Poesia e prosa di Vastesi
 
A la Feste de le Campanelle

La feste de San Rocche e campanelle
attire pe' le Uaste le turiste.
Pignate ammistecate a le tielle
de tutte stamatine ajje viste.
Na femmene chiedeve spiegazione.
"Signò ', ce sta cerameche e lu bronze
e lu mazzelle vatte a percussione
se chi le sone è svelte e se nn'arronze."
"Le vujje a prezze bbone e resistente;
pure de terracotte se n 'ze rompe,
ma l'ajja sentì' lisce nche la mane!".
"Allore pijje cheste e va cuntente! "
Na bbotte e da la mane ze ne zompe.
"E mo ' sti rrompe proprie le campane! "





da "il Vastese" - mensile d'info. - n. 9 - sett. 2008
A la Feste de San Rocche

La feste de San Rocche de lu Uaste,
lu chiù famose sante pellegrine
armate de bastone e na visacce,
me fa pensà : la vite è nu cammine
che ze chiude nche quelle che me porte.
Le fote fa rivive lu passate
e tutte le passagge ch'emme fatte:
cagnate la città e vestimente.
E tra le bancarelle de la piazze
m'attire campanelle e pignatelle
de tutte le culure e qualità.
Nen manche per lu pesce le tïèlle
fatte a misure: scejje gna te serve.
Nu ccone de pacienze e vè lu bbelle;
te ferme na bardasce: quanta vale?
"Speciale è chesta mè e lavorate;
toh, pìjjele e cuntente te ne vì
ca te le facce proprie personale! "

da "il Vastese" - mensile d'info. - n. 9 - sett. 2009
A La Spiagge

Le cchiappe so’ ‘mpustate ‘mbacce a ssole sdraiate a nu lettine de la spiagge; m’accresce la culture nche nu sagge ccuscì la coccia mè sta’ sempre ‘n vole.

Quand ‘re bbel le bbell e cuncentrate
nu tumm’e ttumme t’à ‘ttaccate forte
da farme già pensa’ ca me va storte sentirme gné martelle la sunate.

Le ggiuvenette mo de “Vive Vaste” cumenze a da’ le strille pe’ rechiame
a chi vo demagrì’, ma senza fame
e manch’a refiutà’ na bbella paste.

Colpe de cule a destr’ e giravolte
e po’ ssinestre n’ atre e po’ nu zompe,
sta chi se chieche lente pe’ n’ze rompe; s’apenze ca ddù gramme se l’à tolte.

Ma chi s’è mùmesse fore pe’ brehogne attente guarde e piane s’aretorce;
surride a chi va ‘rrete e l’ucchje torce sapenne ca nn’è cchiù na cerevogne.

Chi sta vicin’a mme “S’è propie rutte!”
Me sa ca pe’ la ‘mmidie ggià se schiatte.
De tempe n’a passate e quelle vatte:
nen sente ca le cchiappe me s’è cutte!

stralcio da "Il Vastese", mensile - n. 6 giugno 2005
Aspette lu Natale

Lu Natale, ogn'anne j' l'aspette
e piene de speranze da rinasce.
Annanze a lu presepe me ce mette nche
l'ucchie, mente e core a chi šta 'n fasce.

Gesù te si' veštute come nnu
de carne e osse, puverille tante
e dice surredenne "So' gne vvu!"
Da la terra e lu ciele l'ome cante

e dice grazie piene de speranze.
Ognune porte quelle che po' dà'
a chi gné tte ze trove senza niente;

l'amore almene uje è d'avanze!
Pe' rresse come tte, che s'à da fà'?
N'azione che la gente fa cuntente.










da "il Giornale del Vastese" - n. 13-14 - dic.'11/genn.'12
Barca abbandunate

Abbandunate pe la spiagge e sole
mmezze a ll'indifferenze de la ggente,
che chiù de tutte sente ca je dole,
s'à da difenne quanda fere vente.
Da fore è lucidate e 'ncore sane,
ma dentre té ferite che je coce,
addò nesciune guarde -cosa strane!
e manche sta sentì l'amara voce:
"La vita me è fatte pe lu mare,
però a sabbia asciutte cundannate;
pe me è nu conforte la tempeste
se pure sbatte forte pe fa' male.
Ce soffre ca n'so chiù utilizzate
ma almene l'attenzione me tè deste!"



da "il Vastese", mensile d'info. - n. 3 - marzo 2010
Che Dumilennove!

