Mestieri Antichi di Vasto:
Lu Callaràre (Il Calderaio)
 
Di artigiani del rame, calderai e ramai, ce n'erano diversi in città ed erano tutti valentissimi.
Luigi Santarelli, Giacomino Tenaglia, Giuseppe Miscione e Michele Stampone ne sono stati tra gli ultimi in ordine di tempo, prima che questo mestiere scomparisse del tutto.
Michele Stampone, nella foto, intento a lavorare al "cavallo", l'attrezzo di legno sul quale si batteva il rame, aveva bottega alla salita di Sant'Anna e tutto il quartiere scandiva il tempo della giornata al ritmo delle sue martellate sul metallo rosso, che via via prendeva la forma di conche (
cânghe), caldaie (callàre), paioli (caccavèlle) paiolini (callarìlle), bacinelle (vaccéle) caffettiere (ciucculattìre), padelle (cuttìre) manieri, scaldaletti, sui quali con appositi punteruoli incideva poi artistici disegni ornamentali.
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2006

Luigi Santarelli, lu Callaràre
L'artista è nato a Vasto il 17 agosto 1904 e qui ha svolto la sua attività fino alla morte, avvenuta il 12 settembre 1992.
A Vasto di calderai (
callaràre) ce n'erano parecchi.
Uno nei pressi della chiesetta di Sant'Anna (Michele Stampone), uno a Largo de Litis (Giacomino Tenaglia), un altro a Via Canaccio (Giuseppe Miscione detto Musé), uno in Via Roma, oltre che a Luigi Santarelli a Piazza Marconi.
Tutti seduti
sul cavalletto
di legno
a battere,
da mattina
a sera
col martelletto
di legno,
il rame per fare caldai, conche, mestoloni (fuss'rèlle)
ecc.
Certamente Luigi Santarelli si distingueva dagli altri perché realizzava oggetti artistici, ornamentali, piatti e vassoi traforati con vedute di Vasto e riproduzioni floreali, con effigi di noti personaggi. Era un vero cesellatore. Fu premiato in numerosi concorsi e rassegne d'arte.
Un sabato (giorno di mercato cittadino ) tra i tanti curiosi in transito si ferma nella sua bottega un certo Saraceni che si faceva chiamare l'americano per via del fatto che partito da Vasto misero e dolente vi faceva ritorno spesso con i dollari.
Saraceni era rimasto un po' tirchio ed era convinto che qualche dollaro permettesse di comprare moltissimo. Ebbene mister Saraceni con fare tronfio e sicuro dice all'artista Santarelli:
"Ddùmane ariparte pi Neviorch e vulèsse ari'alà a sorme Trisè'ine nu callàre piccà quèlle di mamme sè 'bbuchète..., canda ci ve'?'.
L'artista fa: "Cènd' dòllere... pi' ttà!!"
"Maddè'màne si biviute prèste..., cullì 'mbacce a papar'ille lu furnàre ma dètte cavaste cinquanda dòllere" replica Saraceni.
Pronto Santarelli: "Però,... Sarace'ine, gna ti chième, i' ti ci facce pi'ure lu ritratte a lu fanne di lu callàre, ... accuscé Trise'ine ugne iùrne t'arivaide e ti manne li 'bbinizzi'une".
"M'avaste e avanze lu fèuche chi 'mmaspètte all'àddre manne 'ppi'ccande na'ie fatte sopra 'stà tèrre,... e mè'iie cà l'accatte senza ritratte !".
da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2002
 
 
 
La torre di Bassano (1969) dell'artista vastese Luigi Santarelli, ramaio (lu callaràre)

La conca di rame
Diversa da quella abruzzese, la conca di rame vastese ha un profilo più lineare e meno curvo.
Reca motivi decorativi, un tempo battuti a martello, e veniva portata dalle donne in perfetto equilibrio sul capo, colma d'acqua attinta alla fontana (a la fundàné) della Piazza dinanzi a San Giuseppe.

Bellissimo l'incipit di un famoso sonetto di Luigi Anelli che evoca il suono delle conche sul battuto della fontana che si mescola al vocio delle donne.







da "Lunarie de lu Uašte" - ed. 2002