Vasto - Proverbi, detti e modi di dire: L - O
 
L'alme di canda ni tì! opp. li mùrte di canda ni tì!  Tutti i morti che hai.
L'Álme di li murte. La Festa dei defunti.
L'ànne abbuttáte 'gne 'na cràste. L'hanno massacrato di botte.
L'arte de táte è mezze 'mmbaráte. L'arte di tuo padre è mezzo imparato.
L'âsene pôrte la pâje e l'âsene se le mâgne! L'asino trasporta la paglia e l'asino se la mangia!
L'ha 'bbuttáte gné 'na cra'šte. L'ha riempito di botte come fosse un uccello.
L'ha fatte cùcchie cùcchie. L'ha fatto a pezzi.
L'óme cacciáte gnè 'na canapîzze. Lo hanno cacciato come una puzzola.
L'ommene che tté le cazzîne n'arreive 'ccase mà 'dejîne. L'uomo che porta i calzoni non torna a casa a digiuno.
L'ommene senza la fámmene è mezze pazze, ma la fámmene senza l'ommene è pazze 'n titte. L'uomo senza la donna è mezzo pazzo,
ma la donna senza l'oumo è pazzo tutto.
L'onne portene 'n biánde de méne. Viene portato in palma di mano.
L'ove che n'ze scogne 'm Basche, n'ze scogne cchî. lett. L'uovo che non si rompe a Pasqua, non si rompe più, nel senso dì ora o mai più.
L'urarie di lu magnè: pi li rècche canda tenne fame, pi li puvirìlle canda tenne da magnè. L'ora del desinare: per i ricchi quando hanno fame, per i poveri quando hanno da mangiare.
L'ùtem' a scurtucuä' jé la càute. L'ultima da scorticare è la coda.
La bona majje fa lu bone marète. La buona moglie fa il buon marito.
La cére se cunzîme e la pricissiàune nin camëne.

Il cero si consuma e la processione non cammina. Nel senso di perdita di tempo.
La cicàle tánde cande ca scàtte.

La cicala tanto canta che schiatta (alla fine muore).
La cunfidenz è padrone di la mala crianze.

La troppa confidenza può generare eccessi negativi di comportamento.
La fammen'è come la ciammajëche. Si li tùcche càcce la vàve, si ni li tùcche càcce li corne. La donna è come una lumaca. Se la tocchi ti tira la bava, se non la tocchi ti tira le corna.
La freve di cundènue accéite l'éume.


La febbre continua (di continuo) uccide l'uomo. Figurat.: certi danni, spese o incomodi, di continuo, ci riducono in mala condizione.
La giuvinatte ha d'addurà gne na vieule tra li franne chi 'nzi vade e ha d'aress gne na rosa tra li spene chi 'nzi tocche. La giovinetta deve profumare come una viola senza appariscenza e deve essere come una rosa protetta dalle spine.
La hallèine fète l'euve e a lu hàlle fa mmale lu cuile. La gallina fa l'uovo e al gallo fa male il sedere.
La hallina ha fitáte. La gallina ha fatto le uova.
La hatta grasse è unòre di lu patràune. La gatta grassa è onore del padrone.
La minàre, tanda vodde v'a lu puàzze, schinènze ci lasse lu colle. L'orcio, tande volte va al pozzo che alla fine ci lascia il collo.
La nàive di innàre è forte gnè l'acciàre; quelle di furbàre è gnè la paiie all'are.

La neve di gennaio è forte come l'acciaio (ben compatta e dura); quella di febbraio è come la paglia nell'aia (tutta acqua e molle).
La notte va 'nghi la morte. È pericoloso viaggiar di notte.
La pànze nin dé 'rácchie.

La pancia non ha orecchie ossia il ventre non ascolta consigli sfavovoli alla fame.
La pilerîsce, ti mùre prime ca la canîsce. La donna rossa, muori prima di conoscerla.
La Pruvvudènze chiude 'na feneštre e 'rrépe nu ballicaune.
La Provvidenza chiude la finestra e apre un balcone.
La ràje de la sère, aripùnnele pe' la matëne.

