Poesia e prosa di Vastesi
Gaetano Murolo
(Vasto, 1858 - Ancona, 1903)
Poeta dialettale autore di originalissimi sonetti in vernacolo
 
Cripe!... (anno 1898)

- Pasquà gna t' ha trattate la Natale?
-Gnè nu sugnàure, sa'; m' hann' ammitète.
Ch' avève ma' tritète lu caviale?
e chi bbuttèjje, fijje me', 'mbaijète!

Pircillatille, e, 'n gi stattève male;
mijèlle, 'nguèlle, fujje, rèise e arrète
turrune fëine, pane spizijale,
punge; cafè e li castagne aschète.

- E 'n zi' ccripate doppe la magnate?
scagne nghi nni' ch' avème fatte titte
nghi quattre vrucculille e nghi l'acquate!

- Perle p'ammèdie? e, mo ti vujje dèice
ch' all'îtime ajj' avute lu prisitte...
Cripe di rajje povere 'mbilèice!
stralcio da "Lunarie de lu Uaste" - ed. 2002
Nin G'è da fà!

Canda core di rännele j' à date
la mamme, requie
šcatte, addonna šta:
e da la jarne chi l'ha bbattezzate
lu vrèche ni j' à fatte ma' mangà'.

Stanne accuscì li chèuse 'n avvucate,
a ddice pèuche, aveva adduvuntà':
ma' mmèce è nu turzone d'inzalate
e n' o nghi nu bbicchire nin za fà.

Va pi' la piazze gnè nu salicàune, 'ndròppeche
si
tte mmènde a 'na bbardasce
e 'm bacce i si lègge ch' è cazzàune.

E ccanda un' è mèlanghe da li fasce,
nin g'è da fà': sarrà sèmbre mafràune
fine a chi ni ll'allònghene a la casce.
stralcio da "Lunarie de lu Uaste" - ed. 2003
Perché ti guardo?
(anno 1891)


Se vuoi sapere perché ti guardo, o bella,
dimmi perché l’olezzo han le viole;
perché vola pe ‘l ciel la rondinella
                                e splende il sole.



Perché ti guardo? chiedilo a ‘l tuo core;
chiedilo a ‘l mesto fior che ti donai;
chiedilo a ‘l tuo pensiero, a ‘l dì che muore
                             e lo saprai!...
.
Ciamarèlle

Facètele vulá' ssi ciamarèlle
p' la terra addo' li mi' ripose l'òsse:
pi' ccamb' e vvègne e p' ogne rruvuarèlle,
d' addo' šta Rîlle addonna
šta Palòsse.

Barda', chi tti' nnascošte lu quappèlle,
va' a fa' a 'nginècchie e nin mi fa li mòsse
:
ta criti ca so' llùcen' e cappèlle
nate da lu fumìre di nu fòsse
?


N' avašte ca lu cèle ha dištinate
falle cam
bá' nu jurne solamènde?:
li 'lète acchiapp
á
pruprie a šcupputtate
?

Facètele vulá' libbiramènde
ssi ciamarèlle mi' pi' 'na jurnate:
dumane
?... sarrá' murte tutte quènde!
Farfalle (Trad. dell’autore)

Fatele volar coteste farfalle
per la terra dove i miei riposan l’ossa:
per campi e vigne e per ogni viottolo,
da dove sta Rulli fin dove sta Palosse.

Ragazzo, che tieni nascosto il cappello, va’ a
fare a ngenecchie [gioco] e non farmi smorfie:
tu credi che siano lucciole
nate dal letame di un fosso?

Non basta che il cielo l'abbia destinate
a farle campare un giorno solamente?
le volete prendere proprio a schioppettate?

Fatele volare liberamente
coteste farfalle mie per una giornata:
domani?… saran morte tutte quante!

Prima vodde

Dendre a la capparelle abberretète
jave 'na säire p' li Varvachène:
nengàive e 'mezze a tanda scurutète
addre 'nzendèive ch’abbajà li chène.

Cande a 'mezze a la piazze ajje arruvuète,
chi vväite? AzzeccheDëiche, me vú’ bbène?
Nderre la cocce à sìbbete acciucquète
e p' respošte m’à date la mène.

Nen me le scorde mà chilu mumende
che p' la prima vodde m’à parlate:
e cande nänghe, pièuve e tire vende,

sende a lu chèure gne na curtullate,
e m’arepasse sembre p' la mende
chila cara ggiuvenette assutturrate!

Prima volta (Trad. dell’autore)

Dentro al mantelletto avvoltolato
andavo una sera per piazza Barbacani:
nevicava e in mezzo a tanta oscurità
altro non sentivo che abbaiare i cani.

Quando in mezzo alla piazza sono arrivato,
chi vedo? Indovina… Dico, mi vuoi bene?
In terra la testa ha subito abbassata
e per risposta mi ha dato la mano.

Non me lo scordo mai quel momento
che per la prima volta mi ha parlato:
e quando nevica, piove e tira vento,

sento al cuore come una coltellata,
e mi ripassa sempre per la mente
quella cara giovanetta sotterrata!