A lu dumilennove sta la crise
ch 'asseme lu prodotte e la fati.
Lu cape che sta bbone fa surrise:
"Pe' mme nne è nu dramme, diche i '! "

Famijje che n'arrìve a fine mese
gna mejje po' s'arrange e tire 'nnanze.
Leggère tè' la borse de la spese
eppure guarde 'n ciele nghe speranze.

Dall'atte chi sta bone n'ze 'mpressione
e fa rehale bille a chi té' tutte.
Chi penze a fa' sparì ' lu pelletrone

nen guarde a chi dirige e cree guaie.
La sete de giustizie lasse assutte;
ce casche nu potente? A quisse daie!

da "il Vastese", mensile d'info. - n. 2 - febbr. 2009
Chi fa bbene à da sapè'...

Da la Bibbie la Storie è sempre uhuàle:
chiunque fa, a criteche è suggette
da quille che nen fa e che nen vale.
Sarà l'ammidie che s'annide 'n pette?

Lu Re Davide a vinte lu gigante
-Madonne la paure de Golie? -
eppure d'amarezze a viste tante.
E quelle ch 'enne fatte a Geremìe?

'N cambe de lu bene la galere
che isse a suppuriate nche pacienze!
Se penze a Sant' Ignazie n 'pare vere:
cuntente a la prigione pe cuscienze

de fa' servizie a Criste nche l'amore.
A chi nen sa che fa pecche gnurante
faceve aprì la mente e chiù lu core;
ma tutte l'ome viste come sante.

E sempre chi fa bbene a' da sapè'
ca trove lu gnurante che dà pene.
Le sa che po' succede da vide'?
La serpe ch'à 'llevate l'avvelene.

da "il Vastese", mensile d'info. - n. 6 - giugno 2009
E le Stelle sta guardà!

Le stelle che sta 'n cile sta a guardà
lu male che succede a ecche 'n terre.
Chi saje tra le stelle ch'è potente
e pure à cresciute de ricchezze
n' capisce chi patisce a fine mese
ca n 'zaritrove 'n tasche chiù nïènte.
Na mojje ricche e bbelle mo' nn 'avaste.
Ca tutte l'ome guarde a lu potere
e vo' ca fa lu bbene de la ggente
nn 'avaste pe sentirse suddisfatte?
Le solde che J'avanze...
ma quanta puverille po' salva'!
E no!... E lu guadagne de tre mise
de une ch'è mpiegate
le spenne nche na notte tra le rise.
Ce sta le minorenne
che mo' si chiame escort,
e chiù ce vo' nu sfizie ricercate
che po' cuncede sole chi è trans.
Se mette cocaine pe' contorne
po' saje de piacere tra le stelle.
La stelle de Natale j'aspette
se dà na scosse 'n pette;
arrive lu mumente de pensa'?

da "il Vastese", mensile d'info. - n. 6 - giugno 2009
Gnuranze e Cattiverie

Lu male che po' fa' chi è gnurante
nen sempre tu arrisce a mmaginà'.
Se pure cattiverie aggiunge tante
sicure na cundanne vo' manna'.

Capisce l'italiane a mode sé
e pure lu pinzire di chi scrive.
Se tu vu' dubita': "Ueh! Mar' a ttè!

L'intelligenza me è troppe vive
e tenghe n'obiettive troppe grosse;
-te dice nche na voce assà' decise
-se alte vujje i', dentre a nu fosse

vulesse fa' cascà' lu cchiù famose!
Ha fatte tanta bene? È na rise!
Lu studie de ste carte fa caccose!"



da "il Vastese" - mensile d'info. - n. 5 - maggio 2010
La Biciclette

La biciclette è sempre na passione
e 'ncore mo' me piace a pedala'.
Nen facce manca' maie l'occasione
e ferme nu girette a qua e llà.
E pure se pedale 'n cumpagnie
nen sente ma' la vojje a gareggia'.
Ce mette invece sempre la fatìe
pecché le forza mì ajja sfida'.
Lu massime j' facce de lu sforze
ca l'obbiettive a mmente tenghe fisse.
E date che la vite è na corze
l'impegne a lu lavore è le stisse.
È bbelle a guarda' 'n gruppe le cicliste,
ma chi sta 'nnanze tire e si fa lu mazze
e chi va rrete mbece? "Mo' a chiste
j' le sfrutte fin quande nen s'incazze
e lu mumente bbone ajja spetta',
pecchè so' nate mastre de furbizie,
puranche nche n'aiute a surpassa':
è queste lu chiù grosse de le sfizie! ".

da "il Vastese" - mensile d'info. - n. 2 - febbr. 2010
La Colpe è lu dialette

Quanda jave a la scole elementare,
e frequentenne pure chille appresse,
ca tante la canzone è la stesse,
nu giudizie cascave cchiù amare,

riguardave lu scrive' l'italiane
e lu parlà: "La colpe è lu dialette,
ze porte da la case e le piazzette;
'mbrìache une è de pajsane."

