Tradizioni:
Carnevale in Poesia e prosa
 
Il poeta vastese Nicola Bottari
non ci presenta il Carnevale con lazzi e burla,
ma con una satira che impegna a riflettere
Passa e Va

Va Carnevale
per le vie del mondo,
si trascina smarrito,
barcolla.
Passa e va senza meta.

Che pena
il suo dramma!

Impegnato a gran festa
non sente
il lameno del cuore,
Ne' vede la luce.
Passa e va senza pace.

dall'Autore alla Redazione - 3 febbraio 2010
Maschere

Non fa più specie

Carnevale,
ormai di casa.
Il viso aperto muore
e abbondano le maschere.
Ci sono tutte:
Vagano senza meta,
intrecciano
salti e balli.
Il pubblico assiste
muto e lo spettacolo
impazza.
Il cuore sogna
orizzonti di quiete,
di speranza.

dall'Autore alla Redazione - 3 febbraio 2010
 
La Canzáune di Carnivále
E' una vecchia filastrocca vastese che
una volta si cantava ai bambini proprio a Carnevale
 
Carnivále ni stéve bbéune, si magnàve nu páre d'éuve
- Chi l'ha fitàte?
- Chi l'ha ciuppucàte?
- Addó' stá' lu hardijáne?
- Addó' stá' li láine?
- Addó' stá' lu féuche?
- Addó' stá' l'àcche?
- Addó' stá' la vacche?
....La hallina ciuppucàte.
....Lu hardijáne di la selve.
....E jiùte a ffá' li láine.
....L'àjje màsse a lu féuche.
....L'ha stutéte l'àcche.
....Si l'ha vávete la vacche.

....E jiùte a la mundàgne:
Nuce, nucèlle, cumbitt'e castagne.
....E' jìute a la marëine:
Nuce, nucèlle, cumbitt'e quatrëine.
stralcio da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2007
 
La Ciciricchiàte del vastese Adriano Ciccotosto

'Nu sapore
de na' vote,
'nu recorde
de sciore
lu tembe n'a passate pi niènde.
Ere bbardasce
lu ciele
ere sempre azzurre
e la speranze vive forte,
la felicità era pure dentra, a lu piacere
de la vocche,
e dendra a l'aneme.
Oggi stu sapore
remane
e tande ié la nustalgie.

dolce tipico vastese e abruzzese
del periodo di Carnevale
Carnevale
del vastese Fernando D'Annunzio

Carnevale ecco viene,
di pensieri non ne tiene,
viene e porta l’allegria
dappertutto, in ogni via;
coi coriandoli e le stelle,
con le maschere più belle:
Colombina ed Arlecchino,
Pulcinella e Meneghino;
poi Gianduia e Pantalone,
Stenterello e Balanzone.
E la gente sembra matta,
chi si trucca e chi s’imbratta
e per piani, monti e valli,
tutti in festa: canti e balli!




dall'Autore alla Redazione - 11 feb. 2011 - un semplice e
facile componimento per i bambini delle scuole primarie

Lu Carnivàle di li Uaštarùle
del vastese Fernando D'Annunzio

Lu Carnivàle di li Uaštarùle
è pranze, cene e ddugge prilibbàte,
sopr’a la tàvele li gravijùle
e nu taralle di ciciricchiàte.

Di tanda cosa bbille c’é rimašte
la bbona usanze di lu magnatòrie.
E di li tradiziune di Lu Uašte,
šta risištènne, fin’ a mmo, “La Štorie”.

Scumparse “Bballe mute” e “Cucciulùne”,
si vešte’ da “misùre” li bbardèsce,
s’abballe solamènde a li vijjùne,
li carre mascheràte cchiù n’aèsce.

