Tradizioni e credenze popolari
Lu Mazzemarelle (Spiritello, folletto, gnomo)
 
Mazzemarèlle è un termine dialettale in uso nella parlata delle popolazioni abruzzesi e molisane anche con lieve variante grafica.
Suo equivalente nella lingua italiana, è spiritello, folletto, gnomo. Frutto della fantasia popolare,
lu mazzemarèlle simboleggia la vita, l'azione, la vittoria sulla morte ingiusta.
Il ritorno misterioso tra i viventi è la riaffermazione di un diritto negato, l'equilibrio ristabilito nella vicenda esistenziale: è un atto di giustizia.
Il bambino morto senza battesimo ritorna a vivere, ma trasformato in "mazzemarèlle", un essere quasi imprendibile con forme non ben definite.
I suoi poteri sono vanificati, se perde il cappuccio che gli ricopre il capo. Conosce i luoghi dove sono nascosti i tesori, agisce nelle ore notturne in modo imprevedibile, è ilare e dispettoso. La sua presenza è causa di incubo, di fastidio, di paure per i viventi. E questi, per una strana legge del contrappasso non possono essere felici sulla terra: devono pagare il loro tributo di dolore alla dolorosa esistenza del folletto.
stralcio da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2002 - Raffaele Artese

"Lu Mazzemarelle"
Videoclip del brano della Banda Piazzolla di Vasto tratto dall'ultimo CD
Pubblicato in data 31 luglio 2013 - Info: 340.4082409
segnalazione, alla Redazione, di Pino Piazzolla della Banda Piazzolla - 1 agosto 2013

Lu Mazzemarelle
del sansalvese Raffaele Artese


Chi l'à viste lu mazzemarelle?
Sopr'a lu lette, sott'a le pigne,
dendr'a la casce, 'm mezz'a le cinge,
a cape o a pide de la ruvelle?

Chi l'à viste lu mazzemarelle?
Gn'è fatte sopre, gn'è fatte sotte,
more de jurne, nasce de notte,
fatte de carne, d'osse o de pelle?

Chi l'à viste lu mazzemarelle?
Mette paure a le giuvinette
nghi le remure sott'a lu lette.
Tè la cocce e nu sole cappelle?

Chi l'à viste lu mazzemarelle?
Sajje le scale, zombe pe ll'are,
ze va nnasconne a lu fuchelare,
pu z'areffacce a lu biancatelle.

Chi l'à viste lu mazzemarelle?
Sta tra le vutte de la cantine,
tra le fissore de la cucine,
sta tra le lane e lu ndruvarelle.

Chi l'à viste lu mazzemarelle?
Tra le cuperte e le cupertòle,
tra le tavele e lu lenzole,
tramezz'a lu casce e la friscelle.

Chi l'à viste lu mazzemarelle?
Stute la luce e pu l'areppicce
sopra a la mazze del le saggicce:
mo te sta ecche e mo te sta elle.

Chi l'à viste lu mazzemarelle?
Sott'a la mese dendr'a la stalle,
sott'a la code de lu cavalle,
sopr'a la groppe de la vitelle

Chi l'à viste lu mazzemarelle?
Dendr'a lu pozze, sopr'a la mete,
mo te sta 'nnanze, mo te sta 'rrete:
certe j' manghe cacche rutelle!

Chi l'à viste lu mazzemarelle?
Se da la cocce tu j' le sficche
la scuffiette, divinde ricche:
ma pirde l'anema e lu cervelle!

Chi l'à viste lu mazzemarelle?
Ma forz'è nu sonne e nu penzire,
nu specchie storte addò t'aremmire
e te fa bbrutte la vita bbelle!

Chi l'à viste lu mazzemarelle?

Lu Mazzimarelle
del sansalvese Evaristo Sparvieri


J' li so viste lu Mazzimarelle:
picchè ciadate a lu scaricarelle
chi so' lassate 'na sere 'n cantine
mmezza a 'na file di votte di vine.

J' li so viste lu Mazzimarelle:
tineve la cocce a forme de 'mbrelle;
spesse l'aprive e pu' l'archiudeve
e pe la case lu vende faceve.

J' li so viste lu Mazzimarelle:
tinè pi vocche nu mezze spurtelle;
l'aprive ogni tante e dave nu strille
e tra lu fiate cacciave li spille.

J' li so viste lu Mazzimarelle:
tineve 'na recchie gne 'na sardelle:
li girave viloce, annanze e arrete,
mentre pi terre sbatteve nu pete.

J' li so viste lu Mazzimarelle:
tineve tre ucchie gne tre rutelle
cunturnate di rosse a strisce gialle
na specie di cihlle di pappahalle.

J' li so viste lu Mazzimarelle:
tineve lu nase gne 'na scrippelle;
nghi tre cavute e quattre buttone
suffiave e sunave gne nu trumbone.

J' li so viste lu Mazzimarelle:
tineve la panze gne nu vascelle;
nghi nu cindrine culore di rose,
tutte lihante, pareve nu spose.