Maìstre ancore ujje e prufessure te spare
sta sentenze a riturnelle.
Ma chi vulesse usà' la parlature

gna esce da lu core sane, sane
e va 'nciampenne ca n gne scorre snelle...
la colpe è pe' case l'italiane?

da "Il Vastese" - mensile - n. 2 febbr. 2007
La Mal'azione

Le conseguenze di na mal'azione
le po' capi' soltante chi subisce
ca quille che le fa z'ingrasse bbone,
date ca de cuscinze nen capisce.
Tè mette sott'e e sopre nche la mente
facenne le pinzire a le dispitte
e come à da scuntà' lu patimente:
"A lu mumnete adatte... tu aspitte!"
Lu core te s'arregne di rancore
e fa ca lu pinzire è malamente
videnne de cull'altre sufferenze
ch'avessa suppurtà' a tutte l'ore.
Ma 'rrive la giustizie finalmente?
Pe' quelle che me die l'esperienze...




da "Il Giornale del Vastese"- mensile - n. 3 marzo 2012
La Margherite

Fiurisce tanta bbille margherite
a lu giardine accante de la case;
nu fiore che m'incante, assà' pulite,
che preferische all'altre, quase quase,

Le fùjjiutelle bianche s'incurone
a lu dischette gialle che st'a mmezze.
Cuntente è gna le guarde e fa lu vezze
e la bellezze tutt'a mme le done.

L'ammire pecchè alte te' la cocce
e po' sembra' perciò ch'è presentose,
ma queste nen vo dice ch'è mammocce.
Ze fa 'vvedé' superbe e vanitose.

Na bbotte de lu vente se l'atterre
oppure na pedate che le piste,
dentre de sé tutte le forze serre
e lu candore l'arimette a viste.

Lu bbelle è ca cresce 'n quantità
e fa 'ncazzà' l'amice e le cumpagne.
"L'ammidie 'mbacce a mme à da schiattà'
" le dice surridenne a chi ze lagne.

da "Il Vastese" - mensile - n. 7/8 lu./ago.'06
La Prima fote nche la spose

A riguardà' na vecchi' antica fote,
la prime nche la spose, 'nnamurate,
ricurde e sinteminte mette 'n mote
facenneme vulà' a chela date.

Me sente catturate da chill 'ucchie
gné porte spalancate di lu core
a ddò vulesse n'ntrà' pe' fa' nu mucchie
di quelle ch'è dettate da l'amore.

La vocche s'è bluccate mezz'aperte
'ncantate a nu surrise di dulcezze
ch'avvence di bellezze cile e mare.

Lu bbelle che j'aspette è tante certe
che da la pelle esce cuntentezze.
Na lacrime me preme e parle chiare.






da "Il Vastese" - mensile - n. 2 febbr.'06
La Stangate

Tè sveije a ll'anne nove la stangate
ca ci-à penzate bbone lu guverne.
Prime te penziune à sistemate
e mò t'acconce pure pe l'inverne.
Sinte fredde? Attacchete a lu gasse
oppure la stufette a la currente!
Cunzume? N'te sta ferme, ma v'a spasse!
traminte fi' ddù cunte nche la mente.
La benzine? Lu prezze va le stelle!
E vàttene a l'appede! E la case?
Pure l'imu lu State mò ce Ficche!
Magnà? Poche! De vine nu murzèlle!
Però... nu ristorante, quase quase...
na volte!.. l'ome dice,ca si' ricche!












