Vasto - Proverbi, detti e modi di dire: P - Z
 
Pace e sônne!

Pace e sonno! (augurio che si da ai bimbi che sbadigliano).
Pahà tande saláte.
Pagare caro, salato.
Pane ánde e pammadéure.
Pane unto (con olio) e pomodoro.
Páne nghi ll'ucchie e cásce senz' ucchie.




Pane con gli "occhi" e formaggio senza buchi: sembra un precetto della Scuola Salernitana; infatti il pane ideale deve contenere evidenti alveoli di buona lievitazione, mentre il formaggio non deve avere buchi, perché ben compatto.
Pànze di villìute, cule nìute.



Pancia di velluto, sedere nudo: il ventre liscio perché rigonfio di sazietà, rende povero di indumenti il sedere perché i soldi sono finiti tutti per il cibo.
Patròne di bastimènde, va 'mbarca 'n affëtte.

Padrone di bastimento va in barca presa in affitto.
Pe la cacce e ppe l'amàure ce s'abbëie a tîtte l'hàure.
Per la caccia e per l'amore va bene ogi ora.
.
Pe' pèzze e pe' pindîne.

Dappertutto in ogni angolo. L'aje circàte pe' pézz'e pindîne.
Pi chèlla véjje s'arbicëine.
Per quella strada, si accorcia.
Pi nda' bbene tra socer' e neure c'iarivé lu monne néve.
Per andare d'accordo suocera e nuora, bisogna sostituire il mondo.
Pi 'ndà d'accorde 'nchi la Provvidenza, ci vo' tre chese: umiltà, castità e obbedienza.
Per andare d'accordo con la Provvidenza ci vogliono: umiltà, castità e obbedienza.
Piagne a làcreme de sanghe. Piange amaramente.
Pinz'à murè, ca ci sta chi t'assuttérre.
Pensa a morire che c'è chi ti sotterra.
Piov'a, ziffînne.
Piove a dirotto.
Póche ci allîssce.
Ci vede poco.
Povr' a chella péchere ca non vvò' la làne.
Povera la pecora che non vuole la lana.
Povr'a mma!
Povero me!
Povr'a mma se ppèrd' a mma! Povero me se perso me!
Pôzz avà lu bbuéne a trajène!

Che tu possa ricevere tanto bene! (carri pieni di bene).
Pôzz' ave bbene!
Che tu possa ricevere bene!
Pôzza cacà li cèice!
Che tu possa cacare ceci!
Pôzza fä' lu vuômeche di lu suânghe.
Che tu possa vomitare il sangue!
Prëime li dinde che li parínde.
Prima i denti che i parenti.
Priccellicce: è riminìute 'nu cuafàune da Sande Llurénze nghe 'na màrre de...

Porcellini; fig. famiglia numerosa, gruppetto di maialini; è tornato un cafone da San Lorenzo con tutti i suoi figli (tanti).
Prim'a li tu', dopp' all'èddre si ppu'.
Prima dai ai tuoi e poi, agli altri, se puoi.
Puzza arde li callarìune.

Che tu possa ardere i calderoni. Come dire: ma va all'inferno!
Puzza fa' iu butte de lu sanghe.
Che tu possa vomitar sangue. Riferito alla tisi.
Puzza jittà ' lu vulàne.
Che tu possa vomitar veleno.
Puzza šta štrapazzàte gne lu muàre.
Possa tu stare agitato come il mare.
Quatreine e ceppa secche fa' arde lu fèuche a
'mmezz' all'acche.
Soldi e legna asciutta fanno ardere il fuoco in mezzo a l'acqua.
Ráse ráse. Fino in fondo.
Rènde rènde. Strettamente vicino.
Ricce de chèrne. Brividi.
Ripaiudësce schinènze le préte. Digerisce perfino le prietre.
Robba truvuàte nin è rrubbàte. Roba rrovata non è rubata.
Robbe di magnatòrie nin va 'n gumbussunòrie. Roba mangiare non si porta in confessionario.
Rott' a lu cuìle!

