Per salvare e riscoprire un patrimonio prezioso (le voci dei nostri avi)
Vocabolario vastese-italiano
: A
 
B
C
D
E
F
G
H
I
J
L
M
N
O
P
Q
R
S
T
U
V
Z

a, prep. semplice: a, ad; forma, non in unione, le preposizioni articolate a lu, a la, a li: al, allo, alla, all’, ai, agli, alle / á, pronunciata con leggera aspirazione, pres. ind. verbo avere 3a pers. sing.: ha / á -accentata sostituisce are alla fine dei verbi di prima coniugazione (magná: mangiare)
/ a - si premette ai verbi che cominciano per ri iterativo (arifá: rifare) / a - in altri casi ha forza intensiva (arruvuné: rovinare) / a - i verbi che iniziano per ra seguita da una consonante raddoppiata nel dialetto perdono una delle consonanti e l'a del ra diviene prefissa
(ra ss omigliare: arsummujjé: rassomigliare) /
a - riempitiva ( a ttá: vuole te) / a - invece di, nel (stà a la cáse: è in casa; cott' a la tujàne: cotto nel tegame) / a - finale di nome femminile, diventa e muta (méne: mano); ma ritorna a quando questo nome è seguito pe lo più da un aggettivo ( ména càlle: mano calda)
a ará
: ad arare
a bbittîne, a limmèlle, loc. avv.: giocare a bottoni, gioco di bambini, consistente nel premere con un bottone su un altro per farlo saltare lontano
a cacchiatte a cacchiatte
: a mazzetti a mazzetti (trovarne tanti)
a callátte, loc. avv.: di carriera; in gran fretta
a càll' e cëiche, loc. avv.: in modo comodo
a calle a ccalle, loc. avv.; aprèss amprèss, loc. avv.; vullènne vullènne, loc. avv.: in maniera sollecita; alla svelta
a ccàlle a ccàlle, loc. avv.: alla svelta, di corsa
a cambanèlle, loc. avv.: sapere una cosa a memoria in modo perfetto
a cambrátte, loc. avv.: modo di unire le viti ad arco
a carráfe, loc. avv.: giocare a vino
a cascarelle, loc. avv.: di persona bene in carne
a catùcchie, loc. avv.: a pezzi

a ccape, loc. avv.: all'inizio; al principio
a ccappèšte, loc. avv.: puzzo che appesta
a cchiàne a cchiàne, loc. avv.: adagio adagio
a
cchírte, loc. avv.: tra breve; al poco
a cchîure, loc. avv.: avere riguardo
a ccic' a cëiche, loc. avv.: mangiare con eccessiva lentezza
a ccindinàre, loc. avv.: a centinaia
a cciuffîlle, loc. avv.: spesa senza giudizio
a ccon'a ccàune, loc. avv: a poco a poco
a cconde mè, loc. avv.: a mie spese
a ciummìlle, loc. avv.: a fagiolo
a còccia capabbàlle, loc. avv.: a testa in giù
a
còccia sé, loc. avv.: di testa sua

a cruàjje, loc. avv.: varietà di fagioli
a
dištájje, loc. avv.: a cottimo
a écche, aécche, dîcchece: qua
a èlla bbàlle, alocabballe, avv.: giu, in basso
a èlla mmànne, alocammanne, avv.: lassù
a èlle, aèlle, avv.: là

a èlle 'mbàcce, avv.: là vicino, là di fronte
a èlle 'ncòppe, avv.: là sopra
a èlle 'ssatte, avv.: là sotto
a ésse, dîssete, avv.: qui, lì, costà, costì
a fa' a cambrêtte
: ad unire le viti (a due a due) tra di loro
a faggià
: a falciare
a fa' lu squassate
: a fare lo scasso per la piantagione delle viti
a ffànne, avv.: a fondo
a ffèlle a ffèlle, loc. avv.: a fetta a fetta anche minaccia verso qualcuno
a fiàte a fiàte, loc. avv.: a bocca a bocca
a fînitáure, loc. avv.: al termine di una strada, di un discorso
a ggàlle, loc., avv.: a galla
a guazzátte, loc. avv.: maniera di cucinare il pesce, specie i "bianchellti"
a la capequîule, avv.: alla rovescia
a la ciccipité, avv.; a la ciuccëine, avv.: alla carlona  
a la ciuccëine, avv.; a la ciccipité, avv.: alla carlona

a la ddijîne, ddijîune, dijùne, loc. avv.: a digiuno
a la ddijîune, ddijîne, dijùne, loc. avv.: a digiuno
a la dijùne, ddijîune, ddijîne, loc. avv.: a digiuno
a la 'nderlèce, loc. avv.: di traverso
a la 'ndrasátte, norasátte: all'improvviso; loc. avv., così per caso
a la norasátte, 'ndrasátte: all'improvviso; loc. avv., così per caso

a la štre, loc. avv.: al modo nostro, alla nostra maniera
a la vilangëine; a manginelle, avv.: cavallo (di) giovane, tenuto a trapelo fuori delle stanghe per essere addestrato
a limmèlle, a bbittîne, loc. avv.: giocare a bottoni, gioco di bambini, consistente nel premere con un bottone su un altro per farlo saltare lontano
a lònghe, avv.: a lungo
a lu catrafánne: allo sprofondo
 
a lu làte, loc. avv.: a lato di, accosto a
a lu muràgne o murogne, loc. avv.: a bacìo, luogo esposto a settentrione; vreràgne, (lu), s.m.
:
luogo esposto a settentrione / muràgne, avv.: lato della casa esposto a settentrione

a lu murogne o muràgne, loc. avv.: a bacìo, luogo esposto a settentrione; vreràgne, (lu), s.m.
:
luogo esposto a settentrione / muràgne, avv.: lato della casa esposto a settentrione

a 'm mìte, loc. avv: a vita / ammèite, avv.: a vita
a má
, mi, di má, pron. pers. sing. compl.: me, mi
a maiucquanne
, v.: tirare palle di neve, gioco e divertimento di bambini
a malappäne, loc. avv.: a malapena
a mete: a mietere
a mmammùrie, avv.: a memoria nel senso di a memoria d'uomo
a manginelle; a la vilangëine, avv.: cavallo (di) giovane, tenuto a trapelo fuori delle stanghe per essere addestrato
a mazzätte, avv.: gioco di carte, gioco d'azzardo
a 'mmènde, loc. avv.: a memoria / féime sa la duttrëine a 'mmènde: mio figlio sa il catechismo a memoria

