Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Vocabolario italiano-vastese
: A
 

a, ad: a, prep. semplice; forma, non in unione, le preposizioni articolate a lu, a la, a li: al, allo, alla, all, ai, agli, alle / ha: á, pronunciata con leggera aspirazione, pres. verbo avere 3a pers. sing.
a bacìo, luogo esposto a settentrione
: murogne o muràgne (a lu), loc. avv.;
luogo esposto a settentrione: vreràgne, (lu), s.m.
a bocca a bocca: a fiàte a fiàte, loc. avv.
a bordo: bbàrde (a), avv.
a bottoni (giocare), gioco di bambini, consistente nel premere con un bottone su un altro per farlo saltare lontano: a bbittîne, a limmèlle, loc. avv. /
a bottoni (giocare), gioco di bambini eseguito con bottoni in luogo di monete: a la savìne, loc., avv.
a buon mercato: bbommercáte, (a), loc. avv.
a capello: tacc' a tàcche, loc. avv.
a capo
: accàpe, avv.
a centinaia: a ccindinàre, loc. avv.
a chi è intestato? (rif. a una proprietà): 'mbacce a cchi štä'? / per non pagare molte tasse l'ho intestato a mia moglie: pi nin pahä naquille tâsse l''haje màsse 'mbàcce a mmajme / in faccia: 'mbàcce, avv.
a confronto, faccia a faccia: facciafrànde, loc. avv.
a cottimo
: dištájje (a), loc. avv.
a denti stretti
: aggangáte, agg.
a digiuno
:
a la ddijîne, ddijîune, dijùne, loc. avv.
a dirotto: a zzuffuînne
a fagiolo: a ciummìlle, loc. avv.
a falciare
: a faggià
a fare lo scasso
per la piantagione delle viti: a fa' lu squassate
a fetta a fetta anche minaccia verso qualcuno: a ffèlle a ffèlle, loc. avv.
a filo a filo: 'mbile 'm bèle, loc. avv.
a fondo: a ffànne, avv.
a galla:
a ggàlle, loc., avv.
a iosa: battajjáune, (a), loc. avv.; bizzéffe (a), loc. avv.
a llá dùssute, avv.: in quel luogo
a lato di, accosto a: a lu làte, loc. avv.
a lu 'ngundrarie, a la dimmèrze, a la devèrze, a la capequîule, a la capichîule, avv.: alla rovescia, al contrario, al rovescio, inverso / s'ha mässe la majj' a la dimmèrze: s'è messo la maglia al rovescio
a luna crescente: a la criscènze, loc. avv.
a lungo: a lònghe, avv.
a l'usanza di
: a l'usànze, loc. avv.
a malapena: a malappäne, loc. avv.
a manciate: a vrancáte, loc. avv.
a mazzetti a mazzetti
: a cacchiatte a cacchiatte (trovarne tanti)
a me: 'mmá, pron.
a memoria nel senso di a memoria d'uomo: a mmammùrie, avv.; a memoria: a 'mmènde, loc. avv. / mio figlio sa il catechismo a memoria: féime sa la duttrëine a 'mmènde
a mettere
le canne nei vigneti: a tênne
a mie spese: a cconde mè, loc. avv.
a mietere: a mete
a momenti, fra poco: a mmumènde, loc. avv.
a monte, su, lassù, in alto, di sopra: a èlla mmànne, alocammànne, capammànde, avv. / a valle,
giù, laggiù, in basso, di sotto: a èlla bbálle, alocabbálle, capabbálle, avv. / mónd' o mmond' e bbálle, capammànde e capabbálle: su e giù
a mosca cieca: chiùppa cèche, (la), s.f.
a noi: a ní, 'nnî, pron.
a pancia a terra, chinato verso terra: a panzandèrre, loc. avv.
a partire da, in capo a, fra: 'ngàpete, prep.
a pascolare
: a pasce
a pelo, al limite: 'ngile, avv. / a pelo d'acqua:
'n gile d'àcche

a pezzi: a catùcchie, loc. avv.
a pezzi e bocconi: a ppizz' e cchîune, loc. avv.
a pian terreno: biàna ('m) terre, avv.
a piombo; filo a piombo dei muratori: 'mbiàmme, a piàmme, avv.
a più non posso: a la disdirràtte, loc. avv.
a poco a poco: a ccon'a ccàune, loc. avv
a potare gli alberi: a putà
a questo punto!; addirittura!; ti sta bene!: fréchete!, loc. / addirittura; senza meno: defîle, diféile, avv. / addirittura!: diacine!, diavolo!, loc.
a raccogliere i manipoli di grano nel campo: a rcaccià li manuppile
a randa a randa, sull'orlo, sul limitare: rènde rènde, loc. avv.
a ribellione: a rrbèlle, loc. avv.
a ritroso: arrètequîule, avv.
a ricoprire di terra il seminato con zappa o bidente: a pastinà
a rimescolare col bidente il terreno seminato: a rzappilijé
a ripulire il seminato dalle erbacce: a sarchiá
a rizzappare superficialmente la vigna: a rranná
a sbafo
, a ufo, gratis, senza pagare: îffe, hîffe (a), uffe (a), loc. avv.
a scanso di: a scanze, loc. avv.
a separare
nel vento il grano dalla paglia lanciandolo in aria: a vindilà
a spasso
(andare), non far nulla, mangiar, bere, proprio come quel tal Cajasso: fá l'àrte di Cajàsse, magne, vvéve e v'a spásse, v.
a stabilire
i punti dove piantare le viti per un nuovo vigneto: a passillà
a tentoni: attindîune, loc. avv.
a testa in giù: a còccia capabbàlle, loc. avv.
a togliere i tralci dal vigneto le escrescenze
filamentose
: a stannà
a trebbiare: a triscà
a ufo, a sbafo, gratis, senza pagare: îffe, hîffe (a), uffe (a), loc. avv.
a valle, giù, laggiù, in basso, di sotto: a èlla bbálle, alocabbálle,
capabbálle, avv. / a monte, su, lassù, in alto, di sopra: a èlla mmànne, alocammànne, capammànde, avv. / bbálle e mónd o mmond, capabbálle e capammànde: giù e su
a vendemmiare: a vilignà
a vita: a 'm mìte, loc. avv. / a vita: ammèite, avv.
a zappare: a zappà
abatonzola
, abatuncolo: abbatùzze, (l'), s.m.
abatuncolo, abatonzola: abbatùzze, (l'), s.m.
abbaiare
: abbajjá, v., ant.
abbaio del cane
una volta rilevata la preda: baffànne, (la), s.f.
abbandonare, lasciare: landá, lassá, v.; lascia!: làsse!, imp. / lasciare impronte: zambijá, v. /
lasciare lividi sulla pelle dopo percossa
, segnare: cennié, v.
abbassare, chinare il capo o il corpo, piegare: acciuqqué, v. / chinati!: accîcchete! / chinare il capo palesando dispetto, broncio: ammurré, v.
abbecedario; l'abbicì: beabbà, (la), s.f.
abbellire
, lisciare: allišciá,
alliscié, v.
abbeveratoio
, anche pelo bianco sulla bocca di alcuni cavalli: abbuvuratáure, s.m.
abbicare
; radunare covoni: ammitá, v.
abbicì (l'); abbecedario: beabbà, (la), s.f.
abbigliamento (l'insieme dell'), vestito: vìštitîure, (la), s.f.
abbindolare, raggirare: zingariá, v. / raggirare, abboccare: abbuccá, v. / raggirare, ingannare: gnucchélé, v. / raggirare, volpeggiare: vulupié, v. / acchiappare, afferrare, cogliere, ingannare, prendere, prendere alla sprovvista: acchiappá, 'cchiappá, còjjë, p.p. còdde, inganná, 'nganná, pijjá, v. /
imbrogliare, intorbidare: arindruvutá, v. / imbrogliare, ingannare: nganné, buzzarrá, v. / abbindolare, picchiare, dare: attarruná, v.
abboccare, raggirare: abbuccá, v. /
raggirare, abbindolare: zingariá, v. / raggirare, ingannare: gnucchélé, v. / raggirare, volpeggiare: vulupié, v. / acchiappare, afferrare, cogliere, ingannare, prendere, prendere alla sprovvista: acchiappá, 'cchiappá, còjjë, p.p. còdde, inganná, 'nganná, pijjá, v. / imbrogliare, intorbidare: arindruvutá, v. / imbrogliare, ingannare: nganné, buzzarrá, v. / abbindolare, picchiare, dare: attarruná, v.
abboccato (ha): cià dàte! / dato: dàte, p.p. di dare
abboccato
, relativo al sapore del vino
: arbuccáte, agg.
abbonacciare
: abbunazzá, v.
abbondande: abbunnanziáuse, agg. abbondanza (in), parecchio, molto: naquàlle, avv./agg.
abbondanza
in genere di cibo: gràsce, (la), s.f. anche sputo, scaracchio, espettorato: gràsce, (lu), s.m. / grasciáuse, agg. (riferito
all'
abbondanza in genere di gràsce)