Rotto in culo! (persona /bambino) scaltro, filibustiere.
S'à fatte màtte la hônne 'n cape. Si è lasciato mettere la gonna in testa. Si dice di chi si fa soggiogare da una donna.
S'avessafaje li munumìnte solamènde a li lazzarîune: accuscè fùsse 'na lizziaune pi li halantùme. Bisognerebbe erigere monumenti soltanto ai bricconi: sarebbe una lezione per i galantuomini.
S'è valichëte. Riferito alla lana che si infeltrisce, si restringe, dopo ìl lavaggio.
S'è 'ngiuciàte! S'è ubriacato a la candëne oppure... de chiacchière.
S'ha mässe la majj' a la dimmérze. Ha messo la maglia al contrario.
Sàcce je' cchi ttìnghe 'n gurpe.


So io cosa provo dentro (mi rode dentro). Usata, con aria di mistero, il più delle volte, da chi crede di custodire un grande segreto.
Sale e ùje, aggîušte tutte fujje! Sale e olio, condiscono tutte le verdure!
Sande Silvèstre, Ch' ha date ha date e ch' ha 'vüte ha 'vite, facemeje 'na bbivüte. San Silvestro Chi ha dato ha dato Chi ha avuto ha avuto, Facciamoci una bevuta.
Sangh'e latte!

Sangue e latte! È l'augurio che si fa ad un bambino.
Sbrivugnäte! Svergognato!
Sbruvugnàte ca 'n zi addre. Svergognato che non sei altro.
Scàppe gnè 'na fujëine. Si muove velocemente.
Scázz' e nníute, mëser' e dduluènde.

Scalza e nuda, misera, dolente e con acciacchi, afflitta.
Sciàle Petrîcce! ca ti sò frëtte n'éuve.

Godi Pierino, che ti ho fritto l'uovo. Nel senso di incitamento al divertimento.
Sciàle popole! Ca dumuàne è Ggiubbullé. Godi popolo che domani è Giubileo.
Scì ccëise. Che tu possa essere ucciso.
Scì ccëise l'alma di canda ni tì'.

Che siano uccise tutte le anime che hai. Riferito ai defunti.
Scimmadàtte. Sii maledetto.
Sciójje lu pàsce o puàsce. Sciogliere, pulire il pesce.
Scùrteche ssa ràsce. Scortica sta razza.
Se a sta vete une 'na ame e 'n'è riamate, è tutt temp perse.
Se non si ama e non si è riamato, vale poco la vita.
Se ccànde lu huàlle 'm brima sàire, male tèmbe maìne. Se canta il gallo di prima sera, viene brutto tempo.
Se spàrtene lu sònne. Si dividono il sonno, sono amici per la pelle.
Se tt'acchiâppe ti facce lu cuìle rosci rasce!
Se ti prendo ti faccio diventare rosso il culo!
Se tt'acchiâppe ti schinàcchie! Se ti prendo ti azzoppo!
Settèmbre. Mese settembre. Detti: se dice a stu muàise pe cchi se ne 'ndenne ca l'uve è ffattee e le fichere pènne, tu pinze a nen mbènne ma pinzece tì, ca se tte ne chesche n' d'arehèzze cchiù cchjì; settèmbre u tand' àcche u tande sàcche; tèmbe de vëgne, tèmbe de tëgne. Mese di settembre. Detti: si dice in questo mese, per chi se n'intende, che l'uva è matura ed i fichi pendono, tu pensa a non pendere ma pensaci bene, perche se cadi non ti rialzi più; settembre, o tanta pioggia o senza; tempo di vigna, tempo di tigna.
Si ccòjja còjje. Se riesce riesce, se coglie coglie.
Si ffà lu vuènte furte, sa da' màtte' li prète
'n zaccòcce.
Quando c'è vento forte deve mettersi le pietre in tasca (si dice di chi è troppo magro).
Si l'à 'ngruccuäte! Ci ha creduto, se l'è bevuta!
Si li màgne l'ammëdie. È divorato dall'invidia.
Si 'na cocce di cràpe. Sei una testa di capra.
Si 'na léna torte. Sei storto come un legno.
Si nu ciavàrre.

