Tradizioni:
Pasqua in Poesia
 
Il poeta vastese Nicola Bottari così ce la propone:
Quaresima

Cristo precede,
porta la croce
piu' pesante,
incoraggia
lungo
il cammino
della vita.

Non resistere
al suo richiamo.
Seguilo!

Ti da' forza
e sostegno
con la sua grazia
nelle avversita',
nella sofferenza.
dall'Autore alla Redazione - 2 febbraio 2010
Quaresima

Tempo
di riflessione
e preghiera.
Giorni di Grazia.

Gesu' soffre,
ha sete di te!

Cercalo:
avrai luce
per ritrovare
te stesso,
al di la'
di falsi richiami.

dall'Autore alla Redazione - 2 febbraio 2010
Quaresima

Tempo
di ascolto,
di riflessione
e preghiera.
Giorni di grazia.
Dio con noi:
Presenza viva.
Rifugio.
Conforto per l'uomo
in un mondo
sempre piu'
insidiato.

dall'Autore alla Redazione - 2 febbraio 2010
Quaresima

Togli la maschera
e dònati:
Ritrovi te stesso
in questo mondo
di falsi profeti
e conflitti.

Tempo di ascolto!

Dio ti sostiene,
ti accompagna
nell'incerto cammino
della vita.

dall'Autore alla Redazione - 2 febbraio 2010
Calvario

Sollevato
tra Cielo e Terra
Gesu' consuma
il suo sacrificio,
in un abbraccio
di perdono.
L'uomo non coglie
la Bonta',
l'amore paterno,
la grazia.

Si rinnova
il martirio

dall'Autore alla Redazione - 18 marzo 2010
Pasqua

Patrimonio
di fede,
luce del mondo.
Il creato
è in festa:
tutto risorge
in trionfi di vita.
Esulta il cielo!
Opera prodigi
sulla terra
e invita alla gioia,
alla speranza.

dall'Autore alla Redazione - 18 aprile 2011
Pasqua

Sinfonie, olezzi,
inni di gloria...
Il Creato
e' in festa!

Tutto risorge
in trionfi di vita.

Esulta il cielo
che opera prodigi
sulla terra
e invita alla gioia,
alla speranza.
dall'Autore alla Redazione - 18 marzo 2010
Pasqua

Cristo risorto
cambia
la nostra storia,
il nostro destino.

Mistero
di vita nuova.

La croce vince
ed e' luce,
Bonta',
trionfo di Cielo.

dall'Autore alla Redazione - 18 marzo 2010
Pasqua

Fascino e mistero...
Cristo risorto
e' luce del mondo,
baluardo
contro il potere
delle tenebre,
amore e pace.
Esultano
Cielo e Terra
in un trionfo di vita,
di speranza aperta
alla gloria.

dall'Autore alla Redazione - 18 marzo 2010
Pasqua

Non timori
ma gioia grande!
Cristo
e' certezza,
garanzia di pace.
La croce vince
ed e' luce,
speranza,
trionfo di Cielo.
Splende la vita,
piu' salda
della morte.

dall'Autore alla Redazione - 18 marzo 2010
Pasqua

Tutto passa...
l'anima è immortale.
Apri al bene
se vuoi svegliare
l'anelito

della tua salvezza:
Dio ti vuole
con se'
per un destino eterno.
Invocalo
nel segreto del cuore:
avrai luce
sui tuoi giorni
.
dall'Autore alla Redazione - aprile 2012
Risurrezione

E fu Luce!
Mistero
che supera l'uomo
e il Creato,
con potenza
di verita'
e di grazia.
Il messaggio
giunge
ai confini
della Terra
e inonda i cuori.
Cristo
unica speranza.

dall'Autore alla Redazione - 18 marzo 2010

dall'Autore alla Redazione - 8 aprile 2012
 
del vastese Giuseppe Catania
Pasqua (2011)

C'è gioia immensa oggi in ogni cuore,
ed esultante gode il mondo intero:
ancora si rinnova il gran mistero
perché per noi risorto è il Redentore.

Festosa sia la Pasqua per la gente
che soffre ed è priva d'ogni bene;
banditi sian gli affanni e pur le pene
e che l'amore alberghi in ogni mente.

