Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Vocabolario italiano-vastese: B
 
A
C
D
E
F
G
H
I
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
Z

babà, dolce napoletano intriso di rum: babbà, (lu), s.m.
babbeo, sciocco, grullo, privo di senno: fissacchiáune, agg./(lu), s.m. / babbeo, sciocco: babbalîcche, babbe', voccammòlle, agg./(lu), s.m. / babbeo, sciocco: mammalùcche, agg./(lu), s.m. / babbeo, sciocco, uomo di poco valore: chiachiìlle, agg./(lu), s.m.
babbeo, sciocco: sapunàre, (lu), s.m.
bacati (agli e cipolle): ammichëite, agg.
bacato in genere con riferimento alla frutta, guasto: mahagnáte, ammahagná, agg. / guasto: hüašte, agg. /rendere corrotto o guasto: ammahagná, v.
bacca
, piccola, commestibile di siepe: vrignalêtte, (lu), s.m., pl. li vrignalètte
baccaiare, fare chiasso: bbaccajá, v.
baccano, chiasso, diavolio, scompiglio, trambusto: rubbèlle, (lu), s.m.
/ chiasso, confusione, disordine, casino anche repubblica: repùbbliche, (la), s.f.
boccaporto: voccapuórte, (lu), s.m.
baccello di piselli o di altro legume: téche, (la), s.f.; un gambo di fave: 'na téche di fàfe
baccello
, proprio dei legumi: sallàcchie, (lu), s.m. /
baccello di fava anche spicchio d'aglio: šcàfe, (la), s.f. / fava: fáfe, (la), s.f.
baccello di fava anche spicchio d'aglio: šcàfe, (la), s.f. /
baccello, proprio dei legumi: sallàcchie, (lu), s.m. / fava: fáfe, (la), s.f.
bacchetta: baccàtte, (la), s.f.
bacchetta
(colpo di): bacchittànne, (la), s.f.
bacchettone
, parlare tra i denti con malcelata irritazione: acciaccapatirnùštre, (lu), s.m.
bacchio, lungo bastone piuttosto grosso, pertica anche pratica per bacchiare: tirtíure, (lu), s.m.
bachi di legumi secchi: cillátte, (li), pl.
baciapile, pinzochera,
bigotta: bijatèlle, vizzàche, (la), s.f. / baciapile, falso devoto, ipocrita: frècasände, (lu), s.m. / pinzochera, beghina, donna che ostenta devozione e assiduità nelle pratiche religiose: sandùcchie, (la), s.f.
baciapile, santocchia, bigotta anche chiesa: sandháuse, (la), s.f.
baciare: vasciá, v.
baciare (modo di) con pizzicotti alle guance: a pizzichìlle, avv.
bacile, bacinella, bacino, catino, recipiente usato come zuppiera: vaccëile, vuaccëile, uaccëile, (lu), s.m.
bacinella; vasca di metallo per fare il bagno: bagnaréule, (la), s.f. / bacinella, bacile, bacino, catino, recipiente usato come zuppiera: vaccëile, vuaccëile, uaccëile, (lu), s.m.
bacino, bacinella, bacile, catino, recipiente usato come zuppiera: vaccëile, vuaccëile, uaccëile, (lu), s.m.
bacio
: vàsce, (lu), s.m., pl., (li), väsce
bacio spesso furtivo: vasciànne, (la), s.f.
baco dei legumi secchi;
uccelletto; specie di cimice; insetto dannoso all'agricoltura; parte della serratura; pene infantile: cillátte, (lu), s.m., pl. li cillètte
baco del cacio e del grano: grégne, (la), s.f.
baco del grano e del cacio: grégne, (la), s.f.
badare
, fare attenzione: abbadá, v.
, ant / abbàte!, come esortazione
baffo
: bbàffe, (lu), s.m., pl. li bbèffe
baffuto: baffîute, agg.
bagascia, donnaccia, donna grossa e corpulenta: vajàsse, vajàsce, (la), s.f.
bagatella
, bazzecola, (fig), anche carabattola, masserizia, oggetto di poco pregio, prendi le tue carabattole e vattene, anche ragazza incline a facili costumi: bahattèlle, (la), s.f. / carabattole: 'mbambànaje, (li), pl.
bagnare, perdere al gioco, detto dal giocatore quando perde molto: abbagná, v., ant. / fig. mi son bagnato bene: m'àjj' abbagnáte bbéune / bagnare: 'mbànnë, v., p.p. 'mbísse / bagnare di nuovo: arimbànne, v.
bagnato: 'mbisse, 'nzíppre, agg.
bagnato fradicio (sono)!: m'haje fâtte zuppe zîppe!
bagnatura
(di mare); sito predisposto: bagnatîure, (la), s.f.
bagno delle pecore
: vagnatìre, (la), s.f.
baia: bàjje, (la), s.f. / baia, curva, insenatura: chjìreve, (la), s.f.
baie, calette, cale, insenature, spiagge, siti, della costa vastese: Canale, Casàrze, Cunguarèlle, Grotte del Saraceno, Lebbe, Libbirtìne, Mottagrosse, Pinnucce, Punta d'Erce, Sanda Nicole, Scalamurze, Torricella, Trave, Vignole
balaustra: palahì
štre, (la), s.f.
balbettare
: scacarejá, tartajjá, v.
balbuziente
: ciarciàjje, agg. /
balbuziente: tartàjje, (lu ), s.m.
balconata
: balicunáte, (la), s.f.
balcone: balicáune, (lu), s.m., pl. li balichiune; balcone, terrazzino: lógge, (la), s.f., pl. li lógge
baldoria, bisboccia
anche pasto luculliano: ciambòtte, (lu), s.m. / persona che fa assiduamente...: ciambuttàre, (lu), s.m.
baldracca; donna di costumi licenziosi: misciuàrre, (la) s.f.
balia anche lattaio/a: lattàre, (lu)/(la), s.m.f.
balla: 'mbáulle, (la), s.f. / balla di canapa o di copertoni messi a protezione degli scafi contro le banchine: huardiallèuje, (lu), s.m.
ballare
, traballare, sguazzare: abballá, v.
ballatoio, scala interna: capescàle, capiscàle, (lu), s.m. / ballatoio, ripiano, piccola largura: pianàtte, (la), s.f. / ripiano, pensile, spazio sottotetto: pásele, agg.
ballista
, chi racconta fandonie: finùcchiàre, (lu), s.m.
ballo
: bbàlle, 'mbàulle, (lu), s.m. / il ballo muto: lu bbàlle mîte
ballo contadinesco: capuccenèlle, (la), s.f.