Com’ à cagnàte e šta cagnànne angòre
lu sane gušte di divirtimènde.
Cchiù jam’ annènde e sempre cchiù si mòre
la ggioie di šta ‘mmežž’ all’addra ggènde.

dall'Autore alla Redazione - Carnevale 2011 - 26 febbr. 2011

febbraio 2016
Le "Štorie" di Carnivàle a Vasto
scritte dal poeta dialettale
vastese
Fernando D'Annunzio
cantate dal Gruppo dei Cantastorie di Vasto
La mariunétte
del salvanése, Michele Molino - 4 marzo 2011

Na squille di tròmbe,
le mariunétte ‘n piazze!
Currète! La ruèlle rimbòmbe.
Uaiòne cundénde gné pazze.
Lu quartière subbite s’animàve,
céce ascàte, pezze di fradòne,
arrète a zi Gualberte zi jàve.
Pure zi Rocche làsse lu pendòne.
L’arie càlle, fére lu favònie,
già preparàte lu telòne,
ere nu mezze pandemònie,
s’attaccave pure na canzòne.
Zi Gualbérte dave lu segnàle,
subbite cumbarìve Arlecchine,
Giandùie che tinève nu vicàle,
Pugginélle che iettàve li quatrìne.
..............................................................................................segue
seguito Ecche lu diàvèle tentatòre
‘nghì ddu corne abberritàte,
strette a li màne nu turtòre
e ffa scruccà li custàte.
Ride la ggende pe la cundendezze
Èmmò c’aspette lu Carnivàle!
Pè vvidè sti mariunétte,
nu spettacole che ‘nté uàle.
Mò li tembe s’è cagnàte
nni ffa feste li burattine.
La ggende si l’è scurdàte
nno và ‘nsonne a li bambìne.
Stanne appese a la candìne
affilàte gné suldàte.
Come ride Arlecchine
Sotte li baffe spilacchiate.
Statte sicùre ch’à lu cchiù bbelle
sa ripresénde Pugginélle,
e, nghì la fruste di vacchette
ti fa sbàtte li hanghétte.
 
La Storia del Gabbiano
del vastese prof. Mario Sacchetti
 
Carnevale
del vastese Osvaldo Santoro

Sune, chènte e magna magne.
Cicerchiate, tammurrille,
tra coriandele e trumbatte,
la sfelate de le chèrre,
mascarate de cartèlle,
bbërre, vëine e pizza calle,
'nce štà, hìune che sse lagne.

Lu bballà nen ne parlame,
sonne titte prufussure
da le schéule depluméte,
balle 'n gruppe gne' le pasce,
tutte sìrie e cungiundréte
ca n 'zia ma sbèjje lu passe,
t'ome squàccene nu péte
e t'acchiàppene pe fasse.

Doppe vanne a lu vujjàune
schine a la matëine apprèsse.
'Ngecanëite, štracche e trèšte
vannne lu štuasse a fateié,
ma la cocce annacquanëite
n 'arijèsce a rraggiunà.

da "Il Vastese", mensile d'info. - n. 2 - febbr. 2007
 
Sciàmbiddàtte Carnivàle
di Anna Stivaletta Artese - 2002


Lu puajèse mé,
pe Carnivàle,
s' è parat' a fe
šte
e pìure asse
s' á masse la màschere.
Pare na mbrijàche!
Abb
álle, rèid' e cánde,
parle, aricc
ánde
e senza rit
ágne
e viriv
ágne
storia brítte
h
á purtàte 'm piázze
e rèid' e c
ánde
come na p
ázze.
Ujje sta ggènde
finalimènde sende
cand' è bbèlle la libbirtè.
Sciàmbiddàtte Carnivàle
ch' ógne m
áscher' a luvuàte,
pìure s' ogné f
ácce vàle
pe na bbèlla mascaràte!
stralcio dal libro "Vit'e Mmare" - Ed . Cannarsa - Vasto - 2009

Traduzione: ........................................
Sia benedetto Carnevale

Il mio paese,
per Carnevale,
si è parato a festa
e pure esso
si è messo la maschera.
Pare una ubriaca!
Balla, ride e canta,
parla, racconta
e senza ritegno
e vergogna
storie brutte
ha portato in piazza
e ride e canta
come una pazza.
Oggi questa gente
finalmente sente
quanto è bella la libertà.
Sia benedetto Carnevale
che ogni maschera ha levato,
pure se ogni faccia vale
per una bella mascherata!

 
 
Carneval
La stagion del carneval
tutto il mondo fa cambiar.
Chi sta bene e chi sta male
carneval fa rallegrar.

Chi ha denari se li spende,
chi non ne ha ne vuol trovar;
e s 'impegna, e poi si vende,
per andarsi a sollazzar.

Quà la moglie e là il marito,
ognuno va dove gli par;
ognun corre a qualche invito,
chi a giocare e chi a ballar.


Carlo Goldoni