Sei un cornuto. Ciavàrre è il piccolo della vacca, della pecora o della capra.
Si nu quataplàsme. Sei un impiastro.
Si t'à da 'mbriacà', 'mbriàchete di vine bbéune. Se intendi ubriacarti, ubriacati di vino buono.
Si ti déule la panze, v'a "Minanze"!... (ca ti sbalânze).
Se hai mal di pancia vai da "Venanzio"! (che ti scaraventa via).
Si vvu' 'ccattà' la terre a bo' mmircàte accatte a chi l'à 'riditàte. Se vuoi comprare la terra a buon mercato comprala a chi l'ha ereditata.
Sîbbet ammolle; ammullà la varve; mo je l' ammòlle. Cedere subito; ammorbidire la barba con la schiuma; adesso glielo/la do, cazzotto o pedata.
Sîghite štu lumuàne. Succhiati questo limone.
Sole e sulluiàune: è bbone lu pullàstre e lu pucciàune, ma cchiù bbone lu huéine e lu muluàune. Sole e sol leone : è buono il pollo e il piccione (cotti) ma meglio sono il vino e il melone.
.
Sopr'a lu còtte l'àcca villëite o villènte. Sopra il cotto l'acqua bollente.
Sparte palâzze arimane candàune. Ma un altro proverbio recita al contrario: Chi spârte à la méja pârte. A chi divide tocca la miglior parte.

Spesso a chi divide rimane la parte peggiore. Ma un altro proverbio recita al contrario: Chi spârte à la méja pârte. A chi divide tocca la miglior parte.
Spèccite sü ‘ca mo ti côje târde!
Spicciati su che si fa tardi!
Spréch e n'abbîsche. Sperpera e non guadagna (mani bucate).
Ssa fa' Ddè! Lascia fare a Dio!
Šta nu sole che spacche le préte. C'è un sole fortissimo, fa tanto caldo.
Šta pe' ddëtte. Sta per detto, proverbiale.
Šta šcattàte šcattàte gne l'éuve sopr'a lu féuche. Frigge come l'uovo sul fuoco.
Šta semhre sott'a la hônne di la mâmme. Sta sempre sotto la gonna della mamma.
Stàtt'a èsse 'n prét' e ttàise! Resta lì fermo! (impietrito e teso).
Štraspèccite, fa lèšte, vija sü! Cerca di sbrigarti, fai presto, dai su!
Štravvâttene, vija sü e arivì prèšte! Cerca di andare, dai su e torna presto!
Stu passat' arréte. Poco tempo fa.
Sùbbete sübbete, fa ‘na vuläte! Subito subito, fai una corsa!
Tana täne... Lu rôtte porte lu säne! Spesso è il povero che deve provvedere al ricco!
Te' la frèva magnarelle. Ha la febbre ma l'appetito non manca.
Tè la magnatòre vàsse.