baloccare, giocare, anche prendere in giro: pazzìjá, v. /
giocare, soprattutto giocare a carte: iucá, jucá, juqué, jucqué, v. / giocare riferito per lo più ai bambini: zullé, v.
balocco di carta stesa su cannucce, che legato a un filo, i fanciulli fanno volare per l'aria, in balia del vento, aquilone: draháune, ant., (lu), s.m., pl. li drahîune
balordo: àlma mé, loc.
balordo, stupido: cazzère, (lu), s.m.
balsamo, giovamento: ggiuvamènde, ggiuamènde, (lu), s..m.
bambagia, ovatta: bummacëine, mmammàce, vammàce, vammaciantòppe, (la), s.f.
bambini (frotta di) anche minutaglia di pesce, pesci piccoli misti: frahàjje, (la), s.f.
bambino-a, creatura, neonato: crijatîure, (lu) s.m., (la), s.f. / bambino-a di pochissima età, mezza età, ragazzo: cëtele, (lu), (la), pl. li cëtele; si usa anche bbardàsce (lu),
(la), pl. li bbardàsce o quatràre (lu), (la), pl. li quatrére
bambino paffuto
: ciacciáune, (lu), s.m.
bambino piagnucoloso: cacáte di frallìzije, (la), s.f.
bambino
vestito con saio da fraticello
per devozione e in onore di Sant'Antonio: municiarèlle, munuciarèlle, (lu), s.m.
bambino (proprio di) assai vivace: artáteche, agg.
bamboccio; pupazzo: mammócce, (lu), s.m. /
pupazzo: pupuàzze, (lu), s.m.
bambola, pupa: pîupe, (la), s.f. / bambolina, pupattola: puparìlle, (la), s.f., pl. li puparìlle
bambolina, pupattola: puparìlle, (la), s.f., pl. li puparìlle / bambola, pupa: pîupe, (la), s.f.
banca, istituto di credito: bbànghe, (la), s.f. /
banco dei rematori: bbànghe, (lu), s.m. /
banco di nebbia: bbànghe, (lu), s.m.; huàre, (la), s.f.
banchetto; convito: cummëite
, (lu), s.m.
banchi sabbiosi: valìne, (li), pl.
banco da lavoro
: bancaune, (lu), s.m., pl. li banchihune
banco dei rematori: bbànghe, (lu), s.m. / banca, istituto di credito: bbànghe, (la), s.f. /
banco di nebbia: bbànghe, (lu), s.m.; huàre, (la), s.f.
banco di nebbia: bbànghe, (lu), s.m.; huàre, (la), s.f. / banco dei rematori: bbànghe, (lu), s.m. / banca, istituto di credito: bbànghe, (la), s.f.
banco di sabbia: bànnie, (lu), s.m.
bancone
per falegnami e sartoria: bangáune, (lu), s.m.
banda musicale: bbànde, (la), s.f.
banda musicale molto rinomata
anche carrozzone: bbandáune, (lu), s.m.
banderuola: bbanniréule, (la), s.f.
bandiera
: bbandìre, (la), s.f.
bandista
, musicante, appartenente a complesso musicale itinerante nelle feste patrnali: bandèšte, (lu), s.m., pl. li bandèšte, musicànde, (lu), s.m., pl. li
misichende
banditore
: bannitàre, bbannitàre, bbuannitáure,
balèjje, bbalëjje, (lu), s.m.
bando
, editto: bànne, bbànne, (lu), s.m.; va' jittànne lu bbànne
bandone, lamiera: lamìre, (la), s.f.
bar: buàrre, (lu), s.m.
barattare
, cambiare: cagná, v.
baratto
(modesto) fra ortaggi e pescato anche scambio di prodotti artigianali con agricoli: scambulátte, (lu), s.m.
barattolo
, scatola di latta: stagnaréule, štaggnaròle, buàtte, (la), s.f. anche bîzzéche, (lu), s.m.
barba: vàreve, vàrve, (la), s.f.
Barbara: Barbere, n.p.p.
barbatella: arcitèlle, (l'), s.f.
barbiere
: varvìre, varevìre, (lu), s.m., pl. li varvìre
barbuto: barbîute, agg.
barca
, battello: váreche, (la), s.f. / battello: battèlle, (lu), s.m.
barca per la pesca delle vongole e telline; anche rete: ciucculàre, (la), s.f.
barca
(piccola) a remi per la pesca costiera, per il ritiro delle nasse, dei cerchioli e la cattura dei favolli: bbattellìcce, (lu), s.m.
/ piccola barca per portare al più presto a riva il pescato delle paranze anche lancetta dell'orologio: langiátte, (la), s.f.
barca da pesca dalla lunghezza di una ventina di metri e con un solo albero a vela latina o di altra conformazione, paranza: parànze, (la), s.f.
barca (di) alla deriva: mmarëine, avv. / il battello va alla deriva: lu buattèlle va mmarëine
barca tipica per pesca di fiume: bbattàne, (la), s.f.
barca adibita al trasporto delle derrate, specie di marasca (bottiglia colore verde) proveniente dalla Dalmazia: trabbàcchele, (lu), s.m.
barchetta: vuzzitìlle, (la), s.f.
barcollare anche urtare: 'ndrittiché, v. /
barcollare,
ondeggiare anche dilazionare un impegno: trambijé, v.
barella (rustica), apparecchiatura di trasporto: bajjàrde, (la), s.f. / barella per il trasporto di verdure dentro l'orto: bajârde, (lu), s.m.
barella, spalliera della sedia: sbarrèlle, (la), s.f.
barile
: varëile, vuarele, (lu), s.m., pl. li varéle
bariletto, caratello: quaratèlle, (lu), s.m.
barilotto: varilòtte, vutinàlle, (lu), s.m. /
il barilotto dell'olio: lu vutinàlle dell'uje
barilotto per conservare il pesce marinato: cunòtte
, (la), s.f.
barista
: buarreste, (lu), s.m., pl. li barreste
baroccio (piano del): cambèrchie, (lu), s.m.
barometro: baròmetre, (lu), s.m.
barone: baráune, (lu), s.m.
barra, asse, del timone: ravuòlle, rahítene, rahjìtene, rivúleche, (la), s.f.
barra per chiudere la porta; ruota: vuddarèlle, (lu), s.m.