J' li so viste lu Mazzimarelle:
vuleve vedè se ere di pelle;
ma quelle svelte e disgraziate,
sopra a na mane m'ha muccicate.

J' li so viste lu Mazzimarelle:
che civedate a lu scaricarelle,
ma pure se queste ni è lu vere
lasciame che reste nu mistere.

Lasciame campà lu Mazzimarelle;
lasciame che resta 'na cosa bbelle
pi la fantasia de tanta ggente
che vive povere, uneste e cuntente.

 
Lu mazzemarelle
dei sansalvesi Raffaele Artese e Evaristo Sparvieri
Nelle credenze popolari della nostra terra ha sempre avuto una
particolare importanza la presenza benigna o maligna degli spiriti
:
gnomi (geni di piccola statura, il loro potere benefico si spiegava in difesa dei tesori dei loro
...padroni);
folletti (spiritelli strambi, vivaci, e goliardici);
elfi (personificazione delle forze benefiche della natura);
silfi e silfidi (spiriti leggiadri agili ma malefici);
lupimannari (esseri mostruosi in parte uomini in parte lupi e con i piedi di capra);
mazzimarelli...
I mazzimarelli hanno occupato un posto particolare nella fantasia popolare:
Raffaele Artese, nel suo poemetto ''Lu Mazzemarelle'' (Ed. Cannarsa - Vasto), afferma che:
''...lu mazzemarelle simboleggia la vita, l'azione, la vittoria sulla morte ingiusta''.
I mazzimarelli sarebbero stati la personificazione dell'anima dei bambini morti senza battesimo.
''Il ritorno misterioso tra i viventi...'', prosegue Artese, ''...è la riaffermazione di un diritto negato, l'euilibrio ristabilito nella vicenda esistenziale: è un atto di giustizia. Il bambino morto senza battesimo torna a vivere ma trasformato in mazzemarelle, un essere quasi imprendibile con forme non ben definite. I suoi poteri sono vanificati, se perde il cappuccio che gli ricopre il capo. Conosce i luoghi ove sono custoditi tesori, agisce nelle ore notturne, è ilare e dispettoso...''
Al mazzemarello si attribuivano una infinità di malanni, disavventure, calamità; era lo spauracchio dei bambini ed il tormento degli adulti: di notte pizzicava e mordeva, comprimeva lo stomaco, mozzava il fiato, stuzzicava le fanciulle con sogni erotici... Non c'era molestia che trascurasse.
Tuttavia, come ricorda anche il Piovesan ne ''La città di San Salvo'' (Ed. Itinerari ), egli ''...conosceva i tesori nascosti, lusingava in sogno di svelarne i nascondigli e si sbellicava dalle risa mentre il contadino sudava nello scavare cercando. Entrava nelle case a porte chiuse, si nascondeva tra le botti, entro le greppie, sotto le tegole... E riusciva sempre a farla franca..".

L'unico suo punto debole era perdere il cappuccio rosso. Impossessarsene era come tagliare i capelli a Sansone.
Per questo ogni famiglia conservava tra gli indumenti un cappuccio rosso.
stralcio da articolo apparso su "www.histonium.net" - 24 gen. 2003

Ma voi ci credete a "Lu Mazzemarelle"?
I nostri nonni dicevano che era vero....e raccontavano terribili esperienze

Lu Mazzemarelle è un folletto o gnomo, frutto della fantasia popolare abruzzese, eppure ci sono persone pronte a giurare che non si tratta di fantasia, ma di pura realtà.
Il nostro folletto è parente stretto del siciliano Mazzamareddu, ma in confronto è meno pericoloso e sicuramente più goliardico.
Il suo scopo prevalente è quello di entrare nelle case e infastidire gli abitanti con scherzi, rumori e nascondimento di oggetti.
È inutile ricorrere a spargimenti di acquasanta o riti contro il malocchio o altro, perché lui se ne ride e continua con i dispetti più di prima. Meglio farselo amico, può darsi che alla fine si annoi e se ne vada da solo.
Raffaele Artese, grande cultore di tradizioni locali del nostro territorio ha scritto il volume “Lu Mazzemarelle”, edito nel 1978 da Cannarsa di Vasto.
Il tallone di Achille di questo buffo personaggio è il suo berretto rosso: se si riesce a toglierlo dal capo lui scompare. Ma non è assolutamente semplice perché lui è scaltro, veloce e conosce in anticipo le nostre mosse.
Anche se la sua presenza è più che altro goliardica, ha causato da sempre molta paura e distacco nelle persone. La sua presenza viene vista come un incubo e provoca un profondo senso di angoscia e timore, anche per le tante dicerie che vogliono che mozzi il fiato, pizzichi, morda, e stuzzichi le fanciulle con sogni erotici, ma a lui vengono attribuiti anche la causa di malanni e disavventure.
Suggestione, condizionamento o fantasia, molte sono le persone che si sono trovate davanti al piccolo folletto.

stralcio da art., a firma, Lino Spadaccini apparso su "www.noivastesi.blogspot.com" - 10 febbraio 2011