La rabbia della sera mettila da patte per la mattina. Non prendere mai decisioni a caldo.
La rota ònde nni štrëlle.
La ruota unta non stride.
La rrobbe ca 'n štrozze, 'ngràsse.
Ciò che non ammazza, ingrassa.
La salìute s'apprezze canda ngì šta cchjì. La salute si apprezza quando non c'è più.
La scrofa sácche si sonne la jjànnele La scrofa magra (per la fame) si sogna le ghiande.
La seccia òmene e la seccia fàmene....

La seppia maschio e la seppia femmina. Si dice di due amici inseparabili.
La superbie va' ccavàlle e 'rrive a ppète. La superbia va a cavallo e torna a piedi.
La vàcche è strátte ma ci cápe la cáse nghi tutte lu tátte. La bocca è stretta, ma ci entra la casa con tutto il tetto sicchè, tutto può la fame.
La vindunuàre.





Le ventun'ora. Nell'orario canonico, che iniziava all'imbrunire, alle 18 d'inverno ed alle 19 in estate, il calcolo della giornata è funzionale al corso del sole. La vindinuàre, oltre a segnare il termine del lavoro, indicava anche la cena del lavoratore.
Le chiècchiere fa le piducchie. Le chiacchiere fanno i pidocchi.
Léne di fèchere, vin' annaqquanèite e páne fijirèite men'annènze la massarèjje.


Legna di fico, da ardere, vino guasto (ngitèite) e pane fiorito menano avanti la casa del contadino: i generi di prima necessità, ancorché avariati, mandano avanti la casa.
Li bìlle tìmbe de na vódde. I bei tempi di una volta (passati).
Li chiàcchiere nin fà farëne. Le chiacchiere non fanno farina.
Li chicàcce e li patène dormene n' terre. Zucche e patate dormono a terra.
Li ciammajjeìche di Jinnáre nin li màgne ogne villáne.

Le lumache di Gennaio non le mangia ogni contadino: poiché sono le più squisite, esse vanno vendute al mercato.
Li cumbère di lu Uaste, újje si fa' e dumane si sguaste. I compari del Vasto, oggi si fanno e domani si guastano.
Li mùrte di canda ni tì!  opp. l'alme di canda ni tì! Tutti i morti che hai.
Li mušca, tù'!
I mortacci tuoi!
Li mušchi de mammit' e de pètte! I morti dì tua madre e tuo padre!
Li quatrëne sott'a li matîne si li màgne li sîrge.

I soldi sotto ai mattoni li mangiano i topi. Non conviene l'avarizia.
Li signìure càmbe pèuche pi' la troppa càrne,
li cafìune pi' lu troppe vèine.

I signori campano poco per troppa carne, i contadini per il troppo vino: dolorosa connstatazione.
Li sscìme se mandën'a ppàn'e àcche.
Gli stolti si accontentano di poco.
Lîjje. Mese di luglio. Detti: e mmèta mète, e mmète la faggìjie, e lu patrone m' ha prumesse la fije, me l'ha prumesse e nen mme le vò daje, tutte le hrane je vojjie sceppaje; canda vé lu muése de lîjje tutte jérve devènde pambuije; assutte vine e ppresutte; le metetìre vann'a la pîjje. Mese di luglio. Detti: e miete e miete la falce, il padrone m'ha promesso la figlia, me l'ha promesso e non me la vuol dare, tutto il grano voglio strappare; quando viene il mese di luglio tutte le erbe diventano paglia, si assomigliano; asciutti, pronti da usare, vino e prosciutto.
Lu cuarlucchiàre è nu mmuàle pahatàre. L'avaro è un male pagatore.
Lu cumbère de lu Uaste, Uje se fà e ddumane se sguaste. I compari di Vasto , oggi si fanno e domani si sfanno.
Lu dábbete màgne la notte. Il debito non fa dormire.
Lu furnàre ha màsse la jònde.