Avere la mangiatoia a portata di bocca, nel senso di mangiare senza fatica.
Tè la rîsce a la cocce. Aver la forfora.
Tè li cazzîne tutt' ammascichéte. Ha i pantaloni gualciti.
Tè l'ucchie cinìlle cinìlle. Ha gli occhi socchiusi.
Té' lu rëcce 'n zaccocce. Ha il riccio in tasca. Nel senso di persona avara.
Tè 'n'arie šcattàte šcattàte. Si da tante arie. Anche nel senso dì verace, autentico.
Tè 'na pèchere chi 'n zi tè allimbite. E' talmente ubriaco che non si regge in piedi.
Te pòzzan'aloma ' npénne! Ti possano impiccare!
Te pòzzene l'òme 'mbènne! Ti possano impiccare!
Te puzz'annehà'! Possa annegarti!
Te puzza sdulluffà! Possa romperti l'osso del collo.
Te puzza scì l'alme!
Ti possa uscire l'anima, possa morire!
Téire cchiu' nu pele di fàmmene, che nu ssarte di bastimende. Tira più un pelo di donna che una gomena di bastimento.
Ti fâcce ccuni cchìune! - Ti fàcce pizzi pizze! - lu puèzze cchiù grosse ié la ràcchie! Ti faccio a pezzi! -il pezzo più grande risulterà l'orecchio!
Ti li váive déntre a nu bicchiere d'àcche. Te lo bevi in un bicchiere d'acqua.
Tì' lu cuile pe' facce. Hai il culo per faccia.
Ti 'na bbella, cére. Hai un bel colorito.
Ti 'ngènne?... Micce la pizzitëlle! Ti brucia?... Mettici una pezzuola (umida)!...
Ti pôzza calà nu tuôcche! Possa prenderti un colpo!
Ti pôzza šcattà' lu fuéle! Ti possa scoppiare il fiele!
Ti si pozza seccà 'n gànne! Ti si possa togliere la voce!
Tiré a dirëtte. Tagliar corto, prendere la scorciatoia.
Tiré' la cazzátte.

Tirar la calzetta (farsi pregare per alzare il prezzo).
Tra li vende e li trende vì du a 'ddì gnè nu budènde; tra li trende e li quarànde di prèuve n'zi ni fà tande; tra li quarànde e li cinquànde è n'àsene chi s'avvànde.
Si s'acchiàppe la sissandèine si lasse la fàmmene e si toje lu vèine. Si s'arrèive a sittand'ànne jìttele a 'mmare nghe tutte li mutande.

Tra i venti e i trentanni anni vai due a due come il bidente; tra i trenta i quaranta di prove non se ne fanno tante; tra i quaranta e i cinquanta è un asino chi si vanta.
Se si va verso i sessanta anni ci si allontana dalla donna e ci si avvicina al vino. Se si arriva a settanta anni, lo si butta a mare con tutte le mutande.
Tre cheuse fanne li uastaruli: la ricchitelle, na magnatelle e ffà ciuffulè la celle. Tre cose amano i vastesi: arricchirsi, mangiare e usare molto il pene.
Tre cchéuse n'zi lasse máje: la prádeche, la mecëzij' e lu prim' amore. lett. Tre sono le cose che non si lasciano mai: amante, amicizia e primo amore.
Tutte li jurne chicocce chicacce, la dumuàniche chicocce e cârne. Tutti i giorni zucchine e zucchine, però la domenica zucchine e carne.
(Lo dice chi è costretto a mangiare sempre le stesse cose, forse perché le produce).
Tutto va bbène, disse donna Lene, fin'a che la féje n'arimàse préne. Tutto va bene, disse la signora Lena, fino a che sua figlia non rimase in cinta.
U lì zéppe, u ni lì zéppe, sembre nove sàume fa la vegna ma!. O la zappi, o non la zappi, sempre nove salme fa la vigna mia!. Proprietario della vigna miracolosa, che nella buona come nella cattiva annata dava sempre la stessa quantità di prodotto, era un certo Cesario Pracilio, soprannominato "Cianerde", il quale, poco tenero osservatore del settimo comandamento, si rifaceva sulle vigne dei vicini quando il raccolto era per lui poco abbondante.
E poiché era manesco e prepotente, di questa sua poco lodevole abitudine non faceva mistero, anzi, se ne vantava pubblicamente quando diceva: "U lì zéppe, u ni lì zéppe, sembre nove sàume fa la vegna ma!".
U lì zéppe, u ni lì zéppe, sembre nove sàume fa la vegna ma!. O la zappi, o non la zappi, sempre nove salme fa la vigna mia!. Proprietario della vigna miracolosa, che nella buona come nella cattiva annata dava sempre la stessa quantità di prodotto, era un certo Cesario Pracilio, soprannominato "Cianerde", il quale, poco tenero osservatore del settimo comandamento, si rifaceva sulle vigne dei vicini quando il raccolto era per lui poco abbondante.
E poiché era manesco e prepotente, di questa sua poco lodevole abitudine non faceva mistero, anzi, se ne vantava pubblicamente quando diceva: "U lì zéppe, u ni lì zéppe, sembre nove sàume fa la vegna ma!".
U ssà menèstre u capabbàlle pe la fenèstre. O questa minestra o fuori dalla finestra.
Uttàbbre. Mese di ottobre. Detti: uttàbbre è di fatejje, uttàbbre è dd'allehrejjie, a llonghe pe sse vegne, jè ttutt'arie de vennegne, se prepare moste e vvine pe la feste a San Martine, vine vine e vveretàsse San Mbasquale de l'Atasse; uttàbbre piéuve e ttùne, la mmernate sarà bbune; lu hrane se spânne e lu huìne s'arepànne. Mese di ottobre. Detti: ottobre è fatica, è allegria, lungo le vigne è tutt'aria di vendemmia, si prepara mosto e vino, per la festa di San Martino, viva il vino, in vino veritas San Pasquale dell'Atessa; ottobre pioggia e tuoni, l'inverno sarà buono; il grando si stende e il vino si rientra(conserva).
Uttàbbre, lu hrane se spanne e lu huine s'arepánne.
Ottobre, il grano si semina e il vino va in cantina.

