Il Latinorum del dialetto vastese
Proverbi e modi di dire di derivazione dalla pratica
religiosa
, dalle Sacre Scritture e dal Linguaggio Ecclesiale
stralcio da art. di Giuseppe Tagliente e Fernando D'Anunzio apparso sul "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2019
 
Dialetto Vastese (locuzioni) DA

A lu muacèlle

Iànua coeli

Deo grâzie!/'Ngrazi'
a Ddë'

Si dice A fatte Deo grâzie!

Riferito a chi è morto
e ha finito di soffrire

Deo gratias

Dòmene sobèsche

Addò' šta Dòmene sobèsche 'n gi manghe ma' pane frasche Non manca mai il pane fresco negli ambienti
ecclesiastici
Dominus vobiscum

Gloriapatre

Gloria Patris

Hecce Home

Mi pére Hecce Home! spesso storpiato
anche in Cacciahome
Si dice a chi si presenta malridotto Ecce Homo

La Case di cummuàre Letëzia

La Casa di commare Letizia Causa nostrae
laetiziae

Li Ddijasèlle

Per dire di un discorso lungo e noioso e anche di un duro rimprovero Dies irae
Lu Rufugge 'mpeccatòrum Luogo o persona a cui tutti accorrono o si rivolgono in caso di bisogno Refùgium
peccatorum
Lu Tuadé' Il Te Deum anche per dire di un discorso che va per le lunghe Il Te Deum

Procedenti da lu trocche

Procedenti ab
utroque dal
Tantum ergo

Ràsela sôcce

Ha fatte ràsela sôcce Ha raso tutto al suolo Tabula rasa

Rècchiemetèrne

Rècchiemetèrne, tu
a la fosse e jë a la tavèrne
.
Pare nu rèquie
Nell'apprendere di una morte che non dispiace.
Si dice di una persona brutta
Requiem aeterna

Requiešcâtte

La mâmme, requiešcâtte,
addonna štä
La mamma buonanima Requiescat
Séchela nzeculorum Secula seculorum
Ajjîtete 'ca Ddë' t'ajjîte! Aiutati se vuoi l'aiuto di Dio!
Alme di Ddë' Anima di Dio, si dice parlando di bambini
Canda Crëšte chiùte 'na pôrte, n'arrépe cènde
Quando Cristo chiude una porta, ne apre cento
Cëfere. Mi paréve nu ciuëfre Lucifero/Demonio. Era infuriato, sembrava
un demonio
Ch'à fatte lu muànne, l'à sapùte fä' Chi ha fatto il mondo, lo ha saputo fare
Chi spute 'n céle, j'arivé' 'm bâcce Chi sputa in ciclo, gli torna in faccia
Chìse e sacrastàne Chiesa e sagrestano, per indicare cantina e
ubriacone
Condr' a Ddë' 'n gi si pò jë' Contro Iddio non si può andare
Crëšte, gna vàite, accuscè' pruvvuàite Cristo, come vede, così provvede
Crisci sânde... 'ca diâvele già ci sì'! Possa crescere santo, perché diavolo lo sei già
(lo si sente dire ai bambini che starnutiscono)
Ddë' ti huârde da mircande fallèite, e da
piducchie arinfarinéte
Dio ti guardi da mercante fallito, e da povero
arricchito
Fa gna prèdde dèice e no' gna prèdde fä Fa come il prete dice e non come il prete fa
Fa l'arte di Cajasse, magne bbeve e va a
spasse
Si dice di uno che non fa niente. Cajasse è
forse Caifas, il gran rabbino del Tempio di
Gerusalemme
Fa Marte e Mataléne Far Marta e Maddalena, si dice di chi deve
accollarsi più lavori
Fatt' aribattezzà' Fatti ribattezzare, detto ad una persona sfortunata

Fusse ' lu Dduè! o Fusse chilu Dduè!

Volesse Iddio! Magari!
L'alme de lu Prihadôrie L'anima del Purgatorio (così i nostri anziani denominavano le farfalline li ciamarèlle che volteggiavano intorno ad una fonte luminosa
e che simboleggiavano l'anima dei nostri
cari defunti che venivano a farci visita)
L'angunuëje. L'angunuì' di li piëtte L'agonia, sta per suono della campana a morte.
L'agonia dei piatti, così si interpretava il suono
delle campane a mezzogiorno
La ciàre si squâje e la prucissiàne nin camëne
La cera si consuma e la processione non
procede (quando trascorre il tempo e non
si conclude nulla)
La Grotte di Bbettlèmme La Grotta di Betlemme (per indicare un
tugurio o un luogo angusto e sporco)
La Quaràseme. È longhe gne la
Quaràseme
La Quaresima. Sta ad indicare lentezza
ma anche una persona molto magra
Li Sandèsseme I Santissimi, per indicare i testicoli
Li Sippîliche. S'è mmésse Ggisù Crište 'n zippîlleché I Sepolcri. Le cerimonie dell'esposizione del SS
Sacramento nel Giovedì Santo, dopo la Messa
in Coena Domini
Lu muònece o lu prèdde È il nome dato allo scaldino o scaldaletto
(telaio in legno con una base rivestita in
lamiera, dove si poggiava un piccolo braciere
che veniva infilato nel letto in inverno, prima
di coricarsi
Lu purchittélle di Sand' Andùnie. Mi pare lu purchittélle di Sand' Andùnie! Il maialino di S. Antonio Abate; il Santo
Eremita viene raffigurato con un maialino
grasso accanto. Si dice di un bambino
grassottello
Madôsche. Pe' la madôsch' e nniènde cchjîì!... Per evitare di nominare la Santa Vergine
'N Zanda câppre, a li trendacìnghe d'ahàšte II giorno di Santo Cavolo, il 35 agosto per
dire di un giorno che non arriverà mai
Nu Patrennôštre n' arricchësce Crëšte Un Pater Noster non arricchisce Cristo
Nu Sacramènde. Chi è 'ssu sacramènde? Un Sacramento. Ad indicare un uomo alto
e robusto
Nu Sand'Andùnie! Per dire di una persona grossa

Ognìune pi' àsse, e Ddë' pi ttîtte

Ognuno per sé, e Dio per tutti
Om' allécre, Ddi' l'ajjîute Uomo allegro, Dio l'aiuta
Pare 'na sarvareggëne Sembra una Madonna, una ragazza vestita
elegantemente
Pricissiàne. Mméttese 'n pricissiàne;
tiné' la côcce 'n pricissiàne
La Processione. Inseguire un progetto
o un'idea, fantasticare
Sand' Ascânie! Si esclama nei casi in cui occorre memoria
e intelligenza
Sanda Luciuè'! Santa Lucia! (si esclama nei confronti di chi
cerca qualcosa che ha davanti agli occhi e non
lo vede)
Sande nijènde. Sanghe di Sande nijènde! San niente. Per evitare di bestemmiare
nominando un Santo
Sandùcchie Bigotta/o riferito a chi frequenta assiduamente
la chiesa
Sbaje lu prèdde sopr' a l'addäre... e nen
puzze sbajjà jë'
?...
Sbaglia il prete sull'altare e io non posso
sbagliare? (nel senso che tutti possono
sbagliare)
Settimmàna Sânde. È llonghe gné la Sittimmàna Sânde! La Settimana Santa. Sta per indicare
lentezza e noia
Ssà fa' 'Ddë', ch'è ssande vìcchie Lascia fare a Dio, che è un santo vecchio
Va dirëtte, ca Ddë t'ajjîute Vai diritto, che Dio ti aiuta