Bartolomeo
: Bbartulumè, Barttlummé, n.p.p.
baruffa, lite: appëcceche, (l'), s.f. / contenzioso, lite: quistiáune, (la), s.f. / lite, rissa: assciárre, (l'), s.f., sciárre, (la), s.f. / baruffa, mischia: 'mbràsce, (la), s.f.
basamento di legno (in generale); tòppo; ciocco da ardere; zoccolo del cavallo; zoccolo di uno spigolo; zoccolo di un muro: zócchele, (lu), s.m.
basato, assennato, posato, di persona saggia, coi piedi per terra: abbasàte, agg.
basculla: bbascùje, (la), s.f.
base dell'albero
: pedicaráune, (lu), s.m.
base del tronco dell'albero utilizzato per appaggiare l'incudine: zócchele, cippáune, (lu), s.m.
basilica: baséleche, (la), s.f.
basilico
: vasanichéule, (la), s.f.
basolato
, lastricato, (la), s.f.: basulàte
basso: vàsse, agg.
Basso
: Vàssillìce, n.p.p.
bassura: bassànze, vassànne, (la), s.f.
basta!
: avašte, avv.
bastaio, costruttore di basti: maštàre, mmaštàre, (lu), s.m.
bastardone: mulacchiáune, (lu), s.m.
bastardo, trovatello: mulàcchie, (lu), s.m. / bastardo, di figlio illegittimo: cazzère, agg.
bastare, essere sufficiente: avaštá, abbaštá, vaštá, v.
Bastiano
, Sebastiano: 'Baštiàne, Baštijàne, Bbaštiàne, n.p.p.
bastimento
, nave: bbastimènde, (lu), s.m.;
näve, (la), s.f.
basto
: bàšte, (lu), s.m. / moderazione: bàšte, (lu), s.m.
basto per animale da soma: vàrde, (lu), s.m.
basto per asino o mulo anche carico: mmášte, muašte, mmuošte, (lu) s.m., pl. li mmêšte
basto
(vuoto dell'imbottitura del): còppe, (lu), s.m.
bastonare, rinfrescare: salichijjé, arifriscá, arimbriscá, v.
bastonatura, mazziata: vrettelànne, mazzïáte, saláte, (la), s.f.
bastonatura
(solenne): palliatáune, (lu), s.m.
bastone: bbaštáne, bbaštáune, baštáune, (lu), s.m. /
lungo bastone piuttosto grosso, bacchio,, pertica anche pratica per bacchiare: tirtíure, (lu), s.m. /
bastone, seme delle carte napoletane: màzze, (la), s.f. / bastone di ferro usato dai muratori: paleférre, (lu), s.m.
bastone piuttosto grosso e pesante, usato per picchiare duramente, randello, tortore:
turtuáre, (lu), s.m.
battaglio: battòchie, (lu), s.m.
battello: battèlle, (lu), s.m. / battello, barca: váreche, (la), s.f.
battente della porta: tuzzularèlle, (lu), s.m.
battere, picchiare: vàttë, vattié, v. / battere, accoppare: accuppá, v. / battere, picchiare, farsi aprire alla porta per entrare o farsi riconoscere: tuzzulá, v. /
picchiare, percuotere: ariffaldá, v.
batteria; fuoco d'artificio: battarë, (la), s.f. / fuoco pirotecnico: artifëcìje, (l'), s.m.
battesimo: battàseme, (lu), s.m.
battezzare: bbattizzá o abbattezzá, v.
battìgia
, bàttima: battijéule, (la), s.f.
bàttima
, battìgia: battijéule, (la), s.f.
Battista
: 'Bbattèšte, n.p.p.
bàttola di legno da percuotere (tavoletta di legno con maniglia mobile di ferro che, agitata, annunzia le funzioni nelle chiese nei giorni della settimana santa in cui è proibito l'uso delle campane): tròccele, (la), s.f.
baule: bahìjje, (lu), s.m.
bava
: váve, (la), s.f. / ha la bava in bocca, arrabbiato, idrofobo: tè la váv'a la vàcche
bava del bambino: paparózze, (la), s.f.
bavaglino: bavaréule, (lu), s.m.; vavaréule, (la), s.f.
bavaglio di ferro
per equini quando vengono ferrati, strumento che si mette alla bocca degli animali perché non mordano, mordacchia:
turcitáure, turciamússe, torciamûsse, (lu), s.m., mòrge, (la), s.f.
bavero; colletto; collo della camicia; solino: cullátte, (lu), s.m.
bavetta per neonati, bavaglino: vavaréule, (la), s.f., pl. li vavaréule, bavaréule, (lu), s.m., pl. li bavaréule
bavosa, pesce marino; lumaca senza guscio; bavoso o persona bavosa: vavàse o vuavàse, (lu), s.m., pl. li vavîuse
bavoso o persona bavosa;
bavosa, pesce marino; lumaca senza guscio: vavàse o vuavàse, (lu), s.m., pl. li vavîuse
bazzecola
, bagatella (fig), anche carabattola, masserizia, oggetto di poco pregio, prendi le tue carabattole e vattene, anche ragazza incline a facili costumi: bahattèlle, (la), s.f. / carabattole: 'mbambànaje, (li), pl.
beato: viàte, vijàte, loc. / beato te: vijàt a ttà / beato lui: viat'a hasse / beata colei che ti ha generato:  viàte a chillì chi t'à fatte
Beatrice
: Biatrëice, n.p.p.
beccaccia: biccàcce, (la), s.f.
beccafico
, uccello dei passeracei: ficiàtere, ficétele, (lu), s.m.
beccamorto, becchino, addetto al servizio funebre, vespillone: beccamùrte, carijamùrte, cariamùrte, (lu), s.m. / custode di cimitero anche becchino: cambesandàre, quambisantàre, (lu), s.m., pl. li cambisantàre /varietà di conchiglia: cariamùrte, (lu), s.m.
beccapesci
: bbeccacië, (lu), s.m.
beccastrino
, paletta, piccola, per pulire la zappa durante il lavoro; tavola di legno per lavare il bucato; ferro per pulire le carpe: šdirràzze, (la), s.f., pl. le šdirràzze
beccheggiare, proprio del rollìo della barca: travajjá, v.
becchettare
, beccuzzare, proprio dei volatili: picchijé, v.
becchino anche custode di cimitero: cambesandàre, quambisantàre, (lu), s.m., pl. li cambisantàre / becchino, addetto al servizio funebre, beccamorto, vespillone: beccamùrte, carijamùrte, cariamùrte, (lu), s.m. / varietà di conchiglia: cariamùrte, (lu), s.m.
becco di un volatile: pécche, pìcche, (lu), s.m.