Va a ffáje lu fumìre pi' li cèice!...



Va a trasformarsi in concime per i ceci!... (morendo, dopo una vita di stenti: il contadino va sottoterra ed essere nutrimento per i suoi poverissimi ceci).
Va ccacà a lu muàre! Vai a cagare al mare!
Va facenne li sippìliche.

Va facendo i sepolcri, il rito del Giovedì Santo, nel senso che va in giro senza far niente.
Va' ittànne lu bànne. Sta facendo il bando (comunicazione di massa).
Va 'nchi è meije di ta e faije li spase, ma statt'attente, picchè a la fine lu chiù meije ti po' purtà a la rruvene. Vai con chi è migliore di te e facci le spese, attenzione però a non farti portare alla rovina.

Vattel'a pijà 'n zaccòcce! Vattene a quel paese!
Vatténe a la cifricònie.

Vattene in un luogo molto lontano (paese immaginario).
Vijàt a ttà. Beato te. 
Vindunuàre (la): Le ventun'ora. Nell'orario canonico, che iniziava all'imbrunire, alle 18 d'inverno ed alle 19 in estate, il calcolo della giornata è funzionale al corso del sole. La vindinuàre, oltre a segnare il termine del lavoro, indicava anche la cena del lavoratore. Vindunuàre (la): Le ventun'ora. Nell'orario canonico, che iniziava all'imbrunire, alle 18 d'inverno ed alle 19 in estate, il calcolo della giornata è funzionale al corso del sole. La vindinuàre, oltre a segnare il termine del lavoro, indicava anche la cena del lavoratore.
Víte mandì' šta cànne; cànne mandì' šta víte.

Vite sorreggi questa canna; canna sorreggi questa vite.
Vrettacchjìne pôrce 'nguducuäte!

Sporco maiale! Rafforzato da: "provvisto di cotica".
Vróte gràsse (è lu). Mangia brodo grasso, sta comodo.
Vrùcche de rape e ppridecatìure fine a Ppàsche dìure.

Broccoletti e predicatori durano fino a Pasqua, nel senso di qualcosa che ha durata limitata al tempo.
'Z n'affëde. Gliela fa.
Zomhe gnè nu grèlle.
Salta come un grillo.
Zucchere, cafè e ppépe tréte: la fammene che piagne vò lu muaréte. Zucchero, caffè e pepe trito: la donna che piange vuol marito.