Macchiette vastesi di Luigi Anelli (1860 - 1944):
Trumminde nanghe (Mentre nevica)

Fèire nu gréche, ma 'ccuscè' ilate,
e di nàive dapù n' ammacche tande,
che n' zi fa bbéune 'n dèrre na pidate
che i va l' addre sapre e l' arimmande.
Soffia un greco (1), ma così gelido,
e di neve poi ne versa tanta,
che non si stampa bene in terra una pedata
che le va l'altra (neve) sopra e la ricopre.
Trumminde li cingìune vè' a vracciate
nu morte pòrten' a lu Quambisande;
ma ogne ddu pass' ann' aritojje fiate:
chi sa si fin' all' ìteme s' ahhuande!
Mentre i grossi fiocchi vengono giù a bracciate,
un morto portano al Camposanto;
ma ogni due passi devono riprendere fiato:
chissà se fino all'ultimo si agguanta! (2)
A lu Ddazie si fàrmene nu qquaune;
ni' ni po' cchiì lu predde, s' è tarmate,
e si va a ssittà' 'mbacce a lu fucàune.

Al Dazio (3) si fermano un poco;
non ne può più il prete, s'è intirizzito,
e va a sedersi accanto al fuocone.
Canda cchiù sta la nàive ve' cchiù ffurte;
ma sàcute lu morte accumbagnate
da li viastàime di li beccamurte!...
Quanto più sta, la neve scende più copiosa;
ma procede il morto, con l'accompagnamento
delle bestemmie dei beccamorti!
(1) Forte e gelido vento di traversia principale: da greco-levante, e cioè proveniente dal mare.
(2) si arriva alla meta cioè fino in fondo. (3) Zona dove una volta ci si doveva fermare per pagare il Dazio; oggi è chiamata Shanghaj.
dal libro di Pino Jubatti - 2003 - Ed. di Radio Vasto - Il Dialetto Vastese
nelle 40"macchiette" di Luigi Anelli, macchietta n. 4 - anno 1887