becco; cornuto: casemèrre, (lu), s.m. / cornuto e anche come il piccolo della vacca, pecora o capra: ciavàrre, (lu), s.m. / di agnello giovane: ciavàrre, agg.
becco, caprone: quapráune, zurràcchie, zzûrre, (lu), s.m.
becco, maschio della capra: crapëine
, (lu), s.m.
becco della cornamusa per soffiarvi: vuccàjje, buccàjje, (lu), s.m.
beccuzzare, becchettare, proprio dei volatili: picchijé, v.
beffa: baffàte, (la), s.f. / beffa; percossa: buzzáte, (la), s.f. / beffa; fregatura: fricatîure, (la), s.f.
beffa: chijjâune, (la), s.f.
beffa, fregatura: 'ngulatatîure, (la), s.f.
beghina
, santocchia: bizzéuche, (la), s.f. /
beghina, pinzochera, donna che ostenta devozione e assiduità nelle pratiche religiose: sandùcchie, (la), s.f. / pinzochera, baciapile, bigotta: bijatèlle, vizzàche, (la), s.f. / baciapile, falso devoto, ipocrita: frècasände, (lu), s.m.
bella
, amata: scióscia, (la), s.f.
bellezza: billàzze, (la), s.f.
belli
: bìlle, agg.
bello
: bbèlle, bèlle agg. / bello, buono: bèrre di gréisce, (lu), s.m. / bello-a, buono: di grëisce, agg.
belvedere, rione urbano di Vasto: bellevidá, (lu), s.m. - altri: aragona: arraháune, (l'), s.f. / casarelle, nella parte ovest: casarèlle (li), pl. / casetta: casàtte, (la), s.f. / nei pressi della Torre di Santo Spirito: cavîute, (la), s.f. / croci, nella parte sud della città: crìce, (li), pl. / portanuova: purtanève / San Giuseppe: San Giusuéppe / San Michele: San Micchèle / San Pietro: San Pìtre / Sant'Anna: Sant'Anne / Santa Maria: Sanda Marè
ben frequentata (bottega) dai clienti: accurzáte, agg.
ben nutrito, bene in carne:
arilluvàte, agg.
benché, per l'appunto, sebbene: quandùnque, avv.
benda: bènde, (la), s.f.
bendare
: abbendá, v.
bene: buene, bène, bbéne,
(lu), s.m.
bene in carne
, ben nutrito:
arilluvàte, agg.
bene infruttifero, cosa non bene utilizzato: ammurtilizzáte, agg.
benedetto: bbinidàtte, agg.
Benedetto
: Bbinidàtte, n.p.p.
benedizione
: bbinizzàne, (la), s.f.
beniamino, il prediletto: càrëite, (lu), s.m.
Beniamino
: Beniamëine, n.p.p.
benservito
(dare il) alla persona disonesta: bafféure, (lu), s.m
beone, ubriaco: ciälme, ciullandònie, agg./(lu), s.m. /
ubriaco: 'mbrijáche, 'mbriàche, ingiuciàte, 'ngiuciàte, agg./(lu), s.m., pl. li 'mbrijéche /  ubriaco, persona in preda a delle passioni amorose: 'nciucianëite, agg.
bere
: váive, vàvë, v.
bere sino in fondo
, scolatura: sculatîre, (la), s.f.; vàve a la sculatîre
bergamotto
: brehamótte, (la), s.f.
berla, farsi ingannare: 'ngruccá, v.
Bernardino
: Bernardëine, n.p.p.
Bernardo
: Bernarde, n.p.p.
bernoccolo
, bozzo, protuberanza, gonfiore: vózze, vrignéule, (lu), s.m.
berretto (antico) militare borbonico: calignácche, (lu), s.m.
berretto femminile: cascátte, (la), s.f.
berretto maschile, coppola: còppele, (la), s.f., pl. li còppele
berretto molto largo: cuppulláune, (lu), s.m.
berretto (piccolo) per bambini: cuppulalle, (la), s.f., pl. li cuppulalle
berretto
(specie di): bunátte, (lu), s.m.
bersagliere
: birsajjire, (lu), s.m.
bersagl
io: bursàjje, (lu), s.m.
Bertoldo: Brittóleche, n.p.p.
bestemmiare, rinnegare, disconoscere: arinnihá, arnihá, rinnihá, viastimá, v.
bestia da soma
, bestia da trasporto, ciuco, ciuccio, asino: bìštije, vittîure, (la), s.f. / ciuccio, ciuco, asino: cîcce, âsene, ásine, (lu), (l') s.m., pl. l'ésene
bestia da trasporto, bestia da soma, ciuco, ciuccio, asino: bìštije, vittîure, (la), s.f. / ciuccio, ciuco, asino: cîcce, âsene, ásine, (lu), (l') s.m., pl. l'ésene
bestemmia anche maledizione, anatema: biaštàime, vraštàime, vraštàme, (la), s.f. / maledizione: maddizzîáune, (la), s.f.
bestemmiare; rinnegare: arinnihá, v. / bestemmiare: viastimá, v., arnihá, v.
bestemmiatore
: 'rnigatáure, biastimatáure, (lu), s.m.
bestemmiatore: catalàne, (lu), s.m.
bevuta, sorsata: vàvete, (la), s.f.
bevutina (dim.), spuntino / gratificazione: vevëtelle, vivitícce, vivetícce, (la), s.f.
bi: b, bbé
biada: bbjàde, (la), s.f.
Biagio
: Biasce, Biascìlle, n.p.p.

biancheggiare, tinteggiare, per lo più col colore bianco, imbiancare: 'mbiancá, 'mbiangá, sbianghé, v. / imbiancare, anche incipriarsi, fig.: 'mbiàscà, ghianghijé, v. / si incipriano il viso: si l'mbiáschene la facce nghe la ciprie / incipriare: 'nciprié, v.
biancheria, panni: pänne, (li), pl.
bianchetti, avannotti di pesce, pesce nudo,
pesciolini bianchi marini ottimi per la frittura, minutaglia uniforme di piccoli pesci somiglianti alla sarde: papalëine (la), s.f. / minutaglia di pesce per frittura, miscuglio di piccoli pescianche frotta di bambini: frahàjje, (la), s.f. / bianchetti, novellame, o minutaglia piccolissima di alici, sarde e acciughe: pésce a 'rrëise, (lu), s.m. / bianchetti o pesciolini piccoli ma non piccolissimi: cicinìlle, (li), pl. / bianchetti o pesciolini nudi piccolissimi, pesciolini di maggio: piscitìlle di majje, s.m., pl. li

biancospino: cipránie, (lu), s.m.
