica: chiáchere, (la), s.f.
chierichetto anche seminarista: priddachiéule, (lu), s.m.
chiesa: chijšce, chijse, ghìisce, (la), s.f.
chiesa anche santocchia, baciapile, bigotta: sandháuse, (la), s.f.
chiesetta: cchijscijéule, (la), s.f.
chiglia: ghíaje, (la), s.f.
chilata: chilanne; una chilata di maccheroni ciascuno: 'na chilanne di maccarîune pidîune / chilo, unità di peso: chëile, (lu), s.m.
chilo, unità di peso: chëile, (lu), s.m.
/ chilata: chilanne; una chilata di maccheroni ciascuno: 'na chilanne di maccarîune pidîune
chimera, varietà di pesce: hâtte di mare, (la), s.f.
china anche
cinquina al lotto: chëine, (la), s.f.
chinare
il capo o il corpo, abbassare, piegare: acciuqqué, v. / chinati!: accîcchete! / chinare il capo palesando dispetto, broncio: ammurré, v.
chinato verso terra, a pancia a terra
: a panzandèrre, loc. avv.
chinino: chinène, (lu), s.m.
chino
, curvo: chìrve, agg.
chino chino
: ciùcche cîcche, avv.
chioccia: vrócche, vrócchele, (la), s.f.
chiocciola
, lumaca: ciammajëche, ciammajjëche, ciammajjëiche, (la), s.f., pl. li ciammajiche / lumaca di taglia piccola, molto saporita: taragnéule, (la), s.f., pl. li taragnùle
chiochiera
, ciocia, zampitto, calzatura tradizionale dell'Italia centro meridionale anche parte intima femminile, vagina: còcche, (la), s.f. /
elegante calzatura anche camminata lunga e faticosa: scarpèine, (la), s.f. / scarpa: scarpe, (la), s.f., pl. li scarpe / scarpe: ciarabùtte, (li), pl. / scarpa piuttosto larga per camminarci: calasciáune, (lu), s.m. / scarpa (parte superiore): accrullatîure, (l'), s.f. / scarpa (parte della) anche spioncino, borchia della serratura: buccátte, (la), s.f. / scarpa da lavoro del contadino: scarpe di gruuàme, (la), s.f. /scarpaccia e anche scarpetta: ciambillátte, (la), s.f. / scarpetta per bambini: scarpitèlle, (la), s.f., pl. li scarpitèlle
chiodi a punta di diamante: dijamandëine, (li), s., pl.
chiodi lunghi e sottili: pundëine, (li), pl.
chiodo: chiéuve, chiêve, (lu), s.m., pl. li chiùve / fig. figlio: chiéuve, (lu), s.m.; ho da mantenere cinque figli: tinghe cinghe chiùve da mandená
chiodo usato nella carpenteria marinaresca: cisàne, (lu), s.m.
chiodo che serve a preparare l'ordito di lana o di canapa per il telaio a mano: chiavèlle, (lu), s.m.
chiodo di circa sei centimetri: biangàne, (lu), s.m.
chiodo (grosso); bulletta: cindráune
, (lu), s.m.
chiodo (piccolo) a capocchia larga usato soprattutto per le scarpe: cindrálle, (la), s.f. / chiodo con testa a due facce: cindrálle a ddu bòtte, (la), s.f. / chiodo con testa a cinque facce: cindrálle di firrère, (la), s.f. / chiodo con testa sagomata a piolo. All'interno delle bigonce per contrassegnare il peso: cindrálle a vitarèlle, (la), s.f. / chiodo con testa a punta di diamante: cindrálle diamandëine, (la), s.f. / chiodo con testa quadra: cindrálle pu
štarèlle, (la), s.f.
chiodo piccolo per usi vari: puntene, (la), s.f., pl. li puntene
chiodo ramato piccolissimo: simegge, (la), s.f., pl. li simegge
chiosco; edicola per giornali: chiošche, (lu), s.m.
chissà: sa, cong. / chissà se parte: sa se pàrte

chitarra: catàrre, (la), s.f. / chitarra, strumento per fare i maccheroni: catàrre, (la), s.f.; catàrre pe' li maccarîne
chitarra
(piccola); gioco fanciullesco: catarrátte, (la), s.f.

chiudere con una inferriata, serrare, infilare, mettere il catenaccio, inferrare: 'mbirrá, 'nzirrá, v. / infilare, insaccare: 'nzaccá, 'mbilé, v. / ficcare con forza: 'nzaccá, 'ntruzzá, v. / introdurre a forza: 'nzippá, v. / ficcare di nuovo con forza: arinzippá, v.

chiunque
: úgne, chijnghe, pron.
chiunque, qualunque, ovunque, dovunque, qualsiasi: dunghe, ant., s.m. inv./avv / chiunque sia, qualunque cosa sia: dungh' ecchi jjé / ovunque, dovunque: dungh' a nda' / qualsiasi cosa vuoi: dunghe che vvu'

chiuso con un ferro, con catena, serrato, inferrato: 'mbirráte, agg.
chiuso
(al); in galera: 'ngalé, loc. avv.

ci
, vi: ci, ccí, ggì, avv. e pron. / spesso con valore pleonastico: ci vai al mare?, ci vì a li muàre?; ci sono andato, i cijàjje îute / con funzione di riciprocità ci, vi: , i, avv. - ci vediamo stasera: i vidàme massáre
ci, ce: ci, a nnî, di nî, pr. pers. compl. m.f. pl.
ci ha creduto
, se l'è bevuta!: si l'à 'ngruccuäte!

ci è passato per un pelo (per poco non ha strisciato): ci' à passäte léppa lappe
ci ho piacere
: ci' haje piaciàre

ciabatta
: pianèlle, (la), sf.
ciabattino
anche calzolaio o persona in genere che non eccelle per diligenza: ciavattëine
, (lu), s.m. / calzolaio: scarpáre, (lu), s.m., pl. li scarpëre / ciabattino: sandulàre, (lu), s.m.
cialda
, pizzella,
cialda cotta con strumento di ferro (tenaglie) arroventato: pizzàlle, ciambèlle,catarrätte, (la ), s.f.
cialda
cotta con strumento di ferro
(tenaglie) arroventato, pizzella, cialda: catarrätte,
pizzàlle, ciambèlle, (la ), s.f.

ciambella
fatta con pallini di pasta fritti e uniti col miele
, cicerchiata, dolce tipico di carnevale: ciciricchiáte, cicirchiáte, (la), s.f.
ciambella della festività pasquale
: sapajaròla, (la), s.f.

cianciare
, ciarlare, cicalare, pettegolare, parlare continuamente a voce alta, con intenzione maligna e in tono provocatorio, a carico di qualcuno senza riserve mentali e sottintesi
: abbaccillá, v, ant.
cianfrusaglia
, oggetti di poco conto: bimbilarïe, (li), pl. / cianfrusaglia di rigattiere: marciammájje, (la), s.f. / cianfrusaglie, reticenze, anche moine, leziosaggini: marciammëje, (li), pl.
cianfrusaglia o minutaglia
di cenci o di stracci: pezzàme, pizzàme, (li), pl.