II fornaio ha messo l'aggiunta (di un pezzo) per far quadrare il peso.
Lu luétte se chiame Rose, si 'n' zi dorme, s'aripòse. Il letto si chiama Rosa, se non si dorme, si riposa.
Lu manne è 'nu pajjare e chi nin zì n'apprufètte e 'nu mingaune.
II mondo è un pagliaio e chi non lo pela è un minchione.
Lu matrimonie: Lu prim'anne a ccor'a ccore, lu suconde a chègge 'n gule. Il matrimonio: Il primo anno a cuore a cuore, il secondo a calci nel culo.
Lu médeche piatàse, fa la piaca virminàse. Il medico pietoso , fa la piaga verminosa.
Lu mué é lu tué e lu tué e lu tué... E' tutto tuo sia il mio che il tuo.
Lu pirdisánne 'n à ma' sguastáte minèstre.

Il prezzemolo non ha mai guastato pietanza: le buone regole prevengono ogni jattura.
Lu prim'anne accasáte (spusate), u 'mmalàte u carciràte. lett. il primo anno da sposato o malato carcerato.
Lu puòrche o porce cande ss'abbotte arèmmocche lu truocche. Il maiale dopo aver tanto mangiato rovescia il truoccolo.
Lu puòrche o porce, da vèive pizze e da morte addòre. Il maiale da vivo puzza ma da morto odora.
Lu puòrche o porce, locche magne jànnela spaccàte. Il maiale pigro mangia la ghiandola spaccata.
Lu sacche vutte, nin z'attè all'imbìte. Il sacco vuoto, non si tiene in piedi.
Lu sangiuuànne mé.


Il compare. Il riferimento è alla festa di San Giovanni durante la quale si facevano comparaggi.
Lu sòle schèrze addò stà hìste è qualle ch 'attocche all'èddre. L'unica burla che si gusta è quella di cui sono vittime gli altri.
Lu tràgne canda cale a lu puazze cale ttutte ridènne, canda arisaje, arisaje ttutte piagnènne. Il secchio quando si cala nel pozzo scende ridendo, quando si ritira, risale piangendo.
M'à fatte fä 'na smôšte!...m'à fatte jitticä! Mi ha fatto spaventare!
M'à fatte vidé li štalle. Mi ha fatto vedere le stelle.
M'àjj'abbuttáte; mi si 'bbuttáte. Mi sono stufato, annoiato; mi hai scocciato, rotto le scatole.
M'arrénne l'abbàje. Mi prende in giro.
M'avašte nu cuìle. Mi basta un culo.
'M Bizze 'm bëzze. Camëne bizze ('m) 'm bëzze a lu fosse. Sul filo, sull'orlo, rasente rasente. Cammina vicino al fosso.
M'é mminùte 'n bîzze! Mi sono stufato!
M'é mminùte nu calicapasse. M'è venuta una colica, la diarrea.
M'é rimàšte 'n gànne. Desiderio insoddisfatto. Mi è rimasto in gola, sono rimasto male.
M'ha fatt'allunguà lu colle. Mi ha fatto aspettar molto, desiderar molto una cosa.
M'haje gnilèite. Mi sono gelato.
M'haje tarmäte. Mi sono congelato.
'M mèzz' a la pèzze di lu quásce. Star bene, al sicuro.
Ma ch'àma fä '... li préuve? Ma che... vogliamo dare spettacolo?
Ma che ne përl' a ffä'! Meglio non parlarne!
Ma chi cci té' la vrannele a lu cirivèlle?

Ma cos' ha dentro il cervello, la crusca? Si dice di persone incapaci di ragionanare.
Ma dijje ca scè! Ma digli di si (per dire: non credergli, lascialo perdere, non dargli retta, ecc.)!
Ma v'a ccac'a lu muàre, ca 'n fì rumuàre. Vai a far danno dove non ti vedono, né ti sentono.
Ma vatt' a fa' riculuä... a Ddagnàne! Ad Agnone c'è una famosa fonderia... quindi: vai a farti fondere per poi essere colato di nuovo!
Màgne a huste té' e viste a huste dill' èddre.


