Tradizioni:
Festa della Mamma
(seconda domenica di maggio)
 
La festa della mamma è una ricorrenza civile diffusa in tutto il mondo.
Non esiste una data del calendario comune in grado di accomunare tutti gli Stati in cui l'evento è festeggiato.


La data maggiormente ricorrente è quella della

..........seconda domenica di maggio

ed è festeggiata da:



Australia, Austria, Belgio, Brasile,
Canada, Cile, Cina,  Colombia, Cuba,  
Croazia,  Repubblica Ceca, Danimarca,
Estonia,  Finlandia, Germania, Grecia,
Ecuador,
Hong Kong, Italia, Giappone, Lettonia, Malta,  Malesia, Paesi Bassi,
Porto Rico, Nuova Zelanda, Perù,
 Filippine, Singapore, Slovacchia,
Sudafrica,  Svizzera, Taipei Cinese,
Turchia, Uruguay, Stati Uniti
d'America e Venezuela.
 
A mamme
del compianto poeta vastese Panfilo De Filippis
Quande j ere piccininn’ assai
ti la ricurde mamme chi turmente,
pi me tranquille ‘n ci si state mai
si n’ere na freve, ere nu dente.

Ugne sere prime da j lu lette
sempre ‘n bracce a te tu mi tinive,
ma riccunteve tante favulette
fine a quande i ni m’addurmive.

Quanta volte lu sonne n’arrivave
i lì vuleve fa li capriole
la pacinze tu addò li truvave
addò li jev’ a toje li parole.

Mi parleve sempre a bassa voce,
mi diceve: «j nin ti lasse sole»,
dope mi l’insignev’ a fa la croce,
m’ammandeve nghi lu belle linzole.

Mo ca si divintate vicchiarelle
e nin ci manche certe lu difette
pi te so ‘ncore che lu fijarelle
ancore mo tu mi cupre d’affette.

Tu quanta ni si fatte di fatije,
quanta ni si jettate di sudore,
tutte pi tirà ‘nnanze la famije
tutte li jurne senza cuntà l’ore.

Dentre di me li tinghe nu rimpiante.
A queste me da crede veramente,
forse, da me tu t’aspitteve tante
j n’hai sapute darti niente.

Appene t’hai fatte cumpagnje
l’inverne ‘n si patite pi lu gele.
O ma! Quelle chi ‘n t’hai date ije
Gesù certe, ti l’ha riposte ‘n ciele.

 
Córe di Mamme (cuore di mamma)
del vastese Luigi Anelli - 1889 - (Vasto, 20 febbr. 1860 - 14 dic. 1944)
- Povere fèjje mé' gna mi s' è ffatte!...
'n z' aricannasce cchiì, core mé' bbèlle!...
Li fréve, chi da majje mi li vatte,
mi l' à riddìtte gné nu bambinèlle!...

E' ttré jurne chi ni' mmi prove latte,
chi smanijajj' e ppiagne, puvurèlle;
ajje pahìure chi nin gi' aèsce matte,
tande mi féuche 'n gape 'sti cirvèlle!

Madonna mà', ni' mmi ni fèite cchiì!
Piccà mi l'à da fa' tande patèjje?...
fajje la grazie, mé, fajjèle, sì!

Si la salìute m' aridé' a 'stu fèjje,
di mà sì la patràune sole ti;
dèmme: "vatt' a 'nnihà'", mé mi ci abbèjje!
Traduzione:

- Povero figlio mio, come mi s'è ridotto!...
Non si riconosce più, cuore mio bello!...
Le febbri che da maggio me lo fiaccano,
me l'hanno ridotto come un bambinello!...

Son tre giorni che non mi prova il latte,
che delira e piange, poveretto;
ho il timore che non diventi matta,
(dal) tanto che mi arde in testa questo cervello!

Madonna mia, non me ne fido più!
Perché me lo devi (così) tanto far soffrire?...
fagli la grazia, adesso fagliela, orsù!

Se la salute mi restituisci a questo figlio,
di me sei la padrona solo tu; dimmi: "vatti ad annegare", (e da) ora mi ci avvio)!
 
L'Addije de Mamme
del vastese Ezio Pepe - 1960 - (Vasto, ? - Vasto, 25 gen. 1995)
La citilanze mé è state triste
da quanda mamme j nin so cchiù viste.
Voc 'è parole j li sent 'angore;
arigistrate stà dentr'a lu core.
«Nte pozze nazzicà cchiù nghe ste vracce,
lu latte te so date di stu pette
de mamma tè nin perde ma l'affette.
La malattì chi tingue nin pirdone:
tu fije mé cirche da 'resse bbone,
la vi di Ddije, tu fije nin lassà,
se la pace e lu bbene vu truvà».

Troppe preste tu, mà mi si lassate
ngime a stu monne, trist'e scunzulate.
Lu bbene so pirdute lu cchiù care
la vite senza «mamme» è amare!
 
Cuore di Mamma
di Pietro Palumbo - 2005, dal 1950 res. a Vasto

Mamma
ti sento ancora viva e trepida
accanto a me.
Accarezzo i tuoi capelli candidi.
Non mi fai mancare mai
il tuo linguaggio d'amore
il tuo modo di servire
il tuo coraggio
la tua paziente comprensione.
Da lassù, assolvi ancora
con le tue preghiere
la missione
attenta di mamma.
Il tuo cuore
è pietra viva,
porosa,
forte come una roccia.
Nella sofferenza
e nei disagi della vita
a te mi aggrappo:
c'è salvezza sicura.
La porta della tua bontà
è sempre aperta
ad ogni richiesta.
Al solo tuo ricordo
l'emozione vince il sorriso.


Madre mia - Donna mia
del vastese Fernando D’Annunzio -
2011

...E voglio dirti grazie,
oggi,
dopo aver pianto perché non ti ho più.
Quel grazie voglio dirti
che, tenero bambino,
dirti non ho potuto
e, adulto poi,
forse non ho saputo.
Grazie perché
ancor prima che io fossi
già mi volevi bene,
perché mentr’io nascevo
tu non hai permesso
che la tua gioia soccombesse al dolore.
Grazie
per le tue morbide carezze
e per il seno a cui tu mi stringevi,
per la dolcezza delle ninna-nanne
che sento ancora e non ricordo più.
Ma ricordo la strada,
quella che mi indicasti così bene,
che, più volte smarrito, ho ritrovato.

Grazie a te donna che or mi stai vicino,
madre dei figli che l’amor ci ha dato,
figli che un giorno ti saranno grati;
oggi, per loro, ti ringrazio io.

 
di Novembre
del vastese G. F. Pollutri - 2009

Ora

che tu non vivi e manchi,
madre, e più non dai
alla mia voce un'eco,
rive bianche e di silenzio
mi attendono le ore,
ché di tua voce cerco pur
sempre memoria e il suono,
murmure
incessante onda musica
sola qui ascolto,
nella mia inattesa sera.