da"Il Giornale del Vastese"- mensile - n. 4 aprile 2012
La Zappe

Zappave pammadore e la nzalate
a ll'orte na matine a ll'aria fresche.
Me passe nu pinzire pe la mente:
la zappe po' fa' bene a tanta gente!
La terre šta ndurite gné na cogne
e se nen passe acque e manche ossigene
le piante nen po' cresce.
'N cime scappe l'acque e nen v'a fonne
ddò manche lu respire e l'alimente.
La mala ierve, mbece, prepotente
je leve lu respire e libertà;
pe quesse va štrippate e sradicate!
Lu core de la ggente ch'è ndurite
nn'accette né de pace la parole
e dice ca da sole ze vo' šta'.
La cogne s'ha da rompe nche l'amore
e tante de rispette.
Core e terre, soltante se z'ammolle,
permette ca je entre fine abballe
la grazie de la vite che šta dentre.
Nu ccone d'umiltà!
Mbacce a nu presuntuse, oh, me scappe:
chi sciccise... la zappe!

da "Il Vastese" - mensile - n. 7/8 lu./ago. 2010
L'esempie vé da ll'alte

M'hanne 'nsegnate quand'ere uaglione:
"lu belle esempie hi da tené' a mmente
de chi te po' nsegnà' l'educazione:
hi' da guardà chi
št'a lu Parlamente!".

E lu ricorde v'a le deputate
tutte onešte, de deštre o di siništre,
che l'Unità d'Italie à conquistate
e po' la libertà da le fašciste.

Discurse da campiune a lu parlà
a ll'avversarie piene de rispette.
E mo'? a la TV che vu' uardà' !

la compre de le vute e tanta štrille.
E fore? so che esce anninte pette,
foche, prete e mazze, fa scintille!

da "Il Giornale del Vastese" - mensile - n. 4 - genn.'11
L'òmmene à da sparlà'!

Ma quand'è štrane
la nature umane!
Ecche a guardà' chell'albere
ch'à cascate:
le sinte chi z'arecorde le bellezze
e quanta cose bune ch'à dunate.
E quase ca ce piagne!
Nen manche chi tè' gušte
pe tante de faštidie
da ll'ombre e le radice!
"Ah, mo' šta 'n terre e nen me pare vere!"
Ma nu poete de la Grecie antiche
diceve ca è l'òmmene
che sempre à da sparlà'
de chi ormaie à perse lu potere.


da "Il Giornale del Vastese" - mensile - n. 1 - ott.'10
Lu bbelle Capurale

Tene na mojja bbelle che 'n tè diche
e, come l'ome dice, na staccone.
Nu fustacchione isse, proprie fiche
lu capurale addette a ll'istruzione.

Le pozza l'oma mpenne,
n'gna bastave!
E già! Sta mmezze a tante suldatesse
e ch'armanti! Lu sanghe ze scallave
e nnanze a nu surrise nn'è nu fesse!

Le corne je vu' mette, e va bbune!
Che strazie chella morte! Lu curtelle!
E tutte le buscì che va dicenne?

Lu piante disperate! Ce sta une
che ce crede? E queste pure è belle: d'amore le messagge va leggenne!

... da "Il Giornale del Vastese" - mensile - n. 12 - ott.'11
Lu Cellulare

"Prufessò ', me pu' da 'na spiegazione? "
"Dimme, za' Mariannì', so'de mestire.
Pe' case tié a mmente na lezione? "
"None, ma ddò me volde e m'ariggire
me sembre de vide' la ggente pazze.

Sta chi me ride 'mbacce e nen salute
e chi nen m'arisponne e i' m'incazze.

Une parlave sole e se n'è iute
passenne annanze a mme nche cirte geste
de mane e cocce e ze turceve pure! "

"Teneve nu filelle come queste
che scive na da recchie?" - "Sci, me pare.
Chedd'è?... Ma tè bisugne de na cure?"

"Le vu sapé' che è?...Lu cellulare! "

da "il Vastese" - mensile d'info. - n.6 - giugno 2009
Lu Core vatte

Lu core me cumenze a vatte forte
appena vede a te spunta' a lu corse
e pense ca pe' mé è brutta sorte
a stregne stu segrete gnè na morse

da nen pute' spalia' tra tanta gente.
S'arpense ca l'ammidie cove sotte,
me sente allore pure chiù contente
pecché lu file nostre nen s'è rotte.

Lu bene che me vù le legge scritte
passanne tra le prete de le coste
e j le cante tra le cerche fitte

e quanda tra le fiure vaje sole;
e la cicale, che me fa le poste,
l'accorde a la carezze de na viole.







da"Il Vastese" - mensile - n. 7/8 - lu./ag. 2004
Lu Scojje de lu mare

"Me piace quanda durme chete chete
e de lu ciele tì la stessa veste;
tranquille è la terre che sta 'rrete,
de cozze chi va sotte fa na ceste".