a mmumènde, loc. avv.: a momenti, fra poco
a muretàre, loc. avv.: trovarsi in fin di vita
a murr' mmurr, loc. avv.: vicino vicino
a , 'nnî, pron.: a noi
a 'nnî, , pron.: a noi
a pallicce: giocare con palline di vetro o di terra cotta, gioco e divertimento di bambini
a panzandèrre, loc. avv.: a pancia a terra, chinato verso terra
a pasce: a pascolare
a passillà: a stabilire i punti dove piantare le viti per un nuovo vigneto
a pastinà: a ricoprire di terra il seminato con zappa o bidente
a pèzze: giocare con pietre striscianti, gioco e divertimento di bambini
a putà gli alberi: a potare
a rcaccià li manuppile: a raccogliere i manipoli di grano nel campo
a rrannà: a rizzappare superficialmente le vigna
a rzappilijé: a rimescolare col bidente il terreno seminato
a sarchià: a ripulire il seminato dalle erbacce
a hîffe, îffe, uffe (a), loc. avv.: a sbafo, a ufo, gratis, senza pagare
a îffe, hîffe, uffe (a), loc. avv.: a sbafo, a ufo, gratis, senza pagare
a l'úteme di li chînde, loc. avv.: in conclusione
a sbattamihure: giocare con monetine facendole battere sul muro, gioco e divertimento di bambini
a stannà: a togliere i tralci dal vigneto le escrescenze filamentose
a tá,, di tá, pron. pers. sing. compl.: ti, te
a tênne: a mettere le canne nei vigneti
a triscà: a trebbiare
a uffe, a îffe, hîffe, loc. avv.: a sbafo, a ufo, gratis, senza pagare
a use, loc.: al modo di
a vilignà: a vendemmiare
a vindilà: a separare nel vento il grano dalla paglia lanciandolo in aria
a vrancáte, loc. avv.: a manciate
a zappà: a zappare
a zombacavalle
: saltarsi a vicenda alternativamente chinandosi, gioco e divertimento di bambini
a l'usànze
, loc. avv.: a l'usanza di
a la
, prep. art.: in, nella
a la cafàune o alla cafona: speciale modo di cucinare rustico, quasi grossolano
a la capichîule, a la dimmèrze,
a la devèrze, loc. avv.: al contrario, rovescio
a la ciccipité, avv.: alla carlona
a la carpiselle: cioè in modo marinato (domestico)
a la cavallëine, loc. avv.: pesca d'alto mare
a la ciáte
, loc. avv.: in malora
a la criscènze, loc. avv.: a luna crescente
a la devèrze, a la dimmèrze, a la capichîule, loc. avv.: al contrario, rovescio
a la dimmèrze
, a la capichîule,
a la devèrze, loc. avv.: al contrario, rovescio
a la dimmerze, loc. avv.; a lu 'ngundrarie, loc. avv.: al contrario
a la disdirràtte, loc. avv.: a più non posso
a la marinare o marinère o alla pescatora (paste): alla marinara cioè con aglio, olio e prezzemolo (pasta)
a la marinère o marinare o alla pescatora (paste: alla marinara cioè con aglio, olio e prezzemolo
a la ngandáte, loc. avv.: vendita all'incanto
a la nzícche, avv.; 'nzícche 'nzécche,
'nzècche 'nzècche, loc. avv.: giusto giusto; appena appena
a la stecchie: colpire con pietre un mattone in senso verticale, gioco e divertimento di bambini
a la trappetare
o alla trappetara: sta per piatto preparato in modo grezzo, cioè approntato dall'artigiano che conduce il trappéto (frantoio); quasi sempre si tratta di piatto a base di stoccafisso
a la uattàte
, loc. avv.: di nascosto; al riparo del freddo e del vento / uattàte, (la), s.f.: posto riparato, nicchia
a li dirrîtte, avv.: alla dirotta, senza freni
a llá dùssute, avv.: in quel luogo
a lu catrafánne, avv.; a lu zuffuánne, avv.: allo sprofondo
a lu muàsseme, loc. avv.: al massimo
a lu 'ngundrarie, loc. avv.; a la dimmerze, loc. avv.: al contrario
a lu zuffuánne, avv; a lu catrafánne, avv.: allo sprofondo
a lu làte, loc. avv.: a lato di, accosto a
a lu mànghe, avv.; alumène, avv.: almeno
a lu uazzátte
, loc. avv.: zuppa di minutaglia di pesce, generalmente in bianco
alla cafona
o a la cafàune: speciale modo di cucinare rustico, quasi grossolano; ancorchè ingordo
alla carpiselle
: cioè in modo marinato (domestico)
alla pescatora
o a la marinare o marinère (paste): alla marinara cioè con aglio, olio e prezzemolo (pasta)
alla trappetara
o a la trappetare: sta per piatto preparato in modo grezzo, cioè approntato dall'artigiano che conduce il trappéto (frantoio); quasi sempre si tratta di piatto a base di stoccafisso
abbaccillá
, v., ant.: parlare continuamente a voce alta, con intenzione maligna e in tono provocatorio, a carico di qualcuno senza riserve mentali e sottintesi, cianciare, ciarlare, cicalare, pettegolare
abbadá, v., ant.: badare, fare attenzione
/ abbàte!, come esortazione
abbafá
, v., ant., affatá, v, ant.: produrre su altri una strana influenza, in modo da non renderlo più libero di sè, ammaliare, affatare
abbagná
, v., ant.: bagnare / perdere al gioco, detto dal giocatore quando perde molto; fig. m'àjj' abbagnáte bbéune: mi son bagnato bene
abbáïte
, (l'), s.m.: abete
abbajjá
, v., ant.: abbaiare
abballá
, v.: ballare, traballare, sguazzare
abbàlla fèure: al largo
abbàlle, avv.: sotto, in giù, a valle / mmond'e bbàlle: sopra e sotto
abbambá, v.: riverberare, avvizzire
abbambatîure, (l'), s.f.: abbronzatura
abbarattá, v.: vendere con scarso guadagno
abbarrucché, v.: vendere a prezzi ridotti per necessità
abbasàte, agg.: assennato, posato, basato, di persona saggia, coi piedi per terra
abbaštá,
avaštá, vaš, v.: essere sufficiente, bastare 
abbàte!: badare, come esortazione
abbattezzá o bbattezzá, v.: battezzare
abbatùzze, (l'), s.m.: abatuncolo, abatonzola
àbbe, avv.: nel senso di stupire / mi fa' àbbe: mi stupisce, mi fa meraviglia
abbèjje, (l'), s.m.: avvio
àbbele, agg.: abile
abbendá, v.: bendare
abbènde, (l'), s.m.: tranquillità (interiore); requie, riposo
abbiciná, v.: avvicinare
abbidicá, v.: asciugare la legna accosto al fuoco
abbijjé, v.; ajjutá, v.; addirrizzé, v.: aiutare, indirizzare, avviare /  abbijjé la váreche: aiutare qualcuno in una impresa
abbindá
, affrangá, v.: avventarsi, scagliarsi contro qualcuno
abbirbandérese, v.: ingaglioffarsi
abbirretá, abbirrité, v.:
avvolgere / ajjòcchë, v.: avvolgere, comprimere / 'ncatricchiá, v.: avvolgere, unire, arruffare
abbirrité, abbirretá, v.:
avvolgere / ajjòcchë, v.: avvolgere, comprimere / 'ncatricchiá, v.: avvolgere, unire, arruffare
abbirriténne, (l'), s.f.: contrazione viscerale spesso con evacuo
abbisàgne, bbisàgne, (l'), (la), s.f.: bisogno, necessità / najjabbisàgne: non ho bisogno di nessuno o di niente
abbišche, huadàgne, (l'), (lu), s.m.: salario, guadagno, profitto
abbitá, v.: abitare, dimorare
abbittimá,
lachijá, lanchijá, v.: ansare
abbituá, v.: abituare
abbituaziáune, (l'), s.f.: abitudine; îuse (l'), s.m.: abitudine, costume di un paese
abbituéte, agg.: abituato
abbottapizzìnde, (l'), s.m.: fico di mediocre qualità
abbracá, v.: abbrancare
abbraccicá, v.: stringere fra le braccia
abbramá, v.: desiderare in modo bramoso
abbrànze,
bbrànze, (lu), s.m: bronzo / d'abbranze: di bronzo
abbrëile, abbrëille,
bbrëile, s.m: mese aprile.
Detti: jì so' abbrëile, mese ggentèle, àrbere e ffiure facce fiurèje, li cille facce candà, ggiùvene e vvicchie annamurà: io sono aprile, mese gentile, alberi e fiori faccio fiorire, gli uccelli faccio cantare, giovani e vecchi innamorare / abbrëile abbrilétte ogne jjùrne 'na ramétte: aprile, apriletto ogni giorno cresce un rametto / l'hùmmene zappe e le fémmene file: in aprile gli uomini zappano e le denne filano / sàcce nghe nu huaréile: in aprile seppie in quantità
abbrëille, abbrëile,
bbrëile, s.m: mese aprile.
Detti: jì so' abbrëile, mese ggentèle, àrbere e ffiure facce fiurèje, li cille facce candà, ggiùvene e vvicchie annamurà: io sono aprile, mese gentile, alberi e fiori faccio fiorire, gli uccelli faccio cantare, giovani e vecchi innamorare / abbrëile abbrilétte ogne jjùrne 'na ramétte: aprile, apriletto ogni giorno cresce un rametto / l'hùmmene zappe e le fémmene file: in aprile gli uomini zappano e le denne filano / sàcce nghe nu huaréile: in aprile seppie in quantità
abbriviatáure, accurtatáure, (l'), s.f.: scorciatoia
abbruccá, v.: covare (il), della gallina; ammalarsi
abbruccárese, v.: arrochirsi, rendere roco, rauco
abbruscé, v.: bruciare /
fucá, v.: bruciare; focare anche in senso figurato / si l'acchiàppe i' fòche li palle: se lo prendo gli brucio le palle
abbrusciatîure, (l'), s.f.: bruciatura
abbrusciuné, v.: scaldare al fuoco un metallo
abbruvugnáuse, agg.: timido, vergognoso
abbruvurgnárese, bruvurgnárese, verhugniérese, v.: vergognarsi
abbuccá, v.: abboccare, raggirare / zingariá, v.: abbindolare, raggirare / vulupié, v.: volpeggiare, raggirare
abbuffé, v.: abbuffarsi
abbulé, v.: avvilire, indebolire, infiacchire, spossare / abbulë, addibbulè, v.: indebolire, stancare
abbulë, addibbulè, v.: indebolire, stancare / abbulé, v.: avvilire, indebolire, infiacchire, spossare
abbulëite, agg.: stanco, indebolito
abbumacá, arcibbë, arcibbé, accibbë, accibbé, v.: saziarsi, satollarsi, rimpinzarsi, ingozzarsi di cibo in maniera spropositata
abbummatîure, (l'), s.f.: innesto (rigonfio della corteccia dopo l'innesto) / buzzèlle, (la), s.f.: innesto di pianta domestica in una selvatica
abbuná, v.: estinguere un debito
abbunazzá, v.: abbonacciare
abbunazzáte, agg.: di mare in bonaccia
abbunnanziáuse, agg.: abbondande
abbunusciálle, agg.: pasta non lievitata
abburdijé, burdijé, v.: bordeggiare
abburduná, v.: inizio del rigonfiamento di taluni frutti
abburlá, v.: burlare
abbuscà, abbusché, v.: guadagnare la giornata, ottenere qualcosa ma anche prendere botte, ricevere percosse
abbusché, abbuscà, v.: guadagnare la giornata, ottenere qualcosa ma anche prendere botte, ricevere percosse
abbussciné, v.: lavorare lentamente e con astuzia
abbuttá, v.: gonfiare, rimpinzare anche di scocciarsi / m'àjj' abbuttáte: mi sono scocciato; mi si 'bbuttáte, mi hai scocciato
abbuttatëcce, agg.: enfiaticcio, lo sbocciare delle gemme nelle piante
abbuttuná, v.: abbottonare
abbuvuratáure, s.m.: abbeveratoio, anche pelo bianco sulla bocca di alcuni vcavalli
abbuzzá, v.: dare a intendere, sgrossare
abbuzzáte, s.f.: sgrossatura, suggerimento cabalistico
abirëtte, (li), s.m. pl.: alberelli
acandará, v.: ammucchiare
acaréule, (l'), s.m.: agoraio, astuccio per conservare gli aghi
àcca, àcche (l'âcche), àcque, (l'), s.f.: acqua / tî li váive déntre a nu bbicchìre d'àcche: te lo bevi in un bicchiere d'acqua / sopr' a lu còtte l'àcca villènte: sopra il cotto l'acqua bollente / àcca curruènte: irrigazione / àcca vècce: acqua sporca dai frantoi / àcca vràtte, acque reflue
àcca a la pànze, s.f.: idropisia
àcca a la spàlle, s.f.: pleurite sierosa
àcca càlle, s.f.: acqua calda
àcca lícide, s.f.: siero che si forma nelle vesciche insieme a scottature
àcca sànde, s.f.: acqua santa
àcca štàgne, s.f.: acqua stagnante
àcca villëite, s.f.: acqua bollita
accafucchié, v.: spegnere le fiamme con parecchia legna, radunare in modo disordinato
accafullérese, v.: il radunarsi di più persone in uno spazio angusto
accaggiáune, s.f.: cagione, motivo
accaggiuná, v.: cagionare, formulare accuse
accalamitá, v.: attrarre con la calamita
accalamité, v.: attrarre per forza magnetica
accalàmme, s.f.: maneggevolezza del bastone
accalicá, v.: calcare, pigiare / fig. j'a 'ccalicáte lu quappèlle: per intendere, gli ha detto il fatto suo
accallá, v.: accaldare
accalummá, v.: lanciare oggetti dall'alto
accaluniè, v.: calunniare
accamullá, v.: mietere cima cima
accanàscë, v.: riconoscere, avere contezza delle proprie azioni
accànde, aèsse, avv.: vicino, accanto / davicëine, avv.: vicino, nei pressi / vicëine, rènde, agg.: vicino / rènde rènde, loc. avv.: strettamente vicino / rènde rènde, lònghe lònghe, loc. avv.: rasente rasente
accanduná, v.: mettere in un canto
accandussciá, v.: accostare
accàpe, avv.: a capo
accapicirrá, v.: acciuffare per i capelli, accapigliarsi
accapizzá, v.: cavezzare l'asino
accapputàrese, v.: imbacuccarsi
accapuzzá, accimé, v.: recidere le cime degli alberi
accaracinéte, agg.: avvizzito, di fico o di altra frutta
accarramàte, s.f.: soluzione di acqua ramata per le viti
accasá, v.: accasare, accasarsi, ammogliarsi
accasàle, acquasàle, (l'), s.f.: panbagnato con sale, origano e olio e anche aglio
accašcá, v.: convenire, mettersi d'accordo / cummené, v.: convenire; risultare vantaggioso / quatrá, v.: convenire; essere d'accordo; andare a genio; convincere
accasijáune, s.f.: molestia, fastidio /
faštèdie, (lu), s.m.: fastidio
accatarráte, afflussiunáte, agg.: raffreddato
accataštá, v.: accatastare, dire bugie
accattá, v.: comprare, acquistare;
‘na vôdde, s’accattäve...: una volta si comprava...
accavallá, v.: accavallare, scavalcare, mandar giù
