Vasto - Proverbi, detti e modi di dire: D - J
 
Da ddo' vé' 'ssi ddu' 'ndunduëte? Da dove arrivano questi due intontiti?
Da l'amëice e da li parìnde, s'aricëive tradimìnde.
Dagli amici e dai parenti si ricevono tradimenti.
Da l'aváre ci pù' avé' cacchéuse, da lu magnuttàune 'n gi chècce nijènde. Dall'avaro puoi ottenere qualcosa, dal crapulone non ci ottieni niente.
Datte da fä’ e fa ‘na cosa lèšte!


Datti da fare e sii lesto!” (Si dice anche: ... e fa ‘na cose di jùrne! quasi a voler dire: prima che si faccia notte.
Ddë fa le merèchele 'n gîle e lu fumîre le fa
'n dèrre.
Dio fa i miracoli in cielo e il letame lo fa sulla terra.
Ddè' ti huarde da mircande falleite e da pidùcchie arinfarinète. Dio ti guardi da mercante fallito e da povero arricchito.
Decémbre. Detti: scorte l'anne e scorte le quatrine, t'ambére ca pe ttà n' ge sta nescìune; decémbre tembe de l'Avvende, acche, néve e vvènde; Natale nghe li tu' e Ppasche nghe cchi vu'; Decémbre accapputtäte la rrôbbe n'ha mä' mangäte. Mese di dicembre. Finito l'anno e pure il quattrino impari che per te non c'è nessuno; dicembre tempo dell'avvento, acqua, neve e vento; Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi; Dicembre imbacuccato il cibo non è mai mancato.
Déche; che déche tì? Idea, progetto; che idea hai?
Donne e ssardine so bbune piccinine. Donne e sardine son buone piccoline.
Dorm' a ppite.

Dorme in fondo al letto, persona non aggiornata su argomenti noti.
Dorme gne nu scannàte. Dorme come un morto.
É acca tràvete!

È acqua torbida! (situazione poco chiara o ingarbugliata; non ci vedo chiaro!).
É 'bbrîtte e mmalecaváte. È brutto e piccolo.
É capece di li sguastè, ma nò di l'arifè. È buono a disfarla, ma non a farla.
É cchiù bbrîtte de lu dábbete.
È più brutto del debito.
É cchiù cuccìute de n'àsene.
È   più testardo di un asino.
É cchiù llonghe de la mmal'annàte.

È più lento della mal'annata, riferito a chi è lentissimo nel fare.
É chi l'accëite. Durerà molto (riferito a persone e cose).
É cillëne. È un tipo sveglio, intelligente, furbo.
E ddall' a zi' Pitre! Quando uno insiste e non vuole smetterla.
É de la cossa biànghe. Appartiene ad una categoria privilegiata.
É di chilàure de cane canda scappe. È del colore del cane che scappa.
É fij'a lu patre.

È figlio al padre. Nel senso che ha lo stesso carattere o le stesse sembianze del padre.
É fricàte la hálepe. È fatta, non c'è più niente da fare. 
É grosse gnè 'na crisòmmele. È una bugia grande come una prugna grande.
É hàdde nu puàlme e 'na ficòzze.
  È alto un palmo e una spanna.
É lu vróte gràsse.

È il brodo grasso. Mangia brodo grasso; sta comodo e senza pensieri.
E' mbé... com'è jjîte li vutazjîne? Allora... come sono andate le elezioni?
É mméj' a fä' che accummuannä'! È meglio eseguire che demandare!
É mméj' a j' 'n' gambagne 'nghi la piève,... che pèrde la brèschele a cinguantanéve.
È meglio andare in campagna con la pioggia che perdere la briscola con cinquantanove punti.
É mméj' a mmátte féuche a nu pajáise ch'a ddištrìjje' n'usanze! È meglio bruciare una città che distruggere una usanza.
É mméj' a 'rrèsse preime a la càsa tè, che a 'rresse sicande a la case dill' èddre. Meglio essere il primo a casa tua che il secondo a casa d'altri.
É mméj' a ttinà nu puorce a cumbuìtte che nu fije sàule. È meglio allevare un maiale alimentato a
confetti che un figlio unico.
É mméj' 'nu ccaune di libbirtà che dèce lebbre d'eure. Meglio un'oncia di libertà che dieci libbre d'oro.
.
É mméj' pan' assìtte nghi la páce chi maccarìun' e ccàrne nghi la huèrre. È meglio pane asciutto con la pace che maccheroni e carne con la guerra.
É mméj' quasse... che 'na mazzanne 'mbrande. Faresti bene ad accontentarti.
É mméj' sale che mal'accumpagnate.

È meglio soli che male accompagnati.

É mmòrte di crinìnze. È morto di stenti.
É na fàva cacchiàte.