abborracciare, far le cose alla carlona, operare in modo negligente: acciavattá, v.
abborracciatore; chi esegue in modo maldestro un lavoro: cciavattatáure, (lu), s.m.
abbottonare
: abbuttuná, v.
abitare, dimorare: abbitá, v.
abbrancare: abbracá, v.
abbreviare, accorciare: accurtunë, v.; fig., nel significato di morire: accurtunë li pásse, v. / accorciare, rimboccare l'abito: accurciá, v.
abbrivare, mettere in movimento: ammijjé, v.
abbronzarsi: affarárese, v.
abbronzato
, adusto, scurito: virnàtte, agg.
abbronzatura
: abbambatîure, (l'), s.f.
abbrustolire anche tostare il pane, le fave: ašcá, v.
abbuffarsi
: abbuffé, v.
abbuiare
: accupé, v.
abete
: abbáïte, (l'), s.m.
abile
: àbbele, agg.
abitante della frazione Incoronata di Vasto: 'ngurnatàre, agg.
abisso
, lo strafondo ma anche l'inverno o l'inferno, l'oltretomba: trafonne, (lu), s.m.
abisso marino: catrafánne, (lu), s.m.
abitazione (parte superiore), sopra: adàdde, prep. /
parte superiore di un'abitazione, alto: dòdde, (lu), s.m.
abiti e ad altri indumenti (riferito ad) che calzano a pennello: assindáte, agg.
abito (di) o di utensile rimesso a nuovo: nuvuàgne, agg.
abito maschile intero (unico tessuto) e non spezzato: cuštûme o cuštîume, (lu), s.m.
abituare
: abbituá, v.
abituato
: abbituéte, agg.
abitudine: ammázze, (l'), s.f. / abitudine, costume di un paese: abbituaziáune, (l'), s.f., îuse, (l'), s.m.
abortire: sburté, v.
aborto: sburtènne, (la), s.f.
abradere, raschiare: ratá, v. /
raschiare: rašchijé, rascicá, v.
acacia (fiori dell'): bbiangulëine, panaccascìlle, (li), pl.
accadere
, succedere: ammáttë, v.
/ accadere, avvenire: cummumènde, v. / ascolta ciò che mi è successo stamattina: sinde chi mm'è štáte cummumènde maddimàne
accadimento, fatto, evento, racconto: fàtte, (lu), s.m., pl. li fètte
accalappiacani: ciappacàne, acchiappachéne, (lu), s.m.
accaldare: accallá, v.
accaldarsi: scallarijé, v.
accaldato: scallariáte, agg.
accanto, rasente, vicino: accànde, rènde, aèsse, avv. / vicino, nei pressi: davicëine, avv. / vicino: vicëine, rènde, agg. / strettamente vicino: rènde rènde, loc. avv. / rasente rasente: rènde rènde, lònghe lònghe, loc. avv.
accanto: cànde, avv.
accapigliarsi, acciuffare per i capelli: accapicirrá, v.
accasare, accasarsi, ammogliarsi: accasá, v.
accasarsi, accasare, ammogliarsi: accasá, v.
accatastare, dire bugie: accataštá, v.
accavallare, mandar giù, scavalcare: accavallá, v.
accecare, privare della vista: cicá, v.
accendere, appicciare, appiccare fuoco, illuminare: appiccé, appicciá, v.
accendere e spegnere: a pìccia e štûte, loc. avv.
accennare, ammiccare: accinná, v.
accesso, latrina: cèsse, (lu), s.m. /
accesso alla coperta di una barca anche portone di un edificio: purtáune, (lu), s.m.
accesso alla coperta di una barca anche portone di un edificio: purtáune, (lu), s.m. /
accesso, latrina: cèsse, (lu), s.m.
accetta (colpo di): accittànne, (l'), s.f.
accetta (piccola) per togliere la carie dall'olivo: mannarèlle, (la), s.f.
accettare denari o compensi per lasciarsi subornare: addubbá, v.
acchiappare, afferrare, cogliere, ingannare, prendere, prendere alla sprovvista: acchiappá, 'cchiappá, còjjë, p.p. còdde, inganná, 'nganná, pijjá, v. / prendere il sonno: 'nganná lu sonne, v. /
raggirare, abbindolare: zingariá, v. / raggirare, abboccare: abbuccá, v. / raggirare, ingannare: gnucchélé, v. / volpeggiare, raggirare: vulupié, v. / imbrogliare, intorbidare: arindruvutá, v. / imbrogliare, ingannare: nganné, buzzarrá, v. / abbindolare, picchiare, dare: attarruná, v.
acchittato, inamidato: 'mpusumáte, agg.
acciabattare, acciarpare,
eseguire un lavoro senza la nesessaria diligenza, investire: arrunzá, v. / eseguire con diligenza un compito, in genere i lavori di sartoria: apprumáttë, v.
acciaccare, pestare: acciaccá, v. / tritare, pestare, pestare il lardo sul tagliere: ddacciá, v.
acciaio: acciàre, cciàre, (l'), (lu), s.m.
acciambellare, arrotolare: attarallá, v.
accesso proibito (luogo dall'): difènze, (la), s.f.
accetta, scure: acciátte, cciátte, (l'), (la), s.f.
acciambellare, arrotolare: attarallá, v.
acciarpare, acciabattare, eseguire un lavoro senza la nesessaria diligenza, investire: arrunzá, v. / eseguire con diligenza un compito, in genere i lavori di sartoria: apprumáttë, v.
acciottolato, selciato: saveciáte, basuláte, (lu), s.m.
accisa, imposta: ascëise, (l'), s.f.
acciuffare per i capelli, accapigliarsi: accapicirrá, v.
acciuga,
alice: alëice, lëice, (l'), (la), s.f.
acclamare, gradire: acclamá, v.
accoccare, accoppiare, restringere, raccogliere, mettere insieme, rimediare qualche cosa: accucchié, arištrágne, v. / raccogliere: ariccòje, ariccòjjë, raccójjë, v. / raccogliere, venire a capo, separare i buoni dai cattivi: aricapä, v. / selezionare, scegliere proprio dei legumi: aricapá, v.
accodare, affilare: accudá, v.
accoglienza, ospitalità: accujjènze, (l'), s.f.
accogliere
, invitare: ammeté, ammité, 'mmté, cummuté, v. /
accogliere, ricevere: ariciáivë, accòjjë, v., p.p. accòdde
accompagnare
: accumbagná, v.
accompagno, corteo: accumpagnamènde, (l'), s.m.
acconciatura dei pantaloni: cazzére, (la), s.f.
acconcio, di giusta misura: acchînge o accungí, agg.
accontentare: accundendá, v.
acconto: ccànde, (lu), s.m.
accoppare, battere: accuppá, v. /
picchiare, percuotere: ariffaldá, v. / picchiare, battere: vàttë, vattié, v. / picchiare, battere, farsi aprire alla porta per entrare o farsi riconoscere: tuzzulá, v. / picchiare, abbindolare, dare: attarruná, v.
accoppiare, restringere, raccogliere, mettere insieme, accoccare, rimediare qualche cosa: accucchié, arištrágne, v. / raccogliere: ariccòje, ariccòjjë, raccójjë, v. / raccogliere, venire a capo, separare i buoni dai cattivi: aricapä, v. / selezionare, scegliere proprio dei legumi: aricapá, v.
accorato, mesto: arranguràte, agg.
accorciare, rimboccare l'abito: accurciá, v. /
accorciare, abbreviare: accurtunë
, v.; fig., nel significato di morire: accurtunë li pásse, v. /
accorciare le distanze, riavvicinare: arbiciné, v. / per quella trada si accorcia: pi chèlla véjje s'arbicëine
accordarsi, patteggiare: pattijé, v.
accordo: annîtte, (l'), s.f.
accordo; intesa: 'ndàse, (la), s.f.
accordo; consenso: cunzènde, 'ngunzènde, (lu), s.m.
accordo, patto: pàtte, (lu, s.m. / patto: puâtte, (lu), s.m.
accordo (essere d'): annittë, v.
accordo furbesco fra giocatori di biliardo: cazzatte, (la), s.f. / natro attorno alle zampe delle galline per segnalarne la proprietà: cazzatte, (la), s.f. / calza, calzetta: cazzatte, (la), s.f.
accorgersi: adduná, v.
accorto: accórte, avv.
accorto, scaltro, anche esperto, istruito, saccente: saputìlle, (lu), s.m. / scaltro (paraculo): paraquîule, (lu), s.m. /
scaltro, astuto, furbo: fìrbe, agg. / furbo, sveglio, intelligente: cillëine, agg. / furbacchione, persona vivace: rócile, (lu), s.m. / tipo furbo e vivace: rottaluquîule, (lu), s.m.
accostare: accandussciá, v. / accostare tizzoni e brace per rinvigorire il fuoco anche attizzare, aizzare: attizzé, v. / aizzare anche dare lo zolfo: 'nzulfaná, v.
accosto a, a lato di,: a lu làte, loc. avv.
accrescere: accräšcá, v.
accumulare, impastare, ammassare, mescolare: ammassá, v. / impastare di nuovo, rimpastare: arimbaštá, v.
acerbo: àchere, cèreve, cièreve, agg.; riferito al vino o alla frutta: aritirágne, agg. / vino dal sapore acidoso: citálle, agg.
acero campestre o oppio: uóppie, (lu), s.m.
acetilene (idrocarburo gassoso prodotto dalla reazione dell'acqua col carburo di calcio): citoléne, (la), s.f.
aceto anche minchione: ciàite, (lu), s.m.
acido, (l'), s.m.: àcete
acido (sapore che tende all'): citágne, agg.
acidoso (vino dal sapore): citálle, agg.
acino: àcene, (l'), s.m.
acino di oliva, spesso piccolo, rimasto ai piedi dell'albero: acinàlle, (l'), s.f.
acino, chicco
, granello, o poco di qualcosa: vàche, (lu), s.m.
acme, orgasmo sessuale: dàgge, fig. / dolce; confettura: cosadàgge, (la), s.f., pl. li cosadìgge / dolce: dàgge, duàgge, (lu), s.m./agg., pl. li dìgge, dim. duggiarèlle
acqua: acche, l'âcche, àcca, àcque, (l'), s.f. / te lo bevi in un bicchiere d'acqua: tî li váive déntre a nu bbicchìre d'àcche / sopra il cotto l'acqua bollente: sopr' a lu còtte l'àcca villènte / irrigazione: àcca curruènte / acqua sporca dai frantoi: àcca vècce / acque reflue: àcca vràtte / solfato di rame: acch'arramäte
acqua: lùsce, (lu), s.m.
acqua bollita: àcca villëite, (l'), s.f.
acqua calda: àcca càlle, (l'), s.f.
acqua di sapone per il bucato: sapunáte, (la), s.f.
acqua santa: àcca sànde, (l'), s.f.
acqua stagnante: àcca štàgne, (l'), s.f.
acquaio, lavello: lavandëine, (la), s.f.
acquasantiera: acquasandìre, (l'), s.f.; pìle, (la), s.f.
acquattato: quàtte, agg.
acquazzone, scrollo d'acqua: lûscie, (la), s.f. /
acquazzone: acquazzáune, (l'), s.m. / acquazzone (un): 'na lîsce d'ácche, s.f.
acqua di scarto dell'olio: arcavècce, (l'), s.f.
acquaiolo, venditore distributore di acqua: cariabòtte, (lu), s.m.
acquattarsi: ahuattá, v.
acquietare: accujatá, v.
acquistare, comprare: accattá, v.
/ una volta si comprava...: ‘na vôdde, s’accattäve...
acquitrini: padûre, (li), pl.
aculeo, pungiglione: chîjje, (la), s.f.
; pungijjáune, (lu), s.m.
acuminato, appuntito, puntuto: pizzîute, agg. / cimitero: fig. àrbre pizzîute, (l'), s.m.
ad, a: a
, prep. sempl.
ad arare
: a ará
ad unire le viti (a due a due) tra di loro: a fa' a cambrêtte
Ada: Ade, n.p.p.
adagio: adàge, avv.
adagio adagio, con lentezza: adèss adèsse, avv.
adagio adagio: a
cchiàne a cchiàne, loc. avv.
adattarsi alle circostanze: arrangi
árse, v.
addebitare: addibbitá, v.
addensato, folto: fódde, fìdde, agg. / folto, fitto: fóvete, agg.
/ folto, denso: fùvete, agg.
addestrare, ammaestrare: alliziuná, v. /
addestrare alla malizia: ammizijé, v.
addetto a cavar pozzi: cavapîzze, (lu), s.m.
addetto ai fuochi pirotecnici: artificijàle, (l'), s.m.
addetto al casello autostradale; casellante; cantoniere ferroviario: casillànde, (lu), s.m.
addetto al dazio, daziere: ddàziaréule, (lu), s.m.
addetto al servizio funebre,
becchino, beccamorto, vespillone: beccamùrte, carijamùrte, cariamùrte, (lu), s.m. / custode di cimitero anche becchino: cambesandàre, quambisantàre, (lu), s.m., pl. li cambisantàre /varietà di conchiglia: cariamùrte, (lu), s.m.
addetto al vaglio del grano: cungiatáure, (lu), s.m.
addetto alla custodia delle capre (e al pascolo), capraio anche granchio di mare non commestibile, anche: crapàre, (lu), s.m., pl. li crapére
addetto alla infornatua del pane: 'nfurnatáure, (lu), s.m.
addetto alla manut. di pezzi di strade statali e provinciali; cantoniere stradale: cantunîre, (lu), s.m.
addetto alla neviera
operaio o custode, nevarolo: nivaréule, nevarèle, (lu), s.m.
addetto in mare alla velatura di una piccola barca; mozzo: mmózze, muré, (lu), s.m.
addirittura; senza meno: defîle, diféile, avv. / addirittura!: diacine!, diavolo!, loc. / addirittura!; a questo punto!; ti sta bene!: fréchete!, loc.
addizionare
, sommare: assummá, v.
addolcire: adduggé, v.
Addolorata: Addulluràte, n.p.p.
addormemtarsi, farsi prendere dal sonno: addurmë, v.
Adele, Adelina: Adelëine, 'Delëine, n.p.p.
Adelina, Adele: Adelëine, 'Delëine, n.p.p.
aderente, giusto, indovinato: azziccáte, agg. /
appropriato, giusto, legittimo: liggèttime, agg. / appropriato, giusto: hîšte, îšte, jìšte, agg. / appropriato, conforme all'eleganza: attiléte, agg.