ciarlare: ciavulié, v. / ciarlare, cianciare, cicalare, pettegolare, parlare continuamente a voce alta, con intenzione maligna e in tono provocatorio, a carico di qualcuno senza riserve mentali e sottintesi: abbaccillá, v, ant.
ciarliera
(di persona): vuccalîute, agg.
ciarliero; chi non sa mantenere un segreto; sempliciotto: vocc'apèrte, (lu), s.m.
ciascheduno
, ciascuno:
ciaschepidîune, pidîune, pron. / una chilata di maccheroni ciascuno: 'na chilanne di maccarîune pidîune
ciascuno
, ciascheduno:
pidîune, ciaschepidîune, pron. / una chilata di maccheroni ciascuno: 'na chilanne di maccarîune pidîune
cibo: cëbbe, (lu), s.m. / cibo, esca: muagná, (lu), s.m.
/ di abbondanza di cibo in genere: gràsce, (la), s.f. anche sputo, scaracchio, espettorato: gràsce, (lu), s.m., scaracchio, viluppo, tuorlo d'uovo: vilòccë, (lu), s.m. / cibo crudo approntato dai marinai: cazzemarëine, (la), s.f. /
cibo o liquido contenuto in un cucchiaio: cucchiarànne, (la), s.f. / di cibo che si cuoce facilmente: cuciávele, agg. / di cibo alterato, stantio, passato, scaduto, trattenuto: arisidîte, arisidîute, agg. / di cibo duro da cuocere: crudàvele, agg.
cibo in senso spregiativo anche pastone del maiale: tréute, (lu), s.m. / pasto, desinare, in senso spregiativo: štrùzze, (lu), s.m.
ciborio: custòdie, (lu), s.m.
cicala
o cicala di mare o canocchia o panocchia: panôcchie o cicále, (la),  s.f., pl. (li); dim. cechelàlle, cichilàlle, la panucchiuàlle, (la), s.f. / cicala, insetto: cicále, (la),  s.f., pl. (li) / cicala, giocattolo che ripropone il frinire della cicala: cicáre, (la), s.f., pl. li cicáre
cicala di mare o cicala o canocchia o panocchia: panôcchie o cicále, (la),  s.f., pl. (li); dim. cechelàlle, cichilàlle, la panucchiuàlle, (la), s.f.
cicalare, ciarlare, cianciare, pettegolare, parlare continuamente a voce alta, con intenzione maligna e in tono provocatorio, a carico di qualcuno senza riserve mentali e sottintesi: abbaccillá, v, ant.
cicaleccio: ciavulìjamìnde
, (lu), s.m.
cicatrice lasciata dalla vaccinazione antivaiolosa: 'nnèste, (la), s.f.

ciccaiolo
; raccoglitore di mozziconi: muzzunàre, (lu), s.m.

ciccia
; carne: ciàcce, (la), s.f.
cicerello
o cicirello, varietà di pesce marino mediterraneo della famiglia ammodytidae: cicàre, (la), s.f.
cicerchia
(legume): cicìrchie, (la), s.f.
cicerchiata, ciambella fatta con pallini di pasta fritti e uniti col miele, dolce tipico di carnevale: ciciricchiáte, cicirchiáte, (la), s.f.
cicirello o cicerello, varietà di pesce marino mediterraneo della famiglia ammodytidae: cicàre, (la), s.f.
ciclo della donna: muarcàse, (lu), s.m.
ciclone
: ciculáine
, (lu), s.m.
cicogna
: vuardacanale, (lu), s.m., pl. li uardacanele / cicogna anche scarpa: cicágne, (la), s.f.
cicoria: cicòrie, (la), s.f.
cicoria di campagna o matta, varietà di radicchio spontaneo, verdura spontanea, grespigno, tipo di cicoria che nasce spontanea nei campi, usata come insalata che cotta: cicurelle, casciàgne, cascigne, cascëgne, cascègne, (la), s.f. / di persona sgarbata: cascègne, (la), s.f.
cicoria matta o di campagna, verdura spontanea, grespigno, tipo di cicoria che nasce spontanea nei campi, usata come insalata che cotta: cicurelle, casciàgne, cascigne, cascëgne, cascègne, (la), s.f. / di persona sgarbata: cascègne, (la), s.f.
cicoria selvatica: cascignátte, (la), s.f.
cicoria; radicchio; verdure: cichéure
(la), s.f., s.f., pl. li cichère
cieco, privo della vista: cicáte, agg./s.
cielo: cèle, (lu) s.m / di cielo imbronciato: achiuppète, agg.
ciff e ciaffe
: nome di ricetta culinaria, (lu), s.m.
ciglia, ciglio: pennèzze, pinn
ázze, (la), s.f., pl. li pennèzze / le ciglia degli occhi: li pennèzze di l'ucchije / modo di dire: 'nghe li pennèzze di l'ucchie li vì 'raccujènne / ciglia: cèje, (li), pl. /
conformazione delle ciglia: cijjatîure, (la), s.f.
ciglio
, ciglia: pennèzze, pinn
ázze, (la), s.f., pl. li pennèzze
cigolare: zizilijá, v.
ciliegia: cirèsce, sceràse, (la), s.f.; pl. li cirèsce / ciliegio (albero): cirèsce, (lu) s.m.
cilindro
di legno, piccolo, con filo avvolto: rusciuluarêlle, (la), s.f., pl. li rusciularille /
cilindro di legno per orlare le sfoglie di pasta anche asse della ruota del mulino: trùjje, (lu), s.m.
cima
, vetta; capo di una canapa, di una gomena: cëime, ciëime, ciàime, (la), s.f.
cima di lancio della barca
: ciuccarèlle, (lu), s.m.
cima
(di rapa): pl. li cèime di r
ápe
cima
(in): ngèime, 'ngìme, prep./avv.
cimice: cémece, ciámece, (la), s.f., pl. li cèmece /
cimice della vite o del gelso anche usato come emetico (che provoca vomito): scardapìzze, (lu), s.m. / uccelletto, specie di cimice, baco dei legumi secchi, insetto dannoso all'agricoltura anche parte della serratura e anche pene infantile
: cillátte, (lu), s.m., pl. li cillètte
ciminiera, cappa, canna del camino, gola del camino, fumaiolo: ciummunìre, (la), s.f., pl. li ciummunìre / camino, caminetto, focolare: ciummunìre, (la), s.f., fuculáre, (lu), s.m., pl. li fuculère
cimitero, camposanto: quambisànde, (lu), s.m.; fig. àrbre pizzîute, (l'), s.m.
cimurro
, raffreddore dei cani: ciamîrre, (lu), s.m.
cinciallegra
, uccellino dalla coda vibrante:
cotanzenzere, (la), s.f., pl. li cotanzenzere
cinema, cinematografo
: ciulmatò, (lu), s.m.
cinematografo, cinema: ciulmatò, (lu), s.m.
cinghia, cintola, correggia: qurràjje, (la), s.f.;
cintola: curràjje, cènde
, (la), s.f.; cinghia: ciundraune, (lu), s.m., pl. li cindrene
cinghiale: ciunghiàle, (lu), s.m., pl. li ciunghiéle; cinghiale, verro, maschio della scrofa: vèrre, (lu), s.m.
cinico, individuo cinico: corp' arifátte, (lu), s.m.
cinque: cènghe, agg. n. card.
cinquecento: cinghecènde, agg. n. card.
cinquanta: cinquànde, agg
cinquantacinque: cinquandacènghe, agg.
cinquina al lotto
: cinguëine
, (la), s.f. / cinquina al lotto anche china: chëine, (la), s.f.
cintola
, correggia, cinghia: qurràjje, (la), s.f.;
cintola: curràjje, cènde
,(la), s.f.; cinghia: ciundraune, (lu), s.m., pl. li cindrene
cintola; cintura; chiacchierata insulsa e bècera : ciánde, (la), s.f.
cintola
(in), al sicuro: 'n giànde, loc. avv.
cintura; cintola; chiacchierata insulsa e bècera : ciánde, (la), s.f.
cinturino della giacca: martengàle, (la), s.f.
ciò
, quella-o: quálle, pr. dim. neutro / quella lì, quella: ssa, agg dim.; chillì, pr. dim.
ciò
, quello-a: quàlle, pr. dim. neutro / quello là: quell'ahèlle, pron. / quello: ssu, agg dim.; cullî, pr. dim.
ciò, codesta/o: quásse, pr. dim./agg. dim.
ciò che si prende con una mano, quantita di roba presa dalla mano (manciata), brancata di roba: vrancáte, vrangáte,
vrànghe, vrànghelë, (la), s.f. / una manciata di fave: 'na vrancáte di fäve
ciocca di capelli: tóppe, (la), s.f. / ciocca anche manciata di spaghetti: fézze, (la), s.f. / ciocca ondulata di capelli: fézze, lònne, (la), s.f. / ciocca di capelli, fiocco, nappa anche vela triangolare: fiócche, (lu), s.m.
ciocco
; corpo; podere: còrpe, (lu), s.m.
ciocco: täcchie, (lu), s.m.
ciocco d'albero o base del tronco usato dai fabbri per posarvi l'incudine:
cippáune, ciuppáune, zòcchele, trócche, trócchele, (lu), s.m.
ciocco da ardere; zoccolo del cavallo; zoccolo di uno spigolo; zoccolo di un muro; tòppo; basamento di legno (in generale): zócchele, (lu), s.m.
cioè
, un po' alla volta: a préte a préte, loc. avv.
cionco: ciánghe, (lu), s.m.
ciocia, zampitto, chiochiera, calzatura tradizionale dell'Italia centro meridionale anche parte intima femminile, vagina: còcche, (la), s.f. /
elegante calzatura anche camminata lunga e faticosa: scarpèine, (la), s.f. / scarpa: scarpe, (la), s.f., pl. li scarpe / scarpe: ciarabùtte, (li), pl. / scarpa piuttosto larga per camminarci: calasciáune, (lu), s.m. / scarpa (parte superiore): accrullatîure, (l'), s.f. / scarpa (parte della) anche spioncino, borchia della serratura: buccátte, (la), s.f. / scarpa da lavoro del contadino: scarpe di gruuàme, (la), s.f. /scarpaccia e anche scarpetta: ciambillátte, (la), s.f. / scarpetta per bambini: scarpitèlle, (la), s.f., pl. li scarpitèlle
ciondolo; oramento, vezzo di gioielli: brellòcche, (lu), s.m. / ornamento di calzatura: huardungìlle, (lu), s.m.
ciotola di terracotta: cazzaréule,
(la), s.f.
ciotolo, spuntone di sasso: zíppe, (lu), s.m.
cipolla: cipàlle, (la), s.f., pl. li cipàlle
cipolla (sfoglia della); crosta delle paghe: còcchele, (la), s.f.
cipolla (grossa): cipulláune, (la), s.f.
cipolla o aglio (formare una serqua, una resta o treccia di): 'ngertá
cipolle (varietà di), scalogni: lampascîune, (li), pl.
cipollata,
zuppa di pane e cipolla anche con peperone a fette: cipulláte, (la), s.f.
cipresso
: cciprèsse, ciprèsse, (lu), s.m.
cipresso (i frutti secchi del); galbuli: pallachìcche, (li), pl.
cipria, talco: cèprie, ciprie, (la), s.f., non ha plurale
Cipriano: Cipriane, n.p.p.
circa
; quasi; più o meno: 'chiapp'e n'acchiàppe, loc. avv. / una salma di terra, più o meno: 'na sòme di tèrre, 'chiapp'e n'acchiàppe
circa
: ngìrche, prep./avv.
circondario: dištràtte, (lu), s.m.
circostanza o cosa che suscita scandalo o riprovazione, anche vergogna: vruvugnarëje, (la), s.f.
circostanza, occasione: uccasiáune, (l'), s.f.;
cànze, (lu), s.m.
Cirillo: Cirille, n.p.p.
cirri nuvolosi: tòppe, (li), pl.
cispa di ciglia,  cispo, secrezione lacrimale che si deposita, disseccandosi, sulle ciglia o agli angoli degli occhi (la secrezione oculare può essere acquosa o muco): scacàzze, scuacàzze,
squacàzze, (lu), s.m., pl. li scachêzze