Mangia a gusto tuo e vesti a gusto degli altri: così camperai cent'anni eludendo gli effetti perversi dell'invidia.
Màgne mmolle ca ví' de córpe. Consiglio di medico: Mangia molle (liquido) cosi vai di corpo bene.
Máje. Mese maggio. Detti: ecche máje, vestute da spose, càreche de fiure e ccupèrte de rose, ascìte da fore vù canda ne séte, ascìte da fore se nen ge credéte; máje 'n feste e ffiùre me ne vaje; chi rite e cchi piâgne. Mese di maggio. Detti: ecco maggio, vestito da sposo, carico di fiori e coperto di rose, uscite fuori tutti quanti, uscite fuori, se non ci credete; maggio, in feste e fiori me ne vado; maggio, chi ride e chi piange.
Mala nuttuäte e cìtela fàmmene. Cattiva nottata e figlia femmina.
Mamma ma'!... e chi l'à cacäte... lu dujâvele nghi nu duluore di pânze!?

Mamma mia'!... e chi lo ha cagato... il diavolo a seguito di un mal di pancia!? (di persona indescrivibilmente malvagia).
Mamme che ffradde!... S'aribbuve li 'nguëlle! Mamma che freddo!... Resuscitano le anguille!...
Mangh'a li chëne! Neanche ai cani (possa capitare).
Mar'a a chi la case andònna la hallèine canda e lu halle ammucciàjje. Povera la casa dove la gallina canta e il gallo tace.
Mare, vid' e fùgge; taverne, vid' e tràsce. Mare, vedi e fuggi; taverna, vedi ed entra.
Marze. Mese di marzo. Detti: ecche marze pazze pazze, mò lu sole e mmo' la guazze, mò lu sole e mmo 'lu 'mbrelle, marze, marze è ppazzarèlle e ttè' sèmbre preparate cacche bbèlla 'mbruvvusäte; vàreche a mmarène e mmare bunàzze; se n'de vo' dà le làine tìlle pe pazze. Mese di marzo. Detti: ecco marzo, pazzo pazzo, ora il sole, ora il fango, ora il sole, ora l'ombrello, marzo, marzo è pazzerello, ed ha sempre pronta qualche bella improvvisata; barche alla marina, mare calmo; se non ti vuol dare la legna, consideralo pazzo.
Mátte Crëste 'm mén' a li Tîrche.

Sbagliar proprio indirizzo, far cattivo uso d'una cosa.
Mazz e panelle fanne li fije bbelle; panelle senza mazze fanne li fije pazze. Botte e pane fanno i figli belli, pane senza botte fanno i figli pazzi.
'Mbàcce a cchi štä'? / Pi nin pahä naquille tâsse l''haje màsse 'mbacce a mmajme. rif. a una proprietà, per dire: a chi è intestato? / Per non pagare molte tasse l'ho intestato a mia moglie.
sscè!... li patàne chi tti mègne! Esclamazione nei confronti di chi dice qualcosa alla quale è difficile credere.
'Mbustá li pìte. Far resistenza con i piedi.
Me vajje a ndtrattená. Mi vado a trattenere.
Mèjje 'na mòtte di vicàche che ttí a štu muànne.

Meglio un cespuglio di spine che tu in questo mondo.
Méne de vàrvjre, nèse di chène e cule de fèmmene è sembre jilète. Mani di barbiere, nasi di cane e culo di donna son sempre gelati.
Méne sètte pi ccòjje otte.

Dice una cosa per farne un'altra, intende un'altra cosa.
Métte a rriòtte. Mi fa dispetto.
Mëttete nghi chi è màjje di tà e fajje li spáise. Mettiti con chi è meglio di te e fagli le spese.
Mi fa' âbbe (hâbbe) / Mi ni facce hâbbe.
Mi sfotte, mi stupisce, mi fa meraviglia / Mi stupisco, Mi faccio meraviglia
Mi li si fàtt'arimbònne. M'è andato di traverso.
Mi ni facce hâbbe / Mi fa' âbbe (hâbbe) Mi stupisco, Mi faccio meraviglia / Mi sfotte, mi stupisce, mi fa meraviglia
Mi sa 'ffurte! Non gradisco farlo, lo faccio contro voglia!
Mi s'è tarmëte li pìte. Ho i piedi gelati per il freddo.
Mi sénd accëise. Sentirsi stanco.
Mi sì 'bbuttáte...; m'àjj' abbuttáte.