adesso, ora, , in questo istante, in questo momento, adesso adesso
:  mò mò, më, òre, ammò,  avv./loc. avv. / ora è un anno: ammò fa' l'anne
adesso adesso, in questo istante, in questo momento
, adesso, ora, :  mò mò, më, òre, ammò,  avv./loc. avv. / ora è un anno: ammò fa' l'anne
adesso vado via: momabbëjje
adirarsi, andare in collera: 'ngiférese,
'ngruférese, ruférese, v. /
essere in collera, fumigare: fummichijé, v. / essere in collera anche irritarsi in talune parti del corpo: 'ngagnárese, v.
adirato, arruffato: 'ngruféte, agg. / arruffato, scarduffato: arruféte, agg. / adirato, di cane idrofobo: arrajáte, agg.
adocchiare: adducchiá, adducchijé, v.
Adolfo: Adolfe, n.p.p.
Adriano: Adriane, n.p.p.
adulare, millantare: avandá, v.
adulatore;
ruffiano; incensatore: leccachîule, leccaquîule, (lu), s.m. / adulatore; schifiltoso nel mangiare: lecchíne, (lu), s.m.
adulterare il vino: ammušturé, 'mbušturé, v.
adusto, scurito, abbronzato: virnàtte, agg.
aereo: apparácchie, (l'), s.m.
affaccendarsi, darsi da fare: ammuinérese, v.
affaccendato: ammuinéte, agg.
affascinare, ammaliare: addubbiá, v. /
affascinare, incantare; avvolgere la tela al subbio del telaio: 'ngandá, v. / ammaliare, affatare, produrre su altri una strana influenza, in modo da non renderlo più libero di sè: abbafá, affatá, v., ant. / incantare: 'ngandesemá, v. / incantare, imbrogliare: 'ngiarmá, v.
affare aggrovigliato (di), faccenda intricata (di): 'mbiccéte, agg.
affare da sbrigare
, incarico, commissione, ambasciata anche per eufemismo connubio carnale: mmašciáte, (la), s.f., pl. li mmascète
affari (i propri): chènghere, (li), pl.
affatare, produrre su altri una strana influenza, in modo da non renderlo più libero di sè, ammaliare: abbafá, affatá, v., ant. /
affascinare, ammaliare: addubbiá, v. /
affascinare, incantare; avvolgere la tela al subbio del telaio: 'ngandá, v. / incantare: 'ngandesemá, v. / incantare, imbrogliare: 'ngiarmá, v.
afferrare: apprisá, v. /
afferrare, acchiappare, cogliere, ingannare, prendere, prendere alla sprovvista: acchiappá, 'cchiappá, còjjë, p.p. còdde, inganná, 'nganná, pijjá, v. / raggirare, abbindolare: zingariá, v. / raggirare, abboccare: abbuccá, v. / raggirare, ingannare: gnucchélé, v. / volpeggiare, raggirare: vulupié, v. / imbrogliare, intorbidare: arindruvutá, v. / imbrogliare, ingannare: nganné, buzzarrá, v. / abbindolare, picchiare, dare: attarruná, v.
affidare, farcela, star bene,
sposare: affidá, v. / gliela fa: 'z n'affëde, v. / star bene, al sicuro: 'm mèzz' a la pèzze di lu quásce / farcela, avere forza, fidarsi: fidárese, v.
affilare, accodare: accudá, v.
affilato, raffilato: arifiléte, agg.
affitto, pigione: affëtte, (l'), s.f.
afflitta, dolente; di persona infelice e poverissima; afflitta e sprovvista di mezzi: dulènde, ant., agg. e s. / povero e dolente: pòvere e dulènde / si dice che è restata, scalza e nuda, misera e dolente: scazz' e nníute, mëser' e dulènde / di donna che non ha nè la capacità, nè la volontà di fare qualcosa
: sciòcca dulènde, sciòcca indolente
affondare: affunná, v.
affrettare, affrettarsi, sbrigare, sbrigarsi: affurijé, sbrighé, v.
affrettare, sbrigare: affurijá, sbrihá, v.
affrettarsi, sbrigarsi: affurijé, sbrighé, v.
affumicare: 'mbummacá, v.
afonia: appacaziáune, (l'), s.f.
afosa (aria): bbuttàgne, (la), s.f.
afrore del cane: canágne, (la), s.f.
afrore di capra, odore, di olivo dagli acini molto allungati: crapágne, (la), s.f./agg.
Agata: Àghete, n.p.p.
aggancio, presa: pràse, (la), s.f. /
aggancio (tecnica usata dalle cucitrici nell') delle pieghe della crespa: carrá, v.
aggangare
, avvertire sete: allanganë, v.
agghindato, azzimato, curato, elgante,inappuntabile: 'rinciuvilé, agg.
aggiunta, pezzo di pane: jànde, jònde, (la), s.f.
aggiustare: aggiu
šté, v.
agglomerare, aggomitolare
: ajjummará, v.
aggobbire, colmare un recipiente: acciummá, ahubbé, v.
aggomitolare, agglomerare
: ajjummará, v.
aggraziato, dirozzato, evoluto, ingentilito: šcafáte, agg.
aggrinzire: aggrujé, arrappá, v. / aggrinzire, arricciare: arriccé, rriccé, v. / aggrinzire riferito ad abiti, stoffe, gualcire, anche masticare: ammasciché, ammascicá, v. - ha i pantaloni gualciti: tè li cazzîne tutt' ammascichéte
aggrovigliarsi: avvirricchiérese, v.
aggruppare; arrollare: arrullá, v.
agire: aggë, v.
agitare, rimestare: arivudiché, vuscicá, v. / agitare: šdillazzá, v. / rimestare, bollire: vulecá, v. / rimestare (cibi e liquidi): 'ndrucculijé, v. / rimestare, rimaneggiare, tornare sulle proprie decisioni: arimanijjé, v. / agitare, scuotere, scrollare, muovere anche movimento, scrollata del capo per manifestare risentimento, minaccia o fastidio: cucciujé, capuzzïjé, v.
agitarsi, dare segni di vita: vulichiérese, v.
aglio: êie, (l'), s.m. / aglio o cipolla (formare una serqua, una resta o treccia di): 'ngertá
aglio di serpe: cipullëine, (la), s.f.
agnello: agnèlle, agnêlle, gnélle, (la)/(l'), s.f., pl. li gnille
agnello castrato: craštáte, (lu), s.m.
agnello (di) giovane
: ciavàrre, agg.
agnello di secondo parto anche granoturco tardivo: curdásche, agg./s.
Agnese: 'Gnàise, n.p.p.
Agnone, citta del molise: Ddagnàne
ago, (l'): l'ache (non ha plurale)
ago (grosso) per cucire i materassi: quatrèlle, (la), s.f.
ago per merletti, ricami: achiciàlle, (l'), s.m.
ago per ricamare: crusscé, (lu), s.m.
ago (speciale) per le reti: linguuátte, (la), s.f.
ago uncinato per reti da pesca: archjiciàlle, (l'), s.m.
agonia; rintocco funebre: langunéjje, (la), s.f.
agoraio, astuccio per conservare gli aghi: acaréule, (l'), s.m.
Agostino: Aguštëine, Huštëine, n.p.p.
agosto (mese): ahàšte, s.m.. Detti: sono l'agosto e faccio il bottaio e, di vecchie e di nuove tutte, le botti che trovo io aggiusto e preparo, per quando in queste vigne s'udiranno suoni e canti di vendemmia: jì so l'ahàšte e facce lu bbuttare e, ccanda ce ne sta de vicchie e nnuve, tutte le vutte lunghe addò le trruve jì te l'aggiuste e jjì te le prepare, pe ccanda allongh'allonghe pe sse vegne se sende sune e ccande de vennegne / nel mese di agosto in casa non c'è posto da dormire: muése d'ahàšte a lu lette n'ge stà poste / in agosto poveri e ricchi si riconoscono: in ahàšte pùvre e rrecche s'arecanàsce / in agosto, triglie arroste (è tempo delle triglie): in ahàštepùjj' e ttrìjj'arràste
agrimensore: cumbassatáure, (lu), s.m. /
agrimensore, perito: purète, purëite, (lu), s.m., pl. li pirète
aguglia (varietà di pesce azzurro): ahíjje, ahíje, hahíjje, (l'), (la), s.f. / varietà di aguglia costiera: hahíjje di 'ndèrre
aguzzare, appuntire: appizzuté, v.
ahimé!: marimàjje!, int.
ai piedi: appìte, avv. prep.
aia: áre, (l'), s.f.
aiutante: aiutànde, (l'), s.m.f. /
aiutante del capomastro muratore anche manovale:
manebbèle, manëbbele, manèpile, (lu), s.m.
aiutante del capomastro muratore anche manovale: manebbèle, manëbbele, manèpile, (lu), s.m. / aiutante: aiutànde, (l'), s.m.f.
aiutare: ajjutá, v. / aiutare, indirizzare, avviare: ajjutá, addirrizzé, abbijjé, v. / aiutare qualcuno in una impresa: abbijjé la váreche, v.
aiuto, riparo, ricovero, ospitalità: ricòvere, (lu), s.m.
aizzare, attizzare, anche accostare tizzoni e brace per rinvigorire il fuoco: attizzé, v. / aizzare anche dare lo zolfo: 'nzulfaná, v.
al chiuso; in galera: 'ngalé, loc. avv.
al contrario, invece: mmëce, avv.
/
al contrario, alla rovescia, al rovescio, inverso: a la capequîule, a la capichîule, a la dimmèrze, a la devèrze, a lu 'ngundrarie, avv.; s'è messo la maglia al rovescio: s'ha mässe la majj' a la dimmèrze
al cospetto di, alla presenza di: 'm bresènze, loc.
al largo
: abbàlla fèure
al lavoro; avviamento a un'attività manuale, spesso a quella dei muratori: a mmannèjje, loc. avv.
al limite, a pelo: 'n gile, avv. / a pelo d'acqua: 'ngile d'àcche
al massimo: a lu muàsseme, loc. avv.
al modo di: a use, loc.
al modo nostro, alla nostra maniera: a la štre, loc. avv.
al poco; tra breve: a cchírte, loc. avv.
al principio; all'inizio: a ccape, loc. avv.
al riparo del freddo e del vento; di nascosto: uattàte (a la), loc. avv. / posto riparato, nicchia: uattàte, (la), s.f.
al rovescio, al contrario, alla rovescia, inverso: a la capequîule, a la capichîule, a la dimmèrze, a la devèrze, a lu 'ngundrarie, avv.; s'è messo la maglia al rovescio: s'ha mässe la majj' a la dimmèrze
al sicuro, in cintola: 'n giànde, loc. avv.
al termine di una strada, di un discorso: a fînitáure, loc. avv.
a la: in, nella,  prep.
alaccia, sardinella aurita, varietà di sardina, pesce azzurro: sardellëine, (lu), s.m. / sarda, varieta di pesce azzurro: sàrde o sardèlle, (la), s.f. / sarda o cheppia, salacca, pesce azzurro, conservate sotto sale o affumicate: cchiáppe, saràche, (la), s.f. / pesce càntaro, tanuda, pesce dei girellidi: sàraca bbastàrde, canarèlle, (la), s.f. / sarda sarda, palamite, pesce azzurro marino: palájje, (lu), s.m.
alba: hàlbe, (l'), s.f.
alberatura: alberatîure, arbratîure, (l'), s.f.
alberelli: abirëtte, (li), s.m. pl.
alberello, piantina,
arboscello, della quercia: pidarèle, (lu), s.m.
albero (base): pedicaráune, (lu), s.m.
albero dal legno molto duro; corniolo: crugnále, (lu), s.m.
albero, anche piede: árbe, (l'), s.m.; péte, (lu), s.m., pl. li pîte / un albero di arance: nu péte di purtuhálle
albero (di) ridotto in pezzi anche minacciare qualcuno con l'accetta: arrucchié, v.
albero (parte dell') da cui fuoriescono i rami: 'ngacchiatáure, (la), s.f.
albero della nave: àrbre, (l'), s.m.
albero di alto fusto: fàgge, (lu), s.m.
albero di mezzana: árbere de mezzane, (l'), s.m.
Alberto: Albèrte, n.p.p
albicocca: virlingòcche, mirlingòcche, mirlincòcche, (la), s.f. / varietà di albicocca: bârgine, bàrgene, (la, s.f. / varieta di albicocca dal nocciolo dolce; percossa: crisòmmele, cresòmmele, (la), s.f.
albicocca dal nocciolo amaro: munacèlle, (la), s.f.
Albina: Albène, n.p.p
albume e zucchero mescolati per la preparazione di dolci: chiátre, (lu), s.m.
alcool: spuerite, (lu), s.m. (non ha plurale)
alcova: archéuve, (l'), s.f.
Aldo: Alde, n.p.p.
Alessandro: Sandrëine, 'Lessandre, 'Lisandre, Sandre, n.p.p.; dim. Sandricce, Sandrine, Sandrucce
Alfonzo: Liffànze, n.p.p.
Alfredo: Alfrède, n.p.p.
alga: àleche, (l'), s.f.
alga corallina: quarajjëine,
curajjëine, (la), s.f.
alga marina
: punnìte, puunìte, (la), s.f.
alice
, acciuga
: alëice, lëice, (l'), (la), s.f.
Alice: Alëice, n.p.p.
alimento per cavalli: prubbuênie, (la), s.f. (non ha plurale)
aliotide, orecchia di mare, mollusco a forma di conca attaccata agli scogli: ràcchije di Sam Bbìtre, (la), s.f.
alitare, sbadigliare: alijé, alá, halá, v. / sbadigliare volgarmente, sbagliare: sbarrijé, v.
alito di vento: bbàfe di vènde, (la), s..f.