bica, mucchio, di covoni o paglia sull'aia: bèche, rehuláte, (la), s.f.
bica principale
, la più grande: capemàndre, (lu), s.m.
bicchiere
: bicchìre, bucchijre, bbucchjjre, (lu), s.m., pl. li bicchijre
bicicletta
: biciclátte, (la), s.f.
bicocca, umile dimora: bachîcche, (la), s.f.
bidente
, arnese di diversa grandezza usato per dissodare o zappare il terreno: bbidènde, budênte, (lu), s.m., pl. li bidinde
bieta, bietola, verdura coltivata: bïàte, bbiàte, bbiéte, (la), s.f. / bietola spontanea, verdura: bietàlle, (la), s.f.
bietola
, bieta, verdura coltivata: bïàte, bbiàte, bbiéte, (la), s.f. / bietola spontanea, verdura: bietàlle, (la), s.f.
bietta
, cuneo di legno: angátte, (l'), s.f.

bifolco: vuvàre, (lu), s.m.
bighellonare, gironzolare senza far niente, andare in giro senza una meta precisa: scazzafuttènnë, v.
bigiotteria
: spëlle, (la), s.f.
bigliardo
: bujjàrde, (lu), s.m.
biglietto
: bbujàtte, (lu), s.m.
bigoncia, recipiente di legno a doghe privo di coperchio e di manici per trasportare l'uva durante la vendemmia; bigoncio, recipiente più largo e più basso della bigoncia, con due doghe più alte e forate per introdurvi una pertica e facilitarne il trasporto anche vaso di legno con manico usato per trasportare l'acqua: buahanze, (lu), s.m., pl. li bahinze, da legare al basto dell'asino, anche bbahànze, (lu), s.m., pl. li bbahînze, o bahànze, (lu), s.m.
bigoncio
, recipiente più largo e più basso della bigoncia, con due doghe più alte e forate per introdurvi una pertica e facilitarne il trasporto anche vaso di legno con manico usato per trasportare l'acqua; bigoncia, recipiente di legno a doghe privo di coperchio e di manici per trasportare l'uva durante la vendemmia: buahanze, (lu), s.m., pl. li bahinze, da legare al basto dell'asino, anche bbahànze, (lu), s.m., pl. li bbahînze, o bahànze, (lu), s.m.
bigotta, baciapile, pinzochera: bijatèlle, vizzàche, (la), s.f. / baciapile, falso devoto, ipocrita: frècasände, (lu), s.m. / pinzochera, beghina, donna che ostenta devozione e assiduità nelle pratiche religiose: sandùcchie, (la), s.f.
bigotta, santocchia, baciapileanche chiesa: sandháuse, (la), s.f.
bilancia: vilànge, (la), s.f. / bilancia (antica) a bilico usata dai pescatori: caccuparìne, (la), s.f. / bilancia con rete quadrata, usata per lo più alla foce dei fiumi: calasciùne, (la), s.f.
bionda; merletto di seta: blànde, (la) s.f.
bionda di capigliatura
: biànde, agg.
birbanteria
; cattiveria: birbandáte, (la), s.f. / cattiveria; infamità: 'mbamézie, (la), s.f.
birbone
: birbáune, burbáune, (lu), s.m./agg. pl. li birbîune
birichino
: birlicchëine, (lu), s.m.
birocciaio, carradore, carraio, costruttore di carri,
traini e bighe, mestiere artigianale: cuarràre, quarràre, carràre, (lu), s.m., pl. li carrére
birra
: bbérre, (la), s.f. / uomo; persona o tipo di cui si parla con astuta allusione: bbèrre, bèrre, bersàbbele, (lu), s.m.
bisaccia
: s.f. visàcce, (lu), s.m./agg., pl. li visècce
bisboccia, baldoria anche pasto luculliano: ciambòtte, (lu), s.m. / persona che fa assiduamente...: ciambuttàre, (lu), s.m.
biscaglina, scaletta di corda usata per montare sulla tolda (coperta) della nave: pescàggene,
(la), s.f.
biscia di mare: lenze di chinàcchie, (la), s.f.
biscottino: 'mmiscuttëine, (lu), s.m.
biscotto
: buscótte, viscótte, (lu), s.m.
bisegolo, arnese del calzolaio usato come lisciatoio o lucidatoio: biséchele, fémece, (lu), s.m.
bisestile
, anno bisestile: bbisešte, bisèšte, (lu), s.m.
bisnonno-a, nonno-a: šciàure, ant., šcióre, mod., (lu/la), s.m.f. / nonno-a: nònne, (lu/la), s.m.f. / mio-a nonno-a: nonnò, nónneme / tuo-a nonno-a: nónnete
bisognerebbe
: s'avessafaie
bisogno
, necessità: bbisàgne, abbisàgne, (la), s.f./ non ho bisogno di nessuno o di niente: najjabbisàgne
bitorzolo
, bomba, proiettile: bàmme, (la), s.f.
bitorzolo (piccolo): vuzzitèlle, vuzzitìlle, vrignéule, (lu), s.m.
bitorzoluto (naso): vvuzzetèlle (a), loc. avv.
bitta
: bbáutte, (la), s.f.
bizza; capriccio: fandascèjje, (la), s.f. / capriccio: vréche, (lu), s.m. / marrùjje, (li), pl.: bizze; emorroidi
blatta, scarafaggio, insetto della famiglia degli scarafaggi che si muove velocemente: scardaváune, (lu), s.m.; fujjene, fujjëine, (la), s.f. / scàppe gnè 'na fujjëine
bloccato, ridotto all'inattività, di persona afflitta da paralisi, paralizzato: paralizzàte, agg.
blusa
: blîse, (la), s.f.
boa, gavitello, segnale galleggiante, sughero di legno o di altro materiale galleggiante: gavitèlle, (lu), s.m.; bbéuve, (la), s.f.
bocca
: vàcchë, vòcca, vòcche, (la), s.f.
bocca (a) a bocca: a fiàte a fiàte, loc. avv.
bocca della tramoggia da cui esce il grano: cassèlle, (la), s.f.
bocca (in): 'm màcche, loc. avv.
boccadoro, pesce della varietà sciena dalle carni pregiate: voccadéure, (la), s.f.
boccale
, caraffa di terra cotta per il vino: vucàle, (lu), s.m.; pl. li vichele
boccale di dimensioni ridotte (da mezzo litro normalmente): vucalátte, (lu), s.m.
boccali (grandi): pitìtte, pittìtti, (li), pl.