cispo, cispa di ciglia,  secrezione lacrimale che si deposita, disseccandosi, sulle ciglia o agli angoli degli occhi (la secrezione oculare può essere acquosa o muco): scacàzze, scuacàzze,
squacàzze, (lu), s.m., pl. li scachêzze

cisposo, pieno di cispa, appellativo dato a persona che ha abitualmente gli occhi cisposi: scacazzáte, agg.
cisterna
: citèrne, (la), s.f.
citazione: chiamatîure, (la), s.f. / ti mando in giudizio: ti facci' avá la chiamatîure
citrato
: citràte, (lu), s.m.
cittadino, civile, borghese: civëile, ciuvëile, agg.
cittadino di Cupello: cupellese, cupelléise, (lu), s.m.
cittadino di Monteodorisio: munduriscène, mundriscène, (lu), s.m.
cittadino di San Buono: sàndebunàise, (lu), s.m.
cittadino di San Salvo: salvanéise, (lu), s.m.
cittadino di Vasto, vastese: uaštaréle, (lu), s.m., pl. li uastarùle; uaštaréule, (lu), s.m., pl. li uastarùle; uaštarùle, (lu), s.m., pl. li uaštarùli; vastese (lu), s.m., pl. li vastesi; vastarole, (lu), s.m., pl. li vastaroli; huaštaréule, (lu), s.m., pl. li huaštarùle
ciuccio
, ciuco, asino: cîcce, âsene, ásine, (lu), (l') s.m., pl. l'ésene / ciuco, ciuccio, asino, bestia da soma, bestia da trasporto: bìštije, vittîure, (la), s.f.
ciùcene, contenitore di terracotta per il vino o acqua: ciùcene, (lu), s.m.
ciuchino: ciucciarìlle
, (lu), s.m.
ciuco anche gioco di carte: cîcce, (lu), s.m.
ciuco, ciuccio, asino: cîcce, âsine, ásine, (lu), (l') s.m., pl. l'ésene / ciuco, ciuccio, asino, bestia da soma, bestia da trasporto: bìštije, vittîure, (la), s.f.
ciuffo d'erba: mòtte, (la), s.f. anche trófele, (lu), s.m.
ciurlare nel manico (modo di dire): birlìcche e birlòcche, loc. / fà birlìcche e birlòcche
ciurma; squadraccia; equipaggio di barca: chiîrme, (la), s.f.
ciurmatore; pranoterapeuta; settimo figlio; mago; incantatore: 'ngiurmatáure, 'ngiarmatáure, (lu), s.m. / ngiarmatrëce, (la), s.f.
ci vede poco: póche ci allîssce
civetta: ciuhàtte, ciuvàtte, ciuvuatte, (la), s.f., pl. li ciuvuatte / sta spiando: fá la ciuhàtte
civile
, cittadino, borghese: civëile, ciuvëile, agg.
civilino
, dai modi civili: ciuvelótte, civelótte, agg. dim.
Claudia: Claudie, n.p.p.
Claudio
: Claudie, n.p.p.
Clemente: Clemende, n.p.p.
cliente; avventore
; conosciuto; noto: acchìnde, (l'), s.m.
clima sfasato con le stagioni
; stizzirsi: 'ngrembérese, v.
clistere; serviziale; lavativo: pàmpe, (la), s.f.
Clotilde: Clutëlde, n.p.p.
cocchia tartana, rete da pesca a strascico, trainata da una coppia di barche: tartòne, (la), s.f.
coccidiosi, malattia di bovini, ovini e più raramente dell'uomo: ciánghele, (lu), s.m.
coccige
; osso sacro: cuturézze, (lu), s.m./ osso sacro: luffuláune, (lu), s.m.
coccinella: vola vola, (la), s.f.
coccio
; terraglia: cuòcce, (lu), s.m. / terraglia: critàjje, (la), s.f.
coccio: cùcchie, (lu), s.m.; l'ha fatto a pezzi: l'ha fatte cùcchie cùcchie / conchiglia delle vongole; valva: cùcchie, (la), s.f.
cocciutaggine: cucciutarëjje, (la), s.f.
cocciuto: cuccìute, (lu), s.m./agg. /
cocciuto, tosto, duro: tòšte, agg.
coccole di alcune piante (ginepro, biancospino, sambuco, ecc.: ciciarìlle, (li), pl.
cocomeraio: citrunàre, (lu), s.m.
cocomero, anguria: citráune, citráne, ciutròne, (lu), s.m.
coda anche pietra per affilare falce e coltelli: càute, càude, (la), s.f. / coda cavallina o cucitolo o erba rugna, varietà di piante anche mortaio per i fuochi artificiali: cudátte, (la), s.f. / con la coda tra le gambe, mogio mogio: cudûte cudûte, avv. / coda dell'uccello anche nuca: cudurézze, (lu), s.m. / coda della cipolla o dell'aglio: tòlle, (la), s.f. / coda di rospo o rana pescatrice, pesce marino: piscatrëice, (la), s.f. / coda di volpe anche si allude, scherzosamente, all'organo sessuale maschile o al denaro da restituire che metaforicamente, si troverebbe sulla coda della volpe: code di hàlepe, (la), s.f.
codesta; quella lì: sta, agg dim.; chissì, pr. dim.
codesta/o, ciò: quásse, pr. dim./agg. dim.
codeste/i: sti, agg dim., pl.; chësse, pr. dim. pl.
codesti/e: sti, agg dim. pl.; chësse, pr. dim. pl.
codesto: stu, agg dim.; cussî, cussì, pr. dim.
codesto/a: quásse, pr. dim. neutro
cogliere, acchiappare, afferrare, ingannare, prendere, prendere alla sprovvista: acchiappá, 'cchiappá, còjjë, p.p. còdde, inganná, 'nganná, pijjá, v. / togliere anche prendere: tôje, tòjjë, v., p.p. tòdde; prenditi la giacca: tùjete la ggiaccàtte
/ prendere il sonno: 'nganná lu sonne, v. /
raggirare, abbindolare: zingariá, v. / raggirare, abboccare: abbuccá, v. / raggirare, ingannare: gnucchélé, v. / volpeggiare, raggirare: vulupié, v. / imbrogliare, intorbidare: arindruvutá, v. / imbrogliare, ingannare: nganné, buzzarrá, v. / abbindolare, picchiare, dare: attarruná, v.
/ cogliere l'obiettivo, azzeccare, indovinare, presagire: azzeccá, azziccá, 'nduvuná, adduvuná, v.
coglionare, canzonare, sfottere, gabbare: arifricá, 'refrecá, v. /coglionare, canzonare: cujuná, v. / prendere in giro, sfottere, sbeffeggiare, imitare: cuffujé, arrénne l'abbàie, pazzìjá, v. / gabbare, schernire: gabbá, habbá, v. / schernire: ariscarnë, v. / sbeffeggiare con noncuranza, ripassare: aripassá, v. / prendere in giro, anche giocare, baloccare: pazzìjá, v. / prendere in giro: frište, loc.
coglione
, testicolo, epiteto rivolto a persona stupida: chijjáune, cujáune, (lu), s.m., pl. li chijîne
coglioni dei preti (fig.), melanzane tondeggianti cotte ripiene: chijjune di prèdde, (li), pl.
cognata: cunuéte, (la), s.f. / mia cognata: cunuèteme, cunéteme, pl. li cunuéte
cognato: cunuéte, cainàte (lu) s.m. / mio cognato: cunuèteme, cunéteme, pl. li cunuéte