all'antica: andicàjje, (a l'), loc. avv.
all'inizio; al principio: a ccape, loc. avv.
alla carlona: a la ciccipité, avv., a la ciuccëine, avv.
alla controra; momento inopportuno: condráure, avv.
alla dirotta, senza freni: a li dirrîtte, avv.
alla mano
, socievole
: ammišticàvele, agg.
alla marinara
(pasta) cioè con aglio, olio e prezzemolo: a la marinare o marinère o alla pescatora
alla nostra maniera, al modo nostro: a la štre, loc. avv.
alla pari: appé, avv.
alla pecorina, a somiglianza di pecora, anche con significato osceno: a la picurène, loc. avv.
alla perfezione: cùnge chìnge, loc. avv.
alla presenza di, al cospetto di: 'm bresènze, loc.
alla rinfrescata, in autuno: a la rifrescáte, loc. avv.
alla rovescia, al contrario, al rovescio, inverso:
a la capequîule, a la capichîule, a la dimmèrze, a la devèrze, a lu 'ngundrarie, avv. / s'è messo la maglia al rovescio: s'ha mässe la majj' a la dimmèrze
alla salute! espressione di brindisi a cui fa seguito a la calàte!: a la salîute, loc.
alla svelta: vullènne vullènne; aprèss' amprèss, loc. avv.
alla svelta, di corsa: ccàlle a ccàlle (a), loc. avv.
alla svelta, subito: 'mbrèsse mbrèsse, loc. avv.
allacciare il busto: azzellé, v. / allacciarsi il busto, tirare, sculacciare: azzullá, v.
allacciarsi il busto, tirare, sculacciare: azzullá
, v. / allacciare il busto: azzellé, v.
allacciatura; legatura: attaccatîure, (l'), s.f.
allagare; allagare la terra per ammorbidirla facilitando così la zappatura: allagä, v., part. pass. allaghäte
allampanato e ondeggiante come un salice,
persona alta e allampanata: salicáune, (l'), s.m.
allappare: aritiré, v.; aritère: allappa
allargare: sbracá, v.
allattare
: allattá, v.
allegare, riferito al sapore asprigno
: allappanë, v.
alleggerire, spendere in modo sconsiderato, dar fondo ai propri averi: allibbé, v. / spendere, recuperare: arprizzá, v.
allegramente: allecramènde, avv.
allegro
, compiaciuto: ariprijéte, agg.
alleluia: allilíjje, (l'), s.f.
allentare, diradare, spesso riferito alla dentatura: allascá, v.
allevare, v.: alluvuá
all'estremo, all'ultimo momento: ngànne ngànne, loc. avv.
all'improvviso, così per caso: a la 'ndrasátte, 'norasátte, avv.

all'ultimo momento, all'estremo: ngànne ngànne, loc. avv.
allevatore
o noleggiatore di cavalli: cavalláre, (lu), s.m.
allievo di un maestro artigianale: lavurànde, (lu), s.m.
allo sprofondo: a lu catrafánne,
a lu zuffuánne, avv.
allocare, maritare, calmare: addiluquá, addulecá, , appusá
, v.
allodola: cucciàrde, (la), s.f. / allodola piccola: cucciàrdèlle, (la), s.f. / specie di allodola, panterana: calàndre, (la), s.f.,
pl. li calàndre
allontanato: ddirrassàte, agg.
allontanare
, scostare: addirrassá, v.
/ scostare: scanzicá, v.
allontanare il cane (voce per): murciallá, loc.
allontanarsi in mare, prendere il largo: smarrá, v.
allora; un tempo, una volta; l'anno scorso, l'altro anno: andànne
, alláure, avv. / volta: vòdde, vote / i tempi di una volta: li timbe de na vòdde / i bei tempi di una volta: li bille timbe de na vodde / allora...: e' mbé...
allora... come sono andate le elezioni?: e' mbé... com'è jjîte li vutazjîne?
alloro: làure, (lu), s.m.
alluce: ditáune, (lu), s.m. /
dito: dàite, (lu), s.m., pl. li déte / il dito della mano: lu dàite di la méne / pollice: dutozze di la méne, (lu), s.m., pl. li dituzze di li méne; pòlece, (lu), s.m. / mignolo: ditîcce (ant.), (lu), s.m. anche dutuicce di la méne, (lu), s.m., pl. li ditîcce di li méne
allungare
: allungá, allunguá, v.
alone di sole: cìrche, (lu), s.m.
alone solare molto vivo: ùcchie di vènde, (l'), s.m.
almanacco calendaristico, lunario: lunàrie, (lu), s.m.
almeno
: alumène
, avv.; a lu mànghe, avv.
alquanto, così, così
: alquànde, avv.
alta marea
: cáulme, (la), s.f.
altalena
:
ciùnnele, ziëmbara, (la), s.f.; dindalò, dondalò, (lu), s.m.
altare
: addàre, (l'), s.m.
altare solennemente addobbato: capaddàre, (lu), s.m.:
altarino
: addarëine, (l'), s.m.
altavela
, pesce simile alla razza: chiámita, (la), s.f.
alterarsi
; eccitarsi sessualmente: 'ngrifé, v.

altero
, pieno di sussiego: ammurgiáte, agg.
altezza
: addàzze, (l'), s.f. / altezza mezza bellezza: addàzze mezza billàzze
alto
: àdde, agg. / alto, la parte superiore di un'abitazione:
dòdde, (lu), s.m.
altomare: fòre, (lu), s.m.
altro
: addre, eddre, agg.
altro ieri
: addraddire
, avv.
altrove; fuorimano: foremàne, avv.
altrui: aldrùje
, pron.
alzare, rizzare: arrizzé, v. / alzare: azzá, v.; aumenta il passo: ahàzze lu passe / alzare la vela: jissá, v.
Amalia:
Amalie, n.p.p.
amante del vino
, anche uomo che sfoggia abiti ridicoli: zichécche, (lu), s.m.
amarasco: miráine, (lu), s.m.
amare conversare
, rimpannucciarsi:
arcicilij
árse, v.
amaro
: maràjje, mmaràjje, agg. /
amaro,
diavoletto, diavolicchio, lazzaretto, peperoncino piccante rosso, piccantello:
bruciaquîule, cazzarèlle, diavilàlle, diavulillo, lazzarêtte, pepicucènde, piparole rásce, pipidìnie pizzicande, pipintone di 'mberne, pispagnole di féuche,
(lu), s.m., pl. li cazzarìlle anche cavatelli, piccoli gnocchi, diavilèlle, lazzarètte
amata, bella: scióscia, (la), s.f.
amante
, mantenuta: pràdeche (la), s.f.
amarene
: miràne, (li), s.f., pl.
ambasciata
, commissione, incarico, affare da sbrigare anche per eufemismo connubio carnale: mmašciáte, (la), s.f., pl. li mmascète
ambasciatore
: 'mmašciatàure, (lu), s.m.
ambata, ambo al gioco del lotto: ámbe, (l'), s.m.
Amblingh: Amministratore, n.p., di Cesare Michelangelo D'Avalos a cui è intitolata la Loggia che da piazza Marconi conduce al palazzo marchesale
ambo al gioco del lotto, ambata: ámbe, (l'), s.m.
amen: ammènne, (l'), s.m.

