Poesia e prosa di Vastesi
Luigi Anelli
(Vasto, 20 febbraio 1860 - Vasto, 14 dicembre 1944)
 
A La Mareine
- Jam' a 'sta vanne, oooh!... chi vo' ccattaje!...
mé' è 'rruuéte 'n derre 'stu panare,
vivi vèive, 'gna è 'sci'ute dalu mare,
tutte risciule, sghimmure e palaje!

Sbrihémece, fijjù', ch' avema faje?...
Vujje tre cuppe, uhè, ca nin è care!
- Dece carlëine!
- Sta a ddece, Vaccare!
vujje trende, pi' ddece l'àjja daje?

Vi' a 'stu quarte, cumbà' Cicchipallätte;
ji vujje vindinêuve!... vindisette!...
vindiquattre!...
- Quattòdece li màtte!

- Sta a quattòdece, e vujje vinditràjje!...
vujje vindiune!... vende!... dicissette!...
- Fàrme! Pi' dicissett' arrest' a mmàjje!

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2001
A Sanda Nicheule
Si hiune si ni va a Sanda Nicheule
vaite lu paradeise sopr'a elle:
Trimite, Luciapanne e la Majelle,
e lu mare da Térmul' a Vvigneule.

Sende lu quande di la cambagneule,
chi va pulenne nghi la sarchiitelle;
dill'urtulane la «paisanelle»
trumminde chì st'a ddà l'acch ali reule.

Ma a mmà mi piace cchii pì la rraggiaune
ch'aélle ci javame a ffà a pitrate
cand'ala scheule si facé filaune.

Chell'ere timbi: senza hué ala cocce,
tì ti crideive recche divindate
si nu solde cambav'ala saccocce!

Córe di Mamme (cuore di mamma)
- Povere fèjje mé' gna mi s' è ffatte!...
'n z' aricannasce cchiì, core mé' bbèlle!...
Li fréve, chi da majje mi li vatte,
mi l' à riddìtte gné nu bambinèlle!...

E' ttré jurne chi ni' mmi prove latte,
chi smanijajj' e ppiagne, puvurèlle;
ajje pahìure chi nin gi' aèsce matte,
tande mi féuche 'n gape 'sti cirvèlle!

Madonna mà', ni' mmi ni fèite cchiì!
Piccà mi l'à da fa' tande patèjje?...
fajje la grazie, mé, fajjèle, sì!

Si la salìute m' aridé' a 'stu fèjje,
di mà sì la patràune sole ti;
dèmme: "vatt' a 'nnihà'", mé mi ci abbèjje!
Traduzione:
- Povero figlio mio, come mi s'è ridotto!...
Non si riconosce più, cuore mio bello!...
Le febbri che da maggio me lo fiaccano,
me l'hanno ridotto come un bambinello!...

Son tre giorni che non mi prova il latte,
che delira e piange, poveretto;
ho il timore che non diventi matta,
(dal) tanto che mi arde in testa questo cervello!

Madonna mia, non me ne fido più!
Perché me lo devi (così) tanto far soffrire?...
fagli la grazia, adesso fagliela, orsù!

Se la salute mi restituisci a questo figlio,
di me sei la padrona solo tu; dimmi: "vatti ad annegare", (e da) ora mi ci avvio)!
Fujj' ammëšche
(sonetto scritto nel 1885, che da il titolo alla raccolta)

Du' fujj' ammëšche ájj' accungiat' aèsse,
circh' e ddummanne šta a 'ssa grimbitèlle:
cascëgne, panarazz' e ciucurelle,
cionne di pècher' e hallëine gresse!


Mo' ti ci truve, prùvel' e ppò 'resse'
ca ti piace; la sete, vë', šta aèlle;
assìttete, 'cá, si sso' puvurelle,
pi' lu bbon ghéure doppe ni' mmi pesse!

Vëite can in è rrobba pirlibbate;
è jerve nate senza la sumende,
senz' addacquà', senza nu Patrinnoštre.

Ma canda doppe hune l'á 'ssaggiate,
ala vâcche l'addáure ci li sende
dila mundagne e dilu mare noštre!

Ha date di cule a lu tammule
Così si indica oggi a Vasto il negoziante fallito,
al quale anticamente, veniva rimesso ogni debito, allorché denudato si esponeva al pubblico seduto sulla misura del tommolo,
che sorgeva in mezzo alla piazza dello stesso nome.
Di tale piazza si fa menzione la prima volta
in un Privilegio di Giovanna II, del 26 aprile 1426, che concedeva al Vasto un mercato ogni domenica "da tenersi ne la Piazza del Tommolo"; e la misura in grossa pietra incavata, che ivi si vedeva, fu poi impiegata come vasca della Fontana di Porta Castello.
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2001
Habbalëste (1885)
- Ni' mmi sacce accanâssee la furtiune,
ma 'gne fra' Rrocche nin gi sta lu pare:
'sti 'stà', ali Lame, p' accundarne hiune.
Lu mare nostre sta a sittanandîune,
mònece trendasette, l'amb' è cchiare;
ci chiave sâpre cinghe frangacchîune,
Pi' Nnapele li jeuche aesce a Bbare!...
'N' addra vodde tiné quarandasette;
fra' Rrocche m' avè' date 'n' abbuzzate,
fiure di dì ch' ascèive prim' elette.
Stràtt' ala mene li tinäive l' êuve,
fihîrete 'gna l' àjje caricate:
ve la poste e chi vvè?... vè' vindineuve!...