È una fava germogliata male. In senso lato, è un imbecille, inconcludente e futile.
É 'na (nu) trapilèine.

È  una smorfiosa (smorfioso). Una/o che fa moine.
É 'na (nu) vandasciàne. È una (uno) che si vanta.
É  'na (nu) vrettacchìeine.

È  una donna sporca (un uomo sporco), una donnaccia, uno sporcaccione.
É nat'a lètt'arifàtte. È nato con tutte le comodità.
E nin gi 'mbare sàgne!


E non prende provvedimenti, non ne prende atto, non fa niente per correggersi!
É nnuvele... e puzze de cäce.
Capita ancor oggi che qualcuno risponda così alla domanda: "che tempo fa?"
Sembra che l'origine del detto derivi dal seguente episodio:
Un tal contadino che doveva recarsi nei campi all'alba sveglia prima d'alzarsi la moglie e le
chiede di verificare le condizioni del tempo.
La poverina ancora insonnolita anziché la finestra
apre lo stipo a muro dove si conservava anche il formaggio e avverte: "è nnuvele... eppuzze
di cäce".
E' nuvoloso e c'è odor di formaggio.
É nu muonn' aritravuddäte o a la capichîule! E' un mondo sottosopra!
É pareule de pettàre, nin coj' e 'n fa male. La parola di un conta frottole non fa male.
É remaste gne chille de Càsele, senza quatrëne e senza l'asene.

È   rimasto come quel tale di Casoli, senza quattrini e senza l'asino. Per dire che è rimasto completamente al verde.
É rimaste sfaciulète. È rimasto senza quattrini.
É strèuse. È strano.
E parle gna t'à 'mbaràte màmete, dì ca vu' nu picciaféuche! (dialogo fra Saverio Napoletano, soldato del 49° fanteria, che torna in licenza, e la madre di lui che va ad incontrarlo sull'uscio. Saverio, dopo aver tolto di bocca una sigaretta spenta, abbraccia la madre e le dice "Ben trovata, mamma, come va?",
"'N grazia Dde', ma pègge (Grazie a Dio, mai peggio"). E Saverio: "Mi dai un brichetto?", "Li seme vinniute lu purcatte (L'abbiamo venduto il porchetto)". "Non capisci? - insiste Saverio - Desidero un chiaro", e la madre "'Ngi sta cchi'. Chiare aècche, s'è maritète mo fa l'anne (Non ci sta più Chiara qui, s'è sposata l'anno scorso.
E Saverio: "Questa gentaglia non intende un'ostia: voglio un fiammifero!". Risponde la madre: "E parle gna t'à 'mbaràte mamete: dì ca vu' nu picciaféuche!"
E parle gna t'à 'mbaràte màmete, dì ca vu' nu picciaféuche! (dialogo fra Saverio Napoletano, soldato del 49° fanteria, che torna in licenza, e la madre di lui che va ad incontrarlo sull'uscio. Saverio, dopo aver tolto di bocca una sigaretta spenta, abbraccia la madre e le dice "Ben trovata, mamma, come va?",
"'N grazia Dde', ma pègge (Grazie a Dio, mai peggio"). E Saverio: "Mi dai un brichetto?", "Li seme vinniute lu purcatte (L'abbiamo venduto il porchetto)". "Non capisci? - insiste Saverio - Desidero un chiaro", e la madre "'Ngi sta cchi'. Chiare aècche, s'è maritète mo fa l'anne (Non ci sta più Chiara qui, s'è sposata l'anno scorso.
E Saverio: "Questa gentaglia non intende un'ostia: voglio un fiammifero!". Risponde la madre: "E parle gna t'à 'mbaràte mamete: dì ca vu' nu picciaféuche!"
Eh bbène me', tutte quènd'avéma ji' ffinè' all'èlbere pizzìute! Eh caro mio, tutti andremo a finire al cimitero!

Ehhuà! ... enduhuä!


Due esclamazioni molto usate ma di difficile traduzione.
Enduhuä'... t'haja dice 'na mmassciäte! Senti... ho da parlarti!
Fà birlicche e birlòcche. Dice e si contraddice.
Fa cchiù miréchile 'na votte de vëine ca 'na Chíjse di Sénde. Fa più miracoli un botte di vino che una chiesa di santi.
Fa come l'ingenz'a li mùrte.
Fa come l'incenso ai morti, cioè niente.
Fá' Cóseme. Fa l'indiano, fa finta di..
Fá l'àrte di Cajàsse, magne, vvéve e v'a spásse.