America: 'Méreche, 'Mméreche (la), s.f.
americano: 'mmirricàne, agg.
amico: amëice, amëiche, amicëizije, (l'), s.m. /
amico, compagno: cumbàgne, cumunènde, (lu), s.m.

amidare
,
inamidare:
'mbusumá, 'mpusumá, v.
amido: pòseme, (la), s.f.
ammaccare, contundere: 'ndufá, v.
ammaccato, crepato, lesionato, danneggiato, spaccato: cripáte, agg. / ammaccato, contuso: 'ndunáte, agg.
ammaccatura: mmàcche, (la), s.f.

ammaccatura
anche piccola colpa: maccatèlle, (la), s.f.

ammaccatura: vrógne, (la), s.f.
ammaccatura
: vtògne, (lu), s,m.
ammaestrare, addestrare: alliziuná, v.
ammalare: ammalá
, v. / ammalato di milza: smizéite, agg. / ammalarsi anche il covare della gallina: abbruccá, v.

ammalarsi
anche il covare della gallina: abbruccá
, v. /
ammalare: ammalá, v. / ammalato di milza: smizéite, agg.
ammalato di milza: smizéite, agg. / ammalare: ammalá, v. / ammalarsi: abbruccá, v.

ammaliare
, affascinare: addubbiá, v. /
affascinare, incantare; avvolgere la tela al subbio del telaio: 'ngandá, v. / ammaliare, affatare, produrre su altri una strana influenza, in modo da non renderlo più libero di sè: abbafá, affatá, v., ant.
/ incantare: 'ngandesemá, v. / incantare, imbrogliare: 'ngiarmá, v.
ammassare
, impastare, mescolare, accumulare: ammassá
, v. / impastare di nuovo, rimpastare: arimbaštá, v. / ammassare, schiacciare, formare una massa e pressare nello stesso tempo, comprimere una cosa morbida: ammacciuccá, ammacciuqquá, v.
ammattonato
: matunáte, (lu), s.m.
ammazzare
, uccidere: ammazzá, accëite
, p.p. accëise, v. / uccidere: accëitë, v.; ind. pres. pers. sing. accëise, 3 per. pl. accid'n / nel senso di sentirsi stanco: mi sénd accëise / imprecazione: chi sci 'ccëise
ammettere
, vendere: ammátte, v.
/
vendere: vannë, v., p.p. vinnîute

ammiccare, accennare: accinná, v.
ammicco
, cenno: ciànne, (lu), s.m.
ammicco
; puntata alla cieca nel gioco della toppa: cicatìlle, (la), s.f.
ammogliarsi
, accasarsi, accasare: accasá, v.
ammollare
, ammorbidire, cedere, consegnare: ammullá, v. / ammorbidire la barba con la schiuma: ammullá la varve / cedere subito: sîbbet ammolle / adesso glielo do un cazzotto o una pedata: mo je l'ammòlle / ammollare, fase del bucato: ddummullá, v. /
mangiare in modo vorace: ammappilijé
ammollato, ammorbidito: ammulláte, agg.
ammorbare, appestare, appuzzare: 'mbuzziné, v.
ammorbidire, ammollare, cedere, consegnare: ammullá, v. / ammorbidire la barba con la schiuma: ammullá la varve / cedere subito: sîbbet ammolle / adesso glielo do un cazzotto o pedata: mo je l'ammòlle /
mangiare in modo vorace: ammappilijé
ammorbidire
, mangiare in modo vorace: ammappilijé, v.
ammorbidito
, ammollato: ammulláte, agg.
ammortizzare, non ricavare utili dai propri beni: murtilizzá, v.
ammosciare, rendere vizzo: ammusciulé, v.
ammucchiare: acandará, v.
ammuffire: ammuffé, v.
ammuffirsi (l') della farina: fîuré. v.
ammuffito (grano) per l'umidità: ammucurëite, agg.
ammutolire, restare zitto, segno di rassegnazione, sottomissione: ammuccé, v.
amore: amáure, (l), s.m.
amore (in), in fregola, in calore, come i cani:
'nzìne, nganézze, avv.
amuleto, scapolare, portafortuna: vrèche, gréche, (lu), s.m. / amuleto di petra per preservare la gestante dai pericoli dell'aborto: préta prène, (la), s.f.
amuleto di petra per preservare la gestante dai pericoli dell'aborto: préta prène, (la), s.f. /
amuleto, scapolare, portafortuna: vrèche, gréche, (lu), s.m.
anatema, maledizione anche bestemmia: biaštàime, vraštàime, vraštàme, (la), s.f. / maledizione: maddizzîáune, (la), s.f.
anatra selvatica maschio: capevìrde, (la), s.f.
ancora: ngòre, avv. / stai ancora qui?: 'ngòre a ècche ští?
andare: jë, v.; vado: vajje, ind. pres., 1a p.s.; andato: jîte, p.p. /
andare a caccia: caccïjé, v. /
andare a genio, essere d'accordo, convenire, convincere: quatrá, v. /
andare a spasso, non far nulla, mangiar, bere, proprio come quel tal Cajasso: fá l'àrte di Cajàsse, magne, vvéve e v'a spásse, v. / andar di corpo: binifëcie, (lu), s.m. / andare di corsa, evacuare: bbuschjijé, v. /
andare di nuovo: arejjé, v. /
andare il cibo di traverso: arimbànne, arimbànnese, rrembànnë, v. / andare in collera, adirarsi: 'ngiférese, 'ngruférese, ruférese, v. / andare in giro in preda ad atti inconsulti, far pazzie: mattié, v. / andare rasente al muro: cànde cànde, loc. avv.
andata: jìte, (l'), s.f.
andiamo via!: jamecénne!, loc.
Andrea: Andrà, André, n.p.p.; dim. 'Ndrijcce, 'Ndrijucce
anelli (gli): nìlle, (li), pl.
anello del basto: cuvuàlle, (la), s.f.
anello dell'ancora: cecàle
, (la), s.f. 
anello nuziale, fede: fàide, (la), s.f.
anello per far passare i cavi, redancia o capocorda: nèlle
, (la), s.f.
anfora, contenitore di terracotta per acqua e vino, orcio piccolo di terracotta: càndre, càndere (la), s.f.; cìcine, cîcile, ciùcine, trîffele, truiffule, (lu), s.m., pl. li cìcine, li triffule
anfora grezza di terracotta per acqua (con 5 buchi): tramganêlla, (la), s.f., pl. li tranganêlle
Angela: Angela, n.p.p.
angelicato: 'ngelicàte, agg.
Angelo: Angele, n.p.p.; dim. Angilì, Angilicce, Angilucce, Angiulé, Angiulëine, Angelàlle, Angiuluine
Angioletta, dim. di Angela: Angilàlle
angolo, pizzo,
cantuccio: pìzze o pèzze, (lu), s.m.
angolo della tasca: pizzeccòjje, (lu), s.m.
angolo esterno formato dalle mura di un edificio tra una strada e l’altra, cantonata, cantone, spigolo, inizio di vicolo o strada: pundáune, pindáune, (lu), s.m., pl. li pindîune; pundunàte, (la), s.f. / canto, angolo fra due muri, cantuccio: curnàcchie, (lu), s.m. / cantone di muro: curnecchière, (la), s.f.
angolo fra due muri, canto,
cantuccio: curnàcchie, (lu), s.m. / cantone di muro: curnecchière, (la), s.f. / cantonata, angolo esterno formato dalle mura di un edificio tra una strada e l’altra, cantone, spigolo, inizio di vicolo o strada: pundáune, pindáune, (lu), s.m., pl. li pindîune; pundunàte, (la), s.f.
angolo stretto e senza uscita: 'rinzácche,
'nz
ácche, (la), s.f.