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2002

Lu Battelle di 'Ssassëine (1930)
- Si pi' mare vu fa' 'na spassiggiate,
sta aècche lu battelle di 'Ssassëine;
e doppe chi vu' i' ala Cavallèine,
«Sirpende» ti ci porte nghi nu fiate!

Ccuscì belle, pulèite e arizilate
'n gi sta 'n addre battelle a 'sta marèine;
pi' càrre 'n gi l'appe nu talifèine:
gne' 'na zèite ti porte siduhate!

'Ssassé'; ni' mi parlaje di battille
nghi 'stu maràune; mi vulisse fa'
magnà' lu quiule da li grangitille?...

Nin gi vinghe pi' mare je massàire,
e la liranne chi t' avrija dà'
mo mi li vajje a vàive a Corve nàire!
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2001 
Lu Dunateive
- Maddemane vi vujje fa magnà'
ma huè, nu soprettàvele 'ngartate:
circh' e ddummanne aècche a mmezze stà: cannule, pastarelle, pignulate...

- Angili, sì' carl
ëine vujje dà'.
- Ti diche jèjje ca ti si' sfurzate!
- Sije e mmezze!
- Ma chi ji vu' pahà',
la huandìre u la carta 'nnargindate?
- Nove carl
ëine.
- A néuve chi l'à màsse?
-Jè!
- Dannate, tè'; pùrtele a Ciarciajje,
ocche si specchie l'ucchie
'm bacce a quàsse.
- Nu coppe!
- Eh, sta a nu coppe: arivì 'rrete!
Sta a nu coppe... nìsciune la risajje?
L' àjja dà?... L' àjja dà'?...
papa... è libbrete!

da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2001 


Lu Tulèfene (in dialetto uaštaréule) - scritta nel 1939 quando a Vasto cominciavano a comparire i primi telefoni. La voce è del contemporaneo poeta vastese Fernando D'annunzio

Mangh' a li chene!
(Nella sagrestia della chiesa di ..., mentre i confratelli indossano i camici per uscire in processione)
- Sanghe di...! ma ci vò' pruprie nu quéure
di bojje Pi' cummatte 'm mezz' a vvî!
Sete cichete 'n ditte? 'n gì vidäite
ch' aècche dändre 'n gì si cape cchii?
Chi s' è vistute già, nghi na sajätte,
si ni pò 'sci' dafêure:
pi' tanda purce aècche la
talle è šträtte!

- 'Štu quàmesce a mä è ccârte, ni' mi va.
- Mèttetle gna vè' vè', nin gi fa case;
cà' n addre, Pi' cagnarle, 'n gi ni sta;
e s' è ccârte, arignùgnece 'ssu nase!

- E lu quàmesce mè'?
- Tu ci mangheve
pi' farme arinnihà' 'n eddre ddu sende:
aviva mini' prëime e li truveve!
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2001
Sande Micchele Prutettaure (1900)
Sand Micchele nostre, sci laudate,
è n'avvucate chi nin de' ogniune:
di canda grazie chi 'i s'è circate,
nin è minute sfalle ma' nisciune!
Si 'ngasimende càpete 'n'annate
'nghi la sacche e li pùvere cafiùne
si piàgnene lu grane sumundate
chi arde nzimbre nghi li tirripiune.
'Bbaste chi 'mbricisiàune l'ome vanne
a ripurlarle, e nin è cchiù nijende!
D'aritrascì a lu Quàrmene nim'banne
'bbone 'ndembe, ca dendr'a nu mumende
si sciojje Gisù Creste li mitanne,
e l'acche, sgiii!.. a piscete di jumende!
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2002

Ti pozzena l'oma tajjà
li racchie gne Robbacipalle
Tra i tanti banditi che le truppe del generale Manhes riuscirono a catturare nella campagna vastese nel principio dell'anno 1810, vi fu pure
il famigerato Saverio Pomponio, il quale, rinchiuso nelle carceri vecchie di S. Maria (oggi Palazzo Mucci), era costretto a subire in santa pace gli insulti che il contadino Michele Molino, "Robbacipalle", non gli risparmiava tutte le volte che capitava a passare dinanzi alla di lui prigione.
Se non che a Pomponio un bel giorno riuscì di evadere e incontrando "Robbacipalle" nel Bosco di Monteodorisio dove era andato a far legna, per rappresaglia gli tagliò le orecchie.
Da ciò l'imprecazione: "Ti pozzena l'oma tajjà
li racchic gne Robbacipalle".