àcce, (l'), s.f.: lino (filato) o anche canapa
/ àcciä, (l'), s.f.: lino (filo grezzo) o anche di canapa / lène, (lu), s.m.: lino
accehéume, loc.: Ecce homo
accëite, v., p.p. accëise: uccidere / ammazzá, v.: uccidere, ammazzare / accëitë, v.: uccidere, ind. pres. pers. sing. accëise, 3 per. pl. accid'n / mi sénd accëise: nel senso di sentirsi stanco / chi sci 'ccëise: imprecazione
àcche (l'âcche), àcca, àcque, (l'), s.f.: acqua / tî li váive déntre a nu bbicchìre d'àcche: te lo bevi in un bicchiere d'acqua / sopr' a lu còtte l'àcca villènte: sopra il cotto l'acqua bollente / àcca curruènte: irrigazione / àcca vècce: acqua sporca dai frantoi / àcca vràtte: acque reflue / àcch'arramäte: solfato di rame
àcche a bbàusce, (l'), s.f.: acqua (corrente) verso sud e moto ondoso
àcche a llevande, (l'), s.f.: acqua (corrente) verso levante
àcche a 'ssí, (l'), s.f.: acqua (corrente) verso nord
Àcche di Biáite: soprannome
àcche 'n bbunènde, (l'), s.f.: acqua (corrente) verso ponente
àcche 'n dramundàne, (l'), s.f.: moto d'acqua (corrente) a tramontana
acchelîuce, (l'), s.f.: fosforescenza marina
acchiappá, còjjë, v., p.p. còdde, pijjá, inganná, 'nganná, v.: acchiappare, cogliere, afferrare, prendere, prendere alla sprovvista / 'nganná lu sonne, v.: prendere il sonno
acchiappachéne, ciappacàne, (lu), s.m.: accalappiacani
acchiapparille, (l'), s.m.: pinzetta o molletta per tenere il bucato ad asciugare
acchíje, (l'), s.m.: mucchio di covoni posizionati nell'aia
acchìnde, (l', s.m.: avventore, cliente; conosciuto, boto
acchînge o accungí, agg.: acconcio, di giusta misura
acchîppe o acchiuppe, (l'), s.f.: gioco del nascondino, jucà a la 'cchîppe
acchiuppé, v.: nascondersi, fase di gioco (infantile) del nascondino
acchîuse, (l'), s.m.: dichiarazione di gioco nelle carte
àcciä, (l'), s.f.: lino (filo grezzo) o anche di canapa / àcce, (l'), s.f.: lino (filato) o anche canapa / lène, (lu), s.m.: lino
acciaccá, v.: acciaccare, pestare / ddàcciá, v.: tritare, pestare il lardo sul tagliere
acciaccapatirnùštre, (l'), s.m..: bacchettone, parlare tra i denti con malcelata irritazione
Acciaccapiducchie: soprannome
acciaccarèlle, agg.: frutti dal guscio fragile
acciaffá, v.: arraffare
acciappá, v.: serrare le vesti con fermagli
acciàre, cciàre, (l'), s.m.: acciaio
acciarëine, (l'), s.m.: pezzo di acciaio per affilare i coltelli
acciarëite, cciarëite, agg.: riferita a persona dall'aspetto emaciato
; pallido
acciátte, cciátte, (l'), (la), s.f.: accetta, scure
acciavattá, v.: abborracciare, operare in modo negligente, far le cose alla carlona
accibbë, accibbé, arcibbë, arcibbé,
abbumacá, v.: saziarsi, satollarsi, rimpinzarsi, ingozzarsi di cibo in maniera spropositata
accîcchete!: chinati!
accimé, accapuzzá, v.: recidere le cime degli alberi
accinijé, acinijé, v.: raccogliere acini o anche olive
accinná, v.: accennare, ammiccare
accinnarèlle, (l'), s.f.: occhiata maliziosa e birichina
accirignéte, agg.: prima bollitura dei legumi
accirtànze, (l'), s.f.: certezza
accittànne, (l'), s.f.: colpo di accetta
acciuffé, v.: imbronciare
acciufféte, ammusséte, agg.: risentito, imbronciato / grígne, agg.: imbronciato, cupo / achiuppète, agg.: di cielo imbronciato
acciummá, v.: colmare un recipiente
acciummá, ahubbé
, v.: aggobbire
acciummatîure, (l'), s.f.: colmatura
acciummatîure, attummatîure, (l'), s.f.: colmatura
acciuppucá, v.: azzoppare
acciuppucáte, agg.: azzoppato, pl. acciuppuchète
acciuqqué, v.: chinare il capo, il corpo, abbassare, piegare / accîcchete!: Chinati!
acclamá, v.: acclamare, gradire
acclèsse, (l'), s.m.: eclissi
accòdde, (l'), s.f.: invaso d'acqua utilizzato dai mulini
accòjjë, v., ariciáive, ariciáivë, v.: ricevere, accogliere
accòjjë, v., p.p. accòdde: accogliere
accòmete, (l'), s.f.: restauro edilizio
accórte, avv.: accorto
accräšcá, v.: accrescere
accridinzá, v.: vendere a credito, fare credenza
accrijanzàte,
adduquáte, agg.: educato
accrullatîure, (l'), s.f.: parte superiore della scarpa
accrullatîure, (l'), s.f.: parte superiore della scarpa / scarpe, (la), s.f., pl. li scarpe: scarpa / ciarabùtte, (li), pl.: scarpe / buccátte, (la), s.f.: parte della scarpa anche spioncino, borchia della serratura / calasciáune, (lu), s.m.: scarpa piuttosto larga per camminarci
accuccé, v.: accucciare
accucchié, arištrágne, v.: restringere, raccogliere, mettere insieme, accoppiare, accoccare, rimediare qualche cosa / aricapä, v.: raccogliere, venire a capo, separare i buoni dai cattivi / ariccòje, ariccòjjë, raccójjë, v.: raccogliere / aricapá, v.: selezionare, scegliere proprio dei legumi
accudá, v.: accodare, anche affilare
accujatá, v.: acquietare
accujjènze, (l'), s.f.: accoglienza, ospitalità
accumbagná, v.: accompagnare
accuminzà,
cumunzá, accumunzá, v.: cominciare
accuminzatîure, (l'), s.f.: inizio
accumunzá,
cumunzá, accuminzà, v.: cominciare
accumpagnamènde, (l'), s.m.: corteo, accompagno
accundá, ariccundá, arcundá,
raccundá, v.: raccontare, narrare
accundendá, v.: accontentare
accungí o acchînge, agg.: acconcio, di giusta misura
accunnuttáte, agg.: acque incanalate
accupáte, agg.: di ambiente con poca luce
accupé, v.: abbuiare
accuppá, v.: battere, accoppare / vàttë, v.: battere, picchiare
accurciá, v.: accorciare, rimboccare l'abito
accurnacchiá, v.: rincantucciarsi
accurtatáure, abbriviatáure, (l'), s.f.: scorciatoia
accurtunë, accurtuné, v.: accorciare, abbreviare /accurtunë li pásse: fig., nel significato di morire
accurzáte, agg.: bottega ben frequentata dai clienti
accušcë, accuscé, avv.: così, in questo modo
accuzzé, hazzicchérese, štràgne, v.: stringere, stringersi attorno a una persona, rannicchiarsi
àcene, (l'), s.m.: acino
Acero Sinello: soprannome
àcete, (l'), s.m.: acido
a chélle, di chélle, pr. pers. compl., m.f. pl.: gli, le, li
ache, (l'), s.m.: ago, (l'), non ha plurale
àchere,
cèreve, cièreve, agg.: acerbo / aritirágne, agg.: riferito al vino o alla frutta
achiciàlle, (l'), s.m.: ago per merletti, per ricami
achiuppète, agg.: di cielo imbronciato / grígne, agg.: imbronciato, cupo /acciufféte, agg.: risentito, imbronciato
aciná, v.: granire, fare l'acino
acinàlle, (l'), s.f.: acino di oliva, spesso piccolo, rimasto ai piedi dell'albero
acinijé, accinijé, v.: raccogliere acini o anche olive
acitîre, (l'), s.f.: oliera
acquafëine, acquarèlle, (l'), s.f.: pioggerella
ácquanébbie, (l'), s.f.: pioggia leggera frammista a nebbia
acquäre, acquàre, (l'), s.f.: rugiada
acquarèlle, acquafëine, (l'), s.f.: pioggerella
acquasàle, accasàle, (l'), s.f.: panbagnato con sale, origano e olio e anche aglio
acquasandìre, (l'), s.f.: acquasantiera
acquàte, (l'), s.f.: vinello
acquatìlle, (l'), s.f.: vino alquanto debole /
calarèlle, agg.: riferito a vino leggero
acquavècce, (l'), s.f.: morchia o spurgo del frantoio
acquazzáune, (l'), s.m.: acquazzone
àcque, àcca, àcche (l'âcche), (l'), s.f.: acqua / tî li váive déntre a nu bbicchìre d'àcche: te lo bevi in un bicchiere d'acqua / sopr' a lu còtte l'àcca villènte: sopra il cotto l'acqua bollente / àcca curruènte: irrigazione / àcca vècce: acqua sporca dai frantoi / àcca vràtte: acque reflue
adàdde, prep.: sopra, parte superiore di un'abitazione
adàge: adagio, avv.
adattàte: confacente, commisurato, agg.
addacquá, v.: innaffiare
addacquatîure, (l'), s.f.: annaffiatura
addafére, addaféure, fóre, féure, avv.: fuori, all'aperto
addaféure, addafére, fóre, féure, avv.: fuori, all'aperto
addacquä
, v.; part. pass. addacquäte: irrigare
addamedilé, (l'), s.m.: contusione, ematoma, livido
addànde, (l'), s.m.: pelle d'asino o di daino conciata
addaráune
, agg.: di persona dall'alta statura
addàre
, (l'), s.m.: altare
addarëine
, (l'), s.m.: altarino
addárese, v.: darsi alla macchia
addàte
, (l'), s.f.: etade, periodo
addáure
, (l'), s.m.: odore
addavàire, addibbéune, daváire, de bbòne, luvuàre, luvuáire, avv.: davvero, veramente / luvuàre, uàire, agg.: vero; uàre, (lu), s.m.: vero / è llu uàre: è vero
addàzze
, (l'), s.f.: altezza / addàzze mezza billàzze: altezza mezza bellezza
àdde, agg.: alto
Àdde àdde: soprannome
Àdde e Valende: soprannome
Addì addì: soprannome
addibbéune, addavàire, daváire, de bbòne, luvuàre, luvuáire, avv.: davvero, veramente / luvuàre, uàire, agg.: vero / uàre, (lu), s.m.: vero / è llu uàre: è vero
addibbitá, v.: addebitare
addibbulè, abbulë, v.: indebolire, stancare / abbulé, v.: avvilire, indebolire, infiacchire, spossare
addicriárese, addicrijé, aricrijé, v.: ricrearsi; godersela
addicrijé, addicriárese, aricrijé, v.: ricrearsi; godersela
addicriné, v.: contrarsi per il freddo o la fame, marcire / fracitá, v.: infracidire, infradiciare, marcire / ammarcé, v.: marcire
addijîune, loc. avv.: a digiuno
addiluquá, addulecá, v.: maritare, allocare, calmare
addinze, audìnze, (l'), s.f.: retta, ascolto
addirrassá, v: scostare, allontanare
addirrizzé, v.; abbijjé, v.; ajjutá, v.: aiutare, indirizzare, avviare /  abbijjé la váreche: aiutare qualcuno in una impresa
addirrupé, v.: dirupare, precipitare
addîucë, v.: portare, condurre /
mminá, v.: portare
addò, addónna, 'ddò, andònne, avv.: dove, spesso nel senso interrogativo / 'ddò vì?: dove vai? / dungh'addò, avv.: dovunque, ovunque
addó' ma', avv.: dove mai
addónna, addò, 'ddò, andònne, avv.: dove, spesso nel senso interrogativo / 'ddò vì?: dove vai? /
dungh'addò, avv.: dovunque, ovunque
addraddire, avv.: ieri l'altro
addre, eddre, agg.: altro
addubbá, v.: accettare denari o compensi per lasciarsi subornare
addubbiá, v.: ammaliare, affascinare
addùbbie, (l'), s.m.: oppio / uóppie, (lu), s.m.: oppio o acero campestre
adducchiá, v.: adocchiare
adducchijé, adducchiá, v.
: adocchiare
adduddá, v.: dare la dote, gratificare di dote
adduddáte, agg.: di donna ricca di doti
adduggé
, v.: addolcire
addulecá,
addiluquá, v.: maritare, allocare, calmare
Addulluràte, n.p.p.: Addolorata
addùmá, adumé, v.: domare
addummanná, v.: domandare
adduná, v.
: accorgersi
adduquáte, accrijanzàte, agg.: educato
addurá, v.: odorare / usumá, usumuá, v.: odorare, fiutare, cercare, annusare / canda usummànne: va curiosando
adduráuse, agg.: odoroso
addurmë, durmé,
v.: dormire
addusulè,
arricchiá, v.: origliare
adduvuná, nduvuná, azzeccà, azziccá, v.: azzeccare, indovinare, presagire, cogliere l'obiettivo  
adduvundá, dduvundá, v.: diventare
Ade, n.p.p.: Ada
Adelëine
, 'Delëine, n.p.p.: Adele, Adelina
adèss' adèsse, avv.: adagio adagio, con lentezza
Adolfe, n.p.p.: Adolfo
Adolinò
: soprannome
Adriane, n.p.p.: Adriano
adumé, addùmá, v.: domare
aduméte, agg.: domato
adusulá, v.: guardare, ascoltare di nascosto
aècche,
a écche, dîcchece, avv.: qua
aèlle,
a èlle, avv.: là
aèsse, accànde, avv.: vicino, accanto / rènde rènde, loc. avv.: strettamente vicino / rènde rènde, lònghe lònghe, loc. avv.: rasente rasente / davicëine, avv.: vicino, nei pressi / rènde, vicëine, agg.: vicino
affá, v.: confare / a cullù ni j affa la fatèjje: a quello lì non si addice la fatica, il lavoro, non ha voglia di lavorare
affahagná, v.: avvizzire dietro l'azione del vento caldo
affamijjérese
, v.: rendersi familiare
affará, v.: riferito al colore bronzeo che i panni prendono accostati al fuoco
affarárese, v.: abbronzarsi
affatá, v, ant., abbafá, v., ant.: produrre su altri una strana influenza, in modo da non renderlo più libero di sè, ammaliare, affatare
affèrte, (l'), s.f.: offerta di denaro, cibo, mancia
affëtte, (l'), (la), s.f.: affitto, pigione
afficatáte, callaréule,
agg.: caloroso
affidà, v.: affidare, ma anche nel senso di star bene, di farcela, sposare / 'z n'affëde: gliela fa
affilé, v.: mettersi in fila
affìsse, (l'), s.m.: pubblicazione matrimoniale
afflussiáune, frussiáune, (l'), (la), s.f.: raffreddore
afflussiunáte, accatarráte, agg.: raffreddato
affrancá, v.: scamparla, cavarsela
affrangá, abbindá, v.: avventarsi, scagliarsi contro qualcuno
affrundá, v.: incontrare
affrusciá, v.: gradire
affucá, accafucchié, v.: spegnere il fuoco, le fiamme con parecchia legna, radunare in modo disordinato
affunná, v.
: affondare
affurijé, v.: affrettare, affrettarsi
aggangáte, agg.: a denti stretti
aggàzze, (l'), s.m.: piovasco / matëzze, matézze, (la), s.f.: tempo minaccioso; piovasco di breve durata e con poca pioggia
aggë, v.: agire
aggiunucchiérese,
'ngiunucchiérese, aggiunucchiérese, v.: inginocchiarsi v.: inginocchiarsi
aggiuš, v.: aggiustare
aggraná, v.: spazzare leggermente il pavimento
aggrippé, v.: far prendere la grinza ai vestiti