Cuntente è lu scojje e dice ancore:
"E quanda m'accarizze nche dulcezze
chiunque vé guardà' te s'annamore
nche la chioma scumposte da la brezze.

Ma quanda tu me strigne tante forte
ca dentre ajja venì', tuccà' lu fanne...!?"
Lu mare j'arrisponne: "Bella sorte
è state date a mme pe' stà' a lu monne

suspinte da passione che i' sente.
Ddò nasce tanta forze i' nne sacce,
perciò lu sfoghe denghe a stu turmente
e po' sembrà' violenze che te facce.

Se a mme nen sempre pinze è amare;
e queste addò le mitte? " "Statte zitte!
Lu scojje n'ze separe da lu mare
secunde lu destine che l'à scritte".

da "Il Vastese" - mensile - n. 10 ott. 2006
Ma chi è ladre?

«Rome! È tutte ladre e pure porche!
E ve le dice une ch'è padane.
Chi à rrubbate je ce vo' la forche!»


Mo ece ca lu ladre nn'è rrumane!

Lu bbelle fijje ch'è chiamate Trote
gn'abba
šte le štupendie a la regione:
fa da bbanche l'auti
šte ch'è devote.
Pure a chi l'ome dice ch'è cujone,
arresce diplomate e laureate!

Ze scopre le partite tante ricche;
case e diamante? à tutte pahate
e offre le vacanze troppe scicche!

Ze scope e po' ze cacce la ramazze
cunvinte ca lu pòpele n'ze 'ncazze!

da "il Giornale del Vastese" - mensile d'info. - n. 5 -maggio 2012
Nen m'è rimaste niente

Soltante nu mumente pè distrujje
quelle che une ha fatte pe' na vite.

La case, lu lavore e na famijje:
na scosse de la terre e tutte crolle.

E mo ' nen m'è rimaste proprie niente
e quelle che me danne e benne accette.

Na tende e na cuperte
m'arpare da lu fredde de la notte.

Nu sorse d'acque e n 'tenghe la dentiere!

Pe' fà' la barbe manche na lamette!

Vulesse legge ' e stenghe senz 'ucchiale.

E m'aritrove nude gna so ' nate
ma se na mane aiute come allore
d'arcumenzà' la vojje nen me manche.

da"Il Vastese" - mensile - n. 5 maggio 2009

Nnanze a lu Crocifisse

Nnanze a lu Crocifisse ngenucchiate
vuleve dialuga' gne don Camille.
"l'amice care m'hanne abbandunate,
me s'arivolte contre quiste e quille

che Tu canusce bone a une a une! "
-"Cuntinue a fa lu bene e nen parla!"
-"M'avesse ditte grazie cacchedune! "
- "Chi fa bene nen s'ha da lamenta! "

-"Ma è lu tradimente che fa male
da parte de l'amiche ch'è chiù care
e chi, senza de me, pe' quanta vale,

nn'avesse cumbinate nu cubbielle!"
- "Vu sta' nche me? Nen t'ha da resse amare
se une fa l'ingrate.
È lu bbelle!"




da
"Il Vastese" - mensile - n. 4 aprile 2010

Nu ccone de
giustizie a le stipendie


«Oh, ce pinze ch'à dette la TV?
L'Italie è nu paese tante ricche
addò lu dirigente le tè alte
lu
štipendie, però lu dipendente
fa la fame, insomme è puverille,
de l'Europe anze è lu chiù povere.»
«Quand'anne cacchedune le
šta dice?»
«Ah, lu guverne ladre!»
« È quessè mo' che c'entre, Nìculì?»
«Ueh, Raffaé, e guarde lu guadagne
de le ministre! Oh, te scappe proprie!
Ma la ricchezze, chi l'à da riparti?»
«Lu guverne! Ce vo' tante a capì!»
«Oh, brave! E nu cunte mo' te facce,
ah? a la femmenile.
Se la ricchezze ntire è uale a cente
e se uttante v'a lu dirigente
e vinte sole v 'a lu dipendente
nen se putesse fa n'aggiu
štamentè?
lu dirigente scegne a ssessantacinche,
pecché ce vo' na differenze,
e lu dipendente nchiane a trentacinche.
Armane sempre cente la ricchezze,
però
šta chiù giuštizie. Nen te pare?»
«E cacchie coma file!
Ma truve chi le fa?»

da "Il Giornale del Vastese" - mensile - n. 4 aprile 2012

Penzenne a lu presepe

Penzenne a lu presepe
Auànne lu presepe m'arifacce
scejjenne a une a une le pasture
che s'à da legge mbacce, i' nné sacce,
l'amore che tè' dentre e cchiù la cure
pe' chella creiature ch'arenasce.

