Mestieri Antichi di Vasto:
La Tissitrèce (La Tessitrice)
 

Più che un mestiere era, "dai tempi che Berta filava", un'attività a cui erano di solito dedite in casa le donne.
All'enorme telaio, sotto la guida di mani esperte
(La tessitrice, la
tissitrèce), la lana, il cotone, il lino e la
canapa si trasformavano in lenzuola, tovaglie, asciugamani, coperte, mantelli e vesti per il fabbisogno familiare e per il corredo nuziale delle figlie.

stralcio da "Lunarie de lu Uaste" - ed. 2005

Za' Maria Baccalà, ritratta nella foto a fianco seduta
davanti al suo attrezzo, era molto conosciuta per la sua
attività di tessitrice, che la occupava per buona parte della giornata.
Ah ma' - soleva dirle uno dei figli maschi — stì sembre
aësse a fatijà pe' ssa fëjje. Manghe fusse d'éure.

— lei di rimando: - Ti puzza capetà 'na sócera cchiù
fatijatàre de ma e 'na spéuse ccbiù bbelle de sòrete, fijje me'.





da "Lunarie de lu Ua
šte" - ed. 2006