aggrujatîure, (l'), s.f.: increspatura, piega
aggrujé, arrappá, v.: aggrinzire
aggrujéte, agg.: raggrinzito
Àghete, n.p.p.: Agata
ágne, ìgne, (l'), s.f.: unghia
àgnë, v., p.p. ànde: ungere
agnêlle
, agnèlle, 'gnélle, (la)/(l'), s.f., pl. li gnille: agnello
Agnêlle, (L'): soprannome
agnilëine, aquilëine, gnilëine, (l')/(la), s.f., pl. (li): gengiva
agoštinelle, (l'), s.f.: triglia del periodo agostiano, pesce marino
Agostiniello: soprannome
agrèste, îuve, ïve, îve, hîuve, ûve, (l'), (la), s.f.: uva / uva pàsse: uva seccata / uva fràhule: uva fragola / uva cémice: uva cimice
Aguštëine, Huštëine, n.p.p.: Agostino
ahàšte, s.m.: mese agosto.
Detti: jì so l'ahàšte e facce lu bbuttare, e ccanda ce ne sta de vicchie e nnuve tutte le vutte lunghe addò le trruve jì te l'aggiuste e jjì te le prepare pe ccanda allongh'allonghe, pe sse vegne se sende sune e ccande de vennegne: sono l'agosto e faccio il bottaio e, di vecchie e di nuove tutte, le botti che trovo io aggiusto e preparo, per quando in queste vigne s'udiranno suoni e canti di vendemmia / muése d'ahàšte a lu lette n'ge stà poste: nel mese di agosto in casa non c'è posto da dormire / in ahàšte pùvre e rrecche s'arecanàsce: in agosto poveri e ricchi si riconoscono / in ahàšte pùjj' e ttrìjj'arràste: in agosto, triglie arroste (è tempo delle triglie)
ahàzze, v.: alzare.
ahàzze lu passe: aumenta il passo
ahharbá, v.: dare garbo
ahíje, ahíjje, hahíjje, (l'), (la), s.f.: aguglia (varietà di pesce azzurro); hahíjje di 'ndèrre: varietà di aguglia costiera
ahíjje, ahíje, hahíjje, (l'), (la), s.f.: aguglia (varietà di pesce azzurro); hahíjje di 'ndèrre: varietà di aguglia costiera
ahijrie!: auguri! / ahùrie, (lu), s.m.: auguri
ahiscitáure, ascitáure, (l'), s.f.: luogo da dove si esce; varco delle barche
ahìšte, bbaštànde, bastànde, (lu), s.m.: sufficiente (il), giusto (il); l'occorrente / ni' mmagná naquàlle, magne lu bbastànde: non mangiare molto, solo il giusto
ahuànne, huànne, (l'), (lu), s.m.: l'anno corrente
ahùrie, (lu), s.m.: auguri / ahijrie!: auguri!
ahùšte, (l'), s.f.: briga
ahuàle, (a la), avv.: nell'espressione nim send' a l'ahuàle, non mi sento troppo bene oppure non sono in condizioni normali
ahuardá
, v.: custodire
ahuànne
, auhuànne, avv.: in quest'anno
ahuattá
, v.: acquattarsi
ahuattárese
, v.: nascondersi
ahuattáte, (l'), s.m.: luogo al riparo dalle intemperie o dal vento
ahubbatîure, (l'), s.f.: convessità
ahubbé, acciummá, v.: aggobbire
ahubbëite, agg.: convesso
ahu
, v., arignagnë, v.: unire, congiungere
aisubuird, (l'), s.f.; ujjssubbûrghe, (l'), s.m.; mindîcce, mindìcce, (la), s.f.: mentuccia, erba aromatica, menta spontanea selvatica, pianta erbacea con foglie ovate e seghettate molto adoperata in cucina
aitá, (l'), s.f.: età
aiutànde, (l'), s.m.f.: aiutante
ajîute, (lu), s.m., pl. l'ajîute, jurnatàre, pl. li jurnatire: bracciante a giornata, operaio giornaliero / quafáune o cafáune, pl. li cafihune, zappatèrre, pl. li zappatèrre: contadino, cafone, anche zotico / bèrre di sàbbie, (lu), s.m.: contadino / cambaréule, (lu), s.m.: contadino
ajire,
jïre, jîre, ijre, ajjíre, avv.: ieri
ajjacciá, v.: il riposarsi delle bestie
ajjanniláte, agg.: di individuo ben pasciuto
ajjíre, jïre, jîre, ijre, ajire, avv.: ieri
ajjòcchë, v.: avvolgere, comprimere / abbirretá, abbirrité, v.: avvolgere / 'ncatricchiá, v.: avvolgere, unire, arruffare
ajjummará, v.: aggomitolare, agglomerare
ajjutá, v.;
addirrizzé, v.; abbijjé, v.: aiutare, indirizzare, avviare / abbijjé' la váreche: aiutare qualcuno in una impresa
ajjutté, jutté,
gnutté, 'ngnutté, v.: inghiottire
ajjuzzá, v.: lordare di fango, mota
ajttéte!: sbrigati!
ajuzzá, allamá, v.:
lordare di fango, mota, infangare
alá, halá, alijé, v.: sbadigliare, alitare
albaréule, (l'), s.f.: richiamo per uccelli
Albène, n.p.p: Albina
Albène: soprannome
alberatîure, arbratîure, (l'), s.f.: alberatura
Albèrte, n.p.p: Alberto
albifîuce, (l'), s.m.: persona di alta statura
Albinelle: soprannome
Albirtene: soprannome
Alborone: soprannome
Alde
, n.p.p.: Aldo
aldrùje, pron.: altrui
àleche, (l'), s.f.: alga
alècre, agg.: brillo
Alëice
, n.p.p.: Alice
alëice
,
lëice, (l'), (la), s.f.: acciuga
aléuche
, avv.: là, in quel posto
Alfonzitto
: soprannome
Alfrède, n.p.p.: Alfredo
Aliàsse: soprannome
alimàne, (l'), s.m., pl. li aliméne: animale
Aligretta
: soprannome
alijé, alá, halá, v.: sbadigliare, alitare
allacciä, v., part. pass. allacciäte: legare
allagä, v., part. pass. allaghäte: allagare; allagare la terra per ammorbidirla facilitando così la zappatura
allamá, ajuzzá, v.:
lordare di fango, mota, infangare
allamäte,
allutáte, agg.: infangato
Allane, (La): soprannome
allanganë, v.: aggangare, avvertire sete
allangiá, v.: fare passi più rapidi e lunghi del normale
allappá, v.: orlare
allappanë, v.: allegare, riferito al sapore asprigno
allappijé
, v.: diradare
allardáte, agg.: di persona grassa
allascá, v.: allentare, diradare, spesso riferito alla dentatura
allásse, bullëite, (l'), (lu), s.m.: lesso, bollito
allattá, v.: allattare
alláure, andànne, avv.: una volta, un tempo; allora; l'anno scorso, l'altro anno / vòdde, vote: volta / li timbe de na vòdde: i tempi di una volta; li bille timbe de na vodde: i bei tempi di una volta
allavá, arravá, v.: lavare
allazzarijé, v.: masticare cibi immaturi o piccanti
allèb' allèbbe, lòcche lòcche, uatt a uatte, huàtta huátte, uàsce uàsce, loc. avv.: mogio mogio, piano piano, muoversi con circospezione
allecquá, alluqqué, v.: strillare
, gridare
allecramènde, avv.: allegramente
allemosinà, allemusinà, v.: elemosinare
allemosine, limosine, (l'), (la), s.f.: elemosina
allemusinà, allemosinà, v.: elemosinare
allènde, lòcche, agg.: lento, pigro, sciocco, di persona lenta e poco reattiva
allene, hallëine, (la), s.f., pl. li allene: gallina
allèrte
, agg.: ritto /
'mbujéte, agg.: fermo, impalato, ritto / mbuštáte, agg.: fermo; immobile come statua / fàrme, 'nchiuvéte, agg.: fermo; inchiodato
allèrte
, (l') s.m.: asse di legno per reggere parti di un'apparecchiatura
allettáte
, agg.: infermo
allibbé, v.: dare fondo ai propri averi, spendere in modo sconsiderato, alleggerire
allihä, v., part. pass. allihäte: nascere /
allihä:
nascita del frutto alla caduta del fiore
allilíjje, (l'), s.f.: alleluia
allimbìte, all'imbìte, imbìte, avv.: in piedi
all'imbìte,
allimbìte, imbìte, avv.: in piedi
alliré, v., part. pass. alliréte: soffocare, piantine ricoperte di terra e acqua e quindi soffocate (p. e. da un'eccessiva pioggia); provare stanchezza
allišciá,
alliscié, v.: lisciare, abbellire
alliscié, allišciá, v.: lisciare, abbellire
allisé, v.: sporcare di liso
allissá, v.: lessare
allitteráte, agg.: istruito, colto
alliziuná
, v.: ammaestrare, addestrare
allungá
, allunguá, v.: allungare
allunijéte
, agg.: persona dal cervello balzano
alluminaziáune
, (l'), s.f.: illuminazione
allummá
te
, agg.: impinguito
allunguá
,
allungá, v.: allungare
alluqqué
, allecquá, v.: strillare
, gridare
allusscé
, v.: vedere, far luce, scorgere, discernere / póche ci allîssce: poco ci vede
allutáte,
allamäte, agg.: infangato
alluttá, v.: lottare corpo a corpo, gettare a terra l'avversario
alluvuá, v.: allevare
àlma mé, loc.: balordo
almanàgge (a l'), loc. avv.: in modo animalesco, in maniera sconnessa
alme, àlme, (l'), s.m.: olmo
álme, (l'), s.f.: anima / L'Álme di li murte: la festa dei defunti
Álme d'eure
: soprannome
alnùcce
, (l'), s.m., chiîppe, (lu), s.m.: pioppo
alocabballe
, a èlla bbàlle,
avv.: laggiù
alocammanne
, a èlla mmànne, avv.: lassù
alochengë
ime, avv.: lì in cima, li sopra
alquànde
, avv.: alquanto, così, così
alumène, avv.; a lu mànghe, avv.: almeno 
alupue
, hálepe, (l'), (la), s.f., pl. hilupue, hilpe: volpe / fig. é fricàte la hálepe: è fatta, non c'è più niente da fare
amàbbele
, agg.: di persona socievole
Amalie
, n.p.p.: Amalia
ambànde
, (l'), s.m.: sembiante, somiglianza
amáure
, (l'), s.m.: amore
ambará, v., 'mbará, v.: imparare / l'arte de táte è mezze 'mmbaráte: l'arte di mio padre è mezzo imparato
ámbe, (l'), s.m.: ambo al gioco del lotto; ambata
Ambisce, (L'): soprannome
Amblìngh, n.p.: Amministratore di Cesare Michelangelo D'Avalos a cui è intitolata la Loggia che da piazza Marconi conduce al palazzo marchesale
amëice
, amëiche, amicëizije, (l'), s.m.: amico
amëiche, amëice, amicëizije, (l'), s.m.: amico
amicëizije, amëiche, amëice, (l'), s.m.: amico
amicëzie, (l'), s.f.: amicizia
ammäcce, (l'), s.m.: incastro tra due legni
ammacciuccá, ammacciuqquá, v.: schiacciare, formare una massa, ammassare e pressare nello stesso tempo, comprimere una cosa morbida
ammacciuccáte, ammacciuqquáte, agg.: schiacciato / ha 'mmacciuccáte la nàive pe' ffá 'nu pupuattàune: ha sciacciato la neve per far un pupazzo
ammacciuqquá, ammacciuccá, v.: schiacciare, formare una massa, ammassare e pressare nello stesso tempo, comprimere una cosa morbida
ammacciuqquáte, ammacciuccáte, agg.: schiacciato / ha 'mmacciuccáte la nàive pe' ffà 'nu pupuattàune: ha sciacciato la neve per far un pupazzo
ammadëice, v.: maledire
ammahagná, v.: rendere corrotto o guasto / ammahagná, mahagnáte, agg.: guasto, bacato in genere con riferimento alla frutta / hüašte, agg.: guasto
ammahagnëte, ammahagnéte, agg.: difettoso, magagnato
ammajjá, v.: mangiucchiare con fatica
ammalá, v.: ammalare
ammalandrinérese, v.: divenire malandrino
ammalangunérese, v.: immalinconire
ammandà, v.: coprire con una tovaglia, una coperta, etc.
ammànde, avv.: verso su, su per
ammangá, ammanghà, v.: mancare / mangá, v.: mancare; venir meno
ammànghà, ammangá, v.: mancare / mangá, v.: mancare; venir meno
ammangaziáune, (l'), s.f.: svenimento, deliquio / mangazziáune, (la), s.f.: svenimento; mancamento
ammangatîure, (l'), s.f.: tecnica di cucito per rendere stretto / 'ndrillànde, (la), s.f.: tecnica di cucito
ammannäte, ammannáte, agg.: frutti non buoni, non sviluppati, frutta bacata
ammannë, v.: proprio del lavorante che assiste il maestro; lo scarto nel gioco delle carte
Ammano: soprannome
ammanzinë
, v.: rendere manso, quieto
ammappilijé
, v.: ammorbidire; mangiare in modo vorace
ammarcé
, v.: marcire /  fracitá, v.: infracidire, infradiciare, marcire / addicriné, v.: contrarsi per il freddo o la fame, marcire
ammarcëite
, agg.: marcio / frácete, agg. / (lu), s.m., pl. li frècete: marcio, fradicio
ammarcërese
, v.: suppurare
ammarciá
, v.: marciare
ammarijjé, v.: rendere amaro
ammarrummá
, v.: infiacchirsi; divenire inabile ala lavoro
ammartináte
, agg.: di chi veste con eleganza frivola e disinvolta
ammarruná
, v.: compiere una costroneria, un delitto
ammarullé
, v.: masticare a fatica
ammascicá
, ammasciché, v.: masticare, anche nel senso di gualcire, aggrinzire riferito ad abiti, stoffe / tè li cazzîne tutt' ammascichéte: ha i pantaloni gualciti
ammascicáte
, ammascichéte, agg.: masticato, gualcito
ammasciché
, ammascicá, v.: masticare, anche nel senso di gualcire, aggrinzire riferito ad abiti, stoffe / tè li cazzîne tutt' ammascichéte: ha i pantaloni gualciti
ammascichéte, ammascicáte, agg.: masticato, gualcito
ammassá, v.: accumulare; impastare, ammassare, mescolare
ammaštä
, ammaštá, 'mbaštá, v.: mettere il basto, preparare l'asino prima di caricare la soma
ammátte, v.: ammettere;  vendere / vànnë, v., p.p. vinnîute, vénne, v.: vendere
ammáttë
, v.: succedere; accadere
ammazzá
, accëite, v.: uccidere, ammazzare /
accëite, v., p.p. accëise: uccidere / accëitë, v.: uccidere, ind. pres. pers. sing. accëise, 3 per. pl. accid'n / mi sénd accëise: nel senso di sentirsi stanco / chi sci 'ccëise: imprecazione
ammázze
, (l'), s.f.: abitudine
ammazzillá
, v.: scuotere; spaccare i sassi con la mazzuola
ammazzuqquëite
, agg.: sfinito, stanco
amme, hàmme, còsse, (la), s.f., pl. li còsse, li emme: gamba, coscia, anche piedi del telaio; manici della tenaglia
ammédie
, ammëdie, 'mmédie,
(l'), (la), s.f.: invidia
ammèite
, avv.: a vita / a 'm mìte, loc. avv.: a vita
ammènde
, avv.: tenere a mente
ammènne, (l'), s.m.: amen
ammeté
, ammité, v.: invitare; accogliere
ammiccé
, v.: congiungere due pezzi di legno
ammicciatîure
, (l'), s.f.: commettitura di legni
ammichëite, agg.: agli e cipolle bacati
ammijjé, v.: abbrivare; mettere in movimento