E lieta sia la Pasqua di quest'anno
colma di festa e di bontà per tutti
e che la Pace regni in ogni cuore.

Con fede rivolgiamoci al Signore
perché allontani sempre tristi lutti
e ci preservi ognora dagli affanni.

da "il giornale del Vastese" - mensile d'info. - n. 7 - o4/2011
.È Pasqua (2012)

Che sia una Pasqua di Redenzione, come auspicano i credenti, all'insegna del riscatto dei valori umani, purtroppo, oggi, calpestati da avvenimenti tragici che turbano il mondo.
Gli uomini, i governanti sono sordi ai richiami
e alle invocazioni di Pace.

Che sia questa Pasqua il segno di Pace di Resurrezione per la salvezza dell'Umanità, di Riconciliazione indispensabile per riprendere il dialogo di Pace, quella che si auspica da ogni parte della Terra, per riconquistare quei necessari equilibri da cui l'intera umanità attende per un benessere generale, una tranquillità foriera di grazie spirituali tanto attese, nel precipuo impegno solidale da cui tutti si aspettano il riscatto dell'uomo, così come il Cristo ha voluto assicurare all'uomo con il Suo Sacrificio sulla Croce.

Che sia questa Pasqua l'inizio di una nuova epoca in cui la Pace sia la premessa per la riconquista delle dignità umane.
Pasqua 2016

Pasqua rallegra i cuori,
Risorge ancora il Cristo.
Tu Mamma dei Dolori
Tu placa d'ogni tristo

La cruda, atroce guerra
Che insanguina le genti
E scuote assai la terra
Con lutti e con tormenti,

Sia lieto ognor domani
Per ogni creatura
E fa che le sue mani
Con stretta duratura

Dicano al mondo intero:
La pace auspicata,
Con animo sincero
Davvero è ritornata.

 
del vastese Fernando D'Annunzio  
E’ Pasqua
nell’aria e nel cuore

piccola poesia di Pasqua scritta per i bambini delle scuole

Campane che squillano
e rondini in festa,
nell’aria il tepore
della primavera.
Per campi e giardini
son mille i colori,
dai nuovi germogli
si schiudono i fiori.
Ritorna il sereno
nel cielo e nel cuore,
con il desiderio
di pace e di amore.
Si placa il dolore
per Cristo ch’è morto,
esplode la gioia
per Cristo risorto.

dall'Autore alla Redazione - 1 aprile 2010

Lu Pasquone
pubblicata su Vasto Notizie nell’aprile del 1991
È nu Pasquone, a’uanne, propie bbelle;
mi li vuje gudè’ chišta jurnàte.
 …Màchine, tavilìne, siggilelle…
La ggende, soccia-socce… spalijàte.
Šta: chi cummatte nghi la furnacelle,
chi šta ‘n mezz’a la jerive allungàte,
ddu’ femmene che va’ pi’ cicurelle
e ‘na cuppiette che già s’è ‘nfrattàte.
Sciujje mandricchie e scupirchie tijelle!
…Sagne, pillèštre, rrobbe a vulundà;
pulpe, secce aripîne, frittatelle…
Sole si huerde ti pu’ sazìja!
…Lu vine a damiggiàne e ‘mbajatelle;
li “pupe” e li “cavelle” ‘n po’ mangà.
- Trumminde che si fa’ li carivùne,
acchiappe ‘ssa chitarre, Raffajè!
Facèmece nu pare di canzune.
Attacche!: “Uašt’è bbelle” e “Marijè”.
- Favurite!... ci šta’ li cannillùne.
L’êta pruvà!... li fa la moja me’;
bbune accuscì ni li sa fa’ nisciùne,
è rrobbe che po’ ji ‘nnanz’a lu rrè.
- Cumbà!... šta li scarciòfine aripîne,
sett’otte ti li vuje fa ‘ssaggià,
ma prime dimme: coma jé’ štu vine? 
- L’agnell’è pronde! Si po ggià caccià! 
- Ma mo nin vu’ pruvà šta vindricìne?  
- Nin ci fa cerimonie, uè, cumba!...
 - I’ v’aringrazie, ci’aripasse doppe…
(Ah… ‘ssame jì’, avessa fa’ ca šcoppe).
 
del vastese Panfilo De Filippis
Venerdi Ssande

Ieri hann’ attacate li campane
e li chiese hanne vistit’ a lutte,
pure a li paise chiù luntane
tutte di viole sonne, pruprie tutte.