cognome: arimàtte, v. / qual è il tuo cognome?: gna t'arimétte?
colà
: dîlllece, avv.
cola cola, gazza ladra, pica: chéule, ciacciachéule, píche, peche, còla chéule, (la), sf., pl. li peche, còla chéule
colapasta
: scolamaccarihune, (lu), s.m., pl. li scolamaccarihune
colare, gocciolare: culá, v.
colatoio: culatáure, (lu), s.m.
colazione
, mappatella (pasto di operai e contadini), merenda: stuzzatte, (la), s.f.
colei, quella, quella lì: ssa, agg dim.; chillì, pr. dim.
colera: culère, (la), s.f.
colica
: còleche, (la), s.f. / colica
per lo più renale: calicapàsse, (lu), s.m.
colla
: coll, (la), s.f., non ha plurale
collana: cullàne, (la), s.f.
collare: cullàre, (lu), s.m.
collare di ferro portato dai cani dei pastori: vruaccàle, (lu), s.m.
collegiale: culliggiánde, (lu), s.m.
colletto; collo della camicia; solino; bavero: cullátte, (lu), s.m.
collina, poggio: pògge, (lu), s.m.
collo: cuôlle, còlle, quòlle, (lu), s.m., pl. li culle
collo (parte posteriore del), nuca, cervice: nucèlle, (la), s.f.
collo della camicia; colletto; solino; bavero: cullátte, (lu), s.m.
collo lungo; moneta d'argento raffigurante Vittorio Emanuele II: collelònghe, (lu), s.m.
colloso, appiccicoso: appiccicáuse, agg.
collottola, nuca, occipite: cuzzátte, cudàlle, cuticàgne, (la), s.f.
colmare
il bicchiere fino all'orlo anche maturare del grano: arrasá, v.
/ colmare in maniera eccessiva: attummá, v. / colmare un recipiente, aggobbire: acciummá, ahubbé, v.
colmatura: acciummatîure, attummatîure, (l'), s.f.
colmo del camino per agevovare l'uscita del fumo, frugnòlo, lampada per la pesca notturna: jàcche, (lu), s.m.
colmo di grano sull'aia; cantiere: candìre, (lu), s.m. / togliere la pula dai cereali e dai legumi: fare candìre
colmo (il) anche la parte più alta del tetto: cálme, cälme, (lu), s.m.
colonnello
: culunnuêlle
, (lu), s.m., pl. li culunnuille
colono, socio, mezzadro, chi coltiva un terreno in società: sòcce, (lu), s.m.
colorare
, tingere: tagnë, tàgnarë, v.
colore
: culaure, chiláure (lu), s.m., pl. li chilihure
colore del volto, indizio di poca salute: cére, (la), s.f. / fig. hai un bel colorito: ti 'na bbella cére / cera, candela: cére, (la), s.f.
colore(di) attinente al cedro: citrëine / di colore olivigno: sacégne
colpa; mancanza; errore anche luna calante, fase lunare di mancanza: mmangànze, mangànze, (la), s.f.
colpa
(piccola) anche ammaccatura: maccatèlle, (la), s.f.
colpire, cadere, anche offrire e proporre: amminá, v. / colpire con forza anche fornicare: chiavá, v. / colpire con un ferro acuminato: firrittá, v. / colpire la nuca con forza: annuccá, v. / colpire la testa con un sasso: attuppé, v.
colpo; piaga di logorio degli animali da soma: bòtte, (la), s.f. / piaghe degli animali da lavoro: varlèse, (li), pl. / piaga: piàche, piàghe, (la), s.f.
colpo battuto con la pancia, spanciata; scorpacciata: panzànne, (la), s.f.
colpo
(piccolo): butticiàlle, (la), s.f.
colpo causato da una palla di neve
: majuccànne, (la), s.f. / palla di neve: majòcche, (lu), s.m.
colpo dato con il cuscino: cuscinánne, (la), s.f.
colpo dato con la mano larga; manata: manàte, (la), s.f. / manata; granfiata: grambàte, (la), s.f.
colpo dato con la scopa: granànne, (la), s.f.
colpo dato con la testa del bidente
o della zappa per rompere le zolle: capirète, capiráte, (la), s.f. / fig. botta in fronte: mo t'arrive 'na capirète 'n brànde!
colpo dato con la zampa
, calcio, zampata: zambáune, (la), s.f. / ti do una zampata, un calcio: ti dìnghe 'na zambànne
colpo dato con le corna: curnàte, (la), s.f.
colpo dato con una palla di neve: tuppáune, (la), s.f.
colpo di accetta: accittànne, (l'), s.f.
colpo di bacchetta
: bacchittànne, (la), s.f.
colpo di canna: cannànne, (la), s.f.
colpo di fucile
: fucilànne, (la), s.f.
colpo di mare: còlpe di mare, (lu), s.m.
colpo d'occhio per valutare una data situazione: scanajàte, (la), s.f.
coltellaccio; ferro collocato davanti al vomere: curtulláune, (lu), s.m.
coltellata; mattoni per taglio per formare un divisorio: curtulláte, (la), s.f.
coltellinaio: curtullàre, (lu), s.m.
coltello
: curtèlle, (lu), s.m., pl. li chirtîlle
coltello anche falce messoria: sallácchie, (la), s.f.
coltello a scatto: mullátte, (la), s.f.
coltello del macellaio anche scandaglio anche membro virile: scanàjje, (lu), s.m.
coltello per scongiurare la minaccia della tromba marina: tajascîjune, (lu), s.m.
coltivare: cundinuvá, v. / coltivare i campi, anche rifare, avere una rivincita nel gioco, restituire un debito: arifá, v.
colto, istruito: allitteráte, agg.
coltre: cátre, cátere, 'mbuttëite, (la), s.f., pl. li chìtre
coltroncino dim. di coltrone / parte del carro opposta alle stanghe / la posa dell'olio nell'utello: culázze, (la), s.f.
coltrone: cròïta, (la), s.f.
colubro o serpente d'aqua: cirváune, (lu), s.m.
colui: chîllú, pron. m.
comandare: cummanná, v.
comando: cummuànne
, (lu), s.m.
comare, madrina; levatrice: cummàre, (la), s.f.
combattere, contendere, contrastare anche aver a che fare: cummuátte, cummáttë, v. / non voglio aver a che fare con gli scemi: 'n 'gi vujje cummuátte nghi li scìme
combinare: cumbuná, v.
combriccola; massa di persone: márre, (la), s.f. / combriccola: cummuttëjje, (la), s.f.
come: 'gna, 'gne, avv. e cong. / come stai?: 'gna stì? / come fai?: 'gna fì'? /andava come un treno: jève 'gne 'nu trène / come!: chéume!, avv.
come si chiama, coso: comasichiàme / coso, allorché non viene alla bocca la parola giusta: comasaddummànne
cometa; stella filante: cuméte
, (la), s.f.
cominciare: accumunzá, cumunzá,