E pure le re mage ch'è putente
e s'inginocchie 'n terre a chi n'tè fasce
vo' dice "Annanze a tté nen so' niènte!".
E n'atte d'umiltà de nu ministre,
puranche de nu sìneche superbe
ch'avess'a fa' a chi nen tè lavore?

Me tocch ' a rassegna ' e queste è triste!
Se guarde a chella pajje o chella jerve
caccose me ze sciojje pe' lu cere.











da "il Vastese" - mensile d'info. - n.12 - dic. 2008
Speranze de lu 2010

A lu dumileddice la speranze
ca lu Paese esce da la crise
e chi putente piene tè la panze
arrenne la fatì a chi da mise
la cinghie a da Stregne pe campa'.
Ce serve la petizione de l'anziane
a fijje e le nepute pe magnà;
ancore la famijje da na mane.
A lu dumileddice la speranze
ch'a stu Paese l'odie à da cessà;
ce vò ca chi sta cape porte nnanze
puliteche de pace tra partite.
Se l'asine z'à messe a litigà
le ceste che sta mezze z'è sfascite.



da "il Vastese" - mensile d'info. - n. 1 - genn. 2010
Tangente nche le Femmene

Ha da resse lu cape chiù potente
che niente è Gheddafe a paragone.
Nu favore? Je tocche la tangente!
ma no a solde, ce vo nu premie bone!

A casa sé ce mette le cenette
tra cante, orchestrine e bunga bunghe;
'n prima file le mejje giuvenette
che spunte coma serve gné le funghe,

de ogne razze sci, ma tenerelle.
A farle divertì' va preparate,
la gonne sempre corte e tutte nere.

Lu guverne? Ce penze pure a quelle
però a tempe perse che vé date.
"Allore chi me purte pe' massere?"

da "il Giornale del Vastese" - mensile - n. 12 - ott. 2011
Tutte pe na fije

"Quanda ne fa na mamme pe na fije"
le dice na canzona popolare.
E quanda fa nu patre de famije
de sacrifice a chi tè tante care.

La fije pe culture e la bellezze,
lu zaine a le spalle e sola sole,
camine addò ci sta la sicurezze.
La case aspette... la paure vole...

Nu file de speranze che nen more
dà forze a le parinte e tanta gente
che le ricerche fa nche tante unore.

L'ucchie fisse a la mamma de l'amore:
"Madonna mè, allumene la mente;
lu core nen supporte stu dulore!"

da "il Giornale del Vastese" - mensile - n.5 - fe. 2011
Vulesse ch'a Natale arefiate

Me facce lu Natale sole quande
lu bambinelle sacce aricanosce
dentre a lu puvurelle che
štà' accante
a lu purtone de la chiese, mosce.

Pe tante de miserie e pe štà' sole.
O quande m'avvicine a chi è trište
e dentre tè lu male che je dole;
e j' dummanne a mme: pecché esište?

Ddò me volte è palle culurate,
luce da vetrine e pe le piazze;
belle e pronte le cešte de rehale.

Vulesse ch'a Natale arefiate
de n'arie ch'è de pace e che sbarazze
lu core da penzire che fa male.

da "il Giornale del Vastese" - n. 13-14 - dic.'11/genn.'12
   

Il Nonno Rodrigo..Cieri, da: "Il Vastese", mensile d'info. del territorio - n. 6 Giugno 2007
   
La Farfalla e la rosa

Liberata dal peso della neve
la rosa si riprende il suo splendore.
Si posa su di lei una farfalla:
«Che bello rivederti!
Quanto mi sei mancata!
La tua bellezza è vita
per l'anima e per gli occhi,
di essa priva non avrebbe senso.
Lasciami un po' di spazio nel tuo cuore,
conosco il tuo profumo e l'amo tanto;
è forte e delicato».
«C'è chi si ferma all'appenza in fiore
e fugge lo sfiorire.
Incompresa mi chiudo nel dolore.
Per il freddo una foglia, è inaridita
».
«Per me ha solo fascino!».
da"Il Giornale del Vastese" - mensile - n. 4 aprile 2012