Lu sepolcre è state preparate,
si vo ricurdà la morte di Gesù.
È morte pi’ scundaja li piccate
chille chi spesse faceme pure nu.

Ma quanda j vo bbene lu Signore,
ci pinze chi curagge ha tinute,
pi’ salvà chist’ anima piccatore
lu Fijje morte ‘n Croce s’ha vidute.

E nu j faceme chiamà cristiane!
Ma ci pinzame quanda seme ‘ngrate,
pi cose da niente, gne nu cane,
j’aribillame pure ‘nghi nu frate.

Mo dentr’ a ‘sti jurne ariflitteme,
pijame la via bbone viasù,
sapete chi piccate cummutteme?
A ca sirvute la morte di Gesù?


bella poesia che descrive molto bene
l’atmosfera mesta del Venerdi Santo, ma rivolge
anche l’invito ad un riflessione sul significato
del gesto di Gesù che si è fatto crocifiggere per noi
 
del salvanése Michele Molino
E’ Pasque

Le cambàne ‘nchiése a distése sòne,
é Pasque, la ggende s’è fatte bbone.
‘rrete a la fràtte cande l’usignòle,
le prate e cambàgne chiéne di viòle
Li uaiùne stanne cchiù cundénde,
è na grande feste ‘nzì pénze a niénde,
si magne caprette, ‘gnelle, melòne,
si magne pùpe, cavàlle, fradòne.
Si lasce rangore e malinconie,
jurne de carità e nostalgìe.
Quelle che cconde e vulèrse bbene,
rispétte, amicìzie, vite seréne.
Si scambie l’augurie e strette di mane,
regàle e salute pè na settimàne.
Passate Pasque, tutt’è finìte,
la ggende si scòrde pure l’ amìce,

LA VITE RICUMENZE CCHIU DOLENDE,
A VULERESE BBENE NNI COSTE NIENDE.

dall'Autore alla Redazione - 22 aprile 2011
 
del vastese Francesco Pisarri
La Graziòne de la Madonna de lu Vennardì SSande
(Per brevità si riporta solo la parte finale del testo,
con il dialogo tra il Cristo sofferente e la Madre)

… Allore, ‘nghe Giuanne e Matalène,
Marie sott’ a la croce si ni vene.
(Ni’ murìie Marì’: lu dilore è forte!
L’uniche fije cundannate a morte:
‘nghiuate, a vracce aperte, a una croce…
Nin zi po’ da’ na pena chiù firoce!)
- Oh, mamma, mamma! Picché si minute…
‘mezz’ a li Giude nin gi sta salute…-
“T’ aje purtate nu vracce de line,
p’aricuprije chisse carne fine…”
- Nu zorze d’acche m’avisse purtate…-
“O fije, ji nin ghinosce sti cundrate!
Ma si la cocce putisse acciuccaje
‘na hocce de latte te vulèsse daje…

E si di latte chiù nin gi staje,
lu sanghe mìe sembe ci sarraje…”
- O mamme, parle piane, piane, piane:
che nin di sende sti Giudeje cane… -
Ma ‘nu Giude’ l’avé sindute già,
e ‘cete e fele ji venne a purtà’.
Allore Gisù dice: - Matre, ji more…
Ho fatte le vulundà Dìe Signore…
O matra care, ji ti li diche addìe!
Ji ti lasse Giuanne pi’ tuo fije!
Giuanne mìe, tille di bon gore,
la matra tua e di li piccatore! -
Doppe la bella testa aringlinò
E sandamente, o Dìe… cuscì spirò.

 
del vastese Giuseppe F. Pollutri
Hominis Resurrectio
Pasqua 2013, 30 marzo

Storia è il Cristo che viene e ci ascolta,
(redento l’uomo, si fa Suo carnefice ancora)
salvifica sua mano tocca il cieco che attende
di riconoscersi creatura, sembianza di Dio.

Ambasce e dolori deporremo sul Golgota
schiodando dalla croce il Figlio immolato,
pentimento e Resurrectio trovano dimora
nell’uomo che fede conserva e viva speranza.