boccata: vuccànne, (la), s.f.
boccetta
: bucciátte, (la), s.f.
boccolo
di capelli: bícchele, (lu), s.m.
bocconcino, scamorza: scamârze, (la), s.f.
boccone, morso: màcceche, muàcceche, muccicànne, (lu), s.m. ant.; mócceche, mócciche, mod, (lu), s.m.
boccone (piccolo): muccicàlle, (lu), s.m.
boga, vopa, pesce della famiglia degli sparidi: hépe, éupe, véupe, bbàbbe, (la), s.f.
boh!: 'mbò!, int.
boia, carnefice: bòjje, (lu), s.m.
bolla; vescica: 'mbàlle, (la), s.f. / vescica: viscéche, (la), s.f.
bollente
: villënde, vvillènde, agg. / àcca villëite: acqua bollita / il brodo è bollente non si può mandare giù: lu vréute é vvillènde, nzi po' nghiutté
bollire
: villë, vullë, v. / bollire, rimestare: vulecá, v. / agitare, rimestare: arivudiché, vuscicá, v. / agitare: šdillazzá, v. / rimestare (cibi e liquidi): 'ndrucculijé, v.
bollito
, lesso: bullëite, (lu), allásse, (l'), s.m.
bollore
, bollitura: vullànne, (la), s.f. / bollore: vuàlle, vullàre, (lu), s.m.
bollitura (prima)
dei legumi: accirignéte, agg.
bollore, bollitura: vullànne, (la), s.f. / bollore: vuàlle, vullàre, (lu), s.m.
bolso
, stanco: spasemàte, agg.
bomba
, proiettile, bitorzolo: bàmme, (la), s.f.
bomboniera: bumbunìre, (la), s.f.
bonaccia: bunàzze, (la), s.f.
Bonaventura
: Bonavendiure, n.p.p.
bongiorno
, buongiorno: bbongiórne, bongiòrne, (lu), s.m.
bontà d'animo: bunëzie, (la), s.f.
borchia della serratura, spioncino, anche scarpa (parte della): buccátte, (la), s.f. /
scarpa: scarpe, (la), s.f., pl. li scarpe / scarpe: ciarabùtte, (li), pl. / scarpa (parte superiore): accrullatîure, (l'), s.f. / scarpa piuttosto larga per camminarci: calasciáune, (lu), s.m.
bordeggiare: abburdijé, burdijé, v.
bordello: burdèlle, (lu), s.m.
bordo (a): bbàrde (a), avv.
bordo della murata: òpra mòrte, (la), s.f.
borea, grecale: vènde da gréche, (lu), s.m.
borghese, cittadino, civile: civëile, ciuvëile, agg.
boria, vanità, millanteria, spacconeria: baggianarë, sbrafandarèjje, (la), s.f.
boria (talvolta), orgoglio: retinìnzie, (la), s.f.
boriosetto: baggianótte, (lu), s.m.
borrana: burràggene, (la), s.f.
borsa: bbàrze, bàrze, vârze, (la), s.f.
borsaiolo, ladro anche massaggiatore: palipiatàure, palipijatàure, bèrre, (lu), s.m.
borseggiatore: calasàcche, calavàrze, (lu), s.m.
borsellino: vurzìlle, (lu), s.m.
bosco, selva: sèlve, sälve, (la), s.f.
bosso, bossolo: bîssce, (lu), s.m.
bossolo, bosso: bîssce, (lu), s.m.
bottaio: vuttàre, (lu), s.m.
botte
: vâtte, vòtte, (la), s.f., pl. le vitte / botte; tino dei tintori: vàscèlle, (lu), s.m.
botte (piccola) di rovere: quarratille, (lu), s.m., pl. li carratille
botte (un sacco di): fràcche, (lu), s.m. /
botte (gran quantità di), mazzata: mazzànne, (la), s.f.
bottega, emporio, fondaco, magazzino, deposito: fuàneche, fàneche, (lu), s.m. / bottega, negozio: putéche, (la), s.f., pl. li putéche / magazzino: mahazzène, (lu), s.m.
bottegaio, commerciante: putecàre, (lu), s.m.
botticella: vitticialle, (la), s.f., pl. le vitticèlle
bottiglia: bbuttëje, bbuttéjje, butteie, (la), s.f., pl. li butteie; il termine indica anche le bottiglie bollite a bagno maria: di pammadéure (se contengono solo pelati), di sâzze (se contengono la salsa)
bottiglia impagliata: fiàsche, (lu), s.m.
bottiglia da due litri: quarrafingille, (lu), s.m. pl. li carrafingille
bottiglia, fiasca, (grande) in vetro per il vino: quarraffáune, (lu), s.m., pl. li carrafihune
bottiglie di solo pelati: bbuttëje di pammadéure; di sola salsa: bbuttëje di sâzze
bottiglie di sola salsa: bbuttëje di sâzze; bottiglie di solo pelati: bbuttëje di pammadéure
bottiglione di vetro a forma sferica; fiasco; caraffa: bòcce, (la), s.f., pl. li bocce
bottone: bbittáne, bbittáune, bbuttáune, buttáune, (lu), s.m., pl. li bbittîne, bbittîune, bbittihune / giocare a bottoni, gioco di bambini, consistente nel premere con un bottone su un altro per farlo saltare lontano: jucà a bbittîne, a limmèlle / bottone: limmèlle, (la), s.f.
bottoni a pressione in plastica o di ferro per aprire e chiudere abiti o maglie: cciàppe, (la), s.f.
bozzo,
bernoccolo, protuberanza, gonfiore: vózze, vrignéule, (lu), s.m.
box
, pugilato: bbòcchese, (la), s.f.
bracciante
dei campi, della stalla, degli artigiani; garzone anche arnese di falegname: harzáune, (lu), s.m., pl. li harzîune; garzáune, (lu), s.m.
bracciante a giornata, operaio giornaliero: jurnatàre, pl. li jurnatire,
ajîute, (lu), s.m., pl. l'ajîute / contadino, cafone, anche zotico: quafáune o cafáune, pl. li cafihune, zappatèrre, pl. li zappatèrre / contadino: bèrre di sàbbie, (lu), s.m. / contadino: cambaréule, (lu), s.m.
braccia (fra le): ngòlle, avv.
bracciata
: vracciànne, (la), s.f.
braccio: vruacce, (lu), s.m., pl. li vracce
braccio di mare: umbiatìcce, (l'), s.m.
braccione
, accrescitivo di braccio (vràcce): vrecciòne, (lu), s.m. / ghiaia: vrecciòne, (lu), s.m.