amminá, v.: colpire; cadere; anche offrire e proporre
ammindá
, 'mmendá,
v.: inventare
ammišcá, v.: mescolare / ammišticá, v.: mischiare, in genere riferito alle carte da gioco /
arimmišcá
, v., armišcá, v.: mischiare di nuovo
ammišticá, v.: mischiare, in genere riferito alle carte da gioco / ammišcá, v.: mescolare / arimmišcá, v., armišcá, v.: mischiare di nuovo
ammi
šticànde, agg.: misto di insalata
ammi
šticàvele, agg.: socievole, alla mano
ammitá, v.: abbicare; radunare covoni
ammité, ammeté, v.: invitare; accogliere
ammizijé, v.: addestrare alla malizia
ammizzá, v.: avvezzare
ammò, òre, mò mò, , avv./loc. avv.: adesso, ora, mò, in questo istante, in questo momento, adesso adesso / ammò fa' l'anne: ora è un anno 
ammuccá
, v.: versare un liquido, inchinare; restare al verde

ammuccé
, v.: segno di rassegnazione, sottomissione; restare zitto, ammutolire
ammucurëite, agg.: grano ammuffito per l'umidità
ammuffé, v.: ammuffire
ammuinérese, v.: affaccendarsi; darsi da fare
ammuinéte, agg.: affaccendato
ammujccá, ajjòcchë, v.: avvolgere, specie il caglio o la neve
ammujéine, (l'), s.f.: confusione
ammullá, v.: ammollare, ammorbidire, anche nel senso di cedere o di consegnare / ammullá la varve: ammorbidire la barba con la schiuma / sîbbet ammolle: edere subito / mo je
l'ammòlle
: adesso glielo/la do, un cazzotto o una pedata
ammulláte, agg.: ammollato, ammorbidito
ammupulëite
, agg.: sfinito, mogio
ammupuléte, agg.: stordito, incapace di reagire / 'mbambalèïte, agg.: stordito; confuso / cunfîse, agg./(lu), s.m.: confuso / 'mburniscéite, agg.: confuso, imbarazzato
ammurgiáte
, agg.: altero; pieno di sussiego
ammurré, v.: chinare il capo palesando dispetto, broncio
ammurtilizzáte
, agg.: cosa non bene utilizzato; bene infruttifero
ammusciulé
, v.: ammosciare; rendere vizzo
ammusciulëite
, agg.: vizzo; appassito
ammussé
, v.: tenere il broncio
ammusséte
, acciufféte,
agg.: imbronciato, risentito
ammuštáte
,
agg.: barile preparato col mosto per ricevere poi il vino
ammušturé
, 'mbušturé, v.: adulterare il vino
Amorose
: soprannome
andànne, alláure, avv.: una volta, un tempo; allora; l'anno scorso, l'altro anno / vòdde, vote: volta / li timbe de na vòdde: i tempi di una volta / li bille timbe de na vodde: i bei tempi di una volta
andànne, mofalànne, avv.: un anno fa, l'anno passato o scorso, una volta, allora
Andinire
: soprannome
ànde, ònde, (l'), agg. e s.m.: unto / pane ánde e pammadéure: pane unto e pomodoro
ànde
, (l'), s.f.; cavalláune, (lu), s.m.: onda
andicàjje, (a l'), loc. avv.: all'antica
andicàmbre, (l'), s.f.: anticamera
andinìre, (l'), s.m.: capocarovana dei mietitori o degli zappatori, in posizione avanzata rispetto ai compagni
andipòrte, (l'), s.f.: porta immediatamente dopo l'uscio dell'abitazione
andište, agg.: svelto, reattivo, d'ingegno pronto
/ lèste, agg.: lesto, svelto
Andò, Andonie, Andunie,
'Ndò, 'Ndònie, n.p.p.: Antonio; dim. Ndunijcce, Ndunïucce, Ndunuine, Tuné, Tunëine
Andonie
,
Andunie, Andò, 'Ndò, 'Ndònie, n.p.p.: Antonio; dim. Ndunijcce, Ndunïucce, Ndunuine, Tuné, Tunëine
andònne
, addónna, addò, 'ddò, avv.: dove, spesso nel senso interrogativo / 'ddò vì?: dove vai? / dungh'addò, avv.: dovunque, ovunque
Andrà
, André, n.p.p.: Andrea, dim. 'Ndrijcce, 'Ndrijucce
André
, Andrà, n.p.p.: Andrea, dim. 'Ndrijcce, 'Ndrijucce
Andunie,
Andò, Andonie, 'Ndò, 'Ndònie, n.p.p.: Antonio; dim. Ndunijcce, Ndunïucce, Ndunuine, Tuné, Tunëine
andùrne a écche, avv.: qui intorno

