Macchiette vastesi di Luigi Anelli (1860 - 1944):
Mala Langhe (Mala Lingua)

Cand' è minìute ti facé' piatà,
'n diné' manghe camèisce, bene mé'!...
ma a ccón' a ccàune (a ècche pu' cambà')
s' è 'ccumunzat' a ricicilijé'.
Quando è arrivato ti faceva pietà,
non possedeva neanche la camicia, bene mio!.
ma a poco a poco (qui puoi campare)
si è cominciato a rimpannucciare.
Doppe nu màise avé' 'ppuréte già
cand' a lu Uaste ci ni stà di hué;
ca ci stà sembre chi li va a 'nfurmà'
si Ttèzie tè' li corne u ni' li tè'.
Dopo un mese aveva già appurato
quanti ce ne sono, di guai, a Vasto;
che c'è sempre chi lo va ad informare
se Tizio porta le corna o non le porta.
Prèim' a li maccarìune 'n gi affrusciave,
dicé' ca 'n ere bbune e la pulènde,
chi nnì dam' a li purce, l' avvandave.
Prima, i maccheroni non li gradiva,
diceva che non erano buoni, e la polenta,
che noi diamo ai maiali, ci vantava.
Ma mé ci à 'ccumunzate a fa' lu dènde;
l' avisse da vidajje gna li magne,
addre che Cecamàure a la cuquagne!
Ma adesso ci ha cominciato a fare il dente;
lo dovresti vedere come li mangia,
altro che Cecamàure (1) alla cuccagna!
(1) soprannome di ortolano vastese.
dal libro di Pino Jubatti - 2003 - Ed. di Radio Vasto - Il Dialetto Vastese
nelle 40"macchiette" di Luigi Anelli, macchietta n. 33 - anno 1887