Mi hai scocciato, rotto le scatole; mi son stufato, annoiato.
Mi sì fatte abbiretà' li vidèlle de la panze. Mi hai fatto attorcigliare le budella.
Mmónd e bbàlle. Su e giù (sotto e sopra, avanti e indietro).
Mo je l' ammòlle; ammullà la varve; sîbbet ammolle.

Adesso glielo/la do, cazzotto o pedata; ammorbidire la barba con la schiuma; cedere subito.
Mo s'è 'żżate... té 'ngòre lu scuacazz' all'ùcchie. Si è appena svegliato.
Mo se ne vä 'na luma d'ùje! Sta finendo tutto l'olio del lume!
Mo t'arrive 'na capiràte 'n brànde! Adesso ti do una botta intesta! (minaccia).
Mò te fàcce 'nu muàzze tande! Ti spacco fa faccia!
Mò te tëire 'na frisèlle. Adesso ti do no schiaffo.
Mò ti cave l'ùcchie! Ora ti cavo gli occhi!
Mo ti fâcce triti trèite! Ora ti stritolo!
Mo ti šduhuâje!
Ora ti faccio a pezzi! (šduhuä' = ridurre in doghe).
Mò ti sgrinâje! Ora ti spezzo le reni!
Mò ti štocche lu cuôlle! Ora ti stacco il collo!
Mò ti štréppe li racchie! Ora tii estirpo le orecchie.
Mundagna chiare e mmarina schîre, fatte nu viagge ca vì ' sichîre. Montagna tersa e Marina nuvososa, fatti un viaggio perchè vai sicuro.
'N Baradëse n'gi si va nghe la carròzze.

In Paradiso non si va in carrozza. Occorre conquistarselo con fatica.
'N 'acchiappà ppëcce! Non fare storie!...
N' arrive a vascià la ciucce all'asene. Non arriva all'organo sessuale dell'asino, nel senso di essere troppo basso. Persona di bassa statura.
'N 'gi vujje cummuátte nghi li scìme. Non voglio aver a che fare con gli scemi.
'N gile d'àcche. A pelo d'acqua.
'N mangànze de cavàlle, l'asene trotte. In mancanza del cavallo, trotta l'asino.
'N' ti ci matte 'nghi chillì, vvò la pajje gne cende cavèlle.
Non t'accompagnare con quella donna , occorrono soldi quanto tanta paglia per cento cavalli.
'Na fammene e 'na papere ha mèss'a rribbèlle Nàpele. Una donna e una papera hanno messo in allarme Napoli.
'Na fémmen 'arepeccàte. Una donna truccata.
'Na làne nen fa féuche. Un pezzo di legna soltanto non fa fuoco.
'Na lîsce d'ácche (in gergo marinaresco). Un acquazzone.
'Na pèchere. Una sbornia.
'Na scèrte d'èjje. Una corona d'aglio.
'Na vódde ca la cáse s'abbrìusce, scallàmece. Visto che la casa va a fuoco, scaldiamoci.
'Na vódde còrre lu cane, e 'na vodde lu lebbre.


Una volta corre il cane ed una volta la lepre. La fortuna ha fasi alterne e non va sempre nella stessa direzione.
Najjabbisagne. Non ho bisogno di nessuno o di niente.
Natale nghe li tù e Ppasche nghe cchi vù.
Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi.
'Ndrattenà; me vajje a ndtrattenà. Intrattenere; vado ad intrattenermi.
Nduuä! Ti vù’ spiccé o nà’!?