angále
, (l'), s.f.; gànghe, (la), s.f.: mascella, molare / masciàlle, (la), s.f.: mascella
angátte, (l'), s.f.: bietta, cuneo di legno
Angela, n.p.p.: Angela
Angelàlle, Angiulé, Angilì, Angilicce, Angilucce, Angiulëine, Angiuluine, n.p.p., dim. di Angele: dim. di Angela
Angele, n.p.p.: Angelo; dim. Angilì, Angilicce, Angilucce, Angiulé, Angiulëine, Angelàlle, Angiuluine
ánghe, hànghe, (la), s.f., pl. li ánghe: ganascia, mandibola, mento
angilàlle, (l'), s.f.: minuscola lucertola / lucèrte, ruscérte, rucèrte, (la), s.f.: lucertola
Angilàlle: soprannome
Angilàlle: dim. di Angela
Angilì, Angilicce, Angilucce, Angiulé, Angiulëine, Angelàlle, Angiuluine, n.p.p.: dim. di Angelo
Angilicce
, Angilì, Angilucce, Angiulé, Angiulëine, Angelàlle, Angiuluine, n.p.p., dim. di Angele: dim. di Angelo
Angilicce: soprannome
Angilicocce: soprannome
angilittëine, (l'), s.f.: cappone, varietà di pesce
Angilotte: soprannome
Angilucce, Angilì, Angilicce, Angiulé, Angiuleine, Angiuluine: n.p.p., dim. di Angele: dim. di Angelo
angìne, ungëine, (l'), s.m.; hànge, (lu), s.m.: gancio, uncino
angitáure, (l'), s.f.: corda che tiene fermo l'ordito della tessitura
Angiulé, Angilì, Angilicce, Angilucce, Angiulëine, Angelàlle, Angiuluine, n.p.p., dim. di Angele: dim. di Angela
Angiulëine, Angilì, Angilicce, Angilucce, Angiulé, Angiuluine, Angelàlle, n.p.p., dim. di Angele: dim. di Angela
Angiuluine, Angilì, Angilicce, Angilucce, Angiulé, Angiuleine: n.p.p., dim. di Angele: dim. di Angela
anguèlle: (l'), s.f. anguilla
angunàje, (l'), s.f.: inguine
angustijà, v.: angustiare
angustijète: agg. angustiato
annabbisé, v.: inabissare
annàcchie, jengarélle, incarèlle, (l'), (la), s.f.: giovenca giovane di un anno; jenca, jenga, (la), s.f.: giovenca
annacquanëite, agg.: annacquato, specie delle uova
annacquáte, agg.: annacquato
Annarelle, Anné, Annene, Annina, Annitelle, Annëine, 'Ninátte, n.p.p., dim. di Anne: dim. di Anna
annasá,
usumuá, usumá, v.: annusare, cercare, fiutare, odorare / canda va usummànne: va curiosando
annascànne, v.: nascondere
annaspá, v.: rigirare, avvoltolare
ànne, (l'), s.m.: anno
Anne, n.p.p.: Anna; dim. Annarelle, Anné, Annene, Annina, Annitelle, Annëine, 'Ninátte
Anné, Annene, Annina, Annitelle, Annëine, 'Ninátte, n.p.p., dim. di Anne: dim. di Anna
annécche!: vieni qui!
annehá, 'nnehazzë, 'nnihà, v.: annegare
annènde
, annènze, avánde, prëime, pre./avv.: avanti, innanzi, davanti, prima / annend' e rréte: davanti e dietro
Annëine, Annitelle, Annina, Annene, Annarelle, Anné, 'Ninátte, n.p.p., dim. di Anne: dim. di Anna
Annene, Annarelle, Anné, Annina, Annitelle, Annëine, 'Ninátte, n.p.p., dim. di Anne: dim. di Anna
annènze, annènde, avánde, prëime, pre./avv.: avanti, innanzi, davati, prima / annend' e rréte: davanti e dietro
anneréte, agg.: di individuo reso nero dalle percosse o dal sole
a nnî, ci, di , pr. pers. compl., m.f., pl.: ci, ce
annicchiá, v.: nitrire; verso disdicevole da parte di un uomo nel vedere una bella donna
annichiléte, agg.: vinto, disfatto
annillá, v.: inanellare
Annina, Annene, Annarelle, Anné, Annitelle, Annëine, 'Ninátte, n.p.p., dim. di Anne: dim. di Anna
anništá, v.: innestare; vaccinare / arništá, v. vaccinare nuovamente
Annitelle, Annina, Annene, Annarelle, Anné, Annëine, 'Ninátte, n.p.p., dim. di Anne: dim. Anna
annîtte
, (l'), s.f.: accordo
annittë, v.: essere d'accordo
annivá, v.: conservare il cibo sotto la neve
anniváte, agg.: innevato di acqua o di vino
annubbulé, v.: annobilire, nobilitare
annuccá, v.: colpire la nuca con forza
annulë, v.: l'intorpidire degli arti
annummuné, v.: nominare
annummunéte, (l'), s.f.: nomea; dubbia reputazione / malannummunéte, (la), s.f.: pessima fama, cattiva nomea
annuqquá, v.: uccidere colpendo la fronte, alla stregua dei buoi nel mattatoio
annùrche, agg.: qualità di mela
annurduná, v.: approntare; porre ordine
annussá, v.: far le ossa; divenire robusto
annuttá, v.: pernottare
anticàjje, agg.: anticaglia
ánze
, (l'), s.f.: oncia
Anzelme
, n.p.p.: Anselmo
Anzimarre
: soprannome
ápe, làpe, vèšpa, (la), s.f.: ape, vespa
Apocalisse, (L'): soprannome
appacaziáune, (l'), s.f.: afonia
appaciá, v.: appacificare
appáise, agg.: appeso
appajjá, v.: provvedere di paglia gli animali
appajjámènde, (l'), s.f.: lo strame di paglia nelle stalle
appanná, 'mbanná,
v.: appannare
appannatáure, (l'), s.f.: ordito legato a un panno di lino per l'inizio della tessitura
appará, v.: presentare; porre un recipiente sotto un getto d'acqua (riempire); anche nascondere
apparácchie, (l'), s.m.: aereo
apparahuná, v.: rifare il filo del rasoio
apparicchiá, v.: apparecchiare
apparijjé, v.: pareggiare
apparindá, v.: imparentare; pareggiare un terreno; pareggiare i bordi di una stoffa
apparulá, v.: promettttere verbalmente, scambiare una promessa
appastëcce, agg.: di cosa posticcia
appaštecce, (a l'), loc.: cosa preparata in modo provvisorio
appattá, v.: impattare
appé, avv.: alla pari
appëcceche, (l'), s.f.: lite, baruffa
/ assciárre, (l'), s.f., sciárre, (la), s.f.: lite, rissa / quistiáune, (la), s.f.: lite, contenzioso
appennà, appènnë, 'mbènne, 'mbènnë, imbénne, impinnà, v.: appendere, impiccare / te pòzzene l'òme 'mbènne, chi scì 'mbése: ti possano impiccare
appènnë, appennà,'mbènne, 'mbènnë, imbénne, impinnà, v.: appendere, impiccare / te pòzzene l'òme 'mbènne, chi scì 'mbése: ti possano impiccare
appèrdese, v.: scoraggiarsi
appianá, v.: spianare / assucciá, assucciä, v.: livellare il terreno; spianare
appiattá, v.: rendere piatto
appiccé, appicciá, v.: appicciare, appiccare fuoco, accendere, illuminare
appicciá, appiccé, v.: appicciare, appiccare fuoco, accendere, illuminare
Appicciafoco: soprannome
appiccicáuse, agg.: appiccicoso; colloso
appicciché, v.: appiccicare; venire a diverbio
appicicatèlle, (l'), s.f.: litigio di poco conto
appicicatìlle, agg.: di persona incline alla lite
appidá, v.: serrare i piedi con un laccio
appidicá, v.: toccare coi piedi il fondo del mare o altro invaso d'acqua
appilá, v.: la prima crescita dell'erba
appinnicá, v.: appisolarsi
appinicáte, (l'), s.f.; sbambatèlle, (la), s.f.: pisolino.
appistàrze, v.: appostarsi per la pesca
appìte, avv. prep.: ai piedi
appittáte, (l'), s.f.: salita piuttosto erta e faticosa
appiummá, v.: rinforzare o rinserrare meglio il catenaccio dell'uscio
appizzuté, v.: aguzzare; appuntire
applacá, v.: placare
appòšte, avv.: apposta
appòšte, cong.: perciò; per questo motivo
apprëime, avv.: poco fa; poco prima; prima
apprènne, v.: sentirsi fastidiato
apprèsse, prep.: appresso; vicino
apprézze, (l') s.m.: stima di un valore; catasto
apprisá, v.: afferrare
apprisummá, v.: appressare; avvicinare
apprittáte, agg.: stretto, serrato, con riferimento alla calzatura
apprizzá, v.: valutare un bene, una merce, un comportamento
apprufittijé, v.: avere ragione in ogni modo, anche con la forza
apprumátte, v.: eseguire con diligenza un compito, in genere i lavori di sartoria
apprumáttë, v.: rincalzare il lenzuolo o la coperta sotto il materazzo
appujjé
, v.: appoggiare
appurá
, appuré, v.: appurare; conoscere; risapere, far chiarezza / e chi c'appîure!
appuré
, appurá, v.: appurare; conoscere; risapere, far chiarezza / e chi c'appîure!
appurtá, v.; cimindá, v.: provocare; molestare; incitare alla rissa; disturbare; infastidire
appùrte
, (l'), s.m.: disporre di discernimento
appusá
, v.: calmare
appusitivamènde
, avv.: appositamente
apputá
, puté, putá,
v., ind. pres. pùzze: potere
aprèss
amprèss, loc. avv.;
a calle a ccalle, loc. avv.; vullènne vullènne, loc. avv.: in maniera sollecita; alla svelta
apuštòleche
, agg.: apostolico
aquilëine
, agnilëine, gnilëine, (l')/(la), s.f., pl. (li): gengiva
ará
, v.: arare
arátre (l'), s.m.; pirticàre, pertecàre, (la), s.f., pl. li pirtichère: aratro
árbe, (l'), s.m.; péte, (lu), s.m., pl. li pîte: albero anche piede / nu péte di purtuhálle: un albero di arance
árbere de mezzane, (l'), s.m.: albero di mezzana
arbiciné, v.: riavvicinare, accorciare le distanze / pi chèlla véjje s'arbicëine: per quella via si accorcia
arbijjé, v.: licenziare; mandare via
arbilá, v.: coprire; seppellire
arbindá, v.: tornare ad avventarsi
arbratîure, alberatîure, (l'), s.f.: alberatura
àrbre, (l'), s.m.: albero della nave
arbuccá, v.: ricolmare; rabboccare
arbuccáte, agg.: relativo al sapore del vino; abboccato
arbuccatîure, (l'), s.f.: rabboccatura
arbummá, v.: rigonfiatura della corteccia
arbunazzá, v.: rabbonire
arbuvé, v.: tornare a vivere; risorgere
arca di scènze, (l'), s.f.: persona molto colta
arcacá, v.: defecare di nuovo / tornare ossessivamente su uno stesso argomento / di persona ciarliera che non sa mantenere un segreto
arcagná, v.: mettersi in ghingheri; indossare abiti nuovi / arlisscé, v.: mettersi in ghingheri
arcangele, (l'), s.m.: arcangelo
arcapanná
, v.: riferito ai rami troppo carichi di frutta
arcapizzá
, v.: raccapezzare; recuperare aritrajjá, v.: recuperare
arcavècce
, (l'), s.f.: acqua di scarto dell'olio
árche, (l'), s.m.: arco
archéuve
, (l'), s.f.: alcova
archevárgene, archevéche, arcuèrie, (l'), s.m: arcobaleno
archevéche, archevárgene, arcuèrie, (l'), s.m: arcobaleno
archiaráte, agg.: limpido, di tempo o di bevanda
archjiciàlle, (l'), s.m.: ago uncinato per reti da pesca
arcibbë
, arcibbé, accibbë, accibbé, abbumacá, v.: saziarsi, satollarsi, rimpinzarsi, ingozzarsi di cibo in maniera spropositata
arcicilijàrse
, v.: amare conversare; rimpannucciarsi
arcicilijé
, aricicilijé, v.: rimettersi a nuovo, imbellettarsi
arcicilijéte
, aricicilijéte, agg.: rimesso a nuovo, imbellettato / arinfarinéte: rimesso a nuovo; arricchito
arcilijáne
, arcilijáune, (l'), s.m.: polipo, piovra, divoratore di crostacei sotto costa, pesce marino
arcilijáune
, arcilijáne, (l'), s.m.: polipo (grosso), piovra, divoratore di crostacei sotto costa, pesce marino
arcimbámbele
, (l'), s.m.: millantatore; fanfarone
arciprèdde
, (l'), s.m.: arciprete
arcitèlle, (l'), s.f.: barbatella
arcittá, v.: dare ricetto, ospitalità
arcuèrie, archevéche, archevárgene, (l'), s.m: arcobaleno
arcujatá, v.: tornare ad acquietare
arculá, v.: ricolare; tentare di rifarsi fisicamente
arculujáte, (l'), s.f.: spinarolo imperiale, varietà di pesce
arcummanná, raccummuanná, v.: raccomandare
arcummannaziáune, (l'), s.f.: raccomandazione
arcundá, ariccundá, accundá, raccundá, v.: raccontare, narrare
arcurdá, v.: ricordare
ardàgne, (l'), s.f.: arredamento di legno; utensili di casa; corredo
ardëiche, (l'), s.f.: ortica
árdene, (l'), s.m.: ordine; filare di viti
Ardete, (L'): soprannome
áre, (l'), s.f.: aia
arehimbië, arimbié, 'mbié, v.: riempire
arejjé, v.: andare di nuovo
arendufàrse, 'ndruférese, v.: rigonfiare, rinvenire della pasta o dei legumi
arepeccáte, agg.: ritoccato, restaurato, truccato con rif. ad una donna: 'na fémmen 'arepeccàte
aretenérese, v.: compiacersi
arfilé, v.: rimettersi in fila; correggere
arflittá, v.: tornare a riflettere in modo avveduto
árghene, (l'), s.m.; voddavèjje, (lu), s.m.: argano
argindàgne, agg.: di suono argentino
argindëine, (l'), s.f.: argentina, varietà di pesce
argniléte, agg.: infreddolito
aria fišche, (l'), s.f.: foschia / calàine, (la), s.f.: nebbia, caligine, foschia / calëjje, (la), s.f.: nebbia
aribbátte, v.: ribattere; ribadire
aricacciá, v.: ricacciare; riconsegnare; dare nomignoli
aricalá, v.: ricalare
aricapä, v.: raccogliere, venire a capo, separare i buoni dai cattivi / aricapá, v.: selezionare, scegliere proprio dei legumi / arištrágne, accucchié, v.: restringere, raccogliere, mettere insieme, accoppiare, accoccare, rimediare qualche cosa / ariccòje, ariccòjjë, raccójjë, v.: raccogliere
aricapá, v.: selezionare, scegliere proprio dei legumi / aricapä, v.: raccogliere, venire a capo, separare i buoni dai cattivi /arištrágne, accucchié, v.: restringere, raccogliere, mettere insieme, accoppiare, accoccare, rimediare qualche cosa / ariccòje, ariccòjjë, raccójjë, v.: raccogliere
aricazzá, v.: rincalzare; rinforzare arnesi da lavoro
ariccattá, v.: ricomprare; ricattare
aricchiappá, v.: ripigliare; ricominciare un lavoro, un argomento
aricchiará, v.: mantenere un contegno trasparente; rischiarare / arišcará, v.: rischiarare; dare lustro a utensili o a superfici vetrate
ariccòje, ariccòjjë, raccójjë, v.: raccogliere / arištrágne, accucchié, v.: restringere, raccogliere, mettere insieme, accoppiare, accoccare, rimediare qualche cosa /aricapä, v.: raccogliere, venire a capo, separare i buoni dai cattivi / aricapá, v.: selezionare, scegliere proprio dei legumi
ariccòjjë, ariccòje, raccójjë, v.: raccogliere / arištrágne, accucchié, v.: restringere, raccogliere, mettere insieme, accoppiare, accoccare, rimediare qualche cosa /aricapä, v.: raccogliere, venire a capo, separare i buoni dai cattivi / aricapá, v.: selezionare, scegliere proprio dei legumi
ariccucculé, v.: riferito al richiamo della chiocciola
ariccundá, accundá, arcundá, raccundá, v.: raccontare, narrare
arichiamá, v.: richiamare
arichiandillá, v.: cambiare la suola alla scarpa
ariciáive, ariciáivë, v. / accòjjë, v.: ricevere, accogliere
aricircá, v.: chiedere di nuovo
aricrijé,
addicrijé, addicriárese, v.: ricrearsi; godersela
aricuvuré, v.: ripararsi; rimettersi in sesto
aridá, v.: ridare, restituire
arifà, v.: rifare. Si usa anche nel senso di coltivare i campi, avere una rivincita nel gioco, restituire un debito
arifánne, pèrde, v.: rifondere denaro, perdere, rimettere denaro, rimetterci
arifátte, agg.: rifatto, ricomposto, raffermo nel caso del pane
ariffaldá, v.: picchiare; percuotere
arifiatà, v.: rifiatare
arifilé, v.: raffilare; rimettere in ordine una persona indisciplinata / arištarnë, v.: raffilare, ritemprare strumenti da lavoro
arifiléte, agg.: affilato, raffilato
arifille, agg.: stare col sedere in evidenza
arifirmà, v.: porre di nuovo la firma
arifissié, v.: compiacersi nuovamente
arifricá, v.: sfottere, gabbare, canzonare, coglionare / aripassá, v.: sbeffeggiare con noncuranza; ripassare  / arrénne l'abbàie, cuffujé, pazzìjà, v.: sbeffeggiare, prendere in giro, sfottere, imitare / gabbá, v.: gabbare, schernire / ariscarnë, v.: schernire
arifriddá, v.: raffreddare
arifriscá, arimbriscá, v.: rinfrescare; bastonare
arifrullé, v., arvundá, v.: traboccare / la pignéte arvánde: la pignata trabocca
arignagnë, v., ahuné, v.: unire, congiungere
arignutté, v.: inghiottire di nuovo
arigrattilijé, arivrattillijjé, v.: litigare di continuo per futili motivi
arihalá, v.: regalare
arijë, v.: tornare in se o di chi ha il cervello in subbuglio
arijittá, rijttà, v.: rigettare, vomitare, scaricare
arilluvàte, agg.: ben nutrito, bene in carne
arilucé, v., arlucé, v.: rilucere
arimagná, v.: tornare a mangiare; venir meno ad un impegno; rimangiarsi una promessa
arimaná, v., armaná, v.: restare
arimanijjé, v., armanié, v.: rimaneggiare; rimestare; rifare; tornare sulle proprie decisioni 
arimascigné, v.: perquisire; palpare
arimásse, (l'), s.f.: stoffa ribattuta del vestito; risvolto
arimàtte, v.: chiamarsi, darsi un cognome / gna t'arimétte?: qual è il tuo cognome? / t'arimétte?: come ti chiami? Qual è il tuo cognome?
arimàtte, v.: rimettere / arimàtte a lu pušte: rimettilo al suo posto
arimáttë, v.: mettere di nuovo / artiná, v.: mettere di nuovo un oggetto in piedi
arimbánne, v.: bagnare di nuovo
arimbànnese, v.: andare il cibo di traverso
arimbasciá, v.: riavvolgere la fasciatura ai lattanti
arimbaštá, v.: impastare di nuovo, rimpastare
arimbié, arehimbië, 'mbié, v.: riempire
arimbònne, v.: andar di traverso
arimbrangá, v.: ricompensare, indennizzare
arimbriscá, arifriscá, v.: rinfrescare; bastonare
arimbrungiá, v.: rampognare, rimproverare
arimbuzzá, v.: vestirsi di tutto punto; mettersi in mostra
ariminë, ariminé, arivé, ariváttene, v.: tornare indietro, tornare di nuovo; menë, minë, miné, v., indic. pres. vinghe, p.p. menîùte: venire

arimmiggiá, mullá, v.: ormeggiare
arimmišcá, v., armišcá, v.: mischiare di nuovo / ammišcá, v.: mescolare / ammišticá, v.: mischiare, in genere riferito alle carte da gioco
arimunná, v.: spazzare di nuovo
arinasciatècce, agg.: di erba spontanea e di rapida crescita
arindènnë, v.: intendere, capire, comprendere, essere esperto di, avere contezza; es. se n'arindènnë, se ne intende
arindessë, v.: rammendare / aritracciá, v.: rammendare in maniera approssimativa
arindrá; aritrascë, v.: rientrare
arindrufé, v.: di cibi, specie legumi che rigonfiano o ricrescono
arindrufué, v.: immettere acqua per espugnare il terreno
arindruvutá, v.: imbrogliare; intorbidare / buzzarrá, v.; nganné, v.: ingannare, imbrogliare / gnucchélé, v.: ingannare; raggirare
 
