Macchiette vastesi di Luigi Anelli (1860 - 1944):
Peppisciussce! (Pappataci! (1))

Jè nin zacce lu puccà stu vicinate
sopr' a mmàime n' à da dèice cènd' e hìune;
'n zi li mirde chila fàmmen' adduddate,
tu di fìuse ni' i ni pu' 'ppènne niscìune.
Io non so il perché questo vicinato
su mia moglie ha da dirne cento e una (2);
non se lo merita quella donna piena di doti,
tu di fusi non gliene puoi appendere nessuno (3)
.
E ddumanne jè: n' è 'na purcarè',
a sindèjje nu rummòrmer' accuscè?
stu pajaise è malamènde; si si todd' a ppittinaje,
na è tande di trummènde: mar' a tta, vatt' a nnihaje.
E domando io: non è una porcheria
a sentire un calunniare così?
questo paese è malvagio; se sei stato preso di mira,
ne avrai tanti di tormenti: povero te, vatti ad annegare.
Misci' arréte la furnare dirimbètte,
scimmijènne mi fa: - Màite sta 'mmalate?
- 'Gnorisscèjje, da nu pèzze sta a lu lètte.
- Mbè lu prèdde, mé d' adadd' à ricalate!
Mesi addietro la fornaia dirimpetto,
sogghignando, mi fa: - Tua moglie è malata?
- Signorsì, è da un pezzo che sta a letto.
- Ebbene, il prete adesso da sopra è ridisceso.
J'arispanne jè: - Chi ci sta da dè',
nin zi pé' 'ricungilié' manghe nghi Ddè'?
puvurèlle, chi li saje si sta vodde l'ariccande,
s'à vulute cumbissaje, pura à tta a da rrènne cande?
Gli rispondo io: - Che c'è da ridire,
non si può riconciliare neppure con Dio?
poverina, chi lo sa se stavolta la racconta (4);
si è voluta confessare, pure a te deve rendere conto?
E ma quasse n' è niènde, 'n addre jurne,
acridènnese ca 'ndrasse 'n giuluscèjje,
mi fa hìune: - Pèppisciù', nin prizze curne?
lu furrar' à sadd' a màita Lucèjje!
Ma tutto ciò non è nulla: un altro giorno,
credendosi che io entrassi in gelosia,
mi fa uno: - Peppesciu' non apprezzi corna?
il fabbro è salito da tua moglie Lucia!
Ma tu vèìt' a Ddè', chi s'à da suffrè'!
Lu furrare l'ajje jut' a cchiamà' jè;
ca a lu pische di l'arcatte la mmullatte s'è ffruvéte,
vudd' e vudd' e lu travatte ni' va cchiì né 'nnènz' e 'rréte.
Ma tu guarda a Dio, che si deve soffrire!
Il fabbro sono andato a chiamarlo io; perché alla serratura della credenza la molletta si è consumata, gira e rigira, il ferretto non va (più) né innanzi né indietro.
- Pèppisciussce, va a la case, si', ca màite
à cascate e ca s'è mèzze struppuiéte!
Nghi nu fiate arrèive, trasce, e chi vàite,
ca une stav' annènz' a màime aggiunucchhéte!
- Peppesciusce, corri a casa, che tua moglie
è caduta e si è mezzo storpiata!
Con un fiato arrivo, entro e (che) vedo,
che uno stava dinanzi a mia moglie ginocchioni!
- 'Ddò ti ratte? - Chè? - 'N zi cascate? - Jè?
n'ajje state ma' cchiù mmajje di 'ccuscè'!
- Ch' è ccussì, chi ffa? - Mi pare ca i ti' mmènde tu pìure:
è Frangische lu squarpàre chi mi tojje la misìure!
- Dove hai rotto? - Chi? - Non sei caduta? - Io?
non sono stata mai meglio di così!
- Chi è costui, che fa? - Mi pare che lo vedi tu pure: è Francesco il calzolaio che mi prende le misure!
E d'allàure ch' ajje tuqquate nghi lu dàite
la 'mbamèzie di stu manne, canda vènne
a 'ccundà' bbuscè, arispanne: - Nin gi cràite,
piccà maime nin zi vèste di 'ssi pènne!
E da allora che ho toccato con il dito l'infamia di questo mondo, quando vengono a raccontarmi bugie, rispondo: - Non ci credo perché mia moglie non si veste di codesti panni!
E dapù, ma scè, sènza fa pi' ddè':
gna si faj' a 'ngannà' 'n'òmmen' accuscè?
si mi dinghe 'n' arzilate, càle ggiàvène ci appé'?
sbatte 'n dèrre 'na pidate: - Sindanèll' all' erta stè!
Eppoi, ma sì, senza fare per dire:
come si fa ad ingannare un uomo così?
se mi do una rassettata, quale giovane può starmi pari? batto in terra una pedata: - Sentinella all'erta sto!
(1) Soprannome passato a denominare proverbialmente il marito becco e contento - (Luigi Anelli).
(2) Di maldicenze.
(3) Di chi ha una condotta irreprensibile si dice che su di lui "non vi sono fusi da appendere" - (Luigi Anelli).
(4) Se scampa la morte. (Luigi Anelli)
.
dal libro di Pino Jubatti - 2003 - Ed. di Radio Vasto - Il Dialetto Vastese
nelle 40"macchiette" di Luigi Anelli, macchietta n. 40 - anno 1880