anguilla: anguèlle, (l'), s.f. / anguilla
, di grosse dimensioni, femmina che non torna in mare per riprodursi, ma rimane nelle acque interne ingrassandosi; capitone: capitáune, (lu), s.m., pl. li capitîne
anguilla: 'nguèlle, 'nguarèlle, (la), s.f.
anguilla argentina: 'nguèlle maràteche, (la), s.f.
anguria, cocomero: citráune, citráne, ciutròne, (lu), s.m.
angustiare: angustij
á, v.
angustiato: angustijète, agg.
anima: álme, (l'), s.f. / la festa dei defunti: l'Álme di li murte / anima (l') del defunto: benedettàlme, (la), s.f.
animale: alimàne, (l'), s.m., pl. li aliméne
animale (di) selvatico: furèšte, agg.
animelle; glandule (ghiandole) del collo degli animali da macello: dolgimîrze, ant, (lu), s.m., pl. li dolgimîrze
animo in senso fig. anche corpo: cùrpe, gùrpe, (lu), s.m. / so io cosa mi rode dentro: sacce jë che ttingh' 'n gùrpe
anitra, papera: pàpere, (la), s.f., pl. li pàpere
Anna: Anne, n.p.p.; dim. Annarelle, Anné, Annene, Annina, Annitelle, annëine, 'Ninátte
annacquato: annacquáte, agg. / annacquato, specie delle uova: annacquanëite, agg.
annaffiatura: addacquatîure, (l'), s.f.
annata (cattiva) riguardo al raccolto: malahannáte, malannàte, (la), s.f.
annegare: anneh
á, 'nnehazzë, 'nnihá,v.
annegarsi: 'nnegárese, 'nnehárze, v.
anno: ànne, (l'), s.m.
anno bisestile: bbisešte, bisèšte, (lu), s.m.
anno corrente: ahuànne, huànne, (l'), (lu), s.m.
anno passato o scorso (l'), una volta, allora, un anno fa: andànne, mofalànne, avv.
anno scorso o passato (l'), una volta, allora, un anno fa: andànne, mofalànne, avv.
annobilire, nobilitare: annubbulé, v.
annunciazione: 'nnungiaziàne, (la), s.f.
Annunziata: 'Nunziáte, 'Nnunzijáte, n.p.p.; dim. 'Nunziatícce, 'Natìcce
annusare, cercare, odorare, fiutare: usumá, usumuá, annasá, v. / va curiosando: canda va usummànne / cercare, chiedere: circá, v.
ansare: lanchijá, lachijá, abbittimá, v.
ansimare, asmare, respirare a fatica, spasimare: pasahá, pasimá
, v.
anta interna o scuro della finestra: ficciàtte, (la), s.f.
antenna del pagliaio; palo in legno; stollo: furcòne, (lu), s.m. / palo della bica; del pagliaio; stollo: felàgne, (lu), s.m.
anticaglia: anticàjje, agg.
anticamera: andicàmbre, (l'), s.f.
antipasto di erba e frutta sotto aceto: cumbòšte, (lu), s.m.
antipatico: 'ndipàteche, agg.
Antonia: Ndunuià, n.p.p.; dim. Ndunuiatte, Ndunuicce, Ndunuié, Ndunuiette
Antonio: Andonie, Andò, 'Ndò, 'Ndònie, Andunie, n.p.p.; dim. Ndunijcce, Ndunïucce, Ndunuine, Tuné, Tunëine
Anselmo: Anzelme, n.p.p.
antro, buca: caravòtte, caravòcchie, (la), s.f. / antro, buco, stambugio: caravócchie, (lu), s.m.
ape, vespa:
ápe, làpe, vèšpa, (la), s.f., pl. li läpe
aperto (all'), fuori: féure, fóre, addaféure, addafére, avv.
aperto sul davanti; detto di indumento; sparato di pantaloni: vracàtte, (la), s.f.
apertura (piccola) delle porte per consentire il passaggio dei gatti: hatterèle, (la), s.f.
Apollonia: 'Pullonie, n.p.p.
apostolico: apuštòleche, agg.
appacificare: appaciá, v.
appannare: appanná, 'mbanná, v.
apparecchiare: apparicchiá, v.
apparecchiatura di trasporto, rustica barella: bajjàrde, (la), s.f.
appariscenza: cumbarìnze
, (la), s.f.
appartarsi, rigirarsi, atteggiarsi in modo provocatorio o seducente: quartij
á, quartiárse, v.
appartenente a complesso musicale itinerante nelle feste patrnali, bandista, musicante: bandèšte, (lu), s.m., pl. li bandèšte, musicànde, (lu), s.m., pl. li misichende
appassionato di fagioli, anche squattrinato: fasciulàre, (lu), s.m.
appassito, vizzo: ammusciulëite, agg.
appellativo infantile rivolto al cane: ciuciù
, (lu), s.m.  / voce per chiamare il cane: zuzú, (lu), s.m. / cane: zuzú, (lu), s.m. / cane: cáne, quàne, (lu), s.m., pl. li chéne / cani e cani non si mordono: chéne' e chéne 'n 'zi máccechene , (fig.)
appena, piccola cosa: pìcca, (la), s.f. / ne ho appena per me: ne tìnghe pìcca
appena appena, giusto giusto: a la 'nzícche, 'nzícche
'nzècche, 'ncàrte 'ncàrte, avv.
appendere, impiccare: appenná, impinná, appènne, imbènne, 'mbènne, v. / ti possano impiccare: te pòzzene l'òme 'mbènne, chi scì 'mbése
appeso: appáise, agg.
appestare, appuzzare, ammorbare: 'mbuzziné, v.
appezzamento, pezzo di terra, pezzo: pèzze, (lu), s.m.
appianare; salire in piano: 'nghianá, v.
appianato (completamente), fino all'orlo, fino in fondo, riempito: ràse ràse, loc. avv.
appiccare fuoco, appicciare, accendere, illuminare: appiccé, appicciá, v.
appicciare
, appiccare fuoco, accendere, illuminare: appiccé, appicciá, v.
appiccicare
, venire a diverbio: appicciché, v.
appiccicato, incollato: 'nguanguanéte, 'nquanquanéte, v.
appiccicoso
, colloso: appiccicáuse, agg.
appisolarsi, farsi un pisolino: appinnicá, pennichiijé, v.
applicare, mettere i ferri agli zoccoli dei cavalli: firrá, v.
appoggiare
: appujjé, v.
appositamente
: appusitivamènde, avv.
apposta
, di proposito, intenzionalmente anche per finta, per scherzo: appôšte, avv. / lo ha fatto apposta anche lo ha fatto per finta: l'à fatt' appôšte, sono due espressioni identiche in tutto e per tutto con significati diversi, quasi opposti; si possono distinguere solo in base al contesto della frase o alla dinamica di chi parla
appostarsi per la pesca
: appistárze, v.
appressare, avvicinare: apprisummá, v. / avvicinare: abbiciná, v.
appresso
; vicino: apprèsse, prep.
apprestare, equipaggiare: cupaggiá, v.
approdo all'interno del porto: bbangáine, (la), s.f.
approntare, porre ordine: annurduná, v.
appropriato, giusto: hîšte, îšte, jìšte, agg. / appropriato, giusto, legittimo: liggèttime, agg. /
appropriato, conforme all'eleganza: attiléte, agg. /
giusto, aderente, indovinato: azziccáte, agg.
appuntire, aguzzare: appizzuté, v.
appuntito, puntuto, acuminato: pizzîute, agg. / cimitero: fig. àrbre pizzîute
, (l'), s.m
appurare, indagare, osservare, scandagliare: scanajjá, v. / appurare, conoscere, risapere, far chiarezza: appurá, appuré, v. / e chi ci capisce, centra!: e chi c'appîure!
appuzzare, appestare, ammorbare: 'mbuzziné, v.
aprile (mese): abbrëile, abbrëille, bbrëile, s.m.. Detti: io sono aprile, mese gentile, alberi e fiori faccio fiorire, gli uccelli faccio cantare, giovani e vecchi innamorare: jì so' abbrëile, mese ggentèle, àrbere e ffiure facce fiurèje, li cille facce candà, ggiùvene e vvicchie annamurà / aprile, apriletto ogni giorno cresce un rametto: abbrëile abbrilétte ogne jjùrne 'na ramétte / in aprile gli uomini zappano e le denne filano: l'hùmmene zappe e le fémmene file / in aprile seppie in quantità: sàcce nghe nu huaréile
aprire: arrapë, v. / aprire, scartare, spacchettare, una busta, un pacchetto o altro, anche scoppiare: šcuppuä, v. /
aprire un gomitolo, una corda, una matassa, anche dipanare, distendere, sciogliere, sgrovigliare, spiegare, srotolare, svolgere: sbirrité o sbirrutá, v.
aquila vaccarella o razza di scoglio: máutene, (la), s.f.
aquilone, balocco di carta stesa su cannucce, che legato a un filo, i fanciulli fanno volare per l'aria, in balia del vento: draháune, ant., (lu), s.m., pl. li drahîune
aragona, rione urbano di Vasto: arraháune, (l'), s.f. - altri: belvedere: bellevidá, (lu), s.m. / casarelle, nella parte ovest: casarèlle (li), pl. / casetta: casàtte, (la), s.f. / nei pressi della Torre di Santo Spirito: cavîute, (la), s.f. / croci, nella parte sud della città: crìce, (li), pl. / portanuova: purtanève / San Giuseppe: San Giusuéppe / San Michele: San Micchèle / San Pietro: San Pìtre / Sant'Anna: Sant'Anne / Santa Maria: Sanda Marè
aragosta
, crostaceo appartenente alla famiglia dei palinuri: rragàšte, rrahàšte, (la) s.f.
arancia: purtuhàlle, purtihàlle, purtehàlle, (lu), s.m.
arancia: malarágne, melarágne, (la), s.f.
arancia amara, arancio dal sapore intenso: citrànghele, (la), s.f.
arancio dal sapore intenso, arancia amara : citrànghele, (la), s.f.
arare: ará, v.
aratro: arátre (l'), s.m. /
grosso aratro per lavori di scasso: pertecàre, pirticàre, (la), s.f., pl. li pirtichère
aratro (grosso) per lavori di scasso: pertecàre, pirticàre, (la), s.f., pl. li pirtichère /
aratro: arátre (l'), s.m.
aratro (quello di legno): ràtre, (la), s.f.
aratro con vomere ribaltabile: voddaràcchie, voddarêcchie, (lu), s.m., pl., li voddarêcchie
aratro (manico dell'): dèštre, (lu), s.m.
arboscello, alberello, piantina, della quercia: pidarèle, (lu), s.m.
arcangelo: arcangele, (l'), s.m.
arciprete: arciprèdde, (l'), s.m.
arco: árche, (l'), s.m.
arcobaleno: arcuèrie, archevárgene, archevéche, (l'), s.m
arcolaio: vuénnele, (lu), s.m., pl. li vénnele
arcolaio (minuscolo): vennelùcce, (lu), s.m.
arenare, di barca, scafo, nave, arenarsi: arrená, v.
arenarsi, arenare, di barca, scafo, nave: arrená, v.
argano: árghene, (l'), s.m.; voddavèjje, (lu), s.m.
argentina, varietà di pesce: argindëine, (l'), s.f.
argilla; creta: cràte, (la), s.f. / argilla spessa e dura, di terreno argilloso: critáune, cutráune, (lu), s.m.
aria afosa
: bbuttàgne, (la), s.f.
arieggiare: rihará, v.
aringa: rànghe, (la), s.f.
armare il fucile
, eccitarsi: 'ngrillá, v.
armatore, capobarca: paráune (parón davanti a nome), (lu), s.m.
armonica a bocca: rucunàtte, (lu), s.m.
arnese a foggia di spatola per raschiare dalla madia i residui di pasta o farina, radimadia, raschiatoio: rasòle, (la), s.f.1
arnese del calzolaio
usato come lisciatoio o lucidatoio; bisegolo: biséchele,
fémece, (lu), s.m.
arnese del falegname
anche bracciante dei campi, della stalla, degli artigiani; garzone: harzáune, (lu), s.m., pl. li harzîune; garzáune, (lu), s.m.
arnese del muratore
per colare la calcina: pillècce, (la), s.f.
arnese foderato di pelle di agnello e imbevuto di olio per lucidare la lama della sega: pellàzze, (lu), s.m.
arnese per far la capocchia ai chiodi: chiuvìre, (la), s.f.
arnese per recuperare il secchio caduto nel pozzo: gràppe, (lu), s.m.
arnia
: cûpe, (lu), s.m. / quîupe, (la), s.f.
arpione
; ferro uncinato: càlechene, (lu), s.m. /
arpione: calicanátte, (lu), s.m.
arrabbiarsi anche
incalzare: 'ngazzá, v. / arrabbiarsi, provare rabbia, ragliare: arrajá, v.: / arrabbiarsi, avvelenarsi la vita:
'ndussucárese, v.