arinducculá, v.: porre a filo la macina del mulino per una migliore resa
arindummulá, v.: rintronare
arinfarinéte, agg.: rimesso a nuovo; arricchito / aricicilijéte, agg.: imbellettato, rimesso a nuovo
arinfuddé, v.: raffittire; intramare
aringaré, v.: rincarare
aringazzá, v.: rincalzare con l'acciaio la tempra del bidente
aringrazijé, v.: ringraziare
aringucchiuláte, agg.: pane indurito; terreno isterilito
aringullá, v.: incollare di nuovo; caricare
arinnihá, v.: bestemmiare; rinnegare / arnihá, v., viastimá, v.: bestemmiare
arinnummuné, v.: ricordare con riferimento a una persona
arinzaccá, v.: tornare a ficcare con forza
arinzippá, v.: ficcare di nuovo con forza
aripaiudë, aripajudë, v.: digerire / dilliggiré, v.: digerire / fig. 'ripaiudësce schinènze li préte: digerisce perfino le pietre
aripánne, màttë, v., p.p. màsse: mettere, stipare, mettere da parte, mettere da canto, riporre / aripònne, v.: riporre / arištipá, v.: stipare di nuovo; riporre
aripará, v.: riparare
aripassá, v.: sbeffeggiare con noncuranza; ripassare / arrénne l'abbàie, cuffujé, pazzìjà, v.: sbeffeggiare, prendere in giro, sfottere, imitare /
arifricá, v.: sfottere, gabbare, canzonare, coglionare / gabbá, v.: gabbare, schernire
aripiéne, agg., pl. aripìne: ripieno
aripijjé, v.: radicamento della piantina dopo la semina o il riprendersi dopo il trauma del trapianto o della messa a dimora
aripinité, v.: pentirsi di nuovo
aripinitéte, agg.: mortificato, pentito
aripitáuse, aripitávale, agg.: atteggiamento di carità, comprensione
aripitávale, aripitáuse, agg.: atteggiamento di carità, comprensione
aripizzá, arpizzá, v.: rappezzare; rattoppare
aripònne, v.: riporre / aripánne, màttë, v., p.p. màsse: stipare, mettere da parte, mettere da canto, riporre / arištipá, v.: stipare di nuovo; riporre
arippallá, v.: ricorrere in appello al tribunale
aripparindá, v.: imparentare di nuovo
arippiccinillé, v.: rimpicciolire
aripprusutté, v.: rimarginare
ariprijé, v.: compiacersi, rallegrarsi con se stesso
ariprijéte, agg.: compiaciuto, allegro
aripulé, v.: ripulire
aripurtá, v.: riportare
aripusá, v.: riposare
ariputá, v.: reggere; sostenere
arisàjje, v.: risalire
arisalbá, v.: riservare
arisarcë, rambrangá, ranfrangá, v.: risarcire, rimborsare
arisarcitîure, (l'), s.f.: rammendatura
arisbàtte, v.: tornare a sbattere; prospettare di una casa, un'abitazione
arisbijjé, arivijjé, arisvejá, v.: risvegliare
ariscallá, v.: riscaldare
arišcará, v.: rischiarare; dare lustro a utensili o a superfici vetrate / aricchiará, v.: mantenere un contegno trasparente; rischiarare
ariscarnë, v.: schernire / pazzìjà, cuffujé, arrénne l'abbàie, v.: sbeffeggiare, prendere in giro, sfottere, imitare /
arifricá, v.: sfottere, gabbare, canzonare, coglionare / gabbá, v.: gabbare, schernire / aripassá, v.: sbeffeggiare con noncuranza; ripassare
ariscavallá, v.: pareggiare un rialzo di terra
arišduzzé, arizzuzzà, v.: rimbalzare
arisicá, v.: risecare
arisicunná, v.: ripetere; espulsione di elementi interni da parte della partoriente
arisidá, v.: ricoverare; mettersi al riparo
arisidîte, arisidìte, arisidîute, agg.: trattenuto, scaduto, passato, stantio; di cibo alterato
arisidîute
, arisidîte, arisidìte, agg.: trattenuto, scaduto, passato, stantio; di cibo alterato
Arisiste
: soprannome
arispánnë, rispánne, v.: rispondere
arispartë, v.: spartire di nuovo
arisscé, v.: uscire di uovo
arištarnë, v.: raffilare, ritemprare strumenti da lavoro
/ arifilé, v.: raffilare; rimettere in ordine una persona indisciplinata
arištipá, v.: stipare di nuovo; riporre /
aripánne, màttë, v., p.p. màsse: stipare, mettere da parte, mettere da canto, riporre / aripònne, v.: riporre
arištrágne, accucchié, v.: restringere, raccogliere, mettere insieme, accoppiare, accoccare, rimediare qualche cosa /aricapä, v.: raccogliere, venire a capo, separare i buoni dai cattivi / ariccòje, ariccòjjë, raccójjë, v.: raccogliere / aricapá, v.: selezionare, scegliere proprio dei legumi
arištuqquá, v.: preparare con l'aratura il campo destinato alla semina del grano
arisuspiré, v.: riprendere fiato
arisvejà, arisbijjé, arivijjé, v.: risvegliare
aritiná, v.: trattenere; frenare
aritirágne, agg.: acerbo, riferito al vino o alla frutta /
àchere, cèreve, cièreve, agg.: acerbo
aritiré, v.: allappare; aritère: allappa
aritòjje, artòjje, v.: ritogliere, riprendere, ripigliare
aritrabballá, v.: ribaltare da un'autovettura
aritracciá, v.: rammendare in maniera approssimativa / arindessë: rammendare
aritracciáte, (l'), s.f.: ferita non completamente rimarginata /aritracciatîure, (l'), s.f.: ferita; sgarratura
aritracciatîure, (l'), s.f.: ferita; sgarratura / aritracciáte, (l'), s.f.: ferita non completamente rimarginata
aritrajjá, v.: recuperare /
arcapizzá, v.: raccapezzare; recuperare
aritrammuccá, v.: versare facendo rovesciare il liquido
aritrascë; arindrá, v.: rientrare
aritravvudá, v.: insudiciare, rivoltarsi, sporcarsi, rigirarsi nel sozzume
aritravuddáte, agg.: scombussolato, rivoltato, insudiciato
aritruvá, arittràjjá, v.: ritrovare, recuperare
aritruvàte: ritrovato
arittràhá, v.: assorbire
arittràjjá, aritruvá, v.: recuperare
arittummuä, v., p.p. arittunnuäte, artummá, v.: rincalzare con il terreno le piante / arrittummulá, v.: rincalzare
aritturé, v.: turare di nuovo, tappare
ariváttene, arivé, ariminë, ariminé, v.: tornare indietro, tornare di nuovo; menë, minë, miné, v., indic. pres. vinghe, p.p. menîùte: venire

arivávete, agg.: pane non sufficientemente lievitato e poco cotto
arivé, ariváttene, ariminë, ariminé, v.: tornare indietro, tornare di nuovo; menë, minë, miné, v., indic. pres. vinghe, p.p. menîùte: venire

arividá, v.: rivedere
arivijjé, arisbijjé, arisvejá, v.: risvegliare
arivillé, v.: ribellarsi
arivrattillijjé, arigrattilijé, v.: litigare di continuo per futili motivi
arivuddá, v.: voltare di nuovo

arivudiché, v.:
rimestare
arivullé, v.:
stravolgere gli occhi
arivummacá, v.:
vomitare di nuovo; tornare a sparlare
arivusciché, v.:
rigirare, riferito al sugo che cuoce; tornare su un disaccordo; non finirla mai
arivussé, v.:
socchiudere le imposte o porte
arivutecá, v.:
rovistare; rimescolare
arizappilijé, v.:
sarchiare / zapparijé, v.: sarchiare, zappare con zappe leggere sulla superficie del terreno / arrannä, v., p.p. arrannäte: sarchiare
arizilá, v.:
mettere in ordine la casa
arizzèlle, (l'), s.f.:
eccitabilità fra gli animali equini
arizzuppré, v.:
riassorbire
arizzuzzá, arišduzzé, v.: rimbalzare
arlisscé, v.: mettersi in ghingheri /
arcagná: mettersi in ghingheri; indossare abiti nuovi

