Macchiette vastesi di Luigi Anelli (1860 - 1944):
Lu sfulange (Lo sfilaccio)

Cameriere! - Cumande! - Ma che c'è
in mezzo a questo brodo? - ('Na sajatte!)
Nin è nijènde, lu sugnore me',
è nu sfulange di la salvijatte.
Cameriere! - Comandi! - Ma che c'è
in mezzo a questo brodo? - (Un accidente!)
Non è niente, signore mio,
è uno sfilaccio (1) della salvietta.
Cosa?...sfilange?!... - (Uffa! Mo m' arivé
li Crèste 'n gape e li mann' a ffa' fatte!)
Lu sfulange è nu fèile, èsse chi jé;
fèile pulèite 'n' giò 'na cosa vratte.
Cosa?.. .Sfilaccio?! - (Uffa! Adesso mi tornano i Cristi in capo e lo mando a farsi fottere!)
Lo sfilaccio è un filo, ecco che cos'è;
filo pulito non già una cosa sporca.
Ostia, non son poi tanto semplicione!
Lo chiami filo?...è proprio un cencio...a te,
guardalo bene e dimmi se ho ragione!
Ostia, non son poi tanto semplicione!
Lo chiami filo?.. .è proprio un cencio.. .a te, guardalo bene e dimmi se ho ragione!
E' sfilange e no' ciange, jè ci vàite!...
'Ssu bbrèute quattre solde tu mi dé':
ci vu truvà' nu fazzéule di sàite?!...
E' sfilaccio e non cencio, io ci vedo!...
Codesto brodo quattro soldi tu mi dai:
ci vuoi (forse) trovare un fazzoletto di seta?!...
(1) cascame, sfilacciatura.
dal libro di Pino Jubatti - 2003 - Ed. di Radio Vasto - Il Dialetto Vastese
nelle 40"macchiette" di Luigi Anelli, macchietta n. 36 - anno 1892