Poesia e prosa di Vastesi
Espedito Ferrara
(Vasto, 1908 - Vasto, 1992)
Giornalista, poeta, commediografo e
grande conoscitore e studioso della lénga uastaréule


Desiderio
a Don Salvatore Pepe

Don Zalvatàure ha détte: - Me despiàce
A mmà 'mmuré... - Don Zalvato' despiàce
A ttitte... Ha despiaciute a Ggesù Cruèste:
Ha 'vute pure hàsse st'ora trèste.

Ma cand'é bbèlle a jèrce 'n zanda pàce,
Senza rembrange, me, ccusce, gna piace
A Ddè, na vodde che le séme vèste
Sta tèrre, e nen ze ne po' fà n'acquèste.

Va mäle, cèrte, a cchi ce s'é 'ttaccate
Gné na sanguàtte... Embéh, l'ha da lassà
La rrobbe e le quatrèine ch'ha 'ssummuàte.

Ggesù, cchiuttòste mitteme a na vànne,
N'de ne scurduà, addo' se po' vedà
Nu ccone de lu Huàste a ll'addre mànne.

(1977)
stralcio da "Lunarie de lu Uaste" - ed. 2002
Il Suocero al Genero
dedicata a J. Del Guercio

Trè vvodde l’hommene va ‘la pascije:
Citele, ‘n giuvendunie e ‘la vicchiàje…
Nen crète ch’aj’ a fa la fissarije
D’aripejà la moje a na jetàje.

Nen cèrte mò mò mò… sarri pretènne!
S’bbrocche a ttèmbe sò la pellastrèlle;
E ‘n Pasche, sènza dirle ca se ndènne,
N’aspètte l’ove, ma nu… picchetèlle.

Pensate a ttènè tanda puparille
E n’ giò l’èréte o lu cchiù cchiù ddù fije…
Ma ndr’a la morre de le pigginille
Une, jènnere mè’ che mm’arsummìje.


bella poesia apparsa nel 1949 sulle pagine dell’Histonium
Lu Huàste nostre
La poesia di Espedito è un vero inno alla propria città. Come una guida turistica, che
nasce dal cuore, il poeta accompagna il lettore attraverso i luoghi della propria terra
natia, magnificando le bellezze di questo vero angolo di paradiso, con il suo panorama,
i suoi angoli incantati, i frutti del mare e della terra, e le sue tradizioni religiose.

T'affécce a ssan Mmichéle, a le Tré Ssigne,
A lu Pualàzze... po' ssanda Lucìjje...
Sanda Necola mé, che pparadìse
Che ffenamonne ma',
Addò se va se va;
Madonna de la Pénne, che 'ngande, che ppace,
Che ggioja da tè,
Oilì, oilà!

E cchi sse po' scurdà lu Huàste bbèlle,
La pescetèlla de lu muàre nostre,
E tté, cambane de sanda Marìja Hrànne,
O tèrre, o mare e ccéle,
Tutte
'm bracc-i-a mmé!

E cche ccullàne de ddiamànde e ppèrle
Lu Truàve, Scaramuzze e Ccungarèlle,
Casarze, la Canale nghe Vvegnòle...
Ma 'ndo' le vì ttruvuà
Cchiù scicche raretà!
E ddoppe la Marine, la donna reggine
De tanda bbeltà,
Oilì oilà!

E cchi sse po' scurdà lu Huàste nostre,
La Maddaléne, ssan Ddurrènze a llate
E tté, Madonna bbella mé da la 'Ngurnate
,
E ssand'Andùnie pure
:
Tutte
'm bracc-i-a mmé!

E dda lu Fuàre schine a lu Huargàne
Che mmare apèrte, lìbbere, spianate...
Te nàzzeche, te porte e tte strasporte:
A Nnovajorche vu',
A Bbonessàire tu,
All'Australie nu', ma ne mmanghe le 'mmìte
Pe lu Quanadà,
Sciò-lì; sciò-là...

Ma chi sse po' scurdà lu Huàste nostre,
Natale e Ppasche e ll'Uteme del ll'anne
,
Lu Légne de la Croce
, e tté, o Spina Sande...
Oh
, tutte tutte tutte.
Tutte 'm bracc
-i-a mmé!
stralcio da "I Quaderni del club «amici di Vasto»" - n. 6 - (Poesie su Vasto raccolte da Giuseppe Pietrocola, dic. 1981)
Lu Luteme de ll'Änne
Nella poesia Espedito pone in risalto un avvenimento molto caro ai vastesi: il Te Deum,
la prèdeche de Fabbrezije e i 365 rintocchi della campana grande di S. Maria Maggiore.
In particolare, quel suono possente che si libera nell’aria e si propaga per tutta la città,
è un suono che s’impara a conoscere sin da bambino e rimane nel cuore per tutta la vita.
Lo sanno molto bene i vastesi che vivono all’estero e in giro per l’Italia e per questo,
nell’episodio raccontato dal poeta vastese, anche ascoltare il suono della campana
solo per telefono, provoca delle forti emozioni.


Don… don… don… sanda Marija mà,
cambana tu de ll’Uteme de ll’ânne…
Mettéve lu tulèfembe a na vânne
Bunâcce [Nicola Bonacci], a la fenèstre… Vu vedà

Ca ‘n gape je po’ cascà, senza sapà,
a cacchedîune!... Je dà lu Cuapedânne…
Ched’hé le “tùcche” quàlle te le mânne
da longhe, schîn a Rràume, pînze, andà

Nghe lu strummuènde ‘m mène apparecchiate
sta don Vettôrie [il Generale Vittorio Giovine]… e ssènde ... Jé la stôrie
de tutte l’ènne, gna m’ha l’ome détte.