accuminzá, v.
comizio
: cumèzie
, (lu), s.m.
commediante: cummudiànde
, (lu), s.m.
Commemorazione dei defunti: Tìtte li murte, pl.
commerciante, negoziante: nihuziànde, (lu), s.m., pl. li nihuziènde
commerciante ambulante
, viaticale, conduttore di carri, viaticaro vetturale: viaticàre, (lu), s.m.
commerciante d'olio
, sensale: uaštësce, (lu), s.m.
commerciare, negoziare, intrattenere affari: nihuzijá, nihuziá, nuhuziá, v. / intrattenere: 'ndrattená, indrattená, v.; me vajje a ndtrattená
commettitura di legni: ammicciatîure, (l'), s.f.
commissione, ambasciata, incarico, affare da sbrigare anche per eufemismo connubio carnale: mmašciáte, (la), s.f., pl. li mmascète
commisurato
, confacente: adattàte, agg.
comodino: culunnátte, (la), s.f.
comodo (in modo): a càll' e cëiche, loc. avv.
comodo
(sta); mangia brodo grasso: è lu vróte gràsse
compagno
; amico: cumbàgne, cumunènde, (lu), s.m.
companatico
: cumbunàje
, (lu), s.m.
comparaggio per affinità amicale tramite dono floreale: ràmajjátte (a), avv.
comparaggio, compare anche festa di San Giovanni: Sangiuànne (lu), s.m.
compare
, comparaggio anche festa di San Giovanni: Sangiuànne (lu), s.m.
compare
: cumbàre, cumbuàre, cumbuà, (lu), s.m.
compare d'imbroglio
, di truffa, anche sensale: zaràffe, (lu), s.m.
compare di truffa, d'imbroglio, anche sensale: zaràffe, (lu), s.m.
compasso
: cumbuasse, (lu), s.m., pl. li cumbuêsse
compattare: assirrá, v.
compenso mensile
: mesáte, (la), s.f.
compiacersi: aretenérese, v. / compiacersi, rallegrarsi con se stesso: ariprijé, v. / compiacersi, far mostra di sé: fissié, v. / compiacersi nuovamente: arifissié, v.
compiaciuto
, allegro: ariprijéte, agg.
compiere un delitto, una costroneria: ammarruná, v.
complesso dei nervi; nervatura: nirvatîure, (la), s.f.
complesso di una struttura meccanica: machinàrïje, (lu), s.m.
complimento
: cumblimènde, (lu), s.m., pl. li cumblimìnde
complotto
; congiura: cumbléute, (lu), s.m.
comporre, regolare: arrihulá, v.
composizione amichevole, regolata, avviso: rehulàte, rihulàte, (la), s.f.
compra a credito
; mobile per suppellettili in vista: cridènze, (la), s.f.
comprare
, acquistare: accattá, v.
; una volta si comprava...: ‘na vôdde, s’accattäve...
compratore di uova
: ova ève, (lu), s.m., pl. li ova ève
comprendere, capire, intendere, essere esperto di, avere contezza: arindènnë, v. / se ne intende: se n'arindènnë
comprendere (tardo nel), fesso, sciocco, ottuso, stupido, poco intelligente: mafráune, scilète, agg./(lu), s.m.
comprensione (atteggiamento di), carità: aripitáuse, aripitávale, agg.
compressa; pasticca; pillola: pallátte, (la), s.f.
comprimere
, avvolgere: ajjòcchë, v. /
comprimere una cosa morbida, formare una massa e pressare nello stesso tempo, ammassare, schiacciare: ammacciuccá, ammacciuqquá, v.
comune
: cummîne, (la), s.f.; La cummîne / comune: cummîúne, agg.
comunista: cumunèšte, agg.
con
: nghe, nghi, pr. sempl.
con chi ce l'hai?: nghi ch' allé? / se la prende con me!: ci l'allà nghi mma! /prendersela, avercela: allavà
con i fiocchi: condramuštàcce, (lu), s.m.
con rispetto parlando
, avv.: fòre; fòre la faccia ma'
conca
, recipiente di rame, si poneva sulla testa per il trasporto dell'acqua potabile, interponendo la "späre": cánghe, (la), s.f., pl. li cánghe
conca
(piccola): cunguarèlle, (la), s.f.
concaio, fabbricante di conche, calderaio, ramaio: cunguàre, (lu), s.m.
Concetta
: Cungiué, Cungiutte, n.p.p., dim.
Cungiuttëine, Cungiuttine, Cettì, Cittèine
Concezione
(Festa della): Cungizziáune, (la), s.f.
conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, fasolaro, lamellibranco, noce, tartufo, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze (bbiànghe, rëisce, di féure), (la), s.f. / conchiglia marina, cornetto: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m. / anche becchino, addetto al servizio funebre, beccamorto, vespillone: cariamùrte, carijamùrte, beccamùrte, (lu), s.m.
conchiglia bivalve che ricorda il pettine, con una valva superiore piatta e l'altra in rilievo: coppesànde, (la), s.f. / anche pettine, ventaglio: còppa sànde, papasònne o papasànde, (la), s.f.
conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / cornetto, conchiglia marina: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, fasolaro, lamellibranco, noce, tartufo, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
conchiglia univalve, patella, attaccata agli scogli: lampadène, (la), s.f.
conciliatore: cunciuliuatèure, (lu), s.m., pl. li cunciliatihure
conclusione; assemblea di confratelli: cunglusiáune, (la), s.f.
conclusione di un gioco o ratifica di un accordo anche pareggio senza vinti e vincitori: pareppàtte, loc.
conclusione
(in): a l'úteme di li chînde, loc. avv.
condanna
: cunnánne, cunnuánne, cundánne, (la), s.f.
condannare
: cunnanná, v.
condimento
: ccungëine, (lu), s.m.
condizione (di buona) economica, ricco: recche, räcche, bèrre d'ìcre, agg
condotta, conformità, regola: réhule, (la), s.f.
condotto, conduttura; tubo: cunnîtte, (lu), s.m.
conducente di automobili; autista: ccioffèrre, (lu), s.m. / autista: autëste, (l'), s.m.
conducente di carretti da trasporto, carrettiere:
trajnìre, trainìre, trainànde, viaticäre, (lu), s.m., pl. li trajnìre
conducente di carrozze train. da cavalli: quarrizzire, (lu), s.m., pl. li carruzzuire
condurre, portare: addîucë, v. / condurre, trasportare: carijé, cariá, v.
conduttore di bestie da lavoro o
custode delle vacche anche asta che regge la sciabica, gualano: hualàne, gualàne, ualàne, vualàne, (lu), s.m., pl. li ...ene