arlucé, v., arilucé, v.: rilucere
armaná, v., arimaná, v.: restare
arman, v.: ricoprire
armanié, v., arimanijjé, v.: rimaneggiare; rimestare; rifare; tornare sulle proprie decisioni
armazzá, v.: legare la vela all'antenna
armidijé, v.: rimediare
armidijéte, agg.: riferata a cosa di scarso valore e al suo riuso
arminá, v.: sostituire le doghe di una botte
armišcá, v., arimmišcá, v.: mischiare di nuovo / ammišcá, v.: mescolare / ammišticá, v.: mischiare, in genere riferito alle carte da gioco
armuccá, artrammuccá, v.: rovesciare
armucchiá, v.: rimorchiare
armuggiá, v.: rimuginare; stare ombroso
armurë, v.: spegnere il fuoco o la luce
armuré, v.: tornare a murare una parete di un'abitazione o di altro manufatto
arnihá, v., viastimá, v.: bestemmiare / arinnihá, v.: bestemmiare; rinnegare
arnihatáure, biastimatáure, 'rnigatáure, (lu), s.m.: bestemmiatore
arni
štá, v.: vaccinare nuovamente / anništá, v.: innestare; vaccinare
arnuvá, v.: rinnovare
arnuvuléte, agg.: di tempo perturbato; di persona corrucciata
arpaciá, v.: riappacificare
arpicciché, v.: riprendere le forze; mossa favorevole nel gioco
arpilàrse, v.: di panno poco asciutto
arpizzá, aripizzá, v.: rappezzare; rattoppare
arprisá
, v.: rapprendere
arprisatîure
, (l'), s.f.: di panno rappreso o di sudore
arprisindá
, v.: rappresentare; presenziare
arprizzá
, v.: recuperare; spendere
arracamá
, racamá, v.: ricamare
arracamatîure
, (l'), s.f.: ricamatura
arracamatrëice
, (l'), s.f.: ricamatrice
arracanáte
, agg.: vivanda con pan grattato e origano
arracanéte, agg.: di cosa o muscolo raggrinzito
arrachë, arraché, v.: rimanere senza voce; arrochire
arradicá, v.: radicare
arradunànze, (l'), s.f.: avocare tutto in proprietà; prendersi tutto
arraduné, v: radunare
arraggiáune, raggiáune, (l'), (la), s.f.: ragione
arraggiuná, raggiuná, v.: ragionare; riflettere
arraháune, (l'), s.f: aragona, rione urbano di Vasto - altri: bellevidá, (lu), s.m.: belvedere / casarèlle (li), pl.: casarelle, nella parte ovest; casarèlle, (la), s.f.: casetta, casarelle / cavîute, (la), s.f.: nei pressi della Torre di Santo Spirito / crìce, (li), pl.: croci, nella parte sud della città
arrajá, v.: arrabbiarsi; provare rabbia; ragliare
arrajàrese, 'ngujatàrese, v.: inquietarsi
arrajáte, agg.: di cane idrofobo; adirato
arrajatîure, (l'), s.f.: arrabbiatura
arrajîuse, agg.: rabbioso
arramé, v.: ossidare; dare il rame alla vigna
arrangá, v.: arrampicarsi
arrangiàrse, v.: adattarsi alle circostanze
arranguràte, agg.: accorato; mesto
arrannä, v., p.p. arrannäte: sarchiare / arizappilijé, v.: sarchiare / zapparijé, v.: sarchiare, zappare con zappe leggere sulla superficie del terreno
arranná, v.: estirpare l'erba dalla vigna; girare in lungo e in largo
arrannatîure, (l'), s.f.: sarchiatura della vigna per eliminare le erbe parassitarie
arrapë, v.: aprire
arrappá,
aggrujé, v.: aggrinzire
arrappijé
, v.: detto di ovini che pascolano in terreni poco erbosi
arrasá, v.: colmare il bicchiere fino all'orlo; maturare del grano
arràšte, (l'), s.f.: arrosto
arratá, v.: grattare; pulire il fondo di un recipiente
arravá, allavá, v.: lavare
arravujjé, v.: avvolgere la stoffa in modo affrettato e maldestro
arrazzá, v.: far razza; avere dimestichezza con le persone
arrená, v.: arenare, di barca, scafo, nave; arenarsi
arrènne, arrènnë, v.: rendere, rifare, restituire
arrénne l'abbàie, cuffujé, pazzìjà, v.: sbeffeggiare, prendere in giro, sfottere, imitare /
arifricá, v.: sfottere, gabbare, canzonare, coglionare / gabbá, v.: gabbare, schernire / aripassá, v.: sbeffeggiare con noncuranza; ripassare / ariscarnë, v.: schernire
arréte, avv.: dietro, indietro / štu passát' arréte: poco tempo fa
arrètequîule, avv.: a ritroso
arribbattitîure, (l'), s.f.: ribattitura di calzature, vestiti
arriccé, v.: arricciare; aggrinzire
arriccéte, agg.: riferito ai legumi lessati
arricchiá, addusulè, v.: origliare
arriciné, v.: il raggrinzire dellla pelle o buccia d'un frutto
arrifaldá, v.: percuotere,
picchiare
arrifauré, v.: raffigurare; riconoscere
arriffé, v.: giocare alla riffa
arriffrundá, v.: confrontare di nuovo
arriggištrà, v.: registrare
arrigná, v.: regnare
arrihátte arrihátte, loc. avv.: subito subito
arrihátte, avv.: subito; presto
arrihulá, v.: regolare; comporre
arrijettá, v.: vomitare; récere
arringacchiá, v.: riunire due cose separate
arringinéte, agg.: storto; ravvolto
arrinnitîure, (l'), s.f.: la ricrescita del latte nella mammella
arrisidá, v.: riassettare
arristá, v.: rimanere
arrittummulá, v.: rincalzare / arittummuä, v., p.p. arittunnuäte, artummá: rincalzare con il terreno le piante
arrizzé, v.: rizzare; alzare
Arrotatore, (L'): soprannome
arrotacurtuìlle, (l'), s.m.: arrotino
arruà, arruué, arruvué, v.: arrivare; giungere
arrubbá, rubbá, v.: rubare / fricá, v.: rubare; fregare; copulare
arrucchié, v.: di albero ridotto in pezzi; minacciare qualcuno con l'accetta
arruciulujé, v.: rotolare; ravvolgersi / vutecá, v.: rotolare
arrufanáte, (l'), s.f.: gesto o atteggiamento di palese dispetto
arruffé, arruférese, v.: arruffare; irritarsi
arruférese, arruffé, v.: arruffare; irritarsi
arruféte, agg.: arruffato; scarduffato
arruiná, arruvené, v: rovinare
arruinète, agg.: rovinato
arrullá, v.: arrollare; aggruppare
arrungá, v.: potare le siepi ai lati della strada / arrungá, v.: sfoltire con la roncola; roncolare
arrunzá, v.: investire, acciarpare, acciabattare; eseguire un lavoro senza la nesessaria diligenza
arrunzatáure, (l'), s.m.: di artigiano maldestro nel suo lavoro
arrutá, v.: arrotolare; rodersi dentro per l'ira, per un torto subito / attarallá, v.: arrotolare, acciambellare
arruté, v.: arrotare; rodersi dentro
arruué, arruvué, arruà, v.: arrivare; giungere
arruvué, arruué, arruà, v.: arrivare; giungere
arruvené, arruiná, v: rovinare
arruvënefamèjje, (l'), s.m.: rovina-famiglia
arruzzuné, v: arrugginire
arsajapanère, (l'), s.m.: chi trasporta il pesce del mercato ittico; bbarzúche, (lu), s.m., scócchele, (lu), s.m.: facchino del mercato ittico
arsaná, v: tornare in salute
arscidá, v: copiare; imitare i lavori a maglia
arsella, (l'), s.f.: vongola comune locale
Arsenie, n.p.p.: Arsenio
arsidijé, v: negare ciò che è dovuto
arsittá, v: sedimentare; porre ordine nelle faccende di casa
arsummujjé, v: rassomigliare
artáteche, agg.: proprio di bambino assai vivace
árte, (l'), s.f.: arte; lavoro eseguito con diligenza
artifëcìje, (l'), s.m.: fuoco pirotecnico / battarë, (la), s.f.: fuoco d'artificio; batteria
artificijàle, (l'), s.m.: addetto ai fuochi pirotecnici
artiná, v.: mettere di nuovo un oggetto in piedi / arimáttë, v.: mettere di nuovo
artíre, (l'), s.m.: artigiano; artiere
Artíre, (L'): soprannome
Artisciàne, (L'): soprannome
artòjje, aritòjje, v.: ritogliere, riprendere, ripigliare
artrammuccá, armuccá: rovesciare
artravuddá, v.: rigirarsi per terra o nel fango
artummá, v., arittummuä, v., p.p. arittunnuäte: rincalzare con il terreno le piante / arrittummulá, v.: rincalzare
artummatîure, (l'), s.f.: rincalzatura
arujé, v.: raccogliere la vela
arvannë, v.: rivendere
arvillé, v.: opporsi
arvuddá, v.: rigirare
arvundá, v.,
arifrullé, v: traboccare / la pignéte arvánde: la pignata trabocca
árze, (l'), s.m., pl. l'îrze: orso; persona scontrosa
arzèlle, (l'), s.m.: arzillo
Arzitèlle: soprannome
ašcá, v.: abbrustolire anche tostare il pane, le fave
ašcë, ascé, asscë, v.: uscire
ascëise, (l'), s.f.: accisa, imposta
ascènze, (l'), s.m.: assenzio
ascèsse, (l'), s.m.: ascesso
asciágne, v.: scendere
Ascinzîáune
, (l'), s.f., 'scinzîáune, (la), s.f.: Ascensione, ricorrenza religiosa, festa dell'...
ascitáure, ahiscitáure, (l'), s.f.:
luogo da dove si esce; varco delle barche
ase, (l'), s.f.: rivestimento a maglia di ferro di casse
Asena naire: soprannome
ásene, âsine, cîcce, (l'), (lu), s.m., pl. l'ésene: asino, ciuco, ciuccio / bìštije, vittîure, (la), s.f.: asino, bestia da soma, bestia da trasporto
âsine, ásene, cîcce, (l'), (lu), s.m., pl. l'ésene: asino, ciuco, ciuccio / bìštije, vittîure, (la), s.f.: asino, bestia da soma, bestia da trasporto
asinícce, (l'), s.m.: asinuccio, gioco di carte
aspèrge, (l'), s.f.: breve spruzzata di pioggia
aspittá, v.: aspettare
Ašpre, (l'), s.f.: zona di pesca al largo della costa vastese
asprëite, óšche, òštreche, (l'), s.f. ostrica
assamá, assimá, v.: scemare; diminuire
assamène, (l'), s.f.: esame fatto ai testimoni nella fase dibattimentale / îsàme, (l'), s.m.: esame
assaminá, v.: esaminare
assapá, v.: sapere
assapá, v., sapá, v., ind. pres. sàcce: sapere
assaprë, v.: assaporare
assápre, prep.: sopra
ass, ašcë, ascé, v.: uscire
assciárre, (l'), s.f., sciárre, (la), s.f.: lite, rissa / quistiáune, (la), s.f.: lite, contenzioso /
appëcceche, (l'), s.f.: lite, baruffa
ásse, (l'), s.m., hàsse, (l'), s.m.: asso (carta da gioco)
assèmble, (l'), s.m.: esempio
assepijatîtte, (l'), s.m.: assopigliatutto (gioco di carte)
assiccá, v.: asciugare; vuotare l'acqua da un recipiente, da un luogo
assicchinérese, v.: asseccarsi, smagrire, divenire magro
assicuré, v.: assicurare
Assi di coppe: soprannome
assimá, assamá, v.: scemare; diminuire
assimbráte, agg.: di degenza grave e prolungata
assindáte, agg.: riferito ad abiti e ad altri indumenti che calzano a pennello
assindë, sindë, v.: sentire; ascoltare
assirrá, v.: compattare
assittá, v.: sedere, prendere posto
assîtte, assuquète, agg.: asciutto
assogne, (l'), s.f.: sugna
assuafá, v.: rassegnarsi; restare soddisfatti
assucciá, assucciä, v.: livellare il terreno; spianare /
appianá, v.: spianare
assudá, v.: assodare; calmare; risolvere
assuggètte, agg.: sottoposto; subordinato
assulá, v.: restare con una sola carta da gioco di un seme
assummá
, v.: sommare; addizionare
Assuntëine, 'Ssuntëine, n.p.p.: Assunta
assuqué, v.: asciugare
assuquète, assîtte, agg.: asciutto
assurtáte, agg.: premiato dalla sorte benevola
assutturrá, v.: sotterrare
Astrologhino: soprannome
asulàre, (l'), s.f.: cucitrice di asole
attaccä, v.: legare; part. pass. attacchäte / attaccä la rrobbe pi' purtarle a la piâzze: legare mazzi di verdure o altro per andarli a vendere in piazza / fig. attaccä l'âsine a ndo' dice lu puatràne: legare l'asino dove dice il padrone, a se medesimo / attaccá, v.: attaccare vale anche per litigare
attaccájje, (l'), s.f.: laccio per le scarpe / làcce, (lu), s.m.: laccio, sedano anche stringa / luhàme, (lu), s.m.: legname in senso astratto anche laccio
attaccáte, agg.: legato, attaccato
attaccatîure, (l'), s.f.: legatura; allacciatura
attammurréte, agg.: gonfiore del ventre dopo un pasto abbondante
attarallá
, v.: arrotolare, acciambellare / arrutá, v.: arrotolare; rodersi dentro per l'ira, per un torto subito
arrotolare
; rodersi dentro per l'ira, per un torto subito: arrutá, v. /
arrotolare, acciambellare: attarallá, v
attarole
(la), s.f., pl. li attarole: buca alla porta per il rientro e l'uscita del gatto
attarrullá
, attarrunná, v.: accalappiare, sedurre con malizia
attarruná, v.: picchiare; dare; abbindolare
attarrunná, attarrullá, v.: accalappiare, sedurre con malizia
atticce
, hàtticce, (l'), (la), s.f., pl. li hatticce: gattina
atticchiá
, v.: contraccambiare in amore
attilá, v.: stancarsi; sentirsi spossato
attiléte, agg.: appropriato; conforme all'eleganza / hîšte; jìšte; îšte, agg.: giusto, appropriato / azziccáte, agg.: giusto; aderente; indovinato / liggèttime, agg.: appropriato; legittimo; giusto
attimindë, v.: guardare in modo fisso e continuato
attiná, v.: rendere stabile e diritto un oggetto
attindá, v.: toccare, tastare, palpare / attindá lu pàlse o pàzze: tastare il polso
attindá, v.: misurare / pruvá la févre, v.: misurare la febbre
attindîune, v.: a tentoni, loc. avv.
attizzaféuche, attizzatáure, v.: attizzatoio
attizzatáure, attizzaféuche, v.: attizzatoio
attizzé, v.: attizzare; aizzare / attizzé, v.: accostare tizzoni e brace per rinvigorire il fuoco
attòjje, v.: confondersi; turbarsi / 'mbascérese, v.: confondersi; stizzirsi; spazientarsi / 'mburniscë, v.: confondere; imbarazzare
attortamènde, avv.: in modo ingiusto
attramá, v.: riempire l'ordito
attrassá, v.: ritardare; trascurare; venir meno ai propri interessi
attràsse, agg.: arretrato di pagamento; in ritardo
attuféte, agg.: rimpinzato; di locale poco areato
attummá, v.: colmare in maniera eccessiva
attummatîure, acciummatîure, (l'), s.f.: colmatura
attunná, v.: rendere tondo un oggetto; arrotondare
attuppé, v.: colpire la testa con un sasso
attuqquá, v.: toccare; spettare
atturé, v.: turare, tappare, tamponare
auá
, euá, int.: ehi!
audìnze
, addinze, s.f.: retta, ascolto
auhànne
,
ahuànne, avv.: in quest'anno
aujjáte
, agg.: inoliato
aumbrá, v.: spaventarsi; essere ombroso come i cavalli
aunë, v.: unire
aunëite, avv.: insieme; assieme
aunèlle, (l'), s.m.: latterino, varietà di pesce
auráte, uráte, (l'), s.f.: orata, varietà di pesce marino pregiato
Aurelie
, n.p.p.: Aurelio
ausànze
,
usànze, (l'), s.f.: usanza, uso
ausé
, usá, v.: usare
autëste
, (l'), s.m.
, pl. l'autëste: autista / ccioffèrre, (lu), s.m., pl. li ciffirre: autista; conducente di automobili
autînie, (l'), s.f.: autunno
Autînne
, (L'): soprannome
auzzé, v.: usura del filo delle zappe, delle falci avá', v.: avere; ind. pres. àjje, tinghe
avandá, v.: millantare; adulare
avánde, annènde, annènze, prëime, pre./avv.: avanti, innanzi, davanti, prima / annend' e rréte: davanti e dietro
avanzá, v.: superare; sorpassare
avanzatèlle, agg.: riferito a persona anziana ma che gode di buona salute
avaštá, abbaštá, vaštá, v.: essere sufficiente, bastare 
avašte, avv.: basta!
avemmarèjje, (l'), s.f.: avemaria
avessa ffa' ca..., loc.: dovesse succedere che ...
avòjje!, escl.: sì! eccome! certo!
avvãise, (l'), s.m.: avviso
avvallá
, v.: avallare; garantire
avvánge
, vàngë, v.: vincere; sopraffare
avvarrá
, v.: porre all'interno della porta una stanga per rinforzarla
avvavajjá
, v.: sbavare
Avvénde, (l'), s.m.: l'Avvento, ricorrenza religiosa
a vvî, , di vî, pr. pers. compl., m.f., pl. vi, ve
avvichinérese, v.: invecchiare
avvidá, v.: vedere; rendersi conto
avvinéte, agg.: avvinazzato
avvirricchièrese, v.: aggrovigliarsi
avvisciláte, agg.: pane messo nel forno prima della lievitazione
avvucate, (l'), s.m., pl. avvuchete: avvocato
Avvucate, (L'): soprannome
avvucatèzie, (l'), s.f.: avvocatura
Avvucaticce, (L'): soprannome
azzá, v.: alzare / ahàzze lu passe, aumenta il passo
azzanná, v.: intaccare i ferri; fare delle tacche
azzarde, (l'), s.m.: azzardo, rischio
azzáte, (l'), s.f.: levata (del sole)
azze, (l'), s.f.: pezzo di cuoio all'interno della scarpa per renderla garbata
azzeccá, azziccá, 'nduvuná, adduvuná,
v.: azzeccare, indovinare, presagire, cogliere l'obiettivo
azzellé, v.: allacciare il busto
azziáune, (l'), s.f.: azione, fatto, iniziativa
azziccá, azzeccà, nduvuná, adduvuná, v.: azzeccare, indovinare, presagire, cogliere l'obiettivo
azziccáte, agg.: giusto; aderente; indovinato  / hîšte; jìšte; îšte, agg.: giusto, appropriato / liggèttime, agg.: appropriato; legittimo; giusto / attiléte, agg.: appropriato; conforme all'eleganza
Azzimarre: soprannome
azzippá, v.: sistemare una tacchia per equilibrare il tavolo
azzippatîure, (l'), s.f.: pietra di contrasto al centro dell'arco; cuneo o bietta
azzittá, v.: azzittire
azzizzáte, agg.: attillato, di abito e di costume
azzullá, v.: tirare; allacciarsi il busto; sculacciare