Non far nulla, mangiar, bere e andare a spasso, proprio come quel tal Cajasso.
Fá la ciuhàtte. Sta spiando.
Fà' la notte de Natàle. Notte insonne.
Fà' 'llungà lu colle. Tenere uno sulla corda.
Fà lu don Ciccille. Persona che fa il gagà.
Fà lu hallinàcce. Parla poco.
Fá lu squassate. Fare lo scasso per la piantagione delle viti.
Fa lu stîbbete pi ni jë a la guerre. Fa lo stupido per andare in guerra.
Fa lu stîbbete pi nin pahà la Fundujàrie. Fa lo stupido per non pagare la Fondiaria.
Fa sübbete e fa piäne pi’ la vè’! Vàttene rende
rende e abbad’ a tta’!




Fai subito e cammina piano per la via! Cammina ai bordi della strada e attento a te!” (Sa di contraddizione questa frase che invita prima alla fretta, poi a camminare piano e infine invita alla massima prudenza).
Facce lu Cruéste pe' sette carlèine.


Faccio il Cristo per sette soldi, vuoi dire affaticarsi molto per poco guadagno.

Facéme "titte ca mi tinghe".


Facciamo "reggiti che io mi reggo" (come due ubriachi).
Fajje li spàise (mmëttete nghi chi è cchiù mmëjje di ta' e fajje li spàise). Mettiti (frequenta) con chi è meglio di te anche se ti può costare.
Fálle újje e n'aspittà dumuàne. Fallo oggi e non aspettare domani.
Fàmmene, èsene e nîuce vonne li mene pisende. Donne, asini e noci vogliono le mani pesanti.
Fàtte lu cuànde ca mo li vàite! Già me lo immagino!
Fàtte 'sscià l'alme. Fatti uscire l'anima. Di' la verità, confessa!
Féjje mé, nin ti scurdà' má ca sott'a sta méne 'ngi piove má. Figlio mio, non ti dimenticare che sotto la mia mano (al palmo) non piove mai.
Fije, fàmmene e huéine, tìlle da vecëne. Figli, femmine e vino, tienile vicino.
Finché 'n casche l'hùteme dende 'n pù sapè chi t'è cumunénde. Finchè non cade l'ultimo dente non puoi saper chi ti è amico.
Fòre la faccia vostre.


Espressione per chiedere scusa nel raccontare fatti spiacevoli o scabrosi.
Fraffàse! Moccioso!
Frìje lu puàssce e huàrde (e tté' mmènd' a) la hâtte. Friggi il pesce e tieni d' occhio il gatto: comunque detta, la prudenza non è mai troppa.
Furbare. Mese febbraio. Detti: furbare, furbarotte, tìtte tè trende e jì vendotte, se le jurna mì fusse tutte, ggelàsse lu huèine dèndr'a le vitte; furbare curte curte u lu méjje u lu pègge de tutte; curte e mmale cavate; pîte chîrte, lu mése pégge de tîtte.
Mese di Febbraio. Detti: febbraio, febbraiotto tutti ne han trenta ed io ventotto, se i miei giorni fossero tutti, gelerebbe il vino dentro i botti; febbraio corto, corto o il meglio o il peggio di tutti; febbraio corto e brutto; piedi corti, il mese peggio di tutti.
Ggenda trëste, numenàt'e vëste. Gente trista nominata e vista.
Ggià ch'é quàsse. Visto e considerato / stando così le cose
Ggîgne. Mese giugno. Detti: e sse méte, se méte lu hrane, e sse méte pe monde e pe ppiane, tra cecale, tra hrìlle e ttra quajje, tutte la jjerve devènde na pajje; a ggîgne tìtte car' e cchìure la campagne e la metetìure; tutte le mése ve' la sère, sol'a ggîgne nen ce spére. Mese di Giugno. Detti: e si miete, si miete il grano, e si miete per colli e per piani, tra cicale, tra grilli e tra quaglie mentre l'erba diventa paglia; a giugno tieniti caro e cura la campagna e la mietitura; in tutti i mesi viene sera, a giugno non ci sperare.
Gna è la sumuènde, accuscë vé la piànde. Com' è il seme, cosi cresce la pianta.
Gna' j' càrre la sìjje.

Come gli corre la subbia cioè come gli va bene il lavoro.
Gna mi sune, accuscè' t'abbàlle. Come mi suoni (mi paghi)così ti ballo.
Gna nènghe squajje.


Come nevica squaglia. Nel senso di cosa che avviene rapidamente.
Gna t'arimétte? Qual è il tuo cognome? come ti chiami?
Gna ti fè lu lette, accuscè' ti ci chìleche. Come ti fai il letto, cosi ti ci corichi (dormi sopra).
Gne la pricissiàune de Sanda Filummuène. Incertezza sull'inizio e la fine della processione.
Ha cagnàte l'uccbie pe' la còte.