conduttore di carri, viaticale, commerciante ambulante, viaticaro vetturale: viaticàre, (lu), s.m.
conduttura, condotto; tubo: cunnîtte, (lu), s.m.
confacente, commisurato: adattàte, agg.
confare: affá, v. / a quello lì non si addice la fatica, il lavoro, non ha voglia di lavorare: a cullù ni j affá la fatèjje
confessionale: cumbissiunòrie, (lu), s.m.
confetti; varietà di fagioli: cannillëine, (li), pl.
confetto
: cumbätte, cumbuàtte, cumbuétte, (lu), s.m., pl. li cumbuìtte
confettura, dolce: cosadàgge, (la), s.f., pl. li cosadìgge / dolce: dàgge, duàgge, (lu), s.m./agg., pl. li dìgge, dim. duggiarèlle /acme, orgasmo sessuale: dàgge, fig.
confettura
di mandorle, noci e miele: cupéte, (la), s.f.
confidenza, fiducia: fidìcie, (la), s.f.
confine
, limite: lamete, s.m.
confine di un fondo agrario: cumbëine, (lu), s.m.
confondere
, imbarazzare: 'mburniscë, v. / confondere, imbrogliare: 'mbrùjjé, v. / confondere le cose: 'mbrùjjé li cannille / imbrogliare, trafficare: maštrijé, v.
confondersi, turbarsi: attòjje, v. / confondersi, spazientarsi, stizzirsi: 'mbascérese, v.
conforme all'eleganza, appropriato: attiléte, agg. / giusto, aderente, indovinato: azziccáte, agg. / giusto, appropriato, legittimo: liggèttime, agg. / giusto, appropriato: hîšte, îšte, jìšte, agg.
conformità, condotta, regola: réhule, (la), s.f.
confratello dedito a pratiche di inumazione dei cadaveri: cappillàzze, (lu), s.m.
confrontare di nuovo: arriffrundá, v.
confusione, casino, chiasso, disordine anche repubblica: repùbbliche, (la), s.f. / baccano, chiasso, diavolio, scompiglio, trambusto: rubbèlle, (lu), s.m.
confusione
: mmuièine, (la), s.f.
confusione; disordine: casamècce, (lu), s.m.
confusione
, gazzarra: babbilònie, (la), s.f. /
confusione: ammujéine, (l'), s.f.
confusione
, disordine, frastruono: 'ngràbbie, (lu), s.m.
confusione verbale tra persone poco assennate (di ambiente contadino): írre e àrre, loc. avv.
confuso
: cunfîse, agg./(lu), s.m. / confuso, stordito: 'mbambalèïte, agg. / confuso, imbarazzato: 'mburniscéite, agg. / stordito, incapace di reagire: ammupuléte, agg. / sfinito, stanco: ammazzuqquëite, agg. / sfinito, mogio: ammupulëite, agg. / stordito, distratto: coccemànne, (lu), s.m.
congegno per avvolgere il filo nei cannelli: ndruvuarêlle, (lu), s.m., pl. li ndruvuarille
congiungere, unire: ahu, aunë, v. / congiungere due pezzi di legno: ammiccé, v. / congiungere, assestare: cugnágnë, v. / unire: arignagnë, v. / unire, arruffare, avvolgere: 'ncatricchiá, v. / unire le viti (a due a due) tra di loro: fá a cambrêtte, v.
congiuntura; occasione: cungiundìure
, (la), s.f.
congiura; complotto: cumbléute, (lu), s.m.
congregare, generare, procreare, manifestare un male, un fastidio, patologie: cungrujé, cungurijé, v.
congregazione
religiosa Fratelli del Monte dei Morti; i fratelli indossano un lungo saio rosso sangue e sfilano nella processione del Venerdì Santo portando a spalla il Cristo Morto: Fratìlli di lu Mànde
congro, goncro, grongo, gronco, della famiglia degli anguillidi, pesce marino: grânghe, grànche, grànghele, hrànghele, vrànghele, (lu), s.m. / gronco di fiume: 'nguèlle di fiume, (la), s.f.
coniglio
: cunëjje, cunueie, /la), s.f., pl. li cunueie
coniglio piccolo: cunuicce, (la), s.f., pl. li cunuicce
connubio carnale anche salita: sädde, (la), s.f.
/ connubio carnale, per eufemismo, anche ambasciata, commissione, affare da sbrigare, incarico: mmašciáte, (la), s.f., pl. li mmascète
conocchia o rocca, attrezzo o strumento che in coppia col fuso serve a filare: chinàcchie, (la), s.f. pl. li chinàcchie, cunòcchie
conoscere
:
cannàsscë, v. / conoscere, appurare, risapere, far chiarezza: appurá, appuré, v. / appurare, indagare, osservare, scandagliare: scanajjá, v. / e chi ci capisce, centra!: e chi c'appîure!
conosciuto, noto, avventore, cliente: acchìnde, (l'), s.m.
consegna
: cunzègne, (la), s.f.
consegnare
, cedere, ammorbidire, ammollare: ammullá, v. / ammorbidire la barba con la schiuma: ammullá la varve / cedere subito: sîbbet ammolle / adesso glielo do un cazzotto o una pedata: mo je l'ammòlle
consenso
; accordo: cunzènde, 'ngunzènde, (lu), s.m.
conserva; salsa di pomodoro rappresa: cunzèrve, (la), s.f.
conservare il cibo sotto la neve: annivá, v.
Consiglia
: Cunzèje, 'Nzèine, n.p.p.
consigliare: cusijé, cunzujé, v.
consolare
: cunnuluá, cunzulá, v.
Consolata
: Cunzuláte, n.p.p.
consolazione, consòlo; convito funebre: cunzòle, cunzéle, cunzéule, (lu), s.m.
console: cánzele, (lu), s.m.
consolle; mobile di legno appoggiato al muro: cunzéule, (la), s.f. / consòlo, consolazione; convito funebre: cunzéule, (lu), s.m.
consòlo, consolazione; convito funebre: cunzòle, cunzéle, cunzéule, (lu), s.m.
consumare: cunzumuá, v. / consumare, dissipare, buttare all'aria: sciàlá, v. / dissipare, scialacquare: despá, v. / scialacquare il denaro in modo irresponsabile: fuffié, v. / sciàle popole, ca dumuàne è Ggiubbullé / consumare con l'uso, sfregare: fruvé, v.
consunto; logoro: fruvéte, agg.
conta
, per indicare a chi spetti una certa azione o iniziativa: túcche, (lu), s.m.
contadina al servizio delle suore: mannatàre, (la), s.f.
contadino
, cafone, anche zotico: quafáune o cafáune, pl. li cafihune, zappatèrre, pl. li zappatèrre / bracciante a giornata, operaio giornaliero: jurnatàre, pl. li jurnatire,