arrabbiato, incazzato, incavolato: ingazzàte, 'ngazzäte, agg. / stò ingazzato: stinghe 'ngazzäte
arrabbiatura: arrajatîure, (l'), s.f.
arraffa (l') arraffa, il mangia mangia: màgna màgna, (lu), s.m.
arraffare: acciaffá, v.
arraffare in modo disordinato: rìffe e rráffe, avv.
arrampicarsi: arrangá, v.
arrancare zoppicando: cianghijé, v.
arrecare danno, scommettere, stare in mezzo ai guai: 'nguajjá, v. /
arrecare tormento, crocifiggere, mortificare: cruciufizzá, v.
arredamento di legno; utensili di casa; corredo: ardàgne, (l'), s.f.
arretrato di pagamento, in ritardo: attràsse, agg.
arricchito, rimesso a nuovo: arinfarinéte, agg. /
imbellettato, rimesso a nuovo: arcicilijéte, aricicilijéte, agg.
arricciare
, aggrinzire: arriccé, rriccé, v. / aggrinzire: aggrujé, arrappá, v. / aggrinzire riferito ad abiti, stoffe, gualcire, anche masticare: ammasciché, ammascicá, v. - ha i pantaloni gualciti: tè li cazzîne tutt' ammascichéte
arrivare
, giungere: arruué, arruvué, arruá, v. /
arrivare alla parte piana della trada: 'mbianá, v.
arrochire, rimanere senza voce: arrachë, v.
arrochirsi
, rendere roco, rauco: abbruccárese, v.
arrogante
, ma anche verace, autentico: šcattàte, agg.
arrogante
(individuo):
capuzzìlle, (lu), s.m.
arrollare
; aggruppare: arrullá, v.
arrossamento delle gambe per la vicinanza al fuoco: vàcche, (li), pl.
arrosto: arràšte, (l'), s.f.
arrotare anche rodersi dentro per l'ira, per un torto subito e arrotolare: arrutá, arruté, rrutá, v.
arrotino: arrutëine, arrotacurtuìlle, (l'), s.m., rrotafrùce, (lu), s.m.
arrotolare anche
arrotare e rodersi dentro per l'ira, per un torto subito: arrutá, arruté, rrutá, v. / arrotolare, acciambellare: attarallá, v.  
arrotondare
, rendere tondo un oggetto: attunná, v.
arroventare un ferro per unirlo ad un altro ferro arroventato: callijé, v.
arruffare, unire, avvolgere: 'ncatricchiá, v. /
arruffare, irritarsi: arruférese, arruffé, v. /
arruffare i capelli, i peli, ecc.: 'ngrefá, v.
arruffato, scarduffato: arruféte, agg. /
arruffato, adirato: 'ngruféte, agg.
arruffone
; pettegolo: 'mbicciáune, (lu), s.m.
arrugginire
: arruzzuné, v.
arsella, conchiglia bivalve, cappa chione, cappa verrucosa, fasolaro, lamellibranco, noce, tartufo, vongola, mollusco marino bivalve dei fondi sabbiosi: ciòcchele, pl. li ciòcchele, dim. li ciucculàlle, vàunghele, (la), s.f. anche paparózze (bbiànghe, rëisce, di féure), (la), s.f. / conchiglia marina, cornetto: curnuciàlle, (lu), s.m. / conchiglia delle vongole, valva: cùcchie, (la), s.f. / varietà di conchiglia marina: cariamùrte, (lu), s.m. / anche becchino, addetto al servizio funebre, beccamorto, vespillone: cariamùrte, carijamùrte, beccamùrte, (lu), s.m.
Arsenio
: Arsenie, n.p.p.
arsura
, sete: säte, sáite, (la), s.f.
arte; lavoro eseguito con diligenza: árte, (l'), s.f.
articolazione della gamba, del braccio: 'nghiavatîure, (la), s.f.
artigiano (maestro): maštre, mašte, (lu), s.m. / artigiano capo, maestro, insegnante elementare anche
vento da maestro, maestrale: majáštre, (lu), s.m. / artigiano; artiere: artíre, (l'), s.m.
artigiano capo (maestro artigiano), maestro, insegnante elementare: maštre, mašte,
majáštre, (lu), s.m. / anche vento da maestro, maestrale: majáštre, (lu), s.m. / esposizione del corredo nuziale: maštre, (la), s.f.
artigiano che realizza i fiscoli
, fiscolaio: fisculàre, (lu), s.m.
artigiano che fa e impaglia fiaschi, impagliatore di fiaschi: fiascàre, (lu), s.m.
artigiano
che lavora la cera, ceraio: cerajèle, cerajéule, (lu), s.m.
artigiano che lavora la lana; lanaiolo: lanàre, lanaréule, (lu), s.m.
artigiano (di) maldestro nel suo lavoro: arrunzatáure, (l'), s.m.
artiglio,
unghia di animale: 'ràmbe, (lu), s.m. / artiglio di rapace: gràmbe, (la), s.f. / unghia: ìgne, àgne, (l'), s.f. / unghia incarnita: 'ncarnéte, agg. /unghie del gatto: carfîlle, (li) pl.
arzella, erba medica: jèrvamédiche, (la), s.f.
arzillo
: arzèlle, (l'), s.m. / arzillo, vivace: rizzillîute, agg.
ascella
: ditálle ant., (lu), s.m, pl. li ditálle
Ascensione, ricorrenza religiosa, festa dell'...: Ascinzîáune, (l'), s.f.; 'scinzîáune, (la), s.f.
ascesso: ascèsse, (l'), s.m.; pištéme, (la), s.f.
asciugare
: assuqué, v. / asciugare, vuotare l'acqua da un recipiente, da un luogo: assiccá, v. / asciugare la legna accosto al fuoco: abbidicá, v. /
vuotare, voltare, girare: vuddá, v.
asciutto, secco, scarnito: sácche, arsácche,'risìcche, 'rrsìcche, agg. / asciutto: assîtte, assuquète, agg.
ascoltare, sentire: assindë, sindë, v. / ascoltare di nascosto, guardare: adusulá, v.
ascolto, retta: audìnze, addinze, (la), s.f. / ascolto, udienza in senso giuridico: diînze, (la), s.f.
asfaltare, dare il bitume: 'ngatramá, v.
asilo, ricovero: ricètte, (lu), s.m. /
prescrizione medica: ricètte, (la), s.f.
asinello
: pirdacchie, (la), s.f., pl. le pirdêcchie
asineria: ciucciarëjje, (la), s.f.
asini (di) o cavalli soliti a inciampare: cipulláre, agg.
asino
, ciuco, ciuccio:, âsene, ásine, cîcce, (l'), (lu), s.m., pl. l'ésene / asino, ciuco, ciuccio, bestia da soma, bestia da trasporto: bìštije, vittîure, (la), s.f.
asino e giumenta (di ibrido fra): ciuccëine, agg.
asinuccio, gioco di carte: asinícce, (l'), s.m.
asmare, ansimare,espirare a fatica, spasimare: pasahá, pasimá, v.
asociale (di carattere) e scorbutico:
ribbuttáuse, agg.
asola: pirtàse, (la), s.f.
aspettare: aspittá, v.
aspetto
di Lucifero (luciferino): cëfere, (lu), s.m. / di chi ha i capelli arruffati o aspetto luciferino: cëfere, (lu), s.m. / turbine, vento forte: nu cëfere di vénde
aspo; naspo; attrezzo per formare matasse: 'nnaspatáure, (lu), s.m.
assaporare
: assaprë, v.
asse, barra, del timone: ravuòlle, rahítene, rahjìtene, rivúleche, (la), s.f.
asse di legno, cavicchio, per agganciare il timone del carro alle ritortole: cavécchie, (la), s.f. / cavicchio, tappo, zaffo: zuaffe, zàffe, (lu), s.m. / attrezzo o cavicchio per la messa a dimora o trapiantare piante ortofrutticole e ortaggi: përe, pére, (lu), s.m.
assemblea di confratelli; conclusione: cunglusiáune, (la), s.f.
assembramento
, raduno: radîune, (lu), s.m.
asseccarsi
, smagrire, divenire magro: assicchinérese, v.
assennato
, basato, posato, di persona saggia, coi piedi per terra: abbasàte, agg.
asse, stanga, di chiusura dell'uscio: vàrre, (la), s.f. / rinforza la porta!: mìtte vàrre!
asse di ferro per tenere unito il timone dell'aratro alle ritortele: cavicchiàre, (lu) s.m.
asse di legno ricurvo
a cui viene appeso il maiale prima della macellazione: uammàle, (lu), s.m.
asse di legno per agganciare il timone del carro alle ritortole; cavicchio: cavécchie, (la), s.f.
asse di legno per reggere
parti di un'apparecchiatura: allèrte, (l') s.m.
asse per tenere fermo il vomere
: dindàle, (lu), s.m.
assenzio
: ascènze, (l'), s.m.
assestare; congiungere: cugnágnë, v.
assicella di legno divisa in due scomparti, l'uno per il venditore, l'altro per il compratore, in modo da far combaciare le tacche, per facilitare il conto:
jja o tàcche, (la), s.f.
assicurare
: assicuré, v.
assieme
, insieme: aunëite, avv.
assieme; insieme: 'nzímbre, avv.
assiolo, uccello notturno: cchiéule, (lu), s.m.
asso
(carta da gioco): ásse, (l'), s.m., hàsse, (l'), s.m.
assodare
, calmare, risolvere: assudá, v.
assolvere, perdonare: pirduná, v.
assopigliatutto (gioco di carte): assepijatîtte, (l'), s.m.
assopirs
i: pindicá, v.
assorbire: arittrahá, v.
assumere atteggiamenti sussiegosi, mettersi in agguato, poggiar bene, far resistenza, far forza facendo leva: 'mbuš, v.
Assunta
: Assuntëine, 'Ssuntëine, n.p.p.
assunzione di atteggiamenti irritanti e provocatori; giostra: ggioštre, (la), s.f.
asta a forcella per sostenere i rami carichi di frutta: furcicáune, (lu), s.m. / grossa forca per rimuovere il fieno: furcicáune, (lu), s.m.
asta (lunga); pertica; persona molto alta: velátte, (la), s.f.
asta che regge la sciabica
, gualano anche custode delle vacche o conduttore di bestie da lavoro: hualàne, gualàne, ualàne,
vualàne, (lu), s.m., pl. li ...ene
asta della fiòcina: óste, (la), s.f.
asta di ferro
per bloccare le porte esterne: canganátte, (lu), s.m.

