Tradizioni, Superstizioni e Credenze popolari
Brevi e semplici versi in dialetto vastese dedicati a
Li Štaggiùne (Le Stagioni)
 
del poeta dialettale vastese Fernando D’Annunzio
Personaggi: F. D'Annunzio
Poesie
Coro Pol. Histonium
Macchiette vastesi
Gruppo Cantastorie
Parodie
Li Jurne de la sittimmäne
Li Mise dill’ânne
Le Štorie di Carnivàle
 
Lu pajjàre
I giochi di una volta
Lunarie de lu Uašte
Il Dialetto...
 
Mi piace tuttiquènde li Štaggiùne
pe' quélle che di bbèlle té' ognùne.
Mi piacciono tutte le quattro Stagioni
per quello che di bello ha ognuna.
 
Primavera
Primavére é 'na bbèlla ggiuvunétte,
si fa 'na vèšte a ffiùre e si li métte.
Primavera
Primavera è una bella giovinetta,
si fa una veste a fiorì e se la mette.
Estate
L'E
štate é 'na signora surridènde,
bionde, nghi ll'ucchie azzurre e risplindènde.
Estate
L'Estate è una signora sorridente,
bionda, con gli occhi azzurri e risplendenti.
Autunno
L'Autunne arrive e fa li mattità...
pètte li frunne e pu' li fa cascà.
Autunno
L'Autunno arriva e fa delle stranezze,
dipinge le foglie e poi le fa cadere.
Inverno
L'Immèrne porte li cchiù bbille fešte
e ttutte bbianghe spésse s'arivèšte.

Inverno
L'Inverno porta le più belle feste,
tutto di bianco spesso sì riveste.