Macchiette vastesi di Luigi Anelli (1860 - 1944):
Morte di Sìbbite (Morte Improvvisa)

Ch' è mmorte? - Rusariìcce! - Com' è mmorte? Di sìbbete, cummà', 'n zalìut' a nnì!
Trumminde jave a spasse for di Porte
casche senza puté' chiama' Ggisì!...
Chi è morto? - Rosariuccia! - E com'è morta?
Di subito' (1), comare, salute a noi!
Nel mentre andava a passeggio fuori Porta,
cade senza poter chiamare Gesù!...
Sopr' a la séte li l' om' ariporte;
lu piand' amare...vàttene cunnì!...
ve' lu médech' e ffa lu musse torte:
s'avé' ggilate, chi puté' fa cchiì?...
Sopra una sedia la riportano
il pianto amaro...vàttene con Dio!...
viene il medico e storce il muso:
si era gelata, che poteva fare più?...
Signore Ddè' a chi mmanne mé stattàime:
canda ma' ti la pinz' è' nu mmalanne,
e doppe nì tande ci prubbalàime.
Signore Iddio, in che mondo stiamo:
quando mai te la pensi hai un malanno,
e poi, noi, tanto ce ne andiamo superbi.
E 'n' gi sta 'ppèlle!... A gruss' e piccinènne,
abbaste chi j' aèsce la cunnanne,
ve' Machinand' e dèice: Jamicènne!
E non c'è appello!...A grandi e piccini,
basta che gli esce la condanna,
viene Machinande (2) e dice: Andiamocene!
(1) improvvisamente.
(2) sta per Morte.
dal libro di Pino Jubatti - 2003 - Ed. di Radio Vasto - Il Dialetto Vastese
nelle 40"macchiette" di Luigi Anelli, macchietta n. 30 - anno 1892