Macchiette vastesi di Luigi Anelli (1860 - 1944):
Lu quafàune (Il cafone)

Cale lu sàul' arrét' a la Majèlle
e llasse la fatèjje lu quafàune;
si l' arimatte 'n golle lu zappàune,
e s' aribbèjje pi' la vijarèlle.
Tramonta il sole dietro la Majella
e lascia il duro lavoro il cafone;
si mette di nuovo a spalla la zappa, e torna
ad avviarsi per il viottolo che lo porta a casa.
Si i ti' mmènde 'm bacce, té' la pelle
abbruscéte gna fisse nu tuzzàune;
pi' vvèine vàive l' acche di vallàune,
chi l' a 'bbuttate gné nu quaratèlle!
Se lo guardi in faccia, ha la pelle
bruciata come fosse un tizzone;
per vino beve l'acqua di vallone,
che l'ha gonfiato come un barilotto!
Canda sàire s' addorme senza pane;
ma pìure 'n zi lamènd' e ttèir' avande:
qualle ch' à fatte ujje fa dumane!
Quante sere si addormenta senza mangiare; tuttavia, non si lamenta e tira avanti:
quello che ha fatto oggi farà domani!
Esse stasse nin zà cand' è 'mbilèice,
e strascèine lu cùrie fin' a ccande
va a ffaje lu fumìre pi' li cèice!...
Egli stesso non sa quanto sia infelice,
e trascina la sua vita fino a quando
va a fare il letame per i ceci!...(1)
(1)va a finire sottoterra cioè muore.
dal libro di Pino Jubatti - 2003 - Ed. di Radio Vasto - Il Dialetto Vastese
nelle 40"macchiette" di Luigi Anelli, macchietta n. 18 - anno 1891