asta di ferro con paletta incorporata,
tirabrace: retràvele, (lu), s.m.
asta di legno del basto
: córve
, (la), s.f.
asta di legno per battere (far uscire dalla buccia) legumi e cereali; modo ironico per definire l'organo sensuale maschile inoperoso: vattacèice, (lu), s.m.
asta verticale o staggio, sbarra di legno, per tenere la rete della sciabica: mazzátte, (la), s.f./culàne
, (lu), s.m.
astice
; elefante: 'lifànde, (lu), s.m.
astuccio per conservare gli aghi, agoraio: acaréule, (l'), s.m.
astuta
(persona): vàfre, agg.
astuto, furbo, scaltro: fìrbe, agg. / furbo, sveglio, intelligente: cillëine, agg. / furbacchione, persona vivace: rócile, (lu), s.m. / tipo furbo e vivace: rottaluquîule, (lu), s.m. /
scaltro (paraculo): paraquîule, (lu), s.m. / scaltro, accorto, anche esperto, istruito, saccente: saputìlle, (lu), s.m.
atomica: tómeche, agg.; la bòmma tómeche
attaccare, litigare: attaccá
, liticá, v.
attaccato
, legato: attaccate, agg.
Attanasio
: 'Ttanasie, n.p.p.
attaccabrighe: cimindatáure
, (lu), s.m.
atteggiamenti femminili, effeminato: fimminàlle, (la), s.f. / tecnica sartoriale per rendere aggraziato l'abito femminile: fimminàlle, (li), pl.
atteggiamento o gesto di palese dispetto: arrufanáte, (l'), s.f.
atteggiamento
(di) o azione alquanto volgare: pacchianáte, (la), sf.
atteggiarsi
in modo provocatorio o seducente, rigirarsi, appartarsi: quarti
árse, quartijá v.
attillato
, di abito e di costume: azzizzáte, v.
attivo, ingegnoso: 'ngignáuse, agg.
attizzare, aizzare anche accostare tizzoni e brace per rinvigorire il fuoco: attizzé, v. / aizzare anche dare lo zolfo: 'nzulfaná, v. /
accostare: accandussciá, v.
attizzatoio:
attizzatáure, attizzaféuche, (l'), s.m.
atto di esagitazione o stato di eccitazione incontrollata anche numero: nìmmere, (lu), s.m.
atto di magia negativa, fattura: fattîure, fattîre, (la), s.f. / malocchio; iattura: malùcchie, (lu), s.m.
atto di ribellione, possanza: rivèlle, (la), s.f.
atto generativo della specie, fra gli animali: ciàvatte, (la), s.f.
atto masturbatorio maschile: pugnátte, (la), s.f.
atto osceno anche
porcheria: purcarëjje, (la), s.f.
atto sessuale (infantile): zozzò, (lu), s.m.
attore di teatro
: tuhatreste, (lu), s.m., pl. li tihatreste
attrarre con la calamita
, attrarre per forza magnetica: accalamitá, v.
attrezzi di vario genere; macchinetta, vetturetta, autobus di pochi posti, anche attrezzo del calzolaio per lucidare il cuoio: machinátte, (la), s.f.
attrezzo o cavicchio per la messa a dimora o trapiantare piante ortofrutticole e ortaggi: përe, pére, (lu), s.m. / cavicchio, tappo, zaffo: zuaffe, zàffe, (lu), s.m. / cavicchio, asse di legno per agganciare il timone del carro alle ritortole: cavécchie, (la), s.f.
attrezzo (ferro) per cuocere i dolci tipici
(catarrätte)
mediante pressione dello stesso
: fuerre di li catarrätte, (lu), s.m.
attrezzo del suggeritore teatrale
per la chiusa del sipario: battarèlle, (la), s.f.
attrezzo del calzolaio per lucidare il tacco: pète di pòrche, (lu), s.m.
attrezzo del calzolaio per far scorrere più veloce lo spago, lesina, anche tircheria, spilorceria: làsene, sìjje, (la), s.f. / subbia: sìjje, (la), s.f. / fig. come gli corre la subbia cioè come gli va bene il lavoro: gna' j' càrre la sìjje / lesina, oggetto a punta per cucire con lo spago: sibbule, (la), s.f., pl. li sibbule
attrezzo del calzolaio per lucidare il cuoio: machinátte, (la), s.f.
attrezzo del muratore, frattazzo, tavoletta per rifinitura di intonaco: fracasse, (lu), s.m., pl. li frachêsse / frattazzo: frattàzze, (lu), s.m.
attrezzo del muratore (piccolo), per rifinire l'intonaco, frattazzino: frattazzéule, (lu), s.m.
attrezzo del muratore per profilare
l'angolo, frattazzo per l'angolo
: frattàzze di l'anghele, (lu), s.m.
attrezzo del muratore, punteruolo: pundaréule, (lu), s.m.
attrezzo di ferro per cerchiare le botti: briscianèlle, (la), s.f.
attrezzo per cernere, separare il grano e altri aridi o sostanze solide: cungiarèlle
, (la), s.f.
attrezzo per estrarre i chiodi (del calzolaio): fèrre a ddò, (lu), s.m.
attrezzo o strumento che serve a filare, in coppia col fuso, conocchia o rocca: chinàcchie, (la), s.f. pl. li chinàcchie, cunòcchie
attrezzo per forare il cuoio: vuliiêtte, (la), s.f., pl. li vuliiêtte
attrezzo
per forti prese: cagnole, (la), s.f., pl. li cagnole
attrezzo per formare matasse; aspo; naspo: 'nnaspatáure, (lu), s.m.
attrezzo per nettare la madia: radatáure, (lu), s.m.
attrezzo per preservare la suola dai colpi del trincetto: reféle, (lu), s.m.
attrezzo
per rimescolare la malta, anche zappone: zappáune, (lu), s.m., pl. li zappihune, zzappùne
attrezzo per rimuovere la brace: martinèlle, (lu), s.m.
attrezzo per sollevare pesi, travi in legno usate come scivoli per mettere in mare o per trarre a secco le paranze, palancole: parànghe, (la), s.f.
attrezzo
per stringere la paglia sui carri: vuarricchiale, (lu), s.m., pl. li varricchiele
attrezzo
per tirare fuori la forma dalla scarpa: caccia fêrme, (lu), s.m., pl. li caccia fêrme
attrezzo
(piccolo) a punta per far risaltare
i punti della suola
: spartipinte, (lu), s.m., pl. li
spartipinte
attrezzo usato dalle tessitrici
: lizzaréule, (lu), s.m.
attribuzione di colpevolezza: règge e càuse, loc. avv.
auguri!: ahijrie! / auguri: ahùrie, (lu), s.m.
augurio
(cattivo): malahîurie, (lu), s.m.
aumenta il passo
: ahàzze lu passe
Aureliano
: Ureliane, n.p.p.
Aurelio
: Aurelie, n.p.p.
autentico
, arrogante, ma anche verace: šcattàte, agg.
autista; conducente di automobili: ccioffèrre, (lu), s.m., pl. li ciffirre / autista: autëste, (l'), s.m., pl. l'autëste
autobus di pochi posti, vetturetta, macchinetta, anche, attrezzi di vario genere; attrezzo del calzolaio per lucidare il cuoio: machinátte, (la), s.f.
autocarro; camion: càmie, (lu), s.m. 
automobile degli anni '30 anche ragazzo inquadrato nelle organizzazioni paramilitari fasciste, s.m.: balèlle, (la), s.f.
autunno: autînie, (l'), s.f.
autuno (in), alla rinfrescata: a la rifrescáte, loc. avv.
avallare
, garantire: avvallá, v.
avannotti di pesce, bianchetti, pesce nudo,
pesciolini bianchi marini ottimi per la frittura, minutaglia uniforme di piccoli pesci somiglianti alla sarde: papalëine (la), s.f. / pesci di piccolissima taglia, bianchetti: cicinìlle, (li), pl. / pesciolini di maggio: piscitílle di majje, s.m., pl. li / minutaglia di pesce per frittura, miscuglio di piccoli pesci anche frotta di bambini: frahàjje, (la), s.f.
avanti
, innanzi, davanti, prima: avánde, annènde o annènze, prëime, pre./avv. / davanti e dietro: annend' e rréte
avaro: scalecambìzze, (lu), s.m.
avaro, cacastecchi, spilorcio, taccagno, tirchio, restio nello spendere: pichéne, carlùcchie, carrucchiàre, agg./micragnáuse, cacasànghe, cacasëcche, cachitòšte, magnapidùcchie, quarrucchiàre, (lu), s.m. / anche zoticone: cudicáune, (lu), s.m. / anche individuo dalla figura meschina: cacazicchèine, (lu), s.m. / anche
individuo allampanato: magnaruscìrte, (lu), s.m.
Ave Maria (suono dell'): undunàre, (l'), s.m.
avemaria: avemmarèjje, (l'), s.f.
aver a che fare anche contrastare, contendere, combattere: cummuátte, v. / non voglio aver a che fare con gli scemi: 'n 'gi vujje cummuátte nghi li scìme
avercela, prendersela: allavà / se la prende con me!: ci l'allà nghi mma! / con chi ce l'hai?: nghi ch' allé?
avere
: avá, v., ind. pres. àjje, tinghe /
avere contezza, capire, comprendere, intendere, essere esperto di: arindènnë, v.; se ne intende: se n'arindènnë / avere contezza delle proprie azioni, riconoscere: accanàscë, v. / avere cura di, cura: cchîure, (la), s.f. / avere riguardo: a cchîure, loc. avv. / avere dimestichezza con le persone, far razza: arrazzá, v. / avere forza, fidarsi, farcela: fidárese, v. / avere ragione in ogni modo, anche con la forza: apprufittijé, v. /avere un sonno molto leggero: cilivìnde cilivìnde, loc. avv. / avere una rivincita nel gioco, rifare, restituire un debito anche coltivare i campi: arifá, v.
averla
, specie di uccello, passeraceo: cràšte, (la), s.f. / l'hanno massacrato di botte: l'ànne abbuttáte 'gne 'na cràšte, fig.
averne abbastanza anche in punta, sull'orlo: 'mpìzze, avv.
avocare tutto
in proprietà; prendersi tutto: arradunànze, (l'), s.f.
avvampare, sentire calore: fuchìjjé, v. /
sentire, ascoltare: assindë, sindë, v.
avvelenare, intossicare: 'ntussicá, 'ndussicá, v.
avvelenarsi la vita, arrabbiarsi:
'ndussucárese, v.
/arrabbiarsi, provare rabbia, ragliare: arrajá, v. / arrabbiarsi: 'ngazzá, v.
avvenire, accadere: cummumènde, v. / accadere, succedere: ammáttë, v. / ascolta ciò che mi è successo stamattina: sinde chi mm'è štáte cummumènde maddimàne
avventarsi
, scagliarsi contro qualcuno: affrangá, abbindá, v.
Avvento
, ricorrenza religiosa: Avvénde, (l'), s.m.
avventore, cliente / conosciuto, noto: acchìnde, s.m.
avversario per lo più politico: condrapartëite, (lu), s.m.
avvertire sete
, aggangare: allanganë, v.
avvezzare
: ammizzá, v.
avviamento a un'attività manuale, spesso a quella dei muratori
; al lavoro: a mmannèjje, loc. avv.
avviare, aiutare, indirizzare: abbijjé, ajjutá, addirrizzé, v. /
aiutare: ajjutá, v. / aiutare qualcuno in una impresa: abbijjé la váreche, v.
avvicinare
: abbiciná, v. / avvicinare, appressare: apprisummá, v.
avvilire, indebolire, infiacchire, spossare, stancare: abbulë, addibbulë, v.
avvinazzato: avvinéte, agg.
avvio: abbèjje, (l'), s.m.
avviso, composizione amichevole, regolata: rehulàte, rihulàte, (la), s.f.
avviso: avvãise, (l'), s.m. / avviso; manifesto: cartèlle, (lu), s.m.  / cartella: cartèlle, (la), s.f.
avvizzire, riverberare: abbambá, v. / avvizzire dietro l'azione del vento caldo: affahagná, v.
avvizzito, di fico o di altra frutta: accaracinéte, agg.
avvocato: avvucate (l'), s.m., pl. l'avvuchete
avvocato di scarso valore: pajàtte, (la), s.f.
avvocatura: avvucatèzie, (l'), s.f.
avvolgere: abbirretá, abbirrité, v. / avvolgere, comprimere: ajjòcchë, v. / avvolgere, specie il caglio o la neve: ajjòcchë, ammujccá, v. / avvolgere, unire, arruffare: 'ncatricchiá, v. /
avvolgere il filo attorno alla conocchia: 'ngunucchiá, v. /
avvolgere la stoffa in modo affrettato e maldestro: arravujjé, v. /
avvolgere la tela al subbio del telaio; affascinare, incantare: 'ngandá, v.
avvolgitore di rocchetti e di bobine del telaio, incannatoio, macchina tessile: 'ndrugutáure, 'ndruvatáure, (lu), s.m.
avvoltolare, rigirare: annaspá, v.
azione, fatto, iniziativa: azziáune, (l'), s.f.
azione da cane intrapresa con fini malvagi: canitá, (la), s.f.
azione (di) o atteggiamento alquanto volgare: pacchianáte, (la), sf.
azione volgare e di pessimo gusto; cafonata: cafunàte, (la), s.f.
azzardo, rischio: azzarde, (l'), s.m.
azzeccare, indovinare, presagire, cogliere l'obiettivo: azzeccá, azziccá, 'nduvuná, adduvuná, v.
azzeccato, di cosa o di attrezzo ben congiunto: cugnéte, agg.
azzimato, curato, elgante, agghindato, inappuntabile: 'rinciuvilé, agg.
azzittire: azzittá, v.
azzoppare: acciuppucá, v.
azzoppato: acciuppucáte, agg., pl. l'acciuppuchéte