ajîute, (lu), s.m., pl. l'ajîute / contadino: bèrre di sàbbie, (lu), s.m. / contadino: cambaréule, (lu), s.m.
contadino adibito a legare i covoni: ligànde, (lu), s.m.
contagiare, proprio di malattie veneree, impestare: 'mpištá, v.
contante; denaro contante: cundànde
, (lu), s.m.
contendere, combattere, contrastare anche aver a che fare: cummuátte, cummáttë, v. / non voglio aver a che fare con gli scemi: 'n 'gi vujje cummuátte nghi li scìme
contenere, selezionare, scegliere: capá, v.
contenitore simile a un calice concesso come premio nello sport (coppa, trofeo): còppe, (la), s.f.
contenitore
di terracotta per acqua e vino, anfora, orcio piccolo di terracotta: càndre, càndere (la), s.f. / anfora: cìcine, cîcile, ciùcine, trîffele, truiffule, (lu), s.m., pl. li cìcine, li triffule
contenitore (ogni) di latta:  štagne
, (lu), s.m., pl. li štêgne
contenitore (piccolo) di latta:  štagnarille
, štagnarole, (lu), s.m., pl. li  štagnarille/ štagnarole
contenitore di legno a sponde alte per impastare il pane casereccio o per custodirvi lievito, farina ecc., madia: mäse, (la), s.f.
contenitore per olio anche tinello anche vitello: vótene, (lu), s.m. / vitello: vutêlle, vutélle, (lu), s.m. pl. li vitille
contentezza
; soddisfazione: cundundázze, (la), s.f.
contenzioso, lite: quistiáune, (la), s.f.;
lite; baruffa: appëcceche, (l'), s.f. / lite, rissa: assciárre, (l'), s.f., sciárre, (la), s.f.
contesa, lite: cimènde
, (lu), s.m.
continuo
(di): di cundènie, loc. avv.
conto
,
conto nella ripartizione di introiti o qualche cosa: quànde, cànde, (lu), s.m., pl. li chînde / nel gioco delle carte, il giocatore dal quale ha inizio il conto per mischiare e dare le carte: tùcche, (lu), s.m.
contrabbandiere: contrabbandìre, (lu), s.m.
contrabbando: condrabbande, (lu), s.m.
contraccambiare in amore: atticchiá, v.
contrada nella zona di Punta penna; Carneria; località di macellai; tesoro vagheggiato in una grotta: Carnarëjje, n.p.
contrappeso della stadera anche marchio: rummuàne, (lu), s.m.
contrario: cundràrie, agg. / contrario, rovescio, inverso: dimmèrze, capichîule, devèrze, avv. / s'è messo la maglia al rovescio: s'ha mässe la majj' a la dimmèrze
contrario
(al): 'ngundrarie (a lu), loc. avv.; dimmerze (a la), loc. avv.
contrarsi
per il freddo o la fame, marcire: addicriné, v. / infracidire, infradiciare, marcire: fracitá, v. /
marcire: ammarcé, v.
contrastare, contendere, combattere, anche aver a che fare: cummuátte, cummáttë, v. / non voglio aver a che fare con gli scemi: 'n 'gi vujje cummuátte nghi li scìme
contrattare, stipulare un contratto: cundrattá, v.
contratto di carico e scarico delle merci: vaštàséjje, (la), s.f.
contrazione
viscerale spesso con evacuo: abbirriténne, (l'), s.f.
contro: càntre, prep.
controra (alla); momento inopportuno: condráure, avv.
controsole: condrasáule, avv.
contro voglia (lo faccio)!, non gradisco farlo: mi sa 'ffurte!
contundere, ammaccare: 'ndufá, v.
contusione
, ematoma, livido: addamedilé, (l'), s.m.
contusione
: 'ndunatîure
, (la), s.f.
contuso
, ammaccato: 'ndunáte, agg.
convenienza (per): di cumminijènze, avv.
convenire
, mettersi d'accordo: accašcá, v. /
convenire, risultare vantaggioso: cummené, v. / convenire, essere d'accordo, andare a genio, convincere: quatrá, v.
convento: cummènde
, (lu), s.m.
convesso: ahubbëite, agg.
convessità: ahubbatîure, (l'), s.f.
convincere, convenire, essere d'accordo; andare a genio: quatrá, v. / convenire, mettersi d'accordo: accašcá, v. / convenire, risultare vantaggioso: cummené, v.
convito
; banchetto: cummëite
, (lu), s.m.
convito funebre; consòlo, consolazione: cunzòle, cunzéle, cunzéule, (lu), s.m.
convulsione
, malore, patologia o malattia non esplicita a grado diagnostico: discìnze, (la), s.f.
convulsione: cummulziáune, (la), s.f.
coperchio
: cupuirchie, (lu), s.m., pl. li cupirchie; cupìrchie, (lu), s.m., pl. li chipirchie
coperchio piccolo: cupurchiêlle, (lu), s.m., pl. li cupurchièlle
coperta
, coperta per il letto: cuvèrte, cupèrte, (la), s.f., pl. li cuvèrte / tipo di coperta anche attrezo di carpeteria marinara e rosolia: šcavìne
, (la), s.f.
coperta, ponte dell'imbarcazone: cuèrte, (la), s.f.
coperto di cacio
, incaciato: ingascijáte, agg. / maccarùne ngascijéte
copertone; pneumatico: cupurtáune, (lu), s.m.
copertura, tetto: tàtte, tätte, (lu), s.m., pl. li tëtte
copertura del lume; calza: cazzittálle, (la), s.f.
copiare, imitare i lavori a maglia: arscidá, v.
copiatura (pessima); cattiva imitazione: bòrre, (lu), s.m.
capocollo
: capecólle, (lu), s.m.
coppa o tazza: tàzze, (la), s.f., pl. li tàzze
coppa, padella, tegame con coperchio per cuocere sotto la brace del camino la focaccia di granoturco o altro: còppe, (la), s.f.; le patate sotto la coppa: le patàne a la còppe / coppa, contenitore simile a un calice concesso come premio nello sport (coppa, trofeo): còppe, (la), s.f.
coppe, seme di una carta da gioco: còppe, (la), s.f.
coppia; pariglia: càcchie, (la), s.f. / una coppia di scansafatiche, di mascalzoni: 'na càcchie di uajmùrte
coppia, pariglia: paréjje, (la), s.f.
coppino
grande di rame: muanirêune, (lu), s.m., pl. li manirihune
coppo, tegola: pänge, pènge, (lu), s.m.
coppola
, berretto maschile: còppele, (la), s.f., pl. li còppele
coprimaterasso, panno coprirete: lémete, (lu), s.m.
