Macchiette vastesi di Luigi Anelli (1860 - 1944):
Lu Muràchele di la Sanda Spèine
(Il Miracolo della Santa Spina)

Sopr' a l' addare tutt'allumunate
sta dispost' a spuppà' la
Sanda Spèine;
e 'tturn' a Ddon Ginnare sta quajjate
di ggende pi' vvidarle da vicèine.
Sopra l'altare tutto illuminato
sta esposta, a sbocciare, la Santa Spina;
e attorno a Don Gennaro (1) sta stipata
la gente per vederla da vicino.
E' 'n' àure che s' aspètt' e 'nà cacciate
che nu fujàure bianghe fine fèine:
brutte sagne, 'n' z' aà la bon' annate,
tè' poca poppe, tè', 'm bacce lu spèine.
E' un'ora che si aspetta e non ha emesso che un fiore bianco, sottile sottile:
brutto segno, non si avrà una buona annata,
chè poco fiore ha lo spino, in faccia.
E ti succét' andanne nu rrubbelle:
chi sclam' a adda vàuce, e chi si tèire
li capèlle...ti fa 'rriccè' la pelle!...
E ti succede, allora, una baraonda:
chi esclama (2) ad alta voce, e chi si strappa
i capelli...ti fa venire la pelle d'oca!...
E 'm mezz' a li lamind' e li suspèire,
accavallanne chili fimminelle,
lu sacrastane nghi la varze ggèire!

E in mezzo ai lamenti e ai sospiri,
scavalcando quelle femminelle (3),
il sagrestano con la borsa gira!
(1) Il nome del canonico.
(2
) sta per grida, urla.
(3) dispregiativo delle donne di chiesa: beghine.
dal libro di Pino Jubatti - 2003 - Ed. di Radio Vasto - Il Dialetto Vastese
nelle 40"macchiette" di Luigi Anelli, macchietta n. 32 - anno 1892