Macchiette vastesi di Luigi Anelli (1860 - 1944):
Pinz' a la Salìute (Pensa alla Salute)

Jame dicènne: chi tti vu' magnà'?
Minestra niente...carne, ce ne avete?
Stamatèine ci sta poche da fa':
ginuvàis' e rrahì, e ti si' spiccete!
Andiamo dicendo: che ti vuoi mangiare?
Minestra niente...carne, ce ne avete?
Stamattina c'è poco da fare:
genovese e ragù, e ti sei sbrigato!
Sì, genovese; ma prestino sa'.
Damme di tèmbe méne di nu Créte.
...Din, din! 'Sta genovese? Ècchela qua!
(Vi' chi furia frangiàise j' è 'rruuéte!)
Si, genovese; ma prestino, sai.
Dammi il tempo meno di un Credo... (1)
... Din, din! Codesta genovese? Eccola qua!
(Tu guarda che fretta francese gli è arrivata!)
Ma cotesto è ragù, poffareddio!
Nin gi sta addre, arrànget' a èsse 'm bacce!
M'arrangio un corno, io mangio a gusto mio!
Ma codesto è ragù, poffareddio!
Non c'è altro, arrangiati lì vicino!
M'arrangio un corno, io mangio a gusto mio!
Mè, ca è rrahì, lu manne 'n' z' è firnìute:
lu nuciussarie è di 'mbiè' lu quavacce?
'mbè' magne quast' e pinz' a la salìute!
Beh, che è ragù, il mondo non è finito:
il necessario è di riempire il gozzo?
Ebbene, mangia codesto e pensa alla salute!
(1) un pò di tempo.
dal libro di Pino Jubatti - 2003 - Ed. di Radio Vasto - Il Dialetto Vastese
nelle 40"macchiette" di Luigi Anelli, macchietta n. 35 - anno 1892