copricapo di carta del muratore: bustèïne, (la), s.f.
coprire: cupré, v. /
coprire, seppellire: arbilá, v. / seppellire, interrare: 'nderrá, v. / coprire con una tovaglia, una coperta, etc.: ammandá, v. / coprire di cacio, incaciare: ingascijá, v. / incaciare, riferito alla prima neve che si rapprende a terra: 'ngaciá, v. / in senso fig., ha nevicato un pò: ha 'ngascijàte 'n dèrre
copula, suola all'interno della scarpa, soletta: chiandèlle, (la), s.f.
copulare, fregare, rubare: fricá, v. / rubare: arrubbá, rubbá, v.
coraggio
: curàgge, (lu), s.m.
corallina
(alga): quarajjëine, curajjëine, (la), s.f.
corallo: cràjje
, (lu), s.m.
corbelleria; sproposito: fregnarëjje, (la), s.f.
corda; fune: sàche, córde, (la), s.f.
corda per tenere appaiati i buoi e che passa fra le loro teste: tastîre, (la), s.f.
corda
, soga, fune, anche fune del paranco: zóche, záuche, zéuche, (la), s.f.; quapazze, (lu), s.m., pl. li capêzze
corda
con cui si governa un animale, redini per guidare le bestie da soma, cavezza: capázze, capézze, (la), s.f.
corda
per garretti di animali al libero pascolo: pastêure, (la), s.f., pl. li pastihure
corda legata ai basto a sostegno dei carichi: jàcule, iêccule, (lu), s.m., pl. li iccule
corda che tiene fermo l'ordito della tessitura: angitáure, (l'), s.f.
corda che trattiene i piombi della rete:
límmete, (la), s.f.
corda di canapa munita di ami anche lenzara multipla per la pesca sottocosta o presso la foce del fiume: maciàcche, maciàccule, (la), s.f.
corda dell'orlatura della vela, piccolo cavo di rinforzo, gratile: cungìre
, (la), s.f.
corda munita di amo
per la pesca dei gronchi: filacciáune, (lu), s.m.
cordaio, funaio: funàre, zucàre, zuquàre, (lu), s.m., pl. li funère
cordame, sartie in genere: curdàme, (lu), s.m.
cordicella: zucarèlle, (la), s.f.
coricarsi
: culuquá, v.
cornacchia
: curnuàcchie, (la), s.f., pl. li curnuàcchie
cornamusa
(canna più lunga della): béfere, (la), s.f.
Cornelio
: Curnuelie, n.p.p.
cornetto, conchiglia marina: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia bivalve, arsella, cappa chione, cappa verrucosa, fasolaro, lamellibranco, noce, tartufo, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m.
cornicione
(minuscolo) che sorregge la gronda: rumanìlle, (la), s.f.
corniola; varietà d'uva:
curnujéule, (la), s.f.
corniolo; albero dal legno molto duro: crugnále, (lu), s.m.
corno; rebbio della forca e della forchetta, denti di utensili: còrne, (lu), s.m.
corno per infilare la scarpa; calzante: cazzatîure, (lu), s.m.
cornuto; becco: casemèrre, (lu), s.m. / cornuto e anche come il piccolo della vacca, pecora o capra: ciavàrre, (lu), s.m. / di agnello giovane: ciavàrre, agg.
cornuto: curnîute, agg.
cornuto anche insetto: pappatàce, (lu), s.m.
corolla
, filare: cròlle, (lu), s.m. / nu crolle di saggiccie
corona, serto, resta, d'aglio, di cipolle, di peperoni ecc.: scèrte, (la), s.f. / 'na scèrte d'èjje
corona del rosario
: cráune, (la), s.f. / donna esemplare: cráune di fàmmene
coroncina anche fiasca per polvere da sparo: crunèlle, (la), s.f.
corpetto
; panciotto: ggilé, (lu), s.m.
corpo; ciocco; podere: còrpe, (lu), s.m.
corpo, cuoio, vita, pelle: cùrie, (lu), s.m. / corpo anche in senso fig. animo: cùrpe, gùrpe, (lu), s.m. / so io cosa mi rode dentro: sacce jë che ttingh' 'n gùrpe
corpo
(in): 'n gùrpe, loc.
corporatura
: curpuratîure, (la), s.f.
Corpus Domini: Cuorpesdòmene, (lu), s.m.
Corradino
: Curradëine, n.p.p.
corredo; arredamento di legno; utensili di casa: ardàgne, (l'), s.f.
corredo: currète, (lu), s.m.
correggere, rimettersi in fila: arfilé, v. /
correggere, eliminare i difetti: currèggë
, v.
correggia, cintola, cinghia: qurràjje, (la), s.f.;
cintola: curràjje, cènde
,(la), s.f.; cinghia: ciundraune, (lu), s.m., pl. li cindrene
correggia di cuoio davanti al petto del cavallo: putturàle, (lu), s.m.
corrente: ccózze, (lu), s.m.
corrente
: currènde, (la), s.f.
corrente acqua verso levante: àcche a llevande, (l'), s.f.
corrente d'acqua verso nord
: àcche a 'ssí, (l'), s.f.
corrente acqua verso ponente
: àcche 'n bbunènde, (l'), s.f.
corrente d'acqua verso sud e moto ondoso: àcche a bbàusce, (l') s.f.
corrente d'acqua (moto) a tramontana: àcche 'n dramundàne, (l'), s.f.
correre
: càrrë, v., p.p. currîute
correre (modo di) dei ragazzi: vèire vèire, loc. avv.
corresponsabile: currispunzábbele, agg.
corresponsabilità: currispunzábblità, (la), s.f.
corriere: currìre, (lu), s.m.
corrispondenza (essere in): cartizzá, v.
corrompere: curràmbë, v.
corrotto, cattivo, torto, storto, anche per carattere poco regolare: tòrte, ttòrte, (lu), s.m./agg. / di persona non a modo: j'è ttòrte
corruttela amministrativa anche pappatoia: pappatòrie, (la), s.f.
corsa: càrse, (la), s.f.
corsa, carriera, corsa dei cavalli: carrìre, carrïre, (la), s.f.
corsa dei cavalli, corsa, carriera: carrìre, carrïre, (la), s.f.
corsa (di gran): a tutta carrìre, loc. avv.
corso
d'acqua o senza; vallone: vualláune, (lu), s.m., pl. li valliune
corso
d'acqua (piccolo): vuallingiàlle, (lu), s.m., pl. li vallingèlle
corso
d'acqua (piccolo) fra i campi: racanêlle, (lu), s.m., pl. li racanille
corteo
, accompagno: accumpagnamènde, (l'), s.m.
corto
: càrte, agg.
corvo, così chiamato per il suo colore scuro, anche ombrina
, pesce marino dalle carni pregiate: córve, córeve, (lu), s.m.,