Ha cambiato l'occhio per la coda, nel senso di fare un pessimo affare.
Ha fatte lu quàrte. Ha fàtte lu quarte e se n'è jìtte.
S'è arrabbiato. S'è arrabbiato e se n'è andato.
Ha màsse cas'e putèche. Ha messo casa e bottega.
Ha 'mmacciuccàte la nève pe' ffà 'nu pupuàzze. Ha sciacciato la neve per far un pupazzo.
Ha 'ngipullàte. Ha inciampato.
Ha passàte lu callaràre e m'ha chiamàte facciaténte! È passato il calderaio (sporco in viso) e mi ha chiamato facciatinta.
Ha štirète li pìte. Ha tirato le cuoia. E morto.
Ha truvuàte la forme de la scarpe.


Ha trovato la forma della scarpa, nel senso di aver trovato pane per i denti.
Hìntre e hìsce (lu). Il via - vai.
Hòmmene di vèïne, ògne ccènde nu quarlèine.

Per uomini dediti al vino, basta un carlino per ogni cento.
I puzze li dëte. Gli puzzano le dita, cioè è un ladro, un cattivo soggetto.
Ingaricá; n de ngarecà.

Preoccuparsi, farsene carico; non preoccupartene.
Ingascijá; in senso figurato, ha ngascijàte n dèrre.
Incaciare, coprire di cacio; in senso figurato, ha nevicato un pò.
Ingascijáte. Coperto di cacio, maccarùne ngascijéte.
Ingazzàte o 'ngazzàte; stinghe... Incazzato, arrabbiato; stò ingazzato.
Innáre. Mese gennaio. Detti: ecche innáre, mo' se fa 'vande, la 'rroste a lu foche e lu truffale accande, sét'ammetate cafone e ssegnure, canda ne sete de dentre e dde fure; innáre mé curtèse, gnà è la 'ndràte ccuscì fa la spése; ogne halline va a lu pajjare; la neve è fforte gne l'acciäre. Mese di gennaio. Detti: ecco gennaio che avanti si fa, l'arrosto sul fuoco ed il fiasco di vicino, siete invitati, contadini e signori, quanti ne siate di qui e di fuori; gennaio, tante sono le entrate e altrettanto sono le spese; ogni gallina va a coricarsi; la neve è forte come l'acciaio.
Ìse ìse. Di giustezza.
J'à 'ccalicàte lu quappèlle. Gli ha detto il fatto suo.
J'a dàte 'n golle la vicchiàje. Invecchiato prima del tempo.
J'à fatte 'na salichijète che s'arìcòrde fin' a cche ccampe.
Gli ha dato tante di quelle botte che lo ricorderà per tutta la vita.
J' sparàgne mojèm'a lu lètte e l'éddre si li fréchen'arret'a la fràtte. Io rispetto gli altri, ma gli altri non rispettano
me.
jamecénne!. Andiamo via!.
Jâmme ch’é ttârde e ‘i n’avéma jè’, (ma t’à da dà’ da fä’ s’à’ da minè’!).




Dai su ch’è tardi e ce ne dobbiamo andare, ma devi darti da fare se devi venire! (E’ curiosissima questa frase tra parentesi, sembra una scarica di mitragliatrice; tradotta parola per parola diventa: “ma t’hai da dar da fare se hai da venire!).
Jâmme sbrèghite ‘ca mo ci’aripèj’ aèsse! Dai sbrigati che ci stai mettendo le radici lì!
(Troppo bello quel mo ci’aripèje: deriva dal fatto che quando si trapianta un alberello o un ortaggio o un fiore, bisogna aspettare qualche tempo per vedere se il trapianto è andato a buon fine, in tal caso si dice: à ‘ripijéte, ha ripreso, ha radicato).
Jâmme, vija sü! ...
Dai sbrigati... sollecita fare qualche cosa.
Jàppeche àppeche, ciòppe ciòppe. Lento lento.
J'è rimàšte 'n gànne.


Gli è rimasto in gola (per dire di un bisogno insoddisfatto).
Je manghe li sette lamìnde. Lamentoso senza motivo.
Jè so' gnè "Marìjja Grèche", si nin pârle crèpe.

Io sono come "Marìjja Greche" se non parlo scoppio.
Jennàre la neve è fforte gne l'acciäre. Gennaio la neve è forte come l'acciaio.
Jètte la préte e annascônne la méne. Getta la pietra e nasconde la mano.
Jètte sètte p'ariccòj otte.

Dice sette per avere otto, nel significato di voler ottenere qualcosa di diverso da ciò che si dice.
Jì fa male lu vénde de lu vendàje.

Gli fa male il vento del ventaglio. Nel senso di persona insoddisfatta della ricchezza che ha.
Jucà a bbittîne.

Gioco di bambini, consistente nel premere con un bottone su un altro per farlo saltare lontano.
Jucà a sbattamîure, sbattamîre. Gioco del battimuro con le monetine.