Senti! Ti vuoi sbrigare o no!? (Il termine ’nduuä’! oppure enduuä’! è un’esclamazione difficile da tradurre, si usa per richiamare l’attenzione e potrebbe significare: Senti! oppure Ma dimmi!, ecc..
'Nen t'allazzä'! Non cantare vittoria! - Non gioire troppo!
'Ngannà; ngannà lu sonne. Prendere alla sprovvista; cogliere.
'Ngazzàte o ingazzàte; stinghe 'ngazzàte. Arrabbiato, incazzato; stò ingazzato.
'Ngàzze la fame. Mi prende appetito.
'Nghe n'ùcchie freje lu puàsce
e nghe l'àddre tine 'mmende la gatte.
Con un occhio friggi il pesce
e con l'altro guarda il gatto.
Nghi nu duàte s'assécche l'acca sânde! Basta un dito per prosciugare l'acqua santa!
Nijènde e mmanghe sále. Niente assoluto.
Ni' j si pò déice manghe: chi bill'ùcchie ti' 'n brànde.
Non gli si può neppure dire: che begli occhi hai in fronte.
'Ni' 'li pôzza pruhuà niscîune! Non lo auguro a nessuno!
'Ni' mmagná' naquàlle, màgne lu bbaštànde.

Non mangiar molto, solo ciò che basta (solo il giusto).
Ni' mmi n'affèide manghe a halijé.

Non ce la faccio neppure a sbadigliare (qaundo si è stanchissimi).
Ni' vvo' né arà' né trischà'. Non vuole né arare né trebbiare.
Ni' vvuje 'mbëcce! Non voglio impicci/fastidi!...
Nin fà bbene ca è spricàte, nin fà male ca è piccàte. lett. Non far bene che è sprecato, non far male che è peccato.
Nin gi šta 'na spose senza piande e nu morte senza risàte.
Non c'è sposalizio senza lacrime né funerale senza risate.
Nin màgne pe' nin cacà. Non mangia per non cagare.
Nin mi šta ffà' li cëce 'mmùlle!

Non mi far tenere i ceci a mollo. Nel senso di non far perdere tempo.
Nin 'mparlà canda fire lu vente, ca li parole si li port'avanti.
Non parlare quando tira il vento perchè esso se le porta via.
Nivele a toppe de lane e cule de creature 'nen ppu stà ma sicure. Nuvole a pecorelle e sederi di bambini non puoi star mai sicuro.
Nnuvembre, lu muase de ll'alme de lu Pruhadorie. Novembre, il mese delle anime del Purgatorio.
'Nu ccàune pe' Ccrëšte, nnu ccàune pe' lu diàvele.
Non scontentar nessuno: ne Cristo, ne il diavolo.
Nu 'ccone. Un poco.
Nu cëfere di vénde. Un vento forte.
Nu fèile de vende. Un filo di vento.
Nu mumènde , cand' accéite lu fèjje di Patanghe. Un momento quando uccido il figlio di Patanghe
Nu petre e na mamm camp' centi feje e centi feje n'in camp' nu petre e na mamm. Un padre e una mamma campano cento figli ma cento figli non campano i genitori.
Nuvèmbre. Mese di novembre. Detti: je so nuvèmbre, e pporte, porte sèmbre murte e ssènde, e pporte la sumende de lu hrane pe ddà titte nu muòcceche de pane, se doppe sumundate vu 'le spine, N'za'ha da jì scazze canda se camine; nuvèmbre lu muese de ll' alme de lu Pruhadorie; si nin zì arate tutte l'anne stì tribbulàte; acene acene se cojje la 'lèive. Mese di novembre. Detti: io sono novembre e porto, porto morti e santi, e porto il seme del grano per dare a tutti un pezzo di pane, se dopo la semina vuoi le spine, non andar scalzo quando cammini; novembre il mese delle anime del Purgatorio; se non hai arato tutto l'anno, a novembre ti trovi in difficoltà; acino acino, si raccoglie l'olivo.
'Nz n'affëde. Non gliela fa.
Òcche facce quèlle chi' vvè. Che faccia quello che vuole.
Ogne lassàt' è perze.
Ogni lasciata è persa.
Óme grosse, camiscia làreche. Uomo grosso, camicia larga.