brache, mutandine: bráche, vracàtte, (li), pl.
bracia
, bragia: vràsce, (la), s.f., non ha pl.
braciere
: vrascìrë, (lu), s.m.
braciola
: brasciéule, (la), s.f.
bragia, bracia: vràsce, (la), s.f., non ha pl.
bragozzo: bbrahòzze, (lu), s.m.
brancata di roba
, quantita di roba presa dalla mano, ciò che si prende con una mano (manciata): vrancáte, vrangáte, vrànghe, vrànghelë, (la), s.f. / una manciata di fave: 'na vrancáte di fäve
branchia del pesce anche garza: gàrze, gärze, hàrze, (la), s.f.
bravaccio, cavezzone: capizzáune, (lu), s.m. /
bravaccio
, bugiardo, fanfarone, millantatore, spaccone, vanaglorioso, vantone
: arcimbámbele, baggiàne, ggiannèzzere, pallunàre, sbrafànde o sbravànde, vandasciàre, agg./(lu), s.m. / frottolone o fanfarone: favucchiàre, papucchiàre, (lu), s.m. / raccontatore di frottole, menzognero: fafucchiàre, (lu), s.m.
bravata: guapparëjje, (la), s.f.
bravo; lode: bràve, (lu), s.m.
bravo; cagnotto; sgherro: cajëcche, (lu), s.m.
breccia: vràcce, (la), s.f.
bretella
: tirànde, (la), s.f., pl. li tirènde
breve
(tra); al poco:
a cchírte, loc. avv.
brezza (leggera): bfafètte di vènde, (la), s.f.
brezza dai monti anche vento di terra: turräne, (lu), s.m.
brezza di terra: turranèlle, (lu), s.m.
bricco
, caffettiera; pentolino di rame per fare il caffè, la cioccolata: ciucculattìre, (la), s.f.
briccone, lazzarone, mascalzone: bbrèche, lazzaráune, lazzaraine, (lu), s.m., pl. li lazzarîune
briccone: male cirvèlle, (lu), s.m.
briciola di pane; mollica: mijjèche, fraglìca, fráneche, (la), s.f.
briciola
(minuscola); un tantino, un pochino: mijjecàlle, mejechèlle, (la), s.f.
briga: ahùšte, (l'), s.f.
brigadiere: brihattìre, (lu), s.m.
brigante
; malvivente: bbrihànde, (lu), s.m.
brigantino
: bbrehandëine, (lu), s.m.
Brigida
: Bbréggede, n.p.p.
briglia
per la guida dei quadrupedi: vreie, (la), s.f., pl. le vreie
brillante
, gioiello: bbirlànde, (lu), s.m.
brillo: alècre, agg.
brina
, gelata notturna: hailäne, (la), s.f.
brina o pioggia mista a fango: uàzze, (la), s.f.
briscola
, gioco di carte anche schiaffo: bbréschele, bréschele, (la), s.f.
brividi
: ricce di chèrne, pl. (li) / un brivido sulla pelle: 'nu ricce di carne
brivido (un) sulla pelle: 'nu ricce di carne / brividi: ricce di chèrne, pl. (li)
brocca, in genere anche di porcellana o di ferro smaltato anessa alla bacinella: bròcchele, (la), s.f.; sbròcchele, (lu), s.m. / brocca di terracotta: ciúcine
, (lu), s.m.
brocca di porcellana o di ferro smaltato anessa alla bacinella anche brocca, in genere: bròcchele, (la), s.f.; sbròcchele, (lu), s.m. / brocca di terracotta: ciúcine
, (lu), s.m.
brocca di terracotta: ciúcine
, (lu), s.m. /
brocca, in genere anche di porcellana o di ferro smaltato anessa alla bacinella: bròcchele, (la), s.f.; sbròcchele, (lu), s.m.
brocca (piccola) o ramaiolo di stagno o zinco per prelevare l'olio anche misurino, in genere per l'olio: misurèlle, (la), s.f. / misurino: mîserèlle o muserèlle, (lu) s.m. / il misurino dell'olio: lu mîserèlle dell'uje
broccoli
: vrúccule, s.m., pl. li vrúccule de rápe strascinéte
broccoli anche verze lessati e poi ripassati in padella con aglio: fùjje štrascinéte, (li), pl.
brodaglia
: vrudàjje, (la), s.f.
brodetto
di pesce; zuppa di pesce costituita da varie specie, cotte in un tegame di coccio con pomodoro, prezzemolo, olio, aglio, listarelle di peperone: vrudátte, (lu), s.m.
brodetto dei contadini
; zuppa di pesce con modalità tradizionale, ma con preponderanza di pesce azzurro: sgombri, aguglie, alici, cheppie, spesso piccoli muggini, seppie e cicale di mare; il tutto rinforzato con peperoncino piccante: vrudátte di li cafîune, (lu), s.m.
brodetto di bordo o della barca
; zuppa di pesce dei pescatori, ma con modalità diverse da quelle più comuni, con l'uso di varietà di pesci dalla carne dura (palombo, lucerna, scorfano, tràcina, razza, ecc.) con la cottura in un catino di rame zincato con aglio, cipolla, peperoni spesso piccanti e con l'aggiunta, talvolte di cozze: vrudátte di bbòrde o di la vàriche, (lu), s.m.
brodo
: vróte, vréute, vróde, bréute, (lu), s.m. / sta comodo e senza pensieri: è lu vròte gràsse!
brodo fiacco
: vrudilézie, (lu), s.m.
brodoso
, di minestra poco robusta e con scarsi ingredienti: vrudáuse, agg.
broncio; fase lunare, (quarto): quàrte, (lu), s.m.
broncopolmonite anche polmonite: pulmuné, pulmunéte, (la), s.f.
brontolone, querula, di persona lamentosa: picciáuse, (lu), s.m.
bronzo: abbrànze, bbrànze, (lu), s.m / di bronzo: d'abbranze
bruciare
: abbruscé, v. / bruciare, focare anche in senso figurato: fucá, v. / se lo prendo gli brucio le palle: si l'acchiàppe i féuche li palle
bruciaticcio
: bruscëcce, (lu), s.m.
bruciatoio/a: caštagnàre, (lu), s.m./(la), s.f.
bruciatura
: abbrusciatîure, (l'), s.f.
bruco, verme: vèrve, (lu), s.m. / verme: vèrme, vuèrme, uèrme, (lu), s.m.
brufolo
, foruncolo spesso con pus, pustola: vrîscele, vríscile, (lu), s.m. / foruncolo: pidiciàlle, (lu), s.m.
brumeggio
, minutaglia di pesci gettata a mare come esca: remègge, (lu), s.m.
brunetta
, giovane donna bruna: virnètte, (la), s.f.