Don… don… don… lènde, accadenzàte,
te strùjje l’âneme… Mè, ddon Vettorie
na làcreme je scâppe… zitte zètte


25.12.1983....................................................................................................
P.s.: Screppèlle è un soffice cordone di pasta di pane fritto nell’olio; purtuhâlle è l’arancia; quaggiunuàtte è un ravioletto fritto con ripieni di varia dolcezza.
Vecchia Terre Nostre

Chi tt 'ha dduddate, Tèrre, de ssu céle,
Ddo' core nnammurate e rinnelélle
Se 'ncondre a vvole?...e de ssu mare bbèlle,
Ddo' sonne e pparanzèlle annanze vèle?

E fforze, caggiané!... Sand'lsedore
Je dà na mane per la pertecare;
E n 'addre Sand'Adréja marenare
A cchi va spèrze pe ssu monna fore.

E dda lu mare schine a la Majèlle
Terra sì ttu de cande e dde fatìje...
Massére 'm mèzz'a ll'are che ppascìje:
«Le bbille fè' e jamme, tarandèlle!...»

Lu hrane crèsce, bbone è ppo' lu vine,
Dogge la 'live, Tèrra sci bbendétte,
L'Angele 'n tàvele nghe nnu' s'assétte:
«Avande, furastiére, San Mmartine!»

Se 'ndrecce l'ore gné na ramaiétte
'Nnome de Ddi gna véne, a mmane a mmane;
ma sta chi parte, e sta chi s'allundane:
Lu fije pròdeghe sta Tèrre aspètte.

E scorre l'acche de lu ruvanèlle,
Se porte la bbarchétte de na fronne.
Vèrgene de l'Amore, che n' s'affonne!...
E' la speranze de na cetelélle.
stralcio da "Lunarie de lu Uaste" - ed. 2001
Le mie radici
bella poesia di Espedito pubblicata sul mensile "Vasto Domani" nel luglio del 1985
L’autore ripercorre in versi la sua vita ricordando tutti i suoi “maestri” e
le persone che lo hanno guidato e accompagnato durante il suo cammino.
Tra parentesi sono indicati i nomi delle persone o le opportune indicazioni date dall’autore:

Porto con me radici assai profonde,
che mi alimentano di giorno in giorno:
si chiamano “mia madre” (Angela Marchesani),
“mia prozia” (Serafina Falcone)
suor Ismaele e don Vincenzo (Pomponio). Seguono
Antonucci, Raiani, poi Tupone,
Pietro Mattioli (insegnanti) e quindi don Alfonso (Ricci),
don Romeo (Rucci), don Cesare de Titta,
la giovane docente di francese signorina Bottari
di San Pietro (madre del prof. Luigi Benedetti),
e don Valeri “il professore”, in ordine
l’italo inglese Forever, sincero
ammiratore del Rossetti; aggiungo
don Obletter e padre Zimarino,
Ezio Marino già del nostro Abruzzo,
insigne un dì sul podio della Scala
(mi piace dirlo: e il suo centenario),
i due don Ernesto (Cianci e Del Fra),
poi don Checco (Francesco Anelli)
don Romualdo (Pantini), don Salvatore Pepe,
araldo del Signore per l’Italia
e fuori e, certo ancora, tutto pepe
d’intelligente amore al nostro Vasto.
Mi hanno condotto al vero, al buono, al bello;
al bello sempre, dalle fasce quando,
una Madonna passa in processione
e si sussulta: “Guarda quanto è bella!...”
al gesto ed alla voce di una mamma
Si guarda la Madonna quando è bella
all’alba della vita; e per la vita
si aspetta la bellezza da una donna.
Sono radici queste della terra
semplicemente, della mia terra.
Ed oro m’inginocchio per baciarla.

Proximus Tuus

Se mi vedrai allegro che diverto
me stesso e gli altri per passare il tempo
un po’ diversamente com’è d’uso,
ebbene, sappi, sono il prossimo tuo.

Se mi vedrai mesto, amareggiato
dalle contrarietà dei nostri giorni,
e tu mi guardi a infondermi coraggio,
di più lo sono allora il prossimo tuo.

Se mi vedrai a terra, abbandonato
nel fango della colpa o dell’infamia,
e tu ti chini a porgermi la mano
fra tanta differenza quotidiana,

allora sono tutto il prossimo tuo:
l’udrai da un tocco di resurrezione,
l’udrai tu solo il Cielo che lo suona
in quel momento di bontà d’amore:
tu sei allora il prossimo di Dio.

.............................................poesia apparsa sul mensile "Vasto Domani" - ricordi personali, personaggi e macchiette
.................................................lasciano posto all'intimo che scaturisce dalla fede matura, che s'interroga sul prossimo
......

Una visita al museo Civico

Dove non giunge l’eco del rumore
Degli uomini, remoto al mondo intero
E ne la solitudine de l’ore

Ricorrenti insensibili, il Pensiero
Ne la necropoli marmorea sonda
Tra cippi e steli; interroga nel mero

Vano, dei tempi ne la notte fonda;
Scruta nel cumulo de le memorie;
Ne la sublime apoteosi affonda…

E tra i relitti de l’ardue vittorie
E le vestigie eroiche erra il Pensiero
Sognando nuovi trionfi e nuove glorie
Ne’ conflitti col dèmone Mistero!

..............................................................prima poesia scritta all'età di vent'anni, apparsa sulle colonne de "Il Vastese d'Oltre Oceano"