Tradizioni: Feste pasquali a Vasto
Lu Pasquàne
(Lunedì dell'Angelo)
 
Lu Scojje spaccate
Gita fuori porta a... Punta Penna
 
Lunedì dell’Angelo, per i tanti vastesi è il giorno di lu “Pasquàne”, con le classiche scampagnate, in compagnia di amici o parenti, armati di fornacelle, carbone e tante prelibatezze da cucinare e gustare insieme ad un buon bicchiere di vino.

Lu Pasquàne di Fernando D'Annunzio
Questa bella giornata, del Lunedì di Pasqua, viene ricordata dal poeta vastese Fernando D’Annunzio con la sua poesia dialettale pubblicata, per la prima volta, su Vasto Notizie nell’aprile del 1991:

.........................................Lu Pasquàne





A’huânne è nu Pasquàne prupie bbèlle!
Mi li vuje guduà chišta jurnuäte!
Mâchine, tavilëne, siggilalle...
Li ggènde, sôccia-sôcce spalijéte.
Šta chi cummuâtte nghi la furnacèlle,
chi šta ‘mmeżż’a la jèrive allunguäte,
ddu’ fuammene che va’ pi’ cicuruèlle
e ‘na cuppiatte che già s’è ‘nfrattäte.
Sciuje mandrècchie e scupirchie tijèlle!
...Sâgne, pilleštre, rrobb’a vulunduä!
Sécce aripjëne, pîlpe, frittatèlle...
Li pupe e li cavèlle n’ po’ mangä.
Lu vuëne, a damiggiäne e ‘mbajatèlle.
Sole si huèrde, ggià ti pù saziä’!
«Trummuìnde che si fa li carivîne,
acchiappe ‘ssa chitârre, Raffajè!
Mo faciàme nu puare di canzîne:
Uašte bbèlle” e ddoppe “Marijè”.»
«Favurëte, ci šta li cannillìune;
pruvuâtele, li fa la moja mà’!
Bbun’accusciuè ni’ li sa fa niscìune,
è rrôbbe che po’ jè’ ‘nnènz’a lu rruà.»
«Cumbuä’, šta li scarciòfin’aripjëne... 
sètt’ otte ti li vuje fa ‘ssaggiä’!
E vvide si tti piäce chištu vuëne!»
«L’agnèll’è prande, si po’ ggià cacciä’,
ma prëime šta nu ccuone vindricëìne...
Nin ci fa cirimônie, huè cumbuä’!...»
...Jè v’aringrâzie, …ci’aripasse dôppe...
(A’ssamme jè’ ‘ca n’addr’e ccàune šcôppe.)


Lunedì di Pasqua (Pasquetta) a Vasto: "Lu Pasquone"
poesia di Fernando D'Annunzio pubblicata, per la prima volta, su Vasto Notizie nell’aprile del 1991
Poesia in versione uaštaròle, dialetto ripulito (moderno vastese/abruzzese) parlato dalle nuove generazioni:
È nu Pasquone, a’uanne, propie bbelle!
Mi li vuje gudè’ chišta jurnàte.
 …Màchine, tavilìne, siggilelle…
La ggende, soccia-socce… spalijàte.
Šta chi cummatte nghi la furnacelle,
chi šta ‘n mezz’a la jerive, allungàte,
ddu’ femmene che va’ pi’ cicurelle
e ‘na cuppiette che già s’è ‘nfrattàte.
Sciujje mandricchie e scupirchie tijelle!
…Sagne, pillèštre, rrobbe a vulundà!
Pulpe, secce aripîne, frittatelle…
…Lu vine, a damiggiàne e ‘mbajatelle.
Li “pupe” e li “cavelle” ‘n po’ mangà.
Sole si huerde ti pu’ sazìja!
- Trumminde che si fa’ li carivùne,
acchiappe ‘ssa chitarre, Raffajè!
Facèmece nu pare di canzune.
Attacche!: “Uašt’è bbelle” e “Marijè”.
- Favurite!... ci šta’ li cannillùne.
L’êta pruvà!... li fa la moja me’;
bbune accuscì ni li sa fa’ nisciùne,
è rrobbe che po’ ji ‘nnanz’a lu rrè.
- Cumbà!... šta li scarciòfine aripîne,
sett’otte ti li vuje fa ‘ssaggià!
Ma prime dimme: coma jé’ štu vine? 
- L’agnell’è pronde! Si po ggià caccià! 
- Ma mo nin vu’ pruvà šta vindricìne?  
- Nin ci fa cerimonie, uè, cumba!...
 - I’ v’aringrazie, ci’aripasse doppe…
(Ah… ‘ssame jì’, avessa fa’ ca šcoppe).
Quest’anno è una Pasquetta bellissima!
Voglio godermela questa giornata.

...Auto, tavoli, sedioline...
La gente è sparsa
... dovunque.
C’e chi si dedica alla grigliata
,
chi sta sul prato
, sdraiato,
due donne cercano cicoria selvatica
e una coppietta che si è già appartata
.
Si tirano fuori e si scoprono i tegami
!
...Lasagne
, polli, roba a volontà!
Polpi
, seppie ripiene, frittate...
...Il vino, a damigiane e fiaschi.
Pupe e cavalli non mancano certo
.
Solamente guardando
, puoi già saziarti!
- Mentre si ravviva la brace,
prendi la chitarra
, Raffaele!
Intoniamo un paio di canti
:
Uašte bbelle” e poiMarijé”.
- Favorite!... ci sono i cannelloni.
Provateli
, li fa mia moglie;
buoni così non sa farli nessuno
,
è roba che può andare dinanzi al re.

- Compare!... ci sono i carciofi ripieni,
voglio fartene assaggiare sette
/otto!
Assaggia il vino e dimmi se ti piace
!
- L’agnello è pronto! Si può già servire!
- Ma prima c’è un po’ di ventricina...
- Non fare cerimonie, su, compare!..
- Io vi ringrazio, ...ripasso più tardi...
(Meglio andare perchè tra poco scoppio.)