Bruno
: Brune, n.p.p.
brutto
: bbrîtte, brítte, agg. / è bbrîtte e mmalecaváte
bubbone di origine venerea: bobbò, (lu), s.m. / voce infantile per indicare i dolci: bobbò, (lu), s.m.
bubboni: tanghéune, (li), pl.
bubone anche gufo: tanchéune, (lu), s.m.
buca: cavòcchie,
(la), s.f.
buca
alla porta per il rientro e l'uscita del gatto, gattaiola: hatterèle, gattaréule, attarole, (la), s.f., pl. li hatterèle / gattaréule / attarole
buca, antro: caravòtte, caravòcchie, (la), s.f. / buco, antro, stambugio: caravócchie, (lu), s.m.
buca (piccola): cavutàlle, (lu), s.m.
bucare, forare: cavuté, v. / forare: furá, v.
bucatini, perciatelli, pasta lunga, simile agli spaghetti, forata: pircilatìlle, (li), pl.
bucatino: culatèlle, (la), s.f.
bucato (quantità di) lavato in un solo ciclo anche lavata approssimativa: lavànne, (la), s.f.
buccellato, di ciambella: piccilläte, agg.
buche (piccole) nel terreno fatte col piolo per ripiantare le piante: cavutîlle, (li), pl.
bucherellare, fare tanti piccoli buchi, forare: scavuzzé, v. / forare, bucare: cavuté, v. / forare: furá, v.
buccia, involucro, guscio: scàgne, (la), s.f.
buco
, foro: bîusce, bbîsce, bbìuche, cavüte, cavîute, quavîute, (lu), s.m. / fori lasciati dall'impalcatura (rištìre): cavîute, (li), pl. / ri
one urbano di Vasto, nei pressi della Torre di Santo Spirito: cavîute, (la), s.f.
buco, antro, stambugio: caravócchie, (lu), s.m. /
buca, antro: caravòtte, caravòcchie, (la), s.f.
buco (piccolo) delle porte per consentire il passaggio dei gatti, gattaiola: hatterèle, gattaréule, attarole, (la), s.f., pl. li hatterèle / gattaréule / attarole
budello, budella: vidèlle, (lu), s.m., pl. li vidîlle
budellona, donnaccia, donna di facili costumi, senza morale: ruvulláune, (la), s.f.
bue: véuve, vòve, (lu), s.m., pl. li vuve
bue: cimacëine
, (lu), s.m.
buffo: bìffe, agg.
bugia, menzogna: bbuscë, buscë, buscèjje, (la), s.f.
bugiardo: cacabuscë, (lu), s.m. / bugiardo, bravaccio, fanfarone, millantatore, spaccone, vanaglorioso, vantone: arcimbámbele, baggiàne, ggiannèzzere, pallunàre, sbrafànde o sbravànde, vandasciàre, agg./ (lu) s.m. / frottolone o fanfarone: favucchiàre, papucchiàre, (lu), s.m. / raccontatore di frottole, menzognero: fafucchiàre, (lu), s.m.
bugiardo; millantatore: pallunàre, (lu), s.m.
bugliolo: bbujéule, (lu), s.m.
bulbo; nocciolo, nocchio; sansa: nócce, (lu), s.m.
bulletta; grosso chiodo: cindráune
, (lu), s.m.
buoi: bifîuce, (li), pl. / gufo: bifîuce, (la), s.f.
buon'anima; buonanima; il defunto: bbonàlme, bonàlme, (la), s.f. / la buonanima di mio padre: la bbonàlme de táte
buon nome (di) ma anche di non buona fama: rennummenéte, agg.
buon pro!
: bom pre!, loc.
buon vespro: bommèspere, (lu), s.m.
buona fama (di non) ma anche di buon nome : rennummenéte, agg.
buonalana; persona da evitare: bonapizzáte, (lu), s.m.
buonanima; buon'anima; il defunto: bbonàlme, bonàlme, (la), s.f. / la buonanima di mio padre: la bbonàlme de táte
buonanotte: bonanòtte, (la), s.f.
buone maniere, educazione: criànze, (la), s.f.
buondì: bonnë', (lu), s.m.
buongiorno, bongiorno: bbongiórne, bongiòrne, (lu), s.m.
buono-a
: bbóne-a, béune, agg.
buono, bello: bèrre di gréisce, (lu), s.m. / bello: bbèlle, bèlle agg. / bello-a, buono: di grëisce, agg.
buono (più), migliore, meglio: májje, mèjje, agg./avv.
buono
(piuttosto): bunarelle, agg.
buono a nulla, delinquente, inaffidabile, incapacesfaticato: uajmùrte, uahimùrte, guaimùrte, (lu), s.m./agg. / delinquente, svergognato: sbruvugnáte, dilinguènde, agg./(lu), s.m. pl. li dilinguìnde
/ delinquente anche campione: cambiáune, (lu), s.m. / buono a nulla anche moneta di due soldi, callo del ciabattino, parte del pettine senza denti:
talá
une, (lu), s.m.

buono (un poco di); pirata: cignótte, (lu), s.m., usato perlopiù al pl. li cignùtte per indicare i pirati provenienti da Dulcigno
buontempone: còrpe di bbòn dèmbe, (lu), s.m.
burla
, scherzo: schèrze, (lu), s.m.
burlare: abburlá, v.
burlone: burlìre, (lu), s.m.
burrasca: frittiònne, (lu), s.m.
burro: bbùïrre, bûrre, (lu), s.m.
burrone, ripa: rëpe, (la), s.f. / burrone: valluócchie, (lu), s.m.
busbana o cappellano, varietà di pesce, dalle carni mediocri, in genere usato per la frittura: sbäne o sbbàne, (la), s.f.
bussola: bbíssele, (la), s.f.
busta da lettera: 'mmelòppe, (la), s.f.
busto: bùšte, (lu), s.m.
buttare all'aria
, dissipare, consumare: sciàlá, v. / dissipare, scialacquare: despá, v. / consumare: cunzumuá, v. / scialacquare il denaro in modo irresponsabile: fuffié, v. / sciàle popole, ca dumuàne è Ggiubbullé
butterato: carpécate, agg. / viso pieno di segni dell’acne, anche del vaiolo: pinticchiáte, agg.
buttero
: vúttere, (lu), s.m.